> la scuola dei miei genitori

#DEDICA2

TASSO DI VOLGARITA': 1%
TASSO DI RAZZISMO: 0%
TASSO DI CLASSISMO: 2%



Ricordo il primo giorno di scuola, mio padre lasciò me e mia madre davanti a quel portone immenso. Lei mi accompagnò in classe. Era la primissima stanza raggiungibile. Prima di entrare scorsi un bambino con la cartella di He-Man.
Quel giorno disegnai senza alcuna logica le vacanze appena trascorse. Un insieme di graffi arancioni e celesti.
Qualche anno dopo mio padre venne a prendermi alla fine delle lezioni, e un mio compagno gli disse che poco prima volevo baciare un'altra amica.
Mi vergognai da morire, davanti a lui.



Quando dovevo cominciare le medie, andai con mio padre in cartolibreria per comprare i libri di testo. Finalmente avrei potuto studiare inglese. In auto gli dissi, sfogliando il testo di quella materia e vedendo che c'erano delle vignette de L'Uomo Ragno e Pluto, che avevo una certa voglia di studiare.
In terza media presi la febbre tre volte, e alla terza mio padre imprecò sbuffando davanti a tutti, specie davanti a un compagno di classe che dall'andazzo sembrava volersi fare prete (serviva messa e cazzate varie, e mi hanno appena detto che si sta facendo prete...)

Alle superiori rompevo l'anima a mia madre, quando tornavo dal liceo, perché volevo qualcosa di più raffinato da mangiare.
Un giorno mi fece trovare un piatto coperto, lo sollevai e dentro c'era la foto ritagliata da un libro di cucina. Che bastardata!
Però aveva cucinato davvero qualcosa di magnifico, quella volta!

All'università mi è dispiaciuto dover annunciare la mia prima bocciatura il giorno del suo compleanno.
Ma ricordo anche che ad un 28 preso ad un esame particolarmente complesso mi disse "ammazza!".
Non sono stato uno studente modello e mio padre lo sa: gli ho fatto spendere, fra tasse e annessi & connessi, penso il triplo del dovuto. Vorrei poter restituire tutto e di più, che stronzo che sono stato.
Si è incazzato mille volte, e giustamente. Dicendomi tipo "quando comincia tuo fratello l'università, non ti pago più niente!". Mi ha mantenuto, nonostante tutto. Nonostante all'università ci sia non solo mio fratello, adesso, ma anche mia sorella. Ha continuato a mantenermi agli studi fino a mercoledì 20 marzo 2013.

I miei mi hanno sempre seguito nel percorso scolastico.
Ed extrascolastico.
Ho imparato a leggere con mio padre, che mi comprava il giornalino Più coi fumetti dei Masters e dei Fabuland Lego. Mi scriveva delle parole su un foglio e me le faceva leggere. Un giorno scrisse "puré", io lessi "pure" e lui mi spiego la questione dell'accento.
Mia madre quel giorno stava cucinando pure il puré.

Lei mi è sempre stata accanto mentre svolgevo i compiti per casa, alle elementari. Tanto che per anni non ho mai perso l'abitudine di ripeterle le lezioni anche di filosofia o letteratura greca, e s'è dovuta sorbire tutti i miei "mmmh" "emmmh" "come si dice".

La prima volta che ho marinato la scuola rientrai a casa sul presto, e le dissi: "ho marinato la scuola".
Restò spaesata, non se lo aspettava.
In quarto ginnasio andavo molto male. Se avessi continuato così avrei sicuramente bocciato. E comunque quell'anno -e l'anno dopo- rischiai effettivamente la bocciatura.
Ma, con la capa fresca da terza media, nel primo quadrimestre riempii di bugie i miei. I 4 diventavano 6, i 3 diventavano 5 e mezzo e via cantando. Ero proprio uno sprovveduto, o forse solo incosciente.
Mio padre andò ai colloqui e per poco non gli prese un infarto.

Quando mi laureai nel 2010, feci il pranzo nello stesso ristorante dove festeggiò, ai suoi tempi, mio padre.
Esattamente un mese dopo quel ristorante ha chiuso, per godersi la meritata pensione.
Era così che doveva andare. La mia vita si svolge sempre all'ultimo momento utile.

