[MISTERI] Effetto Mandela: la possibile spiegazione (razionale) del fenomeno


Sapete cos'è il Mandela Effect? In breve: la convinzione, da parte di ampi gruppi di persone, che alcune cose nella Storia non siano più come sono avvenute.
Ad esempio, abbiamo vissuto un evento A che poi, poco a poco è diventato B: solo che mentre quasi tutti ora lo conoscono come B, alcuni lo ricordano ancora come A.
L'effetto è chiamato così perché tantissimi ricordano la morte (e i funerali) di Nelson Mandela durante gli anni '80. Sappiamo invece che il leader sudafricano è mancato ufficialmente nel 2013, ma molti sono pronti a giurare di ricordare perfettamente la sua morte datandola circa trenta anni prima.

La teoria che spiega questo effetto punta sul sensazionalismo (e un po' sul complottismo) dicendoci che il tutto deriverebbe dalla capacità di attraversare le dimensioni; dalla Terra che in prossimità di un buco nero ha sviluppato universi paralleli che alcuni hanno attraversato (ma di cui sopravvivono briciole di memoria); dagli esperimenti con particelle e altra robaccia quantistica che avrebbe prodotto tali sfasamenti.
Che colpiscono anche e soprattutto la cultura pop.

Tra gli esempi più noti riportati, c'è quello del vero nome della cantante Madonna.
All'anagrafe Madonna Louise Veronica Ciccone: molti però sostengono che per diverso tempo il suo nome sia stato Maria Louise Veronica Ciccone, con ricordi di articoli e servizi a riguardo.
Non so voi, ma io ho sempre saputo che Maria fosse solo uno dei nomi della figlia.
Il problema è che -come per la storiella del viaggiatore del tempo Titor- nulla è verificabile. Perché chi come me ha sempre saputo che Madonna non si chiama Maria, sarebbe passato dalla realtà A (Maria) a quella B (Madonna).
E solo alcuni ricordano qualcosa della realtà A (Maria).
Però, appunto, dovrebbero esserci delle tracce. Gli articoli degli anni '80. Qualcosa con scritto Maria Louise Veronica Ciccone. Perché se i ricordi puoi cambiarli, le tracce no, non le puoi cancellare.

FALSI RICORDI

Proviamo a spiegare il fenomeno.
Anzi, vediamolo al contrario: e se la gente rimasta nella realtà A non fosse poi così speciale?
Magari sono proprio loro ad avere dei ricordi sbagliati, delle convinzioni errate, unite in una sorta di coscienza collettiva o di gruppo.
Non siamo noi del gruppo B (Madonna) a essere stati plagiati, ma sono quelli del gruppo A (Maria) a essersi autoconvinti di qualcosa, probabilmente per uno dei tanti giochi del cervello (mascheramento, sovrapposizione, affiancamento, sostitutuzione di informazioni, processi analoghi a quelli che la mente compie durante la fase onirica).
La realtà A, paradossalmente, non esiste se non nella mente di chi crede esista una realtà B.

ALTRI ESEMPI

In molti giurano che il disegnatore Charles M. Schulz, autore dei Peanuts, prima fosse Schultz.
E che solo da qualche anno quella t nel cognome sia sparita.
Beh, io posseggo pubblicazioni dei primi anni '70 e la firma è sempre Schulz.

da Linus del gennaio 1974

Come i Flintstones sono sempre stati flintstones (in inglese: selce) e mai Flinstone, senza t.
La lingua spesso ci viene in soccorso: evidentemente molti soffrono di una qualche forma di dislessia/disgrafia che colpisce l'uso di certe lettere, per esempio la t.
Molti altri sono pronti a vendere i genitori sul nome del gruppo di Bugs Bunny, Silvestro, Titti & company: il gruppo A ricorda Looney Toons, mentre il gruppo B sa per certo (come riportato in ogni cortometraggio, tra l'altro) che i personaggi si chiamino Looney Tunes.
Chi afferma la prima ipotesi evidentemente non sa che la Warner ha chiamato così questi corti perché gli altri si intitolano Merrie Melodies: quindi tunes e melodies, toni e melodie. Si giocava con la musica, e la parola toons non avrebbe avuto senso.

