in (p)arte Moz


A volte mi chiedo una cosa.
Chissà come appaio io agli occhi degli altri.
Io non inteso come Miki, ma
come Moz, nel senso del Miki che vive sulla rete.
Quanti di voi pensano che Miki vero
sia diverso da Moz?
A volte mi chiedo questa cosa.
*
Consapevole del fatto che virtualmente
ci sono dei filtri, che nella vita reale non
esistono, o non dovrebbero esistere.
Ma credo che Miki sia Moz, MikiMoz, così
senza alcuna maschera.
Qui dico e faccio le medesime cose che
dico e faccio nella vita reale.
Forse solo chi tra voi mi conosce bene
nella vita reale, può confermare.
Oppure smentire, facendomi comprendere
che, in fondo, mi sto sbagliando.
*
Ma allora cos'è Miki, e cos'è Moz?
Chi è Miki, e chi è Moz?
Non mi sento di dire che sono due facce della stessa moneta,
ingranaggio di un sistema binario infinito.
Miki e Moz sono uguali?
Io direi di sì. Ripeto, forse mi sbaglio.
Però mi sento di dire: sì.
*
Miki e Moz, MikiMoz, hanno dormito entrambi fino a tardi, oggi.
Perchè si sono stancati molto, ieri.
Miki e Moz, MikiMoz, stanno scrivendo un post sul blog, ora.
Stanno per mangiare i tortellini con la panna, tra poco.
E sono già tristi per il primo giovedì senza Distretto di Polizia, stasera.
*
*
"cercando un altro me,
non vedo più la fine...
cercando dentro di me
un lento fiume che corre..."
(Imparerò, Litfiba 1996)

22 commenti:

  1. Aaaaah ecco! Ora si spiegano quelle domande ambigue di ieri sera! XD
    Scherzi a parte, Miki o Moz che sia, io ti voglio bene lo stesso! Anzi, diciamo che voglio bene sia a Miki che a Moz, così non si creano invidie e gelosie tra voi due! XD
    A chi lo dici, anche io sono in modalità tristezza per il primo giovedì senza distretto ç__ç
    Aaaaaaaaaawww..i tortellini con la pannaaaaaaa *___*

    RispondiElimina
  2. Io conosco in parte miki e in parte moz, ma Credo di Conoscere MikiMoz.

    Inoltre non penso sia un discorso di recite o maschere, in fin dei conti penso che a volte si parli di "mettere da parte" dei nostri aspetti(non lati) in base ai contesti.

    Credo che te sei Mikimoz e basta. :)

    RispondiElimina
  3. Balle! Sei diversissimo. Qua fai fin troppo l'elegantone e il profetico :D
    Ma è normale. E neanche conta, grazie al cielo. Dovesse contare io sarei la stronza che se la tira che tutti quelli che NON mi conoscono sostengono che io sia.
    Sticazzi.

    Oh nevica tantissimo e sto andando a lezione.

    RispondiElimina
  4. Paolo, grazie per il commento, e hai fatto bene a distinguere, sennò si scatenava un conflitto interno XD
    Per Distretto mo dobbiamo aspettare settembre...uff...^^

    Tony, è vero, io non mi sento di recitare. Io faccio tutto alla sun light, non ho nulla da nascondere.
    Aspetta che cancello i filmini con le drag queen... :p

    Lorenza, non parlavo del blog, ma parlavo di vita vera e vita virtuale.
    Il blog ha una impostazione tematica che cerco di mantenere, ma anche questo comunque sono io :)

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Miki, non credo che sia questione di recitare. Come diceva Pirandello, la vita è come un grande palcoscenico, dove ognuno recita la sua parte e indossa una maschera diversa a seconda dell'occasione.
    Tutti siamo uno, nessuno e centomila.
    Ma...Ma io credo che il virtuale ti dia la possibilità di indossare ulteriori maschere, non devi nemmeno salire sul palcoscenico e stare davanti al pubblico.
    Io credo che tu sia Mikimoz, ma che sia più Miki quando vuoi e più Moz quando vuoi...
    E la cosa che mi preoccupa è che a volte sei solo Moz...-_-

    RispondiElimina
  6. Ma che senso ha dire "vita virtuale"? Mica esiste, la vita virtuale... non dovrebbe neanche esserci la necessità di distinguere... diosanto che cosa triste e inquietante :D
    Ti spiegherò meglio :)

    RispondiElimina
  7. Beh sono una delle persone che ti conosce di meno, non solo di persona ma anche sul web, ma concordo con Cris perchè credo tu sia la stessa persona in due, hai un pò di te sia in Miki che in Moz. Quando si dice indossare una maschera non significa per forza fingere, potrebbere essere solo un modo per far uscire fuori una parte del proprio carattere in una determinata circostanza. In genere chi indossa maschere per fingere di essere qualcun'altro deve fare molta fatica a non lasciare intravedere il suo vero io, ma alla fine, prima o poi la maschera cade irremediabilmente dal viso.

