> Doppio (con coincidenze)



Mi ritrovo una mail di Daniele Imperi, boss di Penna Blu. Mi invita a scrivere un microracconto per partecipare a un esperimento: riuscirà la gente a capire il sesso di chi ha scritto le opere? Così, io e altri otto sconosciuti scriviamo qualcosa.
Così, io scrivo Doppio:
Ho appena ucciso una persona. Laura.
Il suo volto, che era bello e raggiante, ora non c’è più.
Le ho sparato dritto in faccia. Brutta troia, tradirmi.
Come hai potuto?
Non te l’aspettavi, vero?
Non lo sai che l’altro giorno ho controllato il tuo cellulare e ho letto quel messaggio.
“Sei stata fantastica stanotte. Ti amo, Leo.”
Leo. Pezzo di merda, farò fuori anche te.
Il sangue è schizzato fino all’anta superiore dell’armadio. Quello dove ho riposto le coperte.
Saranno circa le tre e mezza del pomeriggio.
Laura mi ricorda James, il cane che avevo quando ero piccolo.
Lo investirono con una bici e gli si spaccò il cranio.
James, quanto ti volevo bene!
Sono due giorni che ho scoperto tutto. Sono andato a casa dei miei, e con una scusa ho aperto il cassetto di papà. La sua pistola è sempre lì. Sul mobile c’è ancora la foto che ritrae me e James. Si intravedono anche la staccionata dei Cooper e la mia bicicletta blu.
Laura era rientrata come se niente fosse. Mi ha trovato seduto di fronte alla porta della camera. Bang!
Sei finita, troia.
Oggi ho ucciso una persona. E sto per uccidere ancora. È qui, in questa stanza.
Leo, eccoti, mi vedo.
James, ho imparato ad abbaiare anche io, riesci a sentirmi?
Quasi la metà di chi ha provato a indovinare ha sbagliato il mio sesso. Forse è impossibile azzeccare, boh.
Ora voglio spendere due parole sul racconto che ho scritto.
Amo giocare con chi mi legge: sarà stato Leo, da piccolo, a investire il suo cane? Chissà.

In Doppio ho voluto omaggiare Twin Peaks. Innanzitutto con la tematica in sé, poi coi nomi che ho utilizzato.
Sarà un caso che proprio nel giorno in cui l'esperimento è terminato... in America hanno presentato il materiale inedito della suddetta serie tv, due miei amici mi hanno linkato cose inerenti all'opera di Lynch, un altro amico ha voluto iniziarne la visione, ho scoperto una versione ballad di Laura Palmer by Bastille?
Il tutto, in un unico giorno. Era il giorno di Twin Peaks.
E a breve il Moz O' Clock vi porterà proprio in quella cittadina misteriosa.
Stay Mixed!

66 commenti:

  1. Adoro il tema del doppio ma ieri come sai non sono riuscito a iniziarla. Dajee, oggi o domani, te lo ggiuro!
    Comunque non male il raccontino, efficace nella sua brevità, e anche questo mi piace in genere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.s così a primo impatto avrei detto scritto da una donna... esperimento interessante.

      Elimina
    2. Se la inizi, almeno per il post di domenica 27 saprai di cosa starò parlando^^
      Grazie, contento che il microracconto ti sia piaciuto^^
      Da una donna... pure tu? Le donne non inseriscono mai citazioni profonde, specie su Twin Peaks, ricordatelo (cit.) :p

      Moz-

      Elimina
  2. Ma che roba, adoro questi esperimenti "sociali"
    Bel racconto Mozzino, ci hai depistati!

    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pazzia distorce e depista, dopotutto: ma forse invece è il vero specchio dell'Io :p
      Thanks!