LE MIE ESPERIENZE

Anche io ho vissuto esperienze coi falsi ricordi, per farvi capire quanto sia un fenomeno assolutamente normale, anche quando è collettivo.
Uno l'ho vissuto da solo, un altro in famiglia e un altro ancora con gli amici: ve li racconto.
Da piccolo noleggiavo di continuo una vhs. Conoscevo a memoria quel film. Decisi di rinoleggiarlo dopo almeno un anno, e ci rimasi male quando vidi che una scena, ora, mancava all'appello. Io ero convinto ci fosse, ma dalla vhs era sparita. Probabilmente mi ero distratto io, perché oggi ho il dvd di quell'opera e la scena c'è. Quindi da realtà A a B tornando alla A.
A casa vedemmo Lady Oscar. Per anni abbiamo sempre sostenuto che finisse in un modo, con un personaggio a raccontare i fatti avvenuti dopo la Presa della Bastiglia.
Rivedendo il cartoon qualche anno dopo, fummo sorpresi di scoprire che quel personaggio muore a due episodi dalla fine: non poteva, quindi, essere lui a comparire nel finale! Eppure io e i miei famigliari lo abbiamo pensato per anni!


SCOPRI COME TERMINA LADY OSCAR: IN QUESTO ARTICOLO IL GRAN FINALE!

Ultimo esempio: sapete quanto io ami i Litfiba. E nello stesso modo anche altri due miei amici, con cui da sempre parliamo della nostra passione. Beh, verso il 2000, tutti e tre noi, discutendo, eravamo convinti -pronti a metterci la mano sul fuoco- che un certo brano fosse incluso in un certo album.
Tutti e tre noi, tutti e tre fan sfegatati che commettono lo stesso errore, condividendo una convinzione -chissà perché- sbagliata.
Quella canzone non esiste in nessun album. E' un singolo e basta.

SPIEGAZIONE

Coi miei esempi -cose da me realmente vissute- voglio far capire che -o da soli, o in gruppo- siamo tutti soggetti a ricordi sbagliati. Autoconvincendoci di qualcosa che non esiste. E ciò può succedere sia un un ambiente dove tutti vivono a stretto contatto (la famiglia), quindi alimentando il falso ricordo a vicenda, sia per gruppi di persone distinte (i fan di un gruppo musicale, ad esempio).
Magari può succedere perché un articolo di larga diffusione sia sbagliato, così da dare informazioni errate alla gente, una cui parte non correggerà mai vivendo nello sbaglio. O che ancora alcune cose siano poi state modificate (restyling, nuove traduzioni, ecc...).
Per me non c'è nulla di così strano, quantistico, buconeroide.
Non c'è nessun complotto dietro: è la nostra mente (spesso collettiva) a giocarci brutti scherzi, modificando la percezione di ciò che ricordiamo.

Voi avete avuto esperienze (singole o collettive) coi falsi ricordi?
Siete stati mai vittima del Mandela Effect?



Thanks to Sandro Army! ;)

76 commenti:

  1. personalmente, essendo distratto di natura, non sai quante volte ricordo un fatto, una cosa letta in un articolo che poi alla verifica dei fatti non era vera...

    Sull'Effetto Mandela, c'è un video dell'Angry VideoGame Nerd al riguardo

    https://www.youtube.com/watch?v=6SDswxi54lY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, grande il video che praticamente smonta l'effetto mandela. Dimostrando che anche le pubblicazioni dell'epoca riportano Berenstain :)

      Moz-

      Elimina
  2. Io credo nel velocissimo galoppo dell'alzheimer. Almeno per quanto riguarda me. Da piccola ho sognato un draghetto verde che mi inseguiva per casa e io non riuscivo a mettermi in salvo. Per quanto assurdo, per anni (molti anni) ho creduto fosse successo davvero.
    Un complotto dei miei genitori per farmi mangiare i broccoli.
    E per anni (molti, molti) ho creduto che l'uomo tigre fosse un uomo con la vera testa di tigre. E ancora adesso un po' ci credo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, il bello è che Tiger Mask esiste davvero come wrestler. Ovviamente è appunto un tiger... mask :p
      La cospirazione dei tuoi per i broccoli è di quelle cose che possono segnarti a vita XD

      Moz-

      Elimina
  3. Bello sto articolo! :D argomenti che mi interessano sempre, tanto che ultimamente li affronto pure io.
    Comunque altro che falsi ricordi, io ho proprio vuoti di memoria ultimamente. Nulla di grave ma mi sono accorto che quando qualcosa non mi interessa particolarmente lo rimuovo, anche se sono eventi condivisi con altri. E lì mi prendono per pazzo.

