[FILM] Batman & Robin (J. Schumacher), una retrospettiva


Termina così, con la retrospettiva su Batman & Robin, il percorso che da quattro mesi ci accompagna alla scoperta della tetralogia 1989-1997 sul Cavaliere Oscuro.

Una serie di quattro film gestiti prima da Tim Burton e poi da Joel Schumachacher, di cui oggi riscopriamo l'ultimo episodio, che segna il congelamento del bat-brand fino a che le gesta dell'Uomo Pipistrello non verranno riprese da Nolan...
Pronti? Via!

LA GENESI

Dopo il clamoroso successo di Batman Forever, la produzione mise subito in cantiere un seguito, che arriva due anni dopo. Unico diktat: ancora più colore, deve essere un film per famiglie. Il tutto doveva sembrare un cartone animato: addirittura gli attori accostarono il film a una pubblicità di giocattoli. E infatti, fu anche per spingere più facilmente la vendita di questi, grazie agli accordi con le case di distribuzione, che Batman & Robin divenne assolutamente commerciale.
E allora cosa fare? Semplice: si cercò di omaggiare, idealmente, la serie televisiva degli anni '60!

il trio di eroi

LA FAMIGLIA, LA RIBELLIONE

Il tema principale su cui si basa la pellicola è quello della famiglia, dei rapporti all'interno di essa.
Iniziando proprio da quello tra Batman e Robin, non un ragazzino ma un ragazzo adulto, che qui inizia a ribellarsi al suo mentore. Nei fumetti questa cosa è molto sentita, e porta al distacco di Dick Grayson da Bruce Wayne. Qui si riduce a scaramucce e gelosie nei riguardi di una donna, che si diverte a mettere l'uno contro l'altro il Pipistrello e il Pettirosso, giocando con entrambi.
La famiglia è presente anche nella trama di Alfred, di cui scopriamo l'esistenza di un fratello e una sorella, nonché di una nipote (Barbara, qui non Gordon ma Wilson).
E, infine, il legame di Victor Fries con sua moglie Nora, che mantiene in stato di ibernazione in attesa di cure.

vuol farsi il quarantenne miliardario o il ventenne focoso?

PIANTE, GHIACCIO E VELENO

Stavolta Batman e Robin se la vedono con due supercriminali e mezzo.
Da un lato l'ambientalista Poison Ivy (dapprima un'esaurita scienziata nazivegan, poi mortale villain), dall'altro il premio nobel in bodybuilding Mr. Freeze (prima un brillante ricercatore, poi ladro di diamanti -che però gli occorrono per sopravvivere-).
Tra questi c'è posto anche per Bane, che l'adattamento italiano traduce in Flagello. In questo film è un serial killer ispanico, tale Antonio Diego, a cui viene somministrato il Veleno (sostanza in realtà scoperta da Poison Ivy, che voleva incrociare piante e serpenti per fare in modo che la vegetazione potesse difendersi da sola contro l'uomo).
Il film presenta comunque un campionario di cose già viste: Fries diventa Mr. Freeze cadendo in un calderone di liquido sottozero (vedi il Joker del primo film); Pamela Isley diventa Poison Ivy "risorgendo" dalla morte dopo essere stata messa a tacere da uno scienziato pazzo (scena non dissimile dalla nascita di Catwoman nel secondo film del lotto).
A essere interessanti, qui, sono i ruoli: Poison Ivy è davvero cattiva, tanto che arriva a disattivare il generatore che tiene in vita Nora Fries, mentre Freeze delinque solo per dare una cura a sua moglie.

Chibiusa e Robocop

ATMOSFERE E MUSICA

Dominano i neon colorati, che illuminano ambienti giocattolosi: spesso e volentieri sembra di trovarsi in un episodio di una serie super sentai piuttosto che in un film di Batman.
Ogni pretesa di realismo è ormai abbandonata: omaggiando il campy della serie tv anni '60, e spingendosi ancora più oltre certe assurde trovate del film precedente, Batman & Robin è tutto azione, avventura e sgargiante ironia. Non stupisce quindi vedere il Dinamico Duo (a cui si aggiungerà Batgirl) far fuoriuscire dagli stivali le lame dei pattini per scivolare sul ghiaccio. Una trovata non lontana dallo spray squalo-repellente.
Già solo dall'inizio, con la vestizione dei due eroi (dove capezzoli, culo e pacco vengono messi bene in mostra...) è chiaro dove si vuole andare a parare. Una Batmobile tamarra, la prima battuta di Batman che recita "ecco perché Superman lavora da solo" e una scena al museo tra dinosauri e razzo spaziale, sono le basi con cui procede l'opera.
Batman e Robin inseguono Mr. Freeze nei cieli, i primi come Silver Surfer, l'altro come l'Uomo Ghiaccio. Ci scappa anche un "cowabunga!" e ormai non ci sono più dubbi: è un cartone animato!
Di certo non la serie Batman TAS, che pure viene richiamata nella storia di Victor Fries (l'ispirazione è infatti l'episodio -bellissimo- Cuore di ghiaccio).
Torna la fanfara come tema principale, ormai un classico.
Interessante l'uso dei R.E.M, degli Underworld, degli Smashing Pumpkins, Goo Goo Dolls e molti altri per la colonna sonora.

dettagli...

