RECINZIONE n.5 -serie tv-


La verità sta nel mezzo
Malcolm in the Middle, di Linwood Boomer
con Frankie Muniz, Jane Kaczmarek, Brian Cranston
2000-2006

Conosciuto in Italy semplicemente come "Malcolm", questa sitcom è davvero geniale e irriverente, qualità che molte serie strombazzano di avere ma che alla fine pochissime possiedono davvero.
Il protagonista è Malcolm Wilkerson, ragazzino delle medie (poi liceo) dotato di un Q.I. altissimo, spinto dalla famiglia a frequentare una classe di superdotati.
Peccato che si rivelino essere tutti dei disasattati o quasi, emarginati anche mentalmente dal resto del mondo. Ma Malcolm non è così: è un genio, sì, ma normalissimo nelle questioni di vita quotidiana. Forse anche un pò fesso, se un pò fessi lo siamo (stati?) tutti. Perchè ha una famiglia normale, anche troppo, ma anche tanto stramba, anche troppo.
Stramba perchè ogni situazione giornaliera di ordinaria amministrazione è concentrata e portata (quasi) all'eccesso nei 25 minuti di ognuno dei 151 episodi prodotti.
Avete presente le sitcom classiche, con le famiglie (afro e non solo) e i problemi di ogni giorno? Ecco, aggiungete l'irriverenza e il politicamente scorretto, sottraete le (cult ma odiose) risate preregistrate, moltiplicate le scene graffianti&grottesche e non dividete nulla: avrete Malcolm in the Middle e la sua stravagante famiglia.
Hal, il padre, impiegato d'azienda con manie e idiozie di contorno; Lois, la dispotica madre che i figli fanno esaurire; e i pargoli, tutti maschi, tutti con le loro caratteristiche: Francis, ragazzo immaturo mandato alla scuola militare; Reese, tanto prepotente quanto scemo; Dewey, bambino dai comportamenti assurdi ma arguti e Jamie, che arriverà più in là nella serie.
E Malcolm, ovviamente, che si posiziona tra Reese e Dewey, appunto, in the middle.
Telefilm caratterizzato da una leggera continuity che lega tutte le puntate, comunque fruibili benissimo separatamente, e costellata da una miriade di personaggi esuberanti che rendono il serial davvero imperdibile, vincitore di numerosi premi e riconoscimenti, soffiandoli anche a opere come I Simpson -non che ci voglia chissà quanto, ora-.
E' proprio vero: "Life is unfair..."

Voto: 9

10 commenti:

  1. E' uno fra i più bei telefilm ke io abbia mai visto

    RispondiElimina
  2. ke commento nik LOOL

    Comunque molto bello Maclom (ma preferisco Scrubs)

    ...e Moz, hai rotto il cazzo con sto snobbismo verso i Simpson :P

    RispondiElimina
  3. Quoto Arm sui Simpson... smettila di dire che non ti piacciono perchè piacciono a tutti :P

    Di Malcom ho visto una puntata e non mi ha lasciata entusiasta... magari era la puntata sbagliata...

    RispondiElimina
  4. I Simpson sono FINITI, TERMINATI.
    Gli episodi avrei continuato a vederli anche distrattamente, non dico che non mi piacciono solo perchè li vedono tutti (sai quanto cazzo me ne frega), anche io ho i miei episodi cult... ma ho detto BASTA quando , con il film, è uscito il tormentone su SpiderPork.
    OSCENO, ORRENDO, SBAGLIATO.

    Mille volte meglio Futurama.

    South Park è invece proprio un altro pianeta.

    E sulle famiglie americane Malcolm batte anche Griffin e American Dad...

    Life is unfair...

    MikiMoz-

    RispondiElimina
  5. Stò cominciando ad odiare i Simpson, non sò bene quale sia la causa, forse è che devono togliersi dalla scena dopo il film che è uscito recentemente..

    Molto meglio Futurama come ha detto Moz, anche se i Griffin sono di mezzo gradino più alti.

    Moz, South Park è da Stay Vain!

    Malcom X aveva la "X" per simboleggiare il suo rifiuto verso il suo cognome da schiavo, invece il Malcom della TV presto diventerà Malcom C (dove la C stà per Cogl**ne!)

    Aahahahhaha! Stay Vain!
    E tanti saluti a tutti..

    (_!_)

    RispondiElimina
  6. Il tormentone di "Spider-pork" (che può piacere o meno) non cancella i 20 ANNI DI STORIA che hanno fatto i Simpsons nel loro genere (dal 1987).

    Una cosa non esclude tutte le altre.

    Futurama (1999) è molto bello, forse al livello dei Simpson (forse), ma è un loro derivato che si basa sulle stesso tipo di gag e parodie, solo con la variante di personaggi e luoghi.

    Senza i simpson non sarebbe esistito, come non sarebbero esistiti south park (1997) e i griffin (1999), che cmq amo allo stessa maniera.

    Sec me poi è sbagliato paragonare Malcom ai simpson (o altre serie animate) proprio perchè uno è un telefilm, l'altro è un cartone animato.
    E' con gli altri tlefilm e sitcom che si deve fare.

    (Per quanto mi riguarda, pure essendo molto divertente - come ho già detto su - non batte scrubs).

    RispondiElimina
  7. Secondo me, Malcom è un ottima serie, e senza ombra di dubbio si sta facendo largo tra le serie Cult.

    Eppure, io credo che ogni serie abbia i suoi lati piacevoli e quelli meno, naturalemente sempre parlando del cinismo di chi guarda o della strafottenza di chi guarda.

    Io credo che sia i Simpson che Malcom che futurama, abbiano dei che caratteristici.

    Onestamente Malcom lo guardo quasi mai, però devo ammettere è avanti ;)

    RispondiElimina
  8. Semplicemente, Malcolm già si è fatto strada, e guadagnato quanto più possibile, perchè la serie è finita. Sette stagioni, mai un calo di tono, mai senza idee graffianti (le due puntate di oggi sono state GENIALI e sono della quinta serie).

    I Simpson si sono ammosciati un casino, ho detto che ho i miei episodi cult (tipo quello con Mulder e Scully di X-Files...). Purtroppo continueranno ad ammosciarsi, dato che non possono nemmeno smettere visto il contratto firmato...per altre numerose serie!

    Nulla da dire sull'innovazione che i Simpson hanno dato (e senza dei quali non esisterebbero gli altri).
    Ma non deve essere certo il metro di giudizio per tutto quello che viene dopo.

    Altrimenti davvero dovremmo "pesare" tutti i tf dal 1990 ad oggi in base a Twin Peaks (innovazione e passaggio dai 70's e 80's).

    Ultima cosa: non ho accostato Malcolm ai Simpson per lanciare frecciatine gratuite: è vero che Malcolm ha vinto dei premi nella medesima categoria dell'opera di Groening, battendo appunto Homer & co.

    Quindi? La vita è ingiusta davvero?

    MikiMoz

    RispondiElimina
  9. Sì la vita spesso è ingiusta,(tra l'altro sarebbe impossibile la vita senza l'ingiustizia e la differenza).

    Eppure dipende sempre appunto da chi guarda le serie da coinvolto assai o meno. Oppure super partes.

    RispondiElimina
  10. A me piace molto di più futurama rispetto ai simpson :)

    RispondiElimina