[SERIE TV] Twin Peaks 3 - recensione episodi 1 e 2


Sky commette l'errore più bello della mia vita.
Nonostante ieri avessi fatto le 3, a causa di lavori in casa mi sono alzato alle 9.
Leggo in giro che c'è già Twin Peaks disponibile on demand. Mi arrivano segnalazioni, messaggi, sms.
Mi fiondo a vedere: è vero.
Ho visto i primi due episodi della nuova stagione di Twin Peaks.

Era dall'11 giugno 1991 che attendevo questo momento.
Non sono rimasto affatto deluso.
Twin Peaks è tornato. Queste sono le mie sensazioni.

LA TRAMA (ATTENZIONE PICCOLI SPOILER)

Dopo un'introduzione che ci mostra la famosa scena di Laura Palmer che dà appuntamento a Cooper tra 25 anni, ci spostiamo proprio di 25 anni in avanti nel futuro.
Un po' a Twin Peaks -dove ritroviamo Jacoby, Benjamin e Jerry Horne, la Signora Ceppo, Hawk, Lucy, Andy, Sarah Palmer, Shelly e James alla Roadhouse-, ma soprattutto fuori, in giro per gli Stati Uniti.
C'è un ragazzo di New York che come lavoro osserva continuamente uno strano box di vetro ripreso ogni istante da diverse telecamere: qualcosa potrebbe o dovrebbe apparire, lì dentro.
C'è un delitto su cui indaga la polizia di una cittadina del South Dakota.
C'è Cooper. Anzi ce ne sono due: uno è quello fuggito via dalla Loggia Nera nell'ultimo episodio della serie originale, e l'altro è il protagonista di Twin Peaks, rimasto lì dentro per 25 anni.
Il primo, a piede libero, persegue scopi indecifrabili ma ha una certezza: non vuole certo rientrare nella Loggia.
Il secondo ha modo di rivedere il Gigante, Laura, ma anche Leland, MIKE e il Nano, ora evolutosi.
Il viaggio è appena iniziato...

LA STRUTTURA

La particolarità di questo Twin Peaks è che non è una serie televisiva. Sì, avete capito bene: non è una serie tv, non ha l'impalcatura da serie tv, non ha la struttura tipica di una serie tv.
Non è nemmeno un film, perché un film per quanto lungo possa essere non dura 18 ore.
E un'opera telecinematografica suddivisa in 18 parti. Indipendentemente da ciò che queste parti contengono. Non pensate quindi di trovare tutti i personaggi sin da subito, come fosse un pilot introduttivo di una serie tv. Nemmeno i grandi nomi appaiono in questo doppio incipit. Twin Peaks è già stato televisione, è già stato cinema, ora si è evoluto in un nuovo linguaggio.

L'AMBIENTAZIONE

Inizialmente può disorientare. Molto girato del primo episodio si svolge fuori Twin Peaks, e tratta storie apparentemente slegate alla mitologia che conosciamo. Ma ovvio che non sia così, e infatti già dal secondo appuntamento Twin Peaks esplode in tutta la sua forza, regalandoci un finale musicale in cui ci sentiamo finalmente davvero a casa. E soprattutto, ne vogliamo di più.
Twin Peaks è sempre Twin Peaks, ma non siamo più negli anni '90. Ora è il 2017, e gli anni passano per tutti.
Poteva essere un banale revival in cui tutto sarebbe sembrato come il sessantenne che gioca a fare il ragazzino che fu. Ridicolo. Per fortuna non è così: ciò che succede alla Roadhouse ne è l'emblematica prova, visiva e acustica. A proposito della musica, grandi brani che accompagnano bene ogni scena.
Il tempo è passato, la gente è invecchiata, i luoghi sono gli stessi.
Sin dalla sigla.

LA SIGLA

Falling non poteva essere sostituita. Sarebbe stato un sacrilegio e per fortuna la opening è rimasta la stessa. Solo più corta, così non la salti nemmeno (diventa una piacevole abitudine), non ha più i nomi degli attori (i credits sono solo nel finale, così non sai chi apparirà nell'episodio) e presenta immagini diverse dalla sigla classica, o quasi.
Perché boschi e cascate sono quelli, ma in più c'è la Loggia Nera. Ecco, vediamola.

