[DIARIO MENSILE] il tempo ai tempi del coronavirus


Periodo: 16 febbraio - 15 marzo 2020

Innanzitutto una comunicazione di servizio: ho creato una chat del Moz O'Clock su Telegram, che trovate cercando questo indirizzo: @mozoclockchat
Tra poco, lì, ci divertiremo insieme con un gioco, se avete voglia di partecipare. Info nelle prossime ore!


Chi me lo doveva dire: arresti domiciliari.
E io che speravo quantomeno nella pena capitale, visti i crimini contro l'umanità di cui talvolta mi macchierei volentieri.
Eppure è così, tutti a casa, dentro casa.
Sembra assurdo pensare che il periodo descritto in questo post inizia con una domenica al mare.
Mare, ossia libertà, spazio, aria.
Sembrava che la strana immobilità del mese precedente stesse mutando in qualcosa di attivo.
Cioè pranzi, cene, amici, cinema, aperitivi, lavoro solito e lavori che sarebbero arrivati.
E poi gradualmente le sbarre della gabbia si fanno sempre più vicine; dapprima quasi non ci importa, lo neghiamo, poi si rende necessario. Il mondo cambia.

Siamo in quarantena da qualche giorno, ormai.
Ma sapete? Non mi pesa.
Scrivo, bloggo, leggo, guardo, ascolto.
Alla fine abbiamo più tempo per noi, ho più tempo per me visto che non si esce né sto lavorando.
E che problema c'è?
Lo pensavo l'altro giorno, nel cortiletto di casa mia, concedendomi il caldo sole di marzo mentre bevevo un caffè.
Da piccolo, in vacanza, era tutto qui. Questa strada, questa casa, quest'aria: era questo il mio mondo.
Non avevo bisogno di fare altro; mi bastavano i Masters o le Turtles, la lettura di Topolino o di Bunny Band.
E passavo intere giornate senza pretendere altro, aspettando magari i cartoons o i telefilm: uscire fuori da questo micromondo era un di più. Piacevole, certo, ma un di più.



Che oggi non ci è permesso, vero, ma che torneremo a fare.
Ma in sostanza, cosa c'è di diverso oggi da allora? Niente.
Posso sopravvivere benissimo e sto riscoprendo altri tempi, la lentezza e l'armonia dedicando più tempo ai miei pensieri.
La noia non esiste, se vogliamo.
Ho rispolverato vecchie vhs, ho ritrovato vecchie riviste, ho ideato cose.
Non ci sono scuse che tengano: ora abbiamo tempo.



Anche gli affetti ne giovano.
Perché i viaggi sono solo rimandati, poi niente fermerà i nostri cuori all'unisono.
Non mi attendevo telefonate che sono arrivate, incontri che si sono svolti e propensioni diverse.
Questa è una lunga pausa di riflessione, ma non di quelle solite che arrivano dopo qualche tempo; questa quarantena mentale è una pausa di riflessione che serve da carica, per il futuro che verrà.

105 commenti:

  1. Pausa si, ma i post continuano eh?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pausa solo dall'uscire: la creatività non si ferma mai^^

      Moz-

      Elimina
    2. Ottimo. Anche questo è un passatempo per chi sta in casa forzatamente.

      Elimina
  2. Pausa dettata dalla paura di un virus che può colpire chiunque, ma in fondo hai ragione, questa pausa può essere utile per dare la carica o forse per rivedere certe priorità forse non così essenziali a cui prima molti davano straordinaria importanza. Quanto a me, anch'io ascolto musica, bloggo. Certo essere fisicamente non vicino ai miei affetti è dura, ma almeno so che sono al sicuro e per adesso protetti. Ciao Moz, e complimenti per la diretta fb di ieri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, se i nostri affetti stanno al sicuro, non abbiamo troppi pensieri.
      Secondo me alcuni di noi, dopo questa avventura, riscopriranno il senso delle piccole cose...
      Thanks, la diretta ieri è stata un'ospitata improvvisa, pensa tu^^

      Moz-

      Elimina
  3. A me questa situazione non ha stravolto particolarmente la vita perché di mio sono abbastanza casalinga,e comunque io continuo ad andare al lavoro lo stesso.Però vediamo appunto il lato positivo,ora abbiamo tempo per tutte quelle cose che rimandiamo sempre.Per me ad esempio è piacevole anche passare il pomeriggio a chattare con una vecchia amica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, abbiamo tempo per noi, per le nostre amicizie. Non possiamo abbracciarle, ma possiamo dedicare loro molto più tempo del solito^^

      Moz-

      Elimina
  4. Hai ragione, è proprio così. Nell'inattività forzata si può essere molto attivi nel coltivare le cose cui di solito si lascia poco spazio. Si fanno tante riflessioni, ci si sente meno portati via. Mi sono anche trovata a capire meglio un'osservazione fatta sui miei cani: la mancanza di scelte rasserena. Ti spiego: quando porto in giro il cane lasciandolo libero, c'è spesso qualche stimolo che gli fa drizzare le orecchie e prendere la posizione da cosa-faccio-scatto-oppure-no? In quei casi le metto il guinzaglio, ché sennò quella arriva in Australia, e lei si mette tranquilla all'istante; non rassegnata, tranquilla davvero. Non può scattare, quindi si rilassa. Bè, dà da pensare, anche se sarà bello tornare a scegliere, spero avendo capito qualcosa di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io devo ancora passare a commentare da te, arrivo prestissimo!^^
      Capisco, ottimo esempio. Insomma, abbiamo tempo di stare rilassati... assolutamente :)

      Moz-

      Elimina
  5. Un post che apprezzo moltissimo e te ne ringrazio!
    Ho sempre "desiderato" che si tornasse un po indietro per rivalorizzare il chi siamo e da dove proveniamo...non certamente una riscoperta costata e che ancora costerà la vita di altre persone e su questo esprimo un grande senso di solidarietà a chi non ce l'ha fatta o che ancora non sa di andare,perché ancora siamo nel mezzo e tutto in via di compimento.Perdonami se ho "sfruttato" questo tuo spazio .

