[SPORT] il wrestling in Italia: i periodi di successo


Il wrestling: uno sport-spettacolo che ha preso piede in Italia solo a inizio anni '80, conoscendo almeno due momenti di grande boom.
Nel resto del mondo, questa particolare lotta libera acrobatica era già molto nota: storica la scuola messicana (lucha libre), giapponese (puroresu) e statunitense (pro wrestling), mentre da noi viene inizialmente chiamato "catch".
Questo articolo, tra storia televisiva e non solo, vuole ripercorrere il cammino del wrestling nella nostra Penisola...


Il primo contatto italiano con il wrestling è tutto giapponese: gli energumeni che se le davano di santa ragione sul ring, tra salti e mosse speciali, sono arrivati in doppio formato -reale e animato- proprio dal Sol Levante.
Siamo al principio degli anni '80.
Euro Tv trasmette Catch the Catch (vedi qui) commentato da Tony Fusaro. È il puroresu, il wrestling nipponico, dove il pubblico ha modo di conoscere star del calibro di Antonio Inoki, Shosei Baba, Andrè the Giant e Tiger Mask.
Persino un giovane Hulk Hogan figurava spesso in questi filmati, essendo all'epoca impegnato nella trasferta giapponese. La trasmissione viene replicata diverse volte su altre televisioni, fino alla fine del decennio.

Tiger Mask e Hulk Hogan - immagine web
Il caso vuole che su Rete 4 (e poi su tutta una serie di tv minori) venga mandata in onda, praticamente in contemporanea con Catch the Catch, anche la famosa serie animata L'Uomo Tigre, il campione.
Un cartoon sul wrestling, violenta e dura, che ha come protagonista proprio un personaggio ispirato al Tiger Mask che gli spettatori potevano ammirare dal vivo. E non solo: nella serie apparivano anche wrestler reali come Antonio Inoki e Shusei Baba!
Seguì, a ruota, la trasmissione del sequel: L'Uomo Tigre II.

L'Uomo Tigre - immagine web

Italia 1, che era molto orientata all'americanità specie nelle proposte sportive, affidò il ruolo di telecronista al mitico Dan Peterson, ex giocatore e già commentatore delle partite di basket: con Superstars of Wrestling, il sabato sera attorno ale 22.30, arrivò lo spettacolare wrestling americano della WWF (oggi WWE).
Attenzione, qui chiedo agli esperti di paleo-tv: si dice che la WWF sia stata mandata in onda per un brevissimo periodo anche dalla Rai, commentata da Mario Mattioli: ne sapete niente?
Siamo ancora negli anni '80, seconda metà. Anche Tele+, che poi divenne a pagamento, trasmetteva Superstars of Wrestling (divenuto nel frattempo WWF Superstars).

il logo della trasmissione - immagine web

Ci proiettiamo così negli anni '90, quando il wrestling conosce il primo vero boom nella cultura popolare, durato fino al 1994.
Innanzitutto arriva, in sordina su Italia 7, il cartoon I campioni del wrestling (Hulk Hogan's Rock 'n' Wrestling).


Poi grazie alla trasmissione -di nuovo su Italia 1 e sempre con commento di Peterson, stavolta al sabato pomeriggio e alla domenica mattina- di WWF Superstars, i personaggi più iconici della lotta libera americana diventano un fenomeno sociale.
Hulk Hogan e la sua Hulkmania; Macho Man; Ultimate Warrior; l'esordio di Undertaker; Jake the Snake e tanti altri, coloratissimi, se le davano senza sosta sul ring celeste.

tra i più famosi lottatori dell'epoca - immagine web

Arrivarono giocattoli e gadget: action figures, materiale per la scuola e via dicendo.

uno spot dei giocattoli importati da Gig - immagine web

Non poteva mancare il videogame arcade, che spopolò nelle sale giochi e nei bar.

botte da orbi in salsa videoludica - immagine web

Dopo questo clamore, il wrestling sparisce dalle scene.
Bisogna attendere il 2000 per rivederlo, sempre su Italia 1, con la federazione WCW.
Monday Nitro ero lo show proposto dall'emittente italiana, alla domenica mattina.
Un ritorno che voleva essere in grande stile, con nuova linea di giocattoli lanciata nei negozi e il commento di due speaker radiofonici. Era il periodo d'oro per la lega WCW di Ted Turner, all'epoca marito di Jane Fonda: Kevin Nash, Sting, Hollywood "Hulk" Hogan, Macho Man, Eric Bischoff.
Durò poco, anche perché in America la WCW fallì e fu acquistata dalla WWE (la ex WWF).

