> MOC Goldies - stagione 1, #5

Anche in questo finora tiepido agosto torna l'appuntamento con gli oldies but goldies del Moz O' Clock. Una selezione dei post più significativi della prima stagione del blog (2006-2007) riportati in versione originale con in più una nota attuale che ricorda quei momenti.
Oggi ripropongo uno dei post che sottolinea, tra i primi, il mio essere tremendamente classista.



MARTEDI' 6 MARZO 2007

Il mito dell'America Gloriosa
per le famiglie sottosviluppate d'Italia
rivive nei nomi che due gretti cafoni
possono dare ai figli.
Immaginatevi la coppia-cliché:
lei tozza, tarchiata, porta i pantaloni
sia in senso figurato che letterale.
Letteralmente li porta anche infangati sopra i suoi stivali
di paillettes dorate.
Il marito è il classico ominide intellettuale
più scemo dei suoi pargoli,
la cosa più intelligente che guarda è il
wrestling (e crede pure che sia vero).
I figli, poverini, sono scemi a priori con due
genitori così.
Si chiamano Chevin, Scila, Chelli, Sceron, o Stiven
(molto probabile che siano scritti davvero così sui documenti)
che fra due suonate di fisarmonica, organetti
e mazurke paesane
possono far finta di vivere la loro Beautiful o
la loro Dallas
anche in un paesino arretrato di 20 anime appena
del mezzogiorno, del centro, o del profondo nord.
That's Italy.

NOTA DI MOZ: aspettando il pulman vidi una coppia di genitori che mi ispirò questo post. Evidentemente di bassa società (anche e soprattutto mentale), si trascinavano i due figli come fossero cani (probabilmente per loro doveva essere proprio così). Lei era molto più ruspante del marito, ricordo che chiese al figlio (dal nome esotico) "devi fare la piscia?", gridando la domanda davanti a tutta la piazza attonita.
Sul pulman il padre fece partire una registrazione di una fisarmonica paesana, e i figli cominciarono a ballare sui sedili. Una scena surreale.
La battuta sul wrestling viene da un mio amico che per descrivere la deficienza di una terza persona disse proprio "è il tipo che crede che il wrestling sia vero".
Per inciso, amo il wrestling e mi chiamo Miki. Ora vado a ballare la quadriglia.
Stay Gold!

70 commenti:

  1. "Per inciso, amo il wrestling e mi chiamo Miki. Ora vado a ballare la quadriglia."
    E' probabilmente per gli incisi che ti voglio bene. Tu sei capace di affettare il mondo e poi calarti nell'affettatrice senza neanche dargli una ripulita. Il che ti autorizza a sputtanare tutto e tutti con grazia e (auto)ironia.

    p.s. e comunque, quando il genitore va all'Anagrafe e comunica che il figlio si chiamerà Gionatan, io non ce l'ho col papà, ma con l'anagrafista che non indice all'istante uno sciopero totaleglobale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franchì!!! :D
      Beh, io sono sempre molto autoironico, ma da snob classista so bene che ci sono differenze tra il mio modo di vedere il wrestling (che pure m'esalta: ho preso un dvd delle annate che vedevo da bambino!) e quello in cui lo vede la gente che ho descritto.
      Sì, sono cattivo :)
      L'anagrafista ha la sua parte di colpa :p

      Moz-

      Elimina
  2. Risposte
    1. ... occhio perché quei Chevin e quelle Sceron so' andati a lavora' in Regione...

      Elimina
    2. Ahaha! Più che altro, è l'educazione che avranno ricevuto dai quei genitori così mentalmente plebei a spaventarmi :)

      Moz-

      Elimina
  3. Dalle mie parti tristemente ci sono tante coppie così, abbandonate a se stesse e abbandonate alla vita. Chiamate i servizi sociali, c'è un Giosciua che sta soffrendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha amo i tuoi commenti acidi!! :)

      Moz-

      Elimina
  4. Quando facevo animazione, ho conosciuto un bambino di nome Maykol. Non credo di dover aggiungere altro...

