> stagioni

Ti direi "hai ancora
voglia di nuotare in questo mare?"
Aspettiamo l'aurora,
quando i più bei frutti saranno di tutti...
(Vivere il Mio Tempo, Litfiba 1999)

                                                                       POST A PAROLACCIA ZERO

Viviamo in un Paese dove ognuna delle quattro stagioni sembra ricalcare in pieno quel cliché impresso nell'immaginario collettivo.
Per fortuna.
Ora siamo in inverno, e dalla mia finestra sto vedendo metri cubi di neve. Un paesaggio bellissimo, un quadro di Bruegel.
Ma è anche vero che spesso sogno il ritorno del caldo.
Intendiamoci: amo la neve, come sapete. E amo l'inverno. Semplicemente mi capita di pensare ad una stagione quando ne sto vivendo un'altra. Per inciso, d'estate, magari camminando sulla battigia in un tardo pomeriggio mentre tramonta el sol sulla playa, mi capita di pensare alla neve.

Amo tutte le stagioni.
Amo tutte le stagioni, adesso.
Perché, fino a qualche tempo fa, la primavera non mi piaceva molto.
Invece poi l'ho riscoperta e l'ho amata, esattamente come amo gli altri tre periodi.

Della primavera amo l'odore nuovo.
L'arrivo dei primi gelati, dell'atteso revival Algida annuale, delle giornate che vanno allungandosi e riscaldandosi.
Le prime passeggiate, fino a che non cala la sera portando il freddo della notte.
Le domeniche passate in campagna, ora ricca di fiori e colori.
I ragazzi che cominciano ad uscire per strada a tirar calci al pallone, il rumore delle pallonate contro le saracinesche che simulano le porte di un campo sportivo.
Le letture dell'episodio inedito di Diabolik ai giardini.

Dell'estate amo... tutto.
Il poter andare tranquillamente al mare, in montagna, al fiume, al bosco. In piscina all'aperto.
La luce fortissima del giorno. Quella luce che ti fa chiudere le persiane all'ora di pranzo, quella luce abbagliante che profuma di dolciastro.
Il silenzio di quegli orari. Un silenzio da deserto, il silenzio dove puoi udire solo voci lontane o qualche televisore acceso su un tg che sta dando l'ennesima notizia manipolata, magari proprio sull'estate di quest'anno, che è sempre la più calda dopo tot anni. E già tanti anziani sono morti per il caldo.

Dell'autunno amo le sfumature.
Marrone, giallo, ocra, arancio, rossastro.
Coa si può avere di meglio?
Il marrone, il giallo, l'ocra, l'arancione e il rossastro col cielo terso. Ecco cosa.
E quando il cielo non è limpido ed azzurro, arrivano le prime piogge, l'aria elettrica, il grigio.
I rivoli delle gocce che scivolano sulla tua finestra, mentre stai facendo merenda con pane e Nutella e guardi la nuova stagione di un qualche programma.
Perché riprende tutto: la scuola, l'università, il lavoro (quando c'è), la vita. Le giornate si accorciano e si torna agli hobbies di sempre: il nuoto, il calcio, il basket.
Il catechismo, il pianoforte, le arti marziali, il corso di cucito magari.
E, il tutto, lo si fa con l'iniziale rinnovato vigore (anche lo studio!), che poi scema poco a poco specie quando stai declinando qualche termine in greco antico e fuori piove e allora pensi all'estate.
O all'inverno dove, si spera, nevicherà e quindi la declinazione se la suona e se la canta il professore con la scuola chiusa.

L'inverno. L'adesso.
Dell'inverno amo la luce.
Ce n'è tantissima.
Il Natale.
Poi, la neve.
Il freddo.
E tutto ciò che la neve e il freddo comportano.
Le cene con gli amici, le serate nei pub a provare nuove birre e scambiare quattro chiacchiere.