    CervelloBacato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che succede a te ha un nome: snobismo :p
      Pure io ho vuoti di memoria su nomi e cose di cui non me ne sbatte un cazzo XD

      Moz-

      Elimina
  4. La filosofia quantistica parte dall'osservazione che la realtà univoca e uguale per tutti non esiste.
    La realtà è un'elaborazione mentale soggettiva.
    Siamo in tre a guardare un Picasso appeso alla parte. Io qualcosa la vedo, tu solo un guazzabuglio di colori, mentre il critico d'arte ai colori dà un significato. La realtà banale è che c'è un dipinto appeso al muro, la filosofia quantistica dice che ci sono tre dipinti perché tre persone vedono cose diverse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Realtà soggettive, ma di realtà concreta ne esiste solo una che magari non sarà giusta per nessuno dei tre.
      In ogni caso, non c'è bisogno di scomodare queste teorie: qui si tratta di falsi ricordi, di giochetti della mente molto comuni, che qualcuno rimette su in modo sensazionalistico, ci apre blog e forum e crea un caso degno di Mistero su Italai1 (che, di misterioso, non ha ovviamente nulla... XD)

      Moz-

      Elimina
  5. Mmmm... non è mai accaduto nulla di simile... al massimo qualche ricordo frammentario di quando ero bambino che poi i miei genitori mi hanno aiutato a ricomporre ma niente di così straordinario come scritto nel post.

    Ma, credo come a tutti, mi son reso conto di avere una memoria onirica straordinaria. Ciascun sogno già sperimentato in passato, riesco a ricordarlo completamente nel momento in cui torno a sognarlo, fossero passati anche anni. In stato di veglia non li ricordo, ma appena torno a sognare tutto mi è più chiaro, e trovarsi all'interno di un sogno iniziato mesi o anni prima è stupefacente, perché da parte mia c'è una totale coscienza logico-razionale conseguente di trovarmi nella mia mente e in un posto già visitato, e per di più lucidamente... non so se questo c'entri qualcosa con l'effetto Mandela, anche se non credo... però la mente è affascinante in tutti i suoi aspetti.

    Gli unici che non sperimentano l'effetto Mandela sono gli ipermnestici, ma sai che strazio a ricordarsi tutto, di tutti nel minimo dettaglio... senza avvalersi della facoltà di scarto cerebrale di tutte quelle scorie negative di pensieri infausti.


    Ispy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io riesco a ricordare i sogni mentre li rivivo... ed è una figata.
      No, le questioni oniriche non c'entra nulla con l'effetto Mandela (che però perme ha a che fare con gli stessi meccanismi attuati sui ricordi da Morfeo) ma hai ragione: la mente è affascinante e bisognerebbe studiarla di più :)

      Moz-

      Elimina
  6. Complimenti per il tuo bellissimo blog! Ti seguo!
    Se ti va di ricambiare passa da me:
    http://marycosmesi.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, ti seguo anche io (anche se l'argomento che tratti è ovviamente anni luce da me XD)

      Moz-

      Elimina
  7. Post davvero molto interessante! Per esempio, l'anno scorso ho visto con un amico Deadpool. Usciti dal cinema, abbiamo riso per giorni e giorni per alcune battute, e solo tempo dopo mi sono accorto che una scena che ad entrambi faceva tanto ridere e di cui parlavamo sempre, beh....Non c'era, nel film! Il motivo non lo so nemmeno io, forse l'abbiamo vista in qualche trailer, da qualche parte su internet, in un fumetto, ma resta il fatto che ne eravamo convinti entrambi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Daniel-san! :)
      L'esperienza che hai vissuto è davvero un esempio di Mandela Effect, sai?
      Resta da capire come mai entrambi avete pensato ciò: dev'esserci una connessione^^

      Moz-

      Elimina
  8. Ohibò, che articolo mi presenti oggi!
    Da raccontare ne ho parecchio a riguardo, cominciamo almeno!