GLI ATTORI

Batman cambia ancora e ottiene il volto di George Clooney, che gigioneggia un po' ma in fondo ci sta.
Chris O'Donnell è ancora Robin, mentre Alicia Silverstone presta il suo volto da sagra paesana a Barbara/Batgirl, nuova arrivata tra i giustizieri: una liceale inglese che però è un asso con le moto.
Come sempre, grandi star per i cattivoni: Uma Thurman è Poison Ivy, sensuale come Madre Natura (o un gambo di insalata, vedete voi), ma che concede uno dei migliori momenti durante il ballo tribale, in una scenografia che ricorda il finale di The Mask.
Il governatore Arnold Swartzenegger è invece Mr. Freeze, con la pelle glitterata stile pungiglione dei Kombattini e con un'armatura da nemico dei Power Rangers: il migliore, sempre.
E si permette anche battute sulla taglia che indossa. Val la pena di amare questo film solo per lui.
Pat Hingle è ancora Gordon, per tutto il tempo in divisa.
Micheal Gough è sempre Alfred, stavolta al centro delle vicende.

wao, abbiamo ammazzato il franchise!

NOTE

Per aver indugiato su particolari anatomici quali culi, pacchi, tette nelle tute dei tre vigilantes, il film attirò su di sé diverse critiche, al di là di quelle sulla qualità.
Anche se fu un discreto successo al botteghino, ma soprattutto un successo commerciale per quanto riguarda merchandising e giocattoli, Batman & Robin segna la momentanea fine del franchise cinematografico facendo naufragare l'idea del quinto episodio, Batman Triumphant: ai fan non piacque per nulla. Oggi, dopo venti anni, lo giudichiamo almeno divertente, e comunque la Warner Bros. ottenne quel che aveva richiesto: un film kid-friendly.

Scopri gli altri tre film della saga! Leggi anche

Batman (1989)
Batman Returns (1992)
Batman Forever (1995)

48 commenti:

  1. Hai detto bene, il film che omaggia la serie degli anni '60, peccato che nessuno abbia capito (o apprezzato) l'omaggio e Joel Schumachacher, avrà gente che andrà a pisciare sulla sua tomba per via di questo film, peccato perché è un bravo regista. Bellissimo post complimenti Moz! ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me lui piace tanto. Oh, se voleva fare gotico alla Burton gli sarebbe riuscito anche bene (e forse meglio, per il 1997) riproponendo le stesse atmosfere (perfette) di LINEA MORTALE.
      Grande Schumi, davvero.

      Moz-

      Elimina
  2. Secondo il mio parere, non è male come film.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti: è sicuramente il peggiore dei quattro, guardando il progetto nel complesso. Ma come film, visti gli intenti, non è male^^

      Moz-

      Elimina
  3. Io ho sempre preferito quello con la Kidman. Questo cmq non era male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto giocattoloso, questo.
      Il precedente forse ha ancora qualcosina della gestione Burton, anche se devo essere sincero: come atmosfere preferisco questo, perché Forever segna TROPPO lo stacco col passato...

      Moz-

      Elimina
  4. Io ho sempre preferito quello con la Kidman ma anche questo non era male.

    RispondiElimina
  5. Ahahahahah, ho preso un abbaglio madornale sul "gigioneggiare" di George Clooney. Pensavo che il termine derivasse dal cantante napoletano Gigione, ma poi ho visto che si tratta di tutt'altro personaggio, anche se devo dire che anche al primo, il significato del vocabolo gli calza a pennello. :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, grandissimo Gigione.
      Un giorno farò la top ten sulle mie canzoni preferite. Al primo posto, te lo anticipo, La Mercedes :D

      Moz-

      Elimina
  6. Per me questo film si riassume in una sola parola: NO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto crepando dal ridere sul commento di Orso :D.

      A me non dispiacque, ma ero di parte perché mi piaceva la Silverstone. E niente male il cattivo Schwarzy (che bello l'episodio della serie animata cuore di ghiaccio!).

      Elimina
    2. Ahahaha!
      Io a riguardarlo oggi, direi più NO al terzo, che proseguiva il discorso Burton.
      Qui almeno hanno voluto cazzeggiare dall'inizio alla fine... :)
      La Silverstone non so se è carina o meno, ha la faccia paesanissima.

      Moz-

      Elimina
  7. A parte Alicia Sylverston, che recitava con la verve di un bue muschiato, il film mi era piaciuto proprio perché era un omaggio alla serie anni 60.
    Uma poi era stata magnifica!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francy non mi toccare Alicia Silverstone :D, uno dei miei sogni adolescenziali.

