[FUMETTI] Batman Rebirth - recensione


Ben sei albi sono ormai stati pubblicati per quanto riguarda la fase Batman Rebirth della DC Comics.
L'evento conosciuto come Rinascita ha riazzerato i giochi e ha permesso un re-start narrativo.
Il precedente (New 52) non lo avevo affatto apprezzato, mentre questa Rinascita mi aveva subito entusiasmato.

Pur continuando a snobbare le altre testate (non ho mai molto amato gli altri eroi DC Comics, a dire la verità, tranne in certe incarnazioni), Batman mi sta appassionando davvero.
Certo, ogni tanto bisogna fare i conti col fatto che Batman deve spartire ossigeno con stronzi superumani tipo Superman, Wonder Woman e simili. E infatti, ogni tanto questi personaggi purtroppo inquineranno le pagine di un eroe pulp che potrebbe tranquillamente camminare da sé. Ma ormai è così, e così ci teniamo il nostro Uomo Pipistrello.

Il quindicinale Batman potra avanti tre linee distinte, in ogni numero, iniziate in America tra l'agosto e il settembre 2016: le storie della testata Batman, quelle della testata Detective Comics e infine quelle degli albi di Nightwing.

Nella prima "linea" narrativa, troviamo Bats alle prese con due metaumani che appaiono in città: i fratelli Gotham e Gotham Girl. Si tratta di due tizi che sanno volare (sigh!) e che tentano di pulire le strade dai criminali. In loro c'è qualcosa che non va, e dietro c'è lo zampino di chi ha progettato già la Suicide Squad (idea pietosa, sia a fumetti che a film). Stavolta devo dire che l'idea è buona, ma pericolosa. E quindi toccherà a Batman mettere le cose a posto, nel limite del possibile.
Tutto questo, nella saga Io sono Gotham.

La seconda storia che gli albi ci raccontano è la più interessante del lotto: Batman si rende conto che non può più salvaguardare da solo la sua città, e così mette su un piccolo esercito di vigilantes, radunando Red Robin, Clayface, Spoiler, l'Orfana, Batwoman. Toccherà a quest'ultima cercare di addestrare i giovani pupilli, e la saga la vedrà al centro della scena anche per via del nemico principale: la Colonia. Un organo paramilitare che vuole distruggere la Lega delle Ombre, una fantomatica organizzazione terroristica. E per farlo non esiterà a mettere a rischio l'intera città. Interessanti gli "scontri virtuali" tra Red Robin e il giovane fanatico Ulysses.
Tutto questo, nella saga La squadra dei Batman.

Terza e ultima linea narrativa, quella dedicata a Dick Grayson. Il primo Robin, ora Nightwing, si era infiltrato nella società segreta conosciuta come Corte dei Gufi.
Si tratta di un gruppo di gente dell'alta società che mira a manipolare politica e organi di Stato.
Nightwing, affiancato dal Rapace, cercherà di sabotare dall'interno la Corte dei Gufi, ma ci sarà un labirinto (vero e proprio) da affrontare!
Interessante il parallelismo tra la Corte batmaniana e il reale Bohemian Grove, party per soli facoltosi(ssimi) dedicato al culto di Moloch.
Tutto questo, nella saga Migliore di Batman.

Dunque, una piacevolissima lettura, che non delude e che consiglio.
Ho preso anche il primo numero di Batman - Il cavaliere oscuro (contenente materiale proveniente da altri albi, sia di Batman che su Batgirl) e pur vantando firme esclusive (John Romita Jr. e Scott Snyder) voglio attendere almeno un altro numero prima di giudicare.
Per restare sempre aggiornati sul mondo DC Comics, pre e post Rinascita, seguite la pagina FB Universo DC Comics Italia.

Ami Batman? Non perderti
Le migliori opere su Batman
DVD: il meglio di Batman in animazione
Cofanetto serie tv Batman anni '60

47 commenti:

  1. Anche se non ci sto molto dietro, confermo che Batman è un personaggio interessante, le poche storie che ho letto di lui ne fanno un personaggio superbamente caratterizzato, e trovo simpatico il suo stratagemma per volare simile a quello dell'Uomo Ragno.

    Meno mi piacciono le reincarnazioni multiple come succede in questa rivista che hai recensito, forse perché io per primo ho difficoltà a portare avanti più attività in contemporanea (mi agita anche preparare l'insalata mentre c'è il sugo sul fornello acceso!).

