> goccia a goccia...


TASSO DI VOLGARITA': 7%
TASSO DI RAZZISMO: 0%
TASSO DI CLASSISMO: 2%

C'è un periodo della mia vita a cui sto ripensando spesso, ultimamente.
La mia adolescenza.
Sì, lo so che sono un eterno dodicenne e quindi sono in eterna pubertà, però anche io ho vissuto l'adolescenza.
Precisamente, il periodo che mi viene spesso in mente, con le sue sensazioni contraddittorie, è quello della fine degli anni '90.
Quando avevo quindici, sedici anni.
Che età strana.
Ci sto ripensando da quando ho affrontato i ricordi confrontandomi con qualcuno che sta vivendo proprio adesso queste sensazioni.


Ricordate la musica di quel periodo? Potrei fare un elenco chilometrico.
Gruppi "da grandi", testi arrabbiati. O poetici. O patetici.
Ma su tutte, la canzone mia di allora fu Goccia a Goccia.
Ed è forse la mia canzone di sempre.
Parla di una persona che deve continuare a scoprire mondi sommersi, dentro e fuori, con il brivido di un'avventura. Per trovare un posto per sé e un equilibrio migliore. Parla di me.
Se ripenso a quegli anni mi vengono in mente i pomeriggi spesi a (non) fare i compiti, o a guardare in tv i video musicali su The Box - Music Television You Control; ore spese nella sede degli Scout, a far qualcosa, a creare, o anche solo a cazzeggiare; pomeriggi di condivisione che diventavano serate in cui mangiare un trancio di pizza e rientrare a casa alle 22 sembrava chissà quale tardo orario.

Mi vengono in mente anche le lunghe mattinate a scuola, passate a cercare di evitare tutto, interrogazioni di greco in primis. Sperare in un ritardo dei professori; la vaghezza dell'entrare o non entrare a scuola.
Ma erano tutti quegli anni ad essere vaghi. Quando non ti rendi effettivamente conto delle cose. Non che adesso io sia migliorato, dopotutto non so ancora bene chi sono né cosa cazzo voglio dalla vita.
Ma parte di quella vaghezza è passata, per fortuna.
La sensazione di noia, di un tempo indefinito. Poche valvole di sfogo e poca concretezza.
Le prime cotte, le delusioni. Che passavano nell'arco -altrettanto indefinito- di pochi giorni.
O forse ero io, chissà, a non provare passioni troppo forti.
Anni strani, a loro modo duri. Il passaggio dalla consapevolezza spensierata e giocosa di un me stesso concreto, a quel lasso di tempo dove tutto sembrava rimettersi in gioco. Un ponte verso ciò che sono ora.
Mi serviva qualcosa o qualcuno, ricordo che volevo uno scooter ma poi non lo volevo davvero così tanto, che comunque sicuramente sarei stato un coglionotto alla guida...; ricordo che avrei voluto andare al concerto del Primo Maggio ma non mi ci mandarono; ricordo bellissimi campeggi e nottate attorno ad un fuoco.

E poi le vacanze ancora coi genitori, che forse ti pesava o forse no, chissà.
La voglia di esprimersi, sempre in modo fumoso, continuamente frustrata dalla livella scolastica.
Ecco, se penso a quegli anni, vedo un me che stava sfuggendo per trovarsi. E chissà se si è mai trovato.
Goccia a goccia, però, adesso ho un mare dentro me.
"Parole e suoni, giocando col domani".

145 commenti:

  1. Anche io ho ricordi assurdi dell'adolescenza.. e anche cose che vorrei davvero seppellire.. ahahahah!
    Bè, ormai è andata, è finita.. godiamoci questa vecchiaia! xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Vecchiaia? Io ADESSO mi sto godendo i miei 12 anni!! E penso durerà fino a quando ne avrò 90! :p
      Un bacione!

      Moz-

      Elimina
  2. Io l'adolescenza non l'ho vissuta per altri motivi, sono diventata adulta a soli 5 anni, quindi non ho mai capito le crisi esistenziali dei ragazzi e delle ragazze quando andavo al liceo.
    E questo ha segnato un bel gap!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Melinda.
      Le tue mi sono sembrate parole amare, mi dispiace molto.
      In ogni caso, dovresti recuperare (con la testa di oggi) qualcosa di quel periodo... prova e dimmi!^^

      Moz-

      Elimina
  3. io non ho un bellissimo ricordo della mia adolescenza. Preferisco di gran lunga i miei incasinati 32 anni.. che per lo meno sono adulta e mi posso gestire da me :)
    Ricordo ancora in maniera netta quella sensazione amara di non sentirsi nè bambina nè adulta. Frustrante e fuorviante. Mi piace essere grande, poter prendere le mie decisioni, fare le mie scelte giuste o sbagliate che siano. Non so cosa voglio fare da grande ma sto imparando a capire chi sono e non sono poi tanto male via! :)
    buona giornata Moz!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno sembra averne un bel ricordo... in effetti.
      Perché sono anni davvero strani, chissà. Qualcosa di buono c'è stato per forza, forse è ciò che di bello ci portiamo appresso nella nostra incasinata trentina d'anni... :)
      La sensazione che descrivi è strana, hai ragione. Non avevi potere decisionale ma volevi decidere (e sbagliare); le responsabilità erano minime ma certi giorni ti pesavano...
      Che casino @___@

      Moz-

      Elimina
  4. Durante la mia adolescenza c'è stata una sorta di rivoluzione "alternativa" che mi ha portato a quello che sono oggi :)

    RispondiElimina
  5. Amen, fratello, Amen.
    Ci penso anch' io tutti i giorni soprattutto tramite la musica che è il più grande catalizzatore di ricordi che io conosca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci pensi con affetto, con tristezza, o con qualche altra sensazione?
      W la musica, comunque! :)

      Moz-

      Elimina
    2. Nostalgia, of course. :-)
      L' infanzia e l' adolescenza sono stati i miei momenti migliori, dubito vivrò qualcosa di meglio, sono realista.

      Elimina
    3. Io sto vivendo da qualche tempo una sorta si seconda adolescenza, purtroppo non spensierata per via dei casini quotidiani (lavoro, responsabilità, ecc...)

      Moz-

      Elimina
  6. Mamma mia, pari pari pure io. Anni in cui ero.... indefinito! Non saprei spiegarli, l'hai fatto tu qui ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, vedi? E' un'età che se la prendi nel 1970 era così, idem nel 1984, nel 1993, nel 2001 come oggi, nel 2013, visto che il post è nato grazie ad una chiacchierata con chi nel 2013 sta vivendo queste cose.

