> il valore della lettura: fumetti



Giusto una settimana fa abbiamo ampiamente discusso di lettura e scrittura, in un post che ha acceso davvero ottimi dibattiti.
Lì parlavo anche del fumetto: spesso considerato letteratura di serie B, viene paradossalmente snobbato da molti lettori e scrittori, che forse credono -ingiustamente- esista un solo e unico modo di leggere e scrivere.
Per non parlare degli ambienti scolastici, dove questa arte è praticamente messa al bando e -con la spocchia degli accademici- persino condannata o ridotta a lettura bassa per menti di altrettanta poca levatura.
Certo, esistono diversi tipi di fumetto, così come anche fumetti di ogni qualità.
E oggi ne parlo in un guest-post per Cervello Bacato: vi invito quindi a cliccare QUI!
Stay Mixed!

103 commenti:

  1. Che meraviglia essere per una volta la prima a passare per il tuo blog e andare in quello di Cervello Bacato! Ti adoro, Moz :) e vado ovviamente a lasciare tracce di me anche da lui...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai fregato Franco nella gara!! :D
      Un bacione, cara Gloria!!

      Moz-

      Elimina
  2. Oh bene! Bravo! difendiamo 'sti poveri fumetti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per forza... oggi sono addirittura preda di una categoria più pericolosa dei letterati tromboni: quella dei radical chic, che li riscoprono e ci si fanno i fighi.
      A morte tutti :)

      Moz-

      Elimina
  3. Già fatto e già commentato. :-)

    RispondiElimina
  4. Risposte
    1. Ma MAGARI!! Quanto vorrei che si tornasse a quell'epoca (hai visto che l'ho omaggiata nella foto, con Biancaneve?^^)

      Moz-

      Elimina
    2. io comunque anche sui fumetti porno voto per i più spinti

      Elimina
    3. Ma tu sei un maiale XD

      Moz-

      Elimina
    4. Tipo tipo? Valentina di Crepax?

      Io a parte qualche edizione digitale scaricata per sbaglio non ne ho mai letto uno in vita mia...

      Elimina
    5. Valentina però è sensuale, non porno XD

      Moz-

      Elimina
  5. Ho commentato, però mi sono dimenticata di citare altri fumetti, come Adventure Time, Keroro e anche Prezzemolo xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corro a leggere!
      Io di questi tre che citi qui conosco solo Keroro, e forse Prezzemolo l'ho letto perché me lo ritrovai in qualche casa con bambini dell'epoca^^

      Moz-

      Elimina
    2. io di Keroro ho solo il 5, fa morire dal ridere, lo so ancora a memoria e adoro la gayezza di Tamama xD LOL
      dovrei recuperare gli altri volumetti ;)
      di Prezzemolo me ne rimane solo uno del luglio 1997 in Sicilia. è per colpa del personaggio Musli, il topo viola, che quando penso al Molise penso a Musli xDDD

      Elimina
    3. Non conosco i personaggi di Prezzemolo, ma capisco perfettamente le associazioni mentali che, specie da bambini/ragazzini, possono sorgere!
      Di Keroro credo di aver letto gran parte di ciò che è uscito in Italia, in realtà amavo il cartoon. Il mio preferito è ovviamente Kururu^^

      Moz-

      Elimina
    4. già, e Musli mi faceva anche pensare al muesli (un cereale da colazione) xD
      Peccato che quel numero di Prezzemolo ce l'abbia in Sicilia dai miei nonni, sennò lo potrei mostrare a tutti volentieri
      Mai stata a Gardaland, a Mirabilandia però sì...
      a te piaceva il gelato Prezzemolo? A me quello classico piaceva tanto, quello al cioccolato...no
      Keroro lo recupererò prima o poi, se ti va guarda questo blog, la ragazza che lo amministra è fissatissima con quelle ranocchie: extraordinarycircus.tumblr.com
      Però mi sono dimenticata di dirti che ho anche letto i Peanuts, Calvin e Hobbes, Garfield e anche alcuni fumetti minori come "la bambina filosofica"(copia sbiadita di Mafalda, a mio avviso).

