RECINZIONE n.2 -serie anime-


Rivoluzioni&Rivelazioni
La Rivoluzione di Utena, di BePapas
genere: azione/mistero
target: v.m. 14 anni

La prima metà dei '90, per l'animazione giapponese è stata alquanto scadente. Solo due produzioni, nel mare dei remake per mancanza di idee, hanno saputo donare linfa vitale sia all'aspetto commerciale che alle schiere di otaku.
Bishojo Senshi SailorMoon e Neon Genesis Evangelion sono le serie simbolo degli anni '90.
E queste due serie hanno una figlia, dell'annata 1997/98, la serie televisiva "Utena, la fillette revolutionaire", e le zie potrebbero addirittura essere due opere della Ikeda, Lady Oscar e Caro Fratello...
Utena Tenjo è una ragazza che veste come un uomo, rimasta ammaliata, in tenera età, da un principe misterioso che vuole assolutamente reincontrare. L'anello della Rosa, dono del principe, potrebbe essere un indizio per ritrovare il misterioso giovane. Così Utena si iscrive all'Accademia Othori, prestigiosa scuola dove, a causa dell'anello che porta al dito, viene coinvolta in assurdi duelli a cui partecipano tutti i membri del consiglio studentesco.
Duelli che hanno come obiettivo la conquista di una ragazza, la Sposa della Rosa, al secolo Anthy Himemiya. Utena vince per puro caso un duello contro il rude Saionji, divenendo la fidanzata di Anthy. Da qui in poi tutti gli altri membri del consiglio studentesco, ovvero Toga Kiryu, affascinante kendoka, Juri Arisugawa, caparbia bellezza, Miki Kaoru, giovane studente e altri che si aggiungeranno al gruppo, sfideranno Utena per ottenere la Sposa e il potere che lei nasconde, ovvero la forza per rivoluzionare il mondo.
Tra castelli capovolti nel cielo, illusioni, misteri antichi e relazioni intrecciate, la storia va avanti per altri tre archi narrativi, che vedono, dopo il primo, Utena contro le Rose Nere, personaggi a cui viene donato un potere oscuro, poi ancora contro il consiglio studentesco e infine, l'ultimo arco, che vede la conclusione della storia, con la rivelazione finale, criptica, per un totale di 39 episodi.
Esperimenti visivi, accostamenti di colore, design artistico e assai simbolico, sono il fulcro principale della serie, che va ben oltre cioò che, allo stesso orario di trasmissione giapponese, si era potuto vedere fino al 1997.
Ma, alla fine, cos'è Utena? Un gioco di ombre cinesi, una forma teatrale messa in animazione, una favola gnostica che ha saputo riprendere il meglio dai suoi genitori e che, proprio per questo, non è nè SailorMoon nè Evangelion, ma una produzione a parte, che brilla, e brillerà sempre, di luce propria nel firmamento delle serie animate. Una rivoluzione, come da titolo.

Voto: 9

2 commenti:

  1. TheBlackSwordsman28 dic 2006, 18:27:00

    ...un giorno o l'altro mi toccherà guardarla questa "Utena"...anche se queste cosucce lesbo non è che mi convincano molto...vedremo...

    ...bravo per la recInzione :D

    RispondiElimina
  2. Moz,

    Io questo anime lo conosco solo perchè lessi la recensione su benkio anni fa.
    In ogni caso la tua è un'ottima recinzione che lo colloca perfettamente tra la seconda metà dei 90'.

    Vediamo un pò se un giorno mi avvicinerò all'opera...^^

    RispondiElimina