> divergenze

Che estate sarebbe senza nemmeno un racconto da leggere?
E così, dopo il precedente (e volgarissimo) Dentifricio, vi presento la storia di due amici in disaccordo su tutto... o quasi. Racconto abbozzato nel lontano 2009 e completato due anni dopo per la partecipazione ad un torneo.
Leggeteci quel che vi pare!





Faceva davvero caldo, quel giorno, a Firenze.
L’estate era arrivata: esplosiva, prepotente. Quasi atomica.
Le tre del pomeriggio, col sole che picchiava ferocemente, non era certo l’orario ideale per starsene in giro. Nemmeno i condannati a morte sarebbero mai usciti in quel momento.
E questo è quel che pensarono anche Dani e Gabriele. I due amici decisero, la sera prima, di vedere un film. A casa di Gabriele.
Dani declinò l’invito di Morfeo per un pisolino pomeridiano e, preso molto coraggio, sfidò il forno crematorio delle strade fiorentine e percorse a piedi poco meno di trecento metri che però gli sembrarono mille miglia.

din-don!
Aspettando che qualcuno andasse ad aprirgli, Dani si specchiò un attimo sulla targhetta dorata che campeggiava sul portone di casa Severini.
La forma ovale della targhetta rese la sua fronte più ampia di quanto non l’avesse già. Sembrava uno specchio deformante, pensò, come quello dei luna park.
- ah, sei arrivato. Dai entra!
Gabriele Severini gli aprì l’accesso a un po’ di fresco. Una tregua al bollore.
I due amici andarono dritti nella cameretta di Gabriele. Attraversarono l’appartamento, passarono davanti la cucina, perfettamente ordinata. Un buon odore di agrumi.
Non c’era nessun altro in casa, e la penombra dava un senso di calma straniante ma rilassante.
A Dani però ci volle un attimo per tornare a sembrare di essere ancora prigioniero del caldo, quando vide che il suo amico aveva indosso solo i pantaloncini.

Faceva davvero caldo, quel giorno, a Firenze.
Piazza di Spagna e il Colosseo parevano dipinti, con quei colori esaltati dalla luce.
Dani le aveva avute sotto gli occhi continuamente, di sfuggita, ogni volta che era entrato nella stanza di Gabriele. Ma non aveva mai fatto caso a quanto fossero belle quelle due foto che spiccavano sulla bacheca di sughero, tra una cartolina che osannava il culo di una bagnante – e Le bellezze della Calabria, c’era scritto- e un biglietto del concerto degli Afterhours del 2005.
- quando le abbiamo scattate? Tre anni fa o quattro?
- due, mi pare… - rispose Gabriele distrattamente.
- ma no, facevamo il terzo, no?
- sicuro? Non siamo andati a Milano, quella volta?
- nah, Roma. Non ricordi? C’era la Comazzi, con noi… e quella ci ha insegnato solo al terzo.
- ah già, Comazzi-la-scazzi! E’ vero… - continuò Gabriele senza alcun guizzo nella voce. Evidentemente non gli interessava ricordare con esattezza quando andarono a Roma in gita scolastica.
- ah, sai che ho scoperto come finisce?
- cosa?
- il cartone animato, - disse Dani prendendo dalla mensola un giocattolo raffigurante David Gnomo.
- non so nemmeno se l’ho mai visto. Quel coso me l’hanno regalato a un compleanno.
- e perché lo tieni qui sopra in bella mostra?
- boh, ce l’ha messo mamma.
- ah, ok – fece Dani rimettendo l’oggetto al suo posto, accanto al pallone Diadora, - comunque alla fine David compie quattrocento anni e deve morire, come tutti gli gnomi che compiono quattrocento anni.
- e muore davvero?
- si trasforma in un albero.
- che cazzata.
- io lo trovo un bel finale, poetico.
- mah. Andiamo in sala a vedere il film.
- ah, non qui? – replicò Dani.
- no… di là è più fresco.
- ma qui avrei potuto svaccarmi sul tuo letto!
- puoi svaccarti sul divano.
- vabbé…, - annuì il ragazzo.
Dani e Gabriele andarono verso la sala. Era davvero più fresco quell’ambiente. Si respirava di più, lì dentro.

