[FUMETTI] Ken il Guerriero, l'episodio pilota del 1983


Prima che Ken il Guerriero diventasse l'icona cult del fumetto giapponese, prima dell'arrivo ai testi di Buronson, il disegnatore Tetsuo Hara ebbe modo di pubblicare una "prova generale" per il maestro della Divina Scuola di Hokuto.
Due episodi che abbiamo visto anche in Italia (nel 1994 e in ristampa nel 1998 sulla rivista Express) e che pongono le basi per quel che sarà.
Infatti, proprio il successo ottenuto da questi due capitoli a fumetti spinse alla creazione della serie regolare del manga, da cui derivò il cartoon che tutti conosciamo.

Il Kenshiro che troviamo in questi due episodi disegnati è diverso dal guerriero di Hokuto che conosciamo.
Kenshiro Kasumi è un adolescente, guida la sua Honda tamarra per le strade del Giappone e lo stesso mondo è ancora quello che conosciamo, prima del conflitto nucleare che aprirà alle vicende della serie classica.


Ken, quindi, ci viene presentato col nome completo (nella storia si recupererà il cognome -sempre omesso nella serie regolare- solo negli ultimi manga con protagonista l'antenato del nostro Ken).
Un po' come Mad Max dal quale trae ispirazione, anche in questo inizio non è ancora presente quel set postatomico che rimase impresso nella memoria di tutti: Ken è sì un discendente di Hokuto, ma è anche un ragazzo che vive una vita normale in una qualunque metropoli.
Ha una ragazza, Yuki, che purtroppo assiste al brutale omicidio di un politico per mano di un sicario che fa parte del Tempio Taishan, altra scuola di arti marziali.


Da quel momento in poi, Ken -che se gonfia i muscoli diventa grosso, paradossalmente, come il Ken adulto della serie classica!- deve scontrarsi con la corruzione della polizia locale e con i cattivoni del Taishan.
Nella prima parte della storia risolve la faccenda "politica", mentre in un secondo capitolo successivo, si infiltra all'interno del Tempio Taishan per finire l'opera.


Qui la storia si fa già più simile al Ken di sempre, tra violenti criminali, arti marziali e scuole secolari, sebbene l'ambiente urbano sia ancora presente.
In un episodio filler della serie animata, il n. 33, Kenshiro affronta proprio uno dei nemici visti in questi due capitoli, come omaggio agli stessi.

Ami Ken il Guerriero? Leggi anche
Come finisce la storia

Le immagini sono prese dai numeri 1-4 della rivista Express, ed. Star Comics 1998

34 commenti:

  1. Avevo completamente rimosso questo pilota e pensa che leggevo Express, almeno i primi numeri, poi mi sono rotto.
    Lo andassi a leggere ora, sarebbe come la prima volta...
    Però ricordo che più che pilota, credevo fosse una storia ambientata nel passato, magari scritta dopo. Se non ricordo male non erano un granché gli editoriali, forse manco c'erano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le origini del mito è il manga da cui hanno tratto un'anime di 26 episodi in cui c'è un Kenshiro che è lo zio di Kenshiro, ambientato negli anni '30. Devo ancora vederlo!

      Elimina
    2. Quello lo conosco, anche se non l'ho mai letto.

      Elimina
    3. Ema, hai cambiato avatar? :)
      Express rivista che non poteva durare: erano tutte serie lunghe, impossibili da leggere a un episodio al mese. Editoriali? Solo verso la fine, forse si resero conto che c'era bisogno di LEGGERE e non solo fumetti.

      Ric: questo manga viene chiamato Ken il Guerriero Le Origini, che non ha nulla a che vedere con Le Origini del Mito (ma parte che, essendo l'autore lo stesso, abbia proprio voluto riprendere l'idea di una Hokuto ambientata in un mondo non postatomico, come appunto in questo pilot)

      Moz-

      Elimina
    4. Sì, ho cambiato, ho messo la stessa che ho su WP, tanto le mutande di Superman in piccolo non si capivano.