    Stare a casa,stiamo a casa...suona quasi come realizzazione di una metafora dove eravamo ovunque fuorché "a casa" .

    Un modo per meditare sul senso della vita ,sulle relazioni e quindi sui rapporti tra persone che spesso la velocità e i ritmi frenetici ci hanno rubato...un rispolverare gli oggetti e i ricordi depositati in cantina riprendendo pezzi di un puzzle che ha dato vita a quel che siamo oggi.

    Grazie ancora per questo stimolo a non arrendersi ,buona giornata!


    L.




    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, hai fatto bene a sottolineare quella cosa.
      Purtroppo siamo tutti sulla stessa barca, tutti in ansia e tutti dobbiamo usare cautela. Purtroppo se noi possiamo stare a casa, altri non hanno questo lusso. Specie i veri supereroi che si fanno il culo h24 nella sanità.
      Verissimo: è il momento di rispolverare quei pezzi del puzzle :D

      Moz-

      Elimina
  6. A me sembra di stare in quel telefilm di cui chiesi nel Cercaricordi.
    L'aria fuori è malata.

    RispondiElimina
  7. Io sto lavorando... c'è desolazione in giro ma molta gente continua a fare la sua attività con le dovute precauzioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello è importante: chi continua a lavorare deve farlo con le giuste precauzioni, sennò non se ne esce...

      Moz-

      Elimina
  8. La penso come te. La mia politica è di non preoccuparmi se non ce n'è motivo; al momento in famiglia stiamo bene, chi studia, chi legge, chi guarda Netflix, chi cura le piante in balcone... ci sono comunque tante cose da fare e di annoiarci non corriamo il rischio. Per una mia convinzione personale credo che ci sia qualcosa da imparare da qualunque situazione, quindi prendo tutto come un'ulteriore lezione di vita e di crescita personale. Inoltre, come ho già detto altre volte, sono fatalista; se, malgrado le precauzioni, è destino che mi ammali, mi ammalerò. Pazienza. Se addirittura sarò una degli sfortunati che ci lasciano la vita, almeno avrò avuto la consolazione di aver vissuto i miei ultimi giorni serenamente e accanto ai miei cari. Pensa invece se vivessi costantemente nella paranoia e ci stessi malissimo, e alla fine manco mi ammalassi: sarei stata male per niente, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione!
      Anche io la vedo così, assolutamente.
      Non accetterei di buon cuore solo una cosa: se mi dovessi ammalare per colpa degli atteggiamenti scellerati e sconsiderati di terze persone estranee. Lì, mi tirerei dietro con me all'inferno tutto il mondo XD

      Moz-

      Elimina
  9. Bellissimo il gioco di parole nella copertina 😁
    Concordo su tutto! Per me la quarantena è iniziata solo venerdì ma la vedo positiva perché ho programmato 3 settimane di blogging, videogioching e fumetting! 😝
    Poi però basta perché finisco i soldi da parte e a luglio, per il mio compleanno, vorrei fare un viaggetto (sempre restando in Italia e magari ti passo pure a trovare).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ma come fai a spendere i soldi se stai in casa? Io qua tranne per spesa, NIENTE... patrimonio congelato... ahaha! :D
      Comunque, ti aspetto!

      Moz-

      Elimina
    2. Eh, finiscono proprio per la spesa, le bollette (non ho capito se si possono saltare ma non mi piace rimandare se ho i soldi in saccoccia) e l'affitto 😝
      Poi ho lasciato la la PS3 (che è modificata) in trasferta, a casa ho la 4 e lì i giochi mi tocca comprarli 😆

      Elimina
    3. Ancora manco io so per le bollette: secondo me quelle arrivate le si paga, le altre non arriveranno :)

      Moz-

      Elimina
  10. Io invece invidio molto chi ora ha tempo per sé. Io devo fare i salti mortali perché lavoro da casa da sempre, ma ora devo lavorare con tutti a casa, il che è molto più difficile. Mio marito tiene la bimba, ma è normale che lei faccia le sue incursioni in cerca della mamma. Ci diamo un po' il cambio e certo, ormai il fine settimana è un momento della settimana come un altro e posso lavorare e recuperare visto che non usciamo, o quando lei dorme. Ma con tutto quel che accade, anche la concentrazione è altrove. Chi ha il giardino come noi è molto fortunato in questo momento, non c'è dubbio. Io, a differenza di altri, preferirei quasi non avere il cane da portare fuori (cosa che faccio ma molto meno di prima e solo vicinissimo casa) per avere un motivo in meno per uscire. Non ho paura più di tanto per me, ma per chi è più anziano (infatti non porto la bimba neppure da mia mamma, che è relativamente giovane); in più mi sconforta l'idea che questa situazione possa protrarsi anche dopo il 3 aprile. Però, coraggio, ci adattiamo a tante cose, teniamo duro e sosteniamo chi ha più bisogno, come possiamo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, io penso che la situazione generale terminerà dopo Pasqua.
      Se tutto va bene, sarà così. So che è sconfortante ma penso che i tempi tecnici siano questi... Capisco anche chi come te lavora da casa (pure io lo sto facendo, ma riesco ad avere spazi tutti miei per fortuna).
      Insomma, la convivenza sa essere non sempre facilissima, ma così va la vita XD

      Moz-

      Elimina
    2. Sì sì, fra l'altro lungi da me lamentarmi al momento, finché c'è lavoro ben venga... da partita IVA con figlia so bene di essere una categoria con ben poche tutele. Non è tanto per me, quanto per la piccola, che con queste giornate vorrei potesse correre liberamente al parco, giocare, andare in giro in bici. D'altro canto, spero che siano così lungimiranti da allungarla comunque la quarantena, o almeno di ridare libertà per gradi, perché sono la prima a temere molto l'effetto "finalmente possiamo uscire".