LA LOGGIA NERA

E' il luogo-non luogo, simbolo della serie, il mistero più grande nonché teatro di una delle scene che fecero cambiare per sempre il volto della televisione.
Ma se negli anni '90 ci entrammo due volte, ora perde quasi il suo status di gloriosa e spaventosa zona inaccessibile per diventare quotidiana, al pari dei boschi o del Great Northern.
Una scelta voluta, sicuramente, perché forse adesso non c'è più nulla di misterioso, lì. Chissà in quale altra Loggia ci porteranno Frost e Lynch.

LA REGIA

Lynch gioca molto con se stesso: dopo un trunk shot alla Tarantino, ci mostra un pezzetto di carne umana che ci fa tornare in mente l'orecchio di Velluto Blu.
Inquadra Sarah Palmer che guarda documentari in tv, ma chi di noi non ha fissato lo sguardo sempre e solo su quello specchio alle sue spalle, dove sappiamo si vide BOB per la prima volta nell'episodio pilota del 1990?
In molti ci vedranno Fuoco Cammina Con Me o Mulholland Drive nelle scelte registiche, ma io dico che no, questo è Twin Peaks e basta, ancora una volta.
Scene pacate, ragionate. Per ora lontane anche dalla distorta frenesia di INLAND EMPIRE.
Fotografia di un freddo avvolgente, caldo, e non è un paradosso: è opera di grandi artisti.
Persino gli effetti speciali computerizzati sono particolari, quasi naif, e fanno ancora più impressione proprio per questo.

L'EDIZIONE ITALIANA

Per certi versi, l'adattamento italiano destinato al doppiaggio è stato migliore rispetto ai sottotitoli: ciò che avevano prima tradotto con "eredità" (heritage) è stato invece meglio reso con "retaggio", intentendo una derivazione culturale legata a una stirpe (Indiani d'America, in questo specifico caso, e di certo è un elemento fondamentale).
Meno incisivi i dialoghi al contrario nella Loggia Nera, che risultano un po' freddi rispetto a quelli del passato.
Per il resto, Benassi torna su Cooper e fa un ottimo -doppio- lavoro.

Insomma, il ritorno dei ritorni, che fa ripartire un viaggio che non s'era mai arrestato. Nella mente e nel cuore.
Welcome (back) to Twin Peaks.

59 commenti:

  1. Errore dici? Può essere che hanno voluto "giocare" anche quelli di Sky?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facile, può essere una mossa di marketing ma conoscendo Lynch non credo che gli farà piacere... :)

      Moz-

      Elimina
    2. Condivisi anche su Dailymotion ma poi rimossi per violazioni... Su Google Immagini c'è ancora qualcosina...

      Elimina
    3. Mi mandi il linkper vedere le immagini?

      Moz-

      Elimina
    4. Cerca semplicemente "twin Peaks the Return part 1" e poi "... Part 2".

      Elimina
  2. Risposte
    1. contattami in privato e ti dico.
      Qui fino a stanotte non scrivo nulla per rispetto generale^^

      Moz-

      Elimina
    2. Giusto, sennò salgo in Abruzzo con la roncola e ti "accorcio le basette"... 😄

      Elimina
    3. Ahaha, comunque metterò tutto con scritto SPOILER bene in vista :)

      Moz-

      Elimina
    4. Ciao Miki :)
      Il post sul gioco quando arriva?
      Moritz-

      Elimina
  3. Questo errore, commesso oggi e in questo modo per di più verso la serie evento Twin Peaks, ce lo ricorderemo ancora fra 30 anni, mossa di marketing o meno che sia. Stamane, svegliatomi, subito ho aperto fb dal cell per vedere cosa succedeva per il mondo, oggi che poi è davvero il Twin Peaks day... e mi ritrovo notizie che parlano dei due primi episodi già fruibili su on demand sky e now tv... vedo addirittura chi fa dirette mentre vede Twin Peaks, e mi brucio qualcosina, ma menomale fa parte del girato del 1990... e mi dico: sta succedendo veramente?

