[RIVISTE] PSM - PlayStation Magazine


PlayStation Magazine: una rivista che ha fatto epoca.
Nata negli States nel 1997, arriva in Italia l'anno seguente, con un immediato successo.
Presente anche oggi nelle edicole, seppur profondamente diversa, la rivista ha vinto per la sua impostazione che di certo sarà rimasta impressa a tutti i videogiocatori dell'epoca.
Ecco perché.

PSM era indipendente al 100%, e lo strillava. Addirittura il suo logo era uno smile con la benda da pirata.
Come a dire: non ci paga nessuno, noi scriviamo quel che vogliamo e nel modo più giusto (o meno leccaculo) possibile. Nel rispetto dei videogamer.

COSA HA RAPPRESENTATO PER ME E PER ALTRI LA PLAYSTATION 1? LEGGILO QUI!

Il suo taglio era molto comic-friendly: a tratti non sembrava nemmeno trattarsi di una rivista sui videogame della PlayStation.
Coloratissima, ricca di rubriche fisse, regalava adesivi per adornare la cara vecchia e grigia Play o le sue memory cards. Ma non solo: trucchi, guide esaustive e strategie passo-passo permettevano ai gamers di risolvere i giochi di grido (Resident Evil, Castlevania...).
Degne di nota erano le copertine, affidate spesso a famosi illustratori e coloristi (come Liquid!).
Molte le sezioni, anche con news dirette dal Giappone e codici vari.
Strips a fumetti, uno shop, un importante angolo della posta e molte battute: ecco il resto.


Fino al 2001, l'edizione italiana era curata dalla Play Press Publishing.
Dal maggio dello stesso anno, PSM passa alla Future Media e quindi alla Sprea.
Ed è qui che avviene anche un cambio totale di redazione: mentre PSM continua la sua corsa, i vecchi redattori della Play Press fondano la similare rivista PSMania 2.0!


Ma PSM prosegue: nel 2008 festeggia i 10 anni di pubblicazione ripercorrendo la sua storia.
Dal gennaio 2013 riparte dal n.1 e dal 2015 diventa bimestrale.


Ami le riviste vecchie e nuove? Leggi anche

Retrogame Magazine, i videogiochi di una volta
Man-Ga! - voci e anime dal Sol Levante
Express - la più originale rivista manga d'Europa
BrickJournal - la prima rivista per appassionati Lego
Le riviste di una volta 
Più e il suo gioco

22 commenti:

  1. Così fanno saltare la testa ai ragazzini.
    Io negato a questo tipo di gioco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, questa è una rivista: almeno così i ragazzini LEGGONO XD

      Moz-

      Elimina
  2. Io più che altro ricordo The Games Machine con le rece per Amiga e addirittura Commodore 64 se non erro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, quello pure credo esista tuttora :)

      Moz-

      Elimina
  3. Mai avuta una console a casa, quindi mai comprato la rivista.
    Però ho letto infiniti numeri di Tgm, Kappa, Computer + videogiochi, Zzap ed altri riviste di Computer.
    A casa mia solo computer Commodore, ZX Spectrum e PC.

    RispondiElimina
  4. Sbaglio o il blog è sempre più streeeetto? :)
    Me la ricordo comunque. Mi pare trovai gli adesivi di Final Fantasy 9 anche. Incollati e rovinata la play. Facevano cagare.

    CervelloBacato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non tocco mai le lunghezze del blog? Oo
      Ahaha, la furia di quando si è bambini XD

      Moz-

      Elimina
  5. Io ricordo che passai da Playstation 1 a Playstation 2 accorgendomi che mi avevano praticamente preso per il culo. Non era migliorato un amato ciufolo... fu una delusione comparabile forse solo a quella provata con l'ultima puntata di Twin Peaks... ahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma come sai, l'ultima puntata di TP non è l'ultima puntata: c'è (uscito nel 1992) il film prequel che è anche sequel, e ora l'attesa (e annunciata già nel 1991) terza stagione.
      Non tutto è come può sembrare :)
      Io sono ancora fermo alla Play1, per sicurezza^^

      Moz-

      Elimina
  6. Risposte
    1. Moltissimo: tra un anno saranno 20.
      Comprerò sicuramente il numero del ventennale^^

      Moz-

      Elimina
  7. Ma cosa hai tirato fuori?
    Grande!

    Nel mio periodo da videogammaro non mi perdevo un numero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, io ho qualche numero ma li ho letti tutti fino alla decadenza videoludica (l'arrivo della PS2), lo acquistava un mio amico che ancora li ha tutti!^^

      Moz-

      Elimina
  8. Madooo, in casa (nello specifico, in bagno, diciamolo, sì) non mancavano mai.
    Chissà se ne ho ancora qualche copia. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se la hai, aspetto di vedere almeno qualche foto eh!^^

      Moz-

      Elimina
  9. Io ho parecchi numeri, magari ti posto qualche foto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto, sarebbe bello anche perché io non so più come recuperare i numeri della prima generazione che mi passarono tra le mani! :)
      mikimoz@hotmail.com

      Moz-

      Elimina
  10. Grandiosi, una volta parlai loro al telefono per dei trucchi (non avevo ancora il pc nè internet, insomma un vero caveman lol), non so chi rispose (forse il mitico Luca Nasone Carta) c'era il numero urbano di roma su uno dei primissimi numeri (ho ancora tutta la collezione) con una vignetta comica tipo clinica dei videogames o una cosa del genere (devo ricontrollare, seh, in un'altra vita).
    Ricordo che rimasi male al cambio di guardia avendolo comprato automaticamente come sempre aprendolo notai tutte le foto di redazione cambiate. Inutile dire che almeno inizialmente comprai solo 2.0 anche perchè lessi che alla base del cambiamento ci fu una specie di antipatico contenzioso. Poi successivamente ricominciai a prendere Psm pur se apocrifo ormai, anche perchè le riviste in edicola le compravo praticamente tutte (quindi non solo PlayStation). 😎

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, si scissero ma comunque da allora non fu più lo stesso, né per la PSM classica né per la versione nuova coi vecchi redattori.
      Insomma, col contenzioso finì un'epoca. Letteralmente.

      Moz-

      Elimina
    2. Sì, mi trovi d'accordo, su 2.0 oltre ad una certa perdita di spirito ed entusiamso ci fu un netto assottigliamento dei contenuti, bastava vedere la riduzione del numero di pagine, come anche la quantità di lungaggini e sezioni abbastanza superflue che erano ancora più abbondanti su Psm con il nuovo staff (da me mai apprezzato comunque).

      Elimina
    3. Sì, quella diatriba generò due PSM (una di nome, l'altra di fatto) ma entrambe NON erano la PSM vera, perdendo qualcosa.

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!