[SPOT] le pubblicità calcistiche con Ioska Versari

Chi di voi, come me, ama il film Da Grande?
Ebbene, a interpretare il bambino protagonista, che per magia diventa Renato Pozzetto, fu Ioska Versari.

Oggi ritiratosi dalle scene cinetelevisive (l'ultima apparizione risale al 2006, in un episodio de I Cesaroni), ma attivo in quelle musicali (è un producer che lavora anche con la Maionchi).
Dai, lo ricordate tutti: era un ragazzino molto espressivo.
E sicuramente ricorderete i due spot di cui era protagonista, negli anni '80...

La particolarità è che si tratta di due spot... a tema calcistico.
Manco l'avessero fatto apposta.

BARILLA "GRAZIE ROMA" (1983)

In questa pubblicità, con la classica colonna sonora di Vangelis (Hymne), vediamo il piccolo tifoso giallorosso costretto a godersi il match da'a maggica solo attraverso una radiolina.
Scoprite come va a finire:


Lo spot venne realizzato per celebrare la vittoria dello scudetto della Roma, nella stagione '82/'83.
La Barilla era, all'epoca, lo sponsor della squadra capitolina.
Interessante notare come non si faccia alcun riferimento a nessun prodotto della Barilla stessa.

ARIEL BUCATO A MANO (1988)

Publicità di fine anni '80 che però andò in onda per diverso tempo, almeno fino ai primi anni del decennio seguente.
Nello spot, due bambini sporchi dopo una partita a pallone di un qualche campionato.
La mamma del primo non lava con Ariel, mentre quella del secondo sì.
Scopriamo cosa succede:


Ariel, fredda lo sporco, accarezza i colori.

E voi... ricordavate questi celebri spot?

59 commenti:

  1. Il secondo lo ricordo..il primo no :) Ricordo che il bimbo prometteva bene come attore, non sapevo che fine avesse fatto, ora mi hai delucidato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, era molto molto espressivo! :)

      Moz-

      Elimina
  2. Ma poi da grande è diventato come Pozzetto? Me lo chiedo da 30 anni. Da bambino non sarei stato molto felice se ad interpretare me da grande fosse stato lui 😝
    Il film lo cito quasi sempre quando parlo di Lego.
    Ricordo benissimo gli spot, quello della Barilla mi pare te lo abbia citato parlando di Vangelis (non ricordo in che post), però non avevo mai associato che si trattasse sempre di lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha no, è molto somigliante a quando era bambino^^
      Io mi immaginavo un sequel di Da Grande dove il bambino era cresciuto e somigliava a Pozzetto, e la bambina alla maestra, e quindi venivano sgamati!
      Sì, quello Barilla lo hai citato tu ma non volevo rovinarti la sorpresa :D

      Moz-

      Elimina
    2. Sì, poi ho controllato in rete, mi ero incuriosito troppo.
      Bellissima la tua idea di sequel 😁

      Elimina
    3. Secondo me potrebbero davvero farlo, Da Piccolo... magari con qualche accenno al passato^^

      Moz-

      Elimina
  3. Ricordo gli spot ma onestamente non avevo notato troppo il bambino.. ahahaha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono altri casi di spot con attori bambini... noti :)

      Moz-

      Elimina
  4. Non li ricordo, ovviamente.
    Ma se questo Ariel funziona, quasi quasi corro a prenderlo.
    Per i romanisti, invece, il primo spot dev'essere una bella emozione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sicuramente i tifosi della Roma amano quello spot! :D

      Moz-

      Elimina
  5. Renato Pozzetto patrimonio italiano dell'umanità ♡

    RispondiElimina
  6. Un bel film con una Ottavia Picclo come mamma che era poco credibile nel suo dolore. Renato Pozzetto bambino era proprio un bel bambino, così come la sorellina (la sorellina che fine ha fatto?). Buona giornata Miki.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaia Piras, da quanto mi risulta vive all'estero e non ha più fatto nulla... Ma del film in sé parleremo molto presto^^

      Moz-

      Elimina
  7. Me li ricordo entrambi, anche se non avevo capito che il bambino fosse lo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo scoprii solo anni dopo, quando ebbi modo di vedere la pubblicità Barilla (che all'epoca, per ovvi motivi, mancai...)