    Chiya

    RispondiElimina
  8. Cris: il problema è che il Moz che dici è comunque Miki, e te lo assicuro. Significa che ci sono cose di me che ti preoccupano XD

    Lorenza: lo penso anche io... eppure forse non tutti credono sia così, la cosa.
    Io sono, nella "vita virtuale", passami il concetto, così come nella "vita reale". Identico^^

    Chiya: so che non si tratta di fingere, ma appunto io non è che qui (inteso sempre come "vita virtuale, passami il concetto #2^^)sia diverso dalla "vita reale". Qui non mi sento più libero di dire o fare cose, io mi sento libero SEMPRE (almeno credo^^)

    Moz-

    RispondiElimina
  9. @Miki: infatti! Ci sono delle cose di te che mi preoccupano...Per esempio che a volte prevale il Moz che è in te...
    Lo so che in ognuno di noi c'è tanta complessità, io per prima amo Pirandello con il suo "uno, nessuno e centomila". E questo vuol dire che sei Mikimoz. Ma non so perchè, a volte tenti a far prevalere Moz su Miki...Come se questo fosse fatto razionalmente. E ci credo che nella vita di tutti i giorni sei così, non avrei alcun motivo di dubitare.

    @Lorenza: non ti conosco, ma la penso esattamente come te. Il virtuale ormai da tempo è luogo sociale e non c'è differenza fra virtuale e sociale.

    RispondiElimina
  10. Cris, ma il Moz che prevale è comunque Miki. Prima che il mio nick fosse "Moz", quella parte di me (che poi non ho capito quale sia...) già esisteva. Non è nata certo con il mio ingresso nella "vita virtuale" (mi si perdoni ancora l'infelice concetto, perchè anhce io la penso come te e Lorenza...)
    Se prevalgono i miei difetti, non è che io lo voglia... anzi.
    Però significa che ne ho molti, e l'unica cosa che posso fare è cercare di migliorare poco a poco...
    Però finora non ho mai ucciso nessuno :p

    Miki-

    RispondiElimina
  11. Cubacris, sciabbendetto. Ecco! Le persone che distinguono tra virtuale e reale sono le stesse che hanno poca vita reale e molta (troppa?) vita virtuale. Insomma, poveracci. Sono i ragazzini che vanno alle Colonne (Milano) con la divisa che c'hanno sulla foto del profilo per fare il loro personalissimo show tra simili e sentirsi tutti più accettati e ricchi d'identità. Insomma, poveracci. Ma nemmeno, ripensandoci. Sono ragazzini, sono fasi. Io dovrei starmi solo che zitta, ché c'ho una casistica di blog-mania abbastanza rilevante, ma voglio dire, mi sarei anche rotta le palle, a una certa, di preoccuparmi di cosa scrivo e chi lo legge e come sembra. Tanto cosa scrivo, chi lo legge e cosa sembra, rimane lì. Per fortuna cosa faccio, chi frequento, cosa è è non solo un altro paio di maniche, ma proprio una camicia diversa.
    Beata la gente che c'ha da stare appresso alla "vita virtuale", sostanzialmente. Beatissima. Graziaddio quando schiatterò non mi verrà in mente quanto figa sono stata "su internet" e quante belle cose mi dicevano e quante belle foto c'avevo, mi verrà in mente ben altro, che col computer ha molto poco a che fare.

    Mi si perdoni lo sproloquio irrazionale, è domenica e non ho dormito un cazzo :)

    RispondiElimina
  12. Per quanto mi riguarda, io conosco 4 versioni in costante upgrade!

    1) Moz: Colui che mi ha dato non poche opportunità di esprimere i miei pensieri e sensazioni in ogni discussione sollevata (buona o cattiva che sia) e che concretizza ogni mia forma d'arte. Tutto ciò che artisticamente può esistere nel blog gioca tutto per mezzo di lui e nella sua concezione.

    2) Miki: l'amico dal Daiquiri facile e delle serate indimenticabili in compagnia, tra il poker di un mercoledì sera piovoso e le chiacchierate in macchina fino a restare in riserva.
    Quello che torna dopo tanto tempo e che non ha mai troppe buone notizie e che tornando a casa ne trova sempre di cattive nuove.

    3) MikiMoz: la nemesi dell'ordinario, l'anima del blog dove stò scrivendo, per certi senso uno che stà rivoluzionando il concetto di tempo e del mio "tempo di avere tempo".

    4) Michele: Una splendida persona che ha la capacità di ascoltarmi e consigliarmi, tendere sempre la mano, una persona che mi manca troppo e che non vedo l'ora di riabbracciare.