Non ci sono parole che possano contenere tutta la mia gratitudine verso i miei genitori.
E' vero che per lungo tempo non ho vissuto con loro.
E' vero che sono stato lontano da loro.
Tanto che qualcuno ha addirittura creduto che avessi avuto problemi, con loro.
Tanto che qualcuno fatica ancora ad associare mio padre a me.
La loro presenza nella mia vita è strana. Non so manco io come spiegarmi.
Avete presente i cartoon con protagonisti giovani adolescenti? Ecco, sembrano che siano soli e i genitori li vediamo solo in qualche episodio.
Per me è così, però la loro presenza s'è sempre sentita e soprattutto quando ero con loro il cartoon diventava una puntata di Malcolm in the Middle.

E niente, quindi.
Queste righe erano doverose.
Grazie ancora e per sempre.


Un cambio graduale, che sia dentro o sia fuori, non è facile per mantenere tutto il mio calore... (Litfiba)
Un tempo anche Moz studiava...

77 commenti:

  1. Complimenti cris :-) l ho letto sorridendo!
    Ps. GRANDE MAMMA CON LO SCHERZETTO DEL PIATTO RAFFINATO!!!!!
    Pps. Grande serie MAlcom!!!!!!!
    LOLA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha mi fa piacere, Lola XD
      Mia madre da quando non vivo più con i miei sai che fa? Cucina sempre cose raffinate -__-

      Moz-

      Elimina
  2. http://www.youtube.com/watch?v=3tH7M-pa21U
    Comodo 3000

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha una delle scene più belle di sempre XD

      Moz-

      Elimina
  3. Mamma genia con la foto :) E bravi genitori, che t'hanno mandato avanti nonostante un po' di lentezza. Capisco la situazione, e devo darmi una mossa pure io, che ho ricevuto minacce di morte da mio padre xD Sì, morte universitaria, ecco...
    Ultimamente fai post molto commoventi... Voglio quelli col tasso di razzismo alto che non li ho mai visti, sono curioso xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che m'hai ricordato??
      Che ho sballato i parametri perché per fare prima ho copia-incollato i tre tassi senza scrivere il valore effettivo... devo correggere XD

      Beh, hai ragione, ultimamente ho fatto post più intimi, dato anche il particolare momento che ho vissuto (un post mi ha fatto guadagnare una cena a sopresa, lol), in programma ci sono però diversi post più ... stronzi, in puro moz-style, non temere XD

      Moz-

      Elimina
  4. é bellissimo questo post Miki!!!
    io i voti ho iniziato a "correggerli" o proprio a ometterli alle superiori quando i miei non andavano piú ai colloqui, tanto poi le insufficienze le recuperavo.

    eri un playboy giá da piccolo allora XD

    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Dani :)
      I voti io li omettevo perché i prof, alle interrogazioni, non li annunciavano (non ho mai capito il senso di questa cosa...), e potevo dire solo quelli dei compiti scritti.
      Però i miei sono sempre andati ai colloqui...

      Playboy? ahaha :)

      Moz-

      Elimina
  5. Che meraviglia, queste piccole scene di vita familiare quotidiana mi hanno quasi commossa. Forse perché io ho avuto tutto l'opposto, non c'è mai stato un padre nella mia vita, ma è bellissimo leggere queste cose! Un grazie ai tuoi genitori anche da parte mia! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace molto...
      Per me sono ricordi belli e divertenti, certo quando alcune cose sono successe, fu un dramma... Vedi le bugie sui voti.
      Ora, a distanzia di 14-15 anni ci ridiamo tutti sopra, magari mentre ricordiamo a pranzo questi eventi. Ti ringrazio di cuore :)

      Moz-

      Elimina
  6. E' di grande importanza avere genitori che ti seguono e ti amano, ma anche tu ci hai messo del tuo. E' una bella lettura.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, perché i miei genitori han saputo lasciarmi sempre uno spazio tutto mio. Mi hanno vietato diverse cose, e premiato diverse volte. Per me sono stati giusti.
      Perché le cose sono state graduali.

