...e il terzo giorno è resuscitato secondo le scritture


E non è salito al Cielo, e non siede alla destra, alla sinistra, o al centro del Padre.
Questa catastrofe potrà portare molti ad interrogarsi sull'annosa questione dell'esistenza di Dio.
Dio esiste? E se esiste, comanda tutto lui? E se comanda tutto lui, allora anche lui ha voluto il terremoto? Ha voluto tutti quei morti?
E se non è opera sua, perchè lui fa solo del Bene, ma il terremoto è opera della Natura, significa che Dio è inferiore alla Natura stessa? Quindi non è davvero onnipotente? Oppure non esiste proprio?
*
Beh, sapete che io ho battuto persino Gesù, nella gara alla resurrezione?
Sì, perchè, tra le vittime del cataclisma c'è una persona col mio cognome, che è pure mia concittadina pugliese. Aggiungete il fatto che anche io avevo a che fare con L'Aquila, per studio e vicinanza, moltiplicate le voci di paese... e sono stato morto un paio di giorni.
Purtroppo non è così per tutte le quasi trecento vittime. Non risorgeranno.
Non risorgeranno presto nemmeno le case rase al suolo, e nemmeno San Silvio può fare i miracoli, anche se li promette, abbracciando vecchiette col casco da pompiere in testa.
*
Ma magari la Fede aiuta, almeno un po', chissà.
Forse è meglio avere Fede in un Dio che crea l'uomo con fango e sputo, piuttosto che avere Fede nell'uomo, che mangia miliardi sui palazzi costruiti sempre con gli stessi materiali.
*
Questo post è dedicato a tutti coloro che hanno perso la vita nella tragedia abruzzese, agli sfollati, agli amici e parenti delle vittime.
In particolare, lo dedico a Rossella Ranalletta, che conoscevo di persona.
La foto che vedete qui sopra me l'ha scattata lei.

9 commenti:

  1. Come Atlante che sostenne il Mondo sulle spalle, anche noi forse, dovremmo tentare di capire COSA sosteniamo, oppure NON pensarci.

    La cosa certa è che noi comunque camminiamo rispetto al Titano.

    RispondiElimina
  2. Oh... di questa cosa non me ne avevi parlato... ti abbraccio forte...

    RispondiElimina
  3. (Premetto per chi non mi conosce che sono ateo)

    Solo una cosa, ogni catastrofe o è opera diretta di Dio mirata all'annientamento parziale o totale del genere umano (vedi diluvio universale)

    o

    È una prova che a cui il Sommo ci sottopone per dimostrare la nostra fede in lui. (vedi Giobbe)

    Ogni atto che non è diretta opera dell'uomo è diretta opera di Dio.

    RispondiElimina
  4. Caro Moz, ti sono vicino in questo momento così particolare.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  5. Moz, ti rinnovo il piacere non soltanto nel ritrovarti sano e salvo ma anche pronto a ricominciare anche vitualmente a dialogare e, consentimi, con un post intelligente e profondo.
    Davanti a tragedie di tale portata, specie se opera della natura, siamo portati a tali interrogativi. C'è chi dice che tali azioni malvagie siano opera della controparte maligna del Signore ossia il diavolo e con questo 'scusano e schivano' la responsabilità che i credenti potrebbero altresì attribuire al Sommo. Oppure si indica la natura come unica responsabile (quando questa ribellione non sia stata spinta e provocata dalle azioni dell'Uomo, altrimenti la responsabilità è da ripartirsi), escludendo quindi a priori la possibilità di una figura Superiore. A questo rispondere è pressochè impossibile ed è bene che ognuno abbia le proprie personali risposte ma davanti a tanto dolore, tanta disperazione alcuni tipi di risposte, se vi sono dei responabili oggettivi, devono esserci. Il fatto è che in Italia si gioca tantissimo alla ruolette russa, sopratutto con la vita degli altri. "Perchè investire, impiegare tanti fondi per rispettare norme antisismiche, quando vi è la possibilità che il terremoto non si verifichi più da queste parti?!?" Ed ecco che la natura, a volte anche a distanza di anni, dona una bella tiratina d'orecchie a colui/coloro che hanno sfidato la sua autorità in merito! Ed ora tutti con il capo cosparso di cenere....ma dove saranno andati a finire quei benedetti fondi?!? In quale paradiso fiscale o quale panfilo o villone avranno permesso di acquistare?!? Eh quante domande, siamo sempre troppo curiosi!!!
    La cosa che come sempre fa più imbestialire è che non si rischia mai del proprio, così che quando viene il turno di qualcun'altro o chissà quanti altri, la pistola potrebbe risultare carica...-_-
    Mary

    RispondiElimina
  6. ..Dio o non Dio..ora restano solo macerie e vittime..
    ti sono vicina..
    un bacio
    Anas*

    RispondiElimina
  7. Buon primo maggio Miki!:-)
    un bacione:*
    Anas*

    RispondiElimina
  8. Non scrivi più?o.O va tto ok?
    buona serata e buon inizio settimana!:P
    Anas*

    RispondiElimina
  9. Per me è più importante la tua di resurrezione. Sono stata sollevata dal sapere che non ti era successo niente di grave, anche se il dolore per la perdita di una persona che conoscevi è comunque un grave danno.
    Quello più famoso, che dicono che resuscitò dopo tre giorni, ormai non mi impressiona più da decenni!:P

    RispondiElimina