> RE/CORD #4 - prodotti scolastici


MOOZIK - ANOTHER BRICK IN THE WALL (PINK FLOYD)

September. Il mese in cui si torna a scuola. Ci ho messo piede per la prima volta nel settembre del 1988.
Una vita fa. Questo settembre 2013 invece è, dopo anni ed anni, come i settembre del 1983, 1984, 1985, 1986, 1987.
Posso dire una cosa? La scuola, lo studio... in fondo un po' mi mancano. O forse, chissà.
Oggi voglio rimembrare tutti quei prodotti storici e topici che hanno segnato la nostra vita scolastica.
Tra una poesia di Pascoli e una tabellina, tra le regioni confinanti con il Trentino e la Prima Rivoluzione Industriale, c'erano tanti beni di futile consumo a tenerci compagnia.
GLI ZAINI - Gli Invicta sono i più famosi contenitori a spallacci per tutto il materiale scolastico. Li abbiamo visti in formato "sacca", dalle strisce biance e blu/verdi/rosse ecc..., poi "crebbero" con la versione Jolly e Top, e infine quelli Fluo e big a due vani!
Poi arrivò la Seven e il suo zaino Music, con le cuffie. E poi ancora quelli con le ruote e la maniglia stile "carrello della spesa delle vecchine".


LE CARTELLE - cadute in disuso già nei primi anni '80, forse perché molto scomode rispetto allo zainetto, ogni tanto tornano alla ribalta magari aggiungendo una tracolla. Ai miei tempi i modelli più famosi erano quelli con le immagini di He-Man e Barbie.


GLI ASTUCCI - alle elementari chi ce l'ha più grosso è più figo. Parlo dell'astuccio. A due piani, addirittura a tre piani: le femmine lo tenevano tutto in ordine, i maschi tutto devastato e smembrato.


LA PENNA MULTIPUNTA BIRIBIRO - un pennone impossibile da maneggiare. Spingevi in basso un pulsantino colorato e... tac!, veniva fuori la punta a inchiostro di quel colore.


PENNA REPLAY - l'unica cancellabile, per la fase intermedia tra la deficienza (uso della matita) e l'inizio dell'era adulta (la Bic).


IL DIARIO - ognuno lo cerca marchiato coi suoi beniamini. Che palle quando tutto ciò si riduceva a mere immagini replicate per trenta volte, ogni giorno per tutto il mese. I migliori erano quelli con giochi, scritte, ALTRO oltre lo spazio dove appuntare i compiti per casa...


IDEARIO DISNEY - ...ed è quello che han pensato alla Disney quando, nella prima metà degli anni '90, crearono il morbidissimo Ideario. Due colori, verde fluo o giallo fluo. Copertina morbida. Interno da costruire. Nello spazio per 4 moduli potevi infatti scegliere come impostare il tuo diario, con le tematiche proposte dalla Casa del Topo...

.
SMEMORANDA - per i più grandicelli, era il must del liceo. Inizialmente la versione normale, poi quella compatta. Lo avevano tutti, dentro c'erano pagine redatte da i big della musica e dello spettacolo. E poi vignette, curiosità varie, e tanto altro... Poi arrivò Comix con le altre versioni fac-simile.


GONIOMETRO - non ricordo nemmeno a cosa cazzo servisse. Misurava i gradi di qualcosa, manco dovessimo fare i geometri, a 9 anni.


COMPASSO - per tutti i piccoli massoni delle elementari, uno strumento utilissimo per tracciare cerchi perfetti.


UNI POSCA - by Osama. Non si sa cosa sia Osama, ma questo pennarello è più pericoloso dei terroristi: pubblicizzato con un "non trapassa i fogli", non solo trapassa i fogli ma macchia anche tutto quello che c'è sotto! Forse serviva davvero solo per guarnire un po' le vostre scarpe, le vostre finestre, la vostra stanza coi poster di Simon Le Bon.


COLLA UHU - la colla stick dal tubetto giallo è la colla stick per antonomasia!


COLLA PRITT - la colla stick dal tubetto rosso è la colla stick per antonomasia!


COLLA VINAVIL - usata in quantità industriali nelle scuole materne e primarie, viene ricordata da tutti per il giochino del "farsela seccare sulla mano e poi staccarla via".


COLLAGE - fogli colorati adesivi per i lavoretti dove l'estro e la fantasia venivano forzati da quelle stronze delle maestre. Ma l'arte non si sa quando arriva. Di certo non nelle 5 ore scolastiche quotidiane.


DAS - la pasta modellabile dall'inconfondibile odore. Due minuti all'aria e diventa più dura della pietra. Anche in questo caso era usata per le sculture indotte dagli insegnanti, che calpestavano la nostra verve artistica.


I REGOLI - utili (?) per capire le unità e le misure, questi bastoncini colorati erano la delizia della distrazione: ci si costruivano casette, ci si inventavano avventure... Io le usavo fingendo che i pezzi gialli (da 5 unità) fossero patatine fritte, i pezzi rossi (da 2 unità) fosse il ketchup e quelli bianchi (1 unità) la maionese. Ho sempre pensato al junk food.


ALBUM DA DISEGNO - i Fabriano sono i più noti. Odiosi nella versione ruvida, ansiogeni nella versione già "squadrata" per i compiti di tecnica. Un bel foglio bianco e liscio, invece, è l'ideale. Sempre, per cominciare nuove storie, nuovi disegni, nuove avventure.


Arrivederci ai prossimi ricordi!

137 commenti:

  1. Questo è il primo anno senza campanelle e ricreazioni...Che tristezza!
    Ps. La definizione della penna cancellabile è geniale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La semi-deficienza o la semi-intelligenza XD
      Eh, quindi niente scuola? In fondo, un po', campanelle-classi-ricreazioni e tutto il resto mancheranno sempre...

      Moz-

      Elimina
  2. OMG! Io da buona feticista della cancelleria adoravo l'inizio dell'anno scolastico, la scelta dei quaderni, delle penne, del diario.
    Ma... fra le colle manca la Coccoina. Non mi starai dicendo che non l'hai mai sniffata? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Coccoina non l'ho inserita perché da me non si usava... :)
      Pure io adoravo l'inizio dell'anno scolastico, non solo per la cancelleria, ma anche per i libri. Forse la volta che sono stato più "gasato" fu quando dovevo cominciare le scuole medie... Avrei studiato inglese e non vedevo l'ora, sarà che ho consumato il librone di inglese eoni prima di entrare a scuola XD

      Moz-

      Elimina
  3. Risposte
    1. Ops, non avevo letto il commento sopra!