- il lettore legge anche i divx e le cose scaricate, - annunciò Gabriele con aria saputa.
- mh… - sembrò acconsentire l’ospite mentre si accomodava senza alcuna grazia sul divano, che si appiattì sotto i centoquarantanove chili totali dei due ragazzi.
- vai. Vediamoci ‘sto Batman nuovo, che Manuel sta rompendo le palle da due mesi con Dark Knight… “è bello, bellissimo, ne vale la pena, avresti dovuto vederlo al cinema, c’è Joker, c’è Due Facce, c’è questo, c’è quest’altro!” ora vediamo se ha ragione o no.
- ma Manuel che fine ha fatto, a proposito? – chiese Dani.
- ha la diarrea. Dice che è un virus che gira.
- secondo me è qualcosa che ha mangiato. Mangia porcherie di continuo…
- ieri sera l’ho sentito per telefono e gli ho detto “ma quale virus, questo è il risultato della situazione che stai vivendo!
- perché, sta ancora dietro a quella storia di Irene?
- eh. – disse Gabriele mentre premeva un pulsante sul telecomando, mettendo in pausa il video. Lo schermo era rimasto tutto nero, ma di un nero luminoso.
- dio mio, dovrebbe superarla, ‘sta cosa.
- eh.
- che poi, io nemmeno ci credo che Irene ha fatto tutte quelle cose a destra e sinistra… addirittura con Andrea, dentro la cabina telefonica!
- eh.
- ma non era tutta casa e chiesa? La cocca del prete, super devota, super religiosa…
- te lo dico io, Dani… quella è devota a una sola religione, - Gabriele si indicò il cavallo dei pantaloni.
- dici?
- dai, va’… lasciamo perdere ‘sti due cretini e vediamoci il film.
Gabriele premette il tasto play.
Il logo, poi la musica. L’impianto sonoro iniziò ad avvolgere i due spettatori.
- però devi ammettere che anche Manuel è stato stronzo con lei. – disse Dani, riprendendo il discorso.
- ma sì, sicuramente. – tagliò corto Gabriele.
- tipo quel giorno al mare… Quand’è stato, aprile, maggio?
- Sì, è stato stronzo.
- appunto. Poi la gente non si stupisse del fatto che una ragazza si può scocciare di essere trattata così e decide di aprire le cosce agli altri!
- oh, guarda… che ce ne frega a noi di ‘sta storia! Se ne andassero affanculo Irene, Andrea, Manuel e tutti quanti. Vediamoci ‘sto film!
- ok. – acconsentì Dani.
Gabriele mise i piedi sul divano, tenendosi le ginocchia verso il petto, aggrappandosi alle gambe con le braccia.
- posso togliermi le scarpe? - chiese Dani.
- come ti pare, che me lo chiedi a fare?
Dani fece pressione sul retro della scarpa destra con la punta della scarpa sinistra, fino a scoprire il tallone inguainato da un calzino nero molto corto.
Poi, al contrario.
Infine scosse un po’ le gambe e scalciò via le sue Converse. Una delle non più tanto bianche scarpe urtò il tavolinetto di vetro che si ergeva di fronte al divano.
Ne seguì il leggero tintinnio delle bottiglie di liquore posate lì sopra.

- che te ne pare di questo Joker? – indagò Dani, curioso.
- bello.
- ma non trovi sia meglio il primo?
- quale?
- come quale? Jack Nicholson.
- non è il primo. Il primo Joker è quello del telefilm dove si leggevano le scritte durante le scazzottate.
- le scritte?, - ribatté sorpreso l’amico.
- sì, dai… le onomatopee. Thud! Sock! Queste cose qui… ricordi?
- vagamente.
- eh.
- ma comunque, preferisci questo Joker qui o quello di Nicholson?
- sono diversi…
- io dico il primo. Questo è strano.
- il Joker è strano.
- sì, ma questo è strano come Joker in sé, intendo.
- però l’attore è un grande, non vedi?
- lo so, lo so…
- pare ci sia morto, per aver interpretato un personaggio così complesso, figurati…
- mah, io non ci credo. Non sarà stata quella la causa della morte.
- boh… fattostà che forse preferisco questo qui.
- nah… io no. Meglio il primo, per me.