    Scendo in soggiorno, e controllo subito su on demand sky eh... c'erano veramente! Scarico subito gli episodi in HD, ringrazio il cielo che ho la fibra ottica ed è accaduto tutto in pochissimi minuti... un'oretta dopo gli episodi scompaiono... ma io lì ho già salvati. Oggi pomeriggio mi sarà impossibile guardarli, ma stasera, di certo non alle 3, me li vedrò con calma, al buio e con le cuffie, per non farmi sfuggire nulla. Ho atteso tutti questi anni, attenderò qualche altra ora, e li vedrò comunque in anteprima. :p


    The Doc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una mossa di marketing, quasi sicuramente.
      Ma che mi ha regalato un'emozione stupenda.
      Cosa può succedermi di più bello, oggi? :)

      Moz-

      Elimina
    2. Sei un grande Miki.
      Ciao.

      Elimina
    3. Qualcosa di bello è successa anche oltre Twin Peaks :)

      Moz-

      Elimina
  4. Viva Twin Peaks!!!
    Moritz-

    RispondiElimina
  5. A questa storyline viene alternata la storia di Cooper. Il vero Dale è ancora nella loggia nera, il Cooper che cammina in questo mondo è Bob. Complimenti a Kyle McLachlan per il doppio ruolo, è assolutamente credibile in entrambe le parti.il cubo di vetro è un portale,
    La prima affascinante storyline parla di un ragazzo che lavora in uno strano magazzino, controlla un cubo di vetro. Una ragazza, chiaramente cotta di lui, gli porta il caffè tutte le sere, ma non può mai entrare nella stanza del cubo di vetro, controllata all’entrata da una guardia. Quando misteriosamente una sera la guardia non è lì, il ragazzo che controlla il box di vetro lascia entrare la ragazza per un po’ di petting, e magari qualcosa di più (sì, ora siamo sul via cavo, Lynch può denudare tutti).

    Scopriamo che questo cubo di vetro è una specie di portale. Il ragazzo attende impazientemente che qualcosa si materializzi, è il suo lavoro. Non era mai successo. Beh, fino a quando ovviamente non decide di farsi la ragazza. E allora… qualcosa arriva. Qualcosa di brutto, oscuro. Inizio a capire perché Lynch parlava di cose “più spaventose di Bob.” Il Twin Peaks originale faceva paura, qualche volta, e aveva i suoi momenti terrificanti, questo revival mette la quinta sul fattore creepy e paura. Sì, è molto più spaventoso dell’originale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wè, chi sei tu? :)
      In ogni caso, la prossima volta avvisa scrivendo SPOILER nel commento, ok?^^

      La vedo come te, ma il mio giudizio arriva stanotte... e ne riparleremo :)

      Moz-

      Elimina
    2. Infatti, almeno finché non esce la versione italiana sarebbe bene commentare scrivendo SPOILER... La modifica dell'articolo in cima alla pagina mi ha tuttavia salvato...
      Quindi fammi capire: seguirai e commenterai sempre gli episodi in lingua originale? Così mi regolo se accedere o meno alla pagina...

      Non è che è il caso di attivare la moderazione dei messaggi?

      Elimina
    3. A breve tolgo questo post e lo riprogrammo per stanotte, aggiornato con tutto il mio commento. Così dopo la puntata potete commentarlo.

      Ogni lunedì troverete il post con i commenti all'episodio in lingua originale ma il venerdì penso di fare un post VIDEO (magari da caricare sabato) per quello in lingua italiana.
      Insomma sarà un'estate fottutamente bollente **

      Moz-

      Elimina
    4. che scena epica quella della glass box :D

      Elimina
    5. Anche metaforica, se vogliamo...

      Moz-

      Elimina
  6. Così come ne scrivi viene voglia anche a me di vedere le prime due puntate su sky atlantic.

    RispondiElimina
  7. ah però, un'ottima recensione.

    Ci sono voluti 25 anni, ma pare che Lynch abbia fatto centro. Anche se forse era come mirare un'ambulanza con un bazooka...tanto hype per questa terza serie..ma c'è anche da dire che quando più la cosa è attesa, poi c'è il rischio di deludere le attese.

    Mi sembra di capire che essendo stati sdoganati sesso e violenza (scusate l'uso di questi termini generici) nelle serie tv, Lynch potrà andare un pochino più sull'acceleratore e in effetti vedendo la prima mitica serie ho notato che probabilmente l'assenza di questi due elementi secondo me un pochino (un pochino eh) si sente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era facile anche sbagliare tutto.
      Non possiamo saperlo. Io sono pienamente soddisfatto: è Twin Peaks (in altro -nuovo- medium narrativo) ma è sempre Twin Peaks, come se nulla fosse cambiato, ma avendo cambiato tutto.