      Elimina
    2. Come sopra: non si usava molto, da me...
      Ma mi fa piacere che ricordate voi altre cose, dopotutto la mia lista è sommaria, legata a ciò che mi ha colpito di più... Quindi ricordiamo anche altre cose, assieme!^^

      Moz-

      Elimina
  4. Che post!!! Bellissimoooooo!!!
    Il DAS hai ragione...quanto puzzava :-)
    E io lo zainetto a strisce dell'Invicta ce l'avevo bianco e rosa.
    E la Smemo era un bellissima!
    E il goniometro credo di non averlo mai usato in vita mia, pur possedendolo nel mio "corredo scolastico" ;-)

    Grande Miki :D

    Buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi non ti costringevano a fare la geometra a 8 anni! Bene!
      Io ODIAVO goniometro, righelli, squadre, compassi... già, non sarò mai un massone :p

      Il mio zaino Invicta, comprato tra la seconda e la terza media, è ancora qui con me e mi accompagna al mare, in piscina, in montagna ecc... INDISTRUTTIBILE!

      Moz-

      Elimina
  5. Ricordi un sacco di cose.
    Io ho rimosso tutto dal mio inconscio.
    Odio le gerarchie e quindi la Scuola.
    Bel post, Miki.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come puoi leggere tra le righe, anche io non amo la scuola.
      Oddio, per dirla meglio, ho un rapporto strano con questa istituzione.
      Secondo me molte cose sono da cambiare, però io penso di aver fatto un percorso scolastico "giusto".
      A tratti anche molto "permissivo", come alle superiori, dove -fosse stato anche solo 10 anni prima- avrei dovuto bocciare almeno 3 volte.

      I ricordi... beh, sì, ho una certa memoria, mi piace ricordare ma non vivo nei ricordi, vivo il presente cercando di ritrovare (o di non smarrire) le sensazioni belle che si provavano :)

      Moz-

      Elimina
  6. Oddio =°°°°° hai svuotato lo zaino di Sailor Moon che sfoggiavo alle elementari?
    Che ricordi,mamma mia!!! Però hai dimenticato la gomma da cancellare con la parte blu per cancellare l'inchiostro!!! Anche quella era un must!
    P.s. anch'io usavo i regoli come "cibo",solo che a differenza tua ero più "salutista" (quelli arancio erano carote a tocchetti,i rossi il pomodoro,i bianchi aglio ecc ecc)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! La gomma rossastra e blu! Che poi la parte blu era così ruvida che se la usavi...
      ...ti si squarciava il foglio!

      Ahaha, potremmo aprire un ristorante tutto fatto di regoli, io mi occupo della parte carcinomica e tu di quella vegetariana! XD

      Moz-

      Elimina
    2. Certo,e chi mettiamo a tagliare il cibo formato regoli? O serviamo direttamente i regoli con contorno di foglio strappato dalla parte blu della gomma e condito con la colla vinilica? xD

      Elimina
    3. Ecco, la seconda!!
      Ovviamente poi i regoli neri sono la brace e quelli marroni la carne XD

      Moz-

      Elimina
  7. Ciao,
    ma tu sei un anno più grande di me!!! dalle foto credevo avessi 25 anni ;)
    mamma mia quanti ricordi mi hai fatto riaffiorare con questo post, io adoravo la penna multipunta, poi fecero anche quella profumata, io usavo sempre il rosa perchè odorava di fragola :D
    E poi la smemo, anni e anni di cavolate scritte e disegnate, piena di dediche e ricordi. Con i regoli io ci costruivo le case e poi le distruggevo, forse dovevo studiare ingegneria o architettura ahuahuahuhaua, visto che anche i fogli del collage avevano un uso legato alle case, ci disegnavo sopra poltrone e sedie e poi ritagliavo l'oggetto e l'appiccicavo sulla carta millimetrata che utilizzavo per fare le piantine delle case.
    buon week end ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 25? Magari! Ne ho trenta, appena compiuti (con tanto di video pre-trentesimo, che se non hai visto ti consiglio di farlo così capisci che di anni non ne ho né 30, né 25 ma 12! :p)

      Beeeeh, ma eri un architetto! Addirittura la carta millimetrata! Io non ci sarei mai riuscito, odio le "gabbie" e avrei sicuramente sbordato ...
      ...per questo andavo male in Ed. Tecnica, tranne quando era mia madre a farmi le tavole!! :p

      Moz-

      Elimina
    2. 30...allora siamo coetanei (classe 83 la migliore!!!) non ho visto il video, ora vado a sbirciare...
      si, ero un po' fissata e ancora oggi progetto come vorrei la mia casa, particolare e strana... -.-'

      Elimina
    3. Wao! La Classe!
      Viva il 1983! Gli anni col 3 sono i migliori! :)

      Ti svelo una cosa... anche io immagino sempre come vorrei la mia casa... :p

      Il video lo trovi qui, ma non linciarmi, dopo :p
      http://mikimoz.blogspot.it/2013/08/1983-trentanni-e-non-sentirli.html

      Moz-

      Elimina
  8. Non ce n'è stato uno che non abbia usato!! Pure il diario di Paperino *_* quanto mi piaceva!! Anzi, non ho usato i regoli, li usò mio fratello l'anno dopo che io finii le elementari.
    Le cartelle caddero in disuso (io avevo quella gialla di topolino ed era bellissima :P) perché i libri cominciavano già a pesare 3 quintali e per le nostre schiene non erano comode..
    Però....hai dimenticato la regina delle colle degli anni 80...quelli che tutti sniffavamo...la coccoina!!! Che odorava di mandorla! XD
    Andavo pazza per la smemo...e il das...peccato davvero che se lo dimenticavi di fuori poteva diventare un'arma bianca. Puzzava un po', però era bello usare gli attrezzi per modellarla. Il goniometro era davvero l'attrezzo più inutile...
    Al contrario di molti però non amavo la Biribiro...molte erano profumate..ma io preferivo le penne classiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei la terza persona che cita qui la Coccoina! Siete state tre ragazze, finora. Quindi ne deduco che le ragazze sono quelle più tossiche :p

      Hai ragione però... proprio quando noi si andava a scuola, ci fu quella cosa dei libri di testo che pesavano tre tonnellate, facendoci venire scoliosi, cifosi, gobbe ecc...
      Secondo me era un complotto nazionale per far guadagnare palestre correttive e ortopediche! XD

