> ebbasta! (lettera aperta)


TASSO DI VOLGARITA': 12%
TASSO DI RAZZISMO: 0%
TASSO DI CLASSISMO: 2%



Evidentemente non sono poi un grande comunicatore.
Evidentemente sono davvero ottuso, ignorante, con poca intelligenza.

Nonostante questo, sul mio blog si può sempre commentare liberamente, e si ottengono risposte.
Nonostante questo, sul mio blog ho sempre pubblicato i messaggi che mi arrivavano, belli e non.

Ecco, sì, sono omofobo: ho voluto scatenare una guerra gay vs gay (o dovrei dire gay tristi vs gay felici, forse) in modo tale che questa minoranza si scannasse da sé, lasciando spazio al potere eterosessuale di cui sono un fiero esponente (!).
E' probabile che sia questo, ora, il messaggio che passi col mio post precedente.
Perché tanto, si sa, la contestualizzazione non è alla portata di tutti.
E se contestualizzi una frase ti fanno apparire come se volessi giustificare tutti i mali del mondo. Ma non è così, per nulla!
Bisogna tornare a fare gli schemini tipo quelli delle elementari?
Sì, perché le cose mi entrano in testa con difficoltà. E allora lo faccio.


- il film Tutta colpa di Freud porta sostanzialmente questo messaggio: non si può cambiare gusto sessuale come fosse un vestito, e ognuno dovrebbe vivere felicemente la propria sessualità.
E' un messaggio sbagliato? Per me NO.
- la frase "voglio diventare etero per non soffrire più", pronunciata da un personaggio lesbica, è assurda?
Per me SI', e la sua assurdità viene sottolineata nel film ma anche nel trailer, tanto per evitare fraintendimenti pericolosi per chi non vedrà mai il film.
- questo tipo di frasi sono cose fantascientifiche? NO, come hanno dimostrato commenti di lesbiche in carne ed ossa sul mio stesso blog. Sono frasi fatte, assurde, ma che si dicono in certi momenti di sconforto.
- il film Tutta colpa di Freud o qualche sua frase insegna che cambiando sessualità si può essere felici e che l'omosessualità sia una fase passeggera? NO, perché la protagonista si rende conto che non ha senso la sua scelta di avere esperienze eterosessuali.
- il film Tutta colpa di Freud o qualche sua frase fanno passare il messaggio (sbagliato) che l'eterosessualità sia normale? NO, perché, già dal trailer, non si parla mai di normalità e comunque si sente un'altra ragazza (etero) che asserisce di voler cambiare sponda.
- un autore ha diritto di creare i personaggi che vuole, come vuole? Per me, SI'.
- la frase "prendete un bastone e picchiate Moz" equivale al "voglio diventare etero per non soffrire più"? NO, nella maniera più assoluta, e chi ha un minimo di QI capisce che questo esempio è un esempio non calzante.
L'esempio giusto è, invece, se in una opera apparisse una frase -decontestualizzata- tipo "picchiamo tutti gli occhialuti!". Perché io faccio parte della categoria degli occhialuti. Ma... se per colpa di quella frase qualcuno mi picchiasse, non potrei mai dare la colpa all'opera da cui è stata tratta.
Così come se un ladro mi derubasse, uccidendo tutti i presenti in casa, non darei mai la colpa a Diabolik o Lupin.
Eppure i ladri e gli assassini esistono, come esiste l'omofobia, il razzismo, il sessismo!
Qua non si tratta di giustificare libertà di parola e libertà di azione, qua si tratta di parlare di argomenti basilari.
Se qualcuno della Lega Nord si mettesse a spruzzare DDT contro esponenti di certe etnie, nessuno deve andare a rompere i coglioni a Tarantino perché per un suo film ha scritto la frase -qui decontestualizzata- "ti ci vuole un repellente per negri!".
Ragazzi, siamo sinceri almeno verso noi stessi!
E' un discorso così elementare che sinceramente non capisco come si possa far fatica a comprenderlo!

Il vero problema è l'educazione a monte.
Perché, se nel 2014 ancora ci scaldiamo tanto per una frase di merda in un film che può essere di merda come no, allora è grave.
Se nel 2014 stiamo ancora a supremazie eterosessuali, a categorie, a negri, bianchi, gialli, arancioni, occhialuti, mangiatori di maccheroni piuttosto che di pennette... allora sì che la situazione è grave.
Nessuno vuol far cambiare opinione agli altri, o convincerli di qualcosa.
Nessuno vuol andare SEMPRE contro le minoranze, o farle sentire in difficoltà, come mi è stato detto.
Le discriminazioni purtroppo esistono, così come tante altre piaghe sociali. Ma per favore, il vittimismo non porta mai a nulla di buono, anzi!
Si voleva solo cercare di capire, senza offese, senza costrizioni. Si chiedeva di capire come mai -date tutte le cose che ho elencato- quella frase potesse risultare pericolosa. Mettersi nei panni degli altri. E col massimo rispetto verso tutti, visto che non è uno scontro tra ghetti o tra fazioni, come le risposte al post precedente hanno dimostrato (dato che ci sono stati omosessuali critici verso altri omosessuali, ad esempio)...
Uno scambio, una comunicazione.
Però, è vero, non sono poi un così grande comunicatore, evidentemente.
Non riesco ad andare oltre il mio piccolo sistema.
Ma forse nessuno ci riesce, a questo punto.
"Sì, fa freddo a stare qui, a un passo dal capirci..."
Per un ulteriore punto di vista, sicuramente più "dentro" ai fatti, vi rimando al post di Pier(ef)fect.

139 commenti:

  1. C'è sempre un bel traffico di commenti sul tuo blog e, letti i primi, giuro che ho pensato TLDR;
    In fondo mi sembrava estremamente chiaro, il concetto.
    Ma si sa che fare flame per qualcuno è un'attività divertente... Anche se devo dire che una guerra tra gay tristi e gay felici non mi sarebbe venuta in mente neppure dopo un bicchiere di lsd ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, lo so... spesso i commenti sono più impegnativi del post stesso... Però sinceramente a me piace così, tipo un forum!
      Quanto alla guerra... guarda, sai che messaggio m'è arrivato dal post precedente e da tutto il casino successo prima, dopo e durante su altri blog?
      Che per alcuni omosessuali, non possono quasi esistere omosessuali felici. Tutti devono per forza soffrire, faticare ad accettarsi, avere casini su casini...
      Oddio, che brutto messaggio mi è arrivato... forse non l'ho contestualizzato a dovere :p

      Moz-

      Elimina
  2. Ciao Moz,DOMY
    Non capisco perché ti sei comodato a ribadire un concetto che era già chiaro nel post precedente. Non ho altro da dire,il mio commento a questo post è già stato scritto...PRIMA!.., ;)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché altri hanno continuato, facendolo in post a cui nemmeno si può replicare...
      Però, per me la questione termina qui: oltre questo specchietto elementare non so che fare, e sinceramente all'asilo nemmeno vorrei tornarci XD

      Moz-

      Elimina
  3. Tranquillo, io attiro solo folli, baraccone, finocchi e pervertiti.
    Ci sei ancora? :)
    Baciotto!