      Grazie mille Guz,

      Moz-

      Elimina
  7. Wow! Che occhialetti vintage! E che faccia da bambino diligente!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ebbé, quella foto è stata scattata il 3 febbraio 1994 ... supervintage :)
      In quel periodo, e per due anni e mezzo ancora, lo giuro, sono stato proprio diligente. Quasi secchione.

      Moz-

      Elimina
  8. tua mamma con il piatto raffinato....un mito! :D
    carino il piccolo Moz...beh inzomma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaa, madonna l'avrei uccisa...! Era una foto tutta precisa, con un piatto bellissimo, fumante, cremoso... XD
      Per fortuna poi quel giorno non cucinò la solita pasta e sugo XD

      Moz-

      Elimina
  9. Un bel racconto. Il tempo della scuola spalanca sempre grandi scenari nella memoria.
    Quando mi rasavo i capelli a zero, mia mamma tirava fuori la foto che avevo fatto alle elementari, dove ero a posto e con tutti i riccioli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahha, eri un ragazzo ribelle? :)
      Comunque sì, la scuola spalanca sempre ricordi dolci e amari...^^

      Moz-

      Elimina
  10. Risposte
    1. Grazie mille Mis!! :)

      Un abbraccio,

      Moz-

      Elimina
  11. ma che tenero il piccolo Moz che studia e che tenero il grande Moz che scrive *-* un bacio.... a tua madre e a tuo padre... mica a te :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, grazie mille Pier :)
      Ero tenero come il ripieno dei Sofficini XD

      Moz-

      Elimina
    2. ok dai anche a te xD
      nono, più tenero dai... eri carne fresca xD

      Elimina
    3. Allora ero tenero come un ovetto Kinder

      Moz-

      Elimina
  12. Avevi già un amico geloso? Succede prima di quanto si pensi... ;)
    Il mio primo giorno di scuola è iniziato con una sgridata del bidello, che mi sono portata appresso per 5 anni delle elementari. Era terribile, guai entrare nell'atrio senza aver trascorso almeno 30 secondi sul tappeto a pulirsi le scarpe. Metteva paura quell'uomo.
    Anche un gatto può rispondere alle domande se ti va. Il gatto è il mio primo amore da sempre. Dopo il mio ultimo micio morto dopo 19 anni, è arrivato Leon, regalo di mia figlia al suo ex ragazzo. Finito tutto, lui le ha tornato il regalo. Purtroppo ha trattato il cucciolino come un oggetto. E io che non ho mai avuto cani mi sono ritrovata in casa un gatto anzianissimo pieno di acciacchi poverino, e un cucciolo dispettoso. Poi, sul più bello che si sono affiatati, il mio micio è morto :(
    Naturalmente il nostro chihuahua adora i gatti, li ama proprio.
    Ciao Moz, buon pomeriggio *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, che cosa brutta dare indietro i regali, e peggio ancora se sono esseri viventi!
      Mai regalare un essere vivente, nemmeno una pianta: sono di questo avviso.

      Come diceva una canzone dello Zecchino di quando ero piccolo: "cane e gatto... chi l'ha detto che non si può?" :)

      Un abbraccio, allora passo a rispondere alle tue domande^^

      Moz-

      Elimina
    2. Infatti Moz, mai regalare animali più che d'accordo. Purtroppo l'ha fatto dopo aver posto la domanda classica: - che regalo vuoi a Natale? - Mia figlia l'ha capito e non lo rifarebbe mai più.
      Si può cane e gatto sicuro! La mia esperienza è positiva, nonostante il mio micio fosse oramai anziano e poco disposto a giochi e cambiamenti. Invece poi ha proprio adottato il piccolino e dormivano vicinissimi. Infatti morto il micio, Leon non ha mangiato per quasi una settimana e nemmeno giocato, stava proprio giù.
      Buona serata Moz *_*

      Elimina
    3. Bellissima questa amicizia tra i tuoi due amici a 4 zampe.
      Secondo me il gap da superare è solo... comunicativo.