    Va detto però che queste rinascite liberano un po' il lettore se proseguire o meno una collezione, non come avviene con la Bonelli per varie sue serie, dove dopo decenni ripescano un avversario che molti probabilmente non sono più tra noi per ricordarlo... Il fumetto con personaggi umani che non hanno consapevolezza di essere fumetti deve fare scorrere il tempo, mostrare i personaggi che maturano e invecchiano, finché non diventa necessaria una rinascita (possibilmente una e non tripla) per rimetterlo in gioco con un'età adatta alle sue gesta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque, la cosa che citi è interessante, ma dipende dal fumetto.
      Se è popolare, italiano o americano o europeo o giapponese che sia, allora sarà eterno.
      Batman, Tex, Spider Man, Diabolik, Doreamon, Asterix, i Puffi... subiscono molto poco (e quasi senza effetti)il passare del tempo.
      Perché sono nati proprio per essere virtualmente infiniti.

      Altri fumetti, specie in Giappone oppure quelli americani non supereroistici, nascono per finire, entro tot tempo.
      E lì la gente invecchia.
      A me sta bene così, so che comprando Diabolik trovo lo stesso degli anni '60, dove a cambiare è solo la società attorno a lui, e la moda e la tecnologia.

      So che se compro Berserk, il protagonista è cresciuto col passare del tempo, da un albo all'altro.^^

      Moz-

      Elimina
    2. Immagino che quando fanno rinascere un supereroe lo attualizzano, questo non succede con i fumetti nati in Italia, dove piuttosto ogni autore può arrivare a creare il proprio universo narrativo di quel personaggio, spesso trascurando quanto avvenuto nelle centinaia di storie precedenti scritte da altri. Se mi può stare bene che in una storia Pippo scriva con la destra mentre in un'altra dica a Topolino che è mancino, mi secca che un fumetto destinato a un pubblico più maturo mostri a distanza di anni lo stesso eroe in atteggiamenti contraddittori o che non abbia un dejà vu di una certa situazione già vissuta, senza che ci sia stato un nuovo inizio editoriale ufficiale.

      Credo che i marchingegni della Batcaverna siano cambiati nel corso delle varie rinascite del personaggio, per non cadere nel ridicolo mostrando nel XXI° secolo computer a lucine lampeggianti...
      Insomma, per me vale la regola: vuoi cambiare? Azzeri tutto oppure fa invecchiare il personaggio. Sennò hai voglia a far sceneggiare e disegnare storie alla crème del fumetto mondiale, non me lo filo.

      Elimina
    3. Infatti sai perché io amo la serie tv Batman the animated series?
      Perché è sempre attuale nel suo stile retrò, anni '30 ma pulp, moderno nella fantascienza quasi alla Verne.
      Batman dovrebbe muoversi in un mondo così, certo anche con smartphone, ma in un tempo sospeso (come Twin Peaks, per dire)

      Moz-

      Elimina
  2. Ciao Miki,
    rispetto a te sono poco esperto di supereroi e c., anche se la serie animata di Batman è stata un cult per me (ma essa era rispettosissima della tradizione ed ebbe la forza di innovare alcuni aspetti, introducendo alcuni personaggi poi inseriti anche nei fumetti).

    Nella tua recensione leggo di METAUMANI e della SUICIDE SQUAD.

    Per me sono due emerite brutture.

    Ho guardato un po' di Arrow in tv e un paio di puntate di Flash. Ho smesso perché mi facevano venire l'orticaria...E Arrow ha gettato nel cesso una discreta prima serie.

    La suicide squad per me è qualcosa di inconcepibile, i cattivi sono cattivi, oppure se passano a lavorare per il bene diventano buoni, fine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che la Suicide Squad offre ai cattivi qualcosa, sempre.
      Però sì, non mi piace l'idea (men che meno il film, che ha reso zoccola Harley Quinn* e tamarro Joker)
      *tra l'altro lei è uno dei personaggi nati in Batman TAS e poi introdotti nel mondo DC; unica cosa buona della sua versione in Suicide Squad film è che ora siamo pieni di cosplayer zoccolegne! XD

      La storia dei Metaumani non piace molto nemmeno a me, ma in fin dei conti anche il Batman più duro e puro ha avuto a che fare con questi "esseri" da romanzo d'appendice (lo stesso Clayface, per dire...). Quindi, basta che non ci siano Superman e altri di mezzo, posso anche accettarlo.

      Moz-

      Elimina
    2. Si esatto: Batman è un essere umano con facoltà sviluppatissime grazie anche al rigoroso allenamento. Il metaumano tipo Clayface è un uomo comune che diventa mostro e acquisisce una determinata forza.

      Il metaumano di Flash o Arrow è una sorta di Dio in terra..