    RispondiElimina
  4. Non ragioniam di lor, ma guarda e passa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti questa è solo una puntualizzazione, domenica ci sarà già un nuovo post e tutto questo... passerà :)

      Moz-

      Elimina
  5. Per essere un filmetto senza pretese, certo che Tutta colpa di Freud ne ha tirato su di polverone! Altro che cineforum!
    Penso che tutto il qui pro quo sia derivato da un lettura frettolosa dei vari post e commenti etcetera etcetera etcetera, e dal fatto che il limite della blogsfera è che impedisce di comunicare direttamente.
    However, aspetto il post di domenica. ;)
    Vale A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di certo il mio post precedente, come mi è stato fatto notare oggi, non è stato per nulla capito: io parlavo della libertà di un autore di rappresentare situazioni e personaggi come più desidera, senza doversi porre il problema di urtare le sensibilità di alcuni.
      Il mio post di domenica sarà un racconto breve scritto un anno fa che contiene personaggi lontani da me ma creati da me. E c'è anche un gay, in una situazione squallida, tanto per non farsi mancare niente!! :)

      Moz-

      Elimina
  6. Mozz-ino cosa mi combini? <3
    Dici? Ma youtubo e' un po',un beeeel po' strano. Quindi non so che pesci prendere,dillo che vuoi sapere chi é,curiosone :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ma il karma e' culo. Detto in modo inglish is a bitch.
      Quel film che hai citato,sembra bellino u.u

      Elimina
    2. Ahahah no no, non voglio saperlo! ;)
      Ma strano è meglio, no?? :p
      P.s. il film è una commedia leggera... ;)

      Moz-

      Elimina
  7. Sono sempre più convinta che chi non vuol capire non capirà mai: la situazione era già stata ampliamento spiegata nel post precedente da te come dai commenti aggiunti da altri. Più di così direi che è inutile, per cui...giriamo pagina! Di cosa parlerai domenica? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che io avrei voluto capire, senza muri e schermaglie. Mettermi -per quanto possibile- nei panni degli altri (ma altri chi? Ognuno aveva la propria opinione! Anche gente con sessualità uguale!).
      Ci ho capito poco. Ad ora non so ancora perché quella frase (che ho spiegato bene come viene mostrata anche nel trailer!) possa risultare pericolosa. Sulla base di cosa.
      Forse con gli schemini da prima elementare riuscirò a capirlo, a capire il mio errore.
      Intanto, domenica c'è un mio racconto con cui un anno fa partecipai (perdendo miseramente) all'ennesimo torneo. Tema: volgarità. Personaggi: creati da me ma lontani da me. Sono così piatti da essere pure un po' omofobi, con quella omofobia da bar. Mi servivano così: vedremo cosa succederà.

      Moz-

      Elimina
  8. "Perché altri hanno continuato, facendolo in post a cui nemmeno si può replicare..."
    Perdona la sincerità.. ma tu ti stai ancora perdere tempo con qualcuno che impedisce i commenti nel suo blog?
    Suvvia Moz, so per certo che tu vuoi sempre aver ragione ma che tu insista a anche quando la ragione già ce l'hai.. miii ma sei pignolo!! ;-)
    Vai Moz.. sei tutti noi!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente sono come dici... cioè mi piace avere ragione, specie se si tratta di cose che mi smuovono dal profondo...
      ...però qui non si tratta di ragione o altro... ma di punti di vista: diciamo che magari questo post serve a fare chiarezza, a mettere ordine... cosicché io capisca di avere davvero ragione senza alcun dubbio :p

      Moz-

      Elimina
  9. Mozzoni spiace vedere che ti sei alterato.

    Che poi, per la frase di un film. Neanche fosse stata tua... Ma comprendo, a qualcuno deve essere sfuggita la visione d'insieme del tuo post.
    Stai sereno, Moz :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai una cosa... domenica inserisco un racconto, scritto un anno fa... con frasi che a questo punto possono risultare pericolose... Ecco perché vorrei tanto capire.

      Moz-

      Elimina
  10. Le polemiche sono il sale della vita ma spesso abbiamo a che fare con gente di "altro livello" che impedisce la replica o si trincerà nell'anonimato perché fondamentalmente debole. Sono queste le categorie che si autoescludono e che fomentano l'integralismo idiota. Stai sereno intanto, sei un ottimo comunicatore.. anche se nella diatriba tra mangiatori di maccheroni o di pennette spero sottintenda pennette rigate perché quelle lisce sono una zozzeria unica... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le pennette lisce chi le ha inventate deve soffrire! Sono la cosa più schifosa al mondo XD
      Ma vedi, caro Lampur, anche tra le pennette esistono diverse versioni... E' brutto dover ricondurre il mondo a tizi contro cai (club alpino italiano :p) quando ognuno di noi è una persona a sé, con la sua personalità e le proprie esperienze.
      Sembra che tutti i gay debbano soffrire.
      Sembra che tutti gli etero siano stronzi e ottusi.
      O che tutti i siciliani siano mafiosi e via dicendo...
      No, io che sono un individualista convinto, NON CI STO^^

      Moz-

      Elimina
    2. Uè che c'hai contro il cai? Io sono cai..etero all'80%..bassina meridionale..nata immigrata..c'hai qualcosa contro di me? ;-) ahahahah

      Elimina
    3. Ahaha, col cai ci collaboro, sono etero all'80%, occhialuto, non alto, meridionale e freddo abruzzese :p

      Moz-

      Elimina
    4. Cacchio..du quasi gemelli separati alla nascita ( a me m'hanno fatto nascere un pó prima..) Comunque..non sono il cai..volevo dire che sono socia cai :-p

      Elimina
    5. Ahaha avevo capito che eri socia cai :)
      Sono nato anche io un po' prima, e meglio così, che sennò non potevo essere del segno del Leone! :D

      Moz-

      Elimina
  11. Io mi sono stancata dell'argomento. Come sai, per me non c'era alcun polverone da sollevare!

    Non credo proprio che tu sia omofobo, io ne ho conosciuto qualcuno ed è meglio che non mi dilunghi sulla cosa! ^^

    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nyu, thanks!
      L'omofobia è una cosa triste, ma sai perché? Perché al 99% dei casi viene dall'ignoranza.
      Mi duole sempre vedere un homo sapiens sapiens che tanto sapiens sapiens poi non è... e gli omofobi ricadono in questa categoria.

      Moz-

      Elimina
  12. Moz, adesso contestualizza tu per una volta, senza fare il bambino di due anni che non sa cos'è accaduto e piange dietro alle gonne della suora, quando poi è il primo ad avere il sasso in mano.
    Tutto questo casino l'hai sollevato con Audrey e Missis Robinson, perchè c'è una sorta di impedimento fisico ad accettare le opinioni che non sono tutte uguali, perchè non si può accettare il fatto che la realtà non sia una sola, uguale e magnifica per tutti, perchè vi siete sentiti in dovere di continuare a saperne un pò più di tutti.
    Io approvo che Xavier si sia voluto sfogare precludendo i commenti, perchè anche quel ragazzo ha diritto a incazzarsi per una volta senza doversi preoccupare della reazione del resto del mondo, specie dopo che l'avete massacrato in tutti i modi solo perchè non era d'accordo col vostro pensiero.

    Se poi parliamo del mio pensiero sì, noi gay non siamo certo una maggioranza (a dati Istati siamo il 10% della popolazione italiana) e non ce la spassiamo, ogni giorno facciamo i conti con realtà negative e con cretini di ogni sorta.
    Mi stupisco perciò che alcune persone gay neghino l'evidenza, ma il negazionismo è il primo passo per la deresponsabilizzazione.