Hollywood Hogan e il Nuovo Ordine Wrestling della WCW


Arriviamo nel nuovo millennio: Italia 1 crede ancora nel wrestling e a fine 2002 inizia a mandare in onda, il sabato mattina e con commento di Ciccio Valenti, la trasmissione Velocity.
È solo l'inizio: Velocity, di fatto, è la versione "minore" dello show Smackdown; è l'anticamera del nuovo boom.
Lo stesso Smackdown arriva sulla rete italiana ed è subito un enorme successo: The Rock, John Cena, Triple H, Big Show, Rey Mysterio, Eddie Guerrero a cui si sommeranno Batista, Booger T e tanti altri, sono i nuovissimi campioni osannati anche dal pubblico italiano.

il logo di Velocity

Per tutti gli anni 2000 si moltiplicano eventi e trasmissioni sul wrestling: Sky trasmette Raw e i main event, come Wrestlemania; in edicola arrivano card e figurine, nonché riviste; sugli scaffali le nuove action figures; le console si animano coi nuovi videogiochi; altri canali mandano in onda servizi e highlights dei principali eventi (ad esempio su GXT). Ma non è finita: la mania del wrestling porta alla ribalta anche la federazione italiana, con tanto di show su altre reti minori.
Il cartoon Ultimate Muscle (Kinnikuman) arriva in televisione.

popolare titolo videoludico - immagine web

Il nuovo oblio: dopo i tragici fatti che hanno colpito il lottatore Chris Benoit e poi la morte di Eddie Guerrero si conclude, a ridosso del nuovo decennio, anche questa prolifica nuova vita del wrestling per il pubblico italiano. Sky continua a mandare in onda qualche evento, ma le trasmissioni sono sparite.
Qualche nostalgico segue ancora i match e nuovi protagonisti sono sorti, nel frattempo, sul ring.
Ma non è ancora scoccata l'ora di farli conoscere alla grande platea tricolore.
Mancherà poco per un terzo, grande, boom?

Ami il wrestling? Leggi anche

La classifica dei wrestler più leggendari
10 wrestler nei ricordi infantili

62 commenti:

  1. Io ricordo benissimo WWF Superstars, durante il quale stravedevo per Undertaker, e la scimmia tremenda che mi aveva preso per Smackdown, al punto che mi ero comprata il POLSINO della WWE e persino il porta cd (solo perché in mezzo ai brezzlers in "copertina" c'era quel gran bel figliolo di Kurt Angle). Considerato che ero già all'università capisci bene che la mia psiche non sta messa benissimo XD fortuna che la scimmia è durata un annetto scarso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Waooo, proprio una fan scatenata!
      Io anche seguivo Velocity e poi Smackdown, ma via via mi rendevo conto che non ci si divertiva più come in passato... tutto troppo serio, colori dark e personaggi oscuri XD

      Moz-

      Elimina
  2. Io ho qualche pupazzetto della Gig :) Comunque lo seguivo negli anni '90, il mio ricordo più bello ce l'ho di una volta che alle superiori eravamo in gita, alla sera si guardava la tv in albergo tutti assieme e guardavamo proprio una delle trasmissioni di Wrestling commentata da Dan Peterson. Si stavano combattendo Hulk Hogan e Sid Justice, quando arrivarono i soliti intrusi "cattivi" a disturbare..ma ad un certo punto parte la musica di Ultimate Warrior che ritornava dopo mesi di assenza e sbaraglia tutti! E' venuto giù l'albergo dal nostro entusiasmo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io avevo due pupazzetti: uno era il tizio con il serpente sulle spalle, che tira un pugno, l'altro è Hulk Hogan con la mossa che ti solleva e ti butta a terra.

      Il Wrestling per me è stato un fenomeno secondario, alcuni miei amici ne erano matti e avevano un sacco di pupazzetti, io ero incuriosito da quest'ultimi, ma nulla di più.