      Elimina
    3. Scusa Riccardo, preferisci i cattivi senza una ragione, senza un tormento interiore che li ha resi tali?
      Personalmente trovo più realistico un assassino che ha avuto un padre che picchiava sua madre, per esempio, e la cui storia venga sviluppata con la stessa importanza di quella dell'eroe. Perché il cattivo è prima di tutto un essere vivente, appiattirlo a "cattivo per mestiere" lo rende poco credibile.

      Elimina
    4. Certamente, la mia era solo una cruda semplificazione. Nel senso che non mi entusiasma l'idea di questa squadra di cattivi messa su (fate questo per noi in cambio di...)magari per contrastare altri cattivi. Preferisco appunto un cattivo che diventa buono. Poi come dici tu, è importante che sia sviluppata anche la storia del cattivo e approfondire la sua mentalità. Pensa che io sto guardando una vecchia serie, Flashpoint, dove i "cattivi" nelle varie puntate sono quasi tutti buoni portati all'esasperazione da determinate situazioni.

      Elimina
    5. Che poi, il bello di Batman sono proprio i cattivi: parto mentale della città stessa, una città malata.
      Lo stesso Batman è un pazzo frustrato, uno che si veste da pipistrello (!) e fa il vigilante non richiesto.
      Tra uno che si veste da pipistrello, uno che si veste da pagliaccio, uno che si veste da pinguino... non vedo alcuna differenza.
      Batman è bello per questo.

      Moz-

      Elimina
    6. Se uno poi ha letto "The killing joke", sa che il confine tra buoni e cattivi è una pura convenzione editoriale! ;)

      Elimina
    7. Recensione di the killing joke, prego XD

      Elimina
    8. Oddio, potrei anche averla già fatta, da qualche parte XD

      Però ok, dai, la faccio ex-novo^^

      Moz-

      Elimina
    9. grande...l'ho letto (in inglese) e sinceramente non ho mai capito bene il finale.

      Elimina
    10. Ah beh, se vuoi sapere questo, sappi che nessuno al mondo ha una interpretazione univoca del finale :)

      Moz-

      Elimina
    11. Io infatti ti chiesi spiegazioni via e-mail.

      Elimina
  3. Affascinante Batman di tutti i supereroi non targati Marvel forse quello che preferisco. E' vero, col tempo alcuni fumetti si evolvono ed è anche giusto ma in certi casi lo fanno verso una eccessivo sviluppo tecnologico degli stessi a discapito dell'umanità del personaggio (Esempio : Capitan America che agli inizi era un uomo super forte con uno scudo ultramoderno ed oggi sembra quasi un transformer - perdona il paradosso -). Diabolik nonostante la sua staticità resta eterno forse per il fascino del personaggio. Complimenti come sempre, post molto ricchi di dati ed una competenza in materia che non ci si stanca mai di scoprire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miki infatti è diplomato in "Competenze in materia"... 😂
      Chi scriverebbe articoli su argomenti che non conosce?

      Elimina
    2. Ahaha, beh, l'altro giorno su Wired mi sono ritrovato un articolo sui Power Rangers con scritto "dal cartoon da cui sono tratti". Orrore XD

      Batman è il miglior prodotto DC Comics, vero.
      Non lo vedo lontano dal nostro Diabolik, come icona.

      Moz-

      Elimina
    3. ahah ecco perché l'altro giorno dicevi di Wired! :D

      Elimina
    4. Crossover Batman VS Diabolik, si potrebbe mai fare?
      Hanno fatto incontrare Superman e Skeletor... :D

      Io comunque voto sempre per Braccio di Ferro contro Tiramolla! :D

      Elimina
    5. Diabolik che deve mettere a segno un colpo a Gotham City... *___*

      Moz-

      Elimina
    6. PER GAS 75: non sai quanti cialtroni ci sono in rete che si piccano di sapere tutto di ogni argomento e poi sono dei pressappochisti e confusionari. Per questo mi colpiscono la preparazione e la passione di Moz :-)))

      Elimina
    7. Beh, che dire, grazie mille Danié :)

      Moz-

      Elimina
  4. Di supereroi ho letto molto poco ma ho sempre voglia di iniziare, solo che poi ogni volta che ci provo perdo le speranze. Per fare un esempio, Civil War, tranne il finale, mi era piaciuto parecchio e avevo pensato di seguire il seguito. Solo che poi ho letto l'anteprima e certi dialoghi erano così brutti che non ci ho speso neanche un centesimo, che mi sembra che non vale per niente la pena. Di Batman in particolare non so quasi nulla ma mi interessa parecchio, penso che a breve riuscirò a leggere il volume del Fumetto di Repubblica per farmi una idea generale. Una serie come questa può essere buona per iniziare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Dani: una serie così è ottima per iniziare.
      Certo, non ti racconterà da zero le vicende di Bats, ma spesso e volentieri cerca di inserire dialoghi o didascalie che ti fanno raccapezzare di più.
      Inoltre le tre storie portate avanti sono molto valide^^

      Moz-

      Elimina
    2. Infatti a me non interessa molto che ci siano spiegate le origini, più che altro devono essere belle storie che non mi stufano dopo 3 pagine!
      Comunque mi hai convinto, prima o poi lo recupero e mi metto in pari!