    Ti lascio con il tuo post ad hoc (sembra una legge alla Berlusca) così hai la claque che ti da ragione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meli io spero vivamente tu ti renda conto delle parole che usi, perché dai tuoi commenti sembra proprio che tu non abbia capito la questione. Sasso in mano? Massacrare Xavi?
      Ma vedi che sei TU che parti dal presupposto che non è una semplice discussione su un argomento (cosa che in realtà è) ma ci vedi attacchi a persone e categorie??
      E questo, mi dispiace, non posso fartelo passare. Perché ho rispetto di te, di Xavier, di tutti. E' stata una discussione come tante altre, voi vi siete sentiti chiamati in causa solo in quanto gay: se avessimo parlato -con gli stessi toni- dei diritti degli agricoltori non sarebbe successo tutto questo.
      E' questo che io proprio non riesco a capire...
      ...pertanto, cosa dovrei contestualizzare??

      Da Audrey ho sollevato un polverone? Ma quando mai??
      Vai a leggere: è tutto nero su bianco! Ho espresso la mia opinione come tutti. Senza offendere nessuno, senza mancare di rispetto ad altri.

      Il negazionismo di cui parli tu di gay su questioni gay a me, ad esempio, fa passare il messaggio che per te un gay non può essere felice con ciò che ha. Non dico che non si debba lottare per ottenere altro, ma santo dio, uno non può manco passare la vita a piangersi addosso e pensare solo alle cose negative!
      Forse, dove tu vedi negazionismo, io ci vedo solo propensione a voler vivere.
      Ma qui non entro in causa, non è mio territorio e non mi permetto di andare oltre, e in ogni caso hanno risposto altri gay alla questione. Sia qui sia altrove.

      Bambino di due anni? Dodici, please. E comunque bambino esattamente alla stregua di chi non pubblica messaggi o di chi parla di terzi senza che questi possano replicare.
      E proprio per questo non ho bisogno di una claque che mi da ragione: quelle cose dimostrano che HO ragione. Come lo dimostra il fatto che non mi avete aiutato a capire il vostro punto di vista, schermandovi dietro delle cose che almeno qui da me, voi stessi avete "creato" partendo prevenuti.
      Ad oggi, io ancora non capisco come quella frase (con tutti gli annessi e connessi che ho spiegato) possa risultare pericolosa.
      Ti va di spiegarmelo in modo elementare, cosicché anche io possa comprenderlo?
      Grazie mille.

      Moz-

      Elimina
  13. Non c'è proprio nulla di difficile, è così chiaro. La gente dovrebbe cercare di prendere meno sul serio la finzione narrativa. Anzi, ancora prima, dovrebbe imparare che cosa significa 'finzione narrativa'. Che poi vabbè, è una cosa che ti insegnano alle elementari.
    Mah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti!
      Io capisco anche la pericolosità di certe frasi, -omosessualità a parte, ne ho volutamente citata una potenzialmente razzista tratta da Jackie Brown- ma solo se prese così, dal nulla.
      A questo punto nessuno potrebbe mai scrivere niente, nel mondo.
      Non puoi essere politicamente scorretto, non puoi giocare coi cliché, niente!
      Mica non so che dietro omofobia e razzismo c'è dolore, o c'è dietro la malattia, la mafia, il bullismo... ma andiamo.. non è una frase di un'opera che punge sulla ferita... è la realtà di gente ignorante. Che probabilmente di tali opere manco conosce l'esistenza!

      Moz-

      Elimina
  14. Ho già scritto da Pier ciò che penso, Miki, e cioè che lui è stato cristallino e secondo me intelligente nel considerare tutta questa questione per quello che è: un gran (spiacevole) polverone che poteva benissimo essere evitato perchè si basa su qualcosa (la frase fatidica "incriminata") in cui neppure io vedo il significato sconvolgente e offensivo che gli si è voluto attribuire da parte di alcuni.
    Tu a mio avviso, come Pier, sei stato altrettanto schietto e sopra le parti. Non hai nulla da rimproverati, anche se hai fatto bene a voler ribadire il tuo pensiero in questo post per non lasciare in sospeso il tutto.
    Io però adesso fossi in te lascerei perdere la cosa se no rischia di trascinarsi all'infinito, sterilmente.
    Un abbraccio, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maris.
      Sì, non preoccuparti: per me finisce qui, domani ci sarà già un nuovo post (un racconto moooolto volgare e cazzaro, così, anche per lasciarci dietro l'eccessiva serietà degli ultimi articoli).
      Anche per me sin dall'inizio (da Audrey) c'era solo un enorme polverone basato sul niente... l'avevo detto anche lì, cercando di moderare dei toni (di terze persone, pro e contro) inutilmente a mio avviso accesi.
      Ma evidentemente è un argomento che colpisce tanto... così tanto da creare quasi paraocchi o schermi che, magari, chi non vive ogni giorno certe cose non riuscirà mai a comprendere. Ma nemmeno sono stato aiutato a farlo, però.
      Un abbraccione e buon weekend!

      Moz-

      Elimina
  15. sottoscrivo ogni singola parola, nel film è estremizzato (per ottenere l'effetto comico, sottolineare l'effetto emotivo, creare la potenziale svolta nella sceneggiatura e, anche, per paraculaggine verso un certo tipo di pubblico) il concetto infelicità = scelte sessuali ma ogni autore è libero di far muovere il proprio orizzonte (un po' come quando si accusava stephen king - e chi ricavava film dai suoi romanzi - di inculcare incubi nella mente dei giovani) ... non restiamo ancorati alle ideologie, non offenda il termine ricchione così come non sia scabroso l'affetto tra due persone che si amano ... il film è poco riuscito ma la presunta "conversione" omosessuale non conta (dò la colpa alla sciattezza degli sceneggiatori, gli attori non erano male), nella realtà scrivi bene, il vittimismo non porta a niente, solo a rinchiudersi in gabbie e isolamenti ... tutti possono/devono fare uno sforzo di comprensione e dignità, gli omosessuali con i loro dogmi gli eterosessuali con le loro pretese ... nel 2014 altro dovrebbe scandalizzare, eppure .. bravo miki

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Chand.
      Io il film non l'ho visto, ma in questi giorni me ne sono fatto una cultura, praticamente. E sai dove, maggiormente? Attraverso le recensioni su siti e blog gay. Addirittura su uno spazio di sole lesbiche, sicuramente chiamate in causa vista la tematica che le riguarda.
      Questo per dire che ho evitato bellamente la stampa mainstream o i programmi delle prime reti (ho sentito parlare di questo film, la prima volta, su Rai5!!).
      Non mi sono mai accodato alla massa dicendo che è bello (non l'ho visto!) né che offra un messaggio corretto o meno perché lo dice tizio o caio.
      Me ne sono fatto un'idea personale.
      L'accusa a King è assurda come quella a Burgess e Kubrick, a Dylan Dog, a Kenshiro.
      Pensa che negli anni '40 accusavano la CocaCola di esporre i giovani ai rischi (?) della masturbazione (!!).
      E pensare che la CocaCola dovrebbe essere sotto i riflettori per ben altre questioni, altro che... seghe!