      Elimina
    2. No rettifico, avevo il tizio con le forbici che saltava :D (quello del serpente era di un mio amico). Guardando la pubblicità tratta da Topolino mi è tornato tutto in mente.

      Comunque a me stava simpatico Hulk Hogan, mentre tutti stravedevano per Ultimate Warrior!

      Elimina
    3. @fab: certo che andare in gita e vedere al sabato sera il wrestling... è un po' da folli ma ci sta: per Ultimate Warrior questo e altro^^

      @Ric: tu quindi avevi Brutus Beefcake e il tuo amico Jake the Snake :)
      Io ho tifato sempre e solo Hogan, anche quando era cattivo^^

      Moz-

      Elimina
  3. Bellissima questa retrospettiva :) anche se non sono mai stato un fan del wrestling. Ma magari il cartone animato mi avrebbe appassionato, soo che dalle mie parti non si vedeva italia 7 :D

    Comunque come detto sopra, il mio ricordo maggiore erano i pupazzetti della Gig e le coloratissime pubblicità su Topolino :)

    Negli anni 2000 ricordo il boom che ebbero personaggi come Rey Mysterio, Eddie Guerriero e John Cena.

    Ma nel 2004-2005 divenni spettatore assiduo di "Ultimate Muscle": da fan degli exogini non potevo non guardarlo :) E ti dirò è un cartone che mi piace molto per il suo mix tra serietà e commedia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma il cartoon non c'entrava moltissimo. Il wrestling restava sullo sfondo.
      Vero: una delle serie di Exogini viene proprio da Kinnikuman :)
      Io ho vissuto praticamente quasi tutti i boom, appassionandomi davvero solo nei due exploit degli anni '90. Però mi piacerebbe rivedere in auge il mito del wrestling^^

      Moz-

      Elimina
  4. Ottimo articolo! Seguivo parecchio il Wrestling statunitense da piccolo (adoravo Rey Mysterio) XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Kir.
      Dai, speriamo che torni un po' in auge :)

      Moz-

      Elimina
  5. Infatti è da quando morì Eddie Guerrero che non lo vedo più..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché dopo quei fatti, la Mediaset ha smesso di mandarlo in onda...

      Moz-

      Elimina
  6. Mattioli commentava il wrestling su Rete 37, da toscano me ne ricordo bene :) alla Rai passò dopo, lì il wrestling non è mai stato trasmesso... Bell'articolo, ripasserò più tardi con calma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, già si chiarisce qualcosina... poi metteremo insieme tutte le info^^

      Moz-

      Elimina
    2. Vero alla Rai il wrestling non è mai stato trasmesso continuamente, però in un paio di trasmissioni Rai come curiosità assieme a tante altre "manie americane" si parlò anche del wrestling con Fusaro ospite i studio che illustrava le regole generali di quello "sport".

      Elimina
    3. Ecco un'altra testimonianza: grazie Nikke :)

      Moz-

      Elimina
  7. Per un certo periodo l'ho seguito anch'io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso davvero in molti: impossibile non rimanere affascinati, almeno un poco, da questo sport-spettacolo^^

      Moz-

      Elimina
  8. Per un certo periodo l'ho seguito anch'io!

    RispondiElimina
  9. Tra l’uomo tigre e la WWF da bambino ho quasi spaccato il letto per ripetere le mosse (storia vera) ma penso che lo abbiamo fatto un po’ tutti. Già allora Dan Peterson non prendeva in canale e sproloquiava di codici postali americani durante le telecronache, però era davvero mitico. Smackdown, che seguivo, mi ha stufato, ma la WWF era mitica, c’era già il mio preferito (Undertaken) e leggende come Roddy Piper, lui si mi faceva impazzire.

    Avevo anche i pupazzetti, Jake the Snakle Roberts, sgt Slaughter e il più grande tag team di sempre, i Legion of Doom! Mi mandavano ai pazzi :-D Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io preferisco di gran lunga il Wrestling di fine '80 e prima metà '90, ma amo anche quello del 1999-2000 WCW, con Guerrero, Nash, Sting.
      Certo, prima era proprio una cosa giocattolosa, colorata, personaggi mitici e fluo.
      Poi Smackdown e Raw hanno reso tutto assurdamente più cupo e tetro, però belle cose anche lì!^^

      Moz-

      Elimina
  10. Appartengo alla prima "sfornata" di wrestling... Se permetti, su Tele+ non andava in onda "Superstars of wrestling" ma "Wrestling spotlight", tutti i pomeriggi alle 18:15. Erano sì repliche e rimontaggi dello show di Italia 1, ma il nome del programma era differente.
    Poi il wrestling sparì dalle tv in chiaro e quindi smisi di vederlo, così come il tennis.