Lo schermo mostrava la scena di due personaggi tenuti sotto scacco dal nemico. Il tutto mentre Batman doveva cercare, grazie al suo bat-ingegno, di salvarli entrambi.
- vuoi qualcosa da bere? Io mi prendo il tè.
- che tè?
- al limone.
- no, dico: che marca?
- nessuna marca. Lo fa mia madre in infusione, e poi lo mette in frigo.
- ah.
- beh? Lo vuoi?
- che altro hai?
- vedo.
Gabriele si alzò dal divano, dopo aver sbuffato.
- metto in pausa? – chiese l’amico.
- nah.
- ok.
Il ragazzo fece qualche passo, poi Dani sentì il frigorifero aprirsi. Prima il rumore del sottovuoto, fvup!, poi il leggero ondulare di qualche oggetto in vetro. Dani notava il riflesso della luce dell’elettrodomestico sul volto cupo di Batman.
- ho una lattina di chinotto, - disse Gabriele scostando un pezzo di parmigiano.
- mh.
- che significa “mh”? Ti va bene?
- la Coca non ce l’hai?
- ho il succo all’ananas e quello all’arancia.
- rossa o normale?
- rossa. A me normale non piace molto, mamma non lo compra mai.
- a me piace di più quella normale, invece… E’ più dolce. Dai, prendo il succo all’ananas.
- ok.

Il Joker stava cercando di distruggere due traghetti pieni di gente.
- che poi, - riprese Dani – questo non è lo stesso attore che ha fatto il film sui cowboy gay?
- sì, sì, è lui.
- quel film l’ho visto, forse con Carla, non ricordo… Bah, tanto clamore per niente.
- era brutto?
- no, non in quel senso. Intendo i contenuti. Il film è bello. Intendo per le scene di sesso e cose così.
- ah.
- sì, non c’è nulla di troppo spinto.
- capito.
Il ricatto del Joker non aveva funzionato e Batman stava per suonargliele di santa ragione.
- non mi piacerebbe comunque, - aggiunse Gabriele.
- quale? Il film dei cowboy?
- eh.
- ah, già! Tu sei il vero uomo che non deve chiedere mai! Guai a guardarsi queste cose!, - fece Dani con tono canzonatorio.
- smettila, scemo, – sorrise Gabriele.
- ci sei andato anche tu?
- dove?
- con Irene.
- ma che dici.
- dai, dillo. – incalzò Dani con piglio curioso.
- figurati.
- sicuro?
- sicuro.
- ok.
- perché?
- per sapere. Pare che ci sia andata mezza città.
- allora io sono nella metà di città che non c’è andata.
- ok.
- e tu, con Carla?
- è solo un’amica, te l’ho detto mille volte.
- dici?
- dico. Vuoi che io non lo sappia? – rispose il ragazzo con finto fastidio.
- eppure mi avevi detto che…
- qualche pomiciata. – sentenziò Dani, - tutto qui.
- e ora?
- non la sento da maggio, forse prima.
- ok.
- sei geloso?, - chiese Dani, scherzando.
- ma smettila, cretino! - sorrise Gabriele.
I due si allontanarono di qualche centimetro l'uno dall'altro, facendo finta di niente.
Continuarono a vedere il film senza parlare.
Faceva davvero caldo, quel giorno, a Firenze. Nessuno avrebbe potuto immaginare che quella sera stessa sarebbe arrivata la pioggia. Fresca, desiderata. Giusta.

72 commenti:

  1. Molto bello, anche vagamente ambiguo.
    Poi i riferimenti pop (da piccolo adoravo David Gnomo e ne collezionavo gli albi) ne esaltano i contenuti.:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che tu abbia colto quell'ambiguità (pulita) di fondo.
      Il pop, poi... viaggia sempre con me :)

      Moz-

      Elimina
  2. Risposte
    1. In realtà nessuno dei due, ma anche molto entrambi... i miei personaggi sono così :)

      Moz-

      Elimina
    2. Secondo me tu sei anche Manuel quello che mangia porcherie di continuo... :-)

      Elimina
    3. Ahahahah! Beh, forse ci hai proprio azzeccato! XD

      Moz-

      Elimina
  3. Scorrevole e molto realistico, sembra di avere quei due davanti agli occhi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, cara! Felicissimo per le tue parole! :)

      Moz-

      Elimina
  4. Bello, il dialogo mi riporta agli anni di liceo...mamma mia, che ricordi! Poi mi piace perché hai usato il nome di mio figlio :) mi sono affezionata al personaggio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe, grande il tuo Gabi!
      Amo usare nomi italiani: situazioni che conosco mi permettono di muovermi meglio!
      Thanks! ;)

      Moz-

      Elimina
  5. Si che è geloso, oh si.

