[affetti personali] il mio fazzolettone scout


Tra le tante cose che ho fatto (o che ho provato a fare) fino a ora nella vita, c'è anche lo scoutismo.
Forse, ad oggi, quella che considero l'esperienza più bella che abbia mai vissuto.
Quello che vedete nella foto è il mio fazzolettone.

Ho sempre pensato sia il migliore tra tutti i fazzolettoni (ne ho visti a decine, tutti colorati, spesso pure pacchianamente). Quello del Reparto San Giovanni Rotondo 1 è bellissimo.
Riproduce, nei colori e nella foggia, il saio francescano di Padre Pio.

Sulla camicia azzurra ci sta splendidamente.
Vi avevo già raccontato della mia esperienza come boyscout, in questo articolo.
Ho sempre creduto che anche l'occhio voglia la sua parte, e l'impatto con questo fazzolettone ha contribuito sicuramente a farmi amare ancora di più quell'esperienza.

Negli anni, il mio fazzolettone scout ha perso il "fermaglio" originale in cuoio (col tipico giglio dell'Agesci), sostituito da un altro più piccolo.
E ha perso la spilla gialla del Parco Nazionale d'Abruzzo, che ora è nella mia cameretta pugliese.

Il sandalo in cuoio legato con lo spago è stato fatto da una mia amica scout dell'epoca: ricordo che una volta -dopo una riunione- mi rubò il fazzolettone e me lo riconsegnò qualche giorno dopo con questo regalo.

26 commenti:

  1. Hai ragione, è davvero bello!
    Poi i fazzolettoni con un significato e una storia mi sono sempre piaciuti.
    Anche il mio non era male! :-)

    RispondiElimina
  2. Moz tu sei l'unico scout che potrei apprezzare, il resto lo sai che mi sta sulle scatole XD Sono azzeccosi senza essere simpatici.
    Questo racconto sul fazzolettone è proprio tenero. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, dai, non siamo poi così male... mica siamo TdG! :)

      Moz-

      Elimina
  3. Mi fa stranissimo pensarti Scout. Sarà che da me, oltre tutta la parte bella dell'amicizia e della condivisione, c'è una grandissima quantità di fede e religione che poco mi fa apprezzare la cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, quello -nel mio reparto- è sempre rimasto un aspetto personale, nonostante fossimo di stampo cattolico (e quindi messe ecc...)

      Moz-

      Elimina
  4. I should have been a scout too...but my parents never allowed me to become one of them. I don't know why :( It sure would have helped me a lot to overcome my fears and to go out of my comfort zone. Don't worry, though...I took part in other fun social activities...but deep down in my heart, I had always wanted to be a scout.

    Mi piace l'inglisc...non se vede?
    Kisses <3
    Petralia la ragazza Alaskana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, beh... non è mai troppo tardi per essere scout, sai?^^

      Moz-

      Elimina
  5. Scout e Associazioni cattoliche varie con me ci hanno provato, ma io ero interessato solo ai loro giochi e alle attività ludiche che organizzavano, non certo a tutto l'indottrinamento che c'era dietro.
    Diciamo che non ho subito il fascino della divisa. :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, guarda... allora con me l'indottrinamento non ha proprio funzionato XD

      Moz-

      Elimina
  6. A me gli scout non mi sono mai tanto piaciuti, comunque il tuo racconto è stato illuminante e quel fazzoletto è veramente bello ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, credo sia il miglior fazzolettone in assoluto **

      Moz-

      Elimina
  7. Risposte
    1. Se lo consideri dal punto di vista cattolico, sì XD

      Moz-

      Elimina
  8. Tu Scout?
    Non l'avrei mai detto! ;)

    RispondiElimina
  9. Da noi il fazzolettone è rosso e verde.
    Lo so perchè il resto della truppa è stata scout, mentre io mai XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahi ahi, sei la pecora nera XD

      Moz-

      Elimina
  10. Mai stato scout ma ricordo degli amici "particolari" che lo sono stati.
    Loro erano del Cngeia memoria mia.
    Il loro reparto si contraddistingueva per portare sulla promessa il fiore di papavero. Non credo serva davvero spiegare la ragione della scelta di tale fiore......

    ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spaventa il tuo "particolari" :p
      Io preferisco il giglio al papavero, dai... XD

      Moz-

      Elimina
    2. Sì ma l'oppio dai gigli non viene XD

      Elimina
    3. Lo so, dai gigli viene la purezza :*

      Moz-

      Elimina
  11. Non potrei mai essere una scout.
    Comunque mi hanno fatto sempre sorridere le divise ed hai ragione sui colori spesso pacchiani :-x

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi ehi ehi... si chiamano UNIFORMI XD

      Moz-

      Elimina
  12. Bello il tu fazzolettone, e bei ricordi lo scoutismo, confermo anch'io che sia stata un'esperienza davvero unica, importante, formativa e "di vita" anche per me.
    Io di fazzolettoni ne ho avuti due, perchè il mio gruppo a un certo punto si è unito ad un altro quindi lo abbiamo dovuto cambiare (con annesso "numero"), quello cui ovviamente sono più legato era il primo, giallo con strisce rosse e grigie (colore del saio di san francesco), il secondo invece era tutto rosso con le strisce gialle :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il secondo è sicuramente iper-romanista (o della scuola di Harry Potter :p)
      Mi avrebbe fatto strano cambiare fazzolettone, così come cambiare squadriglia: per fortuna non mi è successo^^

      Moz-

      Elimina