      Moz-

      Elimina
    2. P.s. back from 1998, mica cotiche! :)

      Moz-

      Elimina
  7. La mia adolescenza è molto più lontana della tua : ero talmente complicata, asociale e introversa che l'ho patita parecchio.
    Poi, per mia fortuna, è arrivato il primo cane della mia e mi ha insegnato a vivere.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me, per un modo o per un altro, tutti abbiamo patito -chi più, chi meno- l'adolescenza.
      E' un periodo fatto apposta per soffrire, probabilmente XD
      Tu hai trovato il tuo cane, chissà... magari tutti avevamo bisogno di un qualcosa o qualcuno per catalizzare meglio le nostre forze e reagire...
      Oppure, aspettare solo che il periodo passava via :)
      Buona giornata!

      Moz-

      Elimina
  8. Mi piace la frase "Ma erano tutti quegli anni ad essere vaghi. Quando non ti rendi effettivamente conto delle cose.". E' proprio vero. Mi sono successe cose che adesso mi sembrano chiarissime e che invece a quell'età mi sembravano prive di senso e mi trovo spesso a chiedermi "ma come ho fatto a non arrivarci?!".
    Anche a me capita di pensare alla mia (brutta) adolescenza, che praticamente ruotava solo intorno alla scuola: intere giornate passate sui libri che oltre a non portarmi comunque voti decenti, mi hanno fatto perdere tutto ciò che poteva esserci di bello in quel periodo della mia vita. Poche amicizie e pure sbagliate, un carattere sempre più chiuso e cinico ha fatto il resto.

    "Goccia a goccia" non la conosco, ma ricordo benissimo "Il mio corpo che cambia" e soprattutto "Io ci sarò".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le canzoni che hai citato sono rispettivamente del 1999 e del 2001... quindi deduco che come me hai vissuto anche tu l'adolescenza in quel periodo (Goccia a goccia è di qualche anno prima, e segna l'inizio ideale del mio periodo adolescenziale, per così dire).

      Comunque, tempo fa con un caro amico ragionavamo proprio su quello che hai detto, sai?
      Ci siamo ricordati di cose... assurde, come se non le avessimo fatte davvero. O di cose così strane che, appunto, ora ti chiedi "ma come cazzo è che ho fatto una cosa del genere? come ho fatto a non capire, ecc?".
      Sai, certi giorni mi sembra di essere sopravvissuto a delle cose di cui non mi rendevo conto :)

      Moz-

      Elimina
    2. Io invece penso solo di aver collezionato una vagonata di figuracce XD

      Elimina
    3. Oh beh, chi non ne ha fatte??^^

      Moz-

      Elimina
  9. Beh, dai, un'adolescenza abbastanza positiva nonostante la vaghezza :-)
    Penso che non si finisca mai di raccogliere gocce perché ogni volta che ci si trova si passa ad un altro stadio, è un' evoluzione continua... O forse no... Io mi ricordo talmente poco di quel periodo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sotto certi aspetti positiva, sotto altri... assolutamente no.
      Molto del tempo l'ho perso, e non è recuperabile. Diciamo che non vivevo pienamente, se non in determinate occasioni (come quando ero un prode boyscout). A scuola una tragedia, come un sottovuoto che mi appiattiva regolarmente.
      Forse è per questo, anche, che odio il sistema scolastico.
      Come mai tu ricordi poco dell'adolescenza?

      Moz-

      Elimina
    2. Ma hai ancora tanto tempo davanti a te :-) Io vivo il presente, non mi piace troppo ricordare il passato, ciò che è fatto è fatto, non è recuperabile, come dici tu, quindi è meglio concentrarsi sul presente! Non ricordo grossi stravolgimenti della mia vita da adolescente, io sono sempre io: non c'è differenza fra Clyo bambina-adolescente o adulta... sono davvero adulta? sono mai stata bambina? Io sono Clyo e basta ;-D

      Elimina
    3. Beh, la penso come te, anche perché io ho sempre vissuto per accumulo, cioè le cose me le lascio alle spalle ma vengono sempre poi con me, sono il mio bagaglio... forse manco io sono davvero adulto, mi sa! XD

      Moz-

      Elimina
  10. Quello che accade nell'adolescenza decide la tua vita.
    GuZ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, spero non totalmente, altrimenti oggi sarei stronzo, snob, cinico, sessista, razzista, classista.
      Ah, ecco :D

      Moz-

      Elimina
    2. Ahaha, sono adorabile, eh?

      Moz-

      Elimina
    3. la penso come Mox. Non del tutto. Incide, ma non troppo :)
      Per fortuna!!!
      Che sfigata ero nella mia adolescenza! ahaha

      Elimina
    4. Sicuramente qualcosa te la porti dietro per sempre, purtroppo e per fortuna :)
      Oggi tu sei una viaggiatrice, beata te! XD

      Moz-

      Elimina
  11. MIH,i trentanni stan dando i loro frutti! Sei così poetico in questo post!
    Anche se,appena ho letto "The box-music television you control" ho sentito la stessa voce maschile che lo ripeteva ad ogni intermezzo dei video clip e ho iniziato a ridere come una scema *_* Ahhhh,the box! Se non fosse stato per questo programma non avrei mai conosciuto Cesare Cremonini *_*
    Cazzo,m'hai fatta tornare bambina! Avevo 10 anni ai tempi e stavo lentamente abbandonando le mie adorate Barbie per fare "l'adulta"!
    E sì,anch'io cercavo qualcosa che forse ancora non ho trovato.....perchè quel periodo fatto di cambiamenti fisici e psicologici lascia sempre qualcosa in sospeso.
    A ripensarci vien sempre da chiedersi "e se non avessi combinato questa cosa?" ," e se avessi scelto un percorso diverso?!" con tutti quei se e quei ma a cui,ormai,non possiamo più rispondere....
    Però,eran davvero degli anni d'oro. Sebbene ci differenziamo di circa cinque anni (e ai tempi 5 anni erano una distanza temporale abnorme) posso dire che noi abbiam davvero vissuto la fase prepuberale e la pubertà.
    Perchè,come tu stesso hai detto,il solo fatto di rientrare alle 22 era qualcosa di trasgressivo;il solo fatto di star per entrare nel 2000 era qualcosa di magico che c'avrebbe permesso di definirci.
    Adesso,invece,non c'è più alcuna differenza tra infanzia ed età adulta.
    Ehh...che anni......




