[LO SBLOCCARICORDI] sedie e banchi scuola Legnotúbex



Lo Sbloccaricordi è la rubrica che mostra, di volta in volta, oggetti e feels del passato... ed è anche un gruppo Facebook che vi invito a raggiungere!
Lo Sbloccaricordi di oggi è particolare, perché molto localizzato.
Effettivamente non so nemmeno io quanto può essere circoscritto, questo ricordo: spero di scoprirlo con questo post.


Sicuramente siamo in Puglia, e sicuramente in provincia di Foggia: l'adesivo che vedete nella foto era attaccato su tutte le sedie, su tutti i banchi e pure gli armadietti presenti nelle aule scolastiche di ogni genere e grado.
Legnotúbex San Severo: la marca di quei mobili in legno e tubi di ferro che ho visto per 5+3+5 anni in totale, tra elementari, medie e superiori.
Senza contare anche le sedioline dell'asilo.


Oggi non so se sia ancora questa azienda del foggiano a rifornire le scuole di zona, e ignoro se la Legnotúbex fosse presente anche nelle scuole di altre province e regioni.
Chi di voi ha mai visto questo adesivo?

LEGGI ANCHE

[RETROSPOT] Chicco, devi farne di strada (1989)

         


Oggi voglio prendervi per la nostalgia più malinconica.
Torniamo sulla Chicco dopo lo spot "vita spericolata" (QUI), e andiamo a fine anni Ottanta per una pubblicità poetica, bella, particolare.
Devi farne di strada, bimbo.
Cantava così il jingle di Franco Godi, con quel sound un po' cantautorale e vagamente country (all'italiana), che si sposava perfettamente con le immagini: un bambino in salopette e scarpine gialle Chicco, si avventurava "per il mondo".

[SIGLE MENO FAMOSE] Petali di stelle per Sailor Moon (C. D'Avena, 1997)

 

Dopo la quarta sigla italiana (QUI), è giunto il momento di tornare sulle opening tricolore della serie Sailor Moon per riascoltare insieme un'altra delle sigle meno famose di questo anime.
Già, perché se tre canzoni su cinque sono famosissime, le sigle della quarta e quinta stagione lo sono un po' meno.
E oggi vi presento dunque Petali di stelle per Sailor Moon, scritta nel 1997 come intro dell'ultima serie del cartoon, che giungeva alla sua naturale conclusione.

[CHI DIMENTICA È COMPLICE] Stranamore: Glenda, Alessandro e il vaffanculo

        


Era il 1994 quando su Canale 5 impazzava Stranamore: storie che -garantivano- dovevano essere oneste ma che probabilmente non sempre lo erano (in TV cosa lo è?).
Un intermezzo della trasmissione, fulmineo e senza bisogno né dell'iconico camper bianco né del jingle tratto dall'All you need is love dei Beatles: tutto si svolse in studio, in due minuti.
Il compianto Alberto Castagna introdusse al pubblico la giovane Glenda, bella ragazza col vocione da commendatore: era arrivata per chiedere pubblicamente scusa al suo ragazzo, Alessandro, mettendo da parte l'orgoglio.

[MUSICA] le tante anime di The Rhythm of the night (Corona, 1993)



Brano estivo per antonomasia, The Rhythm of the night esce in realtà a fine 1993.
Canta, sulla carta, Corona (al secolo Olga Maria de Souza), artista brasiliana naturalizzata italiana.
La canzone è uno dei simboli dell'eurodance anni '90, italianissima e ricca di curiosità.
Ed è anche una cover, tranne che per il ritornello.
Pronti a scoprire tutti i segreti di The Rhythm of the night?

[ANIME] Rossana - Il giocattolo dei bambini, la retrospettiva

 

C'è molto più di quel che può sembrare, in questo anime.
Avevamo già ripercorso il successo italiano di Rossana, in un articolo peraltro ricco di dettagli inediti e dietro le quinte (QUI).
Ma Kodomo no omocha, abbreviato in Kodocha e da noi semplicemente Rossana, merita di essere analizzato a fondo.
Immergiamoci allora nel pazzo mondo della serie Il giocattolo dei bambini, che di bambinesco ha tanto e poco al contempo, per un'opera impossibile da non amare.

[LO SBLOCCARICORDI] le caramelle Charms




Oggi riassaporiamo le caramelle Charms: dure, quadrate, "le caramelle del nostro tempo", arrivate in Italia negli anni '50 grazie all'azienda Alemagna e poi passate di proprietà in proprietà fino  a sparire... per ora!

[MOZPLOITATION] Announo: il 1981

 

Mozploitation si fa Announo: siamo nell'anno dell'1, e si esploreranno quattro annate del passato: 1971, 1981, 1991, 2001.
In questo post esploreremo avvenimenti e storie del 1981.
Pronti per un viaggio ruggente?

[RETROSPOT] rubinetti Zucchetti (1986)

        

 
Pubblicità famosissima, quella dei rubinetti Zucchetti.
Come sempre, l'archivio di Tutto Spot 80 permette il recupero di queste clip entrate nella storia e rimasteci nel cuore.
In uno scenario tipicamente di modernità anni '80 (le piastrelle quadrate), un giovane idraulico riesce a tappare tutti i getti d'acqua grazie ai coloratissimi rubinetti della ditta Zucchetti: oggetti dai colori e dalle forme sgargianti che "sapevano" di benessere economico.
Come finisce lo spot, lo lascio (ri)scoprire a voi!
Chi ricorda questa celebre pubblicità?

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

[SOCIETÀ] cultura generale (pop e non solo): oggettiva o soggettiva?



Nel giro di poco tempo, mi è capitato di sentirmi dire da due amici del web, e in frangenti diversi, che il mio concetto di "cosa conosciuta" è soggettivo.
Quando, invece, avevo dato per scontato di parlare di argomenti (oggetti e personaggi famosi, nello specifico) che credevo alla portata di tutti.
Mi è sorto quindi un dubbio: cos'è effettivamente la cultura generale?
E cos'è la cultura personale? Quando, questa, può considerarsi oggettiva prima di diventare soggettiva?