    RispondiElimina
  13. Una cosa è certa..sei un divertente amleto!xD skerzuuu..:P beh..c'è chi indossa maschere nella vita reale o virtuale..ehehe..urge cantare.."Mascherina"..popopopo..ti conoscooo mascherinaaa...ehehe..
    "Il vero io è quello che tu sei, non quello che hanno fatto di te" ipse dixit.
    ...ho una crisi d' identità...chi sono?!?!Ladykant..ladykappa..kansas
    ..cipollina..pinklady...missQ..black mamba..bah..ci penserò un pò su..ihihi...mi complimento per le tue scelte culinarie..tortellini con la pannaaaa!*.*
    ...comunque sii sempre te stesso..e chi ti ama ti segua..e chi no chissenefrega!xD (questa è mia..ihih)
    buon lunedì..waaa stavo scrivendo buona domenica...>.<
    baciuzzoli piovosi:*
    Anas*

    RispondiElimina
  14. Sandro: ammazza oh, mi ami davvero^^
    A parte scherzi, spero di tornare presto (e te lo dice Miki, Moz, Michele, MikiMoz, MikiLuxuria -la mia prossima identità quando andrò a Casablanca-) così possiamo berci un... no, un daiquiri no... facciamo un Geccheccoca^^

    Anas: anche io infatti penso che chi mi ama mi accetta per quello che sono, anche se avessi dei lati negativi (che sicuramente ho e che non corrispondono purtroppo al "Moz", perchè non è una cosa netta e Moz non esiste solo con quel nome... sarebbe fin troppo facile XD)

    Moz-

    RispondiElimina
  15. Io penso che il Moz in chat faccia il figo, mentre il Miki nella vita reale sia un babbeo.





    Scherzo ovviamente =P
    Comunque credo che in chat non traspaiano MOLTI degli aspetti che ci caratterizzano, proprio per motivi materiali... "fisici"

    RispondiElimina
  16. Questo è un argomento molto interessante e come concetto del gioco delle parti, sarei e sono d'accordo con Cris, Pirandello ci ha trasmesso tantissimo in questo senso, ogni persona, ognuno di noi è Uno nessuno e centomila. Sono i molteplici aspetti del nostro carattere, le mille sfaccettature della nostra personalità. Ma credo che ciò vada inteso non soltanto applicato al concetto di vita virtuale (concedetemi il termine), anche se generalmente questa amplifica la moltitudine di 'maschere' che possono essere utilizzate, bensì alla vita in toto. In ogni caso, a parte le piccole strambellerie, i piccoli accenti posti sulla personalità, a cui la rete ci porta, donando un illusorio senso di protezione, che porta a lasciarsi andare io credo e spero che di fondo (ma anche da cima^^) ognuno di noi possa rimanere sè stesso. In fin dei conti, portare una maschera, come diceva Chiya, è pesante e prima o poi essa tende a cadere, quindi intessendo rapporti con gli altri, cadremmo prima o poi in trappola...tutto questo è applicabile anche alla famigerata vita virtuale....quindi tanto vale essere sè stessi e farsi apprezzare o disprezzare per ciò che siamo, almeno sarà tutto merito o demerito nostro^^
    Mary

    RispondiElimina
  17. Poi è anche vero ciò che ha detto Arm (specie la parte iniziale:p ^^ scherzo Miki^^), ovvero che in rete capita alcuni aspetti o piccole sfaccettature, non traspaggano o magari vengano fraintesi o maltrasmessi. Dato che la netiquette è molto più rigida e formale di quella applicabile ad una conversazione intrapresa di persona, in cui, per esempio, il tono della voce, oltre a quello della discussione hanno moltissima importanza e mutano sensibilmente l'impressione che si può trasmettere. Essendo la rete più ristretta e ricca di deficit in questo senso, può capitare che mentre noi siamo noi stessi, agli altri giunga comunque un messaggio 'falsato' di ciò che siamo, quindi malgrado le intenzioni vi possono essere comunque ostacoli.
    Mary

    RispondiElimina
  18. Arm, ma è chiaro... internet è sempre un filtro... purtroppo è così. E sono un babbeo anche in rete :p

    Mary: è vero che certi aspetti non appaiono, e che altri possono apparire sfalsati, però io credo che il margine di errore sia basso, nella valutazione di una persona SOLO sulla rete. Magari ti può apparire PIU' o MENO qualcosa, ma quel qualcosa è parte di quella persona.

    Se sono snob, bravo, sessista, classista, genio, stupido, ignorante... la rete può al massimo farmi sembrare più o meno snob, più o meno bravo, ecc...
    La caratteristica non si perde, a meno che una persona non finga completamente facendosi passare per altro...

    Moz-

    RispondiElimina
  19. Si in tal senso concordo con te, è questione di fingere o meno. Chi è sè stesso, in qualche modo riuscirà a 'trasmettersi' agli altri ma i filtri sono comunque importanti fattori da tenere in considerazione.
    Mary

    RispondiElimina
  20. Non vedo l'ora di conoscere MikiLuxuria!!!!*_*

    RispondiElimina
  21. Non lo so, però il Moz di prima mi sembrava scrivesse con meno filtri rispetto ad oggi, sbaglio, errata percezione? Non so :)

    RispondiElimina
  22. @Nuvola: guarda, non so che dirti... forse semplicemente lo stile iniziale era più asciutto e quindi diretto, ora è forse più ridondante.
    Però proprio per questo, per tornare ai post "senza filtro" leggeri e veloci, sta per nascere una nuova etichetta :)

    Moz-

    RispondiElimina