      Elimina
    3. Esatto, spero anche io che ci daranno la libertà per gradi.
      Sarà così, per non vanificare l'effetto ottenuto.
      Dai, teniamo duro per tutto, che si risolve anche sul piano economico!
      Non andiamo al parco oggi... per poterci andare SEMPRE dopo ;)

      Moz-

      Elimina
  11. I viaggi sono solo rimandati...
    Lo spero tanto anche io
    Mi basterà fare una passeggiata in riva al mare...appena si potrà
    Un sorriso e buon lunedì 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io: montagna e mare. Non vedo l'ora.
      Grazie, altrettanto!

      Moz-

      Elimina
  12. Io sto vivendo questa quarantena proprio come te. Effettivamente non noto grandissime differenze, perché nella mia vita ho sempre posto come primari i bisogni verso me stesso, sia essi “spirituali” per così dire, che di naturale attenzione al mio mondo interiore. Non posso dire di essermi “ritrovato” perché non ho mai permesso al mondo di graffiarmi o di sottrarmi tranquillità, quindi anche in questo momento epocale a livello planetario io son sempre io, né più e né meno. Non ho un carattere facilmente inquietabile, quindi non sto vivendo questo periodo con psicosi particolarmente severe; rispetto le ordinanze, non violo i decreti vigenti ed evito contatti. Nel mio piccolo ho fatto beneficenza per aiutare le terapie intensive italiane ecco, forse questa cosa la potremmo fare un po’ tutti a seconda di quello che possiamo, perché sarebbe davvero importante per il nostro presente e per il nostro futuro.

    Detto questo, supereremo anche questa nuova guerra alla quale non eravamo assolutamente preparati, ma non noi come italiani, noi come razza umana… infatti il mondo in questo momento non sta facendo altro che blindarsi, come abbiamo fatto noi italiani. Arriverà un momento, ormai non lontanissimo, in cui ragioneremo nel ricordo come “prima del coronavirus e dopo il coronavirus”. Questo evento è e sarà una linea di demarcazione storica incancellabile. Dopo questo evento pandemico il mondo non sarà più lo stesso: lo dicono gli scienziati, i sociologi e gli antropologi… è un nuovo 11 Settembre dal quale però ne usciremo più forti di prima. Conosceremo il nuovo nemico, e con esso le armi per combatterlo. Instaureremo protocolli d’emergenza da adottare subitamente qualora in futuro ci fossero segnali di una nuova crisi epidemica e la nostra sanità (che sta letteralmente tenendo in piedi il nostro Paese) ne uscirà con anticorpi di grafene! Ce la faremo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La beneficenza è giusto, ma è ancora più giusto che i governi che si sono susseguiti da venti anni non avessero tagliato fondi a sanità (e istruzione)... non dobbiamo sopperire noi con le nostre elemosine a ciò che avrebbe dovuto fare chi ci guida: spero che questo serva da lezione e dopo tale crisi si valuterà meglio la questione...
      Vero che questo evento, storico oltre ogni limite, segnerà un prima e un dopo. Insomma, il post-apocalittico è tutto da vivere^^

      Moz-

      Elimina
    2. Son d'accordo. I tagli alla sanità dell'ultimo ventennio sono state sforbiciate oltremodo dannose e ora, quando si è verificato l'inverificabile, ne paghiamo le conseguenze... ma che sia da monito per il futuro, perché se la sanità italiana è al quarto posto nella classifica mondiale (scusate se è poco) dopo i mille tagli subiti, immaginiamo come possa lavorare con dei fondi DEGNI. Detto questo, la beneficenza manda avanti il mondo in molti progetti umanitari e sociali, non dobbiamo sottovalutarla e chiamarla "elemosina"; certo, ci sono beneficenze e beneficenze, ma se io posso aiutare con quel pochissimo che posso per comprare dei macchinari per la terapia intensiva dove ci sarebbe potuto esser collegato un mio famigliare, non vedo perché non farlo. Dopotutto i ventilatori il governo li sta comprando ad emergenza avvenuta purtroppo e gli altri Stati esportano controvoglia se non bloccando le medesime esportazioni, giacché la pandemia è a livello globale.

      Quindi, se il Governo compra 3500 ventilatori, non vedo perché con la beneficenza non se ne possano aggiungere altri 250... perché in futuro potremmo averne bisogno noi, un nostro caro, un nostro amico... le disgrazie non succedono sempre agli altri e questo dobbiamo imparare a comprenderlo.

      Elimina
    3. No, era per dire che è assurdo come dobbiamo sopperire noi alle mancanze di venti anni di governo. Coi nostri spicci.
      Quando in realtà dovrebbe essere una cosa che paghiamo con le tasse.
      Certo, già così siamo al top, figuriamoci coi più soldi: saremmo i migliori.