      Moz-

      Elimina
  3. Io avrei detto che si trattava di un uomo ad essere onesta, ma non so se sono influenzata dal fatto che in effetti io sappia già di chi si tratta xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei. Mi hanno detto -chi ha asserito che ero un uomo- che una donna non scriverebbe tutte quelle parolacce :p

      Moz-

      Elimina
  4. Il racconto mi è piaciuto molto, anche io ho pensato che Leo poteva avere ucciso il cane.
    Sinceramente non avrei detto che fosse scritto da una donna, assolutamente no dal momento che quando scrivo scene di questo tipo mi focalizzo su punti diversi dai tuoi, proprio perchè pensiamo in modo diverso.
    Tu per esempio hai scritto "troia", io non lo avrei mai fatto, non avrei scelto la pistola come arma ma avrei preferito un bel taglio di gola o un lento avvelenamento.
    In ogni caso grazie sempre per la scarsa considerazione che hai di noi donne: non siamo (per fortuna) tutte oche perse dietro shopping e Real Time.
    Esiste anche chi conosce Twin Peaks e non solo!
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, Meli... era una battuta (con citazione, mutuata da una battuta non mia).
      So bene che non siete solo shopping e RealTime, ci mancherebbe! Siete anche aperitivo delle 19 e pizza l'8 marzo: quel che non siete più è invece panni da stirare e piatti da preparare.
      Ahaha, scherzo!!
      Un bacione maschilista tutto per te :)

      P.s. anche secondo me Leo ha ucciso James, Leo è pazzo e bipolare sin dall'infanzia^^

      Moz-

      Elimina
  5. Devo ammettere che in un primo momento anch'io stavo commettendo l'e(o)rrore di accostare "Doppio" ad una mano femminile... femminista, più che altro, per via dei sentimentalismi che sgorgano dal racconto che non si differenziano poi molto da quelli del zerbino di casa mia :-) Meno male che dopo ho capito che solo un sessista machista poteva sporcare l'armadio dove sono riposte le coperte... perché poi, mica lavi tu...

    ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, vedi che un'attenta analisi rivela il maschilismo di cui il breve racconto è intriso?^^

      Moz-

      Elimina
  6. Dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello - dello ... La mia maestra mi ha imposto di scrivere 20 volte "dello", non so perché... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, l'ozerbino XD

      Moz-

      Elimina
    2. Ho inciampato sul zerbino...

      ...sullo - sullo - sullo - sullo - sullo - ecc.

      ^_^

      Elimina
  7. Mi era sfuggito questo esperimento di Penna Blu, ma leggendo il tuo racconto credo si capisca sia da fatto da un uomo. Penso che una donna avrebbe sottolineato più le cattive emozioni che può provocare un tradimento piuttosto che sottolineare com'è avvenuto lo sparo. E non credo si sarebbero soffermata sulla questione del cane!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, anche secondo me trasuda approssimazione maschile da ogni poro! :)
      Però al cane ci ho badato, almeno^^

      Moz-

      Elimina
    2. Sei così approssimativo Moz :3

      Elimina
    3. Sono d'accordo con Pier.
      Le donne scrivono solitamente in modo più emozionale, di fatti una cosa che mi aveva impressionato di Virginia Woolf è proprio il suo essere certe volte profondamente maschile (ho letto solo Mrs.Dalloway), oppure la Shelley con quella meraviglia di Frankenstein.

      Il consiglio che ti darei e ci ho pensato un po' prima di pubblicare questo commento, è di non prendere ispirazione da Lynch.
      In passato ho apprezzato moltissimo alcune sue opere come Strade Perdute, ma ad una visione recente mi è sembrato tutto un po' superfluo, più compiacente verso l'esterno che l'interno.
      A Lynch piace creare labirinti complicati e paradossi senza uscita, ma spesso manca proprio di afferrare il punto della situazione... sono thriller, esteticamente stupendi (perché dal punto di vista della fotografia c'è pochissimo da dire, fa delle inquadrature da paura e utilizza colori spettacolari), ma fini a se stessi e ti consiglio di 'superare' Lynch perché qualcosa mi dice che potresti anelare a qualcosa di incredibilmente più profondo.
      Devi solo cercare di liberarti.

      Credimi mi pesa un po' scriverti questo commento, ma non riesco a mantenere sulla superficie i dialoghi con le persone che seguo, mi viene naturale 'disturbarle' se noto qualcosa che vorrei esprimere!

      L'ho fatto tempo fa anche con Clyo! :°D
      E come per il suo caso: scusami per l'invadenza!

      Un saluto!

