> cioccolata e tè - un racconto natalizio

Scrissi questo racconto due anni fa circa, per partecipare ad un torneo di scrittura fra amici. Se ben ricordo, questo mio racconto natalizio si piazzò in prima posizione. Oggi, con le Feste agli sgoccioli, lo ripropongo sul web.





Che bel localino. Caloroso, addobbato con luci e colori. Prenderò un Ciobar.
Cavolo, non fanno il Ciobar, qui. Hanno un’altra marca.
Aspetto Linda. Ma quando arriva? La barista mi ha già chiesto cosa volessi ordinare –avrei voluto dirle “un Ciobar, per cortesia”- e le ho dovuto invece dire che aspetto un’amica. Tanto il Ciobar non ce l’hanno.
Ma sarà un’amica, poi?

Sì, con panna. Prenderò la cioccolata calda, dell’altra marca, con la panna. E al diavolo i chili di troppo.
Che poi nel periodo natalizio non posso badare a queste cose.
Cioè, dico: ho fatto fuori già due pandori e un panettone col cioccolato. Il torrone mi fa schifo.
Tra quattro giorni mi ingozzerò col cenone di pesce.
No, non è solo un’amica.
E pensare che non mi piaceva, due anni fa.
E pensare che ho sempre detto a tutti e a me stesso che lei era quanto di più distante ci fosse dal mio ideale di ragazza.
E invece, di colpo, poi, scopri che c’è qualcosa di più. Almeno, da parte tua.
Ma avrà accettato di uscire solo per amicizia? O avrà capito che c’è dell’ altro?
Intanto passa un’altra barista, noto che ha i pantaloni sporchi all’altezza della tasca sinistra. Cannella o cacao, mi sembra.
Mi chiede cosa prendo, ma io non prendo niente fino a che non arriva Linda.
Vedo che portano anche i pasticcini, assieme alla cioccolata. Gliel’han portati ai tre ragazzi seduti dietro di me, che fino a un minuto fa cantavano una canzone che non ricordo mai come si intitola. Amo i pasticcini. Ottimo.
Ah, no. Loro han preso il tè. Non la cioccolata calda.
Magari potrò chiederli alla barista, se non li dovessero portare abbinati alla cioccolata. O faccio una figuraccia? E’ da cafoni?
Ma tanto Linda mi conosce benissimo, lo sa come sono fatto.
Eccola, è lei. La vedo arrivare da lontano. Oltrepassa i tavolini esterni. Vedo il suo volto incorniciato dalla ghirlanda verde e rossa appesa alla vetrina dell’ingresso. E’ bella.
Non l’avrei mai detto, che un giorno lo avrei detto. Ma è bella davvero.
Ci salutiamo. Non è imbarazzata, o forse sì. Noto uno scatto veloce nel sedersi, come per rompere presto il ghiaccio. Comunque non è troppo imbarazzata, almeno.
Significa che è venuta solo come amica?
Significa che non ha capito le mie intenzioni?
O le ha capite e non le corrisponde?
Prendo una cioccolata calda, lo dico alla barista col pantalone sporco. Linda prende un tè alla liquirizia.
Restiamo soli. Solite domande. Che hai fatto oggi? Come va l’università? Che regali hai comprato, e a chi?

Ecco, quest’ultima domanda era meglio se non la ponevo, forse.
Perché mi dice che ha comperato un portafogli per “sapessi”. “Sapessi”, mi dice. Chi sarà questo “sapessi”? Significa che se sapessi chi è il “sapessi”, resterei sorpreso? Chi diavolo è questo “sapessi”?
No, non mi dire che è Ivano, il tizio che lavora in biblioteca. No, ti prego.
Ecco, era vero allora. Era vero quel che mi disse Anna. Era vero che Ivano ci provava con Linda.
Conosco questa persona? Glielo domando. Secco, diretto.
Sì. Mi risponde di sì.
La conosco bene? Ormai non la guardo più negli occhi.
Sì, la conosco bene. Mi risponde così.
Ultima domanda, poi giuro che la smetto: conosco così bene questa persona da avere il suo numero di telefono nella rubrica?
Mi risponde di no.
Oddio, forse è proprio Ivano. Non ci posso credere.
Mi porge una sportina in cartone. E’ piena di disegni di Babbo Natale. Mi fa segno di prenderla, insiste.
E’ per me? Mi dice che ormai l’avevo capito. L’avevo capito che si trattava di me.
Quindi non era Ivano. Ero io. Quasi non ci credo. Cosa significherà?
La ringrazio. Non ho nulla da darle. Ora vorrei proprio avere qualcosa da regalarle. Ma dove sono quelli che vendono le rose per i tavoli, quando ti servono? Ma ci saranno le rose, a Natale?
Ha cominciato a nevicare. Che bello. Poco, ma nevica. Il meteo l’aveva detto.
Le offrirò il tè, come minimo. Le chiedo se dopo le andrebbe di fare una passeggiata sotto la neve. Sperando che non smetta.
Acconsente. Chissà.
Ecco, arrivano la cioccolata calda e il tè. Linda non prende i biscottini, li scansa di lato col dorso della mano.
Li mangerò io.
Così eviterò chiederli alla barista.