    In merito al wrestling in Rai... Ci fu qualcosa, all'interno del contenitore pomeridiano di Raitre Videosport: ricordo un ring all'aperto con incontri svolti di giorno (probabili dirette italiane?). Non ricordo però volti noti nella WWF che seguivo in quel periodo, i nomi degli atleti erano comunque americani o americanizzati... E non c'erano gli accompagnatori disturbatori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti aspettavo! :D
      A me risulta che Superstars venne poi effettivamente mandato in onda anche su Tele+, quando finì su Italia1.
      Ho anche un ricordo di una trasmissione quotidiana del wrestling, il pomeriggio su Italia1, magari d'estate nei primi anni '90 (ovviamente durante il boom che portò i giocattoli e via dicendo).

      Sul wrestling in Rai: ecco, dunque qualcosa ci fu.
      Michele Borgogni, nel suo commento qui sopra, ha detto che Mattioli commentava il wrestling su una tv toscana...
      Dovremmo ricostruire questa cosa^^

      Moz-

      Elimina
    2. Non so cosa sia successo a Superstar of wrestling dopo che sparì da Italia 1, mi riferivo alla programmazione, ancora in chiaro, di Tele+ quando il wrestling era ancora di scena su Italia 1.
      Poi tornò anni dopo, di domenica mattina, su Italia 1, ma oramai le pay-tv avevano fatto i danni che dovevano e nel frattempo erano cambiati quasi tutti i wrestlers (ricordo attivi Undertaker, Ultimate Warrior, e un irriconoscibile Sean Michael che avevo lasciato nei Rockers). Oramai non m'interessava più... Ora ogni tanto dedico qualche minuto su YouTube a vedere-rivedere qualche incontro di quegli anni...

      Non posso sapere cosa trasmettevano in Toscana... Una cosa non esclude l'altra... Considera che Videosorveglianza, tolti Roland Garros e ciclismo, dedicava la programmazione a sport "di nicchia", mai basket, mai pallavolo, mai atletica... Quindi possibile che abbiano trasmesso quello che ricordo io.

      Elimina
    3. Sì, ti riferisci a WCW, che era la federazione rivale della WWF/WWE (addirittura la superò in ascolti, nella battaglia del lunedì).
      C'erano altri lottatori perché era una nuova generazione che si stava formando, alcuni di questi poi sono diventate star della WWE vera e propria (che ricomprò la fallita WCW).

      Insomma, mi sa che sarà impossibile tracciare una mappa precisa della tv di allora ...

      Moz-

      Elimina
    4. Ehm... Non era Videosorveglianza ma Videosport... :D Il correttore ortografico dello smartphone va addestrato a dovere!

      Elimina
    5. Sì, avevo intuito. Purtroppo anche io ho questi problemi con il correttore :o

      Moz-

      Elimina
  11. Ciao Miki, comunicazione di servizio:
    ho reso privato il mio blog. Dovresti riuscire a chiederne l'accesso anche se non sei iscritto a iobloggo. Se ci fossero problemi fammi sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho mandato la mia richiesta un'oretta fa^^

      Moz-

      Elimina
    2. non mi è arrivato niente :( facciamo così, fammi avere il tuo indirizzo mail che lo inserisco io

      Elimina
    3. Eppure avevo riempito il modulo! :o
      Comunque:
      mikimoz@hotmail.com

      Moz-

      Elimina
  12. Mi hai fatto tornare indietro nel tempo.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È il compito del Moz O'Clock, baby! :)

