> esorcizzarsi (tua madre succhia cazzi all'inferno)


Pazuzu è un demone babilonese, re degli spiriti dell'aria.
Pazuzu è anche l'essere che s'impossessa di Regan, la ragazzina protagonista de L'Esorcista.
Pazuzu rappresenta una sorta di limite. Una prova da superare.

Cos'è L'Esorcista? E' il film horror più famoso al mondo.
Famoso perché è come il demone di cui parla, Pazuzu. E' un limite. E' una prova da superare.
Succede sempre che si debba guardare questa pellicola, prima o poi.
E capita che la si guardi, chissà perché, sempre in giovane età. All'età, più o meno, di Regan.

Ora, non voglio dire nulla sul film né sulla storia che racconta: è un film ottimamente scritto, diretto e interpretato, un film che regge tuttora dopo quattro decadi, un film che non sente il peso del tempo che passa.
Certo, quello che succede, lo sapete come la penso, è pura fantascienza.
Credere in possessioni ed esorcismi, per me, è come dare una sberla alla Scienza e alla Medicina, e agli uomini che ogni giorno cercano di fare progressi in questi campi.
Ma un film è sempre un film, e allora si accetta qualunque cosa, anche che un ragazzo prenda i poteri di un ragno. O che una ragazza venga posseduta dal diavolo.
Forse a ben vedere non fa nemmeno poi così tanta paura, questo L'Esorcista. O forse sì.
Ma perché?
Perché è un simbolo. Un mito.
Una sorta di recinto oltre il quale, poi, hai visto tutto e potrai vedere tutto.

Chiunque, da ragazzino, si è appassionato agli horror. Potevi guardarli tutti, da Nightmare a Venerdì 13 passando per Halloween. Ma non L'Esorcista. Era un tabù.
Oggi puoi vedere le cose più estreme (!), tipo la saga di Saw, Paranormal Activity, Rec. Ma L'Esorcista resta sempre un tabù.
Nessuno lo ha mai visto davvero: forse solo qualche scena sparsa.
Sai che c'è un letto che trema, un crocifisso usato in maniera poco ortodossa, una testa che ruota come quella di un gufo, "lo sai che cosa ha fatto quella stracciacazzi di tua figlia?" e poco altro.
E' un mito, appunto.
Chi lo ha visto, ne parla alimentando questo mito. E alimentando la paura in chi dovrà guardarlo.

Quindi arriva davvero la prova da superare: guardare sul serio il film.
E resti spiazzato, almeno un po'.
Discorsivo, lento, con molti preamboli prima delle scene madri (che succhiano cazzi all'inferno).
Eppure è così: L'Esorcista non fa dormire. Perché ormai si è mitizzato, sai che se lo guardi non dormirai. Anche se hai già visto cose più paurose, come Uomini e Donne su Canale 5.
Non dormirai lo stesso.
E' un meccanismo psicologico. Similare a quelli, sicuramente più profondi, che la Chiesa cataloga come possessioni ma che in realtà sono disturbi.


Ecco, per me L'Esorcista è una metafora.
La metafora dei naturali squilibri causati dall'adolescenza.
Lo stesso periodo dove -guarda caso- ci si interessa molto agli horror, ci si interessa a queste storie al confine, ci si interessa a L'Esorcista.
Non è poi tanto diverso mandare affanculo tuo padre o far volare i mobili per la casa. Non è poi tanto diverso sbattere la porta e rinchiudersi in cameretta o dire a un prete "vecchio pompinaio stupratore di tua madre".
E' l'adolescenza. Un esorcismo. Una possessione. Che è sicuramente più vera di Pazuzu, Lucifero, Satana.
O Dio.

Sottile ramo
volto verso radici profonde
che sconfinano nel cielo,
ardente limite
di ciò che potrai.
(Miki)

25 commenti:

  1. Io l'ho visto tutto qualche anno fa. Da sola. Nessun incubo. Mai.
    Comunque nessuno da piccola mia aveva mai parlato di questo film...ne ho sentito parlare poco tempo prima di vederlo.forse perchè una volta era un tabù come dici tu...però mi ricordo di quante volte ho visto il Dracula di Bram Stoker (ero sempre piccola)...era è e rimarrà uno dei miei film preferiti :))

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Io ho visto l'Esorcista dopo molti anni, con molta "cautela" e dopo molte e molte perplessità... ma devo dire che io ho sempre avuto molta paura dell'argomento: "diavolo demoni & Coo."

