Misto Unico - capitolo 1

Premessa: ho deciso di scrivere una storia, a puntate, qui sul PopCorner. E' una storia senza alcuna struttura, non ha una trama già decisa nè uno schema da (poter) seguire. La scriverò man mano, si svilupperà da sola, in qualche modo. Non so nemmeno io dove deve arrivare nè cosa deve dire esattamente. E' come un esperimento, una cosa decisa di getto, proprio poco fa, quando ero in treno. I treni devono avere qualche potere misterioso, mi sa. Se vi può far piacere, leggete "Misto Unico". Altrimenti saltate pure senza paura: ovviamente non vi perdete niente!






MISTO UNICO
- un dramma cazzaro in tot parti -


1) "All Right"

Grida. Delle grida isteriche arrivavano da un villino, anonimo in mezzo agli altri villini, anonimi anch'essi nel loro biancore ingrigito che quel giorno era anche il colore del cielo.
Potevano provenire da qualche tv, quelle grida. A giudicare da quanti padelloni bianchi si vedevano svettare sui tetti. E invece no, non era la tv.
- Senti, se vuoi litigare, fatti passare questa idea.
Una voce calma dal tono menefreghista giungeva dal divano.
- Ecco lo vedi? LO VEDI?
- Ma lo vedo cosa? Ecco, ecco! Le mie palle stanno cominciando a girare.
- TU NON CAPISCI! NON PUOI FARE IL TUO COMODO!
- Ines cara - proseguì l'uomo, - ti dico che non ho voglia di discutere. Sono stanco, sono appena tornato da una giornata massacrante. Se ti sono tornate, non prendertela con me, per piacere.
Probabilmente il modo pacato con cui queste parole venivano pronunciate faceva indisporre ancora di più Ines.
- MA CHI CREDI DI ESSERE? EH?
- ossignoredidio. Non!...voglio!...discutere! Lo capisci? So che i litigi sono cose comuni e in un certo senso obbligati in una coppia, anche terapeutici. Ma IO non voglio. Lo capisci, vero?
Ines ammutolì.
- Lo capisci che non voglio sorbirmi queste paranoie?
Ines tornò alla carica.
- TU LE CONSIDERI STRONZATE!! LO VEDI?
La sua voce pareva aver fatto tremare anche i piatti in ceramica adagiati sul caminetto, quelli vicino alla riproduzione della statuetta dell'Oscar.
- Aaaahhh - fece lui, come fa chi si è rotto le palle, - stai ricominciando? Senti, facciamo così: tu hai voglia di litigare per sfogarti. Io non ho nessuna voglia nè di litigare con te nè di stare a sentire le tue stronzate. Siamo una coppia libera, no? Esci, va' da qualche parte, sparisci.
- IO... - cominciò lei quasi piangendo, - se esco... non torno più!
- Come credi. Mi mancherai, giuro. Ma me ne farò una ragione. Certo che quando mi chiederanno "perchè Ines se n'è andata?" io cosa devo rispondere? "eh, sai, non avevo voglia di litigare con lei..."!! Ma ti rendi conto? No, dico, ti rendi conto?
- ...tu...
- Ines, quando tu hai voglia di litigare significa che è successo qualcosa. E siccome fino a ieri sera eri tutta contenta, significa che questo qualcosa è successo stamattina.
Lei ci pensò un attimo. Poi corse ad abbracciarlo sul divano, gettandosi piangendo nelle sue braccia.
- Su, calmati piccola. Dimmi tutto...
- Ha telefonato - disse lei singhiozzando, - quella...quella strega...
- Lo immaginavo. Ti fa sempre andar male la giornata. Ma ora è tutto ok, vedrai. Ripeti con me: "è tutto ok".
- E'...è tutto ok - ripetè Ines asciugandosi le lacrime.
- Brava, piccola. E' tutto ok. Olrait.
- Olrait.
- Sei un genio, piccola. Sai anche l'inglese.
Alzandole il viso bagnato, la baciò appassionatamente.
- Tutto bene... olrait.
continua...

11 commenti:

  1. Veramente niente male :D

    Aspetto i successivi capitoli, mi raccomando scrivi è__é

    RispondiElimina
  2. Cos'è?
    Una mia "giornata tipo" con mia madre?

    Solo che di solito non finisce cosi bene.

    RispondiElimina
  3. Mi sono rotto le palle di leggere neanke arrivato a mezzo post.
    Bel lavoro moz MDm

    RispondiElimina
  4. Umm..

    Voglio vedere la seconda parte per farmi un Idea. :)

    RispondiElimina
  5. Mi è piaciuto, mi farà piacere molto leggere il resto; Moz caro è davvero okappa ;)

    Chiya

    RispondiElimina
  6. Uhmm...Mi ricorda un pezzo di Pulp Fiction, quello fra Bruce Willis e la sua compagna...Quello dell'orologio...Come dici? Non c'entra niente? Lo so. Ma se mi ricorda Tarantino vuol dire che mi piace!

    @Arm: non resisto, te lo devo chiedere: ma tua madre alla fine corre sul divano ad abbracciarti a dirti che ha telefonato una strega? LOL

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutti innanzitutto^^

    Cristina, sai che mentre scrivevo il pezzo finale, in cui Ines smette di essere nevrotica e parla come una scema, mi veniva in mente proprio la grande Fabianne di Pulp Fiction?
    E' logico che il mio film preferito avesse creato in me degli archetipi che ora escono fuori, perchè ripeto, ho scritto tutto di getto, senza alcuna premeditazione^^

    Miki-

    RispondiElimina
  8. @cris:
    al posto di "olrait" finisce con "fachiù"

    :P

    RispondiElimina
  9. Mi piace... potresti innagurare un nuovo genere, la "pulp-ture" (pulp-literature)... pensaci... è meglio di tanta merda che leggo nelle librerie, aspetto il seguito.

    RispondiElimina
  10. La persona che ha chiamato era la suocera? La capisco poverina :/

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Maira cosa sei andata a pescare?? :)
      Ahaha, sì... era la suocera! E MistoUnico potrebbe essere il prossimo video che gireremo coi miei amici^^

      Moz-

      Elimina