Misto Unico - capitolo 3

Ecco la terza puntata di Misto Unico. Credo che qui ci sia molto Tarantino e molto Preacher. Spero vi piaccia. Anche ora cambiano le carte in tavola, ma vi assicuro che presto tutto si ricollegherà, e non è escluso che ci siano già degli indizi. Grazie a tutti per le critiche e i complimenti, cerco sempre di fare del mio meglio! I primi due capitoli sono appena sotto!


3) Virgin Piña Colada
- Che cavolo ci hai messo, brutto idiota?
- Uh? – domandò il barista cadendo dalle nuvole.
- Pezzo di merda, ti avevo detto che il cocktail lo volevo senza alcool!
- Mi sarò sbagliato, ora te lo rifaccio.
- Ti sei sbagliato il cazzo che t’incula, brutto scemo! Sai che cosa mi succede se prendo alcool? MUOIO pezzo di merda! Bye bye, adios, hasta tua madre, cesso! VADO AL CAMPOSANTO! Ma tu questo non lo capisci vero? NON LO CAPISCI!
Il barista avrebbe voluto sparire. Via verso un altro pianeta. Oltre la galassia di Pegaso. Se esiste una galassia di Pegaso, ovviamente.
- Era meglio se dietro al bancone ci mettevano quello storpio di tuo fratello! Lui lo sa che con l’alcool mi si buca lo stomaco come le mani di qualche santo!
- Mi dispiace! Dai, ora te lo rifaccio doppio, e gratis!
- Non è questo il punto, dio scalzo nella valle dei chiodi! Il punto è che tu, gran barista dei miei coglioni, stavi per uccidermi!
- Sem’pee e’ageato amigoh! - intervenne una voce alle spalle del bevitore.
- Sei arrivato. Esagerato un cavolo! Tuo fratello mi ha messo rum nel cocktail! Dovresti starci tu qui dietro, Maicol!
- Mioh f’atello ce’te vo’te ha la te’ta tah le ‘uvole!- Cazzo, ci vuole una laurea apposita in interpretariato per capire quello che dici, Maicol.
- “certe volte mio fratello ha la testa tra le nuvole” - ripetè il barista, mentre shakerava il Piña Colada facendo finta di ballare la musichetta latinoamericana nel bar deserto.
- Avevo capito perfettamente, genio! Era per fare una battuta stronza. E credimi se ti dico che faccio più fatica a comprendere te che tuo fratello.
- Eccoti il doppio, senza alcool!
- Bah! – l’uomo cominciò a bere, poi si rivolse a Maicol, - allora gringo, siamo pronti?
- C’i ‘uoi ‘commetere!- Perfetto gringo, così ti voglio! Storpio ma cazzuto!
- Siem’pee ‘isto, amigoh!- Siempre Listo, certo! - annuì sorridendo, scolandosi la schiuma dal bicchiere.
- La cassetta di sicurezza è la numero 345. E’ di un certo Mr. Milton, qualche gentleman inglese del cazzo. Lì c’è quello che dobbiamo prendere. Né la 344 né la 346 e manco la fottuta 873. La 345, capito, gringo?
- Tu’to ‘otto con’rollo, amigoh!- Siamo pronti allora, gringo. Possiamo andare, per mezzogiorno dobbiamo stare lì.
L’uomo lasciò sul bancone 8 e 99 in monetine. Il barista guardava suo fratello uscire dal locale, prese i soldi e li mise nella cassa. Anche se aveva detto che il cocktail era gratis. Non era stato proprio onesto.
- Cazzo non andare, Maicol! Sei finito storpio per una cazzata come questa! – ma non lo disse: lo pensò soltanto. Un bravo fratello maggiore.
Il pensiero lo impegnò per tre minuti. Forse la coscienza spingeva troppo, e pompava più del cuore.
Forse si sentiva in dovere di fare qualcosa. Ma cosa?
Poco dopo, un cartellino era appeso sulla porta del locale.
Due ragazzi passarono di lì per prendere un aperitivo.
- cavolo, ma da quando in qua è chiuso il mercoledì mattina?
- avrà cambiato giorno di chiusura, lo stronzo. Andiamo in centro.
continua...

5 commenti:

  1. LOL

    Si, c'è molto T. e P.

    Aspetto la continuazione e la foto del fratello storpio!

    RispondiElimina
  2. Questo è meglio dei primi due.

    RispondiElimina
  3. LOOOL Miki!!!

    Sto pezzo è proprio n'garbato! :O ti prego continua con sti dialoghi qua!!!(Ps: Rimediare P.)

    RispondiElimina
  4. Sempre più Tarantino...Alè!
    Questo incipit merita un plauso già solo per le due espressioni "mi si buca lo stomaco come le mani di certi santi" e "dio scalzo in una valle di chiodi"!!!
    Applauso!
    :)

    RispondiElimina
  5. Grazie a tutti guys 'n' gals!

    Sicuramente questi personaggi torneranno in scena, e parleranno così sempre, però anche gli altri devono tornare. Ma se vi piacciono questi discorsi, non temete, che tanto i vari gruppi si contamineranno :p

    Moz-

    RispondiElimina