      Moz-

      Elimina
  9. non ho mai capito la funzione del goniometro se non quella di utilizzarlo come boomerang verso orizzonti inimmaginabili fuori dalle finestre nell'ora di religione .... ho visto la mia generazione venir falcidiata da scoliosi e cifosi varie, ma più che il dantesco tomo era il merendone materno a provocare sui fianchi allargamenti e sulle ossa storture ... i tempi in cui la scuola era il giardino del picnic e avremmo divorato anche la cattedra pur di non sentirci a disagio:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Innanzitutto saluto il tuo approdo sul Moz o'Clock!^^

      Sì, la merenda della mamma era particolare.
      Io ricordo i panini presi, prima di entrare a scuola, in qualche market.
      C'era chi si portava le merendine-che-fanno-malissimo e i salutisti che si sbucciavano arancia o mandarino.
      Le banane invece verso gli ultimi anni di liceo, qualche ragazza nei cessi :p

      Moz-

      Elimina
    2. già, la banana era il cibo più ambito: chi la effigiava anche sulle prime magliette dei velvet underground, chi si feriva le unghie perchè non premeva abbastanza, chi la nascondeva in tasca a mo' di buffalo bill, chi la nascondeva bullandosi altrove e poi aveva il coraggio di mangiarsela, chi ne invidiava il sapore, chi è poi diventata/o apprezzato fruttivendolo:)

      Elimina
    3. Ahahah! Mi piaci, baby! :)
      Io con la banana sai cosa ci faccio? No, non ha a che fare con retto & co(lon): la uso come fosse una pistola e fingo di giocare al poliziotto :p

      Moz-

      Elimina
  10. Io ero filo Invicta, la trovavo tanto alternativa rispetto alla commercialotta Seven. Ero proprio un bimbogigi
    I miei diari era assurdi: ricordo che il mio primo diario era dedicato a quel beota di Topo Gigio, mio padre mi costrinse ad usarlo perchè mi fu regalato da un parente. Non ci scrivevo mai i compiti, visto che me li ricordavo tutti. Con gli anni sono passato ai Comix, per poi finire le superiori con le Agende del 1994 che mio padre non aveva mai usato!
    I regoli li usavamo per le costruzioni (parlo della prima elementare), la colla me la fregavano sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io alle superiori, tranne i primi due anni (Smemo), ho sempre evitato diari o agende, che tanto i compiti o me li ricordavo o proprio non li facevo, quindi sticazzi :p
      Alle medie ricordo benissimo i miei tre diari.
      Prima media: Diabolik, con le tavole dell'episodio "La vittoria di Ginko" (tuttora uno dei miei albi preferiti);
      Seconda media: Best Company, dove si parlava di musica varia (rock, techno, ecc...) molto bello;
      Terza media: Ideario Disney. Tutti mi ci presero in giro perché l'equazione dei poveracci è "Disney=bambini" ma poi tutti lo volevano vedere, lo toccavano ecc... Che gente povera, mamma mia XD

      Moz-

      Elimina
  11. Mamma mia la Uhu gialla era qualcosa di fantastico! Non incollava un cazzo ma la adoravo per il profumo... Avrei tanto voluto assaggiarla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che l'hai assaggiata :p
      Comunque sì, NON INCOLLANO UNO STRACAZZO DI NIENTE, le colle stick. Stick Azzi.

      Moz-

      Elimina
  12. Mamma mia la Uhu gialla era qualcosa di fantastico! Non incollava un cazzo ma la adoravo per il profumo... Avrei tanto voluto assaggiarla...

    RispondiElimina
  13. Oddio, quanti ricordi Moz!
    Con le Replay era una festa! E la penna multicolore che profumava!
    I regoli mi hanno fatto star simpatica la matematica, ma solo alle elementari!
    Il mio primo diario fu di Calimero, con la copertina che cambiava se la muovevi.
    Che ricordi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, vedo che ho spinto anche te a ricordare... bene!^^
      A me fa piacere leggere tutti i vostri ricordi, perché in fondo le cose che abbiamo vissuto sono le stesse!

      Moz-

      Elimina
  14. Vecchia... son troppo vecchia per queste cose! O forse troppo povera, non so!
    Colla di farina e acqua, cintura elastica come cartella e elastico come astuccio!! Sì, decisamente vecchia e povera!!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Sara, per me la povertà è un'altra cosa. ça povertà sono i programmi come Italia's got Talent, la povertà è essere presi (amichevolmente, nel mio caso) in giro perché avevo l'Ideario Disney, che poi tutti volevano leggere e toccare...
      La povertà è quando si è aridi di idee, di forza, di cervello. Non mi sembra il tuo caso.

      Anzi, i tuoi ricordi fanno riferimento a tempi molto molto più ricchi di oggi!^^

      Moz-

      Elimina
    2. Sì, può darsi, ma dire: ai miei tempi sì che si stava bene... ecco... qua sì che mi sento veeeeecchia!!
      ahahahahhaahha

      Grazie Moz, sempre troppo gentile!!
      :-)

      Elimina
    3. Beh, ma è sempre così... nei tempi passati si stava sempre meglio... perciò, siamo tutti sempre più vecchi! ;)

      Moz-

      Elimina
  15. Mi stavo già arrabbiando quando ho letto la colla stick dal tubetto giallo... ma poi ho visto che c'era anche la pritt!!
    Non so se ai tuoi tempi c'era già, ma quando sono andato a scuola io la colla pritt era al profumo di lavanda (o qualcosa di simile...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente sei tornato a farti sentire, caro mio!!^^
      Pritt alla lavanda? No, non lo ricordo proprio... che periodo era?
      Io ho smesso di comperare quaderni e cose varie quasi con l'avvento della Quaxima 80... :p

      Moz-

      Elimina
    2. Considera che io sono un po' piu' giovane di te, i miei ricordi scolastici sono traslati otto anni in avanti rispetto ai tuoi...

      Ora scusami se non resto qui a guardare la tua vetrina preistorica, vado a sorbirmi roba adatta all'intelligenza della mia generazione, tipo
      http://www.youtube.com/watch?v=_U8GCrvHMzo

      Elimina
    3. Ahahaha che pazzo questo Adrian!
      Comunque sì, è roba più della tua generazione, noi non avevamo videofonini per riprendere le nostre cazzate XD

      Moz-

      Elimina
    4. Pero' le facevate anche voi, spero!
      Ti ho citato quella roba perche' questo post mi da quasi l'impressione che tu fossi uno di quegli alunni perfettini tutti presi dai loro quaderni e astucci... immagino che non fosse cosi', ma il post mi dava quella sensazione.