      Moz-

      Elimina
  8. ricordo Ariel..il primo no..
    bel ricordo però!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anche io ho vissuto solo Ariel... mi rimase impresso^^

      Moz-

      Elimina
  9. Mica avevo notato fosse lo stesso bimbo. Incisiva la pubblicità della Roma, alias Barilla. Come piace a me.
    Bacio Miki e grazie per questi ricordi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Barilla sempre stata una maestra di storytelling, bisogna dire :)
      Grazie a te!

      Moz-

      Elimina
  10. mitico, mi hai 'fregato' un post XD (anche se il primo spot non lo ricordavo, il secondo sì anche se non mi era balzato in mente).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi integrare, dai dai :)
      In effetti è molto in tema col tuo blog, ma il fatto che siano calcistiche è un caso... io volevo puntare sul fatto che fosse lo stesso attore di Da Grande!^^

      Moz-

      Elimina
  11. Credo di ricordare entrambi. Di lui mi ricordo bene, pensavo si fosse perso per strada invece ha fatto una carriera diversa ma egualmente importante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è un producer musicale, dovrebbe essere anche nell'equipe del programma X-Factor (perlomeno Wiki segnala così, riferendosi all'edizione 2017 dello show)^^

      Moz-

      Elimina
  12. Ricordo solo la pubblicità del detersivo! Il film invece lo ricordo molto bene,fino a qualche anno fa lo riproponevano spesso in tv, ora è da un po'che non si vede, peccato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, era un cult delle domeniche pomeriggio... Oggi è sparito, io me lo godo in dvd :)

      Moz-

      Elimina
  13. EVVIVAAAAAA, mi ricordo quello dell'Ariel!!! YYYuuuuuu... quello della Roma proprio no, mi sa che certe cose le mandavano nei periodi in cui l'antenna di casa cascava e poi aspettavamo lo zio che tornasse con il camion dalla germania per rimetterla :P cose terroniche!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHA, guai che tutti abbiamo passato, sai?
      Io per anni non ho preso TMC ma soprattutto ITALIA 1! :o

      Moz-

      Elimina
    2. Nooooo...vuoi dire che non vedevi Italia 1 quindi niente Ciao Ciao o Beverly Hills???... O-O...questi son drammi!
      Comunque che bella che era l'antenna, tu piazzato davanti alla tv e chicchessia sul tetto a smuoverla: SIII SIII COSìì COSìì, NOOO FAI PIANOO, PIù A DESTRA, PIù A SINISTRA ECCOOO SIIIIII...

      Elimina
    3. Esatto: Beverly Hills non lo prendevo, ma lo recuperavo via vhs o quando venivo in Abruzzo :)
      Ahaha sì, bei tempi, un lavoro che oggi non esiste più.
      E comunque il più delle volte bastava bestemmiare picchiando sul televisore: si vedeva tutto come una cartolina XD

      Moz-

      Elimina
    4. TMC dalle mie parti si riceveva fintanto che era "accoppiato" a Publivideo, poi sparita Publivideo, TMC ha perso quella frequenza e le interferenze di confine tra Puglia e Basilicata hanno fatto il resto.
      Italia 1 invece l'ho sempre vista, piuttosto ho avuto problemi con Retequattro, quando si "staccò" da Antenna Sud (che passava a trasmettere Odeon TV) e divenne un canale autonomo e molto disturbato, almeno fino all'arrivo del digitale terrestre!

