[MUSICA] fenomenologia di Vasco


Vasco resta e resterà il numero 1.
Ci ha sempre tenuto a esserlo, e nessuno potrà spodestarlo da quel trono che ha saputo costruirsi in epoche mitiche e in momenti cafoni.
Possono provarci Liga, Ferro, la Pausini e via dicendo: ma in Italia non c'è spazio.

Pare che si debba per forza parlare male di Vasco e la sua musica per fare la figura di chi ne capisce.
Invece non è questo il punto: non è Vasco, che ieri ha creato un evento che passerà alla storia.
3 ore e 40 brani. Chi ne capisce già lo sa come funziona e come sta funzionando. Anche chi lo capisce e non lo ammette.

Si dovrebbe analizzare tutta la questione, si dovrebbe guardare il tutto sotto la lente antropologica e sociologica.
220mila biglietti staccati. Il concerto più grande in Europa, si dice.
Non uso volutamente il temine rock. Il rock è finito lustri fa: non sono due chitarre a fare il rock, voglio dire.
Sono anni che Vasco fa canzonette da piano bar, lo sappiamo e non facciamo finta di no.

Di solito i rocker, invecchiando, migliorano e diventano maturi e introspettivi. Lui invece no, fa pop da hit parade. Pop spesso assurdo, se paragonato a cosa ha cantato in passato. Se citassi Come nelle favole non è che sparo sulla Croce Rossa: è come se ci buttassi un'atomica sopra.
Ma "voglio una vita maleducata", "gli spari sopra", "liberi liberi siamo noi, però liberi da che cosa?", e potrei continuare a lungo, erano e sono dei gran bei pezzi. Intramontabili.
Forse l'unico vero caso di regressione atavica musicale non dovuta alla banale nostalgia del "prima era meglio". Oggi è così: è davvero peggio. E' innegabile.
E allora perché Vasco resta un grande? Perché è e sempre sarà il numero 1?
Forse anche perché sul piano commerciale ha saputo intercettare l'italiano medio dandogli due schitarrate fintorock. E ai tipici frequentatori di centri commerciali al sabato, e la domenica pasta al forno & ombrellone dopo una settimana di lavoro, va bene così.
La libertà finta come questo rock, la ribellione routinaria. Come nelle favole.
A me pare stupendo. Mi viene il vomito.
E' più forte di me.

100 commenti:

  1. Ottima analisi, che condivido. Continuo a non essere entusiasta neppure del Vasco degli anni d'oro, ma il suo impatto sull'Italia mi sembra evidente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me il Vasco d'antan piace, forse non dispiace, comunque lo ascolto sempre molto volentieri (e sarà anche il sound, più ottantiano).
      Quanto al suo impatto sull'italico pubblico, non sono mai stato preso nel mezzo, anche se voglio andare a un suo concerto che non sia una bolgia come ieri...

      Moz-

      Elimina
  2. Oh, scusate ma a me non piace. L'unico Rossi che rimarrà sempre il numero 1 per me è Valentino :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me quel Rossi può sparire dalla faccia della Terra, mai sopportato :p

      Moz-

      Elimina
    2. La cosa più bella del motomondiale è quando Stoner nel 2011 ha detto a Rossi che la sua ambizione superava il suo talento, ahahah

      Elimina
    3. Boh per me possono sparire tutti XD

      Moz-

      Elimina
    4. Io la laurea gliela avrei arrotolata e infilata su per dove poggia sulla sella...

      Elimina
    5. che peraltro è un po' quello che ha provato negli ultimi 7, delle belle suppostone.

      Elimina
    6. In cinque!
      Mai piaciuto Vasco. Non apprezzo molto in generale la musica italiana, di Vasco penso che sia (stato) un buon autore, un pessimo esecutore, specie dal vivo, dove il suo cantato alle volte è biascicato (ho un suo cd live a casa che per buona parte un grande perché). Del resto è meglio di molti altri artisti italiani che sono davvero sopravvalutati.

      Elimina
    7. Vero, sottoscrivo tutto specie il non amore per l'altro Rossi XD

      Moz-

      Elimina
  3. Ciao Moz,DOMY
    Lucida analisi,tutto giusto,sarà pure il num.1 ma non per me.Anche se ieri sera ha creato un evento straordinario per gente ordinaria.
    PS. "Come nelle favole" è orrenda! Vado a vomitare pure io. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto tutto: evento straordinario per gente ordinaria.
      ossia la massa.
      Vasco è un grande e questo non gli si può non riconoscere, ma spesso è anche il re dell'italiano medio(cre) e non so se per lui possa essere un vanto...