      Moz-

      Elimina
  13. Come sai ne so approfittando anch'io per recuperare un po' di fumetti che ho messo da parte e anche un po' di serie tv.. poi sto facendo un po' di esperimenti "nerd" a casa. Comunque spero proprio passi tutto presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, vai con l'ingegno nerd!
      Certo, un mesetto e i contenimenti saranno allentati... sicuramente :)

      Moz-

      Elimina
  14. Ho pensato subito a te quando hanno chiuso tutto, povero Moz senza più cenette...ma vedo che l'hai presa bene e mi sta bene ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha ma io in realtà sono un tipo abbastanza casalingo, sai?
      In casa ci sto benissimo e ora ancora di più... :)

      Moz-

      Elimina
  15. Io sto soffrendo molto questa quarantena. Mi ha colto davvero in un momento della vita in cui ho davvero bisogno di uscire, respirare aria, vedere gente e confrontarmi... fosse capitato un anno fa sarei stato contento di restarmene a casa dedicandomi alle mie passioni. Ma il virus fa più paura della noia, quindi esco solo ogni tanto per fare una passeggiata con le dovute precauzioni e il resto del tempo lo vivo a casa, ma con un ansia terribile, date le notizie sempre meno confortanti che ci forniscono... Non credo che tutto si esaurirà con il 3 Aprile; magari avremo più libertà ma il virus sarà ancora in agguato e per assurdo rischieremo di ammalarci più dopo quando tutti torneranno più o meno alla normalità che ora che siamo a casa. Prevedo un'estate brutta, davvero brutta. Cerchiamo conforto nelle persone care

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il 3 aprile no. Sicuramente sarà allungato tutto almeno dopo Pasqua.
      Poi è chiaro, bisognerà stare attenti..., cauti, ecco.
      Faremo un'estate di cautela, ma non è che non usciremo di casa...
      Insomma, stringiamo i denti un po' ORA, per non rovinare tutto nel futuro^^

      Moz-

      Elimina
  16. Io esco poco di base, ma ovviamente, quel "poco" mi manca. E vabbè, si aspetta e si spera di evitare la corona.
    La noia non la temo nemmeno io, ho sovrabbondanza di cose belle e divertenti da leggere, giocare e - si spera - scrivere.
    Buona "vacanza" (per chi la può vivere così. Per gli altri: tenete duro) e restate tutti sani, di corpo e di mente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto dai... in casa abbiamo tanto.
      Forse nemmeno lo sappiamo. Usiamo questo tempo che ci è stato imposto :)

      Moz-

      Elimina
  17. Mah...non lo so , sinceramente tutta sta voglia di impiegare il mio tempo , sfruttare questa “prigionia” per fare quelle cose che non consideravo prima non la sento.
    Certo devi inventarti come passare il tempo è indubbio.
    Fortuna che stasera c’è la puntata del Grande Fratello e spero di vedere la Elia e la Marini bastonarsi.
    Pensa Moz se si estinguesse la razza umana e stessero in salute solo quelli dentro la casa di Cinecittà 😀

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, almeno c'è Fabio Testi quest'anno, non è proprio un male.
      Oh, io penso che stasera mi darò a Rai1 o a Harry Potter XD

      Moz-

      Elimina
  18. Caro Moz, sono tempi duri per noi abituati a stare sempre fuori casa.
    Ne usciremo, ma chissà quando e chissà come.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando e come dipendono anche da noi...
      Ma tutto tornerà normale :)

      Moz-

      Elimina
  19. Il problema sarà quando ci renderemo conto che questa cosa durerà dei mesi. Mi auguro che non sia così ma, oggettivamente, mi pare piuttosto probabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È così obs.
      Durerà mesi, ma questo non significa che dobbiamo "impiccarci".
      Semplicemente dal 3 aprile potremmo avere un prolungamento di questa situazione e successivamente un allentamento delle misure, ma per tornare al pre coronavirus dovremo attendere:
      A) che il virus diventi meno pericoloso, a prescindere dall'immunità di gregge, una possibilità che è stata evidenziata da diversi esperti;
      B) vaccino, con la speranza poi di non vedere la gente che fa le fila per farlo. Per questo vaccino pare si debba aspettare gennaio 2021.

      Elimina
    2. Certo, non se ne esce per mo... quello è certo: avremo bisogno di cautela per un annetto ancora.
      Ma ciò non significa che dovremo stare segregati :)

      Moz-

      Elimina
  20. Come sai, vivo a 50 metri dal mare.
    Eppure, nonostante esca da casa per fare la spesa una volta alla settimana, non lo vedo da un secolo.
    Perché non riesco ad andarmene a passeggio con la scusa del jogging, come fanno centinaia di irresponsabili, o del cane.
    Mi sento davvero in colpa se devo scendere, e non vado a godermi il mare, ma in centro.
    Passerà, ne sono certa.
    Intanto, sto insegnando a Lorenzo qualche filastrocca, disegniamo, coloriamo, e soprattutto cuciniamo e mangiamo.
    Al diavolo la dieta.
    Come ho detto poco fa alla mia amica Annamaria, se proprio dobbiamo morire tutti, almeno morirò sazia e felice. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto... sazi, felici e grassi :D
      Che male c'è.
      Io sto riscoprendo tutto ciò che fa più male: sofficini, patatine, hot dog con salse a gogo. Mangio cipolla cruda a profusione tanto non devo baciare nessuno XD

      Moz-

      Elimina
  21. Bravo Miki, hai ragione, nel brutto di ciò che è successo ci sono dei lati positivi, Primo che è rinata all'interno dell'Italia una sorta di unione di collaborazione e di aiuto reciproco, che non esisteva più da tempo e poi in effetti anche se stare troppo a casa alla lunga è pesante, ti permette di riscoprire te stessa, le tue passioni, per cui non avevi mai tempo e perfino i rapporti più stretti e le cose che davi per scontate. Tutto può attendere tranne la salute. Un saluto Miki e Forza Italia ne usciremo e torneremo alla nostra vita di sempre, ma con più consapevolezza del valore delle piccole cose.
    Buon lunedì ed ottima nuova settimana, nonostante tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, anche per me tanti non daranno più le cose per scontato.
      Penso anche io che andrà così.
      Intanto, ci godiamo questi arresti domiciliari in santa pace... :)

      Moz-

      Elimina
  22. Io lo ammetto, sono un po' "sbattuto" da questo periodo, anche se sono super attrezzato per l'isolamento, tra materiale audiovisivo, libri, fumetti (infatti il problema non è la noia, affatto, anche perché il lavoro prosegue, anche da casa).