116 commenti:

  1. Ricordo questo tuo racconto :)
    Vabè te lo dico di nuovo pure qua: mi piace tanto!

    RispondiElimina
  2. Bello, Moz, questo tuo racconto...hai reso bene sia l'atmosfera del locale, sembra quasi di sentire l'odore caldo della cioccolata, che l'ansia che attanaglia il protagonista.
    Mi piace!

    Buona Epifania.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anto, grazie mille!
      Mi fa piacere che il breve racconto ti sia piaciuto! XD

      Buona Epifania anche a te, thanks!

      Moz-

      Elimina
  3. Ma che dolcezza (pasticcini a parte)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Danke :)
      E' una cosa che, in una certa misura, mi è accaduta davvero^^

      Moz-

      Elimina
  4. Io l'ho letto tutto d'un fiato. Bello!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella!
      Grazie mille e... stay tuned che mercoledì sei ospite d'onore qui! XD

      Moz-

      Elimina
    2. And the Mozcar goes to... :)

      Moz-

      Elimina
  5. E bravo Moz :), il tuo racconto mi è piaciuto molto, hai saputo creare la giusta atmosfera di un pomeriggio invernale!
    Miao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao gattaccio francese!
      Mi fa piacere che il mio racconto sia stato di tuo gradimento :)

      Moz-

      Elimina
  6. Balla Linda,
    balla come sai
    Balla Linda
    non fermarti
    Balla Linda,
    balla come sai.
    Occhi azzurri
    belli come i suoi
    Linda,
    forse non li hai,
    ridi sempre,
    non parli mai d'amore
    pero' non sai mentire mai
    mmh...
    Bella sempre,
    dolce come lei
    Linda,
    forse tu non sei,
    tu non dici
    che resti insieme a me
    pero' non mi abbandoni mai,
    tu non mi lasci mai,
    ti cerco e tu...
    e tu ci sei...
    ti cerco e tu..
    mi dai quel che puoi,
    non fai come lei, non, non fai come lei,
    tu non prendi tutto quello che vuoi.
    Balla Linda,
    balla come sai
    Balla Linda
    non fermarti
    Balla Linda,
    balla come sai.
    Occhi azzurri
    belli come i suoi
    Linda,
    forse non li hai,
    ridi sempre,
    non parli mai d'amore
    pero' non sai mentire mai.
    Mmh...
    Tu non mi lasci mai
    ti cerco e tu
    mi dai quel che vuoi
    non fai come lei, no, non fai come lei
    tu non prendi tutto quelli che vuoi
    Balla Linda,
    balla come sai
    Balla Linda
    non fermarti
    Balla Linda,
    balla come sai…



    Complimenti, Miki, è un post creativo e scritto bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Gus!! :D
      Però c'è un piccolo problema: non amo Battisti XD
      Comunque grazie mille, contento che ti sia piaciuto!

      Moz-

      Elimina
  7. Che ccccarino questo Moz. Ragazze, ma che aspettate? Moz è libero e vi offrire cioccolata e pasticcini ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lascia perdere Cervé, che ci ho rinunciato: nessuna persona è così coraggiosa da avventurarsi in un cioccolato o tè e pasticcini con me XD
      Grazie mille, badboy! ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Mannaggia.... Non ci fosse john....