      Moz-

      Elimina
  13. Lo seguivo negli anni '80 ed ovviamente il ponte d'unione arrivò proprio grazie all'anime dell' Uomo Tigre.
    Non ne ero un fan, ma comunque mi divertivo a vedere i combattimenti specie quando c'erano quei tornei tutti contro tutti.
    Ho ovviamente giocato al Coin Op ed ho visto anche qualcosa nel periodo anni '90.
    Mi pare ci fu una breve esplosione negli anni 2000 con Cena e soci, ma fu più una meteora che altro.
    Ricordo però che i bambini dell'età di mio nipote ne andavano matti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le royalrumble! :)
      All'epoca chiamata "rissa reale"!
      Quella degli anni 2000 non fu una meteora, altroché: fu pari e oltre l'exploit anni '90.
      Fu il boom più importante a livello popolare, se parliamo di portata e durata^^

      Moz-

      Elimina
  14. Se non ricordo male Peterson commentò per un breve periodo anche Smackdown il sabato mattina.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di certo Peterson commentò la WCW dopo i due dj. Su Smackdown non saprei, perché c'era Giacomo Ciccio Valenti...

      Moz-

      Elimina
    2. Ciao, prterson commentò il sabato mattina velocity, poi qnd l anno successivo italia 1 trasmise smackdown la domenica alle 20 il buon dan commentò le prime 4 puntate. Poi la conduzione passò a ciccio valenti (che tra l altro era un vero incompetente in fatto d wrestling). Bellissimo blog cmq :-)

      Elimina
    3. Ciao e benvenuto a bordo! :)
      Grazie per i dettagli: stiamo cercando di ricostruire una storia lunga 35 anni e non è semplice! Quindi, grazie mille!
      Peterson pare che abbia commentato anche qualcosa della WCW al di là delle vhs promozionali.

      Valenti in effetti non era adatto.
      Grazie mille, a presto :)

      Moz-

      Elimina
  15. Quante maschere dell'uomo Tigre ho fatto per i bambini! Io le ritagliavo e loro giù a colorarle. Bellissimo anche il cartone.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, cartone duro e puro, violento e selvaggio. Non ne fan più così!
      Belle le maschere **

      Moz-

      Elimina
  16. Comunque mi sembra di ricordare le telecronache di Dan Peterson anche sulla mitica Telecapodistria... Dovrei indagare 🤔

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco ecco, nuovo tassello alla storia del wrestling italiana...^^

      Moz-

      Elimina
  17. Mi piaceva negli anni 80, poi un po' mi ha stufato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me stufò relativamente presto nei 2000...

      Moz-

      Elimina
  18. Quanto mi piaceva la WWF, da ragazzino non mi perdevo una puntata. Specialmente l'estate con i miei cugini la guardavamo sempre, per poi ripetere le mosse.

    Con il videogame ho passato le ore, mentre per quanto riguarda i pupazzi dovrei avere ancora qualcosa in soffitta dai miei insieme al mitico ring.

    La seconda ondata l'ho guardata ma, forse anche perché ero cresciuto, non mi ha preso come la prima. Secondo me però era un problema di personaggi, quelli della prima ondata riuscivano ad attirare di più per le storie che si creavano intorno ai combattimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi confermare che in estate, durante gli anni '90 (prima metà) andava in onda tutti i giorni?
      Io ho questo ricordo... magari erano repliche.

      Il mitico ring celeste, sì... bellissimo anche a giocattolo.
      Diciamo che Smackdown e Raw hanno portato il wrestling a un'atmosfera più cupa e seriosa. WCW era "di passaggio" tra le fasi".
      Ma la WWF di fine ann '80 e primi anni '90 era cafona, colorata, giocattolosa, iconica.

      Moz-

      Elimina
    2. Si si lo facevano tutti i pomeriggi subito dopo pranzo.

      Elimina
    3. Ohhhh bene bene, quindi avevo ragione^^

      Moz-

      Elimina
  19. Ho fatto un po' di ricerche: confermo che in alcune tv private (in Toscana appunto Rete 37), venivano trasmessi vecchi incontri di wrestling WWF ( pre Wrestlemania) della prima metà degli anni 80 commentati da Mattioli, poi replicati più e più volte fino al 1990 e oltre. In Rai no, credo che la "leggenda" sia nata da una lettura non corretta di un articolo che ho recuperato e che parlava di Mattioli e del suo arrivo in Rai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi possiamo dire che il wrestling nasce col catch di Fusaro e con la WWF di Mattioli, entrambi su circuiti privati?

      Moz-

      Elimina
    2. Direi di sì, anche se se dovessi scommettere direi che è arrivato prima Fusaro!