      Grazie, buona serata anche a te! :)

      Moz-

      Elimina
  13. Che quaderno ordinato!! :))
    Avevo gli stessi occhiali....LOOL
    Comunque il post è da ammirare...bravo Moz! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sempre alternato fasi di ordine e fasi di caos... dopotutto la mia vita è un continuo dualismo... :)

      Grazie mille Around, un abbraccio potenziato agli enzimi!! :)

      Moz-

      Elimina
  14. Pollice in su per il bambino con la cartella dei Masters che avevo anch'io ( avevo anche il diario). ;-)
    Gran bel post. ;-)
    Medie e Superiori a parte, alle elementari casa mia era un macello.
    Somigliavamo un pò a quelle famiglie da telefilm dove decine di persone vivevano e affollavano una casa tutti insieme.
    Oltre i miei genitori, mio fratello, mio sorella ed io,
    corollario di zie, cugini e rispettive fidanzate che in attesa di sistemazione vivevano sotto il nostro stesso tetto in condizioni ristrettissime, ma nonostante tutto ricordo quel periodo con grande piacere.
    Saluti. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che diavolo era, la casa di Kevin McCallister sotto le vacanze di Natale? ;)
      Bellissimo però! Ma forse dovevi stare attento al cugino pisciasotto che beveva la Pepsi XD

      Sì, anche io ricordo il periodo delle elementari con grande piacere, e ti dico: ho avuto l'astuccio dei Masters e ridisegnando l'illustrazione che vi era raffigurata ricordo che partecipai a uno di quei concorsi stranissimi che facevano a scuola Oo

      Per il potere di Grayskull, ora e sempre :)

      Moz-

      Elimina
  15. Bellissimo. Bellissimo tutto, da te che ami i tuoi genitori a loro che amano te, che ti seguono, che ti spronano, che ti hanno lasciato andare lontano da casa e fare le tue esperienze.... Tutto.
    Tutta la cultura del mondo, gli studi ecc non valgono la metà dell'insegnamento che danno i genitori, quando lo danno nel modo giusto, con amore.

    Come agli altri mi ha fatto sbellicare la trovata della tua mamma di mettere la foto nel piatto coperto :D grande!

    Ciao piccolo grande Miki!

    PS: ma glielo hai fatto leggere il post ai tuoi genitori??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emh... no, perché mi imbarazza.
      Anche se so che mia madre ogni tanto il mio blog lo legge... XD
      Mio padre non è tipo. Ma tanto le cose che ho raccontato noi le rievochiamo continuamente XD
      Però hanno letto la pagina di ringraziamenti che ho messo nella tesi :p

      Sono d'accordo con te, ecco perché il titolo del post è questo: la famiglia (la mia, per lo meno, parlo per me) è una buona base per affrontare la vita.

      Moz-

      Elimina
  16. Risposte
    1. Grazie mille, temibile pirata :)

      Moz-

      Elimina
  17. Miki ciao, che bello stò post, che bello perchè sincero! Il positivo è che tu riconosci gli sforzi, i sacrifici e quant'altro dei tuoi genitori, io mai.........solo dopo anni...Non importa se la presenza dei genitori appare "strana e saltante" ma i tuoi genitori c'era veramente e ci sono per aver dato la vita ad un uomo che sta diventando grande, sei un grande Miki ed hai un bellissimo carattere nel leggerti, allegro, pazzariello ma mai esagerato e fuori da certe righe...........Buona serata......ora sei laureata in che cosa?! Scusa la mia distattenzione..........notte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per le belle parole, Lulù!!
      Sì, io posso ritenermi fortunato perché i miei gentiori ci sono sempre stati, a volte sai puoi giudicare la loro presenza un po' da rompicoglioni, ma alla lunga capisci il perché di certe cose.
      Non è mai per il tuo male, anzi.

      Buona serata anche a te, e... sono laureato in Lingue Straniere (2010) e ora Nuovi Linguaggi (2013)

      Moz-

      Elimina
    2. Metti un manifesto della tua laurea in lingue straniere e in nuovi linguaggi così almeno non te lo chiedono più
      E' DA PARANOIA!

