> pill #21 - grandi bellezze



Quando la tv torna ai fasti dei primi anni '90 succede che hai in regalo una primissima visione. E così ho potuto finalmente vedere questo tanto chiacchierato La Grande Bellezza, a cui le lobby hollywoodiane hanno assegnato la statuetta come miglior film straniero. Non mi trovo quasi mai d'accordo con le scelte delle lobby hollywoodiane, oppure semplicemente amo tutt'altro tipo di cinema. Per vincere l'Oscar poi basta parlare delle persecuzioni contro gli ebrei o della schiavitù, temi che non m'attirano per niente e che guardacaso ho amato solo quando li ha trattati mr. Quentin.
In ogni caso, una Canale 5 che passa con nonchalance dal Grande Fratello a due film di Sorrentino affilati è un evento di quelli grossi.
E La Grande Bellezza m'è pure piaciuto un sacco. E' un po' l'INLAND EMPIRE de noantri: introspettivo, vitale e vagamente decadente. Non ci ho visto furbate per compiacere le lobby d'oltreoceano, ma un ritratto sincero di una persona che guarda il mondo con gli occhi di uno scrittore. Disilluso, ma spinto verso una nuova rinascita. Commentatore impietoso dei festini che lui stesso ha messo in piedi per compiacere il suo ego. Ma non sempre.
Quel personaggio sono io da vecchio, credo. Temo. Spero.
Kindest RegarZ!

139 commenti:

  1. Sta sera ho rivisto "La Grande Bellezza", visto che sto a casa malato a deprimermi.
    Penso sempre che sia un ottimo film... ma difficile, molto difficile.
    Per guardarlo bisogna avere farsi una giusta cultura del cinema d'autore italiano.
    E' difficile per questo, molti non hanno la cultura per vederlo.
    E non lo dico per fare il fico, mi sono accorto di questo mentre lo vedevo.
    Poi se Canale 5 sarebbe tutte le serate così... starei sempre a guardarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non voglio sembrare acida o scortese, ma parlare di cultura e non saper usare il congiuntivo mi pare un po' inconsistente...

      Elimina
    2. Marco, credo che non sia un film per tutti, questo sì.
      Nel senso che è molto particolare. Se fossimo ancora negli anni '60 o '70 probabilmente non sarebbe stato nemmeno tanto di nicchia, ma oggi lo è.
      A me è piaciuto, credo di aver compreso il suo significato :)

      Moz-

      Elimina
    3. Ahaha Wannabe, vuoi scatenare una guerra? :p

      Moz-

      Elimina
    4. Ma no, Moz,stai sereno :-D

      Elimina
  2. Grazie al ciufolo che vorresti giocare al Gep Gambardella!! Quarantanni di fuffa a passeggio per Roma facendo analisi sulla validità di questa esistenza portata avanti tra donne, festini e bei vestiti... come diremmo noi veri romani, quelli che sgobbano e che Roma la vedono da altezza tombino e non dall'aereo.. malimortaccisua!!
    Il film rimane poverello assai.. ma per chi volesse spulciarsi l'attenta analisi, sopra condensata in un batter d'ali, ecco il link dove sfiziarsi approfonditamente: http://francobattaglia.blogspot.it/2013/12/la-grande-bellezza-2013-candidato-agli.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, ma se una persona nasce come Jep, le cose vanno così.
      Evidentemente non è un comune mortale :p
      Ora ripasso al tuo post, baby! ;)

      Moz-

      Elimina
  3. secondo me un film che , al di là del gusto personale, è riuscito a tirarsi fuori dalle paludi del provincialismo cinematografico italico...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quello senza dubbio.
      E' un film "senza tempo" e potente. Anche se è chiaro che parla della Dolce Vita di oggi, può essere "eterno" come la città in cui è ambientato.
      Mi è piaciuto molto, ho appena acquistato il dvd.

      Moz-

      Elimina
    2. Minchia che acquisto!!...

      Elimina
    3. Ahaha, noto un che di sfottimento nelle tue parole, Lamp! :P

      Moz-

      Elimina
  4. In generale non guardo molti film, perché difficilmente riescono a tenere alta la mia soglia di attenzione.
    In questo caso la selezione darwiniana ha fatto il suo corso. Dopo i primi dialoghi pungenti (carina l'intervista alla pazza scatenata) anche Jep ha iniziato a darmi noia e ho interrotto la visione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco.
      A me invece il personaggio ha coinvolto molto, era così complesso e contraddittorio... non so, potrei vedere altre ore di avventure alla Jep... vedi tu i gusti!! XD