Quel che amo di ogni stagione è che ogni stagione è diversa e uguale.
Quando ne stai vivendo una, ti capita di pensare sempre ad altro.
E le stagioni passano, come l'acqua fresca che d'estate è ristoro, d'autunno è un brivido, d'inverno è ghiaccio e in primavera è frizzante. E con le stagioni passano la vita e gli amori, sempre diversi e sempre uguali.
Ora ristoro, ora brividi, ora ghiaccio, ora frizzanti.
Non ci sono più le mezze stagioni.

> PANINO DELLA QUINTA STAGIONE
- panino morbido tipo pagnottella;
- due bastoncini di merluzzo fritti;
- salsa Moz st.5*;
- due fette di pomodoro;
- insalata.
Dopo aver cotto i bastoncini di pesce, adagiarli sul panino dove avete già spalmato la salsa Moz st.5 e aggiunto il pomodoro e l'insalata.
*Per preparare la salsa Moz st.5 occorrono due cucchiaini di maionese, mezzo cucchiaino di origano, mezzo cucchiaino di carota tritata finemente e una punta di senape. Amalgamare il tutto.


15 commenti:

  1. Credo che questa sera abbia letto il post più bello del tuo blog, almeno per quello che riguarda i miei gusti.

    Devo dire che fino all'estate scorsa, ho odiato l'estate, poi invece avendo vissuta una delle estati più belle della mia vita, mi son ricreduto.

    Ora, diciamo che il clima e il meteo lo conosco perché lo studio da autodidatta, quindi non mi stupisco quando dicono che l'estate dell'anno x è la più calda degli ultimi 50 anni, ma vivo le stagioni in modo forse diverso da te, più da tecnico che da spensierato, ma mi piace ugualmente.

    Ho vissuto finora l'inverno più nevoso e gelido che io ricordi, e devo dire che ho veramente avuto voglia di rivivere l'estate subito, il mare, la spiaggia, dormire senza coperte con il ventilatore...piccole cose che apprezzi proprio quando, come hai detto tu, non ti ci trovi.

    Ma poi il bello è, che il clima sta entrando in un nuovo ciclo, per cui le stagioni non saranno più come le ricordiamo noi, muteranno, e spero che le si apprezzino ugualmente.

    Ispy

    RispondiElimina
  2. Mi ricorda la cucina di Nord See *.* ...c'era il pesce con queste salsine..gnam gnam xD Farei un viaggio solo per pranzare nuovamente lì..ehehe..:P ..molto bella la descrizione delle stagioni..:D
    un bacione
    Anastasia (non ho fatto il login..sono in pausa al corso :P)

    RispondiElimina
  3. un post senza parolaccia è uno strano post.......specie quando l'ultima parola che ho letto - tua - è "cazzi suoi"! XD

    questo post è molto bello, Ispy ha ragione: io amo molto l'estate e l'autunno - dipenderà forse dal fatto che sono nata in settembre - ma anche la primavera mi piace.
    invece l'inverno non mi è mai piaciuto. ERA mai piaciuto, perchè da quest'anno l'inverno mi piace: non è che non mi piacesse l'inverno, fondamentalmente mi piace per tutti i motivi che hai elencato, ma non piacendomi il freddo intenso, il gelo, il ghiaccio - appunto - aspettavo con ansia e preoccupazione questa stagione...
    adesso che mi piace il freddo, ed ho imparato ad apprezzare anche quello gelido, che ti entra dentro, devo dire che l'inverno mi piace!

    ieri sera, anzi ieri notte - erano le due - dopo una serata trascorsa insieme ad una delle mie più care amiche (una di passaggio in Sicilia, ovvio) abbiamo chiuso la bella serata passeggiando fuori, al freddo e al gelo, appunto....ed è stato bello. freddo, ma bello!

    è così...ogni cosa ha il suo tempo sotto al cielo.
    ogni stagione va vissuta fino in fondo, per quello che è, senza cercare di evitarne l'essenza.
    perchè la vita e breve, e finchè sono viva, voglio "vivere il mio tempo".......