    Capisco che faccia un po' sorridere questo mio coming out, perché concretamente cosa ho perso? Poco, rispetto ad altri: qualche serata a fare chiacchiere in pizzeria. Stanno peggio quelli che magari hanno la fidanzata in un altro comune. Sono convinto che questo periodo farà scoppiare molte coppie. Però anche io ho perso molto, quando penso che rivedrò mio nipote solo dopo il disgelo.

    Ho tanti pensieri in questo periodo per la testa, non necessariamente negativi..Penso al famoso 2004, convinto che non possa essere peggio. Sorrido anche, pensando che adesso tutti fanno come ho sempre fatto io al supermercato, cioè evitare di avere contatti ravvicinati con gli altri clienti...Sorrido pensando che ho sempre "guardicchiato" male chi in luogo pubblico palesava sintomi da forte tracheite, bronchite ecc...adesso invece basta un piccolo starnuto per scatenare sguardi indignati. Alle superiori venivo sfottuto se stavo a casa con 37 e mezzo di febbre, invece ora abbiamo imparato che bisogna stare a casa. Insomma, cose per cui mi sono sentito un'anomalia le sto vedendo finalmente negli altri. E' una sensazione strana.

    Vediamo come andranno avanti le cose! Speriamo in bene, per tutti.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo con alcuni siamo lontani, anche solo un metro, quindi niente.
      Capisco benissimo.
      Io se stavo male, anche un decimo di febbre, ne approfittavo... e così chiunque. Al d là del non voler andare a scuola, è giusto STARE A CASA... :)
      Sulle coppie: molte salteranno, specie quelle clandestine. Molti figli nasceranno... boom di nascite :D

      Moz-

      Elimina
  23. BUONGIORNO DI QUARANTENA A TUTTI QUANTI!

    "IL TEMPO AI TEMPI DEL CORONAVIRUS", davvero bello il gioco
    di parole che hai utilizato, e poi dici bene caro MikiMoz,
    adesso abbiamo davvero più TEMPO da dedicare a noi stessi,
    facendo tutte quelle cose che prima non avevamo il TEMPO di
    fare, e alla fine di tutto questo, torneremo come di consueto
    (purtroppo o per fortuna) alle nostre vite abituali. Comunque,
    mi piace davvero tanto questo tuo punto di vista ottimistico,
    è sempre buona cosa vedere il bicchiere mezzo pieno.

    Però adesso, la mia parte complottistica, sta insistentemente
    spincendo per venire fuori a dire la sua, e quindi io devo
    per forza chiedervi una cosa: Ma tutti voi, non vi siete chiesti
    come mai per la prima volta nella storia degli ultimi anni in
    fatto di VIRUS, abbiano deciso di ricorrere ad una soluzione
    così estrema per risolvere un problema (non problema) pandemico?
    No perchè guardate che questo "PERICOLOSISSIMO" CORONAVIRUS, non è che
    sia tanto più letale di un banalissimo VIRUS INFLUENZALE, cioè, se
    ci pensate bene, giusto per citarne uno veramente letale, non è che
    stiamo parlando dell'EBOLAVIRUS...E CHE CAZZO!
    E quindi, io questa domanda me la sono fatta, solo che una
    risposta che possa essere accettata dalle persone razionali,
    non sono proprio riuscito a trovarla, comunque voglio lo stesso
    provare ad esporvi il mio forte sospetto complottistico:
    Ma non potrebbe essere che questi GRAN FIGLI E 'NDROCCHIA
    abbiano deciso a nostra insaputa di fare un bel test per vedere
    la reazione della popolazione in caso di una pandemia inaspettata?
    E voi allora, potreste tranqillamente dirmi:
    E SI! Perchè secondo te il governo blocca l'intero paese, mettendo
    a rischio l'economia, e sconvolge anche la vita dell'intera popolazione,
    solo per un semplice test!...Ma non dire cazzate!
    E allora io vi rispondo: SI! Potrebbe tranquillamente farlo, e sapete
    perchè? Ve lo dico subito: 1) Questo problema non durerà così a lungo da mettere fortemente a rischio l'economia Italiana, e 2) Del popolo,
    a questi GRAN FIGLI DI UNA BUONA DONNA non gliene fotte una BENEAMATA MAZZA.

    So benissimo di aver scritto una cosa veramente da fuori di testa,
    però io fossi in voi, un pensierino ce lo farei, perchè guardate che se
    fosse davvero un test, in un prossimo futuro potrebbe davvero arrivare
    un VIRUS LETALE, e allora si, che sarebbero CAZZI DA CAGARE!
    Daltronde il PROFETA BILL GATES qualche anno fa ci aveva messo in
    guardia riguardo le pandemie virulente, e noi, come degli stupidini,
    non gli abbiamo dato retta, e quindi mi rivolgo proprio a lui:
    TI PREGO BILL GATES, TU CHE TUTTO VEDI, TUTTO SAI
    E TUTTO PUOI, SALVACI DA QUESTO PERICOLOSISSIMO VIRUS!
    TU CHE TOGLI I PECCATI DAL MONDO, ABBI PIETA' DI NOI!
    IO LO SO CHE TU LA SOLUZIONE CE L'HAI!...
    E ALLORA TIRALA FUORI, E LIBERACI DAL MALE...AMEN!...
    Però non subito, fammi ancora godere questa bella vacanza
    forzata, lasciami ancora un po di TEMPO da dedicare a tutte
    quelle cose che altrimenti non potrei fare...
    GRAZIE DIO!...Ehmmm...volevo dire, GRAZIE BILL!

    CIAO! CIAO!