      Moz-

      Elimina
  5. In tutta sincerità, non posso unirmi al coro di voci che osanna questo film. Sono riuscita a seguire i primi quarantacinque minuti, dopo di che ho spento la tv.
    Inutile trincerarsi dietro frasi quali "è un film per pochi" o "è un film difficile da capire":
    è un film assurdo e inutile, punto. Ancora non riesco a spiegarmi come sia riuscito a vincere l'oscar, e se penso che adesso è considerato allo stesso livello de "La vita è bella" mi viene perfino da sorridere.
    Ma d'altra parte non mi meraviglio più di tanto. Anche "Va' dove ti porta il cuore" era definito da tutti un libro meraviglioso, eppure si trattava di un testo mediocre e addirittura scopiazzato.
    Sono sicura che molte persone osanneranno questo film per non uscire dal coro e per non essere additate come "quelli che non capiscono" o "quelli privi di cultura".
    Spero invece che almemo quei pochi trovino il coraggio di dire ciò che realmente pensano, senza farsi condizionare dalla massa e dal luccichio.
    Giuliana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita è bella ha vinto perché parlava dei campi di concentramento :p
      Comunque, io non ho problemi a uscire dal coro (anzi, il coro par essere lo spalare merda su questa opera)... Non mi sono quasi mai trovato d'accordo con le scelte degli Oscar, per dirti... ma stavolta il film m'è piaciuto un sacco, non lo trovo inutile, anzi. Non più di tanti altri, se proprio dobbiamo parlare di inutilità... ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Bene, se ti è piaciuto davvero.
      Comunque, la mia intenzione non è spalare merda su questo film, anche perché ho iniziato a guardarlo a mente aperta e senza pregiudizi, perfino contenta che un film italiano avesse vinto un premio così importante. Ma poi, il nulla.

      Elimina
    3. Aggiungo che "La vita è bella" è, a mio parere, un capolavoro. Non perché parla dei campi di concentramento, ma per il modo incredibile in cui lo fa, riuscendo a far sorridere e al tempo stesso piangere.

      Elimina
    4. La frase su La vita è bella era una battuta che ho fatto dopo la mia critica alla gestione degli oscar in questo post ;)
      Perché comunque a me del premio Oscar non importa nulla, ci sono capolavori considerati film di serie B che l'Academy manco sa che esistono... quindi per me conta poco.
      E' un film che avrei sempre voluto vedere, mi era sfuggito e ho recuperato ieri grazie alla tv.
      Non parlavo di te sullo spalare merda, eh! Parlavo dei commenti che sto leggendo in giro: la moda sembra essere quella di parlarne male a prescindere.
      Poi, ovviamente, i gusti non gusti. A me è piaciuto moltissimo, tanto che ho appena comperato il dvd.
      https://twitter.com/miki_moz/status/441141268237021184/photo/1 :)
      Abbraccio!

      Moz-

      Elimina
    5. Io lo vidi al cinema, l'estate scorsa.
      Lo dissi allora e lo ridico adesso: non mi è piaciuto, l'ho trovato un esibizionismo di mestiere del tutto inutile e vuoto.
      Certo, bella fotografia, potenti mezzi e un regista che sa il fatto suo. Ma secondo me non basta!

      Elimina
    6. Come avrai letto son di tutt'altro parere, ma i gusti son gusti ;)
      Un MozAbbraccio!

      Moz-

      Elimina
  6. Io l'ho visto questo film... e non l'ho mica capito :| mi sono annoiata terribilmente e mi sentivo anche un po' sciocca per non essere stata in grado di coglierne la bellezza. Be', mi consola sapere che non sono l'unica :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che possa essere interpretato sotto diverse chiavi di lettura, anche se strettamente collegate. Io credo di averne trovate un paio, o meglio... per come l'ho visto io, il film ha un senso XD

      Moz-

      Elimina
  7. Questo film è una brutta copia di grandi pellicole felliniane, è ormai assodato e infatti mi chiedo a che livello siamo arrivati per concepire film così pallosi e privi di senso.
    Per fortuna ieri sera avevo di meglio da fare, per fortuna ho Sky e non vedo più la tv di stato da anni così mi sono risparmiata una serata di noia.
    Personalmente preferisco altri film, se devo parlare di Oscar e soprattutto se devo parlare di messaggi: per quanto ti possa sembrare banale e noioso, io osanno un uomo coraggioso come Oskar Schindler che ha salvato centinaia di ebrei piuttosto che un pirla (lasciami passare il termine tipico della mia Milano) che spende la vita in festini e donne.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati, secondo te non ti faccio passare una parolaccia? :)

      Comunque, è vero che è felliniano, addirittura in certi frangenti è proprio onirico alla Fellini, ma secondo me brilla di luce propria.
      Quanto ai messaggi, per me non sempre un'opera deve portare messaggi universali (o universalmente positivi come il salvare gli ebrei dall'olocausto o i negri dalla schiavitù). Un film (o libro, o fumetto...) può avere tante altre sfumature o messaggi anche più intimi :)

      Moz-

      Elimina
  8. "La Grande Bellezza" mi è piaciuta perché è una pellicola molto felliniana che ci racconta la dolce vita del 2000. Un film da decontestualizzare ed è inutile se qualcuno si arrabbia, ma obbiettivamente non tutti l'hanno capito e questo è evidente anche nei commenti che ho letto. Chi non lo comprende però non è detto che sia per forza scemo, i gusti e le emozioni che proviamo davanti ad un film sono soggettivi. Io, per esempio Sorrentino non sempre riesco ad interpretarlo: ho adorato Il Divo, non ho capito This Must Be the Place ed ora apprezzo la GB e non mi faccio condizionare proprio da nessuna massa..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di Sorrentino mi piacque This must be the place e quello lo considero già più "furbo" per l'Academy rispetto a quest'ultimo.
      La Grande Bellezza per me è superiore, ma sarà che appunto io amo i film così (vedi INLAND EMPIRE di Lynch), non mi pesa vederli e, per dirti, non m'è sembrato nemmeno lento! :)
      Stamattina sono andato subito ad acquistare il dvd!
      https://twitter.com/miki_moz/status/441141268237021184/photo/1