    RispondiElimina
  4. @Scarlett: hai scritto veramente delle cose belle. Anche io sono nato in Settembre, e fin quando frequentavo la scuola questo mese mi è stato sempre sullo stomaco. ^^

    Settembre l'ho vissuto sempre come 'il cappello dell'inverno' essendo io un appassionato sfegatato della stagione invernale, per il freddo e la neve, che quest'anno mi hanno dato la nausea come non mai visto che fuori è ancora tutto innevato e ghiacciato, ma come ho scritto nel commento, ho imparato ad apprezzare tutte le stagioni, cosa che prima non era così.
    Io amo la furia della natura, quella sì che mi diverte: alluvioni, tornado, uragani, tempeste, mareggiate...sono un amante di queste calamità, e forse anche per questo che studio i manuali di meteorologia da quasi dieci anni.

    Bellissima la frase: 'E' così...ogni cosa ha il suo tempo sotto al cielo.' Questa me la segno, non so se è una citazione o è veramente roba tua, ma è veramente così; Pezzali direbbe: 'e tutto va, come deve andare...'

    Le stagioni purtroppo non sono più come una volta, forse la frase fatta per eccellenza è: 'non ci sono più le quattro stagioni' e credo sia la frase fatta più veritiera che esista. Le quattro stagioni non ci sono più, i media ci mettono in testa che la colpa è dell'uomo, dell'effetto serra bla bla bla...invece non è così per nulla. La climatologia ci insegna che la Terra ha vissuto diversi tipi di clima intervallati da 'capitoli' di milioni di anni come le ere glaciali, infatti il ciclo è più o meno questo: era glaciale -era interglaciale - era solare (optimum) - piccola era glaciale (1200-1800 d.C.) era interglaciale - era glaciale e così via....
    Precisamente ora noi ci troviamo alla conclusione del ciclo interglaciale che dura più o meno 13.000 anni, ebbene, il prossimo passo climatico è verso la glaciazione. Ma è un discorso fitto e impervio, che richiederebbe tecnicismi cui Miki non ama leggere perché non li capisce (XD) allora rimaniamo così, coscienti del fatto che in realtà la Terra va verso una glaciazione effettiva e non verso un riscaldamento climatico.

    Ispy

    RispondiElimina
  5. @Ispy:
    guarda, io spero sempre di poter vedere inverni freddi ed estati dove andare al mare... poi magari se in estate pioverà di più, e in inverno magari ci saranno periodi più caldi, mi va bene lo stesso... semplicemente non vorrei perdermi il cliché delle stagioni per come le immaginiamo da sempre.
    Se tutto ciò è destinato a succedere, spero succeda molto più in avanti... tanto sono egoista, dei posteri non me ne frega niente :p (posso fare il politico, quindi...!)

    @Anas:
    allora se ti fa piacere, le prossime ricette contempleranno maggiormente l'uso di salse et intrugli by Moz :p

    @Scarlett:
    le parolacce fanno andare all'Inferno, e io non ci voglio andare tutti i giorni, che sennò mi annoio :p
    Settembre è per me un mese magico, perché è ancora estate (più dolce...) ma lentamente riprende tutto il tran tran...
    Fai bene a vivere il tuo tempo, e a godere di tutto ciò che la vita ci offre.
    Te lo dico perché, come hai capito, ci sono passato. Anche io ho perso molto delle primavere passate, in quanto periodi che non apprezzavo al cento per cento... ma da qualche anno mi piace molto questa stagione... così come sto amando la giornata di oggi: sole, temperature freddo-tiepide, neve che si scioglie ma strada asciutta.