      Elimina
    4. Ciao cara, grazie per il commento!
      Ti dico subito una cosa: non mi sono ispirato a Lynch! L'ho solo omaggiato: siccome avevo scritto un racconto sulla doppia personalità, ho sostituito i nomi messi in un primo momento (Elisa, ad esempio), con quelli usati in Twin Peaks che è il mio telefilm preferito e che in questi giorni sta rivivendo una seconda giovinezza.
      Ho solo voluto omaggiare Lynch in questo modo... difatti penso che le mie storie e il mio modo di scrivere siano diversissime dal grande David (alcune puoi leggerle sul blog stesso^^)
      Però non sono d'accordo con te su una cosa: Lynch non crea cose fini a se stesse... lui davvero cerca di agire ad un livello più profondo (non per niente pratica meditazione trascendentale da anni) e difatti ogni sua opera è davvero "completa", riesce a prenderti sotto tutti gli aspetti, specie quelli più nascosti^^

      In ogni caso, nessuna invadenza, puoi scrivermi davvero ciò che più ti va e che pensi, critiche e consigli aiutano a migliorare...e apprezzo molto che ti sei "permessa" di superare la superficie del dialogo con me, davvero! :)

      Moz-

      Elimina
  8. Probabilmente averi detto che era una donna, solo per il fatti di trovare strano che un'uomo riponga le coperte!! ;-)
    Battute a parte io mi faccio sovente traviare dal fatto che se il personaggio è uomo sia un uomo l'autore o viceversa, perciò avrei risposto uomo!

    Nei commenti comunque hai ragione: "non siete solo shopping e RealTime, ci mancherebbe! Siete anche aperitivo delle 19 e pizza l'8 marzo: quel che non siete più è invece panni da stirare e piatti da preparare." (Se l'avessi detta io non sarebbe stata una battuta!)
    Per la maggior parte delle donne che conosco è così... son diventate peggio degli uomini che criticavano tanto! Speriamo che valga anche qua la regole che per trovare l'equilibrio bisogna raggiungere l'eccesso, sempre che non sia troppo tardi!
    Ciao Moz!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata la cosa più citata, il fatto delle coperte.
      Io mi sono immaginato Jimmy, il personaggio di Pulp Fiction. Un casalingo ipercazzaro. Lui sapeva dove sono le coperte :)
      Quanto al femminismo, non mi pronuncio, che ogni volta che ho detto qui qualcosa sull'argomento mi hanno mangiato vivo XD

      Moz-

      Elimina
  9. Conoscendoti almeno un po' ho subito pensato che avessi scelto quei nomi pensando al telefilm e ho anche creduto che fosse stato Leo ad aver ucciso il cagnolino. Volevo dirtelo da tempo, non so se lo sai, ma ogni volta mi dimentico di scriverlo: vendono la casa della tua amica Palmer, ovviamente è un'asta...
    buon week end
    p.s. il racconto mi è piaciuto un po' forte ma scritto bene e bello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo sapevo della casa. E sapevo che l'agenzia immobiliare ha tenuto nascosto per diverso tempo il fatto che fosse stata la casa dei Palmer.
      Ora i fan lo hanno sgamato, e vorrebbero comperarla per farne un museo con b&b annesso^^

      Contento che il racconto ti sia piaciuto ;)

      Moz-

      Elimina
  10. Fanculo a blogger... avevo commentato acc...!

    Probabilmente non avrei indovinato, o forse sì... ma avrebbe avuto poca importanza se a scrivere questo racconto fosse stato un uomo o una donna, semplicemente perchè ho trovato il racconto davvero coinvolgente, peccato che non ci sia stato un seguito. Potresti prendere in considerazione l'idea di svilupparlo ancora di più?
    Miaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me blogspot sta dando problemi... avevo messo questo articolo già ieri sera ma niente... non lo segnalava. Boh!

