[come finisce] #KenilGuerriero


Come finisce?
La rubrica -spoiler- che svela i finali delle serie più famose!
Perché se tutti ricordiamo di cosa parla un'opera, quasi nessuno ricorda mai come questa va a finire!
Oggi tocca alle vicende di Kenshiro, l'uomo dalle Sette Stelle di Hokuto!

L'OPERA IN BREVE

In un mondo postatomico frequentato da bande di predoni venuti direttamente da Mad Max, a combattere le ingiustizie si erge il granitico Kenshiro, l'ultimo discendente della Divina Scuola di Hokuto.
Dopo aver fronteggiato diversi avversari, accompagnato dai fedeli Burt e Lynn, e dopo aver chiuso i conti coi fratellastri Raoul e Toki, il mondo sembra essere in pace e forse Ken può vivere serenamente nel ricordo della sua amata Julia.

IL FINALE

Burt -il ragazzino che si accodò a Ken anni prima, ora uomo- vuole donare al suo amico Ken un regalo speciale per farlo vivere in pace.
Nonostante si stia sposando con Lynn, Burt preme i punti di pressione della ragazza per fare in modo che lei ami la persona che lui crede sia nel suo cuore: Kenshiro.


Sulla tomba di Julia, Mamiya racconta a Ken dell'accaduto, e prega il guerriero di Hokuto di portar pace nel cuore di Burt.
Ken però viene colpito da un fulmine e perde del tutto la memoria...
Sembra che il destino abbia volutamente assecondato Burt: sia Ken che Lynn non hanno più alcun ricordo, quindi possono ricominciare una vita da zero.
Assicurandosi di lasciare la ragazza in buone mani (Burt assolda due energumeni che vengono massacrati da Ken, seppur solo grazie a ricordi latenti delle sue capacità combattive...), il biondo guerriero lascia i due amici alla loro nuova vita.
Ma Mamiya si rende conto che non è ciò che Burt vuole davvero, innamorato da sempre di Lynn...


I guai non tardano però ad arrivare: Borge, un vecchio nemico che Ken rese cieco, è in cerca di vendetta e sta setacciando ogni landa alla ricerca dell'uomo dalle Sette Stelle.
Burt e Mamiya si imbattono in una carneficina: Borge fa crocifiggere chiunque gli capiti a tiro, desideroso di rivalsa nei confronti di Ken.
Capendo che il guerriero di Hokuto, senza memoria, non potrebbe fronteggiare questo pericolo, Burt decide di sacrificare la sua vita e, facendosi sette cicatrici sul petto, si spaccia per Kenshiro presentandosi al cospetto di Borge.


Burt viene catturato e torturato in ogni modo possibile da Borge, mentre poco lontano Ken e Lynn si ritrovano nel paesino dove -anni prima- i due (e Burt) si conobbero. Il guerriero di Hokuto comincia a ricordare qualcosa...
Mamiya intanto, non potendo più sopportare la vista delle indicibili sofferenze a cui Borge sta sottoponendo Burt, prova sia a uccidere il nemico che il ragazzo stesso.
Ma in quel momento arriva, in tutta la sua cazzutaggine, il vero Kenshiro.



Il grido disperato di Burt risveglia completamente la memoria sopita del guerriero di Hokuto: Ken libera il ragazzo dicendogli che per lui è un fratello minore e non lo lascerà morire in quel modo.
Borge attacca, ma trova la furia di Ken sulla sua strada.


Ken massacra Borge, che però in un ultimo disperato tentativo cerca di accoltellare Lynn.
E' Burt, stavolta, a intervenire: uccide Borge ma muore egli stesso, trafitto dalla pugnalata del nemico.
Prima di spirare, ha tempo di intuire che sia Ken sia Lynn hanno recuperato la memoria.


Lynn decide di restare sulla tomba di Burt, avendo finalmente capito che è l'unica persona che abbia mai amato.
Ken va via, allontanadosi per sempre.
Lynn e Mamiya, poco dopo, scoprono con enorme sorpresa che Ken aveva premuto i punti di pressione di Burt, riportandolo in vita: il guerriero di Hokuto ha sconfitto la morte.

Kenshiro, con l'approvazione di Julia dal cielo, decide di continuare a combattere in giro per il mondo, contro chiunque stia commettendo ingiustizie.