      Elimina
    3. Ahaha! Sono sempre fuoritempo, è uno dei miei difetti fatali :)

      Moz-

      Elimina
  8. Stupendo! Scritto maledettamente bene, complimenti. Ma è davvero un racconto oppure c'è un pizzico di autobiografia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uè, che complimentone che mi hai fatto! Grazie mille! :D
      C'è un pizzico di autobiografia (come in tutti i racconti che scrivo, tra l'altro), e qui è nella storia della rubrica del telefono... è una cosa che mi è successa davvero... troppi anni fa, così l'ho forse mitizzata XD

      Moz-

      Elimina
  9. "Se ben ricordo [...] si piazzò in prima posizione" lascia da parte la modestia... scrivi alla grande!!! :)
    davvero complimenti, molto bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah, beh, sono stato immodesto a ricordare il mio successo, ma tanto prima o poi vi farò leggere anche i racconti piazzatisi all'ultima posizione XD

      Moz-

      Elimina
  10. Veramente un bel racconto Miki :) mi ha catturato dall'inizio alla fine! Comunque Buon Anno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Fede! Ben rivisto!!
      Innanzitutto buon 4nno :)
      Grazie mille, contento che il racconto ti sia piaciuto!! :)

      Moz-

      Elimina
  11. Oooooohhhhh, ma che tenerezza....e mannaggia agli omni delle rose che, quella mono volta che servono, non si vedono nel raggio di 1 km! :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, è vero... ci sono solo nei momenti meno opportuni!! XD
      Un mozabbraccio, Bi! :)

      Moz-

      Elimina
  12. ciao Moz, non ero un'assidua frequentatrice del Moz o'clock qualndo lo hai scritto, mi è piaciuto, è come rivivere un ricordo o vedere la scena di un film Bravo, la mia casa è aperta non servono adozioni ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non lo scrissi sul Moz o' Clock ma per un concorso... qui non è mai apparso prima d'ora... è assolutamente in prima visione tv XD
      Grazie mille Enrica, contento che ti sia piaciuto!
      Bhe, a sto punto... passerò a trovarti XD

      Moz-

      Elimina
  13. Bel racconto Moz, molto tenero :) Non sono un'avvenente donnina ma accetto la cioccolata ( a me il ciobar non fa impazzire, preferisco l'altra marca o farlo da me!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu sei già impegnato!! :P
      Io il ciobar lo venero proprio... cioè, io ho una confezione di Ciobar in camera, sopra al pc... intera mai aperta (e scaduta), più una super scatola di latta a forma di confezione di Ciobar... Mi piace proprio il suo colore... XD

      Moz-

      Elimina
    2. Evvabbè saltiamo l'accoppiamento XD ahahahhaah io e le mie ossessioni

      " non posso fare a meno della mia scatola di Ciobar!!"

      Elimina
    3. Ahahaha, il mio ciobar-fetish :)

      Moz-

      Elimina
  14. Ciao Moz,
    molto bello questo tuo racconto, sei molto brava, ma questo lo sapevo già ;)
    Nella sua brevità è intenso, bello , veritiero perchè potrebbe appartenere a tanta gente, delicato come la cioccolata e poi ricorda l'inverno, le feste e quell'atmosfera magica di alcuni film.
    Buona serata e Buona Epifania ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, sono diventato donna nel tuo commento... in ogni caso, grazie mille XD
      Son contento che ti sia piaciuto, sì, amo le cose brevi quando non è necessario essere prolissi... e mi piace descrivere situazioni comuni XD
      Grazie ancora, sorellastra!!

      Moz-

      Elimina
    2. ahuahuahuahu vero!!! avrò sbagliato a pigiare ...
      bravo..bravo e bravOOOOOOO ahuahuahuahua :)
      buona giornata un abbraccio

      Elimina
    3. Ahahah grazie ancora :)

      Moz-

      Elimina
  15. Ciao Moz, DOMY
    La vena romantica che traspare da questo tuo racconto,leggermente autobiografico,mi piace e,non mi sorprende.Seconde me sotto sotto sei un tenerone. :) (Non intendo quello al prosciutto) :D
    Attento che stanotte arrivo con la scopa volante a portarti un abbraccio epifanico! XD ;))