      Moz-

      Elimina
  9. Ma lo sai che da stamattina sei il primo che sento (o meglio leggo) che ha dato un commento positivo al film?
    Stamattina al bar erano uno peggio dell'altro e non si badava molto al linguaggio. :-)
    Volevo vederlo anche io ma poi mi hanno convinta ad uscire, ma lo guarderò. Parto dal presupposto che Sorrentino a me non piace molto, ma non sono una che parte prevenuta in generale quindi sicuramente lo guarderò prima o poi.
    Sono curiosa di guardare anche Gravity che ha praticamente portato a casa direttamente tutta l'Acandemy! :) Ha vinto anche il premio della fotografia cosa mi ha incuriosito molto perchè io ho visto 12 anni schiavo e devo dire che lì il livello di fotografia era davvero alto. Quindi devo vedere cosa c'è di più in Gravity. :-)
    Ho finito il monologo! ;-P
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ma il bar non fa testo! E' un luogo così splendidamente popolare (fatemi essere classista :p).
      Io ho cercato di non partire prevenuto, volevo vederlo e basta (anche perché mi era già sfuggito al cinema).
      Per esempio, film come Gravity non mi interessano per niente... i premi tecnici non mi fanno impazzire (per lo stesso motivo non ho manco mai visto Avatar, per dirti...). Come non mi interessa 12 anni schiavo, mentre vedrò Dallas Buyers Club ;)

      Moz-

      Elimina
  10. Vedere La Grande Bellezza? Non posso farcela.
    Comunque se è stato così tanto premiato, qualche sottotesto lo dovrà pur avere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'ha, ce l'ha! Fidati del Moz!
      Che non sono uno che se la tira, io amo i film di Pierino :p

      Moz-

      Elimina
  11. Ciao Miki, il film non l'ho visto e non lo vedrò... perciò ti scrivo solo per dirti che condivido tutto ma proprio tutto quel che hai detto a proposito di oscar e dintorni. Sei un grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, grazie mille Ivano!
      Credo sia così... fai un film lungo, con grandi tragedie universali o umane... e voilà, il gioco è fatto :)

      Moz-

      Elimina
  12. Meno male che ti è piaciuto.. l'ho sentito demolire e demolire in queste ultme ore mentre invece a me è piaciuto molto....
    Io l'avevo visto tempo fa e ne ero rimasta colpita ( sia dai personaggi, che dalla trama che dalla fotografia ) ...
    Francamente non ci avevo visto ( come dicono tanti in qusti giorni ) l'idea che la grande "bellezza" fossero le mega feste a base di cocaina e star decadenti in terrazza ma tutt'altro..
    Per me "la grande Bellezza" che si vuol celebrare è una grande bellezza che per il regista sta finendo , mi sembra si sia voluto celebrare "la fine della grande bellezza" e non l'ostentazione della superficialità come ho snetito dire..
    Le scene che mi hanno colpito sono ad esempio le mattine che Gep passeggia " Dopo le mega feste" e si sofferma ad osservare le persone , gli alberi di arance , le suore che si sistemano la veste .. QUELLA E' LA GRANDE BELLEZZA... che ci volgiono mostrare, una bellezza che sta "finendo" , che nessuno si ferma più ad osservare...
    io l'ho "preso così" ma magari è una mia interpretazione errata ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non credo sia affatto errata.
      Per me il film parla dello sguardo dello scrittore e del suo rendersi conto, mano a mano, che la vita è "anche di giorno" (guarda come prima è ambientato solo di notte, finendo poi per avere molte scene diurne), ossia che c'è una nuova vita da vivere, una nuova consapevolezza. Metaforicamente è il nuovo romanzo che Jep intende scrivere, dopo anni e anni.

      Moz-

      Elimina
  13. Ciao Moz,
    sono contenta del fatto che l'Italia si sia portata a casa un oscar perchè , soprattutto in questo periodo costellato da fallimenti, è una bella soddisfazione che mostra ancora una volta la nostra bravura nel creare. Infondo l'Italia ha sempre avuto la fortuna di avere grandi artisti: scrittori, pittori, registi, cantanti, stilisti ... Ovviamente non sempre però concordo con le scelte dell'academy, nel caso del "La vita è bella" non ero d'accordo perchè quel film non mi è piaciuto. Per come la vedo io non si tratta cosi un argomento tanto delicato e pieno di sofferenza (ma è solo un mio parere). Ecco il più meritato, almeno per quello che è il mio metro di paragone è stato "Nuovo cinema paradiso". Un gran bel film che amo rivedere.
    Passando al "la grande bellezza" scriverti che non sono capace di dirti se mi è piaciuto o meno. Nel senso che la storia aveva un suo perchè, il personaggio affascinava e il cinismo, la falsità, il recitare una parte sono mostrati talmente bene da toccare persino l'apice nella scena del funerale. Però, nonostante l'evanescenza, il mistero e l'estemporaneità di alcune scene (che in un qual senso posso anche prendere e colpire), credo che abbiano anche appesantito il tutto. In breve in parte il film mi ha affascinata e presa, in parte mi ha lasciato l'amaro in bocca e un senso di vuoto. Come se il protagonista alla fine si fosse liberato della superficialità che lo circondava e l'avesse passata a chi guarda. Ecco il lungometraggio ha un suo perchè e credo che quel perchè gli abbia permesso di vincere, ma non posso dire di averlo amato. Solo di essermi lasciata trascinare nella trama e dalla grande interpretazione di Tony.
    Non so se mi sono spiegata...spero di si!!!!
    abbraccio alla Jep