      Elimina
    3. Però insomma, siamo lì, anno più anno meno...

      Moz-

      Elimina
  20. Ricordo benissimo il primo wrestling.
    Ho impresso nella mia mente lo scontro Hulk Hogan vs Yokozuna: su Tele+ fecero l'incontro esclusivo.
    Poi quando vidi il RAW, molti anni dopo, smisi d'interessarmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché era tutto così dannatamente serioso...

      Moz-

      Elimina
  21. Certo che un giapponese che si chiama Antonio, fa proprio ridere (come l'ex giocatore della Roma, tedesco e di origini africane, Antonio Rudiger)!

    Non sono mai stato un amante del wrestling e ricordo a malapena qualche incontro ai tempi di Peterson (era troppo finto per un bambino cresciuto con la violenza dell'anime dell'Uomo Tigre). Ricordo però con piacere i giocattoli, vagamente il videogioco ma soprattutto le lotte coi cugini, in cui il ring era un tappeto e imitavamo le loro mosse più famose.
    Poi dopo anni di assenza, ricordo solo la piccola parentesi comica, su Italia 1. A dire il vero erano incontri veri ma c'erano due commentatori che sparavano cazzate, reinventando i discorsi che facevano. Da una parte ero contento per il ritorno dopo anni di assenza ma dall'altra non ricordavo quasi nessuno dei lottatori, erano quasi tutti quelli moderni, persi subito interesse e da allora non ho più seguito questo sport.
    Non mi pare che tu ne parli... ma possibile che la ricordi solo io? Era fine anni 90 o primissimi 2000 e poco dopo è tornato tutto "serio", per modo di dire (probabilmente anche per questo ho perso interesse).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No ma Antonio è un nome d'arte, in onore proprio di un lottatore italiano :)
      Sì, comunque, ho parlato della parentesi che dici: WCW MONDAY NITRO, era la domenica mattina su Italia1.
      Presentava la federazione rivale della WWF/WWE, ma che all'epoca era più forte (quasi tutti i migliori lottatori erano passati lì, da Macho Man a Hulk Hogan) e ovviamente c'erano personaggi nuovi come Nash, Sting, Guerrero ecc... :)

      Moz-

      Elimina
  22. Li ricordo eccome!! Mio marito era appiccicato alla tv ed io protestavo perché li trovavo violenti ed esagerati. Però mi piacerebbe rivederli oggi , sotto un'ottica diversa ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esageratissimi, sì. Violenti nemmeno troppo, ma alla fine se ne capisce la finzione (non atletica, eh)^^

      Moz-

      Elimina
  23. Ciao Miki, molto interessante il tuo articolo sul wrestling!
    Mi ricordo che c’era un’emittente televisiva che si chiamava “SuperSix” che trasmetteva il Catch giapponese (Puroresu) della federazione New Japan Pro Wrestling dove gli atleti di punta erano Antonio Inoki, Tiger Mask (Satoru Sayama), Stan Hansen, TigerJeet Singh, Abdullah the Butcher, Andrè the Giant ed Hulk Hogan. Il commento era del mitico Tony Fusaro.
    Successivamente, negli anni’90 mi ricordo di una trasmissione condotta da Dan Peterson dal titolo “Let’s go West American ball” dove ogni tanto facevano vedere qualche incontro di Wrestling americano ma spesso si trattava di incontri molto brevi (squash) poco coinvolgenti rispetto a quelli nipponici.
    Successivamente con l’avvento di internet scoprì l’esistenza Di tante altre federazioni, alcune molto interessanti. Attualmente seguo molto Lucha Underground ed il wrestling continua ad interessarmi come sport spettacolo anche se ho 44 anni suonati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alberto e benvenuto!
      Grazie per queste altre informazioni: nessuno aveva ancora citato Let's go, e quindi un altro tassello nel wrestling in Italia è completo!

      Sai cosa penso? Che sarebbe ora che il wrestling tornasse di nuovo in onda sui canali free nazionali, con tutto ciò che ne consegue (action figures ecc).
      Anche perché è finita l'epoca dark dei primi anni 2000, ho visto che siamo tornati ai colori divertenti e a personaggi molto simpatici!

      Io ogni tanto di notte becco qualche incontro di 3-4 anni fa di una federazione dove combatte Sting!

      Moz-

      Elimina