[GIOCATTOLI] Lo Scienziato Pazzo (Mattel)


La figura dello scienziato pazzo non poteva non tornare nei coloratissimi anni '80, stavolta sottoforma di giocattolo.
Una linea prodotta dalla Mattel che ovviamente infarcì il tutto con il suo slime e qualche trucchetto di bassa chimica per stupire i bambini di allora.
Al grido di "Schifido" e "Mostrido", ecco a voi Mad Scientist, Lo Scienziato Pazzo!

Ricorderete gli spot su Topolino e altre riviste per bambini/ragazzi:



Pubblicità terribili perché vi era il bambino più inquietante sulla faccia della Terra, e non per il contenuto che anzi era figo e suscitava interesse in chiunque ha più o meno la mia età.
La linea Mad Scientist, in Italia, arrivò nel 1988.
Nella terra di Trump si vide due anni prima e ovviamente i bambini a stelle e strisce hanno potuto godere di un parco-articoli maggiore rispetto al nostro.

Ma chi se ne frega?
Basta che da noi si siano visti il Dissezione di un Alieno e il Monster Lab.
Ossia le cose principali dell'intera linea.
Il primo era un alieno con la pancia trasparente e apribile, in cui infilare vari organi e lo slime.
Aiutandosi con un bisturi, ci si faceva strada attraverso le interiora per questa schifosa autopsia.
Vediamone un reperto video:


C'è persino una leggenda urbana che riguarda questo specifico giocattolo: da qualche parte nel capitalistico e consumistico mondo anni '80, un bambino dissezionò la sorellina per replicare quanto fatto con l'alieno.
SIETE INTERESSATI ALLE LEGGENDE URBANE PIU' POP? CLICCATE QUI!
Il secondo playset consisteva in una vasca da riempire d'acqua per immergervi degli scheletri precedentemente impastati con una sorta di plastilina. Mischiando il tutto col contenuto di alcune bustine (acido citrico cristallizzato), all'interno della vasca la massa gelatinosa si sarebbe staccata dagli scheletri.


C'erano poi dei kit più piccoli, a partire dai barattolini di slime venduti separatamente fino alla plastilina con gli stampini per creare piccoli mostriciattoli.

Ma, come dicevo, in America la Mattel spinse a tavoletta la linea Mad Scientist: oltre ad avere action figures vere e proprie (e persino un cartoon introduttivo), vi erano anche degli alieni caricati a slime da far schizzare via tipo muco e persino un gioco di società:


E voi ricordate Lo Scienziato Pazzo della Mattel?

Se questo articolo ti è piaciuto, leggi anche:

Sea-Monkeys, le scimmie di mare
Collezione tappi a corona
I migliori giochi di società
Lego Fabuland

34 commenti:

  1. Sono l'unico italiano che, bambino negli anni '80, non ha mai avuto modo di toccare lo slime!:-D Non è per scelta, ma già era un lavoro a tempo pieno farmi comprare Lego e Masters, non è che potevo chiedere pure queste cose :-P
    Ricordo benissimo la leggenda del bambino che dissezionò la sorella, come dici bene la tiravano fuori per qualsiasi giocattolo! Io a 15 anni andavo in armeria a comprare shuriken, che teoricamente era illegale vendermi, e ovunque mi raccontavano che c'era qualche coglione che aveva tirato le stelle ninja in faccia alla sorella.
    Diciamo che l'Italia non è un paese per sorelle :-D
    Ho letto solo ora il tuo post sulle moderne leggende urbane: meriti il premio Nobel ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrei odiarti, Lucius Etruscus!
      Io AMO lo slime, celebrato qui sin dal 2006 in vari post! XD
      Ovviamente la mia passione deriva dallo Slime Pit dei Masters!
      Ahah, io ricordo che attorno ai primissimi anni '90 gli shuriken in vendita erano "circolari", ossia cerchiati tutto attorno con un pezzetto di ferro circolare.
      Grazie mille anche per le leggende urbane e... toglimi dallo spam su Myniatures XD

      Moz-

      Elimina
    2. ahaha non l'ho scelto io, semplicemente non mi è mai capitato neanche di toccare uno slime: non uno dei miei amici e/o compagni di scuola l'ha mai comprato, quindi non ho potuto sperimentarlo neanche di seconda mano.
      Molti shuriken erano arrotondati per sicurezza, ma poi cominciarono ad uscire quelli affilati, o comunque appuntiti. Ne comprai in totale una quarantina, con tanto di bersaglio ninja: se ci unisci il cappuccio in omaggio al videogioco "The Last Ninja 2", capisci che ero un ninja completo :-D
      Per il mio libro "Ninja" ho raccolto alcune leggende che girarono in Italia anche ai primi tempi della trasmissione delle Tartarughe famose, dove si diceva dei soliti bambini che cercavano di imitare i ninja: ci vuole davvero un attimo a metter su una urban legend ;-)
      P.S.
      Continuo a de-spammarti ma la demente WordPress continua a rispammarti. Per fortuna mi fa vedere i tuoi like, così vado subito a de-spammarti. O qualcuno continua, ogni giorno, a spammarti, o WordPress è davvero de coccio!