    RispondiElimina
  5. Anche io ho visto bambini su quella scia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono i genitori a preoccuparmi, ma per non sbagliare, ammazziamo tutti XD

      Moz-

      Elimina
  6. Moz, qui non c'entra essere di basso o alto ceto sociale. Credo invece sia una caratteristica generalizzata tipicamente dell'uomo (ma anche della donna) quel senso di superiorità che porta a comportarci in pubblico come se tutti gli altri debbano essere in obbligo verso di noi. Questo implica solo una grossolana e palese mancanza di valori e di sensibilità per i sentimenti degli altri...

    Sono andato bene?

    ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei andato benissimo, anche se mi hai descritto :p
      E' vero che non sono sensibile ai sentimenti altrui (specie in quelli di persone che per me, a istinto, non meritano nulla), però ho i miei valori^^

      Moz-

      Elimina
  7. Ma Moz come facciamo a meravigliarci ancora se un famoso capitano di una squadra di serie A ha dato ad una delle sue foglie il nome di Chanel? Che poi buco della memoria non ricordo il nome dell'altro. Siamo a livelli di grettezza e tamaraggine inenarrabili. Per non parlare delle classi cosidette high che costringono per tutta la vita i propri figli a chiamarsi Oceano. Come diceva mia nonna: si stava meglio quando si stava peggio. Ora vado a preparami per un giro di lisssioooo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oceano?
      Intendi quando fanno gli spiritualistici cambi di nome mettendosi quegli appellativi un po' indù un po' cabalistici un po' naturalistici?
      Ok, pietosi.

      AltaVetta-

      Elimina
    2. Ma quella è la versione italica dal francese Auchan e dall'inglese O' Sean!

      Elimina
    3. Ahaha, vero... il suono è quello :)

      Moz-

      Elimina
    4. Per quella famiglia sarebbe stato piu' opportuno Tipa o Multiplo ahahah

      Elimina
    5. Ahaha, o Marengo o Berlinga :p

      Moz-

      Elimina
  8. Ho scritto foglie invece che figli. Ahahah

    RispondiElimina
  9. Anche le passioni influiscono. I figli di un astrofilo di mia conoscenza si chiamano Shaula lei (sì proprio come l'eroina del mio romanzo... è così che l'ho conosciuta) e Rigel lui. Mi domando se il padre sa che Rigel in arabo significa piede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è un astrofilo rispettabile e comunque intellettualmente alto, allora potrei capire benissimo la cosa e la accetterei.
      Non so se sia questo il caso.
      Ma se fosse un astrofilo da Cioè dell'Astronomia, allora le cose cambiano.
      E non so se sia questo il caso :)

      Betelgeuse-

      Elimina
    2. Non so che dirti... Mai visto né il padre né il fratello. Conosco solo Shaula.

      Elimina
    3. Beh, dai, penso sia comunque una persona coi rigel per terra.

      Moz-

      Elimina
  10. Se trovo chi ha suggerito di chiamarmi Ferruccio? Non sono stati i miei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei l'unico Ferruccio che conosco, e comunque non è certo un nome tamarro :)

      Moz-

      Elimina
    2. Un Ferruccio di mia conoscenza si era cambiato il nome in Ferro. Ma non so se ci abbia proprio guadagnato nel cambio!

      Elimina
    3. Quando qualcuno gli chiedeva gli anni, stava praticamente chiedendogli l'Età del Ferro.

      Moz-

      Elimina
  11. Dare i nomi ai figli è una cosa davvero importanti.
    Da noi uno si chiama Damon... perchè a suo padre piacevano i Blur!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è poi accostare i nomi ai cognomi.
      Ad esempio, io chiamerei mia figlia Phoebe Allison Capuano. Suona bene e non è per niente tamarro. No. :)

      Moz-

      Elimina
  12. Riguardo i nomi, io mi pongo a metà.
    Qui nel sud Italia, fino a qualche decennio fa, si era praticamente " costretti " o comunque era consigliato mettere ai nascituri il nome del nonno / nonna del bimbo, soprattutto se deceduto ( sennò apriti cielo).
    Si venivano così a formare un nugolo di persone nello stesso nucleo familiare che portavano praticamente lo stesso nome.
    Io mi chiamo Raffaele, un nome che nemmeno è comunissimo, eppure tra me e i miei cugini, siamo almeno in cinque a portare questo nome.
    A sto punto ben vengano i Kevin, i Jonathan e le Noemi. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io anche mi chiamo Michele come mio nonno, ma dopotutto è una usanza che non mi pesa (ovviamente però ci sono eccezioni: vedi le nonne Crocifissa, Catena, Bambina, Addolorata e via dicendo)
      W il Sud, comunque!!^^