      Elimina
    3. Ahahah... evvabbè, non mi pesa ripeterlo, repetita juvant... Almeno non lo dimentico nemmeno io :p

      Moz-

      Elimina
  18. Ciao Moz! :) Ricordare i momenti passati a scuola fa sempre bene, beh che dire..complimenti ;) alla fine i genitori sono sempre quelli che ci sostengono in qualunque cosa noi facciamo..e per questo vanno ringraziati!
    Federico

    lavaligiasottosopra.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fede :)
      Hai ragione, i genitori ci sostengono sempre, e ci parano pure il culo XD

      Grazie mille, ci sentiamo presto^^

      Moz-

      Elimina
  19. Complimenti, mi hai quasi commosso con questo post!
    E non sarà poi così casuale il fatto che mia madre è entrata in casa sbraitando proprio mentre leggevo queste righe..
    Sarò paziente con lei. Le voglio bene, nonostante tutto.
    Un abbraccio!

    http://pensierinviaggioo.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh ma si sa, i genitori sono fatti per rompere, è una cosa di default, è come un gioco di ruolo, tu lo sai e loro lo sanno, è un compito che devono mettere in atto per forza :)

      Un abbraccio anche a te, mediorientale ;)

      Moz-

      Elimina
  20. Che meraviglia questo post..e che emozione...Ah i genitori...io sarei persa senza di loro!!e l'importante è sapere che se si ha bisogno si puo'contare su di loro e viceversa!!

    RispondiElimina
  21. Grazie mille Manu!! ;)
    Certo, hai ragione
    .. e io mi considero fortunato, perchè so che loro ci sono! A volte ne approfittiamo anche un po' :p

    Moz-

    RispondiElimina
  22. la famiglia sono le radici.
    se non hai radici non hai riserve.
    a meno che tu sia una persona con una marcia in più.

    mamma mia mozzz
    non so se mi sono venuti gli occhi lucidi perchè

    - mi hai rimembrato che il primo giorno di scuola sono finita dietro la lavagna e non ho ancora capito perchè
    - mia madre si è ammazzata di lavoro per far studiare le sue figlie
    - mio figlio non scriverebbe mai una cosa così
    - anche perchè il fatto di riuscire a prendere quella caxxo di laurea non è poi così scontato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente parlavi xon l'amichetta di banco XD
      Una volta andai anche io in punizione e non dissi nulla x la vergogna XD
      Ti dico la verità: una cosa del genere non so se riuscirei mai a dirla, ma era doverosa dopo anni e anni di studio e così l' ho scritta :p
      Per tuo figlio: se ci sono riuscito io c'è davvero speranza per tutti, non temere!! ;)

      Moz-

      Elimina
  23. Grande Miki e bravi genitori! chissà il giorno della tua laurea che pianti! :) ..gli avessi avuti io! :)
    Bel post, l'hai fatto leggere a loro?
    Ora arriva il bello...alza il dito e attento dove tira vento... :) (fa rima)
    Notte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stranamente... mamma non ha pianto alla mia laurea. La teoria di mio nonno: le avevo giá fatto sprecare tutte le lacrime durante il mio mostruosamente lungo percorso scolastico :p
      No, non l'han letto, meglio perché mi vergogno un po' XD
      Grazie mille, un abbraccio!! ;)

      Moz-

      Elimina
  24. E' bello questo "riesame" della tua vita all'interno della famiglia!
    Sei un po' pazzerello ma riconoscente, nel senso che valuti che non tutto ti era, o è, dovuto, ma l'amore e il sacrificio dei tuoi genitori con il loro amore per te , (tanto più che non sei figlio unico ) è stato grande. E alla fine non eri solo fumo ma anche arrosto. Questo è un detto popolare!
    Tu hai sperimentato la pazienza, la costanza,la generosità di mamma e papà, che si traduce in Amore.
    Ho anch'io ho tre figli,quando anche il secondo ha iniziato l'università, abbiamo stretto cinghia, loro hanno capito il sacrificio, e si aiutavano con piccoli lavoretti.
    Grazie Miki della condivisione!