    In realtà il film non mi ha terrorizzato come credevo - non come TP, ovvero Chi ha ucciso Laura Palmer, il mio vero grande incubo di anni e anni, come è successo a Ispy con questo film! - ma di sicuro mi ha fatto spaventare molto e ammetto di avere chiuso gli occhi in molte di quelle scene... anche se mi sono ammazzata dalle risate nel vedere Reagan scendere le scale stile ragno o Arpia greca!!!

    Il post è sicuramente tra i migliori - adoro la poesia finale - che hai scritto Miki: è bello, ironico, sottile, apparentemente leggero, metaforico.... in poche parole è come TE!!! :-)

    vi bacio

    RispondiElimina
  4. @Around: Dracula fu un altro piccolo "caso" di film simile, ricordo che un'amica mi disse "ho visto un film dove viene tirata una spada contro una croce e inizia a sanguinare" e un'altra "c'è una scena dove delle vampiresse mordono il pisello a un tizio" (e te pareva) ahaha

    @Ispy:
    la foto che ho scelto simbolizza tutto il film: Regan e Pazuzu assieme.
    L'edizione originale la vidi quando avevo bene o male 13, 14 anni... giù di lì.
    L'integrale (di cui ho il dvd originale americano, visto che questo è uno dei miei film preferiti) la vidi al cinema nel 2000 e quella notte (come la notte di quando vidi la prima versione) non dico che non dormii ma dormii sicuramente male.
    Però L'Esorcista lo guardo sempre volentieri, anche da solo.
    Per me è un simbolo di tante cose, una metafora dell'adolescenza e dell'età adulta (padre Karras) raccontata in chiave horror.
    Grazie per il bel commento e per i complimenti :)

    @Scarlett:
    ammazza, pure tu coi complimenti ti ci sei sprecata! Grazie!!

    Ecco, bel parallelismo che hai fatto: Twin Peaks è terrorizzante ed è sicuramente un altro LIMITE o MITO, stavolta per quanto riguarda la tv.
    E guarda caso.. di cosa parla?
    Di "possessione". Non religiosa, ma sempre possessione. E sempre metaforica: così come Pazuzu fa con Regan, tanto fa BOB con l'assassino di Laura Palmer.
    E', da un lato, la materializzazione di un periodo turbolento, dall'altro, la materializzazione della negatività che abbiamo dentro.

    Moz-

    RispondiElimina
  5. Ahah oddio, diciamo che quella non era proprio la mia scena preferita... :D

    RispondiElimina
  6. ...ma stavo pensando: non sarebbe ora che tu levassi la versione light?
    L'estate è quasi giunta al termine, e non poi non c'è nulla di LIGHT in questo "bel" periodo...

    Buona domenica a te e agli amici del MOC! ;-)

    RispondiElimina
  7. @Around:
    a quale ti riferisci? Crocifisso o pisello masticato?? Ahaha!! XD

    @Scarlett:
    io rispetto solstizi ed equinozi... e avendo cominciato col LIGHT a fine giugno, terminerò quindi tra una decina di giorni coi post della versione estiva.
    Penso che ci saranno infatti altri due posts: un ultimo REVIVAL LIGHT e un ultimo MIKIPEDIA. Anche se queste etichette non è detto che andranno propriamente in letargo ;)

    P.S. non ti piace questo periodo?
    A me fa impazzire.. certo, non come fine agosto, ma settembre è un gran bel mese!!

    Moz-

    RispondiElimina
  8. Al secondo =P a me piace l'inizio del film..e il corteggiamento dopo..quando lui "ritorna giovane" :)

    RispondiElimina
  9. @Around:
    ahaha... il pisello chewing-gum!
    Comunque gran bel film, davvero... dall'inizio alla fine-
    L'omonimo flipper, uscito per le sale giochi, l'ho fuso. Una volta si fece la folla nel vedermi giocare, avevo 4 palline in campo, prese col Mistery :)

    Moz-

    RispondiElimina
  10. Io al flipper perdo sempre...mi finisce sempre la palla in mezzo!! :(
    mai visto il flipper di dracula... Oo

    RispondiElimina
  11. @Around:
    quando finisce la palla in mezzo (e qui potrebbero partire doppi sensi...) noi lo chiamiamo "piombo". Caduta a piombo. Ahaha!
    Comunque basta scuotere un poco il macchinario, non tanto da mandarlo in tilt, ma la pallina corregge la traiettoria almeno un poco :)