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, oddio... tenerone no, ma sicuramente non sono un orco nei sentimenti :p
      Ti attendo per poterti ri-abbracciare, allora :)

      Moz-

      Elimina
  16. Ciao Miki,
    sono passata per la faccenda dei cicalini/patatine, ma mi ero già riproposta di leggere il tuo racconto:
    bello, immediato ed essenziale, stile telegrafico, così le emozioni arrivano prima a destinazione!
    Qanto ai cicalini del mio post, MIKIIIII, me li chiami patatine!!!
    Sono piccole cialde dolci cotte nelle forme di ferro a fiamma viva...clicca sul banner del mio blog " ricette con parole di contorno" e trovi tutta la descrizione.
    In Toscana si preparano per Befana.
    Ecco anche il link:

    http://filafilastrocca3.blogspot.it/2014/01/cicalini.html

    Ho ripetuto il commento anche da te, è di estrema importanza antropo - gastronomica, peccato che non ti posso inviare un assaggio attraverso la rete!
    :) Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marilena... ahahah, si lo so che erano dolci, li ho chiamati "patatine" per essere, appunto, immediato-telegrafico-essenziale XD
      Ahahaha :)
      Domani corro a vedermi la ricetta... qui non si usano molto :)

      Un abbraccio!!

      Moz-

      Elimina
  17. Mi ricordano "Le Madeleine" di Proust.
    Molto rievocativo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, addirittura?^^
      Grazie mille, Arbitro :)

      Moz-

      Elimina
  18. Ho amato, di questo racconto, la tasca sporca della barista e i "pasticcini". Amo la parola "pasticcini"!
    Passavo da qui, ti lascio un saluto:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, anche io amo la parola (e i) pasticcini XD
      Beh, benvenuta a bordo, domani appena sveglio passo a vedere il tuo blog per bene !! :)

      Moz-

      Elimina
  19. Scontati i complimenti e ok, ma devo dirti che sono rimasta senza parole.... cioè, non ti seguo da molto, ma nei tuoi pezzi (quelli che ho letto), ho sempre trovato una comicità leggera, un ironia moderata e leggere questo pezzo mi ha sorpreso. Non sto dicendo che non credevo tu ne fossi capace, ma semplicemente che prima ti leggevo perché mi sapevi intrattenere piacevolmente, ogni tuo pezzo mi regalalava un sorriso, mentre da ora ti seguirò in modo diverso, più... più! Ah e poi ho capito che mi ero fatto un idea totalmente sbagliata su di te, ti faresti una bella risata!.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ironia cerco sempre di non farla mai venire meno, perché di mio non sono un tipo troppo serio.
      Anche qui c'è, nella storia dei biscottini, nel fatto che lui comunque pensi anche a mangiare -nonostante tutto :)
      Ok, rewind... Innanzitutto grazie mille per il tuo commento!!
      Sono contento che questo racconto ti abbia potuto presentare un'altra sfumatura di me... però ora resta il quesito: che idea avevi prima, di MikiMoz?
      Non preoccuparti, tanto tra le altre cose sono difficile da offendere quindi puoi parlare liberamente XD

      Moz-

      Elimina
  20. Va che poetico Moz! Di questo passo sarai il nuovo Fabio Volo? XD
    Comunque mi piace questo racconto! Perchè non ne scrivi di più così?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha! Oddio, ma davvero vi è piaciuto così tanto?
      A me fa piacerissimo!!
      In ogni caso, ne ho scritti altri e sempre per quel torneo (che è periodico)... uno di quelli lo misi un anno fa proprio sul blog, se ti va lo trovi qui:
      http://mikimoz.blogspot.it/2013/02/il-mio-mondo-arancione.html

      Se lo leggi, fammi sapere se ti è piaciuto :)

      Moz-

      Elimina
  21. Bello questo racconto, è sospeso tra i pensieri e le contraddizioni tra l'esterno e la mente del protagonista. Mi hai fatto venire in mente la canzone "Linda", quella che fa "anche per te, amico mio la sera è triste anche per te...": la conosci?
    Bacioni e buona epifania!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ho voluto proprio farlo tipo flusso, con alternanze tra pensieri (doppi: su di lei e sul cibo) e le azioni.
      La canzone non la conosco... vado ad ascoltarla... per ora di Linda conoscevo quelle di Battisti e dei Pooh! :D
      Un MozAbbraccio al carbone dolce XD