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Vita è bella mi piace ma La Grande bellezza e Nuovo Cinema Paradiso mi piacciono molto molto di più.
      Mi piace molto quello che hai scritto, sulla superficialità passata a chi guarda.
      Magari è proprio così: di certo Jep si è liberato di qualcosa, anzi il film secondo me è proprio un percorso verso questa liberazione (iniziata da quando se ne sbatte dei selfie di Isabella Ferrari...)

      Moz-

      Elimina
    2. Si, il film mostra anche il cambiamento. Verdone dice basta e va via, forse è quello che cambia in maniera più radicale. Jep, invece, percorre una strada diversa fatta di ricordi, di presa di coscienza come dici tu , nel pazzo con la Ferrari, pronuncia una battuta del tipo "sono troppo vecchio per fare cose che non mi piacciono o interessano". Parte tutto da li, hai ragione.

      Elimina
    3. Se ci pensi, Verdone va via e torna al paesello; la madre di Andrea dona tutto alla parrocchia e se ne va in Africa; la scrittrice legata al partito cessa la vita mondana... Insomma, è un film anche sui cambiamenti.

      Moz-

      Elimina
    4. si, concordo in pieno su questo aspetto. Infatti è una delle cose che mi hanno fatto piacere il film solo che non mi è piaciuto in pieno, nel totale. Certe cose mi sono piaciute, certe mi hanno affascinata e certe mi hanno lasciato perplessa. Quindi alla fine non so dire se lo amo oppure no. Ecco, di solito o amo i film o odio i film o li trovo belli oppure no. Diciamo che è la prima volta che un film mi lascia a metà, in una sorta di limbo.

      Elimina
    5. Beh, e se pensi che il film stesso è un limbo, un pezzo di storia, una Roma sospesa... forse è una grande cosa, no?^^

      Moz-

      Elimina
    6. Bè, già che ci siamo magari, anche Sorrentino cambia mestiere...

      Elimina
    7. Ahaha, proprio non ti piace come regista, allora! :)

      Moz-

      Elimina
  14. Ieri sera mia madre commentava con frasi tipo " Mah, un oscar?! Sta roba?!?" e mi faceva ridere quindi non c'ho capito nulla. Lo voglio vedere per bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me è un film che l'oscar l'ha meritato, se intendiamo l'oscar come premio massimo scevro da retropensieri. Il film m'è piaciuto e ho appena comperato il dvd.
      https://twitter.com/miki_moz/status/441141268237021184/photo/1 :)

      Moz-

      Elimina
  15. Io non ho la cultura cinematografica per poter giudicare, quindi non mi pronuncio.
    Posso solo presumere di aver colto uno dei significati di questo film, forse perchè prima della visione ho letto un po' di riflessioni qua e là di persane che ne sanno decisamente più di me.
    L'unica cosa che posso dire è che ho visto una bellissima Roma, calma e silenziosa, non una Roma comune, quella che viviamo noi turisti quando andiamo a visitarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Roma mostrata, checché se ne dica anche nel commento ufficiale del film, è per me una perfetta città "senza tempo", o dal tempo sospeso.
      Una cartolina di decadente luccichio, una foto fermata nello sfiorire più bello.
      Ma appunto, è un teatro onirico, luogo quasi più interno che esterno, almeno secondo me.

      Moz-

      Elimina
  16. Io non l'ho visto, aspetto qualche tempo prima di vederlo. Certo se ne sentono di tutti i colori... L'oscar del fim straniero comunque è il meno credibile di tutti gli Oscar

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E forse è un bene, visto quante merde vengono premiate con la statuetta dorata! :)
      Come disse Tarantino ai tempi, era più bello per il suo Pulp Fiction aver vinto la Palma d'Oro che il premio Oscar! :)

      Moz-

      Elimina
  17. Non l'ho visto, ma ho sempre avuto una sensazione di scetticismo verso questo film.
    Ora tu mi hai incuriosita e cercherò di vederlo.
    Grazie.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un genere che o piace o non piace. Di certo è riflessivo (lento, secondo alcuni), e introspettivo (inutile e sconclusionato, secondo alcuni).
      Insomma, è comunque un film potente.

      Moz-

      Elimina
  18. Eccheccavolo sono l'unico che non l'ha ancora visto. Ieri ero a un festino, sai com'è, limoni e cose così... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, mica hai fatto male! :)
      Io comunque ho appena comperato anche il dvd!
      https://twitter.com/miki_moz/status/441141268237021184/photo/1 :p

      Moz-

      Elimina
    2. Uà addirittura? Me lo devo assolutamente vedere

      Elimina
    3. A me è piaciuto tantissimo, yes.