      Era la mensilità ad essere sbagliata, anche in Giappone i manga escono prima in una rivista contenitore ma una volta a settimana! Leggere I''s era estenuante.

      Ah, non avevo capito che Riky non avesse capito.

      Elimina
    5. Vero, doveva essere ALMENO quindicinale, ma anche lì sarebbero sorti problemi, perché comunque il prezzo era quello che era (5, 6 mila lire) e in Japan le riviste così costano pochissimo.

      Moz-

      Elimina
  2. Interessante il pilot, ahah lì il politico se la passa male, vista la sua morte.

    Sempre piacevole conoscere nuove cose sul mito di Kenshiro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già: e di quella morte verranno incolpati Kenshiro e suo padre, ma ovviamente saranno mazzate per tutti!^^

      Moz-

      Elimina
  3. Vedi questo lo ignoravo.. a me ultimamente e’ piaciuto moltissimo la serie spin-off su Raoul

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Shhhh che ancora non la leggo :)

      Moz-

      Elimina
    2. Io l'ho vista come serie tv, non l'ho letta :)

      Elimina
    3. Ahh okok, beh... non l'ho nemmeno vista :)

      Moz-

      Elimina
  4. Interessante, sapevo dell'esistenza di questo "episodio pilota" ma non avevo mai approfondito la vicenda.

    Comunque nel panorama giapponese è usuale usare questi capitoli autoconclusivi per testare il gradimento del pubblico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, e -come anticipato- molto presto parleremo proprio di questa cosa qui (e altro, legato ai manga di target shonen^^)

      Moz-

      Elimina
  5. Avevo letto il primo capitolo di questo Pilot, ricordo anche Express rivista e- concordo con te- era fatta male non poteva durare...ed infatti non durò poi molto.
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto il tempo di presentarci ONE PIECE :)
      Peccato, però, perché le riviste contenitore di fumetti sono comunque una figata...

      Moz-

      Elimina
  6. Di Ken il Guerriero ricordo solo la meravigliosa, bellissima sigla italiana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, meravigliosa ed epica :)

      Moz-

      Elimina
    2. Tra le sigle, anche per me è la preferita in assoluto :)
      Tom * Cat rulez :)

      Moz-

      Elimina
  7. mio fratello buonanima, si guardava il cartone in tv :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che condividesse la visione con mezza Italia^^

      Moz-

      Elimina
  8. Sei un genio! Sapevo di questo pilot cartaceo di Hokuto no Ken, però non ero mai riuscita a trovarlo e quindi posso solo ringraziarti per il post fantastico che hai messo su!
    Un abbraccio

    ps: ti chiedo un ragguaglio. Quand'è che l'autore ha deciso di inserire l'elemento post atomico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque, questi due episodi vennero pubblicati tipo "prova" su Fresh Jump nel 1983. Visto il grande successo di pubblico, che ne chiedeva altri, subentrò Buronson alla sceneggiatura e con Hara si intuì che un mondo postatomico alla Mad Max poteva funzionare meglio per metter su la vicenda di Ken... e così, qualche tempo dopo, nacque l'Hokuto no Ken che conosciamo^^

      Moz-

      Elimina
  9. Il manga mai letto, ma l'anime era uno dei miei miti giovanili.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, credo di molti: la gente che esplodeva era violenza pura e gasante, per un ragazzino **

      Moz-

      Elimina
  10. Il mio primo amore ♥ Però non ho mai letto il fumetto, solo TV.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi due episodi sono inediti in animazione, ma uno dei nemici qui affrontato è stato usato in un episodio della serie animata :)

      Moz-

      Elimina
  11. No, non conoscevo ma d'altronde non mi meraviglio: i miei non volevano che guardassi questo cartone da piccola (troppo violento) e non l'ho mai guardato dopo. Dovrò recuperare.

    Notte Moz :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è qualche bel film animato riassuntivo, moderno, se vuoi recuperare agilmente^^

      Moz-

      Elimina
  12. Mi mancava, ma ammetto che non sono un grande fan di Ken il Guerriero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ecco, allora non ti ci sei imbattuto per ovvi motivi^^

      Moz-

      Elimina