> RE/WATCH #3 - i contenitori pomeridiani per ragazzi


Dopo aver parlato dei palinsesti mattutini, ecco un rapido excursus sui programmi pomeridiani.
Sicuramente il più famoso in assoluto è Bim Bum Bam, storico e rimpianto programma di Italia1 (ma prima su reti private, poi Canale5, poi ancora Italia1).
A Uan sono molto affezionato..., pensate: è circa un mese più piccolo di me, siamo coetanei!
Bim Bum Bam ha visto avvicendarsi alla conduzione, oltre che il cane Uan e il leoncino Ambrogio, una marea di gente tra cui spiccano sicuramente Licia Colò e un giovanissimo Paolo Bonolis, prima che cominciasse i suoi Tira e Molla con Mediaset.

Manuela Blanchard (di cui ero innamorato), Debora Magnaghi, Marco Bellavia, Carlotta Pisoni Brambilla, Roberto Ceriotti sono solo alcuni dei conduttori che han preso parte nel corso degli anni al programma pomeridiano.
Il loro compito era riempire gli spazi tra un cartone e l'altro con un breve stacchetto comico, un gioco, o -genialata- una parodia di prodotti famosi. Ricordiamo Uanathan, la Teleuanela Manola Pontes, Bobbik, le due stagioni di BatRoberto (e BatCarlotta), Perry Nason e L'incredibile Debbi.

Diretti rivali di Bim Bum Bam sono stati, tra la fine degli anni '80 e il decennio successivo, Big! e Solletico, made in Raiuno.
Il primo era un contenitore con giochi, notizie, musica, con pubblico in studio e diversi conduttori (tra cui Piero Chiambretti, Pippo Franco, Gegia, Dado Coletti, Giorgia Passeri, Carlo Conti). Trasmetteva cartoni come Remì, L'Ispettore Gadget (nella loro prime edizioni: in seguito sono approdati sulla Mediaset) e il bellissimo DuckTales (in $oldoni: Zio Paperone).
Il secondo, condotto da Mauro Serio, Lenticchia (ossia Miki Cadeddu ossia Ciccio di Un Medico in Famiglia) ed Elisabetta Ferraccini (di cui ero innamorato #2), la figlia di Mara Venier con le fossette sulle guance, aveva una marea di giochi telefonici interattivi (Stellaris, Colora il Quadro, Joe Razz) e come cartoni c'erano i topi in moto Biker Mice da Marte, Jumanji, TinTin, Gargoyles - il risveglio degli eroi. Inoltre, trasmetteva anche telefilm, ma solitamente si trattava sempre e solo di Zorro, sia la versione anni '90 (quella con Micheal Tylo nel ruolo dell'alcalde stronzo) sia quella anni 50 con Guy Williams (ma ricolorata).
Zorro era inossidabile. Evidentemente aveva successo.
When daggers are pointed at innocent hearts and muskets are ready to fire [...] they turn to the man called Zorro!!

Il primo pomeriggio era appannaggio di Rete4 (poi Italia1), con Ciao Ciao (esistente anche nella versione mattutina, che prima era Caffellatte). Ciao Ciao era condotto da Giorgia Passeri e l'orsetto Four, a cui si aggiunsero poi, tra gli altri, Fourino, la bella e compianta Paola Tovaglia, Guido Cavalleri.
Lo strano mondo di Minù, He-Man e i Dominatori dell'Universo e Evelyn erano i programmi di punta.
Rete4 tornerà ai cartoons solo nella metà degli anni novanta, col preserale Game Boat, guidato da Pietro Ubaldi, ultimo accenno a programmi similari (serial, giochi, stacchetti).