      Moz-

      Elimina
  4. Un po' lo stesso discorso che fa Eco in "Fenomenologia di Mike Bongiorno" - hai preso spunto da lui, vero :D ? Sono abbastanza d'accordo col tuo discorso, comunque, anche se a me che si osanni Vasco non dà granché fastidio :) .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente pur amando Eco (e Mike) non ho mai letto quel trattato, sai?
      Non dà fastidio nemmeno a me ma è giusto essere oggettivi nel vedere le cose: la fotografia è questa^^

      Moz-

      Elimina
  5. A me Vasco sta palesemente sulle palle, ma guai a dirlo che ti insultano. Boh.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti insultano perché sono tanti :)

      Moz-

      Elimina
  6. 220.000 persone in quella bolgia. Sarà vero? A nessuno è scappato di fare pipì?

    A me grosso modo Vasco Rossi piace, ma non più di due canzoni per disco che ha inciso, e oltre tre brani di fila non li reggo, con quella sua pessima voce ruvida e alcolica...
    Ripeto, siamo certi che sia il record di paganti a un concerto? Cioè, il concerto dei Queen a Wembley era gratis? E lì la voce era quella di Freddie Mercury!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se sia una cosa gonfiata dai giornalisti... chissà, magari per la Questura erano 100mila, come si dice ai cortei XD
      Però era una marea di gente e sicuramente il concerto passa alla storia, ora i diretti rivali (tipo Ligabue) dovranno inventarsi qualcosa... Alla fine è marketing eh^^

      Moz-

      Elimina
    2. La cosa "strana" è che la foto della gente al concerto gira da giorni...

      Elimina
    3. Erano accampati lì tipo profughi a Lampedusa XD

      Moz-

      Elimina
    4. Questa cosa del record di spettatori paganti la vorrei un attimo sgonfiare...
      Cioè il biglietto quanto costava? Facciamo un calcolo con l'inflazione sull'incasso dei biglietti di altri concerti storici? Chiaro che se mi vendi un concerto a un prezzo popolare ne vendi di più e giochi coi numeri.

      Elimina
    5. Cosa trovi da ridere nel paragone con i profughi di Lampedusa?

      Elimina
    6. @Gas: non ne ho davvero idea.
      Forse in Italia davvero non si è mai visto un evento simile, ma in effetti in Europa boh!

      @Anonimo: rido per la gente che si crea da sola situazioni di disagio come quelle, appunto, dei profughi. Che però non se le cercano mica.

      Moz-

      Elimina
  7. Insomma Vasco ne sa più di marketing che di musica :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente è anche questo, ormai :)

      Moz-

      Elimina
  8. Secondo me all'estero è meno noto di altri.
    Sai già cosa penso di lui, mi limito semplicemente a mettere per iscritto un Amen in calce al tuo post. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un fenomeno sicuramente tutto italiano.
      All'estero (in varie e diverse parti) abbiamo altri, dal pop vecchio stile a musica diversa tipo Zucchero...^^

      Moz-

      Elimina
  9. Strepitoso post, hai espresso il mio pensiero. Io non amo particolarmente Vasco se non alcuni brani che sono tra quelli vecchi. hai ragione fa brani pop da hit parade ma sa darla a bere con quelle sue schitarrate finto rock meglio di tutti. E' il più furbo e quindi in una società come quella odierna dove sembra che lo scettro del potere sia dei furbi appunto, ovvio che faccia centro ogni volta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non gli do colpe: lui si fa portavoce di una fetta (larga ) di italiani in cui non mi riconosco (e sono certo che anzi disprezzerei almeno la metà di questi, per come sono fatto).
      Lui ha fatto molti brani stupendi, che resteranno per sempre: ha dalla sua l'aver lavorato benissimo all'epoca, oggi si ritrova la strada spianata e può permettersi Come nelle favole (che francamente fa cagare a spruzzo se accostata a uno come Vasco, ma può essere un'ottima sigla di un cartoon).
      L'italiano medio ormai ha i paraocchi, e secondo me sotto sotto Vasco stesso se la ride un po', e fa bene :)

      Moz-

      Elimina
    2. Se è per questo non è il solo a essersi spianato la strada in passato. Vogliamo confrontare il repertorio di Venditti prima e dopo gli anni Novanta? O di De Gregori, Carboni, Ligabue, Zero...
      Voci che non hanno più nulla da dire e messaggi da dare, e allora diventano commerciali, banali, già sentiti...

