[PENSIERI/SERIE TV] mondi ideali: qual è la vostra San Junipero?


Un annetto fa fu trasmessa in bingewatching la terza stagione della serie antologica Black Mirror.
In questa serie ogni episodio è a sé, completamente scollegato dai restanti.
E proprio il quarto episodio è stato quello più discusso, almeno sul web, probabilmente perché intriso di cultura pop.
Il mio discorso però vuole andare a parare altrove, diciamo "oltre" l'episodio in sé.
Vi avviso: dovrò fare spoiler sulla puntata intitolata San Junipero, per parlarne.

IL RITORNO DEGLI '80

La puntata della serie Back Mirror è ambientata nel 1987. Impeccabilmente ricostruiti, anche in questo caso -dopo Stranger Things-, gli anni '80 tornano a farla da padrone.
Ci siamo già chiesti il perché di questi "ritorni", il motivo di tali scelte.
Considerato che persino il redivivo IT è adesso ambientato negli anni '80, appare chiaro che finalmente quel che credevo/auspicavo sta succedendo: vi avevo parlato di noi, generazione di mezzo che sembrava scomparsa. La generazione dei Ritorni.
Ossia quella arrivata in ritardo, presa nel mezzo, che sembrava non dovesse esplodere più. Ma che invece ora ha finalmente potere d'acquisto e che ha vissuto proprio l'epoca magica dove il top dei prodotti della cultura pop è sorto: ne abbiamo parlato qui.
San Junipero è un episodio che giunge per questa generazione.

il Tucker's, locale dove prende via la vicenda del telefilm

HEAVEN IS A PLACE ON EARTH?

Attenzione spoiler!
La puntata ci parla di mondi ideali e ricordi. San Junipero è la summa degli anni '80 (ma anche degli anni '90 o 2002, a seconda dell'annata che si sceglie). È il ricordo perfetto, quello che chiunque avrebbe del passato.
Anche noi, noi della generazione di cui sopra, abbiamo idealizzato il nostro passato, cristallizzandolo in un mega-momento che comprende solo le cose belle.
È perfettamente normale.
Arginiamo le brutte esperienze, o tutte le cose noiose, e si vive in un ricordo costante di un passato ideale e perfetto.
San Junipero è una città su una baia; locali glam, luci fluo, videogames, drink, mare, spiagge, auto e musica sempre al top. Il Paradiso è un posto sulla Terra, recita la famosissima canzone di Belinda Carlisle che si sente spesso durante l'episodio. E c'è un perché: San Junipero è un paradiso per davvero.


LA VOSTRA SAN JUNIPERO

Attenzione spoiler!
Alla fine della puntata si scopre la verità su cosa è San Junipero: un mondo artificiale creato per far sopravvivere le nostre coscienze anche dopo la morte.
Chi decide di fare il "passaggio" ottiene una vita eterna dove tutto sembra vero e lo è; nel senso che non si tratta di realtà virtuale, ma realtà innestata nella nostra coscienza che continua a vivere dopo la morte del corpo.
Ognuno sceglie l'annata che preferisce e vive lì in eterno, in questa città ideale
dove vige solo il divertimento.
In sostanza: lì dove le religioni non possono dare certezze (c'è effettivamente vita dopo la morte? Siete pronti a giurare di sì?), la scienza ha creato un aldilà lontano dalla concezione classica dello stesso, fabbricando un paradiso sull Terra, seppur mentale. Un aldilà ideale per ognuno, dove comunque sono tutti connessi.
Ora, vi domando: voi accettereste di vivere in eterno in un mondo così? E, se sì, quale sarebbe il vostro paradiso ideale? Qual è la vostra San Junipero?

le due protagoniste dell'episodio

LA MIA RISPOSTA

Qui ci ricolleghiamo a inizio post: gli anni '80 ideali, la generazione perduta.
Sono attimi che, per tantissimi di noi, significano molto. Ci hanno fatto stare bene, siamo stati davvero felici. Edonismo, certo. Materialismo, ovvio. Ma riconosciamolo: siamo figli di questo, e ci piace. Ci piace nello stesso modo in cui odiamo la deriva odierna del medesimo sistema.
Quindi, io rispondo: sì, farei il "passaggio". E il mondo ideale l'ho già creato da me, prima di Black Mirror, col medesimo scopo: cristallizzare un passato idealizzato, con la presenza -fin dove possibile- di sole cose belle.

È il posto dove siete adesso. Il Moz O'Clock è la mia San Junipero.
E sto già sperimentando con voi, da anni, questa possibilità.

30 commenti:


  1. L'idea è carina, Black Mirror è probabilmente la miglior serie degli ultimi anni,

    ma la risposta è no.
    Non voglio la vita eterna, fanculo il paradiso.