Su Italia7 spopolava, nei primi anni '90, Super 7. Condotto da Carlo Sacchetti (poi approdato in Bim Bum Bam) aiutato dal pupazzo molleggiato Frittella, trasmetteva Bravestarr, le Tartarughe Ninja alla riscossa, I Cinque Samurai e la seconda tranche delle avventure de I Cavalieri dello Zodiaco, tutte serie di enorme successo.
Sul circuito JuniorTv (JTV) erano Federica Fontana, Giorgia Surina, Raoul Cremona e Fabio Canino ad animare lo studio, tra un cartone e un telefilm, tra i quali ricordo I Simpsons, Street Fighter II V, Dragon Ball (doppiaggio storico), Automodelli Mini4WD, La Ragazza del Domani.
Concludiamo il viaggio con due contenitori targati Disney: nella stagione '93-'94 al posto di Bim Bum Bam arrivò, su Canale5, A Tutto Disney, con Ecco Pippo!, Bonkers, La Sirenetta. Ma solo di sabato si trasformava in un programma con studio e intrattenimenti. A condurlo, Riccardo Rossi, Riccardo Salerno e Irene Ferri.
Quando l'accordo Mediaset-Disney terminò, i programmi del Grande Topo ritornarono nella loro casa naturale, ossia mamma Rai, e continuò il Disney Club: un tempo nel palinsesto della domenica mattina, passò, presentato da Francesca Romana Barberini, Ettore Bassi e Dado Coletti, nella collocazione del sabato pomeriggio.
Una classe scolastica di ragazzi si sfidava in giochi d'abilità e astuzia, per decretare il vincitore di un viaggio all'EuroDisneyland Paris. Il tutto terminava con la fantastica tortura dell'insegnante, dove il malcapitato prof, bloccato sotto un albero gigante, doveva rispondere a delle domande. Per ogni risposta sbagliata, veniva aggiunto un ingrediente schifoso che sarebbe poi colato su di questi, nello stesso modo in cui Hordak lasciava che il liquido dello Slime Pit colasse sui suoi avversari.

Oggi purtroppo questo genere di programmi non esiste più.
I cartoni animati stanno sparendo via via dalle reti generaliste (Italia1 ad esempio sta replicando all'infinito l'ormai scassapalle DragonBall Z, ed ha eliminato completamente lo slot pomeridiano), gli unici inserti con presentatori, se ci sono, sono semplici televendite.
Eppure, penso che un contenitore del genere, anche in questo mondo ormai dominato da canali tematici con flusso non-stop, potrebbe funzionare.
Basta un poco di fantasia, dopotutto: una volta, anche solo per promuovere dei prodotti, non c'erano asettiche telepromozioni, ma - vi ricordate?- creavano dei giochi di società giganti tipo Spago Spaghetti, Sapientino, Hotel...
Basta un poco di fantasia. Che, evidentemente, manca.

10 commenti:

  1. Trovo sempre molta difficoltà nel commentare questa tipologia di post, perché io ho molti meno anni di te, quindi quello che per te era la routine degli anni '80, per me era il buio assoluto perché ancora non nascevo! :D

    Bim bum bam...ho un ricordo vaghissimo di questo bim bum bam, molto lontano, forse uno dei primi nella mia memoria. Fatto sta che vedevo poca tv, ricordo solo 'Pingu' al mattimo prima che andassi alla scuola materna, poi ricordo 'Dodò e l'albero azzurro', 'Anna dai bei capelli rossi'...e basta. Crescendo mi affezzionai alla Melevisione e ai, me ne vergogno un po', Teletubbies. Ma visto che nei pomeriggi ero sempre per strada con gli amici, prima dei cellulari e di internet, la tv era davvero nulla per me.

    Poi con Streem tv, il precursore di sky, vedevo sempre cartoon network quando potevo...ma ripeto, con la tv ho avuto sempre poco contatto visto che son cresciuto come i ragazzini dei romanzi di King!

    Ispy

    RispondiElimina
  2. @Ispy:
    eh lo so... siamo di generazioni differenti, infatti le cose che citi principalmente sono state appannaggio dei miei fratelli, che hanno circa la tua età.
    La Melevisione è stato uno degli ultimi programmi similari (con Fabio Troiano, Ghirelli di Ris!), seguito Trebisonda, ma erano indirizzati principalmente a un pubblico di bambini.
    I pomeriggi che citi io li vivevo appieno solo in estate o nei mesi appena prima e appena dopo, però lo spazio per rincoglionirsi coi cartoni c'era sempre... per fortuna bastava scendere in cortile o giocare coi Lego ecc per bilanciare le cose...
    Un tempo anzi si amalgamavano, e i cartoni potevano essere spunti di fantasia per i giochi...