    Ben ritrovato :D

    RispondiElimina
  6. Bello, davvero bravo Moz, mi è piaciuto.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Anto, son contento!
      Un MozAbbraccio tutto per te!^^

      Moz-

      Elimina
  7. Te vojo 'bbene ma era mejo er dentifricio.. ambiguità velate, sottaciute, sfiorate, ingannate, non abbastanza per farci leggere quello che ci pareva, rispetto a quello che avresti voluto che leggessimo. E non me dì che c'hai vinto er torneo... ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, avete letto quel che c'era da leggere: di velato, sottaciuto, sfiorato, ingannato... :D
      No, con questo non vinsi assolutamente... ma andò meglio di Dentifricio^^

      Moz-

      Elimina
    2. Ahaha, sinceramente a me piace più questo che Dentifricio^^

      Moz-

      Elimina
  8. Il racconto scorre bene e promette. Uno si aspetta che accada qualcosa di corposo. Invece, niente. Puoi fare meglio. Scrivi abbastanza bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A scanso di equivoci ti dico che nel 99% delle cose che scrivo... non succede nulla di eclatante:)
      Mi piace scrivere storie di "pezzettini di vita", nulla che abbia una trama roboante dietro^^
      Grazie mille, Guz!! :D

      Moz-

      Elimina
  9. Sei sempre molto bravo a mettere su dei dialoghi che appartengono un po' a tutti, come fossero familiari, per cui ne deduco che sai ascoltare e immedesimarti negli altri. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se sia così - di certo non posso dirlo io - ma mi hai detto una cosa bellissima che apprezzo molto. Grazie mille Clyo, davvero! :)

      Moz-

      Elimina
  10. molto carino!
    senti un po' ma è davvero quello il finale di david gnomo??? O.O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eggià: quello lo scoprii solo nel 2011 e aggiunsi il dialogo appena in tempo. E' la parte "nuova" del racconto, e ho voluto inserire la citazione di David a tutti i costi :p

      https://www.youtube.com/watch?v=TQlrmXixPXs
      Da 8.50 :)

      Moz-

      Elimina
  11. Lo ammetto, questo l'ho garbato di più di Dentifricio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, anche a me piace di più, sono sincero :)

      Moz-

      Elimina
  12. È stato bellissimo :-)))

    (il momento lettura)

    RispondiElimina
  13. Ma chi è David lo gnomo?
    Ho trovato bello il racconto. Scorrevole e d'impatto. Si legge d'un fiato.
    Avrei voluto dire a Dani: dai su, abbraccialo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, non sapremo mai com'è andata a finire :p
      David è lui: https://www.youtube.com/watch?v=P4CFyUxClR0

      Moz-

      Elimina
  14. Ma guarda che bel quadro da regista, consumato con naturalezza come in effetti le cose succedono, con caldo insopportabile dell'estate fiorentina e il refrigerio dell'adorata pioggia!
    Sempre grande il nostro Moz!
    Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Nella, ma allora sei viva! Non ti eri fatta più vedere!! :)
      Grazie mille un abbraccione! :)

      Moz-

      Elimina
  15. Ciao Moz, DOMY
    Talmente realistico che mi
    è sembrato di sentire puzza di piedi quando Dani si è tolto le Converse. :D :D
    Il tuo ritorno alla routine "blogghiana" promette bene. ;)
    Avanti così compà!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha Domy, se puzzavano l'avrei scritto XD
      Grazie mille, sei sempre ultrapresente!^^

      Moz-

      Elimina
  16. Te l'ho già detto e te lo ripeto: sceneggiatore is the way!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da piccolo avrei voluto farlo, sai?