    Non sapevo di questo "Effetto Mandela", al più ho sentito dire che Morgan Freeman è stato presidente del Sudafrica, ma mai che Mandela fosse morto nel secolo scorso.

    Mi sconvolge sapere del nome vero di Madonna: a me risulta Louise Veronica Ciccone, come riportava il mio compagno di banco di terza media che la idolatrava e collezionava articoli su di lei. Tempo dopo seppi che il nome vero completo era... Maria Louise Veronica Ciccone! Ho come fotografato davanti agli occhi l'articolo di Sorrisi&Canzoni che presenta "Like a prayer", come la mettiamo?

    Altra vicenda. Leggo il manifesto funebre di un tizio che conoscevo di vista, vedo la moglie vestita a lutto... Tempo dopo vedo il "morto" guidare la sua auto e me lo ritrovo pure nella sala d'attesa dal medico!
    Caso opposto: parlando del Commissario Montalbano con amici, dico che in paese abbiamo un suo sosia e faccio il nome. Mi rispondono: "Semmai avevamo un sosia, chi dici tu è morto da un paio di anni!" Se non che dopo un paio di settimane mi trovo il tizio, vivo e vegeto, in banca, e ci salutiamo pure!

    Indietro nel tempo: nei miei primissimi ricordi... il sabato non esisteva! Dopo venerdì c'era domenica... Mio padre lavorava, a turni settimanali, da lunedì a venerdì, e aspettava la domenica per riposarsi, ma ovviamente non posso dimostrarlo, né lui è più in condizione di ricordare per darmi ragione... :(

    Ho poi alcuni ricordi in comune con amici che però altre persone presenti negano che siano avvenuti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gas, insomma hai vissuto tanti effetti Mandela...
      ...ovviamente dovrei chiederti delle prove, perché la memoria non basta.
      Per esempio, guarda cosa ti ho recuperato:
      un pagina di Rolling Stone del 1984 dove viene detto che il nome di Madonna è... Madonna, come sua madre:
      http://i66.tinypic.com/wjt7yo.jpg
      Quanto alle altre due esperienze, la prima la spiego con un tuo sogno, a cui non hai prestato attenzione e quando hai rivisto il tizio hai detto "ma è vivo!";
      l'altro è ovviamente un caso di... persone diverse: tu e il tuo amico non parlavate dello stesso signore, ma comunque la cosa è verificabile, basta chiedere far vedere al tuo amico che "tizo" è ancora vivo^^

      Oh, meno male che nella mia realtà i sabati esistono, anche se da un po'... lavoro XD

      Moz-

      Elimina
    2. Sulla questione di Madonna, finché non ritrovo l'articolo devo cedere all'evidenza.

      Discorso defunti redivivi.
      Il primo, quello del manifesto, non si è trattato di un sogno, la moglie (cioè la vedova) l'ho vista a lungo vestire a lutto, strana coincidenza se a morire fosse stato un omonimo del marito...
      Nel secondo caso, probabilmente l'effetto Mandela l'ha avuto il mio amico, poiché la persona in questione è inequivocabile trattandosi del padre del gestore di una paninoteca di nostra sporadica frequentazione, e mio ex vicino di casa, parente inoltre di un vigile... Quando vidi in banca il sosia di Montalbano vivo, scrissi un sms a chi sostenne che era morto (ce l'ho ancora) ma non ha mai risposto; poi non ci ho più pensato, anche perché le occasioni per vedere questo amico sono molto poche.