    voglio tornà bambinaaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, qui sul MoC puoi tornare sempre dodicenne! :)

      In ogni caso, hai ragione... la nostra adolescenza è stata classica, ma forse quello che abbiamo provato lo provano tuttora anche le nuove leve, pure se devono fare i conti con FB, video su Youtube e quant'altro.
      Cambiano i modi, ma il senso di indefinito e frustrazione secondo me è uguale.
      The Moz - Cazzar blog you control!! :p
      Oh, io ricordo che su The Box trasmettevano fisso Viva Forever delle Spice, I'm happy di Soerba, Everybody get up dei 5ive e One more time della Spears :p

      Moz-

      Elimina
    2. Viva Forever è vero!! Lo mandavano ogni giorno almeno 3 volte!
      Per gli altri sinceramente non ricordo,sebbene ricordi tantissimo quella dei Red Ho Chili Peppers! Non ricordo il titolo,ma ricordo che nel video clip c'era una sottospecie di industria....

      Elimina
    3. Boh, non so... Under the Bridge?
      Comunque The Box era bellissimo, ma figurati se davvero sceglievi tu il video!! :)

      Moz-

      Elimina
  12. Gran bel post Mozzino mio, dove ho scoperto un altro lato de mio caro amico, che avevo intuito , ma forse non avevo colto così direttamente....
    Chi di noi non è stato vago, incerto , indeciso , bambino con se stesso, non ha avuto l'adolescenza...
    Ancor oggi io stessa, posso fremere grazie al fanciullino che ho dentro, dopo tutte 'ste battaglie perse e per fortuna che vago ancora...
    Vaghiamo,tesoro mio, vaghiamo sempre ..poi sarà la vita a fermarci!
    Ti stringo forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nella!
      Beh, mica sono sempre stato un tipo cazzuto alla Giustiziere della notte!
      Ahaha, scherzo! :D
      Molto bello quel che hai detto: sarà la vita a fermarci, ma speriamo non ci fermi prima di averla vissuta appieno ;)
      Le battaglie perse sono cicatrici, quelle vinte sono medaglie. In entrambi i casi, adornano il nostro petto! :)

      Moz-

      Elimina
    2. Bravo..come sempre..
      Un grande adorabile amico!!!

      Elimina
    3. Con affetto ricambio!!! ;)

      Moz-

      Elimina
  13. Abbiamo un pò di anni di differenza, Miki, ma il "sentire" è molto simile, ti assicuro.
    E' così che io rivivo a volte nella mia mente e nell'anima i ricordi dell'adolescenza....con quella "vaghezza" di cui parli tu (non avrei saputo trovare un termine più adatto, bravissimo!).
    Bellissimo post, davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Maris!
      E' vero, ci divide qualche anno, ma io ho sempre pensato che alcune esperienze di vita siano universali. Anche per questo accettai che Giovanni, il mio amico "Scoiattolo", avesse la sua rubrica di ricordi, qui. Ricordi che, nonostante lui sia 10 anni più piccolo di me, abbiamo scoperto essere comuni a chiunque. Magari cambia solo la tecnologia, che però resta sullo sfondo rispetto alle emozioni provate.

      La vaghezza... è vero, è un concetto che per me racchiude l'adolescenza. Né carne, né pesce, ma proprio un mondo a sé con le sue regole :)

      Moz-

      Elimina
  14. Risposte
    1. Eggià, roba di 15 anni fa, eh! :)

      Moz-

      Elimina
  15. Io ho cominciato presto con la musica "cattiva": a 13 anni nel mio lettore cd alternavo il primo album dei Linkin Park a quello dei Sum 41.
    Ho un ricordo abbastanza piacevole della mia adolescenza, ma non vorrei riviverla! Meglio ora, con preoccupazioni & co che ci portiamo dietro crescendo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un certo senso sono d'accordo. Oggi abbiamo responsabilità e preoccupazione vere, ma è meglio così. Non che le preoccupazioni dell'epoca fossero blande, anzi.
      Sono cazzate con senno del poi, ma alcune cose possono segnarti davvero...
      Crescere, che fatica! :p

      Moz-

      Elimina
  16. Ciao bellissimo post che ci riporta tutti a questa età indefinibile che è l'adolescenza.
    Io vado un po' contro corrente...ero adolescente negli anni 70 e non è stato poi così brutto, tanti amici, tante idee, tante battaglie perchè allora il mondo stava davvero cambiando e cambiava in fretta, tanta musica, Pooh, Santana e Pink Floyd, amori e delusioni. lacrime, tristezze, grandi conquiste...il brutto è che in quel momento lì non ti rendevi ben conto di quello che stavi vivendo e spesso magari eri scontento...ma a ripensarci oggi...che anni!
    Sicuramente la persona che sono oggi, il pensiero che vive in me oggi è nato allora, tra i libri di scuola e le notti passate a filosofeggiare nella mansarda di casa dei miei con gli amici e una bottiglia di Barolo...e io tutto sommato non sono scontenta di quello che sono e di quello in cui ancora credo.

    Ciao, ancora complimenti per il post.
    Buon pomeriggio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonella, grazie mille!
      Che dire... hai espresso un concetto che mi sta molto a cuore: il non rendersi conto.
      E' così. L'adolescenza è un periodo in cui non ti rendi totalmente conto delle cose che fai e che vivi. Come se ti riguardassero in parte. Una sorta di incoscienza quasi da scavezzacollo (fisico e mentale).
      Beh, gli anni '70 erano molto particolari, senza dubbio... ma forse per te non era il mondo che stava cambiando, eri tu... chissà :)

      Moz-

      Elimina
  17. Moz la foto di te adolescente è urenda ( come quelle di quasi tutti gli adolescenti) ma un po' ti invidio quel periodo. La mia adolescenza non è stata nulla di speciale. Solita adolescenza ecco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma anche la mia è stata la solita, eh!
      Proibizioni che non accetti e non capisci, scuola che ti opprime, prime scoperte di sé e delle tue passioni, "nascondini" tra fughe e incredibili facce toste il tutto da un minuto all'altro.
      Credo sia così per tutti... io non l'ho nemmeno vissuta al 100%, per dirti.