      Moz-

      Elimina
  19. W MikiJepMoz!
    Io l'ho visto al cinema, appena uscito, perché mi piace molto Sorrentino e perché suvvia, non potevo non vedere un film che ha come grande protagonista Roma.
    L'ho visto prima con i miei migliori amici, poi con il MioUomo, e poi ancora ieri sera.
    Lo trovo da sempre bellissimo, e un Oscar se lo meritava tutto. Indi son contenta sia piaciuto anche a te :)

    Vale A

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che ti sia piaciuto!
      Anche secondo me è un film bellissimo... anche sul piano di inquadrature e fotografia lo trovo molto elegante, pur restando un film amabilmente all'italiana.

      Moz-

      Elimina
  20. Visto molto tempo fa. L'ho trovato struggente e delicato.
    M'è piaciuto molto per la capacità di raccontare solitudine e poraccitudine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sfuggì, l'anno scorso. Recuperato ieri grazie a una Canale 5 che m'è parsa tornare ai tempi in cui trasmise Twin Peaks come se nulla fosse.
      Oggi acquistato in dvd per poter avere questo gioiellino sempre con me.
      Davvero bello.

      Moz-

      Elimina
  21. Mah, io ieri sera ho visto Don Camillo.
    Comunque se questa Grande Bellezza per te merita, forse la guarderò anch'io.

    RispondiElimina
  22. ero sicura che ti sarebbe piaciuto! in effetti Gep è un personaggio per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, lo credo anche io! :)
      Un abbraccione!

      Moz-

      Elimina
  23. Presto ne parlerò sul blog. Dopo un'inizio poco promettente sono rimasta conquistata anch'io dalla Grande Bellezza :)
    Però un bel fangool per la pubblicità (avevano detto che non ci sarebbe stata e invece...) la Mer*aset se lo merita tutto!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che la storia della pubblicità era una bufala. Io anzi me ne aspettavo molta molta di più... e invece si sono limitati a 5-6 break.

      Moz-

      Elimina
  24. non hai visto furbate per compiacere le lobby d'oltreoceano ?????? ma se Servillo nel film fuma almeno sei pacchetti di sigarette!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. intendevo le lobby hollywoodiane :)

      Moz-

      Elimina
    2. ma le lobby hollywodiane vendono sigarette!!

      Elimina
    3. Tranne le Red Apple, eppure Pulp Fiction vinse l'Oscar XD

      Moz-

      Elimina
  25. Non ho avuto il piacere di seguirlo ieri sera per via della mia intolleranza alle pubblicità (e alla mediaset in generale), ma mi incuriosisce molto. Lo guarderò senz'altro, magari in un modo non del tutto legale, ma lo guarderò. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri mi sarei aspettato molta più pubblicità di quella che hanno effettivamente trasmesso, sai?
      I break mi sono serviti per preparami qualcosa da mangiare :p

      Moz-

      Elimina
    2. Io invece immaginavo lo bombardassero di pubblicità quindi ho evitato un esaurimento nervoso :P
      Preferisco il tasto pausa.

      Elimina
    3. Ci sono stati i break, eh... 5 o 6, ma non di più!
      Le Iene su Italia1 in confronto è un colabrodo! XD

      Moz-

      Elimina
  26. sei stato uno dei pochi a parlarne in maniera degna. Almeno degna di quel che penso io. Insomma, il film di Sorrentino non è una condanna all'Italia. Hanno rotto con sta storia.
    Certo, non può piacere a tutti.
    Ma cavolo, siate felici perchè finalmente l'Italia fa parlare di sè non per Berluscono, per la mafia, per la crisi o per qualche scandalo, ma per l'arte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, per me non condanna l'Italia, non parla proprio di questo.
      Parla del costruirsi una gabbia decadente dopo una disillusione. E il percorso per uscirne.
      L'Italia (Roma) è uno sfondo, una cartolina senza tempo.
      Ecco, questo è un film col "tempo sospeso".

      Moz-

      Elimina
  27. Film da rivedere, per apprezzarlo/capirlo meglio ;)
    Se mi fossi basata solo sull'inizio credo l'avrei bocciato, per come si è evoluto successivamente è da rivalutare. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' comunque un film potente, che merita attenzione.
      Io, proprio perché voglio rivederlo e perché m'è piaciuto, ho appena comperato il dvd.
      https://twitter.com/miki_moz/status/441141268237021184/photo/1 :)

      Moz-

      Elimina
  28. Sul film non mi pronuncio, perché il piacere o non piacere è molto soggettivo, però una voglio chiederti, spiegami il senso di questa frase che hai scritto:
    “Per vincere l'Oscar poi basta parlare delle persecuzioni contro gli ebrei o della schiavitù, temi che non m'attirano per niente e che guardacaso ho amato solo quando li ha trattati mr. Quentin”

    Perché così posso spiegare a mio nonno che essere stato in un campo di concentramento, essere uno dei pochi sopravvissuti all’olocausto, che la morte di milioni e milioni di persone (ebrei e schiavi) è servita e serve a far vincere un Oscar. Sai com’è ormai ha una certa età e fatica a capire la sottigliezza di certe cazzate!
    Xav

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' ovviamente una frase ironica, che critica il modo secondo cui spesso vengono assegnati i premi.
      Difatti, se guardi bene, basta spesso fare un film su una grande tragedia mondiale (olocausto o schiavismo) o personale (malattia), che sia lungo... e il gioco è fatto.
      Ovviamente sono (semi)ironico anche qui ;)
      Un bellissimo articolo sulla rivista Hot Dog analizzava queste cose.