      In merito al sabato, meglio così, anche se gestire attività da fare 2 volte a settimana in un numero primo di giorni (7) non è comodissimo. :D

      Elimina
    3. Ma ci può anche stare che tu abbia letto Maria, eh. Solo che era sbagliato :)
      Sul padre del paninaro io indagherei, chiedendo meglio al tuo amico... chissà come ha fatto a sbagliarsi XD
      Oh, sai che pure io impazzisco a pensare che se i numeri della settimana sono dispari, fare una cosa due volte è atroce? XD

      Moz-

      Elimina
    4. Che fosse sbagliato non potevo saperlo. :(

      La questione del Montalbano locale ormai devo chiarirla! Ci ho pensato in queste ore, l'ipotesi più plausibile è che il mio amico abbia confuso il padre del paninaro con suo nonno, effettivamente morto da alcuni anni. Confusione forse scaturita dall'omonimia tra nonno e nipote.

      Elimina
    5. Ecco, appunto: c'è sempre una spiegazione, tranne alla mancanza del sabato (devi riuscire a capire pure quella!)

      Moz-

      Elimina
    6. C'è sempre dici? Il "mestiere" di tronista a Uomini & Donne, come lo spieghi? :P

      Elimina
    7. Con una gran botta di culo :p

      Moz-

      Elimina
  9. Qualche giorno fa mi pare di aver visto sul tubo un video che parlava di questo argomento, che per quanto argomentato per me è frutto solo di elaborazioni mentali fallaci a causa del passaggio del tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: sono autoconvinzioni, anche di gruppo.
      Sono storie così, spesso per via di marchi effettivamente cambiati.
      Esempio: io e te conosciamo i Kellog's Coco Pops, mentre chi è stato bambino nei primi anni 2000 li ricorda come Choco Pops.
      Poi sono tornati Coco. E quindi per lui, vedere oggi Coco e Coco dagli anni '90 in sotto, sarebbe tipo Effetto Mandela, perché lui ricorda i 2/3 anni di Choco XD

      Moz-

      Elimina
    2. In fatto di marchi: mamma comprava il preparato per semifreddo della "Cammeo" quando ero piccolo... Poi un giorno leggo attentamente il marchio ed ecco "Cameo".
      Convinto per un ventennio di avere sbagliato, poi scoprii grazie a Internet che in effetti in origine era con 2 M!

      Elimina
    3. In effetti è andata così, e penso che altri effetti mandela siano dovuti a casi analoghi.
      Per me il Twix si chiama ancora Raider :p

      Moz-

      Elimina
    4. Cose cui viene cambiato il nome, altre che copiano nomi esistenti... Su Italia 1 c'era un programma sportivo condotto da Cesare Cadeo, "Calciomania"... Svariati anni prima mi regalarono un gioco di calcio con le carte con lo stesso nome! Credo sia l'unico caso di gioco che precede una trasmissione televisiva! :D

      Elimina
    5. Ahahha, in effetti è strano!
      Beh, anche Il (grande) Gioco dell'Oca, dai^^

      Moz-

      Elimina
    6. Con l'accoppiata Marcuzzi-Saluzzi... E chi si dimentica! 😍

      Elimina
    7. Quando la Marcuzzi aveva il naso più grosso del mio (ed era più bella) **

      Moz-

      Elimina
    8. Di più grosso di ora aveva anche altro... ;)

      Elimina
  10. Oddio a parte che hai scoperto il mio vaso di pandora perche io vado in trip quando si parla di multiversi, John Titor, buchi neri ecc. Qualche anno fa ero davvero in fissa e ho letto e guardato un sacco di documentari al riguardo. L'effetto Mandela non lo conoscevo però ammetto di aver avuto anche io diversi episodi, alcuni li ho avuti con battute o pezzi di film mai esistiti o completamente diversi da come io e altre persone li ricordavamo. Forse si tratta di suggestione alimentata reciprocamente. Comunque sia è un argomento molto interessante e affascinante.
    Comunque mi hai fatta spaventare perchè io facevo parte inconsapevolmente di quelli convinti di Shulz con la "t". Ora so che finché non archivio l'argomento mi farò paranoie su tutte le mie convinzioni! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: è uno sbaglio alimentato reciprocamente.
      Sappiamo bene che la mente ci dà anche visioni collettive, quindi perché non dei ricordi? Ovviamente basati tutti su qualcosa cui è facile sbagliarsi... :)

      Moz-

      Elimina
  11. C'è anche una teoria che dice che quando un numero sufficientemente grande di persone crede in qualcosa questo qualcosa diventa reale. C'è chi spiega in questo modo l'attuale esistenza del Necronomicon.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Coscienza collettiva condivisa. CoCoCo.
      CoCoPro.
      No, quelli non esistevano :p

      Moz-

      Elimina
    2. Su questa idea Neil Gaiman ci ha scritto sopra grandi cose.