      In ogni caso, mi fa piacere che la storiella ti sia piaciuta. Purtroppo nasce per essere di poche righe (ho persino tagliato qua e là qualche pezzettino, dovevo rispettare categoricamente dei limiti, per l'esperimento) quindi non saprei nemmeno come dare un prima o un dopo a una faccenda che per me ha già detto (e non detto) tutto^^

      Ma scriverò altro, quindi... se vorrai seguirmi io sono qui^^

      Moz-

      Elimina
  11. Bel racconto, un pò forte, ma decisamente bello.Direi uomo,ma n fondo in fondo, cosa cambia? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non cambia niente, difatti. Non per me, almeno... nel senso che non importa se ciò che leggo è parto di una mente maschile o femminile :)

      Moz-

      Elimina
  12. Non ho partecipato al gioco se non nella mia mente (avrei sbagliato Autobiografia di una gatta, che avrei attribuito a una donna). Del tuo pezzo, a istinto, avrei detto che il lessico è maschile, anche se poi tutto il discorso degli uomini che non sanno dove sono le coperte mi aveva messo in crisi (mio marito è prova che almeno gli uomini sposati ignorano queste cose).
    Non sottovalutare, però, le potenzialità citazioniste delle donne nerd (la femmina di nerd è rara, ma esiste e la si stana parlando di dinosauri o, come ha fatto mio marito, portandola al primo appuntamento a vedere un romantico film di Croneberg)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, e giuro che non ho scritto quella cosa delle coperte per depistare! L'avrei scritta comunque! Oo
      In ogni caso, è vero che ci sono donne che citano, ma non so perché... è una cosa che sento molto più maschile. E' una sorta di mio limite mentale XD
      Viva tuo marito, comunque!! :)

      Moz-

      Elimina
    2. Stanotte ho lavorato e sicuramente con i test fallirei; complimenti per il racconto.
      Saluti a presto.

      Elimina
    3. Grazie mille, Cav!
      Ma tanto ormai lo sai che Doppio è stato scritto da un ometto!^^

      Moz-

      Elimina
  13. Bellissima l'idea di Daniele Imperi (un boss, hai detto bene!), bello il tuo racconto... nel tuo stile.
    Noi che ti conosciamo, possiamo anche immaginare che ci sia tu dietro quella storia!
    Miki hai una cultura sconvolgente. Te l'hanno mai detto? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cultura sconvolgente? Aahah, non credo, sinceramente.
      Mi fa piacere che il racconto ti sia piaciuto, cara Manu... sì, è ovviamente nel mio stile^^

      Moz-

      Elimina
  14. a me non è piaciuto uscire come donna LOL
    tutto perché ho parlato di una gatta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse io ti ho dato dell'uomo, se ben ricordo^^

      Moz-

      Elimina
    2. Ferru, se tu avessi parlato, oltre del gatto, anche del topo, come ha fatto Luis Sepulveda (e che tu mi regalasti - posso linkare, Moz?), sicuramente non mi sarei confuso...

      ^_^

      Elimina
    3. Certo che puoi linkare!!! Anzi, mo me lo leggo pure io il racconto :)

      Moz-

      Elimina
    4. Gennà! Il link per il racconto completo non funziona...! :(

      Moz-

      Elimina
    5. No, Moz, funziona. Se ci passi sopra con il mouse, sotto ti appare il link completo anticipato dal Forum. E' il mio giovane Web Master che ha programmato in modo che solo gli iscritti possono accedere a tutti i servizi... :-(

      Elimina
    6. Niente, Gen... non riesco a visualizzare :(

      Moz-

      Elimina
    7. Te l'ho detto... non sei registrato. Se ti registri puoi accedere a tutte le funzioni, compreso "voltare pagina" seguendo un link... :-P

      Elimina
    8. Vedrò di registrarmi, dunque^^

      Moz-

      Elimina
  15. I segreti di Twin Peaks dovrei recuperali, visto che ho vaghissimi ricordi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra una settimana circa andremo a Twin Peaks... magari il mio articolo ti rinfrescherà la memoria^^

      Moz-

      Elimina
  16. Naaaaaa "Doppio" non poteva averlo scritto una donna.
    Per me i racconti erano tutti di Uomini.
    Zero doppio Zero
    Ciao Moz!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, beh, sicuramente Doppio lo può scrivere solo Moz XD