      Moz-

      Elimina
  16. Troppe code di paglia, e non mi riferisco a te Moz.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cris, thanks!^^
      Anche perché la mia coda è di pelo (Sherby è un volpino!^^)

      Moz-

      Elimina
  17. Ciao! sarò troppo ingenua io forse ma pensa che quando ho letto la frase incriminata ho pensato solamente "sembra me quando dico basta ora divento lesbica!" della serie ora mi faccio suora così smetto di stare male. Sai le frasi che si dicono quando si soffre, non ho affatto pensato ad um messaggio omofobo nascosto ma come ti ripeto sarò io troppo ingenua ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anzi a me è sembrato che il film abbia voluto in un certo modo spiegare (coi toni leggeri della commedia) che alla fine della fiera siamo tutti uguali e soffriamo e gioiamo allo stesso modo, la ragazza del film pensa che diventato etero non soffrirà più come se gli uomini non facessero stare male, io dico divento lesbica perché in quel momento penso che tra donne ci si capisca meglio e non si soffra e sbagliamo entrambi perché a farci soffrire non sono uomini o donne ma i singoli individui e non la "categoria". è ovvio che è una frase stupida ma quando si soffre non si dicono e fanno cose stupide? buon we!

      Elimina
    2. Ciao Emanuela!
      Evidentemente siamo in due ad essere ingenui, o meglio, a non guardare per forza il male anche dove non ce n'è.
      Perché secondo me di questo si tratta... veder per forza una cosa brutta. Volerla vedere a tutti i costi, anzi.
      Il messaggio che lancia il film è proprio quello che dici, e non possono esserci equivoci di sorta.
      E' un messaggio sbagliato? Per me assolutamente no.
      Sono d'accordo con te, ma lo sono anche gli sceneggiatori del film, che sin dal trailer stigmatizzano la frase del personaggio interpretato da Anna Foglietta, proprio per non lasciare dubbio alcuno sul valore sbagliato di quella sentenza.

      Moz-

      Elimina
  18. per "categoria" intendevo uomini e donne non vorrei essere fraintesa ^_^

    RispondiElimina
  19. Ognuno viva la propria sessualità con gioia. Non si può dire. Il pedofilo è giusto che lo faccia, oppure il guardone o peggio lo stupratore o il feticista?
    Il gay deve amoreggiare con un altro gay. Se non lo fa è un imbroglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella del pedofilo e dello stupratore è una devianza, non una sessualità.
      Il feticismo è una particolarità.
      Comunque, sono d'accordo con te!^^

      Moz-

      Elimina
  20. Tu sai che ti leggo ma non commento.
    Stavolta sono stato fuori dal giro per boh, un mese ed al ritorno trovo questo.

    Ho letto l'altro thread.
    L'unica cosa a cui sono riuscito a pensare è " polemica sterile ".
    Quella è politica: prendere una frase, inserirla in un contesto più ampio e farla trascendere dal punto originario.
    tl;dr? Stronzate.

    Inoltre tu partivi da un contesto semplice, ossia la libertà dell'autore di fa dire quello che vuole ai suoi personaggi.
    Ed io, in quanto autore, ti rispondo che è una fottuta ovvietà.
    Io creo, io decido, loro non esistono!

    Lascia che gli ultras si scannino tra loro e ignorali, oppure adotta il mio sistema.
    Rispondo male al commento e lo cancello [ io lo faccio quando partono le guerre su linux ].
    Ma io sono il Dittatore, tu un dodicenne...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dittatore!
      E' vero, in ben pochi hanno letto davvero il mio precedente post, come giustamente mi faceva notare l'amico Cervello Bacato ieri, in conversazione altrove.
      Il mio post era sulla libertà di un autore, partendo dalla riflessione scaturita sull'altro blog. Non voleva continuare la diatriba, che poi diatriba -per me- non era.
      Comunque, sull'argomento ci tornerò senza dubbio, speriamo che non intervenga un'altra minoranza a prendersela sul personale... perché farò altri esempi.
      Sono contento che anche tu sei d'accordo con me sulla questione della libertà. Vedremo cosa succede col prossimo post, dove per un mini racconto ho creato personaggi volgarotti e ignoranti... :)

      Moz-

      Elimina
    2. Noooo, anche culturati, se vuoi ti do qualche nome. :) Più culturati sono più pervertiti diventano.

      Elimina
    3. Ma a me non servono personaggi di cultura, per un racconto (scritto ormai un anno fa) sulla volgarità e sulla pochezza :)

      Moz-

      Elimina
  21. Ah, molto bella la foto in apertura. Ieri sera mi sono scordato di scriverlo. Mi ha ricordato (in meglio) la copertina di un disco di Vecchioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente la foto è una provocazione: ho messo le pedine nere in gruppo, mentre isolano la pedina bianca. Un razzismo cortocircuito, diciamo... Per far capire che nel mondo niente è mai scontato e secondo me ragionare per categorie è davvero limitante e svilente per l'individualità/individualismo che tanto cerco di difendere!^^

      Moz-

      Elimina
  22. Ma non capisco tutto questo accanimento contro lo scorso post.
    Hai esposto i tuoi pensieri, che possono piacere o no.
    Cosa hai fatto di male? Non hai ucciso un uomo o altro...
    Non capisco perchè la gente deve mettersi a rompere le scatole: va bene la discussione, ma quando diventa una "battaglia" da parte di strani utenti non la capisco.
    Una persona può sempre spegnere il pc, se non gli piace quello che legge.... mica è stato obbligata a scrivere!
    Ti sono sempre di supporto Moz, anche nelle nostre "imperfezioni" e "diversità"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il fatto è che del senso reale del precedente post è rimasto presto ben poco.
      Subito i toni si sono alzati, e hanno inglobato altri argomenti (alcuni a mio avviso assurdi) ma va bene, dopotutto una discussione è una discussione.
      Io ho sempre lasciato i commenti di tutti, e risposto a chiunque.
      Questo ci tengo a dirlo.
      Thank u :)

      Moz-

      Elimina
  23. Ho letto i commenti. Eee... Moz, che la forza sia con te!

    RispondiElimina
  24. Non ne usciremo mai.
    Gli sfogatoi da tastiera, i codardi dello schermo, i "facilmente" urtabili, quelli con la polemica facile, quelli pronti a scandalizzarsi anche senza motivo, beh... Saranno sempre tra noi.

    La prossima volta scrivi un post sulla pace nel mondo così saremo tutti più buoni e intelligenti, ok?

    Amen.
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta purtroppo metterò un mini-racconto che è facilmente travisabile, se le premesse sono queste.
      Altro che pace nel mondo, qua infuria la battaglia! ;)

      Moz-

      Elimina
  25. -Non seguivo un post con tante prese di posizioni,o meglio tanti posizionamenti incrollabili come sono sempre certi integralismi,di qualsiasi natura,dai tempi di Diablogando..secoli fa.Forse perchè ho frequentazioni molto limitate,in fato di blog,forse perche,come dici anche tu Miki,ho degli schemi molto elementari per interpretare la vita..Ma credo di aver capito il senso del tuo precedente post e non sono la sola,pertanto le code polemiche che si sono susseguite hanno un sapore strano.Leggerò domani .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara! Diablogando? Non conosco! Mi informo!
      Io gli schemi elementari li ho anche per non complicarmi inutilmente le cose... è questo che voglio dire. Perché complicarsi la vita che è già complicata di suo?
      Ognuno faccia quel cazzo che gli pare, a letto (ma anche in cucina, al mercato, come lavoro...), se vuole davvero! Se il tutto nasce da una cosa depressiva allora no, ma per altre cose non ci vedo nulla di male :)

      Moz-

      Elimina
  26. Credo che il problema qui non sia la tua presunta incapacità di comunicare, ma i problemi di chi capisce solo quello che vuole capire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dopo tutto il casino, un paio di domande su di me... me le faccio!
      Anche se non ho alcuna intenzione di cambiare una virgola del mio sistema di comunicazione, baby! :)

      Moz-

      Elimina
  27. cess, rissa?

    vabbè, hai detto cose sacrosante, bona lè.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. spero di no, che le risse son volgari :p
      Thank u, badboy!