      Elimina
    3. Spesso perché firmano anche dei contratti forzati con case discografiche... Il vero danno della musica.

      Moz-

      Elimina
  10. Sottoscrivo il tuo post Miki. In particolare come nelle favole, fa veramente accapponare la pelle, "io, te e i micini e i vicini". Il fenomeno Vasco non mi appartiene: sì, ci sono alcune canzoni che ascolto volentieri quando passano alla radio. Ma nulla di più.

    Forse l'unica canzone dell'ultimo Vasco che ha qualcosa è "Eh già", perché perlomeno ha un velo di ironia che non mi dispiace (espressa anche dal video piuttosto spartano).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Terribile quella canzone.
      Ma guarda, forse forse è ironica?
      Io spero di sì, e magari la gente non lo ha nemmeno capito e la canta come fosse un capolavoro. E Vasco se la ride... Mi piace pensarla così, altrimenti non saprei come collocare i micini e i vicini.

      Moz-

      Elimina
  11. Risposte
    1. Il numero 1, nel bene e nel male :)

      Moz-

      Elimina
    2. Vabbè, ma stiamo parlando di campionati diversi, eh XD

      Moz-

      Elimina
    3. Meglio Litfiba quelli di 17 Re

      Elimina
    4. Oggettivamente sono meglio i Litfiba pure di Infinito (il punto più basso della loro carriera).
      Ma appunto, si parla di musica diversa...
      Vasco lo dobbiamo comparare con le star musicali, non coi musicisti^^

      Moz-

      Elimina
    5. Animale di zona tutta la vita! 👊

      Elimina
    6. Vabè ma stai prendendo dei pezzi che sono gioielli.

      Moz-

      Elimina
  12. Caro Moz,il Vasco non mi piaceva da giovane e adesso anche meno.Come scrivi ,giustamente tu,fa un finto rock per palati semplici e io, forse, in quel consesso nazionalpopolare non mi ci trovo.
    (Amo la poesia di Leonard Cohen)
    Ciao fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è un rock semplice nazionalpopolare, come giustamente dici: da qui si spiega l'enorme (abnorme) riscontro di pubblico.
      La base però è buona, dopotutto ha iniziato a fare rock quando in Italia ce n'era poco.
      Vive di rendita e può permettersi scempi assoluti, tanto il fan medio-mediocre beve tutto :)

      Moz-

      Elimina
  13. Io a Vasco voglio bene.
    Ma proprio gli voglio bene.
    E continuo a volerglierne, un po' come quando ti si rincoglionisce un po' lo zio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche io, dopotutto ci ha donato pezzi intramontabili molti dei quali saranno legati per sempre al nostro vissuto.
      E secondo me a essere rincoglionito, oggi, è il pubblico :)

      Moz-

      Elimina
  14. Io a Vasco voglio bene.
    Ma proprio gli voglio bene.
    E continuo a volerglierne, un po' come quando ti si rincoglionisce un po' lo zio.

    RispondiElimina
  15. È un ricordo senza tempo
    Vivere
    È un po' come perder tempo
    Vivere e sorridere dei guai/Così come non hai fatto mai/E poi pensare che domani sarà sempre meglio/Oggi non ho tempo/Oggi voglio stare spento ...
    Non l'ho mai amato, anche se non sono mai riuscito a odiarlo ... va bene, va bene così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Stupendo. Mi viene il vomito!" Ecco la summa della sua carriera.

      Elimina
    2. L'ultimo periodo sì XD

      Moz-

      Elimina
  16. Come tanti l'ho adorato fino ai primi anni Novanta... poi qualcosa si è rotto.

    RispondiElimina
  17. Geniale anche quello che hanno intervistato ed era là da un mese per entrare per primo, poi quando hanno aperto i cancelli il primo ad arrivare sotto al palco era un altro, vuol dire che è riuscito a farsi superare :D Comunque anche per me Vasco è andato peggiorando, massimo rispetto per la bravura dell'autore comunque!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha non la sapevo questa storia!! XD
      FENOMENO.

      Moz-

      Elimina
    2. Geniale è quella che è rimasta tette all'aria in diretta TV...magari è una di quelle che al mare fa le acrobazie per non far fuoriuscire un mm di pelle da quelle parti..

