°Quando sarà...

"Stringila prima che il vento se la porti via,
abbracciala prima che il buio la spazzi.
Abbracciami, sento freddo al cuore senza di te,
tutto brucia sulla loro pelle..."
(Electrica Danza, Litfiba 1984)


Non sapere da che parte andare, da che parte stare.
In una notte senza sonno ho guardato indietro e ho visto tutte le cose che ho perso.
Alcune volutamente, alcune per colpa di altri.
Purtroppo io sono un tipo che impara solo quando è il momento.
Sono in grado di sfruttare ogni attimo che la vita mi pone davanti, ma imparo davvero solo quando è il momento giusto.
Avrei potuto finire di studiare già da qualche anno, avrei potuto stare insieme a qualcuno.
Avrei potuto, ma non l'ho fatto.
Non chiedetemi il perchè.


Il perchè è che non sono ancora pronto per alcune cose.
Forse lo sarò, forse già vorrei esserlo.
Sono immaturo, lasciatemi crescere.
Arriverà anche il mio momento, no?
Intanto, in una notte senza sonno, mi sono seduto sulla riva del fiume e ho visto passare l'ennesima barca. La corrente la spingeva veloce, lontano.
Forse è per questo che da un po' vado in piscina, per allenarmi.
Allenarmi a nuotare, così magari potrò, stavolta, raggiungere quella barca.
Poi però, in altre notti, mi chiedo: ma non sono io il padrone del porticciolo?
Non sono io quello che noleggia le imbarcazioni alla gente?


6 commenti:

  1. Bene, siamo passati dall'autostrada alla capitaneria di porto! ahahah :D

    Mi pare di capire che si tratta di un altro post facente parte delle relazioni interpersonali tra chi viene e chi va.

    "Non sapere da che parte andare, da che parte stare"

    Credo che non sai chi inseguire e -se- inseguire.

    "Sono in grado di sfruttare ogni attimo che la vita mi pone davanti, ma imparo davvero solo quando è il momento giusto"

    La cosa importante è imparare senza condizionamneti, a qualunque costo, anche "perdendo" gli altri.

    Non posso fare a meno di citare il mio grande amico François il quale sostiene: "Ci sono dei momenti in cui si ha l'occasione di fare la cosa giusta. Gran bei momenti, adoro salutarli e lasciarmeli alle spalle"

    /---/

    "ho visto passare l'ennesima barca. La corrente la spingeva veloce, lontano.
    Forse è per questo che da un po' vado in piscina, per allenarmi"


    Bè andar in piscina può essere utile in caso di naufragio in alta marea. Ma a nuoto penso che è difficile raggiungere "la barca" e poi quasi sempre è sempre piena. E' uno Sforzo decisamente inutile. Quindi conviene tornare sempre alla propria.

    "Poi però, in altre notti, mi chiedo: ma non sono io il padrone del porticciolo?
    Non sono io quello che noleggia le imbarcazioni alla gente?"

    Guarda, il discorso del nocchiere di porto, con montgomery e sciarpa rossa con pipa opzionale, è un discorso particolare.

    Ho conosciuto gente che era un pò "il guru" di tutti, riusciva a stare bene con tutti e faceva un pò "il nocchiere" con il suo porticciolo, ma al contempo rimaneva da solo. Probabilmente esiste una determinata inclinazione o natura in questa malinconica solitudine, dove tutto diventa rareffatto solo quando ci si sposta con gli altri.

    Quindi intuisci la conclusione(ancora una volta) del mio discorso: che sia autostrada o palafitta(autogrill) il discorso non cambia...Devi munire la tua barca(o nave) di cannoni e devi solcare il mare tempestoso delle relazioni umane, scannonando e massacrando, ove necessario ciò che risulta un ostacolante per te stesso, altrimenti è sempre una fuga nella baia.

    RispondiElimina
  2. Sulla questione della piscina la penso come Yami, in più se la barca dovesse affondare fa sempre comodo sapersela cavare, finchè non arrivano i soccorsi.

    Per il discorso del noleggio non sono sicura di aver compreso il tuo pensiero Michelozzo...Saresti il padrone del porticciolo che da a chi desidera una barca e quindi un aiuto? Avresti "potere" su qualcosa perchè le barche debbono essere restituite o essere quello che fornisce le barche perchè la gente scivoli via veloce anche senza far ritorno (uhm pessimo per gli affari), o è molto più semplice e sono io che mi sto facendo p***e mentali?
    Bacio
    Chiya

    RispondiElimina
  3. @Tawnye (col tuo avatar, ti chiamerò così...^^)

    "Bene, siamo passati dall'autostrada alla capitaneria di porto! ahahah :D

    Mi pare di capire che si tratta di un altro post facente parte delle relazioni interpersonali tra chi viene e chi va."