      Moz-

      Elimina
  28. Per quanto ti conosco io non sei omofobico...ne parlammo tempo fa se non erro e no, è tutt'altro questa l'impressione che ho avuto. Prima di giudicare le persone per quello che pensano, soprattutto riguardo a temi così delicati, sarebbe meglio accertarsi di conoscerla bene, perché se anche solo il tono viene frainteso, allora anche il contenuto ne va di mezzo.
    E' che ogni volta che si parla di ste cose non c'è più il rischio di sollevare polveroni, c'è la certezza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, ma infatti la questione per me è chiusa qui, ci tenevo solo a mettere questo post che avrei anche evitato, eh... ma dovevo.
      Da domani tutto torna alla normalità, fino ad un prossimo post sugli africani, poi quello sui cinesi, poi sui francesi e così via per inimicarmi tutte le categorie possibili XD
      Un bacione! :)

      Moz-

      Elimina
    2. Nooo, i cinesi son tanto simpatici!! Brutto razzista sfadsjas muahuah ok scherzo, la finisco :P

      Elimina
    3. Ahahaha :)
      Beh, troverò una categoria che sta sul cazzo a tutti!! XP

      Moz-

      Elimina
  29. Ciao Miky o ciao Moz ( dimmi tu cosa preferisci), conosco già la tua fama da dodicenne e posso affermare con estrema certezza che è "tutta colpa di Freud".
    Scherzi a parte, arrivo qui dopo aver assistito a tutte le peripezie dei vari blog a partire da quello di Audrey (che stimo profondamente) e trovo perfettamente chiara ed esaustiva l'interpretazione che ha dato Pier a tutta questa spiacevole situazione.
    A presto betty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Betty, benvenuta a bordo! :)
      Ahaha, è sempre colpa di Freud!
      Sì, Pier ha dato l'interpretazione giusta perché anche lui parte della categoria chiamata in causa.
      Io invece mi sono praticamente ritrovato con due post simili: il primo non è stato capito (parlavo della libertà di un autore, ma proporrò presto, e altrove, il concetto), il secondo è servito per poter mettere le cose in chiaro dal mio punto di vista... Il terzo non ci sarà, perché mi sono rotto XD
      Ciao ciao, alla prossima! :)

      Moz-

      Elimina
  30. Perché non proviamo con un bel corso di antropologia culturale per principianti? Forse qualche concetto potrebbe prendere piede, a proposito di presunte"maggioranze omologate"
    Mi permetto un consiglio, caro Mozzino pluricommentato: perché non metti un bel pulsante "torna su", data la lunghezza della pagina dei commenti , che non si finisce mai si scorrere?.Vedi se mi accontenti, almeno questa è una cosa facile e concreta!
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ok, al più presto vedrò come inserirlo! :)
      Accolgo la tua richiesta!

      Quanto alle maggioranze... abbasso sempre l'omologazione!!!
      Anche se senza di questa... come farei io poi a distinguermi dalle pecore? :p

      Moz-

      Elimina
  31. L'arte della contestualizzare non è cosa da tutti.

    Insomma, mi sa che mi devo andare a vedere il film così quando arriverà la famosa frase potro' dire -esclamare davanti a tutti- "ah-ahhhhhhhhhhhhhhhhn!"

    Dai, almeno ti ho fatto sorridere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah!
      Sarebbe da fare!!^^
      Però poi vallo a spiegare alle persone a cosa ti stai riferendo :p
      Un MozAbbraccio! :D

      Moz-

      Elimina
  32. A me sembra che sei stato molto chiaro. Se non si contestualizza qualsiasi cosa può apparire sbagliata. Ma se non si riesce a distinguere le varie situazioni, allora vuol dire: o che non sei all'altezza di capire (e allora non c'è niente da fare), o che sei prevenuto (e allora qualsiasi discussione è inutile).
    Aspetto il prossimo post, perché questa discussione mi ha nauseato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, appunto: qualsiasi cosa può apparire sbagliata.
      E' questo il pericolo che volevo discutere! :)
      Il prossimo post sarà un miniracconto^^

      Moz-

      Elimina
  33. Io pensavo mio caro Mozzino che questo discorso fosse già bello che digerito, dopo tutte le risposte che c'erano state nel post precedente...
    Sai di essere un buon comunicatore Mozzino mio, non confondiamo il voler condividere o meno un'opinione ..quella è un'altra storia...
    Io direi di piantarla lì perchè chi ha più giudizio lo dimostri, basta che non ve la prendiate con gli ipermetropi!!!!!
    Bacio della sera , senza boccaglio!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sì, da parte mia è chiuso qui, ma questo post era dovuto (così come quello di Pier) visto che altrove c'era stata negata la possibilità di farlo.
      Sinceramente non l'avrei mai voluto scrivere, questo post, e penso nemmeno Pier.
      Comunque, è tutto nero su bianco, comportamenti inclusi, cosicché ognuno possa farsi un'idea sull'argomento e su ciò che è successo. Sperando che non si ripeta... almeno a breve ;)

      Moz-

      Elimina
  34. che assurdità! ma davvero c'è gente che si scalda tanto per queste frasi? più che altro per il tuo post... che non era affatto polemico! -.-
    Oddio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio post precedente è stato del tutto travisato... io volevo parlare di altro (ma tornerò sul tema, magari non sul Moz o' Clock...) però ok, magari l'altro tema era più sentito...
      Ma non ero polemico, assolutamente^^

      Moz-

      Elimina
  35. Voglio soltanto fare una riflessione: sono i mass-media e la gente ignorante che creano il problema e lo alimentano. Creano loro terminologie da farci usare e metterci gli uni contro gli altri. Tendono sempre a dividere e mai ad accorpare.

    Mi spiego meglio.

    Se un governo crea una legge che punisce un etero che commette violenza su un omo, è il Governo stesso che discrimina! Siamo o no tutti uguali, con pari dignità e diritti? Allora perchè poni queste differenze fra gay e non? Sei tu stesso che discrimini.

    Paradossale, ridicolo.

    Allora se domani tutta la gente comincia a malmenare i biondi o per strada? Facciamo una legge che regolamenti le violenze sui biondi? Ma stiamo scherzando?
    Tu devi punire perchè hai fatto del male a un'altra persona. A prescindere tutto!

    Così per il femminicidio, altra boiata da giornalai!

    Non esiste il femminicidio. Esiste una persona che uccide un'altra. La violenza non ha sfaccettature. E' una e basta! Che sia su donne, anziani, bambini, animali sempre di violenza si tratta!

    Spero di essermi spiegato bene, anche se sono uscito fuori dalla traccia del tema.

    Cliccate pure su questo link di Youtube, e pensate a quanto detto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In linea di massima la penso come te. Però quando c'è di mezzo una discriminazione (razziale, sessuale, religiosa, geografica) allora per me la violenza ha anche un'aggiunta di reato.
      Tipo, se io e un tizio litighiamo per un parcheggio e mi mena e basta, ok.
      Ma se mi mena insultandomi tipo "terrone di merda!" e magari aumenta la violenza per questo motivo, allora la sua pena si aggrava-

      Moz-

      Elimina
  36. Il problema di fondo a mio parere è lo scrivere. Spesso, credo che parecchi lo abbiano notato, scrivendo si incorre spesso in equivoci, in difficoltà a capirsi. Ognuno di noi interpreta lo scritto secondo i propri schemi mentali.
    Trovo che per certi argomenti sia più facile intendersi a voce che non negli scritti.
    Buona domenica caro amico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo lo penso anche io, cara mia... Sai, credo che dal vivo tutto questo non sarebbe successo, perché ci si poteva spiegare come si deve.
      Purtroppo è davvero difficile comunicare... non lo nego.

