> chiudi gli occhi e guarda



Avevo un debito d'onore con Zio Scriba, al secolo Nicola Pezzoli.
Eran due anni che gli promettevo di leggere il suo romanzo Quattro soli a motore.

Ma, davvero, ogni volta che capitavo in qualche libreria non riuscivo a trovarlo. E non sono tipo da leggere estratti, e-book, ordinare online e cagate varie.
Così, quando qualche sera fa in un bar-libreria mi son ritrovato davanti una sua opera, ho saldato il debito sorseggiando il mio chinotto.

E, voglio dire, stavo per acquistare un saggio su David Lynch. Per farvi capire quanto ci tenga a mantenere la parola data.
Non me ne sono pentito assolutamente.
Mi ha stupito come Nicola Pezzoli abbia un modo di raccontare molto simile al mio. Certo, è molto più bravo e ha uno stile diverso, ma il suo romanzo è leggero, divertente, arguto e deliziosamente pop.
E' un pezzettino della vita di Corradino, il dodicenne protagonista di questo Chiudi gli occhi e guarda, già dal titolo un simpatico cortocircuito metaforico dedicato alla scoperta di sé.
Una vacanza estiva, luglio 1979. Ci sono i profumi e i gelati, ci sono i giochi sulla battigia e i fumetti. Romanzi, cassetti segreti, le prime cotte e le vaghe pulsioni sessuali che rendono quest'età un'avventura, un passaggio definitivo verso un mondo sommerso (l'io) da esplorare confusamente (e non è un caso che il tutto si svolga in una località marina).

Qualche settimana al mare e gli scenari e i personaggi cambiano continuamente. Compagni di giochi, zii ciechi, cugine speciali e la fauna umana degli ombrelloni.
C'è tutto ciò che ci si aspetterebbe da una vacanza al mare, ma l'autore è bravo a non far cadere chi legge in quell'odiosa sensazione che si prova guardando le fiction a tema scolastico, con un'unica classe dove succede ciò che in realtà avverrebbe in dieci scuole diverse. Sì, a Corradino accade di tutto e di più, ma sono cose quotidiane e normali, eppure speciali, e non ne esci incredulo.

Lo stile è sciolto, ritmato, con una storia incalzante che colpisce dalle prime righe ma che più si va avanti più si libera, e lo fa ancora e ancora, pagina dopo pagina, fino al finale.
Una storia dolce e sincera.
I brevi capitoli del romanzo sembrano quasi episodi a se stanti, uniti da una ricca linea orizzontale. La narrazione è affidata al protagonista, coi suoi pensieri e i suoi commenti divertenti, a volte retorici come ci si aspetterebbe da un dodicenne.
Un romanzo che consiglio vivamente a chiunque, perché tutti siamo differenti e confusi, alla continua ricerca d'amore, proprio come Corradino.
E intanto lo zio Nick si candida a essere il mio scrittore italiano contemporaneo preferito.

88 commenti:

  1. Mannaggia mi hai preceduto, giovane, veloce e con il barretto vicino che vende libri. Che culo che ha certa gente ;)
    Consiglio vivamente anche i due romanzi precedenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho trovato abbastanza presto, in effetti :)
      Sì, ora la mia missione è recuperare i due precedenti :)

      Moz-

      Elimina
    2. Quattro soli a motore ti piacerà, vedrai. E io non vedo l'ora che arrivi Chiudi gli occhi e guarda (sono una da acquisti on-line :-) ). Stefania

      Elimina
    3. Stefania ciao! Benvenuta :)
      Non riesco a risalire a un tuo profilo o blog... ne hai uno?^^
      Comunque, lo sto per ordinare... direttamente alla fonte :)

      Moz-

      Elimina
  2. finalmente sono tornati i messaggi nascosti!!!! Beccato il SEX nella foto!!!! :-)

    RispondiElimina
  3. Mi ha ricordato "Hamburger e miracoli sulla riva di Shell Beach", però è al femminile...
    Che risate..
    Mai sentito di questo autore, mi documenterò ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo avrai incrociato qui o sulla blogosfera, perché è un blogger molto attivo^^

      Moz-

      Elimina
  4. Non so dirti se avrò l'opportunità di leggerlo, ma intanto mi visito il blog di Zio Scriba.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sbagli, perché è un ottimo blogger (oltre che scrittore)^^

      Moz-

      Elimina
  5. Pur risiedendo in una "grande metropoli" non l'ho trovato al volo, il nuovo romanzo di uno dei "più grandi artisti contemporanei che la nostra letteratura possa vantare" (zio, poi ti mando regolare fattura a casa.. ). Ma è questione di ore. E buona lettura a tutti.. immancabile del resto.. dopo cotanta passionale rece.. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono stato fortunato, l'ho trovato prima del previsto e me lo sono pappato con assoluta calma... poi lo sprint finale l'ho dato in questi giorni senza luce né internet, a lume di candela :)

      Moz-

      Elimina
  6. Non so quanto ti ha dato Zio ma dev'essere una grossa cifra... Scherzo, sarà forse che sono un po' invidioso, però hai fatto davvero una bella presentazione. Evidentemente vale chiudere gli occhi e leggere Neo.

    ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne vale davvero la pena, Sal!
      E' una storia semplice, veloce, arguta :)

      Moz-

      Elimina
  7. Questo è uno di quei romanzi che potrei leggere in e-book, visto che l'argomento infanzia e percorso di crescita e scoperta sono temi a me molto cari.
    Il problema è che ho troppi libri sottomano ed in lista al momento, ma mo' me lo segno. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo si legge velocemente, perché ha uno stile e un ritmo fresco ;)
      E poi è tutto italiano, e poi è firmato blogger ;)

      Moz-

      Elimina
  8. Segnato... lo prendo, lo prendo. Miki mi hai convinto. Baci, opss!!! Dai prendili sono una nonna! Baci baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, io prendo tutto, baci e baci perugina!^^
      Un abbraccione :)

      Moz-

      Elimina
  9. Mi son sempre fidato dei tuoi gusti, quindi prima o poi comprerò questo romanzo... da scrittore esordiente non posso farmelo scappare. :)

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conoscendoti, credo ti piacerà :)

      Moz-

      Elimina
  10. Ho sentito parlare benissimo del primo romanzo dello zio, quattro soli a motori.
    Anche io, come te, sono indietro di una tacca (ho avuto il kindle solo a natale) quindi partirò da questo.
    Dicono tutti che "zio scriba" (scusate, ma nel mondo dei blogger lo conosco così) sia veramente bravo, e colui che mi ha detto questo non è uno che dispensa lodi a casaccio. Quindi lo leggerò volentieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello, da come ho capito, è il secondo romanzo.
      In ogni caso, io proprio non ho kindle e cose varie, non credo sia una delle cose che userei, non adesso almeno.
      Confermo anche io che lo Zio è bravissimo ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Appunto, questo è il terzo.
      Quattro soli, citato da Chiara, è il secondo^^

      Moz-

      Elimina
    3. Già proprio il terzo. il primo se non sbaglio era "Tutta colpa di Tondelli". Io non faccio recensioni nè gara a chi le scrive prima ma leggo i libri di Pezzoli... Ihihihihih

      Elimina
    4. Per quanto non faccio gare, pensa tu che recupererò con anni di ritardo sul mondo gli altri due^^

      Moz-

      Elimina
  11. È già nella wishlist, non ti preoccupare!

    RispondiElimina
  12. Praticamente un libro su un altro Moz :) anche l'età è quella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, sarà che mi è piaciuto molto anche per questo motivo^^

      Moz-

      Elimina
  13. conosco zio scriba, leggo il suo blog e ho letto il suo romanzo " quattro soli a motori" per me non è una scoperta, a suo tempo mi fu consigliato dall' Alligatore e ho profonda stima di lui, per questo non lo molesto con i mie commenti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello purtroppo non l'ho letto, ma devo rimediare al più presto.
      Questo non ti deluderà :)
      Zio Scriba avrà piacere dei commenti, altro che molestie^^

      Moz-

      Elimina
    2. allora diciamo che con lui, ho delle mie timidezze, mi capita con alcuni blogger che pure leggo :)

      Elimina
    3. Se può rassicurarti, posso dirti che è davvero alla mano, è una persona normalissima XD

      Moz-

      Elimina
  14. non commento quasi mai Scriba, ma solo perché trovo direi parole piuttosto banali, lo trovo un bravissimo blogger davvero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non fatevi tutti questi problemi, lui è una persona umilissima!! XD

      Moz-

      Elimina
  15. Conosco Nicola da molto tempo. Ho letto tutti i suoi libri e recensito a suo tempo Quattro Soli a Motore. Lo stimo come autore e gli voglio molto bene come amico di blog. Leggerò con piacere il suo libro come è successo con gli altri. Non penso ci sia una gara a chi lo legge per primo vero? Un abbraccio Moz!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è una gara, ma credo di essere stato davvero uno dei primissimi ad aver acquistato il romanzo, otto giorni fa... e non me ne sono pentito!
      E ora devo recuperare gli altri, cazzarola :D

      Moz-

      Elimina
    2. @ Moz - Se nella tua città c'è una biblioteca rifornita lo troverai sicuramente.