      Moz-

      Elimina
  13. Mio nonno siculo si chiamava Franco. Per ferrea tradizione il primo nipote avrebbe dovuto portare il suo nome. La mia mamma, che non è sicula, fece buon viso. Ma disse apertamente a tutti che se il suocero si fosse chiamato Calogero o, chessò, Cicciomessere, tutto l'albero genealogico della famiglia avrebbe assistito ad una decisa inversione di tendenza della gaia tradizione.. grande mammina! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia madre, che non è del sud, ignara della tradizione (o meglio dell'obbligo pena la morte :p), voleva chiamarmi Cristiano (un nome perfetto per me, insomma XD).
      Mio nonno, mentre io ancora ero un parassita in attesa di esser cagato da mammà, già festeggiava con la sua combriccola la nascita di Michele Jr. Brindisi, festicciole, cenette. A momenti finiva il mondo quando seppe che per me non era previsto il nome Michele.
      Mia madre accettò di chiamarmi come l'arcangelo più figo e spaccaculo del mondo, ma non è mai riuscita a chiamarmi per intero, e allora mi ha rinominato Miki. E così sono Miki per tutti.
      Calogero sarebbe stato Caly XD

      Moz-

      Elimina
  14. E io che pensavo che l'avesse chiamata Mi'chele perché aveva preso un granchio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, no, no... però devo dire che il mio nome mi piace un sacco!!

      Moz-

      Elimina
    2. Devo dire che è un nome molto carino, come molti dei nomi maschili che finiscono con la E.

      Elimina
    3. Eh, come no, come il mielE ... I nomi in E sono più inusuali, meno scontati di quelli in A per le femminucce (bleah) e in O per i maschietti (ribleah). Ma non so dirle perché. Ci penserò!

      Elimina
    4. Michele dolce come il miele :)

      Moz-

      Elimina
  15. Se c'è una cosa che ammiro in queste famiglie, che sanno un po' di circo equestre, è che a loro, degli altri. proprio non gliene importa nulla e sono le persone più felici del mondo. Dai ci fanno un po' d'invidia......
    Io ho conosciuto un bambino che ora è un uomo sulla quarantina (credo) che si chiama Sandokan. Arrivato all'età della ragione non oso immaginare l'imbarazzo ogni volta che doveva presentarsi. Se uno ti dice che si chiama Sandokan il nostro pensiero va dritto e filato ai genitori. Genitori fulminati!
    Sandy o Kan.... per gli amici!
    Ciao Moz!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felici, forse, è vero. Ma è la felicità che deriva dalla pochezza, non dall'ignoranza giusta.
      No, non riesco a invidiarli...
      Sandokan? Però almeno è originale... spero in un cognome che suoni bene^^

      Moz-

      Elimina
  16. Spe. Addavero ti chiami Miki?
    Naaaaaa, non ti credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michele all'anagrafe, ma mai chiamato Michele da i miei genitori. Ogni tanto mio nonno omonimo mi chiamava Michele, e mi faceva strano XD

      Moz-

      Elimina
  17. Spesso i genitori sono epggio dei figli e tendono a portare i figli stessi verso la loro stessa direzione (in genere la rovina).
    Ad ogni modo, gli elementi che hai citato, suppongo siano stereotipi classici XD
    Anche a me diverte guardare il wrestling (anche se non sono così pirla da crederlo davvero reale: è un divertente balletto di lotta, diciamo così, caratterizzato dall'assioma "vince chi ha più stile") e pure a me piace la quadriglia (come la granparte della musica FOLK, differente per ogni luogo.

    Certo, dare ai figli nomi "particolari" è come maledirli dalla nascita (e ne abbiamo sentiti tanti)


    Ultimo ma non ultimo, le paillettes dorate ce le ho anche io, ma non sugli stivali: sul cappello u_u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che razza di cappello hai?? Oo
      Stasera io sono di folk, per una serata organizzata con la mia associazione... non mi fa impazzire il genere specifico che sentirò stasera (preferisco altro folk) ma tanto starò a cuocere hotdog *___*
      W il wrestling^^

      Moz-

      Elimina
    2. Il cappello non è il mio indumento più preoccupante... Ho gusti stilistici che i più trovano dubbiosi.
      O meglio, "troverebbero" dubbiosi, se non sapessero che sono io.

