[fumetti] Miki e... Berserk


Sono passati solo due mesi dalle mie nozze di cristallo con Diabolik che già mi tocca festeggiare altri vent'anni d'amore con l'altro mio fumetto preferito: Berserk.
Era l'agosto del 1996 quando, girovagando quotidianamente nelle edicole, lo vidi.
Copertina con colori particolari, il logo Marvel Manga con la bandiera nipponica, lo sfondo ocra.

Avete presente quando vi piace una persona e non potete fare a meno di esserne attratti e guardarla?
Ecco.

Quell'albo mi chiamava.
Ma ne ero frenato: "consigliato a un pubblico maturo", c'era scritto.
Lo sfogliai. Iniziava con una scopata.
Come potevo, da ragazzino, portare a casa un fumetto così?
Pertanto, giorno dopo giorno, lo leggevo a spizzichi e bocconi in edicola.
Mi aveva catturato, totalmente. E capii che il guerriero in copertina non era un uomo-unicorno, come mi era sembrato alla prima fugace occhiata. Quella cosa bianca che spuntava oltre Guts era il manico del suo spadone.


Insomma, alla fine Berserk lo acquistai, ma ebbi l'effettiva percezione del capolavoro che è solo dopo quattro anni, forse con una mia maggiore maturità e capacità di comprenderlo meglio.
Fu quando uscì la prima ristampa, e quando poco dopo in edicola apparve il numero con Mozgus.
Che divenne subito il mio nickname nelle chat di mIRC.
In quei giorni avevo capito totalmente che era un'opera ricca e potente, che trattava molti degli argomenti che amavo e li trattava come li amavo. Senza pietà e senza celare i sentimenti più torbidi e meschini (quindi veri) dell'animo umano.

Col nickname Mozgus (che poi divenne appunto Moz) presi anche ad occuparmi della sezione contenutistica del più grande sito italiano sull'opera, il Berserk Chronicles, a cui mi unii praticamente dopo la sua apertura.
In sostanza, è stata quella la mia "prima volta" come articolista per il web, e dal 2001 al 2009 ho continuato a scrivere dossier, studi, schede e approfondimenti.

Da allora la mia passione per l'opera non è mai scemata.
Ricordo quel venerdì notte, novembre 2001, quando Italia1 trasmise il primo episodio del cartoon, senza censure.
Ricordo le lunghe discussioni sull'opera con altri appassionati, facendo supposizioni, analisi, commenti.
La community del Berserk Chronicles che poi andava ovviamente oltre Berserk, con cui ebbi modo di incontrarmi al Lucca Comics & Games 2007.
Venni persino pubblicato un paio di volte nelle pagine della posta in coda agli albi italiani; la prima come citazione nel 2004 e la seconda nel giugno 2007 con una lettera dove difendevo il fumetto dalle accuse rivoltegli da alcuni ex appassionati.



E oggi, dopo venti anni e probabilmente per ancora altri venti anni, sono ancora qui a parlare del capolavoro di Kentaro Miura.
Ho aperto un blog tematico che -appena riprendo in mano la mia vita diurna- voglio far crescere; ho lasciato tutta la mia collezione dei volumi giganti (la terza ristampa) in una biblioteca e con grande piacere, negli anni, ho fatto leggere e appassionare una cinquantina di persone, giovani e meno giovani.

Negli anni ho avuto modo, per studio e per diletto, di cimentarmi con le letterature di mezzo mondo: ben poche opere, per me, riescono a eguagliare la potenza di Berserk.
Devo moltissimo a questo fumetto, più di quanto immaginiate.

20 commenti:

  1. La tua esperienza mi ricorda la mia con Dampyr: lettore appassionato da subito (dal n° 1, tra l'altro ricevuto in regalo), dopo meno di un anno aprii una sezione dedicata nel mio vecchio sito personale per recensire albi, autori e personaggi... Ho amici che leggono e idolatrano "Berserk", ho provato a leggerlo ma è troppo cruento e violento per i miei gusti.

    La dicitura "Consigliato a un pubblico maturo" campeggia un po' su tutte le copertine dei pochi manga che ho: una restrizione forse eccessiva, stando a ciò che gira in tv e al cinema con il solo divieto per gli under 14... E di "immaturi" over 14 ce ne sono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per Berserk la dicitura è azzeccata non tanto per violenza e crudezza... ma per i contenuti: un under 14 nemmeno capirebbe al 100% cosa sta leggendo^^
      Dampyr? Ho un amico che lo ama.

      Moz-

      Elimina
  2. Sono felice di aver letto questa recensione/testimonianza di anni di passione per Berserk. E' un po' la mia storia, anche se dura da meno tempo.. E c'ero anche io durante la prima trasmissione su Italia 1. Che ricordi e che ricordi il Chro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mannes!
      Sì, credo che noi della prima generazione abbiamo vissuto più o meno queste cose :)

      Moz-

      Elimina
  3. La tua passione per Berserk è leggendaria, Mickey :* e per molti anni ha coinciso con la mia. È stato bello ripercorrerne le tappe tramite le tue parole, anch'io dopo l'acquisto del manga e l'amore a prima lettura, ero davanti alla tv per seguire gli episodi dell'anime. E come per te, vivere Berserk e il mitico Chro negli anni migliori, è stata un'immensa gioia. E Berserk ed il Chro, anche grazie a te, avranno sempre un posto speciale nel mio cuore.
    Baciotti
    Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mary!
      Che devo dirti? Grazie mille.
      Sai quanto ho amato il Chro, che ci ha fatti conoscere!

      Moz-

      Elimina
  4. Quanti anniversari per te! :) anche se per le nozze di diamante la strada è lunga! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, considerato Miura... ci si può arrivare XD

      Moz-

      Elimina
  5. Lasciami dire che sei uno dei #Massimiesperti di Berserk in Italia :)
    Ricordo ancora quando beccai il primo numero del collection. Lo conobbi nel 2005... Davvero tanto tempo fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, prima che venisse coniata la dicitura #massimoesperto ero già (davvero) espertissimo di Berserk... :D

      Moz-

      Elimina
  6. Sai che io non ho mai letto un manga?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un manga è semplicemente un fumetto come tutti gli altri, solo che viene dal Giappone. Io non ho mai fatto distinzioni in questo senso... sono razzista ma non fino a questo punto XD

      Moz-

      Elimina
    2. A voler spaccare il capello, non sono i manga a essere fumetti giapponesi, ma i fumetti a essere manga occidentali... Se ricordo bene la prima rappresentazione di una storia tramite disegni e didascalie risale al Giappone feudale o giù di lì.

      Elimina
    3. Vero, ma forse l'inizio è addirittura in qualche disegno nelle caverne dell'età della pietra.
      Il fumetto è roba antica :)

      Moz-

      Elimina
  7. Dalle nostre passioni possono nascere progetti bellissimi e tu ne sei la testimonianza! Bravo!👏

    RispondiElimina
  8. come ben sai, Mozzino mio adorato, il tuo amore per i fumetti, non vede in me il medesimo ardente interesse... tuttavia leggo sempre con curiosità questi tuoi post, perché la passione, quando traspare, è meravigliosa a dire poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fanno strapiacere queste tue parole, Alis *__*

      Moz-

      Elimina