    E VIRUS! VIRUS!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che il titolo ti sia piaciuto^^
      Che dire: la domanda me la son fatta anche io, più di una.
      Effettivamente una crisi esiste, esiste un'emergenza e su questo non ci piove.
      Se la stanno facendo più tragica di quel che è, è pure probabile. Magari hanno voluto testare qualcosa, approfittando... perché no.
      Che male c'è, se ci si richiama all'ordine ogni tanto.
      Ma penso che tutto sia fatto per noi, a prescindere.

      Moz-

      Elimina
    2. No so. Azzardo? Forse perché l'ebola non è arrivato nel mondo occidentale? E finché un virus uccide solo poveracci di colore "cioccolato" o "giallo" che sia, chissenefrega? Una semplice influenza? Sicuso? Una semplice influenza (come l'ha definita all'inizio il presidente della lombardia) uccide meno dell'1% qui siamo attorno al 10. Stessa cosa? mmm, io che son cretino da molti anni, non ne sono così sicuro...comunque...

      Elimina
    3. BUONGIORNO ALBERTO!

      Il tuo AZZARDO mi piace molto, e quindi ti rispondo volentireri.
      Allora, incomincio col dirti che io ho citato L'EBOLA solo
      per fare un ragionamento in termini di paragone, era solo
      per far capire che se fosse arrivata una pandemia di EBOLA,
      allora si, che avremmo dovuto preoccuparci, ma siccome noi,
      siamo stati colpiti dal CORONA, che è poco più letale di una
      semplice INFLUENZA, lo scopo del mio messaggio era quindi
      quello di far riflettere su come il governo stia esagerando
      con queste misure precauzionali...tutto quì!
      Poi per quello che dici sul Prsidente Fontana, mi dispiace,
      ma io sono quasi daccordo con lui, e dico quasi, perchè lui non
      si è allontanato molto dalla realtà, lui l'ha definata una
      semplice INFLUENZA, io invece la definisco POCO PIU' di una
      semplice INFLUENZA, perchè Caro Alberto, guarda che il comportamento
      del governo, secondo me, è alquanto sospetto, questi SOGGETTI
      stanno un TANTINO esagerando con questa storia del CORONAVIRUS,
      poi tu sei liberissmo di pensare che la mia sia solo una teoria complottistica se vuoi (e difatti lo è), però a me, questi MANIGOLDI, non me la raccontano giusta.
      Invece per quello che dici sulle percentuali di vittime, io al
      momento non mi esprimo, perchè i conti possiamo farli solo alla
      fine di questa pandemia DI VIRUS PIU' LETALE CHE SI SIA MAI VISTO
      NELLA STORIA DELL'UMANITA'...ma vedrai che alla fine, la differenza
      di vittime sarà più o meno la stessa che miete ogni anno una
      banalissima INFLUENZA...ma questo lo scopriremo solo SOPRAVVIVENDO!
      Concludo dicendoti che devi prendere queste mie parole, come
      quelle di un pazzo complottista, le mie sono solo teorie, quindi
      devi solo leggere, fiflettere e poi farti una lunga e GRASSA RISATA...
      COMUNQUE TI RINGRAZIO PER AVER COMMENTATO IL MIO MESSAGGIO!

      CIAO! CIAO!

      Elimina
    4. Guarda, non sono solito farmi grosse risate alle spalle di nessuno (beh, magari di pochissimi, molto pochissimi), ci mancherebbe che cominciassi con te. Dico solo che se sei d'accordo con Fontana bene che sei gia in uno. Si perché nemmeno fontana è d'accordo più con se stesso, ora che si è reso conto che ha i reparti di rianimazione pieni, è lì che dice che romaladrona, il governo, che non capiscono l'emergenza... ma non si sogna più di dire che è poco più di un'influenza che con un'influenza questi reparti non vanno in crisi drammatica come ora. Comunque non voglio convincere nessuno e non voglio fare una ciat su questo e chiedo scusa a MitikoMoz per aver invaso il suo blog. Però mi fa piacere che non ti sia offeso per il mio dissenso. Ciao a te

      Elimina
    5. Nessun problema ragass!
      Allora, vi dico come la penso: tutto il mondo si sta blindando nelle stesse modalità italiane.
      Qualcosa significa. Non è solo il nostro governo.
      In ogni caso, è vero che gli ospedali sono allo stremo. Quindi, sono già due cose.
      Poi, che si stia un po' esagerando con le misure, lo penso anche io ma... FANNO BENE! Perché è l'unico modo per contenere un minimo il contagio ed evitare il collasso del sistema sanitario...
      Inoltre, questa quarantena ci sta restituendo un'Italia meno inquinata^^

      Moz-

      Elimina
    6. Ma tu non devi chiedere scusa per aver espresso
      una tua opinione, anzi, hai fatto benissimo, e poi
      visto che ti sei espresso con termini educati, io
      ti ho risposto molto volentieri...tutto quì!
      Per quello che riguarda gli ospedali, ti dico che
      c'è moltissima gente, che appena starnutisce, si lancia
      immediatamente al pronto soccorso, e la cosa più incredibile
      sai qual'è? E che queste teste di cazzo li ricoverano
      subito, anche se non hanno il CORONAVIRUS.
      E BEH!..Giustamente loro devono fare i controlli del caso,
      devono accertarsi con non abbiano contratto il PERICOLOSISSIMO
      CORONAVIRUS, però intanto, gli ospedali sono pieni anche di
      queste persone, che visto l'allarmismo che si è creato attorno
      a questa ridicola storia, ne hanno anche ben donde.
      Però con questo non voglio dire che di casi gravi non ce ne siano,
      questo sia ben chiaro, però, ce ne sono molti meno di quelli
      che vorrebbero farci credere.
      Questo è il mio parere, giusto o sbagliato che sia, rimane
      comunque il mio parere.
      Concludo dicendoti che io adoro le persone che dissentono...
      perchè altrimenti sai che palle...EVVIVA IL DISSENSO!
      SEI STATO GRANDISSIMO, E TI RINGRAZIO ANCORA!