      Elimina
    5. Sì, ho mangiato diverse volte il Prezzemolo, e sono anche stato a Gardaland ma quando Prezzemolo ancora non esisteva... e quando Gardaland era il set della sigla di Bim Bum Bam!! :D
      La bambina filosofica? Ahaha, dev'essere davvero un clone di Mafalda!

      Moz-

      Elimina
  6. Se dovessi cominciare dai miei inizi ti parlerei dei fumetti Marvel e di quelli Lanciostory compagni della mia infanzia e adolescenza. Io innamorata di X-Men e di Superman, passando per Capitan America e i Fantastici Quattro. La maggior parte delle paghette settimanali finivano in loro compagnia o comprando bustine di figurine.
    Devo a Lanciostory, la scoperta del più bel fumetto di tutti i tempi: L'Eternauta.
    Di cui dopo molti anni sono riuscita ad avere la serie completa rilegata, grazie ad un uscita successiva da collezionista.
    Ho proseguito con Bonelli. E passare da Dylan Dog a Dampyr è stato breve e facile.
    Ho pure avuto la fortuna di avere un compagno di vita appassionato come me. Colleziona Tex da sempre. E l'avventura fumettistica la proseguiamo insieme.
    Consigli sulle ultime uscite?
    Saguaro e Lukas.
    Abbraccio Miki.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ops... vado a commentare anche di là.

      Elimina
    2. Anche io ho tutto L'Eternauta (in edizione economica, però), davvero un gran fumetto.
      Vedo che sei appassionatissima, mi fa piacere.
      Le mie opere preferite, per cui ho una sorta di venerazione, sono Diabolik e Berserk (da cui deriva anche il mio nickname).
      Saguaro e Lukas li conosco ma non li ho mai letti, per ora di nuovo sto collezionando il mio amato He-Man (altro brand che venero)^^

      Moz-

      Elimina
    3. Io volevo essere Eva Kant :-)

      Elimina
    4. E' una donna che sposerei immediatamente. Il prototipo di un femminismo elegante e non volgarmente ostentato. E' una donna di altissima classe.

      Moz-

      Elimina
  7. stavolta il messaggio subliminale forse è più complesso, il 666 è formato dai numeri delle tre riviste affiancate e unite dal simbolo del tuo cagnolino a cartoon. indovinato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O__O
      Ma come hai fatto??
      Sì, è vero: ho scelto i numeri 6 sia di He-Man, sia di Batman, sia di Preacher.

      Moz-

      Elimina
    2. :O Io pensavo si limitasse al tuo simbolo, la mia vista non tira nemmeno fino ai numeri degli albi. Crazy!!!

      Elimina
    3. Io confermo, la scelta dei volumi 6 6 6 era voluta.
      E li ho "legati" dalla faccia di Sherby (che è un volpino, caro Pool!)^^

      Moz-

      Elimina
  8. scrivo quello che ho scritto dall'altra parte: sono nato con i fumetti. Da bambino e da ragazzino mi consumavano la misera paghetta che ricevevo. Ho imparato a leggere molto presto grazie a loro e non solo per le figure

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, anche io ho imparato a leggere coi fumetti.
      I fumetti dei Lego Fabuland sulla rivista Più e quelli dei Masters of the Universe presenti nello stesso magazine o nei minicomics allegati alle action figures :)

      Moz-

      Elimina
  9. Forse ho trovato il modo di commentare anche da smartphone!
    Ah, il commento al post l'ho lasciato di là! ;-)

    RispondiElimina
  10. Io cerco ancora le strisce B.C. di Johnny Hart... ma Diabolik mai.. troppo scemo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha perché troppo scemo? E' di una eleganza retrò molto chic :)

      Moz-

      Elimina
  11. È un peccato che vengano considerati di srrie B, perché molte persone ricordano Tex, Diabolik e Dylan Dog insieme a Cuore o al Giornalino di Gian Burrasca come parte della loro infanzia! :) io leggevo e leggo I Peanuts di mio padre ed ero pazza di Lupo Alberto e dei manga! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non ho mai fatto distinzione tra le letture. Nella mia libreria convivono fumetti, romanzi, saggi, riviste e giornali :)

      Moz-

      Elimina
  12. Ciao Moz, mo' tu mi dovresti spiegare 'na cosa. Io ho letto un po' di commenti di là, da Cervello e di qua, da te. Ebbene, ce ne fosse uno, uno solo, che abbia parlato male dei fumetti... ma 'nzomma, io cu chi me l'aggia piglià!?