    Non voglio ballare, voglio farmi male, la rivolta ormai è un fatto personale, lasciatemi stare. Cit.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, può essere anche l'inferno, se non ami gli anni '80 XD

      Moz-

      Elimina
  2. Amo questo genere di post! Sì, vidi l'episodio l'anno scorso infatti ma onestamente non mi posi troppe domande, ma ora sei tu a farmele pensare. A me il concetto "eternità" disturba, e un loop continuo non so fino a quanto possa piacermi. Sì, io non sono nato negli anni '80 quindi i miei primi ricordi vividi del circostante iniziano proprio con la morte di Lady D., quindi ho vissuto la mia infanzia da quell'anno fino al 2002/2004. Di quegli anni rimpiango Distretto di Polizia 1-4, la PS One, la prima Xbox e il mio monopattino elettrico... e sì, anche gli amici di quell'età: "Non ho mai più avuto amici come quelli che avevo a 12 anni. Buon cielo, ma chi li ha avuti?" Sono gli anni delle prime scoperte e anche dell'esplosione delle amicizie ma anche del trastullo. Eppure, di certe cose del presente non ne potrei far a meno: smart TV, SKY, PC e fibra ottica! XD Non tornerei mai indietro per privarmi di questi vettori, mezzi e canali... potrei far a meno dello smartphone perché per me il PC è insostituibile, ma le altre cose no. Vivo con interesse il mio presente e ricordo con amore nostalgico il mio passato.

    Non riesco ad immaginare la mia San Junipero che paradossalmente potrebbe essere anche quella che vivo se certe cose fossero leggermente migliori. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bella cosa, sai?
      Cioè ami il tuo presente e se fosse tutto un po' migliore sarebbe il tuo mondo ideale.
      Ora, al di là della cosa che ho detto sul mio ipotetico aldilà, anche per me è così. Certo, vorrei rivivere alcune cose, spesso sensazioni, ma non possiamo far altro che ricordarle^^

      Moz-

      Elimina
  3. Io non rimpiango un periodo, ma la spensieratezza che avevo in qualsiasi minuto,ora,giorno,mese ed anno prima del 2003.
    Escludendo i dieci mesi del militare o meglio non tanto l'esperienza in sé ma la forma mentis con cui affrontai quell'esperienza.
    Io mi sono reso che non è tanto quello che fai, ma con chi lo fai.
    Quindi quale sarebbe il mio paradiso ideale?
    Non saprei, aprire il portone con le chiavi di casa e trovare la mia famiglia al completo.
    I tormenti amorosi e sessuali di un tempo, le amicizie di allora, i primi anni di vita del mio nipotino, il ciuffo che non ho più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, un salto nel passato ideale anche per te.
      Eh lo so, tante cose si perdono via via, dalle persone ai ciuffi.
      E' la vita, purtroppo...

      Moz-

      Elimina
  4. La mia San Junipero esiste già, anche senza scienza. Non è tanto il Moz O' Clock, bellissimo blog del quale sono assiduo visitatore, quanto..i miei sogni.

    Nei miei sogni ad esempio è ancora vivo mio nonno materno, evidentemente la persona che più rimpiango tra quelle che ho perso. Nei miei sogni ci sono spesso mercatini e negozi con Topolino, i vecchi Guerin Sportivo, talvolta anche giocattoli, ma appunto giocattoli vecchi, magari quelli come 'Eldorado' dei soldati Lego che sono state idee (sogni mi pare eccessivo) non realizzate. Nei miei sogni c'è anche Bologna, c'è l'appartamento con Alby e Mazz, ci sono loro, anche se in genere è più rappresentata la partenza che l'arrivo, segno che delle due il momento più bello era quello in cui si avvicinava il ritorno a casa.

    Ci sono anche piccole, medie e grandi cose che non ho. Dunque è questa la mia San Junipero :). La mia dimensione onirica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo: nei miei sogni tutto ciò che non c'è più continua a vivere.
      Anche io ho sogni vividi di prodotti commerciali vari. Il vero peccato è svegliarsi e non poterne godere per davvero...

      Moz-

      Elimina
  5. L'ideale sarebbe rivivere gli anni '80-'90 con le possibilità che ho adesso, cioè stipendio e casa (quasi) tutta per me :) Ma in effetti a certe cose moderne non potrei mai rinunciare purtroppo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, pure io vorrei riviverli oggi, con le condizioni di oggi XD

      Moz-

      Elimina
  6. Allo stato attuale, credo che accetterei anche io. In questi mesi percepisco più "vera" l'ipotesi che la mia anima possa evolvere dopo la mia morte in una nuova nascita, piuttosto che passare in un costrutto che vedo troppo antropizzato, cioè i tre regni dell'oltretomba raccontati da Dante... E men che meno passerei volentieri l'eternità in Paradiso, dato che in terra sono stato più accolto, rispettato e trattato con sincerità da gente bestemmiatrice, sbattezzata, atea, che da quelli che non mancano mai a una Messa, a un rosario, a una processione...