      Moz-

      Elimina
  22. Questo è il Moz che preferisco.. ma ormai sai come la penso su di te, una personcina che la sa lunghissima e può permettersi salti mortali nell'emotività di tutti.. il racconto è splendido, punta al sodo, tira fuori particolari fantastici ("cavolo, non fanno il ciobar qui" "li scansa di lato col dorso della mano. Li mangerò io") che ti avvolgono nella storia e la rivestono di emozione semplice... sempre al top, Moz... insisti cosi... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ossignùr... ma chi poteva immaginare che una cosa scritta due anni fa potesse piacervi così tanto? Nemmeno ai tempi del torneo racconti incassò così tanti commenti positivi!!
      Beh, che dirti e dirvi... GRAZIE! :)
      Ovviamente questo è un racconto, quindi i post regolari tornano ad essere quelli regolari... non di fantasia... spero ti piacciano ugualmente... :p

      Moz (che la sa lunghissima :p)-

      Elimina
  23. Sì, vabbè si sono visti al Bar...e poi?
    Hanno trombato? :-P
    No, scherzi a parte, gran bel racconto.
    Molto bella l' atmosfera calda e accogliente del Bar e storia molto vera, pollice su, Moz. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e poi metti un film porno anni '90 a caso... e scoprirai il seguito XD
      Ahaha, ciao Pirkie, grazie mille per il tuo giudizio positivo! :)

      Moz-

      Elimina
  24. Ahhh..le piacevolezze amorose , che gran cosa..
    Hai fatto benissimo a riproporre questo post, c'è tutta la freschezza del primo turbamento, l'imbranataggine del scelgo o non scelgo, l'incertezza dell'amore, la freschezza del cuore..
    E chi, se non il mio Mozzino, poteva regalare tanta delicatezza e sincertià?
    Standing ovation....+++++

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, addirittura delicatezza e sincerità? :)
      Mi avete stupito, coi vostri commenti... giuro! Oo
      E torno a ringraziarvi!
      Grazie mille, Nellina!

      Buon ultimo giorno di Feste!! :)

      Moz-

      Elimina
  25. Tenero! Mi piace :-)
    Il fatto che lui non avesse in rubrica il numero della persona destinataria del regalo è forte ;-) è una trovata carina davvero, bravo. E tutto il resto è piacevolissimo da legegre.

    Complimenti, Miki!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che quella è una cosa che mi è successa davvero?
      Certo, non in un bar, non sotto Natale (anzi, ero ai giardinetti ed era aprile/maggio)... insomma, ho preso spunto :p
      Grazie mille Maris!! :)

      Moz-

      Elimina
  26. Mi ha fatto molta simpatia!
    Quel tipico modo di scrittura maschile che descrive il protagonista/narratore come un imbranato-sbadato, una sorta di 'È quasi magia Johnny'!
    Mi piace perché almeno è un modo fresco di raccontarsi e raccontare! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, beh, noi ci mostriamo sempre con tendenze superomiste, ma in realtà siamo impacciati (all'occorrenza :p)
      Grazie mille, cara! :)

      Moz-

      Elimina
  27. non credevo fosse il tuo genere. E invece credo proprio lo sia, visto il risultato. Hai reso bene l'atmosfera del locale, ho sentito quella sensazione di "accogliente".
    E il torrone fa schifo anche a me! ahaha
    Buon anno Miki!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà, sai che il mio genere è proprio questo?
      Ora non badare a Masquerax -che è volutamente un racconto esagerato nello stile "ragazzino delle medie crea un supereroe"-, i racconti che prediligo scrivere sono proprio questi, su situazioni normalissime :)
      Grazie mille Manu, buon 4nno anche a te!!^^

      Moz-

      Elimina
  28. E bravo il mio nipotone! Vedi che sei anche un sentimentalone!
    Buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A modo mio... anche io non ho il cuore di pietra XD
      Un MozAbbraccio, zietta ;)

      Moz-

      Elimina
  29. Ma che bello, Moz! Non ti nascondo che pensavo finisse male, e invece è proprio un bel racconto coccoloso e natalizio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fosse finito male, lui avrebbe avuto almeno i pasticcini... non faccio mai finire le cose male al 100% XD
      Ahaha, grazie mille Clyo, un abbraccio!