      Elimina
    2. Ahahahahahahahaha sto morendo per entrambi :)
      Lei pessima, ma anche come volto... non so dire manco io. Sembrava che avesse appena finito di pelare i pomodori per la salsa XD

      Moz-

      Elimina
    3. Com'è sexy con il costume da supereroina <3

      Elimina
    4. Ahaha :)
      È il costume a essere sexy :)

      Moz-

      Elimina
    5. Chiediamo a una delle nostre amiche blogger di indossarlo? :D

      Elimina
    6. Per me nessun problema, sarebbe un ottimo cosplay :)

      Moz-

      Elimina
    7. Riky ma ti è piaciuta anche in questo film? 🤔

      Elimina
    8. Benedè, gli ormoni non tengono conto della bravura in recitazione! XD

      Moz-

      Elimina
  8. Non lo guardo dai tempi del suo primo passaggio televisivo ma l'avevo trovato inutilmente trash e poco entusiasmante. Visto oggi magari cambierei idea, chissà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me un po' sì: vedrai, un po' potresti rivalutarlo^^

      Moz-

      Elimina
  9. A me è piaciuto sooratsopra per la naxi vegana Ivy promotrice anti tempo dei veganucci di oggi 😂

    Scherzo. Mi è piaciuto senza una motivazione precisa si può commentare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! Ti piace e basta :)
      Secondo te Poison Ivy è vegana? Chissà se mangia le piante o ha paura di farle soffrire...

      Moz-

      Elimina
    2. Non credo!! Le piante sono onorate di farsi mangiare da lei 😉
      E anche certi uomini a pensarci bene 😂

      Elimina
    3. Ahahah, forse è vero^^

      Moz-

      Elimina
  10. Ma è quello del costume con i capezzoli?
    Ma si può?
    Troppo finto per funzionare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'erano anche nel precedente... Dai, era una trovata simpatica XD

      Moz-

      Elimina
  11. Bellissimo film, ho sempre sognato di possedere i poteri di Poison Ivy e circondarmi di piante cattivissime... e saprei anche che uso farne!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fossimo in un hentai, l'uso di piante tentacolari sarebbe davvero poco ortodosso XD

      Moz-

      Elimina
  12. non l'ho ricordo quasi più, l'ho visto si e no forse una volta sola :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti direi che non ti sei persa niente, ma comunque è divertente^^

      Moz-

      Elimina
  13. E' il peggiore dei quattro, ma perché ha la sfortuna di essere venuto dopo i primi tre! Con il senno di poi è un film discreto e si lascia ancora guardare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, ma guarda... io poco a poco penso sia pure migliore del terzo XD

      Moz-

      Elimina
  14. Non so mai cosa dire con questo film, brutto seppur passabile più o meno..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È brutto se lo consideri nel lotto, che aveva avuto un capolavoro di Burton (Batmna Returns), ma se lo consideri come giocattolone e omaggio alla serie tv anni '60, non è male...^^

      Moz-

      Elimina
  15. L'alluce di cammello di Batgirl!
    Lo ricordo anche io molto gioccattoloso, per i costumi, i gadget e i mezzi. Sembrava fatto tutto apposta per una linea di giocattoli.
    Il film l'ho visto solo una volta al cinema ma non ne ho un bel ricordo, uscii dalla sala deluso.
    La battuta "ecco perché Superman lavora da solo" ero convinto che ci fosse solo nel trailer, perché ricordo la delusione quando non la sentii durante il film ma probabilmente mi ero distratto in quel momento! Una battuta che avevo adorato perché sebbene nei fumetti i supereroi interagissero sempre, nei film era impensabile in quegli anni e la cosa mi eccitò, nonostante l'Azzurrone non apparisse, lo si citava, quindi esisteva nell'universo dei film batmaniani!

    Mitica citazione ai Kombattini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io anche visto al cinema, facevo già le superiori ohmaigod.
      La battuta è proprio la primissima del film, durante la vestizione. Forse sei arrivato con qualche minuto di ritardo in sala... unica spiegazione :)

      Moz-

      Elimina
  16. Thank your site! information your share is useful to me! Top Outlook 2016 Tips & Tricks

    RispondiElimina
  17. Io mi sono sempre rifiutato di vederlo questo film. Mi è sempre parso una trashata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In parte lo è, ma se lo consideriamo per quel che doveva essere, lo si rivaluta un po'^^

      Moz-

      Elimina
  18. A me piace oggi come mi piaceva vent'anni fa. Divertentissimo ed elegante, camp e sopra le righe come se fosse il Rocky Horror, ma con Batman in più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, verissimo. Rispetto ai 4, nel complesso, può risultare il peggiore, ma invece è un grande e colorato omaggio al passato.

      Moz-

      Elimina
  19. Molti lo giudicano spazzatura, ma non credo sia così. Semplicemente hanno sbagliato la formula, esagerando. Sembra davvero un giocattolone piuttosto che un film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, la sbagliarono per i tempi. Oggi sarebbe capito di più :)

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!