    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh... dai, meno male, Sal! Almeno siamo un po' tutti d'accordo^^

      Moz-

      Elimina
    2. lo faccio dai :P
      alcuni hanno la carta troppo patinata O_o
      contenti?

      Elimina
    3. Eh, ma mica ce 'a putimmo piglià cu' 'na bella guagliona...

      ^-^

      Elimina
    4. Sarebbe una sfida tutta partenopea, tra l'altro^^

      Moz-

      Elimina
  13. ed io che li sto scoprendo solo ora? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta che non sei una radical chic che li scopre per moda... va benissimo :D

      Moz-

      Elimina
  14. Il serie B è relativo: giusto i professori falliti nella vita e spietati nelle votazioni li ritengono serie B, i pareri dei personaggi con un certo peso contano davvero. La maggior parte del cinema e delle serie tv di puro intrattenimento, e anche i cartoni animati sono scopiazzati da fumetti. Il fatto che alcuni lettori preferiscano leggere un libro immaginando le figure da sé invece di contemplare le vignette, è del tutto soggettivo e per nulla incriminabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti, la vedo come te. Sono letture diverse, ma sempre letture. Non capisco dove sia la bassa qualità a prescindere, in un fumetto.
      Valli a capire i frustrati.

      Moz-

      Elimina
  15. Io non li trovo di serie B, semplicemente non mi attira come genere. Ho letto qualche fumetto e mi ha annoiato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbé, questo è un altro conto. Nemmeno a me, ad esempio, piacciono determinate cose^^

      Moz-

      Elimina
  16. Sempre grazie a te, Miki, son riuscito ad apprezzare la magia del fumetto. ;)

    Ora passo da Cervello per fare il culo agli snob del fumetto. ^^

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho letto di là, spero che il mio articolo ti sia piaciuto^^

      Moz-

      Elimina
  17. Sono d'accordo alcuni fumetti sono delle vere e proprie opere d'arte.Molti di quelli che appaiono sul tuo collage di copertine li ho letti..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, essendo quel "collage" in realtà la foto di alcuni dei fumetti che sono attualmente nella mia cameretta, significa che abbiamo in parte gli stessi gusti! :D

      Moz-

      Elimina
  18. I fumetti non sono un'arte. Sono la fusione di due arti complesse: la scrittura in prima persona e la fotografia.
    Le didascalie aiutano ma sono "relative". La vera arte sta nel fondere parole ed immagini in un'unica magia speciale che prende vita in ogni singola vignetta.

    Copierò ed incollerò lo stesso commento anche le post da te indicato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero: come ti ho scritto anche di là nel mio articolo da Cervello Bacato, il fumetto unisce varie arti... :)

      Moz-

      Elimina
  19. Ho letto e commentato 'in loco'! :D
    Ciao SuperMoz!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessia, ti ho letto di là^^

      Moz-

      Elimina
  20. Ciao MOZ
    non sono un appassionato di Fumetti ma ultimamente mi è venuta voglia di leggere i Peanuts e così ho comprato su ebay la raccolta di tutti i fumetti... dal 1960 agli ultimi
    che meraviglia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammazza... sei andato già sul top del top!! :)

      Moz-

      Elimina
  21. Ho letto entrambi i post... siete stati molto bravi!
    Ora che ci penso io ho avuto alle elementari una maestra che non ha soffocato la mia passione per i fumetti.
    Ricordo che un giorno ci parlò dell'importanza della lettura, ci diede il compito di scegliere un libro da casa e leggerlo.
    Chiesi se potevo portare un fumetto (se non erro era Paperramses).
    Ricordo la risposta: "Certo che puoi! I fumetti aiutano la tua immaginazione. Ma ti consiglio di leggere anche altre cose, così imparerai a conoscere. Fai questo esercizio: alterna un bel fumetto ad un libro. Vedrai che non te ne pentirai!"

    La cosa ha funzionato :D
    Molte persone dovrebbero essere come quella maestra, non si è limitata nel dire: "I fumetti sono cazzate, leggi i libri!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema sai qual è? Che nessuno dice mai "ma ti consiglio di leggere altre cose oltre ai libri, tipo i fumetti!" :)
      Forse perché già la gente legge poco? Chissà... eppure i fumetti aiuterebbero!!