      Elimina
    5. Ecco, con tutti quei passaggi e intrallazzi tra i canali, oltre ad essersi persa la verità sulla sigla di Lamù, si vedevano male anche le varie emittenti XD

      Moz-

      Elimina
  14. Vangelis (Hymne)
    Mamma mia che ricordi

    RispondiElimina
  15. Mi ricordo del film ma non delle pubblicità. Sono Farfalla Legger@ quella vera non il clone :P che non si ricorda della password e quindi non può loggarsi . La memoria... Abbraccio siempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Farfalla!
      Del film potremmo parlare tra poche ore 🤩

      Moz-

      Elimina
  16. Mi ricordo il secondo spot e ovviamente il film... mi piace tantissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, allora ti aspetto stasera qui, perché ne parliamo insieme^^

      Moz-

      Elimina
  17. Ricordo bene il secondo spot mentre il primo l'ho visto adesso per la prima volta!
    Ricordo anche il film con Pozzetto e ti confesso che lo riguarderei volentieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passa qui stasera, allora! Avrai una bella sorpresa 😍🤩

      Moz-

      Elimina
  18. Il secondo lo ricordo perfettamente, il primo molto meno, ma ammetto che mi colpisce ancora adesso, anche se non sono romanista. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, piace molto pure a me, anche se tif(av)o Milan!^^

      Moz-

      Elimina
  19. Ricordo entrambi gli spot...oddio sono vecchio!! O_O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tu non ami quello della Barilla? O sei laziale? :D

      Moz-

      Elimina
  20. Cavoli, che hai ritirato fuori ... Lo ricordavo il video della pubblicità Barilla ma non immaginavo che il ragazzetto fosse lo stesso del film con Pozzetto ...
    Ricordi, colori discutibili, brand e idee di spessore: anni invidiabili e voraci ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yes, è lui, il mitico Ioska! :)
      Bellissimi, gli anni '80!^^

      Moz-

      Elimina
  21. rivedendo il primo spot della barilla mi hai fatto piangere... non lo ricordavo più ma rivedendolo mi è venuto in testa come un flash i pomeriggi di me bambino sul divano a cambiare canale in tv aspettando i cartoni, a volte mi chiedo che fine abbia fatto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che fine abbia fatto il te bambino? Lo sai, esiste ancora e ha un blog che contiene un grande tesoro :)

      Moz-

      Elimina
  22. Parto dal secondo spot: lo ricordo molto bene perché fu trasmesso per parecchio tempo. Inoltre il bambino biondo era piuttosto ricorrente negli spot, e credo abbia anche lavorato in qualche serie tv...

    Il primo spot, che non ricordavo, dato che per me le pubblicità Barilla iniziano con la bambina che trova il gattino sotto la pioggia :) , è un ottimo esempio di "spot emozionale", nel quale l'azienda punta a colpire il consumatore giocando sulle emozioni (come fa tra l'altro quello del gattino). Lo spettatore memorizza l'emozione assieme al marchio Barilla, e quando sugli scaffali sceglie la pasta da acquistare, resta ispirato dall'emozione benevola collegata a Barilla. Un sistema utilizzato tutt'ora, bello per esempio questo di qualche anno fa di Vodafone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non conoscevo lo spot Vodafone, carino ma ha qualcosa in meno delle emozioni del passato, a mio avviso.
      Certo, la Barilla riesce a colpire sempre dritto, tra storytelling e emozioni. La scelta più riuscita, e quindi vincente, per chi fa spot.
      P.s. anche per me gli spot Barilla iniziano col gattino ma anche col fusillo nella tasca :)

      Moz-

      Elimina
    2. Ora lo spot, emozionale o meno, deve proporre personaggi "belli", non certo il vicino della porta accanto come negli spot del passato.

      Il fusillo in tasca non lo ricordavo! Che flash!

      Elimina
    3. Forse era anche più emozionante del gattino, quella del fusillo :)
      Comunque sì, oggi non c'è più la normalità...

      Moz-

      Elimina
  23. Me li ricordo entrambi. Ma porca miseria, è normale lasciare un bambino da solo fuori dallo stadio???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nell'ideale mondo Barilla, sì... :D

      Moz-

      Elimina
  24. Notare come il bambino con la mamma che usa Ariel sia OVVIAMENTE quello bello e biondo... qui si fa discriminazione! 😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio: si gioca molto sui cliché anche indotti XD

      Moz-

      Elimina
  25. Se sono celebri l'avrò forse visti, ma sul primo ho dei dubbi essendo nato nell'85..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente il secondo lo hai visto tante volte! ;)

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!