[TV] The Goldbergs, edizione italiana


E' arrivata su Italia1, ogni pomeriggio alle ore 16.00, l'edizione italiana del telefilm The Goldbergs.
Sarà che gli anni '80 stanno tornando davvero di moda (dopo averci provato senza successo attorno alla metà del 2000) e oggi è tutto un revival eighties, ma questo non può che renderci felici.
Specie se ne vengono fuori prodotti di vario tipo, da Stranger Things a The Goldbergs, appunto.

In sostanza, la serie è una situation comedy classica, di quelle che Italia1 già trasmetteva ai tempi.
Lo è sin dal titolo, che richiama i telefilm col nome della famiglia coinvolta.
Lo è sin dal font utilizzato per il titolo.
Niente risate preregistrate (o live) e niente negretti, però.

Lo spirito è quello, ma mixatelo con Malcolm in the Middle. Ok, non così geniale ma assolutamente nemmeno stupido.
The Goldbergs si lascia guardare con simpatia, per mettere in scena le classiche storie da sitcom anni '80 (ambientate negli anni '80) magari senza le restrizioni politically correct degli anni '80.


La trama: Adam Goldberg (basato quasi autobiograficamente sull'omonimo creatore dello show e interpretato da Sean Giambrone) è un ragazzino di undici anni con la spielberghiana passione per le riprese. Così utilizza di continuo la sua telecamera, riprendendo scene di vita quotidiana.
La sua famiglia è composta dall'iperprotettiva mamma Beverly, dall'iroso papà Murray, dal fratello maggiore Barry e dalla sorella maggiore Erica.
Poi c'è l'ottantenne (ma iperattivo) nonno Albert, che trascina il nipote in mille avventure.


Adam è appassionato di cultura pop, e il periodo che vive ne è la culla.
Così, oltre alle trame di ogni giorno (patenti da prendere, scuola, flirt, vestiti...) ci sono anche certi rimandi a grandi titoli, oggetti e situazioni, sin dall'inizio di ogni episodio.

Interessante la voce di Adam quarantenne, che commenta ciò che vediamo -col senno di poi-; interessanti i pensieri reali del capofamiglia, da leggere in sovrimpressione rispetto alla voce che dice tutt'altro.

In sostanza, una serie bella e piacevole, che cattura l'allegria spensierata delle sitcom a cui si ispira ma consapevole di trattare qualcosa di mitologico. Il gioco funziona.

22 commenti:

  1. Scusami Miki, se io volessi condividere i miei post su facebooK devo iscrivermi, è ovvio, ma posso iscrivermi col nome di sinforosa castoro o devo mettere i miei veri dati? Io nn ci capisco niente. Perdona il disturbo.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fino a qualche tempo fa c'erano delle restrizioni che imponevano l'uso di nomi reali. Però credo che il tuo nick vada bene, dopotutto non hanno mai rotto le scatole a me con Miki Moz :)

      Moz-

      Elimina
  2. ... non brutto.. e non demenziale...
    ... per dirla alla Murray...
    ... mi è piaciuto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, ma cosa pensi davvero? Devo leggere i sottotitoli? XD

      Moz-

      Elimina
  3. Niente potrà battere Malcolm... ma se mi ricordo, devo cercare di vedere qualche puntata di questa serie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In assoluto tra i telefilm famigliari e/o sitcom, Malcolm resta il migliore, il più geniale e inarrivabile (altro che Simpsons...)

      Moz-

      Elimina
    2. Telefilm che riescono a mantenere sempre lo stesso (alto) livello dalla prima all'ultima puntata, stagione dopo stagione, sono davvero rari.

      Elimina
    3. Ma infatti han saputo smettere prima che fosse troppo tardi (anche se secondo me potevano tirare almeno fino alla decima stagione...^^)

      Moz-

      Elimina
  4. Ciao Moz,non conosco questo telefim,ma come sempre quando mancano le idee nuove il vecchio impera ed è giusto perché molto del passato e migliore delle novità.
    Complimenti per i tratti di matita del tuo nuovo cartoon,resto in attesa.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui la questione è leggermente diversa: hanno scelto quell'ambientazione perché si tratta di una storia, diciamo, vera.
      Certo, poi hanno scelto di farla con gli stilemi delle sitcom dell'epoca, ovviamente aggiungendo delle cose che a quei tempi non c'erano^^
      Non ho capito la questione del cartoon Oo

      Moz-

      Elimina
    2. La tua,prossima, striscia i tuoi disegni che hai presentato come pilot.
      Ciao f,

      Elimina
    3. Ahh, il MOZLAB!!
      Perfetto... Arriva in primavera ;)

      Moz-

      Elimina
  5. Cioè fammi capire, è una sitcom nuova fatta in stile retro tipo "Arnold", "I Robinson", "Casa Keaton"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che le storie che racconta sono quotidiane tipo quelle lì; l'ambientazione è anni '80 perché si racconta l'infanzia del creatore dello show... ma oltre a rimandi di stile (anche grafico, vedi il font del titolo) non calcano la mano su queste cose e ovviamente il tutto è aggiornato con idee moderne^^

      Moz-

      Elimina
  6. Gli anni ottanta era l'epoca d'oro dei telefilm, prendere spunti da quelli è un ottima idea.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente come struttura funziona, era una formula ben calibrata^^

      Moz-

      Elimina
  7. Mi Hai convinto Miki! La recupererò! Saluti e buon anno!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raf!
      Bene bene, è una serie divertente^^
      Grazie e buon anno a te!

      Moz-

      Elimina
  8. L'ho beccato per sbaglio su Italia 1 un pomeriggio di questi. L'ho trovato molto carino! Quando posso vederlo in tv lo faccio volentieri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anche io lo seguo sempre molto volentieri appena riesco^^

      Moz-

      Elimina