      Moz-

      Elimina
  30. Bello :) mi piace l'idea di raccontare qualcosa con una serie di pensieri di cose diverse tra loro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, cara! :D
      Sì, non sempre scrivo così ma per questo racconto mi sembrava il modello più adatto! :)

      Moz-

      Elimina
  31. bel racconto!
    però ammettilo, l'hai riproposto soltanto per bullarti che sei arrivato al primo posto eheh ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ;)
      In realtà l'ho proposto perché era natalizio... :p
      Per farmi perdonare metterò anche i racconti che sono arrivati ultimi XD

      Moz-

      Elimina
  32. Ehi Miki, eccomi qui!
    Scusami sono stata molto impegnata, tutto ok, ma finite le feste il primissimo posto dove passo è sicuramente il MoC, che è sempre il posto giusto per me! ;)

    Dunque, non avevo mai letto questo racconto, sono felice che tu lo abbia proposto qui sul tuo blog perchè lo trovo incantevole: descrittivo come sempre, ma anche delicato e dolce.

    Bravo il mio Moz, non capisco davvero che problemi abbiano le ragazze della tua zona, sei una persona speciale, e lo penso senza alcun dubbio...

    Ciao e a presto, honey :***

    V.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wao, addirittura?^^
      Sì, immaginavo tu fossi impegnata, spero che tu ti sia divertita sotto le Feste!! :)
      Grazie per le tue parole sul racconto e su di me... e in merito a questo punto dico... non è che non ci siano, eh, ma è che non sono quelle che piacciono a me ... o viceversa XD
      Un bacione! :)

      Moz-

      Elimina
  33. Ho temuto finisse male fino alla penultima riga e invece l'amore trionfa! Meno male, ogni tanto :)
    Bellissimo racconto. E mi hai fatto venir voglia di the e biscotti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, come ho detto poco sopra a Clyo, se fosse andata male almeno lui avrebbe ottenuto i pasticcini... la panza era salva XD
      Grazie mille, cara! Contento che ti sia piaciuto e... appena stacco, corro al bar a prendermi il mio tè con biscottini XD

      Moz-

      Elimina
  34. Ma bello questo racconto! Il Moz romantico non lo conoscevo... ma è MOOOLTO carino in questa versione ( lo so lo so che è un racconto e non necessariamete autobiografico ma mi piace vederlo così! )

    p.s. Il ciobar mi piace un sacco pure a me!!! Ma per farlo venire bello denso.. in una tazza di latte ci devo buttare ben due bustine di cioccolata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di autobiografico c'è la storia della rubrica del telefono (certo, io sono stato un po' meno impacciato)... grazie mille anche a te, Silvia!! :)

      Quanto al Cioby, ahaha anche io uso quel trucco, o metto leggermente meno latte. Anche se di norma cuocere a fuoco lento continuando a girare... rende comunque denso il composto :)

      Moz-

      Elimina
  35. Ciao Moz
    dopo tanti complimenti, eccoti i miei:
    un racconto fresco e simpatico, accattivante!
    Nina

    RispondiElimina
  36. Bellissimo Moz! Che ti pare di starci dentro , al bar..senti i pensieri di lui, al di fuori dei rumori delle tazzine , del vociare...sarà che mi è capitato...di provare altro per un amico (non ho l'eppi end, però) quindi mi sono immedesimata :) che bei tempi..che belle emozioni! Grazie di averle ripescate nella mia memoria, fanno meno male ciauz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Annastella!! :)
      Beh... chi non ha mai provato altro per una persona amica? Credo sia successo proprio a tutti... e io ho voluto che finisse bene :)
      Grazie per il tuo commento, cara!!

      Moz-

      Elimina
  37. che sdolcinato, ho dovuto riprendere subito un racconto di masquerax per non andare in iperglicemia :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha! Che scemooooo :p
      Masquerax tornerà più spietato che mai! :p

      Moz-

      Elimina
  38. Uno dei miei racconti preferiti ;D ..persi per un punto..LOL!:P
    Correva l'anno 2011 xD
    un bacione e buona giornata =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero!! Ho vinto al fotofinish! :)
      Beh, spero di poter gareggiare ancora con(tro) te!! ;)
      Un bacione, Ananas!