      Elimina
    5. Certo, ma che non hai visto il mio video pre-trentesimo? Questo per farti capire che io le cazzate le faccio tuttora (e le filmo anche :p)
      No, comunque mai stato uno studente perfettino... un bravo studente sì, ma perfettino no^^

      Moz-

      Elimina
  16. L'Ideario, signori miei!!! che hai tirato fuori!! :DDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe, che ti credi!^^
      E' stato il mio diario della terza media!
      Dentro ci avevo attaccato tutte le Eco Stickers e Magic Stickers Panini!
      Non le ricordi? Beh, guarda qui:
      http://mikimoz.blogspot.it/2009/06/revival-le-stickers-panini.html

      Moz-

      Elimina
  17. Mi sento dell'età della pietra perchè tante cose proprio non mi venivano neanche più in mente caro Mozzino mio....
    Qualche odiosità me la ricordo, come gli inutili regoli, il noiosissimo das, la simpatica smemoranda, l'astuccio (il mio) da maschio...,l'odioso conpasso con il goniometro, che non ho mai capito a che cosa servisse...etc etc...
    Acuto osservatore, potresti farmi da spalla nel lavoro, adorato amico mio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sto goniometro, davvero, a cosa cavolo doveva servire? Non ricordo come si usava! Che poi c'era quello a mezzaluna e quello a cerchio... BAH!! oO

      Moz-

      Elimina
    2. Volevo solo aggiungere una delle più grandi inutilità che ci costringevano a comprare : la famosa gomma pane...che serviva a cosa? A cancellare meglio il disegno errato, ma se sbagliavi, le sbavature non andavano più via!!!sic!|

      Elimina
    3. Infatti, la gomma pane la usano i disegnatori professionisti!
      Le mie gomme pane erano usate tutte come antistress, perché le rimodellavo e ci giocavo sempre!^^

      Moz-

      Elimina
  18. ci credi che per il mio prossimo viaggio ho voglia di comprare quadernini per gli appunti.. matite .. penne..
    sarà nostalgia della scuola?
    Volevo persino uno zaino da viaggio! Bah! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe, già rimpiangi la scuola?
      Io comunque un anno alle medie me lo rifarei volentieri... con la stessa energia, le stesse passioni e la stessa spensieratezza di allora!

      Moz-

      Elimina
  19. Moz, ma sai che ho visto i PicolOreal al Tesco? Li hanno rifatti e hanno aggiunto nuovi colori! Ho visto anche una pubblicità della Coccoina, in italiano, degli anni '50 credo, che diceva "il mio è un ufficio moderno, noi usiamo la Coccoina" fosse stata degli anni ottanta avrebbero usato la cocaina... Questione di epoche!
    Io comunque tifo per la Pritt

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' in Italia che non ci sono più... mentre all'estero, ho visto, non sono mai spariti!
      Ahaha, il mio è un blog moderno, sniffo la coccoina!^^

      Moz-

      Elimina
  20. Ciao Moz,DOMY
    Quanti ricordi.....Tranne i regoli,tutto tutto ciò che hai descritto è stato contenuto,nel corso della mia dalla mia vita scolastica,dalla mia cartella prima e dal mio invidiatissimo zaino Invicta fluo dopo. :) La Smemoranda,un must.Conservo gelosamente quella dell'ultimo anno di scuola superiore. Ah,avendo frequentato l'istituto d'arte,mi permetto di aggiungere i pastelli Caran D'ache che si potevano inumidire e davano un effetto acquerello. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao DinaMita!^^

      Molto bello leggere i tuoi ricordi!
      I pastelli acquerellabili li ho comprati anche io una decina d'anni fa, e mi piacciono un sacco!
      W gli zaini Invicta, sempre!^^

      Moz-

      Elimina
  21. Oh beh, ma tante di queste cose ci sono ancora, per esempio, io uso sempre l'edizione compatta della smemo, ancora un anno e poi basta, ma lo faccio ancora xD
    Gli zaini invicta c'erano ancora quando andavo io alle elementari, solo che io non ne ho mai comprato uno, ero alternativa o senza soldi, fai un po' tu. Ah, e le penne cancellabili, la verità era che non cancellavano assolutamente niente e che non vedevo l'ora di sbarazzarmene. "Per domani comprate le penne cancellabili: blu, nera, rossa e verde" che odio!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, so bene che esistono ancora (ho comperato un Uni Posca rosso pochi giorni fa, ovviamente macchia ancora più di prima!)
      A me piaceva leggere i diari delle mie compagne di scuola, pieni di puttanate, frasi ad effetto, dediche sciocche... :)

      Le maestre erano d'accordo con le cartolibrerie, altrimenti non me lo spiego!^^

      Moz-

      Elimina
  22. Anch' io avevo la cartella ed anche il Diario dei Masters alle elementari, anche se durò fino a gennaio, visto che io e mio fratello per scherzare scrivemmo delle parolacce e mi fu sequestrato dalla Maestra dopo la spia di una compagna di classe. :-(
    Comunque Bel Post, molti oggetti hanno fatto parte anche della mia vita scolastica, ancora adesso mi sembra di sentire l' odore del Das e del Vinavil. :-P
    Che tempi quelli, ma rimpiango solo la spensieratezza e la possibilità di passare ore ed ore solo dedicate al gioco, il che comunque non è poco da rimpiangere, tutt' altro. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che stronza la tua compagna di classe!! Che parolacce avevate scritto? Immagino non più di cacca, pipi, culo... :p

      Comunque io credo che l'uomo, di suo, dedichi SEMPRE del tempo al gioco. Certo poi i giochi cambiano, ma cambiano solo forma^^

      Moz-

      Elimina
    2. Alla fine di ogni pagina del diario c' era l' immagine Random di tre, quattro personaggi dei Masters ( Mermen e Beast Men li ricordo sicuro ) a cui noi aggiungevano le nuvolette con epiteti vari, non molto dissimili da quelli usati da te, anche se in dialetto Calabrese. :-)
      Hai ragione, il mio passarmi il tempo quando non ho nulla da fare modificando giocatori, maglie e formazioni di Pes 2013 credo rientri in quest' ottica. :-)

      Elimina
    3. Quindi erano tutte parolacce con l'iniziale aspirata? :p
      Beh, sì... ognuno trova il suo modo di giocare...^^

      Moz-

      Elimina
  23. Eh che è tutta sta roba? Mi sembra un pò uno spreco inutile di oggetti inutili. Comunque smemoranda la usavo anche io. Oggi uso uno zainetto di stoffa jeans (quindi in linea con le mie idee contro l'uccisione di animali) con una moleskine nera con una penna rossa...per ricordarmi un pò i tempi universitari.
    Abbraccio sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che io ho una sacca a zainetto della Levi's, da secoli e secoli, di jeans verde, a cui tengo molto? Non ci entrano molte cose dentro, ma è utilissima.

