> parafrasi #4 - Prendi la pecora


Torna la rubrica che analizza i testi più poetici della canzone italiana.
E torna anche il mitico Gianni Drudi, stavolta con un brano che è quasi un favoletta per bambini. Siete pronti ad ascoltare la storia di una pecorella e del suo amato montone?
Ricordate: il doppio senso si annida solo nelle menti maliziose!



"Anche la pecora quand'era bambina
era una pecorina, era una pecorina;
e poi cresceva e diventava più bella
era una pecorella, era una pecorella."

Così comincia la nostra favola: con una piccola pecora che cresce e si fa bella.

"E fu una sera che non ricorda come,
conobbe un montone, conobbe un montone;
e cominciarono di colpo a ballar,
e cominciarono di colpo a belar..."

Come tutte le signorine, arriva il momento in cui la protagonista comincia a interessarsi all'amore. E, senza che se lo cerchi, zacchete! arriva un baldanzoso montone carico di sentimento per la pecorella.

"Prendi la pecora, beeeh
prendi la pecora, beeeh
prendi la pecora e balla con me."

Il cantante inneggia all'amore giocoso, esortando a ottenere il cuore della bella pecorella.

"Ma quella pecora era birichina,
usciva la sera e tornava a mattina;
e ogni tanto la mia nonna racconta
che la pecorella andava alla monta."

I drammi dell'adolescenza. Crescendo, la protagonista ha i suoi momenti di ribellione. Esce di casa rientrando tardi, e siccome è una storia ambientata ai tempi dei nonni (emblematico il verso sulla progenitrice del cantante), non ci si può aspettare che la pecorella porti con sé un cellulare.
Ci viene anche svelato cosa fa la pecorella quando esce: è caduta forse in un brutto giro?

"E fu una sera che non ricorda come,
conobbe un montone, conobbe un montone;
e cominciarono di colpo a ballar,
e cominciarono di colpo a belar...
Prendi la pecora, beeeh
prendi la pecora, beeeh
prendi la pecora e balla con me."

E invece trionfa l'amore. La pecorella, quando esce, non fa altro che divertirsi tra balere e stalle, e lo fa in compagnia del giovane montone.

"Balla bella pecorina,
balla fino a domattina,
balla bella non fermarti,
la tua lana dà calor!"

Con questi versi lirici, l'interprete si rivolge direttamente alla tenera protagonista del racconto, chiedendole di non mutare atteggiamento e di dare sempre... il massimo.

E' vero, dai. Io, che sono malato, ci vedo un doppio senso enorme.
Penso agli arrosticini, sono malato di cucina.

75 commenti:

  1. In tema di arrosticini, a Montesilvano ne ho mangiati di buonissimi! :-)
    Per la canzone...non l'avevo mai sentita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una delle canzoni più recenti del Drudi, massimo esponente della lirica italiana.
      Gli arrosticini: potrei uccidere per averli :)

      Moz-

      Elimina
    2. Questo è un post SPAZZATURA. Si autocancella?

      Elimina
    3. Dovresti autocancellarti anche tu, immondizia!

      Moz-

      Elimina
    4. coda di paglia e rancoroso, il Moccio. touché. buahahahahah!!!

      Elimina
    5. Te la suoni e te la canti, non mi fai manco pena.

      Moz-

      Elimina
    6. ehi, mikimozzilla guarda che confondi. Chi fa da sé qui è quell'altra, mezzaPippa, nomen omen.

      Elimina
    7. Non mi pare, visto come ti premuri di rispondere sempre...
      Ora a cuccia, su!

      Moz-

      Elimina
  2. Si fafatica a non trovare doppi sensi pecorecci ... anche mettendoci molta buona volontà ;)

    RispondiElimina
  3. Anch'io ho pensato agli arrosticini fin dal primo verso.. siamo irrecuperabili?!? ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io no. Perché?

      E soprattutto sono piegata in due dal ridere, ma come si faaa??