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Uh quanto mi piacevano Giorgia e Four, mi facevano ridere così tanto! E' vero mano a mano sono spariti, ricordo il declino lento e inesorabile, ormai era solo un contenitore di pubblicità intervallato da qualche cartone animato.
    Ricordo anche Bonolis con Uan, che simpatici :)
    E che dire...abbiamo avuto la fortuna di crescere bene. Abbiamo fatto in tempo in tempo non trovi?

    RispondiElimina
  4. @Dipendenza:
    già, lo penso anche io. E' vero che siamo figli del consumismo e delle mode cretine, ma abbiamo vissuto l'inizio di tutto, quando ancora era sotto una luce ingenua e bella.

    Moz-

    RispondiElimina
  5. oddio! l´ispettore gadget!bim bum bam! ducktales! la tortura dell´insegnante!!!game boat!

    non potevo farne a meno.

    come di holly e benji e mila e shiro. E Sailor Moon.

    Io invece ODIAVO Lady Oscar.

    RispondiElimina
  6. Hai dimenticato il famosissimo "dov'è finita carmen sandiego?" !! Adoravo Stellaris...mamma quanti ricordi..colora il quadro..quante volte avrei voluto chiamare io e colorarlo tutto!! XD
    l'entrata sullo scivolo... *__*
    Automodelli mini4WD quanto c'ho giocato con mio cugino!!
    I contenitori erano mitici...!!!
    Ogni volta che vengo sul tuo blog mi esalto LOL

    RispondiElimina
  7. @Dani10:
    Lady Oscar è il mio cartone preferito. LOL
    Ducktales è un capolavoro assoluto.

    @Around:
    Carmen Sandiego lo davano la domenica mattina... quindi non può rientrare nella categoria...
    Anche se era fighissimo.
    MANDATO DI CATTURAAAA! :)

    Spero di farti esaltare ancora, dunque^^

    Moz-

    RispondiElimina
  8. cavolo Carmen Sandiego!!!!
    fantastico, anche io volevo parlarne ma appunto non rientrava in argomento...

    RispondiElimina
  9. Premetto che con il passare degli anni ho sempre meno seguito i cartoni in TV perchè la stessa serviva per giocare ai videogiochi. :)

    Alcuni contenitori li ricordo appena, però come ti ho già detto credo sia un discorso di contesti, di terreni già battuti, ma sopratutto oggi vige una globalità (grazie a internet, PS3 ecc) che credo renda inutile il ritagliare spazi simili.

    Per quanto riguarda il discorso della qualità di periodi e relativi programmi, è possibile che sia tutto discorso ideale legato allo sviluppo.

    Se ripenso a quei contenitori, in qualche modo li ho sempre guardati con indifferenza, oggi direi che erano anche noiosi volendo, preferivo direttamente i cartoni, spesso neanche stavo ad ascoltare quello che dicevano.

    Quando guardavo la TV, la cosa a cui davvero prestavo attenzione erano solo i cartoni, perchè ero molto preso dai videogiochi o altri giochi.

    RispondiElimina
  10. @Dani10:
    eggià... magari prima o poi ne farò un post apposito... dopotutto Carmen Sandiego era anche un cartone animato :)

    @Marik:
    io ho seguito i cartoni fino all'epoca di Kodocha (Rossana), poi non più... erano sempre più ridicoli (principesse sirene, cazzatelle varie, niente per maschi).
    Quindi insomma... fino ai primissimi anni 2000.

    I contenitori non sempre erano divertentissimi, specie in alcune scenette, ma i giochi in studio, le sitcom-parodia e qualche sketch introduttivo funzionavano.
    Oggi ovviamente andrebbero svecchiate di molto.
    Credo comunque che Uan possa sempre funzionare. Dopotutto ha condotto Matricole e Meteore, un paio di anni fa XD

    Un contenitore più "adulto", magari su Man-ga (canale Sky), con recensioni, anteprime, giochi ecc sarebbe interessante.
    Idem qualcosa stile Disney Club, con ragazzi in sfida. Secondo me potrebbero ancora funzionare, sulle generaliste.

    Moz-

    RispondiElimina