      MozAbbraccio

      Moz-

      Elimina
    2. Mitico! Conservala, mi raccomando...
      PS a furia di leggere te e i tuoi amici blogger sto imparando a parlare come voi. La cosa mi diverte...ihihihih

      Elimina
    3. Ahaha perché, come parliamo?? :)
      Comunque sì, certo che la conservo^^

      Moz-

      Elimina
    4. Ciao miki, mi manderesti qualche foto della sacca levis. A me la rubarono e non sono più riuscito a ritrovarla. Vorrei rifarla fare in sartoria, ma non ricordo come era fatta. E sul web neanche riesco a trovarla. Saluti, mario

      Elimina
    5. Mario ciao e benvenuto a bordo; in questi giorni mi è impossibile esaudire la rua richiesta perché mi trovo a casa in Puglia e la sacca la ho in Abruzzo.
      Tieni d'occhio i nuovi post perché a novembre giuro che metto la foto della sacca! :)

      Moz-

      Elimina
  24. Quanti ricordi! anche perchè, praticamente, ho avuto tutte le cose che hai elencato :D Compreso il passaggio Invicta vecchio di mio fratello più grande/Seven nuovo tutto mio con tanto di astuccio ecc.. :D

    Ehhhh :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh!
      Ma infatti ho notato una cosa: ultimamente, tranne che per il revival della sacca a strisce, o per zaini tecnici, l'Invicta non è più usata come zaino scolastico...! Oo

      Moz-

      Elimina
  25. A parte i regoli e l'ideario ho usato ogni oggetto da te menzionato :)
    A proposito delle penne invece: lo sai che quella multicolor è di nuovo tra noi? E l'odore dell'inchiostro colorato è proprio quello lì! Mi sono fatta delle gran sniffate di ricordi quando sono arrivate in libreria!
    Invece le replay hanno sempre costituito una grande frustrazione per me: essendo mancina, ripassavo per forza con la mano su quanto avevo scritto, per cui il foglio diventava un disastro e la mia mano pure!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I mancini senza problemi sono i giapponesi, allora... che scrivono da destra a sinistra XD
      Quindi lavori in una cartoleria? Woow! E' un mondo che mi piace, caldo e colorato!

      Moz-

      Elimina
    2. No, lavoro in una libreria, ma ormai nelle librerie si vendono, penne, quaderni, pupazzi, strumenti musicali, gomme da masticare, grembiuli da cucina, mouse e mousepad, lucidalabbra, bijotteria, orologi da polso e da parete e tanto altro ancora! Tra cui, a volte, dei libri...

      Elimina
    3. Eh, lo so... stessa cosa le edicole. Forse ci trovi i giornali, altrimenti sono diventate un bazaar! :)

      Moz-

      Elimina
  26. Noi Jene abbiamo vissuto le scuole in decenni diversi e ce ne ricordiamo di cose...
    Ma li vedi i bimbi minkia di adesso come sono messi?
    Se non hanno firmate anche le mutande non si sentono alunni, hanno perso la bellezza dell'andare a scuola...
    Che tristezza!
    Un saluto zamposo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho vissuto la fase intermedia, dove potevi andare a scuola con la tuta e le scarpe NON sportive, ma poco a poco badavi anche tu a come vestirti... erano gli anni '80-'90 dopotutto!
      Quando l'edonismo era ancora fluo e innocente, mentre oggi è proprio come dite voi...

      Moz-

      Elimina
  27. quanti ricordi...
    quanti bei momenti trascorsi pensando:"Non vedo l'ora di uscire PER SEMPRE da qui..." e poi trovarsi a sentire forte la mancanza della quotidianità scandita dalla campanella...
    ti odio Moz, mi stai facendo sentire una vecchia vetusta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhh allora io cosa dovrei dire?
      In ogni caso, sai una cosa? Rifarei volentieri le scuole medie :D

      Moz-

      Elimina
    2. io no.
      le medie sono state un periodo troppo incasinato, dove non mi sentivo ne carne ne pesce ne fetta di torta paradiso...
      il liceo piuttosto...

      Elimina
    3. Ebbè, ma te sei una ragazza!
      Alle medie non sapevate cosa volere, piangevate di botto, eravate in una fase che vi piacevano i tizi più grandi ma quelli non vi si inculavano di pezza...
      Noi maschietti invece lì ci divertivamo ancora in un mix tra il bambinesco e le prime cose da grandi :)

      Moz-

      Elimina
  28. Ho letto questo post dal telefono giorni fà ma dal telefono odio commentare....
    che dire ..LO ADORO!
    Io amo alla follia i post nostalgici che mi mettano davanti agli occhi oggetti del mio passato ...
    e vedere la Smemo, il mitico Astuccio o le penne di dieci colori mi fa venire i lucciconi!
    Ma com'era bello all'inizio dell'anno scolastico ,
    con lo zaino Invicta nuovo fiammante,
    tutte le penne nuove senza nessun tappino ciucciato (ebbene si , io sono sempre stasta una grande divoratrice di tappini di penne bic..) , i quaderni perfetti dove all'inizio ti sforzavi di essere super ordinato e scrivere bene ...
    per poi mollare il colpo ancora prima di Natale...

    O ancora il Vinavil cn cui mi cospargevo le mani
    o il compasso con il quale facevo meravigliose incisioni sul banco ( me possino.... ) ...
    Bellissimi ricordi....


    p.s. Ho cancellato il commento precedente perchè davvero troppo pieno di errori di digitazione... Chiedo venia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho rimosso il commento precedente, no prob!^^

      Hai ragione, Silvietta... anche io ero sempre eccitato dall'inizio dell'anno scolastico. Tutto perfetto, quaderni senza manco una sbavatura, diario ordinato, penne luccicanti... e poi? A ottobre massimo novembre, il caos! Ricordo di un libro, alle elementari, che avevo devastato. I diari li massacravo a tal punto da cacciar via la spugna che imbottiva la copertina...!
      Le gomme vivisezionate col compasso? Ne vogliamo parlare?^^
      Ah, io moccico le penne tuttora :p

      Contento che l'articolo ti sia piaciuto! Purtroppo però era anche l'ultimo REVIVAL della stagione... ma potrei ripensarci... :)

      Moz-

      Elimina
  29. il mio zaino invicta mi serve ancora, è la cosa più vicina a uno scudiero che abbia mai avuto durante gli anni passati alla dura ricerca del graal, ne ha viste di ogni e non si è mai lamentato di niente, un vero eroe, segnato da cicatrici e mutilazioni di infinite battaglie ma ancora capace di svolgere il suo compito egregiamente (anche perchè non è mai stato un paggetto da ricevimento reale, il suo mestiere era e rimane l'avventura).

    i diari io li preferivo bianchi, che tanto passavo le ore a pasticciare, comunque il preferito, da giovine giovine, era quello di Jacovitti, poi ho smesso di preferirne, infine, alle superiori, di averne.

    i regoli li ho arruolati come soldati alieni da contrapporre ai soldatini, poi hanno avuto una breve carriera calcistica immaginaria, poi sono stati materiali da costruzione per scenari guerreschi. uno degli strumenti più versatili mai avuti a scuola, non ci ho mai fatto di conto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, il mio zaino Invicta capirebbe benissimo il tuo. Ha delle cicatrici, ma ne ha passate e viste tante. Ha visto tutto il mio liceo. Molte mie giornate al mare, molte in montagna. Ha visto le mie interrogazioni, le figuracce, ha preso i calci dai bulli, è stato poggiato a terra con poca grazia da me... Insomma, è un mito e lo tengo ancora qui accanto.

