[re/lics] Più e il suo Gioco (editoriale Domus)


Chi di voi ha vissuto l'infanzia negli anni '80 certamente ricorderà questa rivista.
Settimanale per i ragazzi più, come annunciato in copertina, Più e il suo Gioco della editoriale Domus è ricordato da tutti proprio per le sorprese abbinate di numero in numero.
E per i fumetti legati ai personaggi di giocattoli e serie tv.

Nata nel 1982, la rivista (uno spillato di 64 pagine) presentava sia fumetti legati a serie tv allora in voga (Masters of the Universe, Mister T, Transformers, Gli Acchiappafantasmi...) sia a giocattoli (Orsetti del Cuore, Poochie, Lego Fabuland).



Aveva inoltre storie originali, tipo Tarao, Capitan Maretta o Adalberto & co., ma anche fumetti disegnati dal grande Carlo Peroni.
Mascotte del giornale era il leoncino Turbo, che di settimana in settimana illustrava il gioco in omaggio.
Il mini going, l'hovercraft, la pulce salterina, poster, oggetti di cancelleria, l'aeroplanino di polistirolo...
Insomma, era sicuramente una pubblicazione che lasciava il segno.

Tarao, He-Man, Poochie, un fotoromanzo
Dal 1987 escono le raccolte Doppio Più e Più Tris, che raccoglievano -rispettamente- due e tre uscite precedenti..
In seguito, Più cambia nome diventando Maxi Più, presentando storie diverse e articoli vari.

22 commenti:

  1. Miiiiih... Più! Quanti ricordi!
    L'ho seguito per un po', era un bell'appuntamento, fitto di fumetti, qualche rubrica simpatica, e il gioco abbinato.
    Oltre ai fumetti citati, vorrei ricordare anche Pistillo, Jumbo, l'ispettore Bobop, e una serie con protagonista una comitiva di ragazzi della quale non ricordo il nome.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La serie a fumetti con la comitiva di ragazzi/teppisti era Minium, o per lo meno così si chiamava il capo...

      Elimina
    2. Quando ero piccolo, me la comperavano per i fumetti dei Fabuland, di He-Man e degli Acchiappafantasmi: non ricordo mi interessasse altro oltre questi (difatti, non amavo il Maxi Più).
      Quindi davvero non ho ricordo alcuno di Minium... sorry.

      Moz-

      Elimina
    3. Probabilmente l'abbiamo seguito in anni diversi: io non ricordo fumetti degli Acchiappafantasmi...

      Elimina
    4. Ho fatto una piccola ricerca. Minium dovrebbe essere di autore francese, quindi probabilmente in originale ha un altro nome. I personaggi erano caratterizzati dall'avere la faccia tondeggiante, con occhi piccoli e piuttosto vicini e naso anch'esso piccolo. Minium, folti capelli neri con basette e ciuffo, indossava una maglia rossa e aveva carnagione olivastra; snello di corporatura. Le storie sembravano una versione trasgressiva delle "Simpatiche canaglie", ma con personaggi ragazzi anziché bambini.

      Elimina
    5. Mi hai spinto a fare una ricerca che ha dato dei frutti particolari: ho scritto a riguardo un nuovo post!
      Il fumetto che citi l'ho ritrovato in uno dei numeri di Più che possiedo: firmato ALPHA, credits copyright VMS/AREDIP 1983.
      Dal poco che posso cercare, mi pare di capire che è stato pubblicato nel primo centinaio di numeri.

      Moz-

      Elimina
    6. Trovato: in originale si chiama Salut Minium, è degli anni '70 e l'autore è un certo Alpha.
      In giro c'è pochissimo
      http://bdoubliees.com/vaillantpif/series5/salutminium.htm

      Moz-

      Elimina
    7. Sì, è proprio lui!
      Complimenti!
      C'è pochissimo anche perché ora se metti "minium" su Google ti escono soprattutto i "minions"!