      Elimina
    3. Che cazzo sei, un freak? XD

      Moz-

      Elimina
  18. Ottima e ironica disamina di un certo italiano,spesso arrichito o che si finge tale,purtroppo come qualcuno insegnava:la classe non è acqua.
    Nel palazzo dove abito,il mio dirimpettaio è tale Mario ,industrialotto del basso Friuli,berlusconiano con una marcata vena fascistoide.Costui ha due figli che purtroppo rispondono ai nomi di Gessica e Gionni,nomi che lui stesso afferma di aver italianizzato in onore della Patria,bisogna essere autarchici,anche nel pensiero,predica sempre e forse beve l'Arzente.
    Ciao Moz
    fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cafone arricchito è un male della società perché ti sfoggia il macchinone da n mila euro e non sa fare la o col bicchiere.
      Mentre il cafone povero è più pittoresco, ma egualmente pericoloso XD

      Moz-

      Elimina
  19. Eheheh, personaggi da film di Verdone! Anche io ho conosciuto dei bambini che si chiamavano Chevin e Maicol ( però mai degli adulti...) però non posso parlare in fatto di nomi bizzarri, anche se il mio mi piace molto :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, questa cosa mi fa riflettere: così come non conosco vecchi coi tatuaggi, non conosco vecchi coi nomi tipo Chimberli XD
      Ma arriverà anche questa generazione Beautiful :)

      Moz-

      Elimina
  20. Questo post è una perla, davvero. E' completamente vero, di gente del genere ne conosco tantissima e ogni volta che li guardo penso che sto scrivendo un libro per forse un terzo della popolazione italiana, perché gli altri due terzi non sanno nemmeno cos'è un libro D: Per quando riguarda i nomi hai ragione, io conosco una ragazza che si chiama Sciaron e ho detto tutto! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quel nome era un omaggio a My Sharona, sicuramente. I genitori si erano conosciuti con quella in sottofondo.

      Elimina
    2. @Anto:
      Sciaron è micidiale...! :D
      In ogni caso, in Italia si sa che si legge poco... sai che forse penso proprio che la classe intellettuale più alta è quella dove si legge? XD

      @Silver:
      ahah, può anche darsi, eh^^

      Moz-

      Elimina
  21. Moz un post stupendo, mi ha fatto troppo sorridere.
    L'idea di rispolverare vecchi post, come già detto, è geniale, tornano alla luce vere e proprie perle!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giuseppe, grazie mille! Contento che apprezzi questa rubrica :)
      Io mi diverto molto a leggere i vecchi post, ero immaturo ma forse un po' più stronzo XD

      Moz-

      Elimina
  22. Grazie Moz, mi hai fatto ridere e oggi ne avevo proprio bisogno :-)
    TVB.

    RispondiElimina
  23. Adesso vediamo la foto mentre balli la quadriglia vero ?
    Guarda a prendere un autobus quante cose si imparano!!
    Eri già un mito da piccolo ahah
    Buona domenica
    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, in realtà quella della quadriglia era una citazione da un telefilm :)
      Da piccolo? Sono passati solo... sette anni!! :p

      Moz-

      Elimina
  24. ....Ci sono delle quadriglie fantastiche ti informo subito caro Mozzino mio...dimmi dove la fanno che mi unisco...
    Cosa posso aggiungere alla tamarrata che ci hai proposto..
    Hai detto tutto tu!
    Quadrigliamoci ...via!::::))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, vi siete fissati con la quadriglia, adesso? XD
      Un superMozAbbraccio!!

      Moz-

      Elimina
  25. Dando ripetizioni a casa di altri noti che molti ragionano tipo "a casa mia mi comporto come mi pare". Verissimo, tranne quando ci sono estranei (io) in casa. E ti rendi veramente conto che la gente è incapace di guardarsi dall'esterno e di rendersi conto di che figure si facciano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ami tutto questo? Io sì.

      Moz-

      Elimina
    2. In effetti è un interessante studio sociopsicologico. ;)

      Elimina
    3. Amo gli inferiori :p

      Moz-

      Elimina