      Non è troppo scabrosa, si mantiene pacata, ragionata, senza eccedere mai. Ho visto di peggio in Dexter (sempre Showtime).

      Moz-

      Elimina
  8. MA ci credi che sta notte, quando è partito, io avevo gli occhi velati dalle lacrime per l'emozione?
    Comunque qui converge tutto il cinema di Lynch e non solo, ci sono riferimenti visivi ai corti e vere e proprie autocitazioni. A me la cosa che ha fatto storcere il naso è il comparto effetti. Sembra quasi che Lynch abbia voluto fare videoarte utilizzando il digitale per riproporre l'analogico. Sinceramente non mi è piaciuto ma, parafrasandolo: "il film è suo e ci mette tutti i conigli che gli pare"!

    Detto questo ho notato una cosa e la metto sotto SPOILER








    Non è Bob a possedere Cooper. Credevo avremmo visto questo, invece ad avere il controllo sembrerebbe proprio il doppelganger. Bob deve essere da qualche parte lì dentro, fa da co-pilota ma non è lui a guidare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è sicuramente una scelta estetica precisa, videoarte -come giustamente dici-
      A me ha creato un effetto tra futuro ma anche straniante passato.

      SPOILER




      Vero, BOB ha approfittato dell'uscita del doppelganger di Coop per continuare ad agire al di là dalla Loggia.
      Quindi è un supercattivo: il doppio negativo di Cooper con BOB dentro XD

      Moz-

      Elimina
    2. SPOILER













      E' un supercattivo, ma deve avere qualche lato positivo. O il doppio è solo puro male? Nel senso che in tutti i noi ci sono aspetti negativi. Il doppio non li dovrebbe avere, giusto?

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Mi sono reso conto di aver scritto una cavolata... quindi SPOILER





      Solitamente il doppelganger dovrebbe essere speculare, il risalto dei caratteri negativi. Quindi è tutto ciò che c'è di male/negativo in Cooper. Indem per tutti gli altri, ad esempio il Nano.

      Elimina
    5. ah ecco. Ovviamente come Miki sa ho scarsa competenza sulla materia: sto studiando :D

      Elimina

    6. SPOILER






      Vedremo se anche il doppio ha un punto debole...
      è tutto da scoprire, ancora^^

      Moz-

      Elimina
  9. Ciao Moz,DOMY
    Spoilera quanto vuoi prima,durante, dopo,che chissà quando potrò guardare la nuova serie di TP! XD Ah,che goduria gli "errori" inaspettati. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, avremo modo di parlarne molto, non preoccuparti.
      Viva gli errori (pare proprio lo sia stato, nessuna mossa di marketing), perché ieri per me è stata una giornata meravigliosa :)

      Moz-

      Elimina
  10. Accidenti, sembri un bambino la mattina di Natale! Ahahah!
    A proposito: secondo te si chiuderà definitivamente col 18° episodio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ieri chiunque mi abbia visto e sentito, ha detto che ero RAGGIANTE :)
      No, a ottobre esce un nuovo libro (The final dossier) e chissà... è un mondo che non può morire^^

      Moz-

      Elimina
  11. L'attesa più potente, sana ed energetica che ho mai sperimentato in vita mia... nulla potrà mai eguagliarla, manco l'arrivo di un figlio... sì, sono disumano. :p

    Tornare a Twin Peaks dopo 25 anni ti fa assolutamente avvertire tutto il tempo che è passato dall'ultimo episodio della seconda stagione ad oggi, ed è così. Il tempo può fermarsi, ma poi deve ripartire prepotentemente, e ne è passata di acqua sotto i ponti e si avverte. I protagonisti sono cresciuti, maturati, cambiati... ma Twin Peaks è sempre lei... quei boschi, quei colori, quell'atmosfera che rimarrà tale anche fra altri 25 anni, ed ecco che sono i posti a rendere tutto immutato se vogliamo.