      Moz-

      Elimina
    2. Però hai fatto molte cose, io forse ero un po' frenato, e mi son mollato più dopo, dai 18 ad ora diciamo! Ci vorrebbero le istruzioni per l'uso per l'adolescenza!

      Elimina
    3. Oddio, ho fatto solo lo scout e ho cambiato ottomila palestre!! XD
      Ho intensificato la lettura di fumetti (in quel periodo andavano forte quelli giapponesi, che erano classici e belli) e ogni tanto con qualche amico si provava a inventare qualcosa... frustrato sempre dalla piattezza del quotidiano e della scuola.

      Moz-

      Elimina
  18. Bella canzone, non c'e' che dire.
    Se fossi stato tuo coetaneo e tuo compagno di classe, la mia adolescenza sarebbe stata senz'altro diversa. E la tua, ancora piu' vaga. Decisamente molto piu' vaga, XD!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, chissà!
      Perché, com'è stata la tua adolescenza?
      Saresti stato il bullo che mi avrebbe tartassato? :)

      Moz-

      Elimina
    2. Io un bullo, figurati!
      Pero' facevo casino e finivo per coinvolgere sempre i miei amici.
      L'apice l'ho toccato quando ho rovesciato una bottiglietta piena di urina in faccia a uno che bullo lo era per davvero mentre saliva sull'autobus. Il conducente sicuramente se lo ricorda se lo ricorda ancora. E dal momento che la fermata era proprio davanti alla Torre di Pisa, se lo ricorderanno anche diversi turisti.
      (Si', lo so, c'e' anche l'aggravante della vicinanza a un luogo sacro...)

      Elimina
    3. Premesso che devi spiegarmi quale devianza sessuale e mentale prevede che si vada in giro con bottigliette di piscio, sei il mio mito, Artiglio! :)

      Moz-

      Elimina
    4. Non posso spiegartelo, ma non e' una devianza sessuale.
      Mi pare di averti gia' detto, comunque, che Pisa non e' una citta' normale. E lo stesso vale per i pisani, me compreso.

      Elimina
    5. Ma scusa, non è a Pisa che c'è... la Normale? XD
      Wow, allora secondo me sa fossimo stati compagni di classe avremmo fatto fuoco e fiamme :)

      Moz-

      Elimina
    6. Tra l'altro, fisicamente un po' ci assomigliavamo. Ora che siamo cresciuti, invece, siamo molto diversi.

      PS: Mi sta venendo in mente solo ora che la settimana scorsa avevi detto che volevi mandarmi una mail.

      Elimina
    7. Ahahaha, hai ragione!! Poi tra un cazzo e l'altro non te l'ho scritta più!! Appena ho due min te la mando, Artiglio!

      P.s. ora ti sei pompato in palestra?

      Moz-

      Elimina
    8. No, la palestra non mi e' mai piaciuta pero' pratico da 9 anni l'atletica leggera.
      Sono cambiato perche' ho messo le lenti a contatto e tengo i capelli piu' corti. Oddio, anche te, pero'...

      Per la mail, mi era solo venuto il dubbio che il mio servizio di posta l'avesse messa nello spam.

      Elimina
    9. Uh, sei passato dal ragazzino occhialuto all'atleta leggero!
      Io i capelli li porto a seconda di come mi gira, li avevo più lunghi fino a qualche giorno fa, adesso li ho tagliati :p

      Moz-

      Elimina
  19. ciao Moz bello questo post, mi ha fatto pensare ai miei lontani 15 anni e alla sensazione di inadeguatezza, insicurezza, indecisione che mi permeava fino alle ossa per fortuna quel periodo finisce e ci si ritrova ad affrontare la vita con qualche emozione più definita e con un pò più di "certezze" poche per fortuna, ma si riesce ad essere un pò più concreti alche con le ali sempre pronte a spiccare un balzo nel mondo della fantasia. Oggi mi sono svegliata con una zavorra, mia figlia compie 18 anni e io sto..."invecchiando" ma con spirito di adeguamento. grazie per questo momento di ricordi ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, quando quel periodo finisce è come una bolla che scoppia e tutto è più chiaro, anche se magari le scelte fatte allora poi ti pesano dopo (per esempio, la scelta dell'università)
      Invecchiare? No, assolutamente... io penso si tratti di crescere divertendosi XD
      Oggi è il compleanno di tua figlia?

      Moz-

      Elimina
    2. E allora falle tantissimi auguroni!! :)

      Moz-

      Elimina
  20. Parli con una nostalgica, quindi è inutile che aggiunga altro....

    RispondiElimina
  21. Amo la musica per questa specie di magia che fa: una canzone può riportarti indietro nel passato, e farti riprovare sensazioni, umori, persino odori che credevi aver persi, ma che giacevano dentro di te, aspettando solo di essere "agganciati" per risalire in superficie...
    è quello che spiega meglio di me Marcel Proust nella sua Rècherche!

    Hai descritto molto bene quel senso di indeterminatezza che abbiamo vissuto nell'adolescenza; sì erano anni vaghi perchè NOI eravamo tali, se non sai chi sei non puoi avere punti fermi, se non hai un SE' strutturato non hai un "centro di gravità permanente"!

    PS adoro GOCCIA A GOCCIA, mi hai fatto fare un tuffo nel passato... c'è anche un pò di ME in questa canzone....... ;)

    tua
    Vassy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosita, che dire? Sono d'accordo con te quando parli di quel magico potere della musica, che riesce a far riaffiorare ricordi e metterli in ordine.
      Prima o poi parlerò anche della preadolescenza, altro momento confuso e senza sé strutturato, ma sicuramente più positivo :)

      Goccia a goccia, tutti abbiamo un mare dentro, adesso... Un mare che si espande!