      Elimina
    3. No, queste sono ben scritte e non stufano, almeno per ora.
      Inoltre sono anche risvolti abbastanza inediti per Batman, non più solitario.

      Moz-

      Elimina
  5. Sempre più curioso di leggere la rinascita.
    Specialmente di Batman.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutti dicono che sia "niente di che" rispetto alle altre testate; a me sta piacendo, specie considerata la New 52.

      Moz-

      Elimina
  6. Della DC anche io seguo ormai solo Batman, il materiale Rebirth però è ancora tutto impilato sul comodino, ho ancora da terminare la vecchia serie, ma tranquillo prima o poi arriverò anche io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, bene: allora poi fammi sapere che te ne pare, perché sembra come se con Batman non abbiano fatto chissà che, e invece a me sta piacendo tantissimo^^

      Moz-

      Elimina
  7. Un bel rilancio, tenendo presente tutti i film dei supereroi, prossimi all'uscita.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, quelli non m'attirano per nulla, specie della scuderia DC XD

      Moz-

      Elimina
  8. Delle serie Rinascita che al momento sto prendendo tutti almeno sino al 7 numero per completare le figurine, l'albo di Batman nonostante sia uno dei miei personaggi preferiti è quello che mi sta deludendo di più. La storia dei Gotham l'ho trovata così meh.. spero migliori con le run successive altrimenti rischio davvero di abbandonarlo. Sulle altre due storie mi trovi d'accordo paradossalmente le trovo decisamente più interessanti. L'altro Antologico Il Cavaliere Oscuro l'ho trovato decisamente migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà che io proprio non amo né leggo le storie degli altri (mai troppo piaciuti), però questa Bat-Rinascita mi sta piacendo molto molto più che New52.
      Poi in agosto arriva Metal, una nuova grande saga... wow^^

      Moz-

      Elimina
    2. Infatti credo sia proprio un qualcosa di mio, magari chissà che cosa sto cercando. Anche un amico che ha iniziato ora, saltando tutta la new52 lo sta apprezzando parecchio. io boh...

      Elimina
    3. A me New52 ha fatto proprio pena. Leggo solo Batman, eh. Lo mollai subito...^^

      Moz-

      Elimina
  9. Dei tuoi vecchi articoli almeno per questo ho trovato il tempo di leggerlo.
    A me delle due serie di Batman sono piaciuti tutti i numeri usciti finora in USA, dopo Aquaman le due migliori serie DC Rebirth.
    Concordo sulla Suicide Squad, che avrebbe funzionato per un breve periodo ma farne una situazione fissa no, ha stancato e non c'è più quel pathos iniziale per un gruppo che sta andando a morire. Ormai sappiamo che non muoiono mai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wah, Ema! :)
      Sì, la Suicide Squad per me poteva funzionare come saga a sé, non come testata regolare. Ormai non sanno più cosa inventarsi...
      Per ora Batman non l'ho mollato, e sono passati sei mesi da questo post.
      Mi spaventa il futuro, fatto di tre Joker, fatto di possibili mostri...
      ma da ciò che ho letto da te, per ora posso stare tranquillo :)

      Moz-

      Elimina
    2. A me la faccenda sei tre Joker aveva messo un grande hype ma dopo 16 mesi ancora non hanno svelato nulla e mi si è ammosciato (l'hype).
      Batman e Flash sono le due serie che non hanno ancora contributo alle trame lanciate sullo speciale DCU Rebirth, se non quella paraculata di The Button che non ha svelato nulla.

      Elimina
    3. E spero non lo facciano per luuuungo tempo.
      Ti giuro, sono terrorizzato dall'idea dei tre Joker. Potrebbe essere ciò che mi farà abbandonare (nuovamente) la testata fino al prossimo reboot XD

      Moz-

      Elimina
    4. Purtroppo alla DC hanno la minia di giustificare ogni cosa, così il 90% delle loro trame sono per spiegare qualcosa della continuity. Questa dei 3 Joker l'hanno inventata per giustificare le versioni troppo differenti che si sono viste negli anni... 'na cazzata detto tra te e me <_<

      Elimina
    5. Eh appunto. E quanto spero facciano un passo indietro.
      Perché è una cazzata ATROCE.

      Moz-

      Elimina