      CIAO! CIAO!

      Elimina
    7. I numeri sono quelli divulgati, forse non sono cifre astronomiche... dipende da come guardiamo le cose.
      È tutto per la sanità, più che altro, visto che la maggiorparte della popolazione è persino asintomatica o già guarita senza manco saperlo...

      Moz-

      Elimina
    8. Dipende anche da chi divulga i numeri!
      Comunque concordo con quello che dici,
      e poi secondo me, se nessuno avesse mai parlato
      di CORONAVIRUS, tutti noi non ce ne saremmo
      nemmeno accorti, perchè avremmo vissuto la
      cosa come una semplice INFLUENZA...

      CIAO! CIAO!

      Elimina
    9. Eh, però non è una semplice influenza stagionale... è un po' come la Sars, per così dire... un'altra cosa oltre l'influenza :)

      Moz-

      Elimina
  24. Non ho mai giocato così tanto alla Playstation come in questi giorni...

    RispondiElimina
  25. Volente o nolente, con questo Covid-19 ho dovuto adattarmi a situazioni che sono cambiate in pochi istanti, e che sono in continuo mutamento. Ovviamente, tutto ciò mi ha provocato un aumento di stress e lo stress mi ha portato ad avere fame. Ho già messo su qualche chilo. Se non mi ammazza il coronavisus ci penseranno i trigliceridi 😉 Scherzi a parte, sono contento (almeno) che stiamo riscoprendo di essere italiani 🇮🇹

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai cosa mi piacerebbe sapere?
      Perché per alcune persone (giovani, anziani) è così difficile rispettare una regola? Davvero non capisco.
      Siamo TUTTI sulla stessa barca, tutti vorremmo uscire, tutti ci stressiamo e ci spremiamo le meningi per non annoiarci... ma allora perché alcuni proprio non riescono a "afficcarsi"?
      Non me lo so spiegare.
      Comunque, W l'Italia e... viva i chili^^

      Moz-

      Elimina
  26. Noi siamo in quarantena dal 22 febbraio, è quasi un mese ma se questo può servire per far rallentare il contagio e di conseguenza le morti si sta in casa e punto.
    Apprezzo molto questo tuo post positivo nonostante il momento, come dici bene tu questo momento ci richiama all'essenziale. Ciao Miki, buona settimana.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: essenziale. Che non è invisibile agli occhi, anzi.
      È qui, con noi e per noi, ed è ricchissimo.
      Vinceremo.

      Moz-

      Elimina
  27. Verrà un giorno in cui penseremo ma io che cavolo ho fatto in quelle settimane di quarantena? Tra flashmob dalla dubbia valenza e scazzi vari alla fine devo dire che sono in linea con il tuo pensiero. Mi mancano la corsa al parco e le scorribande ai mercatini ma in cambio sto recuperando film che volevo vedere e sto finendo di leggere gran parte dei libri in cui mi ero impantanato. Secondo me per chi viaggia con la mente (libri, film, blog e scrittura in generale, musica, etc..) non c'è quarantena che tenga.
    Ecco, adesso chiudo bene la porta del Vault e arrivederci a tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, esatto: mettiamocelo in mente che DOBBIAMO stare a casa.
      E da qui, partire con la fantasia e coi nostri hobby :)
      Anche a me manca uscire, manca viaggiare, mancano pranzi e cene, gelati, aperitivi, passeggiate e nottate con gli amici.
      Tornerà tutto, meglio di prima^^

      Moz-

      Elimina
    2. Basta organizzare il proprio tempo oppure sfruttare l'occasione per imparare a farlo..

      Elimina
    3. Esatto, già sarebbe tanto :)

      Moz-

      Elimina
  28. Mi ha fatto riflettere molto la tua frase Moz, sai, infatti l'ho anche riportata ai miei amici: stiamo vivendo praticamente come quando eravamo piccoli, che avevamo tutto ad un passo e ci bastava questo; quattro mura o un giardino..
    Adesso, invece, sembra che quasi il tempo libero sia troppo...forse è perché ora ero abituato ad altri ritmi e quindi non doverli più sostenere è come un "ozio" esagerato.
    Comunque anche io come te cerco di tenermi occupata lo stesso: con l'inglese, le letture, una serie tv nuova.
    Ma io sono come i bambini: mi hanno detto di non poter uscire ma voglio farlo proprio adesso xD (sono anche civile e me ne sto comunque a casa a lagnarmi xD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, lo so... ma infatti si capisce l'importanza delle cose solo quando non le abbiamo.
      Ciò che ci sembra scontato... zac! temporaneamente assente. E allora dai, ora sappiamo quanto è bella la libertà.

      Moz-

      Elimina
  29. stare a casa e non sproloquiare in rete,troppi esperti laureatisi in virologia nella notte che pensano di spiegare tutto a tutti.#iorestoacasa Dylan.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, vero vero... specie lauree all'Università di Facebook! XD
      Lì le regalano!
      Stiamo a casa, e tutto andrà bene davvero^^

      Moz-

      Elimina
  30. La penso come te.
    A me cambia poco in verità, poiché visto che in questo periodo non stavo nemmeno lavorando uscivo comunque al massimo tre/quattro ore al giorno, quindi l'isolamento mi pesa poco, anche perché parliamoci chiaro: Meglio l'isolamento che stare in un reparto di terapia intensiva.
    Capisco comunque e mi sento solidale con chi soffre per la mancanza e la vicinanza di qualcuno, per motivi lavorativi o di pecunia, o per semplice apatia.
    Ma gli direi di farsi forza e di pensare al presente che è abbastanza nero ed infausto.
    Del futuro preoccupiamoci poco.
    Mi auguro che il governo faccia comunque qualcosa per chi è dipendente e quindi dipende dal punto di vista economico da uno stipendio privato che potrebbe smettere di arrivare, ed ho molti amici in questa situazione di attesa senza nessun certezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo lo so, in tanti dovranno forse tirare la cinghia ma non immagino una crisi fortissima, a esser sinceri.
      Insomma, ci riprenderemo in fretta, dopotutto ora come ora nemmeno spendiamo granché, stando a casa, quindi il capitale è comunque toccato poco... Per me, da questo punto di vista, sarà tipo una parentesi, un coma, dove quando torni normale si riprende da dove avevi lasciato.

