[life] Miki, Moz o'Clock


Tra meno di due mesi il blog che state leggendo raggiungerà un traguardo che ritengo importante.
Importante specie in questo mondo veloce, dove una stagione di vita equivale a cento stagioni del passato.
Ho voluto scrivere due righe; per capire dove sono andato, per vedere dove sto andando.
Questo sono io, questo è il Moz o'Clock.


Ho avuto un'infanzia felice. Non mi è mai mancato niente, utile e futile, sebbene non possa mai aver vantato jet privati, piscine megagalattiche o disponibilità illimitate.
Conosco il valore del denaro, certo, ma sono cresciuto a cavallo tra gli anni '80 e '90, quando i soldi c'erano ed erano pure tanti. Quando ci si poteva permettere un po' tutto, o quantomeno ci si poteva togliere diversi sfizi.
Se esiste un mondo perfetto, beh... per me sarebbe questo.
Dal 1987 al 1997, gli anni in cui ho vissuto tra l'incoscienza derivante dalle responsabilità inesistenti e la coscienza di vivere un periodo magico.

Questo è il periodo che ho cristallizzato, più di qualunque altro. Non posso lamentarmi degli anni successivi, sicuramente nemmeno di quelli precedenti. Ma se in quest'ultimo caso ero troppo piccolo per godermeli, in quelli successivi stavo diventando già troppo grande.

Ho cristallizzato questo periodo, dicevo. Nella mia mente -dove appare come decennio ideale sotto ogni aspetto- e qui sul blog.
Il Moz o'Clock vi parla di questo. O almeno ci prova.

Ognuno è romantico a modo suo; c'è chi idealizza il classicismo greco e chi l'imperialismo romano, chi il nazionalismo e chi qualunque altro periodo.
Io sono romantico-pop, e non potrebbe essere altrimenti.
Ho vissuto di prodotti pop, ho respirato prodotti pop, ho fagocitato il pop in tutte le sue forme.
Il Moz o'Clock è pop, è cultura pop a 360°, come dice il suo slogan.
Ma grazie a contatti anagraficamente più grandi (i miei genitori o amici) e più piccoli (i miei fratelli o altri amici) ho spesso vissuto anche il pop immediatamente precedente e immediatamente successivo al mio.
Non tanto da spingermi a giocare a Pokémon Go (per pura scelta dettata da gusti personali) ma so bene chi è Pikachu, so cosa sono molti dei prodotti prima e dopo il decennio che vi ho indicato.

Me e il Moz o'Clock siamo ciò.
C'è stato (e ci sarà) spazio per digressioni, pensieri più seri, magari anche stati d'animo più cupi.
Ma la tendenza non è certo questa, l'avrete capito.

Il mio blog ricorda -filtrandolo- solo il bello di quell'epoca che era appena ieri.
Il bello per me, che l'ho vissuta. Il bello di chi a settembre era felice di riprendere le varie attività, il bello di chi a ottobre aspettava quell'Halloween ancora così fortemente esotico e americano; di chi a novembre si concedeva passeggiate nei boschi e di chi a dicembre viveva a pieno la magia del Natale.
Di chi a gennaio si godeva l'inverno e la neve da sciare; di chi a febbraio faceva baldoria per il carnevale; di chi a marzo tornava a passare le domeniche in campagna.
Di chi a aprile aspettava la pasqua; di chi a maggio visitava altri posti; di chi a giugno si  preparava a chiudere scuola e corsi; di chi a luglio e agosto era al mare o comunque in relax.

Di chi sogna di fare, da chi riesce a fare, da chi almeno ci prova a fare tutto questo, ancora oggi.
Per quelli che, nonostante gli impegni, il lavoro, le responsabilità... il pomeriggio può essere ancora fatto di giochi, amici, Bim Bum Bam.
La sera un film da vedersi sul divano, una cena, un'uscita senza per forza strafare.
La mattina un'edicola da esplorare e una passeggiata da affrontare.

Per queste persone: ecco per chi è il Moz o'Clock.
In questi quasi dieci anni ho ricordato molto, e molto ancora ho da ricordare. Fermando il tempo, perché il pop è ancora qui: molte cose le abbiamo solo seppellite sotto la cenere dell'esser per forza adulti.
Senza motivo. Che poi ogni adulto forzato, ho notato, è un adulto pericolosamente irresponsabile. Ed è peggio.

Il Moz o'Clock seguirà quindi questa direzione, tracciata sin dal 2006 ma in me insita da sempre.
E ricorderemo, senza malinconie, tutto ciò che ci fece star bene. Tutto ciò che torna e ritorna anche oggi, perché il trend è questo.
Dunque, forse, non sto sbagliando.