      Moz-

      Elimina
  22. Io l'adolescenza la sto ancora vivendo, ancora non vivo di ricordi come voi vecchietti :)
    un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, gattaccio, io ti batto: sto vivendo l'eterna preadolescenza... Ho sempre dodici anni! XD
      Un abbraccio dalle scuole medie XD

      Moz-

      Elimina
  23. Parole sante... ricordo quando si stava fuori a giocare in bicicletta coi vicini di casa, che quando li volevi sentire andavi direttamente a citofonare a casa loro. Si stava fuori fino all'ora di cena, poi ti urlavano dalla finestra "è prontooooo" andavi a mangiare, tornavi fuori con l'ultima forchettata di spaghetti ancora in bocca e giocavi di nuovo alle 21 in punto, non un minuto in più sennò usciva mamma con la ciabatta in mano e ti metteva in castigo per una settimana. Le letterine "d'amore" a scuola scritte tra i banchi ahaha. Tutti ricordi, bellissimi ricordi.... se dicessi "vorrei riavere quell'età" sarebbe una bugia, perchè se fossi ancora adolescente ORA non sarebbe come prima... rivoglio quei tempi, rivoglio i magici anni '90. Che nostalgia... ci vorrebbe una macchina del tempo Miki :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, bei tempi!
      Che non torneranno, non con quelle sensazioni... ma possiamo ricordarle, no?
      Dopotutto qui è come una macchina del tempo... almeno, mi illudo che sia così XD

      Moz-

      Elimina
  24. Il fatto è che stai parlando con l'inventore della sindrome di Peter Pan... e le musiche della mia adolescenza infatti, Deep Purple e Van der Graaf Generator tanto per citarne due a caso, lo sono ancora adesso.. ahah..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, beh anche i Litfiba per me! Oggi ho ricevuto l'autografo di Mr. Pelù, puoi immaginare la mia gioia!!

      Moz-

      Elimina
  25. La sai una cosa? Non mi ricordo un sacco di cose di quel periodo, come se faticassi a focalizzare la me stessa sedicenne, quello che dicevo, quello che facevo... come se il balzo che ho fatto a 17 anni avesse offuscato tutto ciò che c'è stato prima.
    Forse è meglio così, dopotutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, un po' è così... come una bolla che poi esplode di colpo e tutto si fa più chiaro...
      Ma il momento dello scoppio della bolla non avviene né nello stesso tempo, né allo stesso modo per tutti... :)

      Moz-

      Elimina
  26. Che bello questo post, mi piace proprio perchè mi fa conoscere un Miki diverso, introspettivo, che parla della sua interiorità, dei suoi sogni. Sì decisamente un bel post...Grazie per averlo condiviso
    Abbraccio alla nutella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che è quell'ammasso di lettere e numeri davanti al mio nome??? :(

      Elimina
    2. Beh, anche io ogni tanto so essere introspettivo, e in questa stagione lo sarò più che in quella passata... Parlerò anche del periodo appena precedente a questo XD

      Grazie a te, cara!!

      Moz-

      Elimina
    3. Ahaha, boh, ogni tanto sballa i codici... XD

      Moz-

      Elimina
  27. Ciao Moz,
    è stato bello leggere questo tuo post, mi ha portata indietro nel tempo.
    Se devo parlarti della mia adolescenza posso dirti che ha tratti era simile alla tua.
    Io sono sempre stata strana, quindi prima sono stata una bambina strana, poi un adolescente strana e adesso un'adulta strana (beh!!! questo è quello che mi hanno sempre detto tutti, compresa la mia famiglia).
    Nella mia adolescenza avevo i capelli viola, poi rosa e poi di un qualsiasi colore che non fosse convenzionale, ascoltavo la musica rock, andavo al liceo classico sperimentale linguistico e adoravo trovare dei paragoni tra i vari pensieri filosofici e la musica tanto da far impazzire il mio prof, stavo spesso al locale con gli amici e ogni tanto suonavo la batteria (ovviamente per diletto), anch'io volevo andare al concerto del primo maggio ma non mi ci hanno mai mandata, le vacanze le facevo con i miei in Francia e li mi divertivo a cantare le canzoni hip hop per mandare in confusione la gente che mi guardava allibita per la mia velocità nel cantare. Ero una rivoluzionaria, il prof d'italiano mi chiamava Giovanna D'arco quando mi mettevo a fare la giustiziera della notte e Iena quando mi presentavo completamente vestita di nero con gli occhiali da sole. La mattina ero sempre bella arzilla, andavo a scuola con piacere era il mio angolo di paradiso, inventavo delle parole che poi diventavano linguaggio corrente per tutti e alle 8, quando suonava la campanella, mentre gli altri erano stonati di sonno io canticchiavo qualche canzone dei CCCP con il solo fine di farli sclerare perchè mi annoiava la loro monotonia. Giocavo alle barbie con mia sorella anche se ero grande, un po' per non farla giocare da sola e un po' perchè alla fine mi piaceva. Avevo una marea di cassette e andavo sempre in giro o con le cuffie (cosa che dalle mie parti prima era vista malissimo perchè non era di moda come adesso) o con un libro che leggevo mentre camminavo, perchè se mi fissavo con un libro non mi andava di smettere per andare da qualche parte cosi facevo le due cose assieme (leggevo Calvino e Pirandello perchè gli autori contemporanei mi snervavano). Bene ora penserai che oltre ad essere strana sono anche un po' pazza, ma la verità è che io ho sempre vissuto nel mio mondo e il mio mondo spesso era ed è uguale e quello degli altri e spesso era ed è un'altro pianeta. ;)
    buona serata ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. scusa mi sono fatta trascinare dai ricordi...ho scritto un papiro e non un commento...perdono!!!!

      Elimina
    2. Ciao Audrey!
      Beh, era la ragazza ribelle ma "impegnata" :)
      Io non avevo questa vitalità se non in qualche preciso ambiente (non a scuola, dove sono sempre stato soffocato; eppure certe materie le adoravo ma non sono mai riuscito a farmi valere più del dovuto... che brutto, eh?)
      Mi è piaciuta molto la tua descrizione "stravagante"... ma non troppo, alla fine la stravaganza non è solo i capelli viola: alcuni hanno capelli viola e non si vedono... ognuno "reagisce" all'adolescenza a modo suo... Questo ci accomuna tutti! :)

      Moz-

      Elimina
    3. Ahah non preoccuparti, mi è piaciuto molto il tuo ricordo, francesina dai capelli viola! :)

      Moz-

      Elimina
  28. Guarda faccino che aveva l'adolescentissimo Moz!
    Bei tempi quando andavo sempre a scuola! Mi manca un sacco studiare! Chi l'avrebbe mai detto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, forse un po' manca anche a me.
      All'università poi hai troppa libertà, che nuoce gravemente al piano di studi XD
      Direi che forse qualche mese di adolescenza me lo rifarei XD

      Moz-

      Elimina
  29. Bel post.. ho ricordi bellissimi della mia adolescenza. O meglio, ora dico bellissimi, ma al tempo ricordo bene di aver avuto varie crisi... :-)
    Bella foto.. sguardo sveglio e furbetto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, sguardo sveglio e furbetto, dici?^^
      In ogni caso... quando la vivi, l'adolescenza è sempre critica... Non sai mai cosa cazzo vai trovando dalla vita :p

      Moz-

      Elimina
  30. Io degli anni novanta mi ricordo solo i BSB e le strappone delle Spice Girls, con Wannabe :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E soprattutto bellissimo il Moz-Marmocchio!