      Elimina
    3. Anche Miura ha citato la questione... al contrario^^

      Moz-

      Elimina
  12. Mamma mia che post interessante. Adesso mi analizzo un po'.
    Ciao Miki.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi fammi sapere se hai anche tu dei ricordi di realtà alternative^^

      Moz-

      Elimina
  13. C'è un posto in Francia di cui non ricordo nulla se non l'immagine visiva perfetta, in cui ogni tanto, viaggiando in macchina anche all'estero, mi è sembrato di ritrovarmi.
    Difficile da spiegare e non so se si può chiamare Mandela effect.
    Cristiana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assspetta: tu sei stata in questo posto?
      Oppure non ricordi di esserci stata?
      E' una cosa interessante :)

      Moz-

      Elimina
    2. Beh, se ci sei stata... ti ricordi com'è fatta!
      Hai dimenticato tutto il resto, cioè cosa hai fatto lì e quanto ci sei stata? Non ho capito...

      Moz-

      Elimina
  14. Non ricordo di aver vissuto fenomeni del genere, però insomma possono essere diventate talmente vere che le ho "falsate"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti quando abbiamo false convinzioni siamo noi che pensiamo che una cosa sia corretta.
      Qui succede lo stesso, ma in forma collettiva^^

      Moz-

      Elimina
  15. Moz molto interessante come articolo!
    Io sono uno sbadato di natura ma non credo di aver mai vissuto questo Effetto Mandela, o meglio, mi capita che magari ricordo che un amico mi ha raccontato qualcosa, ma in realtà non è stato lui ma l'ho letto altrove. Ma questo capita con persone con cui parlo di varie cose, quindi nella mia mente c'è un mistone XD Vale come effetto Mandela?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, diciamo che è un effetto Confucio (nel senso di confusione :p)

      Moz-

      Elimina
  16. Non sapevo si chiamasse così... interessante!
    E questo è quanto dal momento "Superquark" di MikiMoz!

    (sto pensando a qualcuna di queste accadute nella mia vita, ma non mi viene in mente niente...Ci saranno state di sicuro, eh!)

    RispondiElimina
  17. Molto affascinante l'argomento, e anche un po' inquietante nel mio caso. Ora ti dico anche perché. Prima vorrei sottolineare come non prenderei in considerazioni casi di grafie su parole estere o cambiamenti di lettere (come i casi di Schulz e dei Looney Tunes), lì il semplice errore è dietro l'angolo e può facilmente spiegare tutto. Però io posso dirti con certezza che fino a due minuti fa per me il vero nome di Madonna era Maria, sono andato a controllare su wikipedia. Madonna? Per me è sempre stato solo un nome d'arte, avrei giurato su Maria Louise Veronica Ciccone! Hai modificato tu tutte le pagine?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riporto anche a te una pagina tratta da Rolling Stone del 1984 (tradotta in italiano)
      http://i66.tinypic.com/wjt7yo.jpg
      Maria Lourdes è la figlia di Madonna, quest'ultima invece ha preso il nome di sua madre (Madonna Louise Fortin)^^

      Moz-

      Elimina
    2. Pensa te: mi ricordavo il cognome da nubile della madre e non il primo nome della cantante!

      Comunque l'ipotesi che hai modificato tutte le pagine web non è da scartare a priori. :D

      Elimina
    3. Eheh, potrei averlo fatto: dopotutto io sto coi Potenti della Terra, quelli che ad esempio dicono "ok, facciamo un terremoto indotto che rada al suolo... mhhh, Amatrice? Ok."