      Ottimo uso dei regoli, baby!^^

      Moz-

      Elimina
  30. Quanti ricordi, e che lotta per gli zaini firmati delle mie ragazze, devo dire che però ne valeva la pena perchè duravano anni, mentre altri tipi si rompevano e deterioravano prestissimo. La mia prima cartella era in pelle nera ruvida e durò per i fatidici 5 anni, poi arrivarono le cinghie di gomma colorata, erano un vero cult tra noi ragazze. Bacioni e buona serata ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, gli anni '80 col loro fluo la facevano da padrone!
      Io mai fatto una guerra per lo zaino, ma sono stato contento di avere l'Invicta che con me ne ha passate -e continuerà a passarne- tante.

      Moz-

      Elimina
  31. Tutto questo, ed i successivi anni, mi mancano quanto mi potrebbe mancare un calcolo renale di 3 mm.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha quindi immagino che tu sia contento come stai oggi^^

      Moz-

      Elimina
  32. Miki ciao, sono stata fortunata di non dovere andare a scuola in questi anni, ricordo che avevo una cartelletta e un astuccio bruttissimo ma per me era stupendo e una gomma, una matita, e i colori, il compasso me l'hanno comperato verso la terza media, se ricordo bene! Troppo benessere, troppo peso sulle spalle dei ragazzi, zaini di marca zeppi di libri che probabimente ne vengono aperti pochi. Quando andavo a scuola non era un mostrarsi il piu' figo o il piu' borghesino, tutti bambini uguali, tutti poveri. Ora è veramente triste vedere questi studenti e queste ragazze troppo esagerate in tutto e non voglio fare della morale ma il troppo storpia......Tu dice che quasi quasi hai nostalgia degli anni della scuola, un pochino ce l'ho pure io erano anni spensierati, fino alla terza media, poi sono uscite le crisi esistenziali e allora sono stati danni.....Notte dolce e serena e allegra, non camminare di notte sui tetti è pericoloso, ti ho visto l'altro giorno su un cornicione...........hahhhahahaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio non capisco a cosa ti riferisci con la frase del cornicione... scusaaaa!!^^

      Comunque hai ragione, la penso come te: il troppo benessere ha portato a tutto questo. Libri che non vengono aperti, schiene curve, oggetti inutilizzati, pesi inutili.
      Io rifarei tranquillamente gli anni delle medie, davvero spensierati, ricchi ancora di giochi ma anche di nuovi interessi... :)

      Moz-

      Elimina
  33. Mamma mia che ricordi!!ora in pochino sto' rivivendo il percorso con il bacarospo grande. Quest'anno ha chiesto la sua prima Smemo.. quasi mi veniva voglia di scriverci su...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande... la Sposa sul Moz o'Clock!^^
      Beh, tuo figlio ha buon gusto, pensa se ti avesse chiesto l'agenda Comix! :p
      Scrivici qualche frase anni '80, farà scena!^^

      Moz-

      Elimina
  34. Ciao Miki! Che ricordi mi hao fatto tornare in mente! Mi ricordo i regoli, gli oggetti più inutili che io abbia mai comprato ahah..per non parlare della mitica penna con tutti quei colori! ;) Anche a me un po' mancano quei momenti.. Più si cresce più non ci resta che ricordare questi momenti che hanno segnato la nostra adolescenza! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fede!
      E' vero, crescendo non possiamo far altro che ricordare quelle cose. Io non voglio vivere di ricordi, voglio solo che la mia vita abbia momenti piacevoli come quelli che ricordo... :)

      Moz-

      Elimina
  35. che meraviglia Miki!
    ma solo io toglievo il pennone e scrivevo con tutti i colori insieme?
    no nabì...sicuramente se mi leggo 88 commenti qualcuno avrà fatto sicuramente come me vero?
    veeeero?
    comunque io avevo lo zainetto della o'neil abbastanza in voga ai tempi delle medie.
    la smemo è la smemo ma se ti dico che nel 1989 avevo il diario di jovanotti in prima media perdo tutta la tua stima?
    Nabiki

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eri una vera paninara se avevi il diario di Jovanotti nel 1989!! Wao!

      Quanto al pennone... nessuno l'ha detto nei commenti precedenti! Ma io ricordo che questa cosa veniva fatta, altroché! XD

      Lo zainetto O'Neill ce l'ho ancora anche io, lo usavo in terza elmentare e sicuramente fino alla quinta... E, ti dirò, l'ho usato anche AL PRIMO ANNO DI UNIVERSITA', e forse oltre... tutto colorato fluo... ahaha che pazzo! Però grazie a quello ho acchiappato una tipa che mi credeva tutto artistico XD

      Moz-

      Elimina
  36. Ma qui proprio nostalgia portami via!! Mi mancano troppo quei tempi. Io ancora ricordo la mia vecchia cartella di Sailor Moon con il diario coordinato, perchè se le cose non erano marchiate Sailor Moon non eri nessuno, almeno nella gang delle bambine. Il Das poi mi fa venire in mente l'asilo, dove con questo prodotto io mi limitavo a creare lumache, ovviamente le maestre perfide non riuscivano a vederne l'arte u.u Ufff vorrei proprio tornare indietro nel tempo. Qualcuno mi dia un Tardis!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le maestre non è che non vedono l'arte... sono così aride (come tutta la scuola) che non percepiscono l'estro.
      Se esci dai binari sei un pazzo... tutto qui!
      SailorMoon era ai tempi di mia sorella... intendo come prodotti, perché per quanto mi riguarda, sono un fan di SailorMoon: non te lo aspettevi, vero?^^

      Moz-

      Elimina
    2. Guarda le mie maestre erano perfidissime, specialmente una che già all'epoca aveva 70 anni, altissima, vecchissima e soprattutto acidissima!!
      Hahaha ma ovvio, ma come si fa a non essere un fan di Sailor Moon scusa?? Io proprio l'altro giorno stavo facendo una bella maratona anni '90 tra Sailor Moon e Hai Paura del Buio?. Anzi quasi quasi recupero pure Xena! Mi mancano tantissimo quegli anni :(

      Elimina
    3. Eh, ti capisco... erano -assieme agli '80 che però non ho vissuto appieno- anni davvero spensierati e colorati. Perché noi eravamo spensierati^^

      Le maestre... che dire, certe avevano lo spirito giusto, altre non erano proprio al passo coi tempi...