      Elimina
    2. Ahaha, hai schematizzato gli anni '90 in modo quasi drastico! :)

      P.s. bellissimo non esageriamo XD

      Moz-

      Elimina
  31. L'adolescenza è quel periodo strano (stronzo?) in cui finisci di essere qualcuno e cominci ad essere un altro; già, ma chi - che cosa stai per diventare? Vattelapesca! Nonostante io l'adolescenza l'abbia passata oltre mezzo secolo fa, ho ancora la sensazione che devo crescere e fare nuove scoperte. Non è che sono rimasto adolescente per sempre?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come cantavano gli Alphaville... Forever Young! Chissà, magari lo sei rimasto ed hai trovato la tua formula della felicità! :)
      Buona giornata!

      Moz-

      Elimina
  32. Essendo in tanti, l'adolescenza per noi non finisce mai: una Jena diventa adulto, ecco che arriva una Jena adolescente... mamma che faticaccia stare dietro a tutti!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, immagino che casino che c'è da voi...
      Ma quanti siete? :)

      Un MozAbbraccio!

      Moz-

      Elimina
  33. Premetto di non aver letto tutti i commenti quindi magari dico cose già dette sopra..
    tanto sei buono e mi perdonerai ! ( Anche perchè altrimenti ti faccio attaccare dall'ivano!)
    Quando si parla di "voltarsi indietro" e osservare l'adolescenza io non mi trattengo mai dal commentare..
    Sono una nostalgica di natura e guardo spesso indietro, al mio passato, alle mie sensazioni che siano quelle di scuola, o di pazze vacanze con le amiche o qualsiasi altra cosa...
    Erano anni stani .... amo dire che ero ALLEGRAMENTE INCONSAPEVOLE di quello che avrei fatto e che sarei diventata...
    Ma era proprio questa inconsapevolezza ( e incoscenza , perchè io ho fatto una scuola d'arte e gli sbocchi lavorativi erano pressocchè NULLI... ) che mi faceva essere così felice... il mio motto era " Oggi si fa così, poi domani si vedrà!"...
    Magari riuscissi adesso a vivere con quella incoscenza ora...

    Dici che ancora non ti sei trovato... e ti capisco in pieno...
    Non si smette mica mai di cercarsi ..e spesso quando CREDIAMO di esserci trovati , tocca ricominciare a cercare perchè in realtà non ci siam trovati mica...
    io ho 38 anni e mi sa che non mi troverò MAI... mi trovo, mi perdo, mi trovo , mi perdo...
    e forse... va bene così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scommetto che Ivano non mi attaccherebbe!! :)
      Ecco, sì, hai detto bene: non c'era il peso delle responsabilità, se non minimo, e quindi potevi prendere tutto alla leggera, ma solo perché forse non ti rendevi conto appieno delle cose.
      Anche io credo che non si finisca mai di trovarsi e scoprirsi, e forse è quello che rende la vita così interessante :)

      Moz-

      Elimina
  34. Me lo voglio rileggere questo post... bello, scritto bene, mi ci sono ritrovato tanto... in molta semplicità, in tante cose...

    Ti ringrazio, per ora, di aver condiviso questo, poi... penso ti dirò meglio la mia :)

    Intanto, la foto... pari tipo quelli di "Bravo Bravissimo" che andavano da Mike! ^^ E le serate in sede, che "alle 22 pare tardissimo"... ehhh.... ;)

    Ciao Moz! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. LOOL con Bravo Bravissimo hai vinto!
      Mi fa piacere che il post ti sia piaciuto... e poi, oltre all'universalità della questione, io e te si ha in comune almeno la faccenda della sede degli scout XD

      Moz-

      Elimina
    2. Se è per questo, condividiamo pure il terrore dell'interrogazione di greco ^^ ma non solo, come detto questo pezzo mi ha colpito molto perché mi ritrovo in tante cose che hai scritto, quasi nella totalità ti dirò, mi ha fatto ridere il pezzo del motorino perché la pensavo uguale uguale ^^ lo vuoi, poi dici "no ma poi me vado a schiantà al primo semaforo" :))))
      Poi sai, il discorso scout lo sai meglio di me che se non ci sei stato dentro non puoi capirlo, ecco, io i tuoi esempi, fra sedi in cazzeggio e brulicare di idee e notti allegre intorno al fuoco e in mezzo al nulla.. li capisco, li conosco eccome, e sono tra i ricordi più preziosi che ho :) come per te :) posti diversi, fazzolettoni e persone diverse, ma il "senso".. quello era :) se ti facesse piacere me la farei volentieri una chiacchierata con te sull'argomento :)
      Comunque "bravo bravissimo" era un gran programma ^^ e una tv ancora di un altro tipo e stampo, prima della degenerazione :D
      E vabbè dai, confido che troverai, goccia a goccia, le risposte che cerchi, sicuramente sarà così. Che poi, magari, già sono tutte attorno a te e si tratta solo di riuscire a vederle.. a volte sta davvero tutto lì, fidati che ne so qualcosa ;)
      Ti saluto allora, buonanotte e non dimenticare quel tex&mex.. ce starebbe tutto ^^

      Ciao :)

      Elimina
    3. Anche a me Bravo Bravissimo piaceva, ricordo. Certo, siamo anni luce lontani da zozzerie tipo Io Canto.
      So bene che le cose che cerco sono qui, ma la ricerca deve essere infinita, per crescere sempre di più, penso.
      La chiacchierata scoutistica (e non) possiamo farla quando vuoi, puoi scrivermi qui: mikimoz@hotmail.com che è la mia mail, magari ci scambiamo il contatto di Skype se lo usi :)

      Moz-

      Elimina
  35. Tu hai capito cosa vuoi, secondo me...uno che non lo sa non canticchia in continuazione "please, please, please...let me get what I want, this time..." :P quindi dentro di te lo sai eccome! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sicuramente so cosa voglio in qualche campo della mia vita, ma non in tutti... e non credo lo saprò mai... :)
      Bentornata nella rete, baby!