      Moz-

      Elimina
  18. Ecco, adesso i miei alunni, di fronte a un 4 di storia mi diranno che hanno vagato in un universo parallelo in cui il libro di testo riportava quei dati deliranti... Uhm... Se riescono a darmi una teoria abbastanza fantascientifica magari do loro 5 per l'esercizio di creatività...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che io li premierei davvero, se mi tirassero fuori una scusa così?^^

      Moz-

      Elimina
  19. Stavolta mi hai stuzzicato troppo e devo inaugurare una rubrica sul mio blog a te dedicata! ^_^
    Prima come appassionato di cinema marziale (che in Italia è considerato peggio degli snuff movies) poi come appassionato di truffe librarie sono abituato alla realtà costantemente falsificata da pessimi giornalisti (lo so, è ridondante, basta dire "giornalista") e scrittori altamente disinformati. Non c'è bisogno di teorie fantascientifiche: l'ignoranza dei media italiani da sola può far collassare l'universo :-D
    Ho un paio di storie molto simili a quelle che hai raccontato e a questo punto è arrivato il momento di tirarle fuori dal cassetto in tuo onore ^_^
    P.S.
    Le edizioni DVD quasi mai corrispondono alle VHS, perché vengono da fonti differenti, quindi è possibilissimo che una scena era presente in VHS ed è scomparsa in DVD. Succede spessissimo anche per film famosi: magari l'edizione italiana era più lunga ed è uscita in VHS con una scena in più, mentre il DVD l'hanno fatto dall'edizione americana censurata e quindi la scena scompare. O viceversa. Come per il giornalismo, la distribuzione italiana è quanto di più scientificamente "a cazzo" possa esistere :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente alcuni esempi di Effetto Mandela sono dovuti proprio a vecchi articoli scritti sommariamente, magari di larga diffusione.
      Oh, i giornali spesso abboccano anche alle bufale più assurde, eh!^^

      Col dvd mi è successa la cosa inversa: nel senso che il suo contenuto era identico alla vhs che vedevo sempre, e che solo una volta mancò di una scena (mi ero sicuramente distratto...).
      Per la cronaca, il film è He-Man & She-Ra Il segreto della spada :)

      Caso contrario col dvd di Con Air che contiene delle anomalie rispetto all'edizione tv e vhs.
      Il criminale travestito diceva sempre "yuhuu, uomini in uniforme!" alla vista degli sbirri che stavano per arrestarlo.
      Nel dvd questa battuta manca.
      Ma nel dvd c'è la vera morte del cattivo (ma vista in tv se non in alcuni passaggi attuali) e la scena della moglie di Cage che viene importunata dai due troglo, all'inizio.

      Moz-

      Elimina
    2. Grazie ad Evit del blog "Doppiaggi Italioti" ho scoperto un universo a me ignoto, fatto di riversamenti fallati e di DVD fatti a casaccio. FIguriamoci con film d'animazione arrivati malamente in Italia e non curati come meriterebbero!
      Come sai sono un fan malato dell'universo di Alien, e collezionando ogni edizione home video ho cominciato a fare confronti... scoprendo che le VHS italiane dei primi anni Novanta sono diverse dalle edizioni successive e da quelle digitali.
      Per esempio hanno cancellato l'ululato di Hudson da Aliens e per anni abbiamo ascoltato il Predator ridere in un certo modo, nel finale del film, e dal DVD in poi... la risata è diversa!
      Addirittura in Alien fra VHS e DVD si sono persi delle voci italiane per strada...
      Spesso i master a cui ci si rifà sono diversi e per questo andrebbero conservate tutte le edizioni VHS italiane, perché spesso si rifacevano a originali ormai persi: i DVD partono tutti da originale americano, che non sempre era quello che abbiamo visto noi in TV e in videoteca!