      Moz-

      Elimina
  31. Sì, credo che in questo momento sia importante stare in casa, leggere/ascoltare/vedere ciò che vogliamo, che non abbiamo avuto tempo ... riprendiamoci il nostro tempo! ... e il mondo guarirà!🌎⌛

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, questo è importante: con noi, il mondo guarisce.

      Moz-

      Elimina
  32. A quanto pare il titolo te l'ho ispirato io. 😉
    Comunque non cambia e non cambierà nulla dopo, secondo me, avremo solo un pizzico di esperienza in più. Come dopo una terribile guerra.
    Rilassati Miki, approfittiamo del momento e rilassiamoci tutti. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, non mi sovviene la questione del titolo :o
      Alla fine sì, questa è una guerra senza bombe...
      Ma ce la faremo!

      Moz-

      Elimina
    2. Vuoi dire che non hai letto il titolo del mio ultimo post. Strano Miki...😁😉

      Elimina
    3. Le risate al tempo del coronavirus?
      Ahhh... credevo la citazione fosse per il tempo.
      No, comunque questo era un titolo già scelto da qualche giorno (anzi, avrei dovuto scegliere tra tempo e amore... e ho scelto tempo. Per l'amore... c'è tempo XD)^^
      Mi sa comunque che è un titolo stra-abusato da noi blogger, in questi giorni XD

      Moz-

      Elimina
    4. Davvero? Ho letto solo te e me con similitudine nel titolo. Ma mi fido di ciò che dici. Semplicemente mi faceva piacere e mi divertiva la cosa. Ciao.

      Elimina
    5. Nel caso ti avrei ovviamente citata :)
      Il titolo era già scelto da qualche giorno, e proprio perché un po' tutti usano la formula del ... qualcosa ai tempi (o al tempo) del coronavirus.
      Ahimé, siamo tutti sulla stessa barca XD

      Moz-

      Elimina
  33. Io sto fremendo perché starei sempre in giro. Lavoro da casa per cui un po' mi distraggo.
    Poi leggo, chatto, videochiamo parenti e amici e cucino.
    Sforno pizze e crostate, penso che la prima cosa da smaltire quando finirà tutto saranno i chili in più.
    Recupero serie televisive che non volevo vedere da tempo e rivedo vecchi film che adoro.
    Stasera? Naturalmente Harry Potterrrrrrrr

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, starai vedendo, allora :)
      Per i chili in più... a chi lo dici!
      Io sto riscoprendo la sana cucina anni '80-'90 tra sofficini, wurstel e salse XD

      Moz-

      Elimina
  34. Belle parole profonde e l ottimismo in queste situazioni aiuta a lenire e a tenere lontano cupi pensieri! Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te.
      Bisogna essere positivi e pensare a quando torneremo a godercela in strada. Ma intanto, godiamocela a casa ;)

      Moz-

      Elimina
  35. Mitiko Moz, hai ragione: è una sfiga immane, ma cerchiamo fo sfruttarla al meglio.
    Almeno quello, dai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, tanto non ci resta che fare questo^^

      Moz-

      Elimina
  36. Ciaooo ;) Io purtroppo non me la sto vivendo benissimo, i momenti di pessimismo totale sono tanti :( Stringiamo i denti.
    PS Ti aggiungo a telegram :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se tutti ci comportiamo bene d'ora in avanti, le cose saranno sempre più contenute! Dai dai dai! :)

      Moz-

      Elimina
  37. Cerchiamo di concentrarci per imparare cose nuove ed apprezzare maggiormente quelle vecchie!

    RispondiElimina
  38. sottoscrivo tutto quello che hai detto, aggiungo che chi non riesce a stare in casa nemmno in questi casi vuol dire che anche prima aveva delle mancanze. E’ chiaro siamo “costretti” ma abbiamo i nostri cari, le nostre cose, ci prendiamo il tempo che spesso invece rincorriamo. E soprattutto abbiamo “il privilegio” di poterci stare rispetto ai molti che ancora purtroppo devono per forza uscire a lavorare.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, esatto. Se non puoi stare, non stai bene con te stesso (a meno di situazioni ovviamente negativi). Non ti puoi stare "afficcato" :D
      Ed è vero... godiamocela, noi che possiamo!

      Moz-

      Elimina
  39. Sicuramente ci ha condizionato molto la vita, dopo questo periodo apprezzeremo tante cose in più.
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero per molti, sai? Per quelli che proprio non sanno guardare bene alla vita stessa...

      Moz-

      Elimina
  40. Di solito in compagnia, ti ritrovo riflessivo. Sempre comunque con la stessa energia e leggo con nuove iniziative, il Moz O'Clock non conosce battute d'arresto, né deve conoscerle. Magari dopo qualcuno cambierà, rivaluterà, chissà. Intanto è stata un'occasione per sentirti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, nel diario mensile sono riflessivo di default 🤓
      La rubrica Mikipedia è quella con la compagnia, e questo mese per ovvi motivi di compagnia ce ne sarà di meno... o forse no?! 😉
      Lo scopriremo come sempre a fine mese!

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo commento :)