      Moz-

      Elimina
    2. sono d'accordo con voi, ragazzi! La tua maestra è una grande Marco, il mio prof del liceo mi odiava e odiava i fumetti, in un tema in cui dicevo che mi piaceva leggerli mi diede 6 e mezzo (dava i voti ad personam, e il tema era un saggio sul piacere della lettura) e poi una volta dal nulla sparava boiate come "fumetti a puro uso e consumo" (?!?!?) oppure dal nulla disse sempre che Disney era nazista (io non so se sia una diceria o sia vero, però questo non va a minare le cose belle che comunque ha fatto).
      La cosa assurda è che sono andata a vedere Pastrovicchio, e lui aveva accompagnato i suoi figli, che erano in fila dietro di me.
      Niente parole. O_O

      Elimina
    3. Eheh, che bello! Un incontro ravvicinato!
      Comunque, che brutta cosa che un prof di materie umanistiche dica cose del genere. Cose da mentalità chiusa, non certo elastica, aperta e di ampi orizzonti come l'umanismo richiede.
      Su Disney se ne dicono tante, dal massone al razzista ecc... io mi godo le cose che ha creato e che mi piacciono :)

      Moz-

      Elimina
    4. già...ho anche il suo autografo all'inizio della storia Trauma su PK il mito 5
      Quel prof era un tipo strano, meglio non scavare troppo profondamente...anche la tipa di cui ho raccontato nel post nominato "........" (quello un po' incasinato) non amava i fumetti e se ne usciva con sparate come: "Eh, ma quando era arrivato Ducktales ero troppo grande" (che palle questa cosa dell'essere troppo grandi per una serie, è uno schiaffo in faccia agli autori) e altre come "Alvin ha storie che posso seguire anche i bambini dell'asilo"(è ovvio che i bambini dell'asilo guardano i cartoni, basta che una cosa sia animata per attirare la loro attenzione...ma le trame di Alvin sono pensate per un pubblico di bambini grandi (e poi non è affatto un cartone melenso e buonista, anzi, c'è un episodio dove i Chipmunks fanno cadere il muro di Berlino, ma in realtà hanno sognato tutto e il muro di Berlino è ancora lì che incombe) e diceva anche cose come: "Ti consiglio di staccarti da Alvin"...scusa, ma se una serie mi piace e la trovo appassionante, saranno affari miei? Ah, e poi c'era un DVD con tre cartoni di cui non le fregava niente (poteva dirmelo prima, dato che si era dimostrata interessata) e non me li ha più restituiti.
      Riguardo a Disney la penso come te, ti dico, alcuni suoi cartoni avevano elementi razzisti perchè l'America di quei tempi ahimè era razzista (e anche omofoba), se è massone onestamente e stranamente non mi importa molto (forse perchè non conosco bene la massoneria o perchè le cospirazioni relative ad essa mi sembrano campate in aria) xD, mentre so che aveva spedito dei cartoni ad Hitler (il fuhrer adorava Biancaneve) e aveva ospitato un nazista negli studios. Non penso che Disney sia sessista, dato che aveva assunto la disegnatrice Mary Blair e una volta rispose, all'ufficio stampa delle strisce quotidiane che aveva detto "Ma Disney, non mettere i coccodrilli nelle storie, le donne e i bambini potrebbero spaventarsi", "pffff...che vadano al diavolo. La storia è nostra e ci mettiamo quello che vogliamo" ;)

      Elimina
    5. Ammazza quanto hai scritto! :D
      La storia dell'essere grandi per qualcosa, e si tratta di qualcosa non per neonati, è tristissima. Di solito è gente che reprime il lato giocoso, ed è gente pericolosa, per me.
      Quanto alla Disney dell'epoca, ma anche a tutte le altre case di produzione... è solo perché erano altri tempi, Hollywood era diversa perché i tempi erano diversi. Nulla di preoccupante, anzi odio le censure odierne ai cartoni dell'epoca.

      Moz-

      Elimina
  22. Ho letto entrambi i post e non posso che unirmi al coro di complimenti.