    E' stato e sarà ancora bellissimo ritrovare ciascuno di loro e vedere come va le loro vite... su di me questa serie gioca una fortissima componente emotiva, e avevo giocato un po' a prevedere quando e dove mi sarei emozionato, e ho sbagliato tutto e di questo sono felicissimo... mi sono emozionato a guardare il nuovo Twin Peaks e ciò che è nuovo mi ha già colpito, senza ricorrere alla sicurezza di una pura nostalgia... la magia sta funzionando e io sono lì, come un passante che osserva tutto ciò che accade, senza aver la prepotenza di dover per forza capire... semplicemente esserci, poi arriverà il tempo in cui la nebbia si diraderà, anche se non del tutto, perché a Twin Peaks c'è sempre un po' di foschia. ;)


    The Doc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, di certo non si capisce molto da questi due primi episodi, e credo sia semplicemente una matassa ingarbugliatissima che ha cominciato a sciogliersi.
      Vedremo dove si finirà, tra città americane e boschi.
      Twin Peaks ora è declinato a un mondo più vasto, tuttavia Twin Peaks resta.

      Moz-

      Elimina
  12. Finalmente ho visto questi due e il terzo e ho potuto leggere il tuo post.
    Che dire, molto ma molto interessante. Anzi, ti dirò che mi intrigano quasi di più gli eventi FUORI Twin Peaks rispetto a quelli nella Loggia e nella cittadina, anche se ovviamente ho avuto un tuffo al cuore nel vedere quell'accozzaglia di rughe e botox che sono diventati il 90% dei protagonisti (si salvano giusto Hawk, Lucy e la povera, povera Signora del ceppo, davanti alla quale sono scoppiata a piangere senza ritegno).
    Al momento non mi esprimo per quel che riguarda trama, regia, ecc. però ora come ora l'ho trovato un po' troppo mindfuck, della serie "io sono Lynch e DEVO fare così, ve lo aspettate, no?" mentre preferivo la Loggia Nera centellinata. E gli effetti speciali, brutti davvero. Ma, come ho detto, mi esprimerò solo alla fine :) Per ora, bentornato Twin Peaks!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli effetti sono in puro stile Lynch, quasi retrò. Come nella scena dell'ascesa di tu-sai-chi nella Loggia. Molto da film anni '30, e siamo invece nel 2017.
      Effetto straniante.
      La trama per ora è abbastanza fumosa, è cioè un mistero che deve essere svelato (cosa rappresenta la carta jolly? di chi è il cubo di vetro? cosa vuole quella gente da Cooper e perché Cooper conosce quelle persone?). Insomma, di misteri ce ne sono molti e dobbiamo essere come Hawk e Margaret (grande, hai ragione, ha voluto essere per l'ultima volta con noi!) per capirlo^^

      Moz-

      Elimina
    2. Scusa ma



      SPOOOOOOOOOOILERANZAAAAAAAAAAAAAAAAA




      Il simbolo dell'asso di spade mostrato a Darya da Black Cooper non è molto simile a quello che si trova sul famoso anello? Un po' meno stilizzato e al contrario ma è comunque un "blob" centrale con due orecchiette, me lo ha ricordato parecchio. Potrei ovviamente sbagliare, anzi, sbaglio di sicuro!

      Elimina
    3. E' vero, ricorda quel simbolo, il mais (o gufo).
      Chissà, chissà ^^

      Moz-

      Elimina
  13. SPOILER:








    Avete notato l'indirizzo sulla carta d'identità del preside del liceo? Quando appare sul pc alla centrale di polizia? Omaggio a Wes Craven?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altro easter eggs. Titoli di coda della prima puntata, quando appaiono i membri del cast, guardate in corrispondenza del nome di Carel Struycken ._-

      Elimina
    2. Ehehe, sì: chissà perché.
      Anche nel terzo episodio alcuni credits sono strani... :)

      Non avevo notato la storia di Craven, fighissimo^^

      Moz-

      Elimina
  14. Ne butto li un'altra:



    SPOILER




    La... "testa"... dell'evoluzione del braccio: io l'ho trovata un autocitazione di Lynch alla "creatura" di Eraserhead, la testa sembra simile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, moltissime cose provengono da tutta la carriera lynchiana...!
      Come se questo TP fosse anche una summa della sua arte:)

      Moz-

      Elimina
    2. L'ultima poi chiudo... ma il barista della Roadhouse? A me sembra un volto familiare... uno di 3 fratelli... (l'attore perlomeno dato che il personaggio avrebbe difficoltà a lavorarci adesso)