    Ps. E' stata forte la tua mamma, quando ti ha messo sul piatto il libro della cucina!!
    Buona giornata!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Dani!
      Beh, io riconosco che sono stato anche stronzo, e che spesso (per delle piccolezze) ho approfittato del fatto di avere il culo parato XD
      Vale, come espiazione dei peccati?
      Cosa studiano i tuoi figli?
      Con una mamma così (cattolica XD ahaha scherzo^^) sicuramente saranno bravi ragazzi ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Mia figlia è laureata in Scienze della Comunicazione,e ha fatto un master di sociologia, l'altro figlio ha fatto tre anni di Scienze Forestali e poi ha fatto il servizio militare, così non ha più ripreso, il terzo si è diplomato ha fatto il servizio civile e ora lavoricchia.
      Se è per questo anche il papà non scherza, mio marito è domenicano laico.
      Non abbiamo mai imposto niente ai figli abbiamo solo cercato di dare tanto amore e un buon esempio,questo è il nostro compito.
      Guarda che io non sono bigotta o moralista!
      Credo in Dio, faccio il possibile per amare il mio prossimo, perchè nel volto dell'altro trovo il Signore.
      Ciao Miki
      Dani

      Elimina
    3. Uh, siete una famiglia davvero... spirituale ;)
      Comunque credo che il compito dei genitori sia proprio quello che indichi: non imporre culti, fede, passioni, ma lasciare la libertà seguendo però una giusta via, con giusti valori.

      Moz-

      Elimina
  25. ... mi hai sconvolto Moz! sapevo che eri un romanticone. I mie sono inpazziti a starmi dietro fin dalle elementari, medie e superiori. Senza il loro aiuto non sarei arrivata ad un passo dalla seconoa laurea e specializzazione, in arrivo tra pochi giorni. Quanti lunghi pomeirggi li ho costretti a stare immobili sul tavolino a farmi comprendere la matematica, che odio naturalmente!!! poverini! ma penso che per un genitore sia normale fare quello che fanno, non è un sacrificio è solo l'essenza della loro vita. Ora tocca a noi ripagarli!!!! ma come!!! Un bacio Moz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhh tasto dolente che hai toccato: le ripetizioni XD
      E' vero, non è totalmente un sacrificio, è una cosa che si fa perché è così e basta, e che anche noi faremo quando ci toccherà :)
      Ora tocca ripagarli... vero, io credo che già che non ci siamo sbandati e siamo sani e vegeti è una grande cosa, o no? :)
      (Me la cavo con poco XD)

      Moz-

      Elimina
  26. Ciao Miki,
    da mamma, maestra e autididatta, ti capisco!
    Anche mio figlio maggiore , Lorenzo, ha avuto una scolarizzazione burrascosa (disgrafia, disortografia e alre dis..., un dis-astro!)
    Ora è un giovane adulto, né diploma ,né laurea, ma una discreta cultura generale e buon lettore, viaggiatore e artigiano che impara dal babbo la difficile tornitura di metalli. Abbiamo superato traumi scolastici e non solo. Le tue parole per i tuoi Genitori ti fanno onore, ora basta sennò mi commuovo.
    Negli ultimi commenti sul mio schiccianoci sento che acenni a misteriosi Awards Moz...mi hai proprio incuriosito, aspetto gli eventi e ti saluto buonanotte
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mari... grazie mille per le belle parole.
      Dai, non ho scritto niente di che dopotutto XD
      Il percorso che si fa coi figli credo sia la cosa più importante nella vita di chi sceglie una famiglia. Nel bene e nel male.
      Ora qui si ride, si parla di scuola, bocciatura, cent'anni per una laurea ecc... ma immaginiamo chi ha ache fare con cattive compagnie, sbandate eccessive, problemi sociali... è dura.

      P.s. i Moz Awards saranno dei premi... o meglio un concorso... vedrete XD

      Moz-

      Elimina
  27. Cadi sempre in piedi Moz, con raffinato stile! :*

    RispondiElimina
  28. Ma tu alla fine ti "vregogni" sempre un po' di tutto :P almeno il greco ti é utile "per risolvere le parole crociate"!