      Moz-

      Elimina
  17. Sai che a leggere il racconto, quello che meno interessa è proprio il genere del protagonista e narratore? In pieno stile Moz comunque...
    Twyn Peaks non sono mai riuscita a vederlo perché ricordo che tutti mi dicevano facesse paura e io sono una gran fifona... però mi incuriosisce sempre sentirne parlare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, mi fa piacere che si riconosca la mia mano^^
      Se ti incuriosisce TP... tra una settimana circa ti ci porto: passa qui da me ;)

      Moz-

      Elimina
  18. Il racconto è scritto al maschile, potrebbe trattarsi di una sorta di doppia personalità?
    Potrebbe essere sia donna che uomo.
    Avresti dovuto continuarlo, mi hai messo addosso la scimmia. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se Leo e Laura fossero la stessa persona? ;)
      Come ho detto più su a Xavi, questo microracconto nasce per essere così, tutto in poche righe^^

      Moz-

      Elimina
  19. Fantastico esperimento e il racconto, beh...forse anche io ho la giornata Twin Peaks perchè appena letto il nome Laura ho pensato proprio a Palmer xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla grande allora: ti aspetto tra una settimana qui da me, se ti piace il mondo di TP :)

      Moz-

      Elimina
  20. Se non lo specificavi non avrei mai pensato a twin peaks ero talmente presa dal racconto tuo che non ho badato ai nomi dei personaggi! Mentre lo leggevo pensavo sembra proprio scritto da uno psicopatico nel senso sembra il diario (forse inconsciamente mi ricordava twin peaks?) di uno psicopatico e sono entrata completamente nella storia mi ha proprio preso!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, beh, sono contento che ti abbia fatto questo effetto! Avevo poche righe a disposizione per... colpire, ho cercato di mettercela tutta^^

      Moz-

      Elimina
  21. Avvincente!
    Ci sai fare e aspetto qualcos'altro.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Cris!
      Se ti va, a breve ripartono le avventure di Masquerax, il giustiziere più spietato di chi ha commesso i crimini spietati^^

      Moz-

      Elimina
  22. Non ho partecipato al test perché era sviante fin dalle premesse (anche chi doveva scrivere avrebbe inconsciamente stravolto la sua naturalezza immaginando di non dover essere cuccato, meccanismo perverso ma naturale in questi casi...), fondamentale l'armadio dove riponevi le coperte nel tuo caso.. chissà perché ma che cazzo gliene fregherebbe delle coperte a Moz? Io le metterei anche in forno piuttosto che arrampicarmi in cielo) ;) Comunque grande come al solito. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, Franchì, ti assicuro che ho scritto come scrivo sempre, quindi Moz 100%, indipendentemente dall'esperimento.
      Avrei potuto giocare molto sull'identità, immagina un microracconto dall'incipit "sono un uomo." Ecco, ma sarebbe stato davvero da stronzi, e così ho scritto una cosa normalissima^^
      Thanks!

      Moz-

      Elimina
    2. ..ma non m'hai detto dove riponi le coperte.. ("ma cazzo ne so' io dove stanno le coperte?!?...") tipo: papà dove sono i Pirenei? Ma che ne so' lo sai che è mamma che mette a posto la robba!...

      Elimina
    3. Io? Le ripongo nell'anta superiore dell'armadio, ovvio. Accanto ai Pirenei :p

      Moz-

      Elimina
  23. Bel racconto, Miki. A rileggerlo separato dagli altri 8 ci sono anche entrato meglio dentro ;)
    P.S. Io il tuo sesso, come sai, l'ho azzeccato. Ma è vero che rispetto ad altri della serie, ho dovuto fare un po' più di calcoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ivano, thanks! :)
      Guarda, mi dispiace che hai dovuto fare calcoli perché sul serio io non ho calcolato nulla, non ho minimamente pensato a depistarvi... ;)

      Moz-

      Elimina
  24. Sera! Bell'iniziativa questa; il tuo racconto è dettagliato, mi piace. Figa la cosa di dover indovinare il sesso dello scrittore/trice, io non ne sarei in grado (se ricordi i miei precedenti poi).
    Ti saluto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha vero! Anche se in quel caso si trattava di un'altra cosa un po' più profonda :)
      Comunque non ne sarebbe in grado nessuno, come è stato dimostrato!!

      Moz-

      Elimina