      Moz-

      Elimina
  37. Carissimo amico, capita di toccare argomenti delicati e sollevare un polverone ;)
    Domani è un'altro giorno dai. Buonissima domenica a te ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eggià, domani sera altro post... volgarissimo e spero divertente per tutti! :)

      Buonissima domenica, cara!!^^

      Moz-

      Elimina
  38. Trovo che nel ventunesimo secolo si e' ancora discriminati, additati o peggio perseguitati per la scelta sessuale che una persona ha.
    E per non istigare altre polemiche, scelta sessuale, non devianza.
    Buona domenica nipote!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è così. Ma non tutti sono persone che discriminano, e chi viene discriminato, ahimé, pare che sia talmente spaventato da star sempre sulle sue, pronto a percepire ogni cosa come fatta contro di sé.
      Ma il mondo per fortuna non è così.
      Gli stupidi ci sono, ma sono pochi. Anzi se dovessimo basarci su chi ha scritto e commentato i 5 blog coinvolti, di stupido non ce n'è manco uno! :)

      Moz-

      Elimina
  39. Moz, scusami, volevi solo dirti che il mio blog è stato preso da un grassone indonesiano, quindi, questo il mio nuovo blog:

    http://thatbionicgirlwithaheartofflesh.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto oggi. Ma scusa, com'è possibile??
      Dovresti contattare Blogspot e spiegare la questione... Che poi, quel tizio che cazzo chiama il suo blog "bionicgirl"? Mah!!
      Contatta la direzione!

      Moz-

      Elimina
  40. Ciò messo 3 giorni a leggere la catena infinita, e anche un po' assurda, di commenti che si è scatenata dal post di Audrey in poi. Il mio pensiero è molto vicino a quello di Mareva; sono del parere che viviamo in un mondo egoista e presuntuoso che vede l’eterosessualità come giusto, normale, naturale e non permette l’esistenza di qualcosa di diverso, ma non per questo sbagliato.

    Credo che non esista un giusto o sbagliato, ma solo la libertà, di ognuno di noi, di vivere, pensare, dire, fare, leggere, guardare, amare, credere quello che ci pare e piace.
    Il modo migliore per sconfiggere certi pregiudizi cretini è il dialogo, l’informazione, il confronto. Più se ne parla e più diventerà “normale” per alcuni soggetti vedere determinate cose; io credevo impossibile far cambiare opinione, a mia nonna, su Berlusconi e invece ci sono riuscita (e che soddisfazione).

    Ti avverto, mi sento offesa: hai menzionato troppe volte la categoria degli occhialuti e mi sento tirata in causa ;)

    Un sorriso :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, ma io sono un fiero portatore di occhiali!
      Non mi veniva altro modo per coinvolgermi totalmente e personalmente in una categoria, che può essere vittima di qualcosa (es. bullismo)
      Così anche io ho provato a dire la mia sulla questione: se una frase può far male a un gay, un'altra frase può far male a una persona picchiata. Ma è assurdo dar la colpa alla frase (di un'opera), a mio modesto avviso. Altrimenti non si potrebbe scrivere più niente!!

      Il mondo che vede l'eterosessualità come giusta non è il mo(n)do che vivo io, per fortuna.
      Certo, so che oltre me, lì fuori, è come dici... e infatti sono d'accordo con te e Mareva.

      Moz-

      Elimina
    2. Ahah, sono assolutamente un'orgogliosa quattrocchi anch'io, anche se un tempo li ho detestati.
      Da come si è capito (o spero), nemmeno il mio mo(n)do.

      Elimina
    3. Certo che si è capito, e qui tra voi che commentate penso che il mondo sia proprio questo, per fortuna! ;)
      W gli occhiali!

      Moz-

      Elimina
  41. Usa la forza Moz... Usa la forza, Cit. guerre stellari.

    Tanto per essere chiari, ci si discrimina anche sul pianerottolo del palazzo e per cose molto più sciocche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma le discriminazioni sul pianerottolo sono fighissime!! :p
      Usiamo la forza, dai! ;)

      Moz-

      Elimina
  42. La gente se la prende per tutto e nel 2014 è una cosa grave.
    Ci vuole pazienza Miki, TAAAANTA pazienza...
    Che la Forza sia con te, giovane padawan :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In alcuni frangenti hanno ragione a prendersela perché nel 2014 purtroppo esistono ancora sessismo, razzismo ecc... ma stare sempre sul chi va là è autoghettizzante ;)
      Un saluto, maestra Jedi!^^

      Moz-

      Elimina
  43. Come al solito non si è sempre liberi di dire/scrivere il proprio pensiero così com'è senza che qualcuno si senta insultato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è una cosa brutta, specie se poi ciò che scrivi riguarda una storia di fantasia.
      Il mio discorso precedente verteva su questo... ma per fortuna pare siamo tutti d'accordo: un autore può scrivere quel che vuole, non ha alcuna responsabilità! ;)

      Moz-

      Elimina
  44. Per me era chiarissimo nell'altro post e anche in quello di audrey. Poi ci sta che alle volte leggiamo a cazzo e non ci sta bene niente. Tipo l'altro giorno mi hanno detto che noi abruzzesi siamo freddini..dovevo risentirmi?Era passata la spm e quindi..ma se fossi stata in spm l'avrei sbranata..;-)
    Moz carissimo..tranquillo (che ti dà fastidio se ti dico tranquillo?no perchè alcuni si innervosiscono quando glielo dico..)... Uè ma un incontro bloggeresco nella Capitale..come lo vedi? No perchè io organizzerei ma mi serve il tuo "brio"..devi venì sennó sai che noia? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli abruzzesi non sono freddin, tranne gli aquilani! (cliché) Ahahaha! :)
      Comunque, l'incontro blog mi pare che si faccia già, no?
      Avevo sentito che era ad aprile o maggio... Oo
      Possiamo informarci, o magari vedere da noi... sarebbe una cosa figa!!

      Moz-

      Elimina
    2. Oè..quale incontro blogger? Dove? Quando?chi l'ha organizzato? Lo sapevo che arrivavo tardi..dannazione..Gli aquilani só freddi? Forse perchè lì fa sempre freddino? Mah.. :-)

      Elimina
    3. Oddio non so bene ma ne sentivo parlare da qualcuno qui... mi informo e ti faccio sapere!
      Possiamo ampliare il tutto, o farcelo da noi XD

      Moz-

      Elimina
  45. ho letto il post di Audrey (una recensione)
    ho letto il tuo post incriminato (una riflessione sulla libertà di pensiero di un autore)
    ho letto il post di Pier (il suo pensiero riguardo alle polemiche scatenate da entrambi i post precedenti)
    credo di aver compreso tutti e tre i post ma continuo a non capire la polemica andata avanti all'infinito.
    Nel frattempo ho visto il film, carino davvero e per nulla irrispettoso nei confronti della comunità gay...tant'è che il finale era a dir poco scontato.
    ah...Marco Giallini è davvero bravo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Er Terìbbile, grande! :)
      Ok, anche tu confermi che il film non è irrispettoso verso la comunità omosessuale... ma infatti, non ci vuole la zingara a capirlo (si sarebbero scatenate polemiche a non finire, altrimenti... Oddio, ma nel piccolo di 5 blog... si sono scatenate! XD)

      Moz-

      Elimina
  46. La discussione sta continuando sul blog di Chat Noir, e data la sua sacrosanta voglia di non continuare a discutere (e la sua non da me condivisibile scelta di cancellarmi ogni altro messaggio) riporto qui lo scambio di battute, perché odio essere censurato o peggio, travisato e non capito.
    Tutti potete farvi un'idea della cosa.