      Moz-

      Elimina
    2. Beh, non si capiscono sempre tutti gli obiettivi contemporaneamente...si scoprono piano piano....poi certi traguardi appaiono più chiari dopo che hai raggiunto quelli prima, dipende. Chi vivrà vedrà :)

      Elimina
    3. Infatti, il procedere a step è la mia... a volte condanna XD

      Moz-

      Elimina
  36. "Che età strana". No Moz, in realtà è "che età scema" perché durante l'adolescenza siamo stati tutti un po' scemi come è giusto che sia: inizia a formarsi il carattere, c'è la voglia di appartenere ad un gruppo, c'è la voglia di farsi notare, c'è la voglia di fare grandi cose!!! Di quel periodo come te ricordo molto la musica e anche i film, e pochi altri momenti, per il resto vorrei cambiare tante di quelle cose. Ma poi penso: "se io potessi cambiare qualcosa del passato, oggi sarei così?" e quindi va bene così, non saranno gli anni migliori della mia vita ma sono sicuramente una tappa fondamentale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, nemmeno io cambierei niente, nonostante le sofferenze e i momenti brutti, che pure ci sono stati...
      Altrimenti oggi non sarei così, temo che potrei essere una persona migliore... e io VOGLIO ESSERE STRONZO :)

      Moz-

      Elimina
  37. pure io non ho un bel ricordo della mia adolescenza, per non parlare degli anni alle medie :(( troppo sfigato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vittima dei bulletti??
      Degli anni delle medie avrò modo di parlarne in un post apposito... ;)

      Moz-

      Elimina
  38. Se penso ai miei anni '90 mi vengono in mente gli anfibi che ora ricircolano in giro per la città..il mio periodo rosa shoking col rossetto rosa petunia sulle labbra..per poi passare con un salto pindarico al dark a oltranza..Penso al liceo e agli stessi timori che hai descritto..le interrogazioni a sorpresa..l'incertezza perenne...Ma,strano a dirsi, non avvertivo insicurezza o incertezza. Ero sicura e decisa, sapevo quel che volevo fare. Cosa che,poi, crescendo,si è scolorita fino a svanire nel nulla. Acquistando la fragilità e l'ansia,forse tipica dell'età. Non saprei scegliere una canzone di quegli anni. Ma ce n'è una che ogni volta che la sento alla radio o in tv, mi catapulta nel mare di emozioni che vivevo in quegli anni..cioè diciamo dal 92 in poi. Una canzone che in sè forse non ha tanta sostanza, ma ha la forza di farmi venire alla mente tanti,troppi ricordi di tutti quegli anni..e non so come :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, qual è la canzone? :)
      Eri una ragazza agguerrita, quindi!
      Vedi, anche l'essere agguerriti rientra nel modo di affrontare l'adolescenza... una sicurezza quasi da scavezzacollo...!

      Moz-

      Elimina
  39. Hai tempo per ritrovarti, poi non hai più niente da cercare...beh scherzo. Mi piace quello che hai scritto in fondo cambiano le canzoni e le abitudini di vita, ma l'adolescenza rimane tale, un ricordo spesso nè brutto nè bello ma difficile da scordare. Bello così dai..
    Bacione con buona serata e anche buon fine settimana ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero... penso che non dimenticherò mai certe cose.
      Impossibile!
      Nel bene e nel male.

      Un bacione anche a te, buon weekend!^^

      Moz-

      Elimina
  40. A me però hai fatto scendere la lacrimuccia, perché quel periodo indefinito era bello proprio perché indefinito :') Bemmitempi quando tornavo a casa e mi guardavo solletico, o più grande quando tornato da scuola i Simpson per slittare il più possibile l'ora del compito :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ciuffo!
      E' vero... DragonBall Z e i Simpson per ritardare l'ora dello studio!! Come un'oasi prima del pomeriggio leopardiano (ma quando mai :p)

      Moz-

      Elimina
  41. Ciao Moz, DOMY
    Bellissimo post, foto protocucciolissima..... ;)
    La mia adolescenza l'ho vissuta negli anni 80 (avevo 15 anni nel 1983) frequentavo l'istituto d'arte lontano da casa,presso una famiglia che mi ospitava,perché all'epoca in Puglia gli unici 2 istituti d'arte con indirizzo x orafi erano 2,uno a Galatina e uno a Corato,i miei scelsero Galatina,era più vicina (100 Km) al mio paese,Ceglie Messapica. Diciamo che la scuola superiore è stata la mia università....... ;)
    In quegli anni passavo le giornate tra scuola,compiti e lunghi giri in macchina ad ascoltare musica con la comitiva di amici che avevo conosciuto lì tramite uno dei figli della famiglia che mi ospitava. Erano tutti 20enni appassionati di musica e gruppi emergenti e mi "propinavano" Talking Heads,Cure,Clash,Smiths,Fleetwood Mac, SoftCell,Simple Minds...
    Ricordo il giorno in cui,uno di loro (che era diventato il mio ragazzo) esordì dicendo di aver scoperto un gruppo italiano fantastico, i LITFIBA!!
    Tutti in macchina ad ascoltare "Desaparecido"..... Fu amore al primo ascolto! :)
    Ricordo che il fine settimana tornavo a casa mia e cantavo a squarciagola "Eva ballava sul fuoco,profumo di sesso attorno a sè" ...... mia madre mi guardava stupita e mia sorella minore pensava fossi un extraterrestre.... :)
    Come mi hai scritto giorni fa,si,sono fortunata,sono cresciuta con i Litfiba e la loro musica.Sono stati anni spensierati x me,senza tanti problemi,le prime esperienze,i primi amori,le prime discoteche,qualche spinello (per non farsi mancare nulla).... :D
    A differenza di molte mie amiche coetanee,molta libertà,ecco perchè frequentavo gente più grande di me....."e qui posso dirlo,rifarei tutto!"..... erano i favolosi,mitici anni 80! :)
    Non finirò mai di ringraziare i miei amici galatinesi (molti però li ho persi di vista) per avermi "educato" ad ascoltare buona musica.
    Tornando al tuo post,ai tempi della tua adolescenza e di "Goccia a goccia" avevo 29 anni..... molti dubbi su cosa fare della mia vita e tante decisioni da prendere, meglio gli anni 80 e l'adolescenza....
    Mannaggia a te,scrivendo questo commento mi hai fatto scappare una lacrimuccia :P
    Scusa se mi sono dilungata un pò. Abbraccio rock! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo post, Domy!
      Mi hai fatto vivere un po' di anni'80! Litfiba a parte, che sai quanto amo, anche gli altri gruppi che hai citato sono strafighi!
      Hai avuto una bella adolescenza, forse proprio per l'esperienza fuori casa che hai fatto! Interessante, senza dubbio...
      Sei una tipa rock, dopotutto!