38 commenti:

  1. Beh, come sai abbiamo vissuto lo stesso periodo e anche io, come te, continuò ancora oggi a informarmi sul pop moderno e passato.
    Sono qui non per nostalgia ma per provare insieme quella gioia che ci portano certi ricordi.
    Sono qui (anche se ultimamente un po' più in silenzio) e ci resterò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ultimanente sono in silenzio, come avrai notato, persino sul mio blog che mando avanti facendo grandi sforzi... ma presto tutto tornerà alla normalità :)
      Grazie mille, Orso!

      Moz-

      Elimina
  2. Mi sa che è la cosa più bella che hai scritto qui.
    Meraviglia!

    CervelloBacato

    RispondiElimina
  3. Sei te stesso, quindi non stai sbagliando.
    Il tuo blog è sempre stato fin troppo chiaro nei suoi intenti, quindi per chi ti segue da tanto tempo è come scoprire l'acqua calda. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, vero. Non so perché, ieri, durante la passeggiata quotidiana, mi è venuto in mente di scrivere questo "manifesto".

      Moz-

      Elimina
  4. Anacronistica per sempre, pop forever!
    Quanto ti capisco....

    Buona serata
    Enza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, viva il pop!
      Grazie e... buon giornata :)

      Moz-

      Elimina
  5. il mio pop romantico preferito e di riferimento, il meglio del meglio del meglio!

    RispondiElimina
  6. Un grandissimo traguardo dieci anni di blog!😊 Non potevi scrivere un pensiero migliore e condivido in pieno la filosofia del Moz o'Clock! A presto!👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Vanessa! E col decimo traguardo, se tutto va liscio, tornerò più costante sia qui sia... sui vostri blog!^^

      Moz-

      Elimina
    2. Sul mio blog stai accumulando latitanze varie, in effetti... :D

      Elimina
    3. Eh, sui blog di tutti... è che a stento riesco a star dietro al mio, in questi mesi^^

      Moz-

      Elimina
  7. Ciao Miki, è bello conoscere qualcosa in più di te e del tuo Moz-pensiero. Sei stato anche fortunato a crescere in uno dei periodi migliori dell'ultimo quarto del XX secolo. Nel mio periodo si assisteva inermi alle imprese dell'estremismo rosso o nero e non era un gran bel vivere. Ma come dici tu, i ricordi vanno filtrati e bisogna mettere in evidenza ciò che di bello e positivo c'era a quell'epoca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, lo ammetto: sono stato fortunato. Sia per il periodo, che era segnato da quel consumismo ma con la testa, sia perché non mi è mancato niente.
      Ho avuto fortuna e voglio condividere con voi questi ricordi^^

      Moz-

      Elimina
  8. Ed è per questo che ti seguo e leggo con molto piacere, ho vissuto il tuo stesso periodo e ho le tue stesse sensazioni. Sensazioni che mi porto ancora dietro e che cerco di viverle nella stessa maniera, anche se le cose sono molto diverse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, le cose sono diverse.
      Ma appunto, perché non provarci? Dopotutto a farsi pane e Nutella guardando He-Man ci vuol poco :)

      Moz-

      Elimina
    2. E ogni tanto il web aiuta a recuperare qualche vecchia perla targata anni '80

      Elimina
    3. Vero, quindi abbiamo tutti gli strumenti!! :)

      Moz-

      Elimina
  9. Mi piace molto questo post che è una specie di manifesto-programma. (per chi ancora non avesse capito cosa si può trovare in questo blog)
    10 anni sono tanti davvero, dimostrano una grande costanza e passione. Complimenti.
    Ci inviterai tutti ad una festa, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente farò una vera festa, con tanto di torta.
      E sto pensando a un modo per coinvolgervi tutti!^^

      Moz-

      Elimina
  10. Bell'articolo, mi ci riconosco, anche se il mio decennio "magico" inizia e finisce un po' prima del tuo, e non siamo proprio allineati su tutto, come del resto è giusto che sia, sennò l'individualità non esisterebbe. :)

    Mi è piaciuta molto la frase "un adulto forzato è un adulto irresponsabile", credo che la riciclerò nello "stato di Whatsapp" prima o poi.

    Auguri al blog e a chi ci sta attorno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Gas :)
      Vero, ognuno ha il suo decennio magico, il periodo in cui si finisce di essere bambini e si diventa ragazzi ancora senza responsabilità...^^

      Moz-

      Elimina
  11. Non stai sbagliando. Hasta el POP siempre! ;-)

    RispondiElimina
  12. Questo è uno dei post più belli letti qui da te, qui dove tutti dovrebbero passare, qui dove io mi rispecchio tanto, qui dove i ricordi non svaniscono, il Moz o'Clock! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piter, grazie mille per le tue parole, davvero *__*

      Moz-

      Elimina
  13. No regrets. Bravo Moz! Così si vive.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha!
      Dai, almeno ci si prova :)

      Moz-

      Elimina
  14. Ciao Moz,DOMY
    dov'è la novità? ... ;) <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, in effetti... è sempre così :)

      Moz-

      Elimina