[FILM] Con Air, la retrospettiva


1997: esce nelle sale forse quello che più di tutti rappresenta la purezza del cinema action di quel decennio.
Se Commando può essere considerato l'action movie perfetto degli anni '80, Con Air è sicuramente il suo corrispettivo nei '90.
Esagerato, ironico, distruttivo, fumettoso e scorretto, l'opera di Simon West è una macchina priva di sbavature. Tutto ciò che oggi, al cinema, non si fa più.
Riscopriamo assieme Con Air!

LA TRAMA

Cameron Poe è un militare dalla testa calda. Torna a casa da sua moglie Tricia, incinta, giusto in tempo per essere coinvolto suo malgrado in una rissa coi soliti ubriaconi da bar.
Per tenere fede al cognome, la sua vita cade nell'orrore. Finisce in prigione per otto anni, e il giorno in cui deve essere scarcerato succede ovviamente il finimondo: l'aereo-cargo su cui viaggia con altri pericolosissimi criminali viene dirottato.
Cameron resta a bordo per proteggere un amico diabetico, e si troverà a sventare i piani del lucidamente squilibrato Cyrus "vaiolo" Grissom.

PRODUZIONE

Ci pensa Jerry Bruckheimer a metter su la grande baracca di Con Air. Uno che negli anni '80 e '90 non era certo nuovo al genere azione, qui riesce a essere grande: un aereo da distruggere, auto da demolire, per non parlare di strutture più o meno importanti da devastare. Non mancano esplosioni col protagonista al rallentatore mentre lo sfondo salta per aria.
Rilasciato dalla dineyana Touchstone Pictures, Con Air costò 75 milioni di dollari ma ne incassò tre volte tanto.


UN CAST STELLARE:
I PROTAGONISTI

Protagonista è Nicholas Cage, qua nei panni dell'eroe action tipico della fine anni '90. Niente muscolacci alla Swartzie, ma un fisico asciutto e battuta scorretta/riflessiva sempre pronta.
Il nostro Nicolas Coppola, in canotta e capello lungo con diradamento da rockstar settantenne, anche a causa di questo film viene pensato spesso come attore di film d'azione.


Il nemico è John Malkovich. Uno psicopatico assassino che trova il modo di dirottare l'aereo. In carcere si laurea due volte e riesce persino a uccidere la gente a distanza. Leader assoluto, il suo carisma criminale riesce a tenere assieme i galeotti con la promessa di atterrare in Messico, senza estradizione, a godersi i cocktail e le chiappe al vento.


Il lato investigativo spetta a John Cusack, faccia pulita e bocca a culo di gallina. In più, con odiosi sandali ai piedi. Eppure ci sa fare: Vince Larkin è uno dei migliori poliziotti d'America e dovrà agire parallelamente a Poe per fermare l'aereo dirottato dai più pericolosi criminali del globo.

I CRIMINALI

Ospitati sul Con Air, troviamo un gran campionario di bestie, spesso deliziosamente da fumetto.
Ecco i migliori.

Ving Rhames: smessi i panni di Marsellus Wallace, qui veste quelli di Nathan Jones. Attivista black, è razzista contro i bianchi e si diverte a ucciderli. Ora fa "il negro buono per il padrone bianco (Malkovich), ma poi il cane nero azzannerà!", a detta sua.


Danny Trejo: il nostro Machete fu davvero un galeotto, prima di diventare attore rodrigueziano. Qui impersona lo stupratore messicano Johnny 23, dove il numero sta a indicare quante donne ha violentato e ucciso. Si chiamerebbe Johnny 600, dice lui, se la polizia sapesse la verità.


Steve Buscemi: il suo personaggio è l'Hannibal Lecter del film, anche per come viene costretto su una sicura sedia di detenzione. Garland Greene è un pazzo pluriomicida che rende le sue vittime (anche bambini) peggio di una mina antiuomo. Ha attraversato mezza America con la testa di una ragazzina sul cruscotto. Ma ci torniamo nelle note finali perché c'è molto da dire.

GLI ALTRI

Renoly Santiago è il criminale portoricano Ramon Martinez, detto Sally. E il motivo è che ama indossare abiti e accessori femminili.



Dave Chapelle è Joe detto Flipper, fringuelletto willsmithiano del film.

Mykelti Williamson interpreta Mike "Bimbo", compagno di cella di Poe, diabetico. Criminale, sì, ma non cattivo.

Colm Meaney
è il capo dell'antidroga Malloy, l'americano interventista duro e puro (e ottuso): una figura immancabile in queste opere, che regala suo malgrado molti sipari comici.
Celebre la targa della sua auto: AZZ KIKR, lo sfasciaculi.