      Moz-

      Elimina
    2. No, sei milioni di ebrei morti (senza calcolare omosessuali, invalidi, dissidenti politici...) e un numero imprecisato di schiavi meritano un pochino di rispetto e non l’ironia...
      Ma se poi ci pensi anche La grande bellezza parla di una tragedia personale, il fallimento del protagonista come uomo e artista: anche qui allora si può applicare il tuo ragionamento, basta fare una pellicola lunga e noiosa che racconta la sfiga di una persona e arriva l’Oscar. Wow… sai quanti film possiamo fare tutti, allora!
      Questa è la mia opinione!
      Xav

      Elimina
    3. E infatti anche la Grande Bellezza ha vinto l'Oscar!
      Comunque, non hai capito che non stavo per nulla parlando delle cose storiche in sé ma dei film che ne traggono. Il mio discorso era meramente cinematografico e l'ironia che ho usato era riferita a questo e alla gestione dei premi.
      Pensavo si fosse capito, sinceramente! :)

      Moz-

      Elimina
  29. Ho letto che un tuo fans bisticcia con il congiuntivo
    DX Provvedi. Apri una scuola serale di recupero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conoscendolo so che sarà stata una svista.
      Non devo fare il professore di nessuno ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Perfettamente d'accordo con te, Moz.
      Troppi professori in giro, fa riflettere...

      Elimina
    3. Bhe, io spesso mi sento ancora alunno... ho comunque 12 anni :p

      Moz-

      Elimina
  30. Ah, ecco, un parere contrario! Che ieri sera tutti quelli che lo stavano guardando pubblicavano commenti schifati su feisbuc. Io devo ancora vederlo, ma se me lo paragoni addirittura a Lynch (Inland Empire mi manca, ma ce l'ho lì da vedere. Mi farò una doppietta!)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, ora non vorrei aver fatto un paragone azzardato: i film sono diversi ma secondo me si assomigliano negli intenti. Magari giudicherai tu stessa, và! ;)
      È vero, comunque... ieri e oggi caccia grossa contro questo film... secondo me molti ne sparlano senza manco averlo visto!

      Moz-

      Elimina
  31. Ciao Moz, eccomi di ritorno!
    Ho visto il film ieri sera e come dicevo sta mattina al telefono con Audrey, non lo so se mi è piaciuto....nel senso che credo di aver colto il suo significato, mi ha affascinata, certe scene continuano a girarmi nella mente, il senso di onirico, addirittura di subconscio mi ha ammaliata però credo che nel complesso non mi sia piaciuto. Dico credo perchè in realtà non faccio altro che ripensarci, è tutto il giorno che che ci ripenso...e forse proprio in questo entrarti dentro e non lasciarti andare sta la grandezza del film.
    Ciao, un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anto, bentornata ufficialmente dunque! :)
      Capisco come puoi sentirti... successe anche a me con delle opere a cui non ero preparato (nel senso che non mi aspettavo fossero in un determinato modo) e poi oggi per me sono pietre miliari.
      E' un bene se un'opera la si apprezza più dopo che subito. Perché ti permette di ragionarci su, di capire. Significa che ha tanto da dire!
      Proprio per questo io stamattina ho acquistato il dvd, come puoi vedere: https://twitter.com/miki_moz/status/441141268237021184/photo/1 :)

      Al più presto me lo vedrò senza spot e in tranquillità, per godermelo ancora di più :)

      Moz-

      Elimina
    2. Questa cosa succede, almeno a me, spessissimo con i libri...e come dici giustamente tu succede con quei libri o quei film che poi diventano basilari nella nostra vita.
      Antonella

      Elimina
    3. Vero! Secondo me le opere così sono quelle che poi ti spingono a rifletterci sopra, anche dopo molro tempo... e che quindi diventano quasi immortali. O, per essere meno roboante e più umile, "senza tempo".

      Moz-

      Elimina
  32. Sono riuscita a vederne solo una metà ieri sera. Che dire....adesso ho capito perchè Sorrentino ha citato Fellini allaa premiazione degli Oscar ;-)
    Comunque, mi è parso un film un pò lento e per certi versi poco comprensibile. però ripeto che ho visto solo la prima metà, quindi probabilmente dovrei vedere anche il resto per capirci meglio e magari esprimere un giudizio vero e proprio.
    Al di là di tutto sono contenta che lo "zio" Oscar sia tornato in Italia. Magari è un incoraggiamento al cinema nostrano.
    Abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di essere lento è lento, ma io lo intendo come riflessivo. Cioè, non mi ha annoiato, anzi. Potrei stare a guardare le avventure di Jep per ore :)
      La comprensibilità... penso sia uno di quei film che offre delle chiavi di lettura e sta poi allo spettatore comprenderle.
      Quanto all'Oscar, è una cosa a cui bado poco ma sicuro fa piacere... e spero sempre che, Oscar o meno, il cinema italiano torni ai fasti di un tempo! :)