      Moz-

      Elimina
  17. Ma in che razza di giornata sahariana sei capitato a Firenze?
    Di scene simili ce ne erano nell'estate dell'83 quando a luglio toccammo i 42.6 °C all'ombra :O

    RispondiElimina
  18. Come sempre, il tuo stile è scorrevole, divertente e realistico. Mi pare di sentire il refrigerio della pioggia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Lisa, contento che il mio stile sortisca tali effetti^^

      Moz-

      Elimina
  19. E' scorrevole, divertente... non so chi cazzo sia David lo gnomo però!
    Tiri fuori personaggi della preistoria!
    Miao!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, è un popolare personaggio di libri e cartoon!
      Beh, dai... con questo racconto dalle sfumature omosessuali mi sarò un po' ripreso dopo Dentifricio, no?^^

      Moz-

      Elimina
  20. Sento ancora la puzza delle scarpe, voi maschi che non siete amici del sapone!
    Una domanda, scrittore dallo stile brillante (davvero, stavolta il racconto mi è piaciuto), a quando il seguito?
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non è verooo! :p
      Ahaha, il seguito? Guarda, per me è una cosa che nasce e muore qui (dopotutto ha 5 anni...), ed è una cosa nata sul concetto di "divergenza". Ma se chiedete un seguito, chissà :p

      Moz-

      Elimina
  21. Ho letto e riletto, poi ho ancora letto e poi CI ho letto quello che mi pareva.
    M'è riuscito caro Moz... Ho vinto qualcosa?
    Un salutone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed è giusto così, Carla.
      Lascio la libertà a ognuno di immaginare quel che succederà ;)

      Moz-

      Elimina
  22. La chiave di lettura è senz'altro peculiare, sarà sì scorrevole ma non per questo privo di profondità. Son sincero, gli avrei dovuto dedicare più attenzione perché dovevo decriptare il finale, io soprattutto. :D Bella comunque, come ben sai l'avrei scritta in modo diversa, ma è la fiera dell'ovvio, quindi, ancora bravo. ;)

    Ispy 2.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! :)
      Beh, chissà,,, potranno esserci nuove occasioni per narrare le cose in modo diverso :p

      Moz-

      Elimina
  23. Complimenti per il racconto.
    Ti auguro una buona serata.

    RispondiElimina
  24. Mi hai fatto venire un po' di nostalgia, di quei discorsi, di quel caldo, forse anche di quel po' di ambiguità che c'è tra due amici (amiche nel mio caso) a quell'età.
    Bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contentissimo che tu abbia provato queste sensazioni! :)

      Moz-

      Elimina
  25. Mi ci sono ritrovato in quello che hai scritto durante i film estivi con un amico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Umh, e quindi ci è scappato il fikyfiky? :D

      Moz-

      Elimina
  26. Pensa che io la conosco la fine di David Gnomo...

    Bel post, si vede che è di qualche anno fa :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, da cosa te ne accorgi? E' troppo immaturo?

      Moz-

      Elimina
  27. Potresti essere tutti i personaggi, eccetto Batman - perché Batman sono io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, va bene! Allora scelgo il Joker! :)

      Moz-

      Elimina
  28. Per me ha un sapore strano, nel senso che mi sembra quasi che il dialogo fra i due amici all'inizio sia molto sterile e di circostanza, che quasi abbiano poco o nulla in comune, mentre poi fra un argomento e l'altro si sciolgono un po'.
    Ma effettivamente, pensandoci, tante amicizie che si protraggono nel tempo conoscono dialoghi di questo tipo, momenti un po' sterili, un po' vuoti, un po' abitudinari... ed è questo che tante volte mi spaventa.
    Ho visto diverse persone che fra tante parole non hanno poi saputo mai cosa si agitava sotto la pelle dell'altro ed è davvero una cosa che fa riflettere.
    A me piace questo racconto perché gli ho dato questo senso di verità personale, perdonami se sarà sbagliato!

    Un saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, è un dialogo di circostanza per rompere il ghiaccio.
      Evidentemente falso, ma nasconde qualcosa sotto la patina di falsità :)

      Moz-

      Elimina
  29. Ciao Moz,
    non ti ho commentato il post ieri perchè non sono riuscita a leggerlo tutto. Ora, finalmente, ho ultimato la mia lettura e ti faccio i miei complimenti, molto bello. Non ti sei smentito, nello scrivere sei decisamente un asso ;)
    buon week end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao sorellastra Odri Borderlain! Che posso dirti?
      Grazie mille per le tue parole, son contento che tu abbia apprezzato! :)

      Moz-

      Elimina
  30. ti prego, non finirlo, non continuarlo, non dargli seguito...
    l'ho amato così, e voglio un sequel creato dalla mia testolina malata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari non sarò io a dargli il seguito! :)

      Moz-

      Elimina
  31. Risposte
    1. Grazie mille Giancarlo, altrettanto! :)

      Moz-

      Elimina