      Moz-

      Elimina
  37. Che fantastico post e quanti ricordi, Miki, via via che scorrevo le immagini pensavo "Già anche questo...e questo etc etc", praticamente ogni oggetto da te presentato mi riporta indietro nel tempo!!!
    I regoli li usavo anch'io più come costruzioni che per matematica alle elementari:)
    Sempre alle elementari le Replays, invece, sempre stata amante dei colori, la mitica penna multicolors ho continuata ad usarla anche fino alle superiori:)
    La mitica colla Vinavil sempre alle elementari e dopo è subentrata la Pritt o la UHU dal tubetto giallo ma a tal proposito, ma sono proprio l'unica a non aver mai sentito neanche nominare la colla Coccoina?!?^^
    E poi gli Uniposca, quanti diari e quanti astucci e zaini via via ci ho imbrattato...gli adoravo^^
    Ed infine la mia passione: I diari!!! Ciò che sceglievo con la massima cura possibile:)
    Non ricordo benissimo di cosa le comprassi, ma di certo all'inizio dell'anno avevano un aspetto composto e relativamente sobrio e già a metà anno iniziavano a mutare pelle ed erano molto più "svaccati", a fine anno poi erano irriconoscibili!!! Ci scrivevo e ci attaccavo di tutto (e si anche i compiti^^) ed i miei diari spesso erano a giro per la classe per ricevere dediche e firme dai miei compagni/e che molto spesso me li chiedevano per leggerli!!!^^

    Io comunque sento la mancanza della scuola, quell'atmosfera è per me ricca di splendidi ricordi:)

    Un bacione

    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mary! :)
      La Coccoina non l'ho usata mai neppure io... se ti può consolare. Non siamo stati sniffatori di quella colla XD
      I miei diari erano come i tuoi... ho ricordo di quelli delle medie: prima media Diabolik, seconda media Best Company, terza media Ideario Disney.
      Ovviamente dopo i primi mesi erano tutti DEVASTATI, sventrati, la spugna che imbottiva la copertina era deflorata XD

      Un MozAbbraccio,

      Moz-

      Elimina
  38. ehm ci sono un po' di errori ortografici qua e là, chiedo venia^^

    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla, so che sono sviste per distrazione e fretta :)

      Moz-

      Elimina
  39. Che meraviglioso salto nel passato!!io i regoli non li ho mai usati...E la smemo...ancora ho quelle delle superiori in soffitta dai miei e guai a chi me le tocca!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bello leggere quali "ospiti vip" scrivevano sulla Smemo a quei tempi^^

      Moz-

      Elimina
  40. Hai mai pensato alla terza laurea? :)) Non credo tu abbia difficoltà a studiare. Secondo me tra qualche anno ci penserai...Sei ambizioso e iperattivo...chissà :)
    Baciotto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho faticato così tanto per prendere la prima che sinceramente non credo di aver voglia di rimettermi ancora a studiare forzatamente... Magari, un giorno, potrei fare un master o qualche corso aggiuntivo... :)
      Sì iperattivo lo sono, ma ambizioso non so^^

      Moz-

      Elimina
  41. Il vinavil per noi era la colla per eccellenza,le altre sono venute dopo;il das anche lui come il vinavil ,un odore che mi è restato nelle narici. il goniometro non ho mai capito a cosa servisse, se mi fai un riassunto veloce,così tanto per non fare brutta figura durante le conversazioni sulla scuola.cafè

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha! Se ben ricordo doveva servire a misurare gli angoli o qualcosa del genere... ovviamente utilizzato per qualche materia assolutamente inutile per un bambino di 8-9 anni :p
      A volte gli odori restano più impressi dei ricordi... già!^^

      Moz-

      Elimina
  42. azz, ho fatto i punti anzichè le virgole:stanza semi-buia!prossimo post sulle merendine scolastiche,così mi rinfreschi la memoria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti preoccupare, ho capito bene ugualmente il tuo messaggio! :)
      Un post sulle merendine è già in programma, merendine vecchie e nuove... e come sono cambiate: stay tuned, che passo ad avvisarti quando lo pubblicherò!^^

      Moz-

      Elimina
  43. Tranne le cartelle, ho condiviso un po' tutti gli oggetti che hai elencato (l'Ideario però era di mio fratello... che nervoso, a me il semplice diario): i regoli alla fin fine venivano usati per giocare tipo subbuteo, però più pezzente: il regalo 1 era la palla, i 2 e 3 i calciatori, con gli 8 o 9 o 10 la porta. Ecco cosa si faceva a scuola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per caso hai ancora l'Ideario in casa? Se sì, fotografalo anche nell'interno che voglio rivederlo! Purtroppo non se ne ha notizia! :(

      Chi ha creato i regoli doveva essere un genio del male che mirava a minare le fondamenta del sistema scolastico XD

      Moz-

      Elimina
  44. ..muahauah..ho sempre odiato la Smemo..costava tanto ed era vuota!o.O ..alle medie/ginnasio andava di moda il diarrio dell'Onyx, Anne Geddes e l'agenda delle ragazze!mauahauahauh xD
    Non hai mai usato i pastelli a cera?xD
    I regoli li ho sempre ritenuti inutili..pensa che li avevo completamente cancellati dalla memoria!
    Ah, la scuola!xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come vuota? Era piena di inserti XD
      Certo, i pastelli a cera li ho usati fino ai primi anni delle medie... in giro per casa qualcuno c'è ancora. Mi divertivo a spaccarli a metà ma non succedeva niente perché l'etichetta adesiva teneva insieme le parti! :)

      Moz-

      Elimina
  45. Piango! Ora invece fogli svolazzanti, appunti incomprensibili, agende poco colorate...universitá di merda!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I fogli svolazzanti e le dispense sono la croce degli universitari! :(