      Moz-

      Elimina
  39. bellissimo Moz! un racconto che definirei fotografico per quanto ogni cosa sia descritta bene. Vorrei leggerne ancora e ancora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao streghetta! Sono contento che il racconto sia stato di tuo gradimento!
      Beh, ho scritto altre cose più o meno dello stesso tipo (slice of life, diciamo), prova questa:
      http://mikimoz.blogspot.it/2013/02/il-mio-mondo-arancione.html :)

      Moz-

      Elimina
  40. Ohhh ma che dolcezzz ♥_♥
    Adesso però voglio gli spoiler della prossima stagione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hanno fatto un figlio :p
      Ahaha, scherzo!! :)
      Grazie mille!!

      Moz-

      Elimina
  41. Bello e tenero...io mi sentivo in quel bar. Questo significa che hai creato con il tuo racconto l'atmosfera leggera e dolce di quel posto. Bravo, mi è piaciuto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le tue parole mi fanno molto piacere, cara!
      Non è semplice riuscire a descrivere un luogo in poche battute, se ci sono riuscito non posso che esserne contento... grazie mille!! :)

      Moz-

      Elimina
  42. che bel racconto.
    bravo mozzz.
    frizzantino, leggero, un bel ritmo.
    dovresti scriverne più spesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Silvia, contento che sia stato di tuo gradimento! :)
      Scriverò di più, promesso :)

      Moz-

      Elimina
  43. Ehila' Miki, come va?

    E bravo il nostro scrittore romantico!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attilius!! Io tutto ok, tu?? Ma che fine avevi fatto?? ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Diciamo che io ho una caratteristica: non riesco a fare le stesse cose per troppo tempo di seguito, dopo un po' devo staccare.

      Elimina
    3. Ah, ecco :)
      Beh, allora va bene... non c'è nulla di sbagliato!
      In ogni caso, buon 2014, mi sa che non ci siamo scambiati il buon anno! XD

      Moz-

      Elimina
  44. Un racconto caldo,tenero e caldo. Ho provato ad immaginarti,seduto al bar ( io immaginavo il grande italia a teramo,non chiedermi perchè) ..Bello..un racconto natalizio che va bene tutto l'anno..ti scalda il cuore..Bello bello bello..se ne hai altri nel cassetto pubblicali! Saró la prima a comprarli:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ele, non immaginerai mai una cosa... Quando ho scritto questo racconto, anche io l'ho immaginato ambientato a Teramo!!
      Non al Grande Italia, però, ma al San Matteo!! :)
      Incredibile!! :D

      Grazie mille, comunque, son contento che ti sia piaciuto!
      Dello stesso tenore ho scritto qualche altra cosa, ed è assolutamente gratuita da leggere:
      http://mikimoz.blogspot.it/2013/02/il-mio-mondo-arancione.html

      Poi ho messo anche brevi racconti a puntate, ma di altro genere... quelli li raccoglierò in film pdf che metterò poi clicckabili dal blog :)

      Moz-

      Elimina
  45. È talmente bello che l'ho riletto 4 volte.

    Davvero stupendo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammazza, grazie mille!! :)
      Contento che ti sia piaciuto così tanto!

      Moz-

      Elimina
  46. Che voglia di cioccolata! è bello questo racconto, mi fa venire voglia di saperne di più sui personaggi, quanti anni hanno, che Università frequentano... com'è andata a finire tra loro. Miki è ora di scrivere il seguito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, a volte non è meglio non saperne altro?
      Io ho sempre preferito una certa vaghezza che lasciasse spazio alla fantasia.
      Però, se vuoi ti dico che stanno ancora assieme, lui si sta per laureare e lei ha l'ultimo esame a breve XD
      (inventato in due secondi^^)

      Moz-

      Elimina
    2. pensavo che lui fossi tu... sei sicuro che te lo sei inventato? ;)

      Elimina
    3. Sono sincero: la storia del numero in rubrica è cosa mia. Mi successe anni fa con una ragazza. Io però fui tonto solo per finta, sapevo che si riferiva a me! ;)
      Se il protagonista fossi io, ti direi che mi sono laureato, lavoricchio, e sono single a tratti :p

      Moz-

      Elimina