      Elimina
    3. Non vivo in città, purtroppo (e per fortuna), e appunto finora non sono mai riuscito a trovare Quattro soli a motore...

      Moz-

      Elimina
    4. Meno male cominciavo a preoccuparmi. A Milano non si trova da nessuna parte, oggi ho fatto il giro di numerose librerie e catene. Stasera me lo ordino in internet ;)

      Elimina
    5. Non so come sia la distribuzione, ho visto che la casa editrice è abruzzese, forse anche per questo motivo l'ho trovato con facilità.

      Moz-

      Elimina
    6. Il bello è che i Nei hanno il più grande distributore nazionale (pde), ma purtroppo nel nostro paese vige una triste regola che vale anche per molti librai: non tutti sanno fare bene, e con passione, il proprio mestiere. Un libraio che si rispetti dovrebbe COME MINIMO poterlo ordinare nel giro di due o tre giorni, dalle Dolomiti alla Valle dei Templi. Ma si sa, è più facile e remunerativo smerciare all'ingrosso le (1)50 flatulenze vaginali... Poi fra qualche anno molti chiuderanno bottega per colpa degli ebook, e si metteranno a piangere... :D

      Elimina
    7. Eh, purtroppo la situazione è questa. E non vedo possibili migliorie all'orizzonte, anche perché come dici presto i merd-book fagociteranno tutto (ma spero di no...)

      Moz-

      Elimina
  16. Non lo leggerei manco se vincesse il Nobel per la letteratura, Ciuffetto Dorè. Questione di pelle.

    RispondiElimina
  17. Bella Zio!
    Spero di trovare il suo nuovo romanzo anche io...

    RispondiElimina
  18. Poichè io non compero mai romanzi, ma solo saggistica, lo leggerò quando lo troverò in biblioteca come ho fatto per gli due libri precedenti.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io leggo molti più saggi che romanzi, ma ero proprio curioso (e avevo il debito d'onore) di leggere qualcosa dello Zio^^

      Moz-

      Elimina
  19. Il primo mi ha intrigata molto,e Corradino è già una simpatica conoscenza e una garanzia.La tua presentazione è un invito ulteriore a procurarmi subito anche questo.Ciao Moz,ho perso qualche tuo post,ma riparerò..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Garantisco io :)
      P.s. non preoccuparti, anche io ono stato assente dalla blogosfera e addirittura in questi giorni sono tornato parzialmente ad esserlo per via della luce (e la linea) che va e che viene...

      Moz-

      Elimina
  20. Questo romanzo del nostro zio Scriba mi manca proprio e lo cercherò avidamente mio caro Mozzino. Adoro la maniera che ha di scrivere,lo divori tutto di un fiato, brillante, moderno, arguto , interessante...Zio Scriba è un mito, da leggere sempre e comunque, un piacere conoscerlo!!!!
    Bacio Moz!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella, condivido le tue parole una per una!! :)

      Moz-

      Elimina
  21. Penso di essere l'unica a non conoscerlo. Allora sono andata sul suo blog, ho iniziato a leggere...e niente, è passata quasi un'ora. Così torno qui e non mi ricordo più cosa volevo scrivere. Grazie per avermi fatto scoprire una bella persona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciccola, che posso dirti... a me fa piacere, perché Nicola è davvero un grande (oltre che un grande scrittore, come sospettavo e come ho avuto modo di scoprire in questi giorni)^^

      Moz-

      Elimina
    2. Volevo ringraziare tanto sia te che i tuoi lettori, e allora decido di farlo da questa posizione, perché il commento di Ciccola, per la sua dolcezza e per l'attenzione che ha dedicato al mio blog, mi ha davvero commosso. Grazie ancora.
      E, quanto a te, bravo anche per aver individuato un bel significato secondario del titolo (quello più immediato è che lo zio Dilvo, lo zio cieco, sembra a volte vederci meglio di tanti altri, e non perché sia un falso invalido...)
      Ciao, buona domenica e buona vita, e buona lettura a chi vorrà!