E, mentre scorrono i titoli di coda, ritroviamo Ken in un villaggio assaltato dai soliti predoni punk.
Un paio di uatatatatà e giustizia è fatta.
"Tu sei già morto!", pronuncia al capobanda mentre questi esplode, colpito dalla sua ennesima, letale mossa della Divina Scuola di Hokuto.


MA...

Il finale della serie televisiva è diverso: omettendo completamente questo svolgimento, chiude con la storia di Kaioh e l'isola dei demoni.
Oltre alle due serie animate degli anni '80, nuove storie sono state introdotte nella trilogia animata del 2004, dove Ken fronteggia un tiranno che detiene il controllo sulle risorse idriche delle sua città.


Le tavole a fumetti sono tratte da Ken il guerriero vol 27, marzo 1999, edizioni Star Comics.

Scopri anche il finale di
Dragon Ball
I segreti di Twin Peaks
Walker Texas Ranger
Lady Oscar
Occhi di Gatto

20 commenti:

  1. Sempre adorato Ken! C'è chi c'è cresciuto da adolescente. Io invece ho iniziato all'asilo e elementari con Ken e poi sono passato a Dragon Ball. Ahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io anche prima Ken e poi DragonBall... Ken comunque è troppo 80's! **

      Moz-

      Elimina
  2. Io conoscevo solo il finale dell'Anime. Effettivamente non ho mai letto il manga...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il finale dell'anime è molto loffio rispetto a quello del fumetto...

      Moz-

      Elimina
  3. Conosco Ken il guerriero e conosco pure un ragazzo che ne era un grande fan :) La violenza eccessiva nella finzione dei cartoni animati non mi disturba affatto (hai mai visto gli Happy tree friends?), ma se mai dovessi vedere l'anime, dovrei prima controllare che non vi siano stati apportati tagli di nessun genere.
    Petralia Alaskana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Italia il cartoon è arrivato in edizione integrale.
      Rispetto al fumetto, hanno alleggerito qualcosa già in patria durante la trasposizione (ad esempio mettendo in controluce le esplosioni). Resta in ogni caso un'opera violenta...^^

      Moz-

      Elimina
  4. Bellissimi i disegni del manga...l'autore doveva essere armato di una santissima pazienza! xDDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il tratto tra l'altro migliora notevolmente volume dopo volume...

      Moz-

      Elimina
  5. In vita mia ho vinto più di una birra perchè sapevo questo finale ;-) gran post! Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, è o no una cosa che sanno in pochi?? XD

      Moz-

      Elimina
  6. io non ho mia visto ne letto Ken il guerriero...
    non è il mio mood diciamocelo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, tu sei una signorina perbene^^

      Moz-

      Elimina
  7. Conoscevo il finale, tra parentesi bisogna ricordare che essendo Buronson un grande amante dell'Italia ha inserito molti nomi storpiati di città, nomi e cose italiane nel suo manga.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra i giappi non solo lui, anche ad esempio l'autore di Jojo ha fatto queste citazioni.
      E Miura -di Berserk- ha poi sempre modo di omaggiare l'Italia. Insomma, piaciamo^^

      Moz-

      Elimina
  8. Non conoscevo questo finale :) Beh, che dire, Ken può tutto, resuscita pure i morti ed è sempre pronto a fare a pugni con tutti come Steven Seagal :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha :)
      Bhe, Ken -come il nuovo cristo- sconfigge la morte ;)

      Moz-

      Elimina
  9. Ken è sempre Ken !!! Veramente un fumetto/cartone che non mi ha mai annoiato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, non stufa mai perché ha uno schema semplice ma che funziona^^

      Moz-

      Elimina
  10. Cosa dire caro Moz, "Hokuto no Ken" è una serie leggendaria. E il finale del manga, che ho avuto la fortuna di leggere, è davvero uno dei finali più belli, commoventi e intensi. E l'ultima vignetta? Il manga non poteva finire che con la frase che rappresenta l'essenza di Ken Shiro, ciò che ci piace di più. La sua faccia imperturbabile e sicura di sé nel momento in cui comunica al crudele avversario il suo misero destino di morte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una frase iconica.
      Bellissima.
      Lui, che ha sconfitto la Morte, dona la stessa ai nemici.
      Peccato che l'anime non finisca così...

      Moz-

      Elimina