    Il grande Gatsby a 1€

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un tipo timido... :p
      Ti ricordi anche di quella mia frase cinica sul greco... ammazza ;)

      I ponti di Madison County a 5 euro

      Moz-

      Elimina
  29. Vedi che sei dolce?!?:P ...mauhaauah...mi sono rivista moltissimo in tua mamma!..anche io avrei fatto una cosa del genere..LOOOOOOOOL!:P ...come eri snob..però..cose raffinate!xD
    muahauahau...sto ancora ridendo..:P Troppo bello nella fotuzza!*.* indifeso =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ero snob anche da piccolo... ho pur sempre una corona regale perenne sulla testa XD

      Moz-

      Elimina
    2. ....ma sentilo!xD Non ti avrei difeso..avresti dovuto essere soltanto indifeso =P gnè gnè xD
      buona stetimana ;D

      Elimina
    3. Un po' e un po' :p
      Buona settimana anche a te, baby!

      Moz-

      Elimina
  30. :-) hai una bella famiglia

    Nuvola

    RispondiElimina
  31. Ahahah grazie Nu!
    Sinceramente... lo penso anche io ;)

    Moz-

    RispondiElimina
  32. I genitori sono uno degli aspetti più importanti della vita(non vorrei dire cose).

    Spesso nutrono verso noi un amore incondizionato, nel bene e nel male.

    Sia teoricamente che praticamente sono nostre continuazioni e viceversa. Siamo le foglie più verdi dello stesso albero.

    E' sempre verso la fine di qualcosa che si realizza meglio ciò che è ed è stato importante. Imparte ti hanno reso quello che sei, ma secondo la mia teoria l'educazione dei genitori ha un'influenza modesta sul piano individuale. Siamo quello che siamo sopratutto grazie a noi stessi, grazie a come decidiamo di impostare la nostra vita, di reagire alle innumerevoli dinamiche umane. Nel battesimo del fuoco siamo sempre da soli, ed è giusto che sia così.

    I genitori sono ottimi compagni di vita che cercheranno di arrichirci con i loro bagagli (seppur pacchiani e/o retrò).

    Per un tempo, per dei precisi istanti, siamo esistiti in due individui distinti per diventare una cosa sola, e forse lo diventeremo ancora.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, sono completamente d'accordo con te.
      Infatti io sono grato ai miei per non aver mai soffocato la mia individualità (e sai quanto ci tenga, a questo concetto e aspetto...!)

      Moz-

      Elimina
  33. Miki ciao, dii a quell'anonimo, anzi lo dico io, che sono molto anziana e quindi sono una smemoranda!!! Ora ho capito cosa studi, grazie!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!^^
      Oddio non credo si riferisse propriamente a te, perché quella cosa me la domandano in molti ultimamente XD
      Però esiste una sezione apposita, "About me", dove spiego... chi sono :)

      http://mikimoz.blogspot.it/p/about-mi.html

      Moz-

      Elimina
  34. Che bel post :)

    La mia situazione differente: mio babbo non ha mai messo becco nelle cose scolastiche, per ovvi motivi :D

    Mia mamma però non ha mai voluto spiegarmi nulla, nel senso che non ha mai voluto mancare di rispetto alle mie insegnanti. Se non capivo qualcosa, dovevo per forza chiedere loro la mattina successiva. Sia lei che mia sorella però mi hanno spesso aiutato 'interrogandomi' e ascoltando le mie lezioni quando le ripetevo, prima di compiti, interrogazioni ed esami.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille :)
      Beh, avere una mamma maestra ha i suoi vantaggi ma anche seccature XD
      Giustissimo il comportamento di tua madre!^^

      Moz-

      Elimina
  35. Risposte
    1. Sai che mi avevi scritto la stessa cosa nel 2013? :)

      Moz-

      Elimina
  36. che bel post, miky!

    anche io mi sono laureato nel 2010 (triennale) in circa 4 anni... e caso volle che la prof. mi firmò la tesi giusto il giorno del mio 23^ compleanno! però ho fatto schifo alla specialistica mettendocene altrettanti e pesando sui miei un anno in contemporanea con mia sorella...

    RispondiElimina