      Elimina
    3. Nick, ho recensito il tuo romanzo molto volentieri, mi è piaciuto tantissimo e l'ho fatto di cuore.
      Se ho fatto interessare qualcuno dei miei lettori alle avventure di Corradino non potrò che essere contento.
      Grazie a te, e buona giornata!^^

      Moz-

      Elimina
  22. Ok, ora andrò alla ricerca di tal zio scriba! Sembro cadere sempre dalle nuvole: già speravo in un suo commento a questo post che mi avrebbe portato al suo blog! Ma sono una persona paziente e non commento finché non apprendo per bene! Mi affido al giudizio letto! Grazie per la condivisione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho linkato il suo blog in cima, basta cliccare sul suo nome!
      Credo sia impegnatissimo, ora che ieri è nata questa sua nuova creatura... però qui è passato spesso^^

      Moz-

      Elimina
    2. Oh, ecco! *_*
      Non avevo colto il link... sei un evidenziatore umano, non passo più il puntatore su ogni parola che colori in arancione o celeste, ma il rosso mattone è link a quanto pare! XD
      Spulcerò! Grazie!

      Elimina
    3. Eheh, lo so... dovrò cambiare la moda di evidenziare parole XD

      Moz-

      Elimina
    4. No, non cambiare, ha il suo perché! u_u

      Elimina
    5. Ahaha, ok, li tengo! In fondo un perché -misterioso- lo hanno davvero XD

      Moz-

      Elimina
  23. Mi sono fermata... tornerò a leggere il post dopo che avrò letto il libro. Per non farmi influenzare ;)
    Ma data la mia proverbiale lentezza ahahah (rido da sola) non lo avrò tra le mani che tra una settimana :/ Superveloce Moz... come vorrei la tua pozione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà è stata solo casualità: non sapevo che fosse in uscita un libro dello Zio Nick, me lo sono ritrovato davanti una settimana fa e l'ho preso XD

      Moz-

      Elimina
  24. Da come ne parli credo che lo leggerei molto volentieri. Chissà se lo trovo in qualche libreria?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho trovato in una libreria un po' inusuale (dove, insomma, non ci sono le 50 Sfumature o cagate varie^^)

      Moz-

      Elimina
  25. Mi ricorda vagamente e dico solo vagamente per il tema del mare e delle pulsioni Confessioni di una maschera di Mishima! :D
    Penso però che non sarebbe fra i miei titoli in lista al momento!
    Ciao Moz!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel libro svetta nella mia libreria; non mi sento di accostarlo nemmeno come tematiche, anche se forse -in fondo in fondo in fondo- qualcosina c'è. Ma il romanzo giapponese è più cupo e senza speranza, diciamo.

      Moz-

      Elimina
    2. Beh Mishima aveva la personalità che sappiamo, ho voluto appunto sottolineare il vagamente perché la scoperta delle pulsioni di Mishima assomiglia più ad un Eros e Thanatos che alla gioia della vita! :°D

      Elimina
    3. Diciamo che dalle parti di Zio Nick si celebra maggiormente l'Amore e la Vita, rispetto a Mishima. Ci sono pulsioni sessuali analoghe, goffe, solitarie, prime cotte per parenti lontane... ma è tutto gioioso e confuso^^

      Moz-

      Elimina
  26. Lo Zio è bravo, cosa vuoi che ti dica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Lo Zio è bravo, cosa vuoi che ti dica, Ferruccio credi a me: ha scritto una cosa fica!" :p

      Moz-

      Elimina
  27. Buffo, ci sono anche un sacco di coincidenze con il mio romanzo!
    Anche L'Estate dei Fiori Artici è ambientato nel luglio (e agosto) 1979 in una località di mare e ci sono di mezzo anche lì zii e cugina. Nel mio caso però il protagonista (io stesso) non ha 12 anni ma 18, quasi 19.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un racconto autobiografico, quindi?

      Moz-

      Elimina
    2. Assolutamente sì, anche se poi sulla base autobiografica ho costruito una vicenda dai risvolti fantastici, poiché nella mia scrittura mi è impossibile prescindere dall'elemento fantastico.

      Elimina
    3. Fantastici nel senso di fantasia o nel senso di fantasy?

      Moz-

      Elimina
    4. Nel senso di elementi simbolici, magici, sovrannaturali :)

      Elimina
    5. Beh, quindi fantasy! Ora sono curiosissimo :)

      Moz-

      Elimina
  28. Risposte
    1. Beh, ora leggilo e togli la curiosità^^

      Moz-

      Elimina
  29. Inutile dire che mi hai incuriosito molto.
    Però attualmente il mio autore italiano contemporaneo è Massimiliano Parente e temo sarà difficile togliermelo dalla metne, per un po'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Parente non si toglie dalla mente", dopotutto :)
      Non lo conosco, ma adesso sei tu ad avermi incuriosito!

      Moz-

      Elimina