[affetti personali] Sega Game Gear


Quello che vedete qui sopra nella foto è il mio Sega Game Gear.
Mi fu regalato in occasione della Prima Comunione (Maggio 1993) e ha una storia fatta di abbandoni e riprese.
Eccovela.

Dopo l'iniziale gasamento per aver ricevuto la sfortunata versione Sega del Game Boy, la passione terminò quasi subito perché:
-le pile duravano giusto mezza giornata;
-avevo solo Columns (una sorta ti Tetris/Fruit Saga), come gioco, che era la cartuccia inclusa nella confezione.


Abbandonato per un paio di anni nell'armadio, il mio Game Gear ottenne una nuova chance quando mi fu comprata la tastiera musicale: il suo alimentatore andava preciso per la console portatile, quindi niente più pile a profusione.

Un mio amico di squadriglia, agli Scout, lo portava in campeggio. Aveva la cartuccia speciale per vedere la tv. Da lì capii ancora una volta le potenzialità del Game Gear.

Durante il Natale 1997 acquistai una seconda cartuccia: il gioco dei Power Rangers.
Poi, un mio amico di liceo mi prestò una ventina di giochi e l'amore si riaccese del tutto.
Ne ricomprai tre, dopo aver giocato a Aladdin e tanti altri.


Oggi è ancora funzionante e sono fiero di aver giocato a uno dei videogames più belli di sempre: Wonder Boy III - The Dragon's Trap.

Ecco tutti gli altri miei affetti personali
Il mio tesserino dell'autobus
Il mio fazzolettone scout
Le mie tazze da latte
Maxi Manuale delle Giovani Marmotte
Il Moschetto, giornale cittadino
Il mio Zippo Slim

14 commenti:

  1. Lo avrei voluto il Game Gear! Ma mi fermai al Game Boy per quanto riguarda i portatili, anche se non mi posso lamentare, nè di quello nè del resto ^^ Anni belli comunque :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, anni in cui si aveva tutto...! :)

      Moz-

      Elimina
    2. Io sempre eterno dodicenne ù__ù

      Moz-

      Elimina
  2. Pure io ho la Gear TV, ma ora che c'è il digitale terrestre non serve a una minchia. Ho pure il gioco di Jurassic Park ma è qualcosa di orribile, come è invece quello dei Power Rangers?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello dei Power Rangers è un beat 'em up a scorrimento più o meno limitato.
      Alla lunga è ripetitivo ma copre tutta la prima stagione del telefilm (quindi Green Ranger poi giocabile, robottoni da assemblare, scontro finale contro Cyclopsis)

      Moz-

      Elimina
  3. Me lo prestò un amico, giocai a Sonic un intero pomeriggio consumando le Duracell in pochissime ore, tanto che lo attaccai alla corrente.
    Glielo riconsegnai con pochissimo rimpianto, dico la verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, consumava le pile come un demonio.
      Una console bella ma sfortunata, non seppero lanciarla a dovere, forse.

      Moz-

      Elimina
  4. Bello, io però avevo la console Sega, che divenne 'mia' poco dopo che i miei la regalarono a mio fratello per la prima comunione! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, appropriazione indebita! :p

      Moz-

      Elimina
  5. Come ti dicevo oggi su Instagram, il Game Gear è stata la prima console di famiglia. Arrivo anche prima del Nes e il Comodorre 64 regalato da mio cugino (perchè non ci giocava più).
    Ricordo che mio padre lo regalò a mio fratello per la sua Prima Comunione. Ci faceva impazzire perchè era a colore, al contrario del Game Boy.
    Ricordo che avevamo:
    - Columns
    - Jurassic Park
    - Dragon Crystal
    - Batman Returns
    - Mortal Kombat II
    - Space Harrier
    - Shinobi
    - Pete Sampras Tennis
    - Legend of Illusion Starring Mickey Mouse
    - Chuck Rock
    - Devilish
    Tutti cartucce che non so minimamente che fine abbiano fatto :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cazzo, ma la Prima Comunione vedo che ricorre tanto :)
      Peccato che non ritrovi più i giochi, sai?
      Oggi il Game Gear è un mezzo cult di nicchia...

      Moz-

      Elimina
  6. ce lo avevo anch'io il Game Gear!

    Anzi sono stato possessore di ENTRAMBE le console portatili del periodo, l'unica volta in cui m'è capitato... anche perchè è stato figlio del caso: presi il GG "qualche" anno dopo ad un mercatino dell'usato a credo un buon prezzo (80.000L nel '98... non so se mi abbiano inculato o meno) con 3 giochi: Sonic, COlumns e Ax Battler (uno spinoff di Golden Axe Zeldoso/Pokemonoso).

    L'ho usato per un lustro, poi l'ho rivenduto a metà anni 2000 (anche perchè altri giochi in giro non ce n'erano quindi GG... che non sta per Game Gear xD).

    Direi che era un prodotto forse troppo ambizioso, visto che usava una tecnologia ancora ai tempi non pienamente supportata (lo schermo a colori retroilluminato che succhiava uno sproposito!), però aveva una buona libreria giochi (praticamente tutte conversioni del Master System), ma il Game Boy era superiore, troppi più giochi e molto più supporto delle case "terze"...

    Inoltre ancora oggi mi sorprende come in un affarino poco più potente di una calcolatrice ci abbiano ficcato giochi enormi come le 2 regioni di Pokemon Oro o S. Mario Land 2 (che era la versione portatile di S. Mario Land!!!) o addirittura Link's Awakening (un "piccolo" A Link To The Past e per certi versi il miglior Zelda di sempre!). Roba che in confronto con gli HW di oggi dovrebbero ficcarci nei giochi l'impossibile ed invece boh... miseri trailerini di giochi su rotaie che durano una decina di ore (se proprio lo finisci al 100%!) e che ti spacciano come free roaming (vedi i nuovi Tomb Raider)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Andrea... era un prodotto troppo oltre per quegli anni, e inoltre il Game Boy poteva vantare già molti titoli più accattivanti (forse è sempre stato questo il gap tra Nintendo e Sega).

      Bei tempi, comunque...

      Moz-

      Elimina