    Quale è la mia San Junipero (l'accento dove va, a proposito?)?
    Scelta ardua: come luoghi e tempi reali direi gli anni vissuti tra l'85 e il 95... evitando il 1996 perché teatro di una vicenda che non vorrei rivivere per tutto l'oro del mondo, se non per i suoi primissimi giorni...
    Come luoghi e tempi immaginari, la scelta è tra:
    - l'Alkadia di Capitan Harlock, possibilmente nel ruolo di Yattaran!
    - l'Enterprise-D di Star Trek, come semplice guardiamarina con ambizione a diventare tenente.
    - l'isola perduta di Conan il ragazzo del futuro, come uno dei tanti emigranti da Hyarbor dopo la fine della guerra contro Indastria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha Gas, ma la gente che citi mica andrà in paradiso! Per loro c'è un inferno più cupo e malvagio dei bestemmiatori XD

      San Junipèro ;)
      Anche io sceglierei una data complessiva fino al 1995, e se posso ci aggiungo fino a agosto 1996 XD
      Il luogo? San Junipero va benissimo, sembra una Miami eterna XD

      Moz-

      Elimina
    2. Lessi questa frase: Se andrai in Paradiso ti stupirai di tre cose: esserci arrivato, non troverai chi credevi ci fosse, troverai chi credevi che non ci fosse.
      Per cui, scelgo da me le mie compagnie. 😉

      Elimina
    3. Eheh, e invece io scelgo da me il mio paradiso^^

      Moz-

      Elimina
    4. Anche io, ma anche "grazie" di quella frase lì, che vedo come un avvertimento su cosa aspettarmici da quello "canonico"... ;)

      Elimina
    5. Beh, di certo non ci troveresti alcun uomo di chiesa XD

      Moz-

      Elimina
  7. Sono solo alla prima stagione, leggerò la parte spoiler del post quando avrò visto la puntata e ti risponderò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va bene, ma tanto ogni puntata e a sé.... quindi in realtà puoi vedere San Junipero anche subito ;)

      Moz-

      Elimina
    2. Sì, ma io le stavo guardando in ordine... o almeno, credevo, perché ho scoperto poi che Netflix mi stava mostrando solo la terza stagione!
      Comunque ora l'ho guardata e mi è piaciuta molto. Devo dire che io sarei più dalla parte di Kelly, cioè mi fa un effetto strano pensare di poter stare in eterno in quel mondo, cristallizzato nel tempo.
      Per quanto riguarda la mia San Junipero, non credo che mi piacerebbe passare il tempo in discoteca e non saprei scegliere un'epoca in cui mi piacerebbe aver vissuto, perché non le conosco bene. Devo dire che, terrorismo a parte, mi trovo bene nel presente.
      Però l'idea di base di San Junipero non sarebbe adatta per me, perché io vorrei sempre scoprire cose nuove, quindi un mondo cristallizzato per l'eternità probabilmente sarebbe più un inferno che un paradiso...

      Elimina
    3. Eheh, visto che alla fine l'hai visto prima del previsto (e siamo a tre visti XD)?
      Oh ma guarda, gli anni '80 sono sempre tutti da scoprire...! :)

      Moz-

      Elimina
    4. Ho capito... ma non è colpa mia se sono nata dopo! :/

      Elimina
    5. Non ti piacerebbe tornare indietro?^^

      Moz-

      Elimina
  8. Neanche a farlo apposta ho visto questa puntata proprio stamattina e ne parlerò prossimamente (insieme a tutta la terza stagione), anche se una cosa la potrei dire e cioè che mi piacerebbe davvero andare a San Junipero e non importa che anno, anche se forse gli anni '80 sarebbe la scelta migliore ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, mi sa che ci incontreremmo lì, allora :)

      Moz-

      Elimina
  9. La mia San Junipero personale, Pensieri Cannibali a parte, potrebbe essere collocata nel 1991, quando i Nirvana esplodevano e in tv spopolava la prima stagione di Twin Peaks...

    Oddio, a pensarci bene, e a ripensare al BOB di quei tempi, mi sa che potrebbe rivelarsi un incubo continuo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti sì... siamo entrati negli anni '90 con Pennywise e BOB, bello non è XD

      Moz-

      Elimina
  10. Non ho letto la parte spoiler perché in un futuro remoto recupererò e la mia memoria funziona ancora bene.
    Riguardo It, già lo volevo boicottare con quello orribile Pennywise (da quando le monete sono sagge?), con testone da nano, poi quando ho saputo della nuova ambientazione... ti saluto! Cresciuto negli anni 80, amo gli anni 50 e 60 (Mercoledì Da Leoni, Stand By Me, La Bamba - il film, non la coca - solo per citare i primi che mi vengono in mente) e avrei preferito si restasse fedeli al libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso lo abbiano fatto sia per la moda attuale -gli '80 spaccano, oggi-, sia perché vogliono rivolgersi... a noi! :D

      Moz-

      Elimina
    2. Gli 80 spiccavano ieri, spaccano oggi e spaccheranno domani e per sempre!

      Elimina
    3. E ora stanno tornando^^

      Moz-

      Elimina