      Elimina
    3. Eh, ma sai, lo spirito rock fa miracoli: gli stessi miracoli che in spiaggia non avvengono!

      Moz-

      Elimina
    4. Per questo vai in piscina? 😃

      Elimina
  18. Io ieri c'ero. E non m'importa chi o cosa fossero le persone che c'erano lì(sicuramente troppe), io c'ero e c'era la poesia, la musica, la magia dell'essere tanti contro la paura che a giudicare dal massiccio sistema di sicurezza non era poca.
    Che Vasco possa non piacere è più che lecito, tutto il resto...sono solo parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti riconosci nella maggioranza delle persone del pubblico di Vasco, ci sta.
      Nemmeno io mi ci riconosco (in quanto ascoltatore di Vasco anche se non adoratore dello stesso).
      Vasco è una star ma non (più) un artista/musicista, e il suo pubblico medio è un pubblico di cultura medio-bassa, specie musicale.
      Non c'è nulla di male a essere "semplici", però non ho mai nascosto il disprezzo per questa gente :)

      Moz-

      Elimina
  19. Andando O.T., stamattina la notizia della morte del mitico Paolo Villaggio me l'ha data il Moz su Telegram :/ e ho pensato subito alle sue parole (post morte del Monnezza): perderemo tanti altri simboli della nostra gioventu'- infanzia. E' lapalissiano, ma sono quelle cose che se non dette esplicitamente, non vengono pensate. O meglio, non le si vuole pensare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, proprio oggi (ri)facevo quel discorso con un giovane amico: abbiamo vissuto l'epoca d'oro dei miti. Dagli anni '60 ai '90. Poi, telecinemusicalmente c'è poco.
      Quando morirà Kekko dei Modà (spero il più tardi possibile per lui) non credo (e sinceramente non spero) avrà la stessa eco di quando morirà Vasco Rossi (anche qui spero tra molti anni) o di quando è morto Faber.

      Moz-

      Elimina
  20. Non sono mai stato un fan di Vasco e neanche mi intendo molto di canzoni, ma stavolta, piaccia o no, il successo è indiscutibile. E nonostante tutto è sempre bravissimo a intercettare i sentimenti di tanta gente (oddio, sto difendendo Vasco Rossi, non ci posso credere...!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, è innegabile, e per questo è e resta il numero 1.

      Moz-

      Elimina
  21. Meglio i vegani nordcoreani03 lug 2017, 11:01:00

    Onestamente a me le canzoni di Vasco sembrano molto piatte, si salva solo Una vita spericolata. Non impazzisco per la musica in lingua italiana,ma meglio Ligabue.
    Lo so che è un'opinione impopolare, ma è così.
    Non mi dà il vomito, mi fa solo senso di banalità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi sono piatte, anche musicalmente c'è poca roba.
      Ma piace così, è nato in un'epoca dove ha saputo dire qualcosa (non era piatto) e oggi parla a un vastissimo pubblico e non a una nicchia di amanti del rock.
      E' una star, non un artista.

      Moz-

      Elimina
  22. Boh, sono scelte, lui fa musica pop-rock.
    Ben venga a chi piace, qualche album vecchio mi piace.

    Non sono d'accordo che il Rock sia morto,perché?
    Vasco cmq non fa Rock.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendevo il rock di Vasco: finito da lustri, all'interno della sua carriera.
      Oggi è pop, canzoni da piano bar.
      Innegabile e sfido chiunque a dimostrarmi (musicalmente e non) il contrario.
      Ma va bene così, citando lo stesso Blasco^^

      Moz-

      Elimina
    2. Ok allora ci siamo capiti. Ciao!

      Elimina
  23. Condivido, perché ha saputo esserci nel momento giusto al posto giusto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, e oggi raccoglie i frutti sapendo di rivolgersi a un pubblico disimpegnato, semplice e medio.

      Moz-

      Elimina
  24. Io credo che si tratti di musica a volte piace altre volte no... Vasco mi ricorda la mia adolescenza e spesso ad una canzone è collegata una situazione vissuta. Personalmente credo che Vasco e Ligabue spesso riescano ad interpretare alcune fasi della vita, come Guccini ma da altri punti di vista ancora, al di là di tutto è stato un grosso evento dove ha funzionato tutto, in questo momento direi che notizia più grossa sia questa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione da vendere, è filato tutto liscio ed è una cosa storica^^

      Moz-

      Elimina
  25. Mi trovo d'accordo.
    Ma sai, io il Vasco Rossi pre 2000 lo apprezzo molto. E' il dopo che è il problema...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem.
      Evidentemente per il pubblico non è un problema. E va bene così, l'essenziale è non definirlo più rock, perché di rock non c'ha più manco la giacca.