      Moz-

      Elimina
  33. Premesso che non sono una grande esperta di film, lo trovo senza infamia e senza lode. Forse troppo "alto" per una come me ma di sicuro sopravvalutato. Insomma io l'Oscar del mio regno non glielo do. Piuttosto lo giro al povero povero povero Di Caprio. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povero Leo! :(
      Spero lo vinca al prossimo giro!
      Comunque non credo sia sopravvalutato, anzi gli stan spalando merda su tutti i fronti! :D

      Moz-

      Elimina
  34. Risposte
    1. Merita una visione, secondo me :)

      Moz-

      Elimina
  35. Sorrentino è uno che sa dove piazzare la macchina da presa. Poi i suoi film possono non piacere (io devo essere del giusto umore e per questo ieri non ho visto La grande bellezza), ma la sua abilità è un dato oggettivo. Avercene di registi così!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, vero. Ho visto qualche suo film e ti quoto in tutto! :)

      Moz-

      Elimina
  36. Ieri mi son messa, senza grande aspettative, a vedere 'sta grande bellezza ma quando mi son resa conto di aspettare la pubblicità con ansia... ho preferito spegnere la tv!
    Questione di gusti e visto che il bello e il brutto è relativo, be' il l'ho trovato... poco interessante!

    Ma questa sera mi son fiondata qua da te per un altra cosa... un incontro che mi ha lascito a bocca aperta... scena:
    Io sto camminando su un marciapiede pensando ai fatti mie e mi viene incontro un tipo, anche lui per fatti suoi, tanto presi che quasi sbattiamo uno addosso all'altro!
    Ci blocchiamo, io lo guardo, lui guarda me:
    -O_O... Moz...?-
    -No...-
    -Ops... ma non sei Moz??.
    -... No...-
    -... Ah... Scusa...-
    -Niente... figurati..-
    -Ok.. ciao!-
    -Sì... ciao!-
    Be' che tu ci creda o meno... U-GUA-LE!!! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ma in che città??
      Perché io agisco in prov di Teramo e in prov di Foggia... oltre queste zone i miei poteri non arrivano! :p
      Insomma c'è un mio sosia in giro... magari è io mio doppelganger!! :)

      Moz-

      Elimina
  37. Oggi alle 13:00 a Seriatr in provincia di Bergamo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ricordo di aver inviato un mio doppelganger lì! :p

      Moz-

      Elimina
  38. Risposte
    1. Mi sto già clonando!! :)

      Moz-

      Elimina
    2. Meno male,almeno posso avere un Moz tutto per me ♡
      'Sto riguardando la prima, da piccola mi sembra di averne saltate parecchie! :DD
      Tanti abbracciosi! ♡♡

      Elimina
    3. La terza è la migliore! :)
      Vada per il Moz tutto per te ;)

      Moz-

      Elimina
  39. Beh, di certo i Vanzina l'oscar non l'hanno mai vinto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao (e se sei il Fannes di Vita da Ninja bentornato su questi lidi!)... beh, è vero, anche se per il primo Vacanze di Natale gliel'avrei dato :)

      Moz-

      Elimina
  40. A me è piaciuto, anche se mi aspettavo un diverso omaggio a Fellini :-)

    RispondiElimina
  41. Non sono riuscito a vederlo ma il paragone che hai fatto con Inland Empire di Lynch m'intriga molto ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, sia chiaro, Inland è molto più onirico, estremo, un punto di non ritorno.
      La grande bellezza è felliniano.
      In entrambi i casi si descrive, però un percorso umano con un grande teatro decadente e sospeso come sfondo (Roma in Sorrentino, Hollywood in Lynch)

      Moz-

      Elimina
  42. Stupenda la foto!;D mauahuaah...ma ti sei vestito davvero?:P
    Comunque "This must be the place" lo vidi al cinema..e mi era piaciuto molto!:D
    "La grande bellezza" l'ho visto in tv...dato che al cinema..l'hanno tolto subito e ho amato la fotografia!*.*
    un bacioneeeeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio, era carnevale!! :)
      Padre Moz non perdona!

      This must be the place visto anche io al cinema, e avrei voluto vedere anche La grande bellezza ma lo persi. Recuperato in tv, ho pure già acquistato il dvd.
      Un gioiellino.

      Moz-

      Elimina
  43. Non guardo i canali mediaset e quindi non posso esprimere un giudizio. Lo farò quando il cineforum del paesello lo programmeranno
    Abbraccio alla nutella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops dimenticavo il blog "Il viaggio di Farfalla Legger@" non si aggiorna. E' fermo a due settimane fa. Non che la cosa mi preoccupi anzi sinceramente devo dirti che non me ne può fregare di meno. So che però tu ci tieni ed allora ho pensato di avvertirti. Riabbraccio

      Elimina
    2. Stavolta Canale 5 è tornata al 1991, quando trasmise Twin Peaks. Ogni tanto anche loro -ovviamente per calcolo- fan cose belle :)

      Ok per il tuo blog, hai fatto bene a dirmelo! ;)

      Moz-

      Elimina
    3. Si è rimesso a posto! Ho scritto a Fabrizio che mi ha indicato come risolvere il problema. Sempre abbraccio