    (Io STRAVEDO per Rat-Man)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, ciao Mar, thanks!! Contento che i miei post ti siano piaciuti... e w Rat-Man (che perà prima mi piaceva di più^^)

      Moz-

      Elimina
  23. Io credo di avere imparato a scrivere proprio leggendo i fumetti. E poi aprono anche il cervello alla fantasia! Ciao bello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sicuramente ho imparato a leggere, coi fumetti.
      Pertanto mi sono rimasti dentro, come parte di me!
      Ciao bad-boy!^^

      Moz-

      Elimina
  24. Il fumetto qui da noi viene sempre denigrato. Credo ameresti Bruxelles per la sua cultura del fumetto! :)
    p.s. sono passata da Cervello! Bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, infatti era proprio il commento che ti lasciai...e pensare che noi in Italia abbiamo i maestri di quest'arte (e di tutte le arti possibili, ovviamente), solo che non li valorizziamo. Fossimi in america, sarebbero sorti financo parchi tematici su Diabolik e Tex!

      Moz-

      Elimina
  25. Io non sono una grandissima fruitrice di fumetti..per anni ho letto Topolino, lo bevevo..lo leggevo tutto d'un fiato..
    Buona serata Micki
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Topolino, quando capita, lo leggo ancora... ed è sempre una piacevolissima lettura^^
      Buona serata a te! :)

      Moz-

      Elimina
  26. in soffitta penso di avere 700 copie tra dieci anni di abbonamenti a "il giornalino" e 4 a Topolino... mi ricordo che quando ero piccola, tipo 8 anni, la domenica i cartoni animati non c'erano, il videoregistratore ancora non ce l'avevamo, ma avevo "il giornalino".... allora lo prendevo, lo mettevo davanti la televisione (con le strisce rivolte verso chi guardava) e facevo finta che era il cartone animato che in realtà non c'era! (ovviamente le giravo le pagine, non guardavo sempre la stessa!) ne è passato un po' di tempo prima di capire che preferivo un buon libro o un fumetto alla tv! da adolescente mi sono comprata qualche numero di Inuyasha, perchè seguivo l'anime... però poi andava troppo alla lunga... e ho lasciato perdere... chissà se la sfera dei quattro spiriti alla fine è tornata integra?!!? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ma davvero facevi i cartoon così?? :D
      Su Inuyasha non so che dirti perché, tranne i primi volumetti, ho lasciato perdere (e cartoon mai visto)^^

      Moz-

      Elimina
  27. Da lettrice molto selettiva di fumetti e graphic novel assicuro nero su bianco tutto quello che tu e Cervello Bacato avete detto: pensa che figata se li insegnassero a scuola, che mondo si aprirebbe per i ragazzi!
    Così non sarebbero costretti a leggerli di nascosto come abbiamo dovuto fare noi :-)
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, di nascosto mai... anzi! A casa, poi, i fumetti ci sono sempre stati.
      Introdurli a scuola sarebbe una cosa rivoluzionaria che avvicinerebbe tanti ragazzi alla lettura e secondo me anche alla scrittura e al disegno :)

      Moz-

      Elimina
  28. senza dubbio il fumetto e'arte...ovvio non tutti come in tutti i campi occorre fare delle distinzioni... io leggo da sempre dylan dog e a parte l altissima qualita'dei disegni contiene citazioni filosifiche letterarie cinematografiche storiche... Se non e'arte questa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dylan Dog ho ripreso a leggerlo anche io, da qualche annetto, dopo diverso tempo in cui l'avevo lasciato perdere. Da piccolo, sai che odiavo proprio l'ostentazione della cultura da parte del fumetto Dylan Dog? Anche oggi, quando mi imbatto in vecchi albi dove c'è un asterisco su "antiemetico" che rimanda al box con scritto "farmaco per prevenire il vomito" mi fa sentire un po' coglione e preso in giro XD
      Comunque, grandissimo fumetto e soprattutto corri a comperare l'albo uscito ieri: è bellissimo.