      Elimina
    3. Sì, l'attore è quello che interpretò Jacques, ma ora stando ai credits interpreta Jean Michel Renault, sicuramente un parente dei tre poco raccomandabili fratelli^^

      Moz-

      Elimina
  15. Ho iniziato il recupero degli arretrati, finalmente.
    S
    P
    O
    I
    L
    E
    R
    Due episodi molto diversi tra loro: una prima parte che mi ha ricordato le varie vite dei personaggi di "Lost", destinate a incrociarsi nel passato, nel presente o nel futuro... Quel cubo di vetro mi ha riportato alla mente gli esperimenti del progetto DHARMA.
    La seconda puntata, invece, scala una marcia e inizia a darci qualche spunto sulla situazione dei due Cooper... Splendida la sequenza alla Roadhouse, mi ha richiamato le analoghe scene delle prime due stagioni, dove però sul palco c'era Julee Cruise, e non quella sosia di Gloria Guida. :D E Shelly l'ho trovata moooolto bene, non c'è che dire! ;)
    A me pare chiaro che il preside arrestato sia stato posseduto da BOB: l'attore ha avuto alcuni atteggiamenti che ebbe anche Leland...
    Non mi sono piaciuti molto alcuni effetti speciali, tipo Laura che emula il veghiano Gandal, o la dissoluzione di Cooper all'inizio...

    Domanda: due sceriffi Truman?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che Lynch abbia scelto volutamente degli effetti vecchio stile, a volte mixandoli con qualcosa della sua arte moderna...
      Non so, non riesco a vederci altro che Twin Peaks, perché TP viene comunque prima di LOST e di tutte queste derivazioni...

      Due sceriffi Truman?
      Posso solo dirti che (rivelazione del libro di Mark Frost, Le Vite Segrete), Harry Truman ha un fratello maggiore, Frank, che è stato sceriffo prima di lui e poi ha lasciato la città. Si chiama Franklin (detto Frank, altro nome di presidente) e fu lui a dare a Tommy Hill il soprannome Hawk :)

      Moz-

      Elimina
    2. Non discuto sul fatto che TP precede Lost, mi riferivo alla lunga sequenza in quel magazzino/laboratorio che mi ha ricordato una delle stazioni del progetto DHARMA... Nelle stagioni precedenti non c'era molta tecnologia applicata, a parte qualche cenno fatto da Maggiore Briggs... Forse sono le stesse ricerche che da militari sono diventate sponsorizzate da un riccone, che se ho ben capito non si è ancora visto ma centra con quel tizio che da due mazzette di soldi al suo impiegato... Coi nomi nuovi non ci ho fatto ancora familiarità, mi sono concentrato sugli indizi enigmatici raccolti da Cooper.
      Le faccende del Cooper "bobizzato" sono al momento troppo intricate, non so se è una mia impressione perché ho visto gli episodi sul tardi, o se davvero ci si capisce poco. Lui cerca un oggetto come quello raffigurato sull'asso mostrato da Dyana, ma tutto quel suo dare ordini a quei "colleghi" (dove le ha trovate Lynch quelle facce così grottesche???) per ora non fa altro che confondermi.

      Comunque Franklin non è mai stato presidente sebbene abbia ricoperto vari incarichi politici importanti per gli Stati Uniti ed essere amico di Thomas Jefferson. ;)

      Elimina
    3. Sì, diciamo che per ora sono solo dei tasselli di un puzzle tutto da ricostruire, con pochi elementi.
      Quanto a ciò che sta succedendo in giro per l'America, tiene fede alle parole della seconda stagione, quando Briggs parlava di un pericolo nazionale...
      Vedremo.
      Mi piace che vengano citati Jeffries e Briggs, come personaggi sicuramente cardine... **

      Secondo me dietro tutto questo c'è una sorta di setta, che ha come simbolo la carta da gioco mostrata da Cooper...

      Moz-

      Elimina
    4. La setta è possibile ma un po' scontata... Mi aspetto qualcosa di più complesso, del resto in 25 anni Bob di danni ne deve avere fatti parecchi! Nell'arco narrativo di due episodi vengono uccise 6 persone (se non ho contato male), figuriamoci in 5 lustri di tempo! 😱

      Elimina
    5. Intendevo dire... loggia massonica, più che altro^^
      Sì, io credo di sapere già chi Coop ha fatto fuori di importante^^

      Moz-

      Elimina