    Già, è cambiata la metafora... cmq è vero, è un post abbastanza personale.

    "Credo che non sai chi inseguire e -se- inseguire."

    No, stavolta so bene se farlo e con chi farlo ;)

    "La cosa importante è imparare senza condizionamneti, a qualunque costo, anche "perdendo" gli altri."

    E' vero, ma quando hai imparato la lezione e hai già perso molto, è inutile credo dover imparare le stesse cose e perdere ancora le persone...
    Cmq grande, la citazione!!

    "
    Bè andar in piscina può essere utile in caso di naufragio in alta marea. Ma a nuoto penso che è difficile raggiungere "la barca" e poi quasi sempre è sempre piena. E' uno Sforzo decisamente inutile. Quindi conviene tornare sempre alla propria."

    Beh, io credo che il posto per te ci sia sempre, in una nave con la tua prenotazione ma su cui non ti sei imbarcato...:p


    "Guarda, il discorso del nocchiere di porto, con montgomery e sciarpa rossa con pipa opzionale, è un discorso particolare.

    Ho conosciuto gente che era un pò "il guru" di tutti, riusciva a stare bene con tutti e faceva un pò "il nocchiere" con il suo porticciolo, ma al contempo rimaneva da solo. Probabilmente esiste una determinata inclinazione o natura in questa malinconica solitudine, dove tutto diventa rareffatto solo quando ci si sposta con gli altri.

    Quindi intuisci la conclusione(ancora una volta) del mio discorso: che sia autostrada o palafitta(autogrill) il discorso non cambia...Devi munire la tua barca(o nave) di cannoni e devi solcare il mare tempestoso delle relazioni umane, scannonando e massacrando, ove necessario ciò che risulta un ostacolante per te stesso, altrimenti è sempre una fuga nella baia.
    "

    sai che non sono proprio d'accordo, ma ti giuro che l'hai spiegata bene e in maniera esaustiva.
    Comunque i cannoni ce li ho, e forse, hai ragione, è il caso che sparino...

    @Chiya:
    "Sulla questione della piscina la penso come Yami, in più se la barca dovesse affondare fa sempre comodo sapersela cavare, finchè non arrivano i soccorsi.

    Per il discorso del noleggio non sono sicura di aver compreso il tuo pensiero Michelozzo...Saresti il padrone del porticciolo che da a chi desidera una barca e quindi un aiuto? Avresti "potere" su qualcosa perchè le barche debbono essere restituite o essere quello che fornisce le barche perchè la gente scivoli via veloce anche senza far ritorno (uhm pessimo per gli affari), o è molto più semplice e sono io che mi sto facendo p***e mentali?
    Bacio
    Chiya"

    Intendevo dire... mmh, mettiamola con un'altra metafora "da mezzo di trasporto"... sai quando si dice "perdere il treno"?
    Ecco, magari di treni ne ho persi tanti, ma può darsi che io sia il padrone della stazione, dove i treni sostano sempre e comunque e "°quando sarà...", cioè, quando sarò pronto, potrò salire a bordo.
    Perchè non penso di aver perso treni per sempre... ecco^^

    Moz-

    RispondiElimina
  4. Tutti imparano al momento giusto. Chi dice di imparare prima non dice la verità. Tutti perdono delle occasioni, delle cose e delle persone. E' la vita. E' come un puzzle che si compone nel tempo.

    P.S.: ogni tanto torno...purtroppo tra salute e sfighe varie sono un po' assente.

    RispondiElimina
  5. Buuuuuuuuuu!xD
    Un pò di SPAM..vedi e senti s eti piace,..uahauah..

    http://www.youtube.com/watch?v=J5CRZHo3AuU

    vadu a studiareeeeeeeeee..buona giornata xD
    Anas*

    RispondiElimina
  6. @Cris: anche io la penso così... si impara quando è il momento. Anche quando è troppo tardi, si è imparato qualcosa per quando non sarà più troppo tardi.

    @Anas: ciao!
    Sì, non è male... non li conoscevo!

    Buona giornata anche a te !

    Moz-

    RispondiElimina