      Moz-

      Elimina
  29. ahah!si'in effetti l asterisco con il significato di un vocabolo considerato difficile puo'risultare fastidioso pero'pensa a quei lettori che veramente non ne conoscono il significato...hanno la possibilta'di arricchire le loro conoscenze...una motivazione in piu'per far conoscere i fumetti anche nelle scuole, si puo'imparare anche dalla loro lettura
    Grazie per il suggerimento andro'a comprare il nuovo numero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, io penso che per scoprire il significato di parole che non si conoscono... è sempre disponibile il vocabolario! Di Dylan Dog apprezzo le citazioni "colte" quando non sono ostentate, ecco.
      Per il resto, credo che se ci fossero delle retrospettive in appendice, magari create appositamente, davvero si potrebbe portare a scuola il fumetto. Aprendo a mille altre materie :)

      Moz-

      Elimina
  30. hai ragione senza ombra di dubbio il vocabolario e'uno strumento indispensabile per la conoscenza della lingua...io parlo da aspirante insegnante di lettere, mi e'capitato di fare supplenze e ripetizioni e purtroppo molti ragazzi non sanno nemmeno consultare un vocabolario...sembra impossibile, ma e'cosi'!per questo se la lettura di un fumetto offre la possibilita'di apprendere dei significati ben venga!
    Scusa se mi sono dilungata :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa di che?? Anzi, grazie! Apprezzo molto gli scambi di battute!
      Ti dico una cosa: ho constatato proprio nei giorni scorsi che i ragazzi attuali NON SANNO USARE IL DIZIONARIO. Riducono sempre tutto ad una ricerca su internet, che sarà anche più veloce e di certo non sbagliato come metodo (ormai anche io, vivendo col pc acceso, consulto i dizionari online)... ma toglie il senso della consultazione in sé.

      Moz-

      Elimina
  31. A me sembrava che ultimamente i fumetti fossero diventati più di moda... e anche un po' hipster :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E infatti è proprio così: gente da mettere al muro.
      Magari a guadagnarci, però, è il fumetto stesso... sdoganato (fino alla prossima moda di questi poverini)

      Moz-

      Elimina
  32. Per un periodo ne ho collezionati, soprattutto manga, effettivamente ho una buona collezione che mi ricorda un periodo lontano e spensierato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, continua a collezionare! Magari prolunghi quel periodo spensierato^^

      Moz-

      Elimina
  33. Non sapendo ho commentato dal Cervello... Bravo (^^^)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vado a leggere lì allora, thanks^^

      Moz-

      Elimina
  34. sono cresciuta con i fumetti a cui hanno seguito e si sono alternati i libri, ma alcuni di quelli che avete citato proprio non li conosco forse hanno una storia più recente o sono fuori dalla mia portata, per quanto riguarda il discorso scolastico, mi ricordo che al 4° ginnasio a mia figlia il prof. di Italiano gli consigliò "Julia" di Giancarlo Berardi e poi una serie di manga ma lei dopo averli letti è rimasta innamorata dei libri (copio e posto da cervello bacato) buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un professore illuminato, senza dubbio.
      Pensa, ho un'amica prof che ama Julia... chissà, sarà il fumetto dei docenti^^

      Moz-

      Elimina
  35. Ho letto ,e come sempre ho sostenuto il tutto, ma in verità l'accoppiata è vincente , perchè come ho già commentato , vi avrei dato ragione su qualunque cosa..
    La simpatia e l'empatia..vince su tutto..
    Perdonate!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, addirittura una fan a prescindere ;)
      Superbacio, Nellina!

      Moz-

      Elimina
  36. Minnie ed Holly Hobbies quando ero una ragazzina...
    oggi Topolino e i Grandi Classici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Holly Hobbies!!! Ahahaha che mi hai ricordato! :)

      Moz-

      Elimina
  37. Ammetto di non aver mai sbandierato ai quattro venti la mia passione per alcuni fumetti, proprio per evitare di sentirmi "meno intelligente" di gente che "legge veramente".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I poco intelligenti sono proprio questi ultimi, che credono che il "leggere veramente" riguardi romanzi (magari dalle 500 pagine in su)

      Moz-

      Elimina
  38. Bel guest post, ho commentato di là (come voce fuori dal coro, naturalmente!). :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, corro a leggere!! :)
      Grazie, grazia :D

      Moz-

      Elimina
  39. Sì, lo so sono in ritardo...però volevo dirtelo...ho amato ed amo i fumetti.
    Bacissimi.

    RispondiElimina