    Insomma, mi fa piacere che tu abbia scoperto quanto può essere bella (e calorosa!) una passeggiata al freddo e al gelo ;)

    @Ispy #2:
    abbasso i tecnicismi meteo!! :p
    Io non amo le calamità, ma amo tempeste e temporali, magari vederli al mare, su un lago... insomma, quando non creano danni e morti ma sono solo uno degli infiniti colori della natura... :)

    Moz-

    RispondiElimina
  6. @Ispy: Ovvio che per maturare un'era glaciale ha bisogno di centinaia e migliaia di anni, e qualche decennio per partire. Non è allarmante per ora la cosa, però ecco, abbiamo visto come gli inverni gelidi possano tornare da un momento all'altro, ne è la prova il gelido Febbraio di quest'anno, e ci è andata pure bene!

    Le quattro stagioni andranno perdendosi negli anni, perché le correnti a getto nella libera atmosfera stanno cambiando (già sono stato troppo tecnico, ma siamo in tempi di governo tecnico, quindi mi adatto^^), per cui si rischia oltre al ritardo delle stagioni stesse, ne è prova l'estate 2011 che è arrivata nel tardo Luglio, ne è prova l'autunno che si è affacciato solo a Novembre e l'inverno a Febbraio...magari resteranno pure 4, ma slittano di uno due mesi in avanti, spesso con cambi di marcia repentini. Comunque, il clima è bello così, perché è l'unica cosa che ancora non prevediamo completamente e ci riserva tante sorprese. L'inverno 2011/2012 stava per essere classificato come l'inverno più secco e mite degli ultimi anni (dopo l'inverno 2006/2007) mentre ora sarà ricordato come l'inverno più nevoso dell'ultimo mezzo secolo. Chi vivrà vedrà.

    Ispy

    RispondiElimina
  7. Mi son quotato!! ^^ Volevo scrivere - @Miki - XD!!

    Ispy

    RispondiElimina
  8. @Ispy: veramente ricordo che ad aprile '11 ero andato in montagna... sbracciato! E pure durante la festa del Solstizio che organizziamo qui, fatta a fine giugno, era estate piena...
    O__O

    Moz-

    RispondiElimina
  9. Sì, ma non guardare a livello microclimatico, io parlo dell'intero emisfero. E poi Giugno e Luglio si sono chiusi con anomalie negative.

    Ispy

    RispondiElimina
  10. I tuoi post sono sempre così nostalgici...io invece aspetto sempre la primavera..e non per il compleanno..ecco quello lo abolirei -_-"

    RispondiElimina
  11. @Ispy: sinceramente non ricordo...

    @Around:
    in realtà non voglio provare nostalgia, ma solo sensazioni e ricordi (di vita quotidiana) che se non scrivo temo di dimenticare (sto invecchiando :p)
    Perché aspetti la primavera?^^

    Moz-

    RispondiElimina
  12. ..dipende da che salsineeeeeeeeee!:P
    Amo solo le cose leggere e semplici...no schifezzeeeeee!xD

    RispondiElimina
  13. @Anas:
    sì, saranno salse delicate e semplici ;)

    Moz-

    RispondiElimina
  14. Nella sostanza, è come hai detto.
    Le stagioni sono collegate ai luoghi nei quali espletiamo e abbiamo espletato la nostra vita.

    Complice il senso dell'olfatto, entriamo ed usciamo da mondi "vecchi e nuovi" perchè le nuove esperienze si mescolano con le passate come lasci evincere dal post.

    La neve. Forse per noi che non la vediamo spesso è come un manto etereo capace di "congelare" questo mondo, per permetterci di respirarlo e di viverlo meno freneticamente.

    Indubbiamente il potere evocativo della vista non è indifferente nel contesto delle rarità, archiviate nei meandri del passato, ma se dovessi classificare i sensi per potere evocativo o suggestivo, senza dubbio al primo posto pongo il senso dell'olfatto, dopo viene il gusto e poi la vista.

    Ogni stagione ci regala delle esperienze che, come credo fermamente, si apprezzano a posteriori.

    RispondiElimina
  15. @Marik:
    completamente d'accordo... non solo per le stagioni, molte cose si apprezzano solo a posteriori!! XD

    Moz-

    RispondiElimina