      Elimina
    8. Sei tu che mi hai dato il "la", quindi grazie!
      Verissimo, anche a me sono comparsi i Minions AHAHAHA

      Moz-

      Elimina
    9. Sono convinto che Internet sia una risorsa sterminata fintanto che ciascuno ci mette qualcosa di utile per gli altri, finché ci si limita a "prendere", le risorse resteranno sempre quelle. Il "la" l'hai dato tu parlando di "Più" e citando alcuni fumetti, io mi sono soltanto accodato coi miei ricordi e abbiamo aggiunto assieme qualcosa che non c'era. 😉

      Elimina
    10. Beh, io direi che abbiamo fatto un ottimo lavoro!
      E pertanto ribadisco il mio invito che ti feci qualche tempo fa: se ti senti orfano del blogging, se ne hai voglia, io posso ospitarti davvero volentieri :)

      Moz-

      Elimina
  2. Strano per uno come, che passava gran parte del tempo in edicola e tabacchini vari a sfogliare e spulciare riviste e bustoni con sorprese, non ricordarsi affatto di questa rivista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ora ti è tornata in mente oppure niente?
      Per me, assieme al Corriere dei Piccoli (collezionato durante e appena dopo) e Il Giornalino (periodo Turtles) questa rivista è un must^^

      Moz-

      Elimina
    2. L'avró letta e comprata di sicuro, ma al contrario de Il Corriere Dei Piccoli e Il Giornalino, l'ho rimossa proprio.

      Elimina
    3. Beh, allora son contento di averne parlato^^

      Moz-

      Elimina
  3. di Più sembrano essersi dimenticati tutti! In rete trovi veramente poco o nulla al riguardo, io me lo ricordo dalle elementari con i vari gadget allegati (la lente d'ingrandimento, l'affare per contare i chilometri dei percorsi, ecc.). Ogni post al riguardo, come questo tuo, è una vera manna per me!
    Mi ricordo che oltre ai fumetti-marchetta pubblicavano anche una storia fantascientifica nientemeno che di Font, più alte cose originali tipo Il Cuore. Credo fosse la versione italiana di Pif Gadget o comunque l'ispirazione fosse quella.

    Moz, non riesco a starti dietro da tanto pubblichi nell'ultimo periodo! Ma non avevi detto che tra le regole di un blog c'è anche quella che non devi fare più di tre post alla settimana?!?! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto or ora una ricerca veloce (poi approfondirò), e... hai ragione, oltre al mio articolo solo un altro paio tra siti e blog parla di PIU'.
      Io ho presentato quel che ho tuttora (pochi numeri sparuti) e ciò che ricordo... sarebbe bello avere un quadro molto più dettagliato della rivista.
      Che poi, l'editore che la pubblicava è lo stesso di Quattroruote, quindi mica una casa editrice scrausa e/o chiusa!

      P.s. da novembre sono diventato quotidiano (e se capita, con più post al giorno). Certo, c'è stato un momento di buio questo inverno (causa cambio lavoro e cose mie), ma ora sto riprendendo col ritmo.
      Lo faccio così ognuno può trovare quel che gli interessa e io riesco a curare meglio le conversazioni con voi ;)

      Moz-

      Elimina
  4. Credimi è la prima volta che la vedo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io stesso forse l'ho beccata giusto in tempo, visto che è nata prima di me... questione di tempistica, dunque^^

      Moz-

      Elimina
  5. Devo assolutamente sapere una cosa di questo giornalino: una volta il regalo era una bustina che conteneva qualcosa che, con i dovuti trattamenti, dava vita a qualcosa...riportava in vita animali preistorici. Non so cosa fosse, e mia madre mi obbligò a buttare la bustina...Qualcuno è in grado di fare chiarezza su questo mio ricordo assurdo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuto a bordo.
      L'unica cosa che può venirmi in mente sono le sea monkeys, ossia le scimmie acquatiche: potrebbero essere loro?
      Andavano di moda tra gli anni '70 e i primi anni '80...

      Moz-

      Elimina
    2. Mi hai ispirato questo post:
      http://mikimoz.blogspot.it/2016/11/sea-monkeys-le-scimmie-di-mare.html
      Vedi un po' se si tratta di questi esserini qui :)

      Moz-

      Elimina