      Elimina
  44. Ho visto 2 film di Sorrentino e mi sono piaciuti moltissimo (l'uomo in più e le conseguenze dell'amore) questo non l'ho ancora visto ma dai trailers mi lancio in un commento senza averlo visto.Credo che la forza del film sia nei luoghi magnifici,nella fotografia ,negli attori bravissimi e in un certa idea di film molto "guardate che regista che sono e come sono impegnato ".Appena avrò l'occasione me lo guarderò
    cafè .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao badboy! ;)
      Finora i film di Sorrentino che ho visto mi son piaciuti tutti; questo più degli altri. Secondo me è davvero superiore, non so se l'abbia fatto apposta, ma il film non sembra calcolato e autocompiaciuto, anzi scorre naturale. Certo, la sua forza sta anche nei luoghi, nelle inquadrature, e negli attori :)
      Alla fine ha raccontato una trama semplice (un percorso umano) proprio attraverso queste cose.

      Moz-

      Elimina
  45. Ho visto solo a metà "La grande bellezza" , scusami Mozzino tra le notti insonni e le varie influenze , a volte ..cedo!
    Film decadente, con una Roma premiata da vero Oscar, una visione che mi ha emozionato sul serio..Toni Servillo sempre bravissimo , quanto odioso sulla scena e nel reale...ma per quel poco che sono riuscita a vedere , ho avuto nostalgia di Fellini e della "Dolce vita", dove là esisteva veramente un messaggio di speranza per il futuro, che poi, come vediamo non si è realizzato.
    In questo c'è una sorta di disincanto, di rimpianto che non potrà mai essere restituito, quello che è fatto è fatto e il piacere di imbarazzare gli altri o rovinare le feste , è un classico dell'insoddisfazione..
    Tu così?...
    Giammai...
    Dolce vita Mozzino per te e solo per te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono già così, cara Nellina... anche se non lo faccio per insoddisfazione :p
      Comunque anche questo film dona un messaggio di speranza, certo più personale e non universale, ma per un individualista convinto come me è una grande cosa :)
      Dolce vita anche a te, cara mia! :)

      Moz-

      Elimina
  46. Un film talmente lento, ridondante e palloso (fra l'altro una brutta copia di Fellini) che dopo mezz'ora abbiamo spento il televisore e siamo andati a caccia nella savana.
    Non meritava l'oscar, poco ma sicuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che lento è riflessivo, felliniano di certo (lo ha persino ringraziato) ma brilla di luce propria. Per me l'Oscar lo meritava, quantomento perché tra tutti i film italiani ultimi ad essere in odore di premio è stato (forse assieme a La prima cosa bella) l'unico a smarcarsi dal solito provincialismo. Insomma, un film d'autore come non se ne vedevano da tempo! :)

      Moz-

      Elimina
  47. Ciao Moz
    ho visto la Grande Bellezza... era da un po' che non vedevo un film con la pubblicità, davvero impossibile. Sia chiaro la pubblicità non ti fa pagare. Vero. Ma mi domando chi decide gli attacchi della pubblicità... da criminale fermare alcuni momenti di un film
    Cmq a me è piaciuto molto il film, quando è finito sono rimasto a pensare per un po, trasportato da quelle immagini sul Tevere fantastiche e quella colonna sonora che dopo tutto il delirante gruppo di personaggi mostrati di Sorrentino ci ha mostrato che la Grande bellezza poi può essere in un fiume che scorre lento, in una canzone che fa sognare e altro... non va ricercata per forza, non va creata con artifici che alla lunga non reggono. Questo credo ci abbia mostrato Sorrentino e questo purtroppo in molte parti del nostro paese c'è... fortunatamente non ovunque.
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pensi come Lynch, così estremista che dice che i film al cinema non dovrebbero nemmeno avere la pausa tra la fine dei due tempi :p

      Come avrai potuto constatare, è un film che comunque lascia qualcosa DOPO la visione... ti spinge alla riflessione, non lascia indifferenti.
      L'Oscar, perciò, per me è meritatissimo ;)

      Moz-

      Elimina
  48. Bello vero? Direi che di ruffianeria in questo film ce n'è poca, era davvero una pellicola meritevole, poi può piacere o meno, ma quella è un'altra storia... anche se non capisco il motivo di criticare il film a spada tratta né apprezzo quelli che salgono sul carro del vincitore dopo averne parlato male per mesi... gli italiani...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, è proprio questa La Grande Bellezza degli italiani: criticare o osannare a prescindere, magari senza manco aver visto la pellicola :)

      Moz-

      Elimina
  49. Io non l'ho ancora visto, anche se, ti dico la verità, sei uno dei pochi che ne parlano molto positivamente. Sono sicura che sia uno di quei film particolari e che solo alcuni ne riescano davvero a cogliere il significato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS. Comunque mi aveva affascinata fin dal trailer e detestavo chiunque lo screditasse senza nemmeno vederlo -.-"

      Elimina
    2. In realtà, visto che mi sono confrontato -e mi sto confrontando- con gente che l'ha visto e a cui è piaciuto, ti assicuro che non ha solo un significato ma molteplici, è un film dalle molte sfumature.
      Per me è un racconto molto bello, una vicenda umana a cui mi sento vicino, per lo meno come sensibilità :)
      Ne vale comunque la pena, appena puoi vedilo :)

      Moz-

      Elimina