      Beh, grazie per aver condiviso i tuoi ricordi con noi, e... domani ripassa qui ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Non mancherò,come sempre d'altronde.
      "Sto rock!" ;))

      Elimina
    3. A domani, dunque!! ;)

      Moz-

      Elimina
  42. Miiiiiii che foto!xD ..muahauah..le prime cotte :P LOOOOOOOOOOOL!Mi sono ricordata di Top Girl e di tutte quelle domande che oggi nessun adolescente farebbe..mauahauah.."L'ho sfiorato!Sono incinta! ps. avevo i jeans estivi!" mauahauah.."Lui mi guarda e sorride..allora?!?"..."Meglio un pantalone nero fumo o nero notte?"..che problemi, eh!xD
    un bacione e buon weekend ;D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso assicurarti che anche oggi c'è sempre troppa confusione e falsi miti su quell'argomento... Il problema principale è la morale cattolica, sempre troppo difficile da strippare del tutto! XD
      Un bacione anche a te (sperando che non ti ingravidi, anche se solo se ci baciamo nudi puoi rimanere incinta XD)

      Moz-

      Elimina
  43. la foto è abbastanza creepy e d'altronde era difficile per chi è cresciuto in quell'età inquieta suadere ragazzette con versi aulici "rinasce ogni attimo il congegno fantastico" che mai ho capito dove fosse localizzato; belli quegli anni di nebbia e sublime ignoranza, jeans strappati e due di picche collezionati: se non sappiamo convogliare tutto il muschio che quei ricordi hanno lasciato saremo sempre incomplete e malinconiche statuine, giusto quando accenni al confronto, chissà quale mare attraversa gli adolescenti di adesso ... ps: auguri per il settennio trascorso e mille a venire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il congegno fantastico? E' il nostro cuore, forse :)
      In ogni caso, presto parlerò anche degli adolescenti di oggi, perché non sono tutti baby squillo o emo.
      L'adolescenza lascia segni profondi, in tutti. E per sempre.
      Grazie mille per gli auguri :)

      Moz-

      Elimina
    2. ..mi sa che il cervello l'unico "congegno fantastico". Il cuore è solo una pompa. E troppo speso manco funziona bene... ;)

      Elimina
    3. Eh, perché, ti risulta che il cervello umano funzioni sempre bene?? :p

      Moz-

      Elimina
  44. Mozzzzz ho dovuto cambiare Blog per un casino di cui sto uscendo pazza!!
    Ora mi trovi qui http://sefosseche.wordpress.com/
    Io continuo a seguiti eh...e chi te molla più!!
    Notte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provvedo subito a passare nella tua nuova dimora!! :)

      Moz-

      Elimina
  45. ma hai ristrutturato casa??..ammazza quanti cambiamenti!! bello..bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sabato scorso il blog ha compiuto sette anni e siamo entrati nell'ottava stagione, e con la nuova stagione ho cambiato -grazie a Sandrino- anche l'aspetto del MoC :)

      Moz-

      Elimina
  46. probabilmente abbiamo la stessa età, perchè se no non mi spiego come sia possibie che anche io in questi esatti mesi mi ritrovi a pensare alla mia fottutissima adolescenza! non sono ttutti bei ricordi, rispetto chi ero ma mi domando se è stata davvero un'età problematica o se lo è più a adesso e a cosa è dovuto (a me?siam sicuri?)..di certo però mi piaccio di più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so quanti anni tu abbia, io ho cambiato il prefisso in agosto, mettendo il 3... urgh, come sono vecchio! XD
      Questo post era nell'aria, ma l'input me lo ha dato la conversazione con un vero adolescente odierno... così ho avuto le idee più chiare su come scriverlo...
      Età problematica? Sì, ma con dei problemi stupidi.
      E' quello il punto.
      Non ci si rende conto delle cose... forse non si ha ancora abbastanza forza per affrontarle... sarà questo.

      Moz-

      Elimina
  47. Sto lontano un attimo dalla blogosfera e mi combini che anche tu hai fatto un gran bel cambiamento! Sai che il tema "tondeggiante" è molto simile a quello che ho scelto io e coincidenza delle coincidenze non avevo ancora visto il tuo blog!!!!!!! :D
    eh, comunque, l'adolescenza è un gran bel casino, però un casino nel quale bisogna passare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eggià, mi sa che ti sei perso la torta, sabato scorso!! :)
      La tua nuova grafica mi piace molto, come ti ho detto... Un bel colore!
      In ogni caso... l'adolescenza è un casino non superabile con le forze che hai in quel momento :)

      Moz-

      Elimina
  48. Moz quando scrivi così ritorno adolescente.
    Forse lo sono ancora... chissà :)

    RispondiElimina
  49. sono una eterna ventiseinne!!! (non chiedermi di spiegare, troppo lunga la storia)
    madò che angoscia il varcare il cancello della scuola
    però
    ho a che fare con dei 40nni che sembrano degli adolescenti.. una tranvata unica :-(
    ciao!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha seee, dovrai spiegarmelo invece! :p
      Se hai a che fare con 40enni adolescenti ti senti sempre giovane!! :)

      Moz-

      Elimina
  50. Il tuo post mi ha riportato alla mente dei bei ricordi. In realtà io ero un'adolescente ribelle e ingestibile. Mi sentivo il mondo in mano, ma allo stesso tempo non ero mai contenta. Volevo fare la dura ma in realtà ero di una fragilità disarmante. Una volta sono pure scappata di casa con la chitarra sulle spalla e i Nirvana nelle orecchie. Tempo di svoltare l'isolato e sono tornata indietro. Ecco. E' una chiara immagine che ti fa capire qual'era il mio stato d'animo in quegli anni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che un po' tutti ci sentivamo il mondo in mano ma non si era mai contenti.
      Sono gli sbalzi d'umore e le contraddizioni tipiche di quel periodo... La sfida, il voler andare contro tutto e tutti, la strafottenza... chissà perché, è proprio così per tutti, magari con sfumature diverse ma il senso è quello, bene o male :)

      Moz-

      Elimina