Rachel Ticotin interpreta l'agente Bishop, giovane poliziotta che si troverà a bordo del velivolo, costantemente minacciata dalle avances da galantuomo di Johnny 23 (che vuol cambiare nome in Johnny 24).

Monica Potter è Tricia Poe, moglie fedele di Cameron, attende otto anni il ritorno a casa di suo marito.

EDIZIONE ITALIANA

Film che Raidue mandò in onda almeno una volta l'anno fino a tutta la metà degli anni 2000, Con Air si avvale di due versioni: quella televisiva e quella in dvd, che recupera un paio di scene probabilmente tagliate per i passaggi in tv.
Nello specifico, una breve sequenza che vede gli ubriaconi continuare a molestare Tricia e Cameron, e la scena finalissima sul destino di Cyrus "The Virus" Grissom. La prima dovrebbe avvalersi peraltro di un doppiatore diverso.

Fa strano però che l'edizione in dvd, integrale, manchi di una battuta pronunciata dal personaggio en travesti: quando la polizia interveniva, ricordo perfettamente Sally dire "ooh, uomini in divisa!". Mentre ora resta solo il "ohh!". Effetto Mandela o qualcuno ricorda questo dettaglio, che mi aveva sempre fatto ridere e oggi è sparito?
Comunque, ci hanno provato in Italia ad adattare in modo comprensibile i nomignoli dei personaggi: se Baby-O diventa Bimbo, Pinball diventa Flipper e Virus è Vaiolo, resta da capire perché Swamp Thing è tradotto Scalpo.

NOTE FINALI

Attenzione, questa sezione contiene spoiler assortiti.
  • Molte le frasi, le scene e le battute che oggi risulterebbero scorrette.
    Ad esempio Poe che prende a pugni tutti tranne il narcotrafficante travestito, a cui riserva uno schiaffo; per non parlare di cattiverie assortite sul piano razziale.
  • La stoccata più bella arriva però quando citano un libro, scritto dal personaggio attivista Nathan Jones, una "sveglia per la comunità nera", con un film in uscita e ovviamente "Denzel protagonista!".
  • Divertente la scena con il cameo del compianto Don S. Davis, ossia il maggiore Briggs di Twin Peaks, qui alle prese con la fissazione per la sua auto. Ecco, in Con Air chiunque ci tiene alla propria auto, se la vedrà disintegrata dai protagonisti!
  • Il personaggio più riuscito e iconico è sicuramente quello interpretato da Buscemi.
    Garland Greene è un folle che ha massacrato decine di persone, eppure fornisce lui stesso una possibile spiegazione a ciò che potrebbe portare un uomo a tanto: forse essere un bambino costretto sempre a stare in panchina alle partite di calcio, con lo zio che ti molesta e una madre troppo protettiva.
    Un cliché vero e proprio, presente ache in un dialogo tra i due poliziotti (Cusack e Meaney): sebbene lontanissimo da voler essere un'opera con il benché minimo appiglio sociale, Con Air contiene una battuta sui criminali quali parto della nostra stessa società.
    Ovviamente, Larkin propende per questa ipotesi socio-psico-buonista, mentre Malloy no.



  • Lo stesso Greene è tra l'altro quello che -scorrettissimamente- sopravvive a tutto e tutti.
    Dopo aver incontrato una bambina, con la regia che ci lascia supporre il peggio, scopriamo che invece Greene è "guarito" dalla sua mania e ora può godersi soldi e libertà, al di là del male che ha compiuto in precedenza.
  • Leggenda vuole che Greene sia stato fonte di ispirazione per il personaggio Doctrine Dark di Street Fighter: in effetti i due assomigliano clamorosamente, ma non v'è ufficialità nella cosa anche perché il videogame dove appare Doctrine Dark è uscito un anno prima.
  • La colonna sonora di Con Air comprende Sweet Home Alabama, un brano di un gruppo scomparso proprio a causa di un incidente aereo.

