[feste] Halloween


Oltre alla CocaCola e alle chewing-gum, anche Halloween sembra essere merce che importiamo dagli USA.
Eppure non è proprio così: ecco un breve viaggio nel mondo di una delle festività più attese dell'anno.
Dolcetto o scherzetto?
Halloween, per come la si celebra in America, noi cominciamo a avvertirla più o meno negli anni '80, grazie ai film.
Prima era tradotta maldestramente come Carnevale, e persino nel film cult Halloween - la notte delle streghe viene chiamata "vigilia d'Ognissanti".
Cosa che in effetti è.

Convenzionalmente celebrata il 31 ottobre, la festa di Halloween ha assunto nel tempo quel carattere consumistico-giocoso-orrorifico che la contraddistingue ancora adesso.
Bisogna aspettare gli anni '90 per veder Halloween prendere piede anche da noi, con party e travestimenti. Fino all'esplosione vera e propria di festa commerciale.
Ricordo benissimo che erano i primi anni '90 quando intagliammo a casa le prime zucche.
Ma Halloween ha radici molto più che americane, molto più che horror.


PARENTALIA E SAMHAIN

La festa romana dei morti, Parentalia, è indicata da alcuni studiosi come antica origine di Halloween.
Altri la collegano invece alla celtica ricorrenza del Samhain, la fine dell'estate.
Cerimonie religiose pagane, dunque, che celebravano la natura e i raccolti.
L'immigrazione irlandese negli Stati Uniti ha poi esportato questa usanza nel continente dei cowboys.
Il nome Halloween è una contrazione del termine scozzese All Hallows Eve (vigilia di Ognissanti).


UN MIX DI RELIGIONI E TRADIZIONI

La religione cattolica arriva per ultima, perché più giovane fra tutte.
Così, se da un lato la festa ha perso il carattere pagano introducendo il concetto delle rape intagliate a formare lanterne in ricordo delle anime del Purgatorio, dall'altra si è avuto di recente qualche prete che, invece di pensare alle cose serie, ha fatto il facile 2+2 Halloween è festa horror quindi satanica.

E' pur vero che in quella notte i fanatici del satanismo celebrano i loro culti, ma Halloween non ha nulla a che vedere con il diavolo, se non nei costumi indossati.
Una tradizione comunque recente, che attinge all'immaginario orrorifico e gotico dei romanzi, del cinema e della tv.
Di certo derivante dal fatto che si è in pieno periodo della festa dei morti (2 novembre), Halloween ha presto preso la connotazione di festa horror e occulta, sempre in modo divertente.

Un'americanata, questa, che restituisce un ortaggio intagliato (le zucche, negli States più facili da reperire -e intagliare- rispetto alle europee rape) e i caratteri consumistici di oggi.
E' bene ricordare che comunque Halloween, così come Ognissanti e la celebrazione dei morti, cade nel periodo autunnale comunemente inteso, dunque non viene a mancare il reale senso arcaico naturalistico della festa.

I SIMBOLI

Il "trick or treat?" ossia "dolcetto o scherzetto?" è di derivazione medievale; alcuni mendicanti girovagavano in cerca di elemosina nel periodo della Commemorazione dei defunti, facendosi dare cibo in cambio di preghiere per i morti.
La zucca, come detto, deriva dalla tradizione delle rape intagliate. Prende nome di Jack o' Lantern, secondo una storiella irlandese del fabbro Jack, che cercò di ingannare il demonio diventando un'anima errante e tormentata.


IN ITALIA

Halloween comunemente intesa era fino a pochi decenni fa una sorta di festa esotica, un carnevale particolare visto solo nelle opere d'oltreoceano.
Nonostante questo, data la sua origine puramente europea -se non addirittura romana-, la celebrazione dell'autunno e dei defunti erano momenti molto sentiti dalle popolazioni del nostro continente, molto prima dell'arrivo del cattolicesimo.

Nonostante tutto, la Chiesa ha provato come sempre a sovrapporre e/o sostituire le antiche tradizioni a favore delle sue nuove festività, come successo ad esempio col Natale.
Ma il sentimento primigenio non si cancella facilmente, dando origine a particolari miscugli interessanti sotto molti punti di vista, da quello antropologico a quello religioso.

Così, non è raro che nel centro e sud Italia si festeggi ancora oggi il San Martino (11 novembre), che a tavola celebra l'autunno (vino, salsicce, castagne) e recupera la tradizione della questua con ragazzini travestiti da diavolo che, a spasso per le case con una zucca intagliata e decorata, chiedono dolci e soldi dopo aver intonato la canzone di San Martino.