    Chat Noir ha detto...

    Sai Moz, non c'è una sola interpretazione del messaggio, cioè la tua se vogliamo parlare di quella famosa frase, ce ne sono diverse.
    Quello che ha scritto la scrittrice è troppo comodo, ha scaricato le sue responsabilità: si chiama lassismo, l'Italia ne è ammalata ad esempio.
    A proposito di opere davvero responsabili, ti cito "I monologhi della vagina", quello è uno spettacolo conn un messaggio da tenere in considerazione e Franca Rame non ha mai detto "scarico la responsabilità di quello che ho scritto".
    Poi torniamo alla censura, quando tu scrivi un fondo a un tuo post che ti riservi di cancellare qualsiasi commento che non va d'accordo con le tue idee o accenni a fatti passati, questa è censura: CENSURA, chiaro?
    Poi guarda, potremmo andare avanti all'infinito, ma tu fai parte dei conformisti, per quanto ti atteggi a libertario sei sempre del tuo avviso e non cambi idea perchè per te solo la tua verità è quella giusta.
    Il discorso è chiuso per sempre, il prossimo commento lo cancello.

    Ora, visto che -ancora una volta- questo blogger non mi fornisce l'occasione di poter dire la mia e spiegarmi, riporto qui il commento che gli ho inviato e che lui preventivamente ha detto che cancellerà:

    MikiMoz ha detto...
    Dove avrei scritto una cosa del genere?
    Certo, so che questocommento lo cancelli e non lo pubblicherai, ma almeno sii onesto e dimmi dove ho scritto che qualsiasi cosa che non era d'accordo con le mie idee l'avrei censurata! Ti sfido, avanti!
    Sii onesto, oppure impara a leggere.
    E questo, dato che lo cancellerai come dici, avrò modo di scriverlo adesso sul mio blog.

    Ecco, fatto!
    Ora metto ciò che in realtà ho scritto in calce al post precedente, ossia la cosa totalmente travisata da Xavier, e che non è censura ma invito a non alzare ai toni "P.s. i commenti offensivi verso terzi, o con frecciatine e rimandi ad episodi successi altrove saranno -ahimé- cancellati. Mi affido alla vostra maturità, thanks! :)"

    Amici, avete tutto nero su bianco, tirate voi le conclusioni...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora vedo che ChatNoir ha cancellato il suo stesso messaggio ch'io ho riportato... comunque, la discussione era in questo post: http://lechatnoir96.blogspot.it/search?updated-max=2014-02-09T07:00:00%2B01:00
      Metto il link per correttezza, cosicché nessuna parola mia e sua possa essere fraintesa.

      Moz-

      Elimina
    2. Abbiamo avuto modo di chiarirci, tutto risolto ;)

      Moz-

      Elimina
  47. Io credo che, in fin dei conti, la ragione ce l'hanno tutti e nessuno. Tu hai ragione quando sostieni il tuo punto di vista che trovo equilibrato e ben espresso, d'altra parte però la ragione ce l'ha chi di discriminazioni ne subisce ogni giorno e all'ennesima frase fraintendibile sbotta.
    Tutto qui.

    Come ti han detto altri credo che non avresti dovuto scriverne oltre ma capisco la spinta, visto il polverone alzatosi.
    Buona domenica occhialuto amico blogger, dalla tua ginger preferita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Mareva, ma io allora rilancio: se ognuno si sentisse offeso per una frase, su qualsiasi argomento, dunque nessuno potrà mai scrivere opere con frasi non politicamente corrette!!
      E' questo ciò che volevo dire col mio post precedente, e forse dopo tanto peregrinare ci siamo arrivati!
      Ho dovuto scrivere questo post -come Pier il suo- perché non è giusto che non si dia alla gente possibilità di replicare. E questo, se leggi il mio commento prima del tuo, è successo ancora, adesso.
      Così non mi piace.

      Moz-

      Elimina
    2. Guarda su questa questione io la penso come te. Ci sarà sempre qualcuno che si sentirà offeso dalla nostra opinione e l'intelligenza sta nel singolo, nel riuscire a distinguere ciò che davvero è cattiveria da ciò che non lo è. Su questo siamo d'accordissimo e non per questo uno deve sentirsi limitato nella sua libertà d'espressione.
      Andando nello specifico dell'argomento che è stato trattato - anche se tu, in realtà avresti voluto parlare di altro, della libertà dell'artista e via dicendo! - penso che sia uno dei più difficili sul quale fare dell'ironia perché il filo tra ironia e offesa per qualcuno è molto più sottile che in altre discussioni. Vuoi per la situazione sociale, vuoi per gli imbecilli che popolano il mondo. Non per questo, però, tu non hai diritto di parola, anzi, io difenderò sempre la possibilità di tutto di dare un'opinione anche se a me fa cagare!

      Elimina
    3. Scusa se ti ho rotto i coglioni persino altrove per avere la tua opinione ma ci tenevo ad averla :)
      Bene, ho capito perfettamente il tuo punto di vista e in linea di massima lo condivido, ma penso che la soluzione ad ogni problema stia nell'educazione a monte.
      Se alla gente viene spiegato che avere la pelle color x, il gusto sessuale y, i capelli z... allora davvero nessuno può sentirsi offeso da frasi simili.
      Io, per come sono fatto, non mi offenderei mai e poi mai.
      Non per un'opera, soprattutto! :)
      Grazie mille!

      Moz-

      Elimina
    4. Ma figurati, anzi, mi ha fatto piacere.
      Concordo sull'educazione ma io parto dal presupposto che i più, purtroppo, siano carenti da questo lato per cui mi regolo di conseguenza!

      Elimina
    5. Questo purtroppo è vero, ma non perché la maggioranza è cretina io mi limiterò mai, anche a costo di ferire la gente.

      Moz-

      Elimina
  48. Ho seguito in modo fugace la discussione quindi non entro troppo nel merito... certo è che se sto film non me l'ero scagata per nulla, quasi quasi me lo vado a vedere solo per capire cosa succede davvero! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La voglia sta venendo anche a me, mi frena solo il nome di Pieraccioni tra gli autori XD

      Moz-

      Elimina
  49. questo argomento è sempre delicato sopratutto se non si capisce il contesto in cui la situazione si svolge, poi c'è da dire una cosa che a volte si dicono "stronzate" in momenti di sconforto solo nella speranza di non soffrire, ma non vuol,dire che ciò sia realizzabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il dire stronzate nei momenti no non è una condanna, e nemmeno un messaggio sbagliato.
      Io la vedo così, dal canto mio mai mi frenerei nel creare storie con personaggi che dicono e fanno cose sbagliate, perché non significa che io le approvi.
      Sarebbe come arrestare l'intera redazione di Diabolik perché inventano storie con un (anti)eroe che commette crimini, omicidi e furti.