40 commenti:

  1. ahhaahha, bellissime sia le carrellate sui personaggi che le note finali: non ho capito però quella del pugno\schiaffo al narcotraffico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente Poe tratta Ramon come una donna: al posto di dargli un pugno gli dà uno schiaffo 😂😂😂

      Moz-

      Elimina
  2. Un film con una livello di tamarraggine da super sayan!! Però lo rivedo sempre volentieri. Cage con i capelli lunghi è la cosa meno probabile della storia e mi ha sempre fatto ridere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehehe, però sta bene per fare il tipo che esce dal carcere dopo otto anni :)

      Moz-

      Elimina
    2. Tra l'altro unico esempio di tizio che in carcere non si rasa i capelli

      Elimina
    3. È che li aveva rasati già per fare il militare... quindi si sarà rotto le scatole XD

      Moz-

      Elimina
    4. Acab prima che avesse senso dire questa parola

      Elimina
    5. Oggi la dicono i sedicenni cannati, poi vanno i ladri in casa e chiamano gli sbirri XD

      Moz-

      Elimina
  3. Bastava leggere il Cast e vedere i nomi dei personaggi per capire il livello di tamarragine della pellicola che comunque all'epoca mi gustai. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me la rivedevo a ogni passaggio in tv, mai perso un appuntamento con questo GIOIELLO :)

      Moz-

      Elimina
  4. Davvero una tammarrata ma credo di averlo visto tipo 10 volte... ahhhh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha io anche di più... amo infinitamente :)

      Moz-

      Elimina
  5. Quanto gli ho voluto bene a questo film, forse amo di più “The Rock”, ma questo è parecchio che vorrei rivederlo, dopo questo tuo gran post non so bene quali altri scuse potrò tirare su per non farlo! ;-) Ed ora, rimetti il coniglietto nella scatola! Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te l'avevo detto di rimetterlo a posto! :p
      Ehehe, dai, e poi voglio la tua retrospettiva! *__*

      Moz-

      Elimina
  6. Passo per augurarti una buona serata di fine settimana.
    sinforosa

    RispondiElimina
  7. Certo che in questo film c'è un potpourri di efferati criminali, delinquenti cronici, assassini crudeli, e tutti con una propensione alla violenza. Il "Padrino" a loro confronto è un angioletto. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, confermo: qui sono criminali ben peggiori^^

      Moz-

      Elimina
  8. Questo film l'ho recensito sul mio blog 😊 non è del mio genere preferito, ma è un film divertente e godibile!🎬

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente! Un film godibile aldilà del genere!
      Mi pare di aver letto la tua recensione! 😎

      Moz-

      Elimina
  9. Certo preferisco il Cage di Lord of War. Quello si gran film e gran Nicholas...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Altro genere, infatti a me piace meno XD

      Moz-

      Elimina
  10. Come mai nella locandina i nomi non corrispondono agli attori?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che me lo sono sempre chiesto anche io? XD

      Moz-

      Elimina
    2. Poi dicono a me come dispongo i fumetti... :D

      Elimina
    3. Ahahaha, in effetti! XD

      Moz-

      Elimina
  11. Classico film che tutti guardano, ma sicuramente non il top.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come action è tra i migliori, però :)

      Moz-

      Elimina
  12. Io però ogni volta che veno Cage con i capelli lunghi non riesco a non sorridere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi addirittura sembrano più folti! 😎😁

      Moz-

      Elimina
  13. Come sai per me è un cult assoluto, per cui condivido tutto e soprattutto grazie di avermi fatto sapere alcune curiosità che non sapevo e che ovviamente non fanno che accrescere la mia stima nei confronti del film ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, un film SPETTACOLARE, in assoluto^^
      Grazie a te!

      Moz-

      Elimina
  14. Io questo film lo amo.Non è nemmeno un guilty pleasure, è un pleasure e basta *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem per me: è un capolavoro dell'action :)

      Moz-

      Elimina
  15. Grande film che ammetto di aver visto solo una volta in DVD da mio cugino, nel '99 o nel 2000.
    Lo ricordo con piacere perché da anni si vociferava Cage come Superman e restavo sempre inorridito, fino a che non lo vidi qui col capello lungo e fare flessioni in verticale, mi face ricredere, lo volevo come Superman!
    Trejo così giovane e senza baffo proprio non lo ricordavo.
    Buscemi da oscar, rendendo al meglio la mente malata del personaggio che interpretava, poi non so se in realtà doveva essere il classico pedofilo che vorresti scuoiare vivo, dato che a tratti ti sta anche simpatico. Ma penso che abbia azzeccato tutto da come ne parli nelle note.
    Sul ricordo Mandela non ti posso proprio aiutare.
    Sorvolo come al solito sul politicamente scorretto di oggi.
    Doctrine Dark non lo conosco, a quei tempi già seguivo molto meno SF.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buscemi è il più umano (e scorretto, nella risoluzione) di tutto il film.
      Perché è il prodotto della società, ma grazie alla stessa guarisce e cambia vita.
      Vero: Cage come Superman ci stava ed è un peccato che non lo abbiano fatto! :D
      Devo fare un post sui personaggi minori di SF :)

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!