°Cinque punto Otto, Sei punto Tre...

"calce, cemento, voti,
palazzi, cemento, voti,
calce, cemento, voti,
voti, voti, voti,
'o terremoto!"
(Dimmi il Nome Live '09, Piero Pelù 2009)

Un anno fa era passata, da qualche minuto, la domenica.
Un anno fa Miki era con due amici, stava vedendo un filmetto spensierato.
Un anno fa, di colpo, tremarono un po' le loro poltrone.
"Ma perchè tutte queste scosse?", si chiesero i tre ragazzi.
"Chissà, -scherzarono- magari stanno facendo degli strani esperimenti ai laboratori del Gran Sasso!"
Poi il filmetto finì. Erano le due di notte.
Tornarono a casa.

Ma un anno fa, alle due di notte, Miki non andò dritto a letto.
Si mise a completare un disegno, ma solo per un po', solo fino a quando la stanchezza non gli ordinò la ninna-o. Quel disegno non lo completò mai del tutto.
Un anno fa, a letto, Miki ci andò alle 2.30 circa.
Un anno fa, dopo un'ora, qualcosa esplose sotto terra.
Un serpente, il kundalini, la potenza.
Tremò la terra, un anno fa.
Miki si svegliò di colpo. Dio lo stava scuotendo.
Poi niente. Silenzio.

Posò il piede a terra e si rese conto che molti dei suoi libri, dei suoi fumetti, molti dei suoi oggettini... erano sparsi sul pavimento. Una mensola era andata, completamente.
A pochi, pochissimi chilometri da lui, però, furono meno fortunati.
Ma nè Miki nè qualcun altro di quelli che incontrò subito dopo per strada, nei bar, in auto, lo sapevano ancora.
Solo le luci dell'alba svelarono la triste verità.
E cominciò il vero casino.
Nottate in auto, scosse fortissime, pasti consumati velocemente, docce fatte ancora più velocemente. I morti, i morti che conosci.
E la paura, e gli sciacalli, e i deficienti che mettono la popolazione nel panico.
E gli speculatori, e la gente a caccia di voti, e la gente a caccia di soldi, e la gente a caccia di soldi e di voti.

Un anno fa, il sei aprile duemilanove, si creò un momento.
Un momento che ha segnato un prima e un dopo.
Non tutti, purtroppo, sono stati fortunati, non tutti han potuto vederlo, ma un dopo, cazzo, (r)esiste.



3 commenti:

  1. In questi giorni ho rivisto le immagini di un anno fa..e della situazione attuale..quello che è successo è terribile..molti non ci sono più..molti non hanno più un passato..molti sono ancora in albergo..il centro storico sembra rimasto lo stesso..macerie..spero che anche lì la vita ricominci presto..
    un bacio e buonanotte
    Anas*

    RispondiElimina
  2. Forse l'unica cosa importante è la parola finale di questo post, il resto non ha ragione di essere commentato per ovvii motivi, sarebbe puro sofismo.

    RispondiElimina
  3. Mi ricordo del post che feci subito dopo un anno fa e della foto che mettesti e della dedica. E mi ricordo degli amici che erano lì, che si sono salvatie che, per fortuna, saluto ancora oggi...
    Chiya

    RispondiElimina