      Moz-

      Elimina
  26. A me viene solo il vomito per il Vasco che è adesso, però è assurdamente vero ciò che scrivi. Ha maledettamente vinto :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è non parlare di rock, tutto qui :)

      Moz-

      Elimina
  27. Standing ovation, standing ovation per te... Condivido appieno, io ricordo ancora quando sentii per la prima volta mentre ero in un negozio, la cover di Creep: Vasco era già a caduta libera, ma quello fu un colpo al cuore. Da allora non ascolto più la radio, ma almeno questo mi permette di vantarmi della mia totale ignoranza su... Despacito :p
    Ti seguo ormai da un po' Moz ed è un vero e proprio piacere, apprezzo la tua schiettezza e onestà! Uscendo dal tema, posso chiederti se tornerai ad aggiornare il blog su Berserk (son curiosissima di leggere i tuoi commenti sugli ultimi capitoli) e se vedremo mai il seguito del fumetto che "lanciasti" un po' di tempo fa? Grazie
    (Ti seguo su Instagram come "secondastella.a.destra", ma chiamami Laura)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wè, benvenuta a bordo, Laura!
      Certo, ti seguo anche io su Instagram :)
      Vero: la cover di Creep fu un duro colpo.

      Rispondo alle tue domande:
      il blog ho dovuto "mollarlo" temporaneamente perché per tutto lo scorso anno non sono stato granché presente, e diciamo che anche l'inverno passato non è che sia stato al top. Cercherò di trovare un momento per rimetterlo in sesto e aggiornarlo come si deve.

      Il fumetto che citi è Moz Lab?
      Ne ho scritte altre tre storie e spero di riuscire a disegnarle entro l'estate! :)

      Grazie per seguirmi, grazie per l'apprezzamento! :)

      Moz-

      Elimina
  28. tra le non tante cose che non capisco, primeggia il segreto del successo del cantante di Zocca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me immeritatissimo successo.
      Non mi è mai piaciuto, mai. Per me il cantante deve avere in primo luogo una bella voce, altrimenti che cantante sei? Per avere una voce imperfetta devi averne una che arrivi dritta al cuore e Vasco non ci arriva di sicuro. Lasciando stare la voce che è discutibile, i testi sono di una banalità sconcertante, non c'è niente di nuovo e nulla che mi convinca. Mai ascoltata una canzone di Vasco per intero, non lo sopporto per niente e credo che se fosse arrivato in un altro momento musicale non se lo sarebbe filato nessuno

      Elimina
    2. Francesco: secondo me il suo smisurato successo è perché -al di là di chi lo apprezza davvero- riesce a farsi portavoce o simbolo di un tessuto sociale medio-basso, quindi la maggioranza delle persone.

      Paola: sono d'accordo con te, è stato bravo all'inizio (e, devo dirlo, fino a un certo periodo mi piace pure) ma se uscisse oggi non arriverebbe da nessuna parte:ci sono già i Modà XD

      Moz-

      Elimina
  29. Capisco quello che scrivi, sarebbe cieco non condividerlo. Detto questo i due Rossi citati in questo filotto di commenti, non mi piacciono entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il signor Rossi però lo amiamo :)

      Moz-

      Elimina
  30. Analisi perfetta. Vasco e la sua musica sono come hai descritto tu. Piaccia o non piaccia1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piaccia, alla fine lo ascolto volentieri e tranne per le cose vomitevoli... non cambio stazione^^

      Moz-

      Elimina
  31. Io quelli che non sopporto sono gli snob intellettualoidi con la puzza sotto il naso pronti a criticare i suoi testi che di superficiale hanno poco o niente.
    Chiaro che il Vasco di oggi non sia paragonabile a quello dei suoi apici, ma intanto Un mondo migliore caga comunque in testa alla spazzatura che si sente in giro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, più va avanti, più i testi diventano banalotti, per così dire. Specie se confrontati col passato.
      Il problema è che per Vasco si continua a parlare di rock, quando invece ha cambiato genere da anni ormai...

      Moz-

      Elimina