      Troppo spesso i giornalisti scrivono di corsa e non sentono l'esigenza di andare a controllare le fonti. Oggi sono facilmente sbugiardabili e magari un pochettino - poco poco - ci stanno attenti, ma prima di Internet facevano a gara a chi sparava la cazzata più esagerata, e c'erano nomi che cambiavano mille volte e neanche nello stesso pezzo trovavi scritti uguali! Altro che la "t" di Schulz :-D

      Elimina
    3. Ogni tanto anche io seguo Doppiaggi, vorrei farlo di più ma davvero ascoltare un lungo video non è facile come leggere un post... il tempo è quello che è.
      Molto bello e interessante questo mondo fatto di piccole differenze... Anche io le notavo tantissimo, una volta, ora non me ne sovvengono. Ma ci si potrebbe fare un post!
      Anzi, una mi è venuta in mente e riguarda un episodio dei Masters: esiste doppiato in due versioni, una del titolo La storia di Sorceress e una al titolo La storia della fattucchiera. Solo che nessuno si ricorda della cosa :o

      Moz-

      Elimina
  20. A me è capitato questo episodio strano: quando ero piccola, avevo fatto una fascetta per capelli da regalare a mia mamma e l'avevo decorata con due perline di plastica. Dato che non ne avevo trovate due dello stesso colore, ne avevo messa una gialla e una blu.
    Fin qui tutto ok, se non fosse che, quando mia mamma apre il pacchetto, le perline sono tutte e due blu. È abbastanza improbabile che la carta da regalo fosse magica e avesse fatto cambiare colore alla perlina, quindi deve trattarsi di un ricordo sbagliato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, capisco il tuo sconcerto perché anche a me succedono cose simili. Tipo so che ho per certo messo qualcosa da qualche parte, ma poi la ritrovo altrove.
      Chissà perché il cervello si convince di certe cose... Oo

      Moz-

      Elimina
  21. Ti sembrerà strano ma è la prima volta che sento parlare di questo effetto chiamato Mandela, perché in verità conosco l'effetto stesso ma no che avesse un nome ;)
    Comunque credo che sia capitato a tutti, forse anche a me di aver avuto un falso ricordo di un particolare dettaglio, esempi però adesso personalmente non ne ho :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sai perché? Perché è sicuramente qualcosa di noto da secoli ma qualche complottista moderno ha sensazionalizzato il tutto, dando un alone di mistero e creduloneria.
      Come se io, ora, filmassi la pioggia e dicessi "Effetto Acquario", scende dell'acqua dal cielo!

      Moz-

      Elimina
  22. Anche io ho avuto qalche ricordo sbagliato ma poi sono andata a cercare la verità.. xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...che è molto più semplice (e pure affascinante, se pensiamo ai meccanismi del cervello) di ogni fantasia quantistica o complottistica^^

      Moz-

      Elimina
  23. Ho appreso leggendo il tuo post che questo fenomeno viene chiamato "effetto Mandela". Ma davvero c'è chi sostiene che Mandela sia morto nel secolo scorso??? o_O
    Comunque, a parte questo, sono concorde con te sul fatto che si tratti di fenomeni di autoconvinzione di gruppo o anche di un singolo se capita (ma di gruppo certo è più eclatante!). Il cervello è una strana macchina... ;-)
    Mannaggia che adesso non mi sta venendo in mente nulla del genere che mi sia capitato in prima persona...uff! Ma di certo è successo, magari riguardo a piccole cose, ma è successo.

    E sai che poco fa ho pubblicato da me un post che non c'entra direttamente con questa cosa in realtà, ma comunque evidenzia come l'inconscio ci gioca dei tiri curiosi a volte... :-)

    Ciao Miki, buona serata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Corro a leggere da te!
      Vero, è che ci autosuggestioniamo... addirittura, informandomi sull'argomento, sono venuto a sapere che parte di ciò deriva dal fatto che l'8 novembre 2016 è stata resettata la storia, perché aveva vinto la Clinton distruggendo la Terra.
      Per fortuna ora ha vinto Trump, che al massimo mette il muro ai messicani XD

      Moz-

      Elimina
  24. Sai che non sapevo minimamente dell'Effetto Mandela. Hai fatto un ottimo articolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, contento che ti sia piaciuto.

      Moz-

      Elimina
  25. Certo che il discorso di Mandela morto negli anni 80 è proprio il massimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche perché, ripeto, Morgan Freeman è ancora vivo XD

      Moz-

      Elimina