      Moz-

      Elimina
  46. cavoli cosa mi hai fattto ricordare!! avevo rimosso quasi tutto..tranne il das e i disastri che combinavo con quella pasta. ma esiste ancora?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes! Il Das ha modificato solo un po' il logo, ma esiste ancora... non si è seccato XD

      Moz-

      Elimina
  47. ma io ti adoro!!! ricordo tutte queste cose!! Allora zainetto invicta dalle superiori (alle medie avevo quelli tarocchi che duravano tre mesi e poi si strappavano le bretelle), la cartella alle elementari ma non ricordo di quale personaggio barbie no perchè costavano tanto e non me le hanno mai comprate :P L'astuccio alle elementari come quelli che hai mostrato ma non ero molto ordinata quindi mischiavo pastelli pennarelli e la prima cosa che perdevo era la gomma :D Biro multicolore anche quella in versione profumata (ogni colore un profumo), le replay mi pasticciavano sempre la mano quando scrivevo forse perchè si asciugavano lentamente :D Ideario lo ricordo ma non l'avevo, goniomentro avevo anche quello a metà ma come te non ricordo come lo usavamo, uniposca mi pasticciavo le scarpe, la colla uhu l'ho scoperta tardi invece sì alla pritt alle elementari la usavamo sempre nei vari progetti ad esempio per incollare foglie oppure per i lavoretti che dovevamo fare per i genitori a natale e ricordo che ad un certo punto si staccava dal tubetto e la usavamo con le mani XD smemoranda tutte superiori quella compatta che usavo non per i compiti che scrivevo su fogli e quaderni ma per cazzeggio puro, collage non lo ricordo proprio il das *_________________* adoravo e adoro il profumo!!! i regoli quanto mi piacevano io ci giocavo e usavo per costruire recinti per la mia fattoria di animali in plastica perchè non ho mai imparato ad usarli, gli album in fine a me piacevano ruvidi perchè li usavamo per il disegno invece i lisci per tecnica ed ero una capretta in quello XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oddio scusa non mi sono resa conto di aver scritto poema

      Elimina
    2. Ahaha no prob, anzi!^^
      Cooomunque, la Smemoranda (che oggi mi sembra essere stata un po' soppiantata da Comix e cazzi vari) era mitica e anche io la usavo più per cazzeggio che per appuntare compiti (che mai avrei fatto, comunque :p)
      Se ripenso all'odore della penna profumata, mi vengono in mente l'aula scolastica e gli anni '80 :)

      Moz-

      Elimina
  48. Goniometro in effetti mai usato in vita mia xD La colla Uhu ero tentato di mangiarla... aveva un odore di mandorle fantastico, però non incollava una mazza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha vero, profumava di mandorle (come il cianuro :p)

      Moz-

      Elimina
  49. MOZ! Hai dimenticato la mitica colla COCCOINA che profumava di mandorla!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, è che non la usavo... dalle mie parti evidentemente non era un must :)

      Moz-

      Elimina
  50. Io non vedevo l'ora di inaugurare il nuovo diario, le smemo del liceo le ho ancora. C'era tutto tranne che roba di scuola, in un certo senso rappresentano il mio primo blog :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, ahaha! I diari scolastici sono come dei blog ante litteram!
      Io avevo la Smemo ma forse quello Best Company della seconda media è stato il top^^

      Moz-

      Elimina
  51. Moz, che viaggio per direttissima in prima elementare! Avevo la cartella di Topolino quell'anno. E poi il Collage! Quanto li usavo quei fogli! E i regoli!
    Io aggiungere i anche i quaderni con i diversi formati di righe e quadretti a seconda della classe.
    Che bel post nostalgico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quanto erano brutte le righe... di terza (mi pare)? Quelle con vari spazi, spero non esistano più che davvero sono atroci XD
      Grazie Mar, viva i regoli^^

      Moz-

      Elimina
  52. Anche io avevo iniziato con la cartella, poi sono passato allo zaino :D.

    Una carrellata veramente esaustiva!

    I regoli li amavo, ci giocavo anche a casa :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche quelli torneranno sul blog, perché............ sì, ho ancora i miei regoli originali^^

      Moz-

      Elimina
  53. Ossignur cosa hai riesumato!!!!
    1) zaino invicta per la vita, l'ho acquistato solo all'inizio delle medie ma il mio PRO-4 è nuovo ancora oggi. strausato anche per i viaggi. indistruttibile.
    Ho anche la versione a righe, ma rosa, ovviamente, rubata a mia sorella più grande.
    2) la cartella come in foto ce l'aveva un mio caro compagno... mamma che ricordi!
    3)l'astuccio io non l'ho mai avuto "con i piani"
    4) birobiro... l'adoravo, alcuni colori profumavano anche!
    Ne ho trovata ancora una in commercio e l'ho regalata ad una bimba che cominciava la scuola... lei mi ha detto "Ma cos'è sta roba?" ???? Io e sua mamma avevamo gli occhi a cuoricino... ma come... cos'è??? E' un must!!!!
    5) non ho mai usato le replay, da noi andavano le di moda le odiosissime stilografiche... per anni ho avuto il dito medio blu, ho detto tutto.
    6) il diario... che roba!!!!
    7) il goniometro misura i gradi degli angoli... (cioè l'appezza o meno degli stessi) la cosa più inutile della terra... chi lo aveva rotondo lo usava tipo freesbie.
    8) il compasso, altra roba inutile... quante cxxx di volte mi sono punta lo sa solo il Signore.
    9) uni posca. ancora oggi nel mio cassetto.
    10) colla.... ma la UH in tubetto che se schiacciata più volte formava delle palline... la vogliamo ricordare?
    11) Collage... questo è veramente un flash... ma come facevi a ricordarlo?
    12) das: mai portato a scuola, ma pasticciato tanto a casa.
    13) regoli: anche io li avevo conservati fino a poco tempo fa... io ci facevo i palazzi.
    14) Fabriano, cos'hai contro la carta ruvida? povera...
    scusa se mi sono dilungata, ma in un'altra vita avrei fatto volentieri la cartolaia... sulle cagate in cartoleria non mi batte nessuno! Eli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wao, un'esperta! :)
      Gli zaini Invicta sono davvero invincibili, nomen omen. Io ho quello delle medie e gli ho fatto fare di tutto, ancora campa.
      Bellissimo regalo la penna BiroBiro, praticamente tornare negli anni '80!
      Le stilo giotto macchiavano da morire e non sono waterproof, anzi pare siano a base d'acqua quindi il colore si spande...

      Non ricordo le palline nella colla, ma il Collage non posso dimenticarlo perché ci facevano fare mosaici e forme XD
      La carta ruvida è fastidiosa con la matita XD

      Moz-

      Elimina