In Sardegna è durante il Sant'Andrea (30 novembre) che avviene un rituale analogo; e le zucche intagliate si ritrovano anche in Sicilia, Toscana, Lombardia, Liguria e Emilia, con nome diverso ma sempre nel periodo che celebra l'autunno.

Quindi, che festeggiate Halloween all'americana, alla satanista, all'italiana o alla cattolica, tenete sempre a mente che il senso profondo e originale di questa ricorrenza è l'omaggio alla Natura, col ricordo dei nostri cari defunti.

71 commenti:

  1. Negli anni '80 quando ero un infante ed andavo al paese d'origine di mia madre a trovare la parentela, era usanza che i bambini andassero a suonare casa per casa con una " cucuzza" in mano ( la zucca verde a forma di clava) a chiedere un omaggio per i propri morti.
    La zucca veniva intagliata come quelle americane e vi veniva inserita una candela all'interno, e vi si praticava un foro a mo' di salvadanaio dove vi venivano inserite le monetine che venivano donate ( o dolcetti in alternativa).
    Volente o nolente, americana o meno, Halloween o Ognissanti è stata sempre ben radicata nella nostra cultura, almeno in quei posti dove ancora oggi si conserva il folclore dei tempi antichi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esattamente: tu hai visto la forma primordiale di Halloween, visto che la cucuzza è stata sostituita dalla zucca grande solo molto dopo, e in America.
      E' una festa che esiste nel nostro folklore, mischiata poi con la sacralità... fattostà che c'è :)

      Moz-

      Elimina
  2. feste con zucche da noi in sicilia non ne conosco.

    sapevo però della tradizione dei morticelli, cioè i cari estinti che nella notte tra l'1 e il 2 Novembre che escono dalle tombe per portare i famosi dolci di zucchero tipici a forma di frutta, la "frutta martorana" o "motticeddi" (di "recente" per similitudine con Halloween anticipano alla notte del 31 ottobre)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, praticamente la stessa festa: quella di onorare tutti i morti è un'usanza antichissima, pagana... che poi ha preso diverse forme...^^

      Moz-

      Elimina
  3. Hai ragione è una cosa che abbiamo importato, anche un pò a forza, si celebra ma molti non conosco bene i trascorsi e il folklore, ottimo pezzo complimenti ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto... la cosa peggiore è credere che sia solo un'americanata, perché di fatto in America l'abbiamo portata noi :)

      Moz-

      Elimina
  4. Caro il pagano!!
    L' origine delle feste è un tema che appare ogni festa, e per fortuna più passano gli anni, più la gente si informa e finalmente scopre, per la prima volta, da dove derivano.
    Il festeggiare senza conoscerne l' origine, o attribuirla all' origine ultima, più che un errore è un insulto alla vera origine.

    Celebrare la Natura: non potrebb' esser altrimenti!

    Ciao Mozzinooo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se ci pensiamo, TUTTE le feste celebrano la natura e i suoi cicli. I corpi celesti, gli elementi, le stagioni. Perché sono gli unici veri dèi che permettono la vita sulla Terra... tutto il resto è antropomorfizzazione di queste bellissime attività naturali :)

      Moz-

      Elimina
  5. In Sardegna è una festa che si celebra da secoli, si chiama "su mortu mortu" o "is animas" a seconda della zona.
    Io da bimbo andavo in giro per le case a richiedere dolcetti e la festa ammerigana la ignoravo completamente. Spero che le nuove generazioni facciano altrettanto. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché?
      Si tratta esattamente della stessa ricorrenza, a questo punto si possono festeggiare entrambe... l'importante è divertirsi!*Mica è il Giorno del Ringraziamento, che non ci appartiene!^^

      Moz-

      Elimina
    2. Per me è importante mantenere la tradizione e al massimo con quella importata divertirsi la sera, magari nei locali. Purtroppo essendo appunto la stessa festa c'è il pericolo che le peculiarità di quella americana possano prevalere su quelle della tradizione sarda. Qui non ci si maschera da vampiri o streghe, si passa da una casa all'altra vestiti normalmente e si recita una formula dove si chiede un tributo in cibo per festeggiare le anime dei defunti. Insomma l'origine pagana della festa è stata, purtroppo e come tante altre ricorrenze, cristianizzata, nonostante questo mantiene il suo fascino arcaico intatto.