      Elimina
    2. Ahaha, daidai, viva gli arrosticini!
      Prendi la pecora beeh
      mettila sul fuoco anche te! :)

      Moz-

      Elimina
  4. Felicissima di non averla mai ascoltata (quando ho iniziato a leggere il testo non ho nemmeno pensato di aprire il video)! :p

    RispondiElimina
  5. Ma dai, siete solo dei malpensanti, uno che ha scritto Fiki Fiki sicuramente non utilizza doppi sensi, il senso è uno e uno solo! :D :D :D

    RispondiElimina
  6. Mi chiedo: ma dove le trovi queste canzoni??? Soltanto tu puoi conoscerle!!!

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un amante della poesia :)

      Moz-

      Elimina
  7. Miki....questa non la conoscevo e come Maira mi domando: ma dove le scovi queste "chicche" assurde?? :D

    Inutile dire che mi hai fatto sbellicare con la conclusione del post ;-) gli arrosticini...ahahaha!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, gli arrosticini sono il mio piatto di carne preferito^^
      Come a Maira, ti dico: amo la poesia :p

      Moz-

      Elimina
  8. non la conoscevo, ma è imbarazzante!!!

    RispondiElimina
  9. io invece continuo a vederci solo un unico e preciso e gigante doppio senso. e ovviamente ho riso per tutto il tempo del testo.
    Se lui ha scritto una canzone così, allora io posso propormi come la nuova Mogol dell'Ovest! ahaha! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In molti, fra le righe, ci vedono l'apologia del rapporto anale.
      Ma non è vero, è una canzoncina per bambini che parla di una pecorella :p

      Moz-

      Elimina
  10. Bon conoscevo la canzone, la tua rubrica è assolutamente sempre "illuminante", non c'è che dire :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, thanks! E viva la poesia italiana!

      Moz-

      Elimina
  11. I doppi sensi sono sempre in agguato, soprattutto nelle filastrocche per i bambini, in cui i temi sono sempre .... discutibili, diciamo così....

    Ma in fondo la lingua italiana si presa facilmente ai giochi di parole ed è meravigliosa per questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto, trovo geniale che Drudi sembra cantare "prendila a pecora, beeh!" :)

      Moz-

      Elimina
  12. ehm... ho una mente maliziosa? :D ahahaha
    mi sei mancato in questo mese Moz!

    RispondiElimina
  13. Gianni Drudi a Sanremo!!!!
    ciao Moz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari, e sarebbe bello portasse una canzone con un doppio senso sanremese :)

      Moz-

      Elimina
  14. Io lo so dove va la pecorella di notte, col montone, anziché tornare a casa della nonna...

    https://www.youtube.com/watch?v=jXXODPq97Mw

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che video è?? Ahaha...! Fenomeno :)

      Moz-

      Elimina
    2. la gente stanno bruttobrutto
      :-D

      Elimina
    3. Immagino sia fatto apposta... spero^^

      Moz-

      Elimina
  15. Ma non c'è nemmeno un doppio senso, sono tutti sensi unici!
    Io comunque sto aspettando quando con questa rubrica arriverai al Lago di Caiazzo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al lago di Caiazzo c'è chi s'attacca ar cazzo!
      E se poi annamo 'n Sardegna, lì c'è chi piace 'a fregna XD

      Moz-

      Elimina
    2. Ma no, ma no, al lago di Caiazzo Drudi si lava... i piedi... XD

      Elimina
    3. Ahaha, eh lo so, ma provavo a vederla come er Monnezza :)

      Moz-

      Elimina
  16. ...come facevo a non conoscere questa canzone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Male male male... a 30 anni è un must! :p

      Moz-

      Elimina
  17. Non la conoscevo!
    Buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  18. Oh beh! Anche oggi ho imparato qualcosa! Come posso ringraziarti, Moz?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con questo commento hai già dato il tuo ringraziamento^^

      Moz-

      Elimina
  19. Hai fatto un post divertentissimo!
    Peccato che Gianni Drudi non sia più ai livelli di trash di "Fichi Fichi"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh però anche questa è mooolto particolare^^

      Moz-

      Elimina
  20. Tu sei qui a pensare a doppi sensi mangerecci e sensuali... ma non tieni conto del fatto che il caro Gianni Drudi (o chi per lui) in un giorno qualunque s'è seduto al tavolo e ha spremuto le meningi per regalarti cotanto testo.
    E s'egli non l'avesse fatto, tu oggi non staresti prendendo complimenti per questo post!
    Ringrazia!
    u_u