    Il flipper di Dracula uscì nello stesso periodo del film, e assieme a Theatre of Magic è stato, per me, il miglior flipper di sempre :)

    Moz-

    RispondiElimina
  12. Una volta ho iniziato a guardarlo, ma mi sembrava un pò stupido..:P Ho iniziato a vedere i film gialli, thriller e co. da bambina con mio fratello. Infatti non hanno più alcun effetto...xD Forse una delle scene che mi è rimasta impressa..non tanto per la paura..è quella di un clown che accalappiava i bambini con i palloncini e questi sparivano nelle fogne..:P Forse perchè c'erano così tanti colori?:)

    Non dimenticherò mai un episodio. Un mio amico dell'università mi prestò un film. Mille raccomandazioni. Non guardarlo la sera..bla bla bla...Rimasi sconvolta. Era così finto. E pensare che una amica non dormì per qualche giorno..

    Comunque adoravo i film con i vampiri. Forse per questo sono pallida..voglio succhiare il tuo sangue..mauahauaha..xD Basta così, ho una reputazione da difendere, tsè :P

    RispondiElimina
  13. @Anas:
    allora, premessa.
    Con me, dovresti saperlo, NON PUOI SCRIVERE DETERMINATE COSE. Perché poi io, da vero bastardo, dovrò scriverne altre.
    Mi riferisco al succhiare.
    XD

    Ok, chiusa parentesi, ti rispondo al messaggio:
    L'Esorcista non è un film stupido. Certo, è irreale quel che succede, si tratta sempre di cose fantastiche e a tratti anche eccessive (teste che ruotano ecc), ma è un gran bel film!

    Invece, di che film parli tu?
    Che non ha fatto dormire la tua amica??
    Io anche, come te, sono IMMUNE a queste cose o sono ormai troppo calato dentro l'argomento da non soprendermi mai con gialli e thriller.

    Un solo film mi disturba un poco: Stigmate.

    Moz-

    RispondiElimina
  14. con cose più estreme ho temuto parlassi di Twilight... comunque io non l'ho mai visto, e devo dire che non è mai stato uno di quegli horror che mi fanno cagar sotto al solo pensiero...in genere gli horror non mi fanno cagar sotto, solo perchè non penso agli horror, perchè non guardo gli horror...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono appassionato del genere, lasciamo stare gli horror moderni che fanno pietà (qualcosa di valido si trova comunque più nei sottogeneri).
      L'Esorcista rimane per me un cult, anche per i motivi che ho spiegato: è come il limite adolescenziale oltre il quale puoi guardare tutto :)
      Il problema è che ci sono film meno blasonati ma con scene molto molto più forti. Ma non sono L'Esorcista e quindi non fanno paura :)

      Twilight mai coperto :p

      Moz-

      Elimina
    2. evvabbè ma in fondo quasi tutte le cose di ogni giorno sono ammantate di un alone che le rende diverse da ciò che sono, basta appunto che si creino una fama... dall'elettrodomestico, al medicinale!

      "mai coperto"??

      Elimina
    3. Sì, è vero... E' la fama.
      Ma in questo caso, oltre la fama, sembra esserci anche qualcosa in più.

      Mai coperto = quasi non so cosa sia / non me ne frega / mai interessato a ciò :p

      Moz-

      Elimina
    4. sicuramente il fatto che ragazzi un po' più grandi cercavano di far cagar sotto ( e fare i fighi con) ragazzi un po' più piccoli, nel corso degli anni ha costituito un tramandarsi di paura e dubbio nei confronti di questo film!

      Elimina
    5. Sì, c'è sicuramente anche questo fattore.
      Ah, tu non l'hai mai visto?
      Dovresti vederlo... anche se fa paurissima: c'è una scena in cui la madre della bambina resta improgionata dentro la stanza e sua figlia le scaraventa addosso mobili e oggetti, tipo poltergeist :p
      (ragazzo più grande che cerca di far cagare sotto e fare il figo)

      Moz-

      Elimina
    6. ah tipo pubblicità Ikea? beh in effetti ho paurissima xD

      Elimina
    7. Non lo conosco lo spot, sinceramente XD

      Moz-

      Elimina
  15. Io ne ho visti troppi di horror da piccola... Ma mai avrei creduto che si potesse girare il Grande Fratello VIP

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, vedi? Non c'è mai un limite all'orrore :p

      Moz-

      Elimina