      Moz-

      Elimina
    2. il mio realizzabile era inteso nella realtà, per il resto sono d'accordo e anche io adoro Diabolik e non ho mai rubato uno spillo ;)

      Elimina
    3. Sì, avevo capito e ho estremizzato un po' ;)
      Diabolik è un mito! :)

      Moz-

      Elimina
  50. Ciao Miki Moz dopo tanti commenti e risposte vorrei dirti che ho capito subito il tuo intento e quello del film.
    E penso che arriverà un bel giorno in cui la normalità sarà non stare sempre con la pelle sollevata, o col misurino a vivisezionare ogni parola, virgola o sospiro...
    Non ho ancora visto il film perciò non dico niente. Ma l'unica cosa che vorrei dire se l'avessi visto sarebbe: mi è piaciuto / non mi è piaciuto.
    Non c'entra niente ma mi piacerebbe sapere il tuo parere su "La grande bellezza" e la sua nomination all'oscar????????????????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nina, grazie! :)
      Spero che quel giorno arrivi presto, perché francamente mi sono scocciato di sentire che questo o quel problema è a causa di un'opera (un romanzo, una canzone, un fumetto, un film, un telefilm, un cartoon...)
      Quanto alla domanda che mi poni, purtroppo non ho visto quel film, ma chiunque sento in giro non è tutto 'sto granché.
      Di certo posso dirti due cose:
      -ho saputo che ha delle sequenze abbastanza surreali, o comunque particolari, e questo potrebbe piacermi;
      -non ho amato la scivolata di Servillo con la giornalista Rai.

      Moz-

      Elimina
    2. Beh, se ti capiterà, mi piacerebbe sapere che ne dici...

      Elimina
    3. Certo, non ti nego che comunque avrei voluto vederlo... è questione di tempo ;)

      Moz-

      Elimina
  51. Ho letto dopo questo il post precedente della recensione ma...
    dov'è la tua omofobia?!
    O_o
    Scusami ma non vedo da parte tua frasi che vadano contro gli omosessuali.
    La logica quadra benissimo. Il film ( del quale non ho visto ancora il trailer ) mi sembra una cagata ( ma non ci metto la mano sul fuoco ).

    Forse quella frase "voglio diventare etero per non soffrire più" significa che
    se fosse stata eteo, non avrebbe avuto una vita difficile come un omosessuale, tra discriminazioni e giudizi in base all' orientamento sessuale.
    Purtroppo - come fai notare giustamente - ci sono altre tantissime manifestazioni
    di "affetto discriminatorio" anche per gli etero.
    Che tu sia nero, giallo, italiano, francese, pefino in base al lavoro, dove se fai delle pulizie, nonostante tu sia laureato, tu venga trattato come l' ultimo della scala gerarchica sociale.

    E' un problema di cultura, quella società che modella gli individui e che li cresce in base a come la maggioranza della società la pensa.
    Per fortuna molti usano il proprio cervello. Ho stima anche per chi è omofobo non perché lo dice la società, ma perché - a lor dire - non li sopporta perché è una cosa innaturale.
    Io non sono omofobo, ma un'opinione nata da un percorso di pensiero è ha più stima di un' opinione presa così perché inculcata e basta.

    Ciao Mozzino!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio: dove c'è ragionamento (condivisibile o meno) è sempre meglio.
      Perché? Perché hai messo in moto il cervello per arrivare a farti un'idea su un qualcosa.
      La frase del film è una frase detta in un momento di sconforto, come se ne dicono mille. Non si può, a mio avviso, vederci qualcosa di male.
      Quando soprattutto, si è scoperto oggi grazie ad un utente che ha postato qui da me, il personaggio che pronuncia quella frase nasce proprio da una commedia teatrale lesbica, scritta da una lesbica e che tutto vuol mandare tranne che un messaggio sbagliato (ossia, in questo caso, che gli etero non soffrano per amore...)

      Moz-

      Elimina
  52. Non ne uscirai mai Moz xD
    Inutile provarci, se hai davanti dei muri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io vado avanti per la mia strada, inventando storie e personaggi che voglio.
      Tra un paio d'ore, infatti, un racconto scritto da me un anno fa: contiene personaggi e situazioni che possono essere ritenute pericolose. Ma io non avrò alcuna responsabilità per l'eventuale lettura che se ne farà :)

      Moz-

      Elimina
  53. Moz ti voglio dire una cosa. Ti si può dire tutto (ma anche no!) ma questo blog non è come quelli in cui il/la blogger ha un esercito di follower adoranti che si schierano sempre a favore e spesso si coalizzano contro chi osa pensarla in maniera diversa. Qui ognuno è libero di dire la sua, e tu sei sempre molto corretto nel rispondere a tutti.
    Questo per dirti che sì, sei un bravo comunicatore. Mi dispiace per quello che è successo, immagino che tu ci sia rimasto male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, io sono il primo a non desiderare un blog così, non avrebbe senso!
      Anche se proprio oggi mi hanno detto proprio una cosa simile, ossia che i commenti (probabilmente contro) non mi servono perché ho già quelli tipo "oh che bravo" per incensare il mio ego XD
      Non ci sono rimasto male per il fraintendimento in sé, quanto più perché la situazione era degenerata (e ora sembra rientrata... speriamo per sempre!)

      Moz-

      Elimina
  54. Speravo ci fosse la pubblicazione del racconto oggi...resta però incredibile quanto una frase scritta da uno sceneggiatore e recitata da un attrice, possa arrivare al pubblico in molteplici modi differenti e resta ancora più incredibile quanto tale frase riesca a far parlare per giorni interi.
    (Aspetto con ansia il racconto)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra un'oretta pubblico il tutto... sperando che non sia l'ennesima cosa che fa discutere (anche se a ben vedere, è online da un anno in un posto ben più quotato di questo... e nessuno ha mai detto niente! XD)

      Moz-

      Elimina
  55. Non ho ancora letto il tuo post su "Tutta colpa di Freud" (ti sto leggendo dal più recente) ma ho sentito la frase "voglio diventare etero per non soffrire più" anche al contrario, ci sono eterosessuali che dicono "voglio diventare omo per non soffrire più". Facciamo una guerra ideologica anche agli eterosessuali? Perché se una frase è detta da un etero tutti zitti, se la stessa viene detta da omosessuali si scatena l'inferno? Non possono TUTTI avere momenti di sconforto o dire frasi stupide che il giorno dopo non ripeteresti neppure sotto tortura? Ma soprattutto uno non può essere chi gli pare e piace?
    Vado a leggere il tuo precedente post perché non ho ben capito perché hai dovuto pubblicare questo sfogo, tu non sei omofobo quindi davvero non capisco cosa sia successo di così grave.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, nel film (e nel trailer) viene detta anche la frase al contrario, ossia: smetto di essere etero.
      Lì nessun problema, ma è anche chiaro il motivo: gli omosessuali sono discriminati e gli etero no. E' questa la questione... ma allora già cade il fatto della difesa dell'impossibilità di cambiare sesso a comando :)

      Moz-

      Elimina
  56. Moz ma non arrabbiarti ahahahah, purtroppo le persone capiscono solo quello che VOGLIONO capire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, Giusé... possono esserci fraintendimenti ma io voglio avere la possibilità di chiarirmi ;)

      Moz-

      Elimina
  57. Meglio dormirci su.Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ormai ci ho dormito e ridormito... la questione si è chiusa con un colpo di scena e... amen :)

      Moz-

      Elimina