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti sia sempre lode al sommo poeta Drudi, re del pecoreccio (in tutti i sensi)^^

      Moz-

      Elimina
  21. Io AMO Gianni Drudi! <3 Bravo Moz, non bisogna dimenticare certa roba.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, grande Mar, viva il Drudi!^^

      Moz-

      Elimina
  22. io non la conoscevo questa canzone...ma dove sono vissuta? ahuahuahua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora grazie al tuo fratellastro... eccola qui^^

      Moz-

      Elimina
  23. "l'inferno sono gli altri" diceva sartre, o forse è il paradiso che sembra così etereo e irraggiungibile che bisogna scendere negli inferi per consolarci un po', per respirare veramente.. e gianni è il re dell'inferno, il nostro satana di bianco vestito, io credo in lui, nel suo verbo, pendo dalle sue labbra perchè la malizia è sapersi non fermare ma tuffarsi nell'indicibile .. prendiamolapecora perchè se questo è stato possibile, nella vita tutto è possibile, un plauso alla coreografia e alla tua perifrasi, se l'amore è un gioco vale la pena essere un montone:)

    ps: dio santo, quanto mi mancano gli arrosticini, un colpo basso il tuo

    ps2: qui insieme ai mitici rumatera, https://www.youtube.com/watch?v=lOYgVXXVFpc, in versione amante della natura, un dio moderno da adorare senza se e senza perchè ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha grandissima canzone, che fa un po' il verso al titolo di un celebre film scollacciato con una... foca :)
      Grande Gianni, vero e viscerale, folk e romagnolo^^

      Moz-

      Elimina
  24. Il finale è da applausi.
    Non la conoscevo.
    Vado a cercarla sul tubo. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non serve, l'ho linkata io stesso all'inizio^^

      Moz-

      Elimina
  25. Moz caro io nel post ho parlato di asini.......invece vai dalla nonna Birdy e spero ti faccia qualche risata....Ciao carissimo amico assente troppo spesso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, mi sono dimenticato di inserire l'altro tuo blog nel blogroll! Provvedo, così evito di perdermi i tuoi aggiornamenti (anche se sarò sempre meno presente sui blog, comunque...)^^

      Moz-

      Elimina
  26. Diciamo che non è peggio di altre che hai parafrasato! :°D
    Quella del muscolo rosso era veramente insuperabile!
    Ciao Muoz!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vabbé ma quella era Cicciolina!!^^

      Moz-

      Elimina
  27. Scioccato, non la conoscevo questa canzone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, ne ho altre anche peg--- emh, meglio :)

      Moz-

      Elimina
  28. Risposte
    1. Non te ne andare, resta! Che ci sono arrosticini per tutti XD

      Moz-

      Elimina
  29. Non ho mai sentito questa canzone .. ^^ è .... strana! hahahah! scusa ma la risata mi è scappata! ^^ Buona giornata e a presto ... Dream Teller ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, beh... anche io quando la sentii la prima volta ero crepato dal ridere!^^
      Buona giornata, thanks! ;)

      Moz-

      Elimina
  30. Ciao Moz,

    prima di tutto bisognerebbe decidere da dove prendere questa pecorella smarrita, se davanti, per le orecchie, o di dietro, per la coda. Per fare ciò bisogna sapere in che posizione si mette... geografica, ovviamente. Dì a Drudi che la prossima volta glielo deve appuntare ... il radiocollare.


    Sarò mica stato equivoco poco? ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ma no, ho bene inteso tutto il messaggio e non ha doppi sensi :p
      La pecora però si prende inequivocabilmente... da dietro, e si mette sulla brace^^

      Moz-

      Elimina
  31. Ciao Moz,DOMY
    sono in una stanza di ospedale x assistere una mia amica che fra poco fa una biopsia al fegato e finalmente trovo il tempo per leggerti. Ti ho trascurato un pò ultimamente. E niente,stiamo ridendo come due sceme a leggere questo post! Ci hai fatto distrarre e sorridere. :) Baci compà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In un momento delicato e fastidioso come questo, sono contentissimo di avervi fatto sorridere almeno un minuto, davvero!
      Un abbraccione :)

      Moz-

      Elimina