      Elimina
    3. Non credo che qualcuno mi spammi di proposito, o meglio... voglio sperare di no!
      Ma poi, scusa, se mi mette in spam sul SUO sito, perché dovrei apparire in spam anche altrove? Mah... Ecco perché non sopporto WP.

      Molto presto parlerò anche io delle Tartarughe Ninja, in un modo simile a quello che intendi tu :)
      Insomma, eri un fan del titolo videoludico... immagino quanto potevi gasarti! Poi facevi pure arti marziali quindi...! :p

      Moz-

      Elimina
    4. Ti leggerò con grande piacere ma in realtà odio le Tartarughe. Io sono cresciuto amando i film ninja, che nella loro cialtroneria comunque veicolavano un discorso di onore e violenza: l'arrivo delle TMNT ha distrutto tutto, sostituendolo con umorismo bambinesco. Quel cartone ha spazzato via un intero genere cinematografico dalla faccia della Terra: per carità, roba rozza da due soldi che già se la passava male, ma senza le Tartarughe magari qualcosa sarebbe rimasto. Oggi invece basta dire Ninja per pensare a pizza e fogne...

      Elimina
    5. In realtà la prima incarnazione delle Turtles era quella di fumetto underground violentissimo e pulp.
      Poi venne il cartoon bambinesco che ne ha rinverdito (ahaha) il mito, anche se appunto tra pizza e fogne (una New York napoletana XD).
      In ogni caso, nell'articolo che sto preparando ne parlerò in modo marginale... ;)

      Moz-

      Elimina
  2. A questa linea sono rimasto sempre estraneo, anche mio fratello che era più piccolo di me mi pare non ne abbia mai avuti. Il video però è decisamente eighties :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, io avevo la Dissezione Aliena ma lo usavo anche contro i Masters (alla fine sempre di Mattel si tratta).
      Oggi giochi del genere non li fanno più :p

      Moz-

      Elimina
  3. Caro Moz,questi giochi io me li sono persi per questioni anagrafiche,è un po' di invidia mi rimane.
    Ciao,f.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso immaginare. Perché io ho un sorta di malinconia a riguardo^^

      Moz-

      Elimina
  4. Risposte
    1. Eheh, perché sei fuori target :)

      Moz-

      Elimina
  5. Non faceva per me all'epoca, figuriamoci adesso, proprio uno schifio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto siete delicato, signorino Piter ;)

      Moz-

      Elimina
  6. Lo slime bit era il tormento di noi ragazzine, perché i compagni di scuola ce lo facevano persino colare sui capelli! Per fortuna che era compatto. Sempre meglio delle gomme da masticare che ti ritrovavi su zaino e trecce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta fui colpito anche io da una gomma da masticare XD
      Lo slime era dannoso per moquette e tappeti, li macchiava, e la Mattel in America dovette risarcire molti consumatori... XD

      Moz-

      Elimina
    2. Ah! Le belle pistolette di legno.

      Elimina
    3. Nulla da dire, le amo anche io ;)

      Moz-

      Elimina
  7. Io ero già grandicello per lo slime, ma i miei cugini ci giocavano e di riflesso l'ho tenuto spesso in mano ( scusa il doppiosenso :-P ) anch'io.
    Quando si sporcava era qualcosa di ancora più schifoso.
    Chissà quanti lo avranno assaggiato.
    Io penso in tantissimi. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhh ma qua noi AMIAMO i doppi sensi, eh^^
      Una volta lo slime cadde all'ingresso del panificio di mio nonno, puoi immaginare (no, non l'ho mangiato perché sapeva di pane, intendo che si è sporcato a morte XD)

      Moz-

      Elimina
  8. Oggi la Lisciani produce, molti giochi simili e scientifici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, e ho avuto anche modo di verderli tutto o quasi!^^

      Moz-

      Elimina
  9. Anche io sono fuori target per questo... ma ricordo che alla MIA, di epoca, girava il piccolo chimico e non mi servi' a molto perché credo di essere stato tra i veramente pochissimi ad essere stato rimandato in chimica in primo ragioneria... ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eeh, ma il Piccolo Chimico lo avevo anche io, eh!
      Bramato e ottenuto, fu IL gioco per una estate!
      Ovviamente, pure io 4 in Chimica (non ce ne voglia Marco Lazzara :p)

      Moz-

      Elimina
  10. Mi sa che sono troppo giovane, non me lo ricordo proprio questo gioco :(

    RispondiElimina
  11. Lo scopro solo adesso.. Come ho fatto a non conoscerlo?
    Mi ricorda vagamente "La Fabbrica dei Mostri", ma quella è altra roba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' praticamente una Fabbrica dei Mostri degli anni '80, con tutto ciò che (di figo) ne comporta XD

      Moz-

      Elimina
  12. In effetti quel bambino è urendo!
    La dissezione della sorellina la conoscevo anch'hio come urban legend! Mentre non mi ricordavo del gioco autopsia di un alieno... ma è legale?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, la storiella della bambina viene proprio da questo gioco... Gran bei insegnamenti XD

      Moz-

      Elimina
  13. Peccato, avrei avuto un'infanzia disgustosamente eccitante. A giocare poi con il bimbo dello scienziato pazzo mi sarei catapultata nell'estasi, pur non sapendone il significato :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, io penso che avrei finito per dissezionare lui, visto che sembra un alieno XD

      Moz-

      Elimina