      Elimina
    3. Ah ecco... sì, capisco cosa intendi.
      Lo vedo anche qui da me col San Martino, sempre meno bambini girano con le zucche a chiedere dolci o soldi... però forse in questo caso da un lato è giusto, visto che è la trasmutazione cattolica di Halloween... Insomma, potremmo trovare pro e contro (anche per puro gusto personale) su ognuna di queste cose.
      Per me, ripeto, festeggiare tutto è la soluzione più bella^^

      Moz-

      Elimina
  6. Beh da noi a Napoli il 2 novembre era il giorno dei morti, il classico momento in cui anche chi nel corso di tutto il resto dell'anno non andava mai al cimitero, almeno quel giorno "doveva" andare a rendere omaggio ai suoi defunti.
    Qui in Veneto invece Halloween ha preso piede già a partire dal 2000\2001 con buona pace delle persone di una certa età che ricordano ancora di quando da bambini andavano a fare la questua per il San Martino.Tra parentesi, esiste ancora un dolce con questo nome, una sorta di enorme biscottone a forma di cavaliere San Martino farcito di cioccolatini e caramelle che si regala ai bambini nella ricorrenza del'11 novembre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colpa della Chiesa, se vogliamo: ha trasportato l'antica usanza di chiedere dolci verso la data utile più vicina e comoda per il cattolicesimo: San Martino.
      Ma la festa è sempre... "halloween".

      Moz-

      Elimina
  7. Caro Moz, secondo me tu hai la capacità ci complicare cose semplici. Io credo che molta gente non si ponga tutti questi problemi di religione che tu elenchi e che invece festeggi le varie ricorrenze (il primo sono io) così come vuole una tradizione secolare tramandata dai padri. Ma padri intesi come papà, non sacerdoti. La Chiesa, tanto bistrattata, il più delle volte non centra nulla, anzi, è il "Signore" che si "piega" ai voleri popolo e non viceversa.

    ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eppure anche leggendo i commenti precedenti, pare proprio che qualcuno il problema se lo pone! :D
      E' che sono stanco, ogni anno, di sentire la classica storia di Halloween festa satanica, festa americana ecc... così ho voluto scrivere cosa Halloween è e cosa non è.
      E' vero comunque che la gente non si pone i problemi di religione: infatti molti proibiscono ai figli di festeggiare Halloween perché ricorrenza pagana ma essi stessi festeggiano il Natale con albero e doni... XD

      Moz-

      Elimina
    2. Oddio, Moz, l'albero... Babbo Natale... Altre usanze "pagane"del Nord che per colpa dei "ragazzi di oggi" come te abbiamo dovuto importare. No, a me "mi" piace 'o Presebbio con il "Bambiniello" e 'a Bbefana con l'arrivo dei re Magi.

      Ma hai presente quanto costi fare un Presepio? In denaro, per il costo dei pastori (d'arte) e il tempo per costruirlo? Poi arriva "tuo figlio": "Tommasì, te piace 'o presebbio?" ... "No, nun me piace 'o presebbio!!

      ^_^

      Elimina
    3. Ahaha, è che tu vedi le cose forse dal lato cattolico, ossia l'ultimo arrivato...
      E' più giusto (nel senso di avere la precedenza) che a Natale si faccia l'albero piuttosto che il presepe. Ma il bello qual è? E' che possiamo farli entrambi, aggiungere nuove cose (anche fosse solo mangiare i Ferrero Rocher) e festeggiare tutto!! :D

      Moz-

      Elimina
  8. Come dicevo sul mio blog fino a poco tempo fa non sapevo neanche cos'era Halloween, grazie al cinema ho saputo, ma il significato è stato storpiato nei secoli. Come hai detto tu è stata la nostra cultura a esportare, dato che in l'Irlanda è quasi simile all'Italia..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me ha sempre avuto quel fascino esotico proprio grazie alle opere d'oltreoceano... tipo i prodotti Disney, o i film, o i romanzi... quando -nei primi anni '90- qualcosa tendeva a vedersi anche qui... ero contentissimo**

      Moz-

      Elimina
    2. per me e la mia generazione: HALLOWEEN = LO SPECIAL DEI SIMPSON! anche perchè è stato il primo media di pubblico successo dove non venne adattato dozzinalmente (ricordo un emblematico episodio dell'originale Famiglia Addams dove si parlava costantemente di "ognissanti", "stanotte è ognissanti", "prepariamoci per ognissanti" ed io WTF?!? nonostante la famiglia addams anni '60 l'abbiamo conosciuta con un doppiaggio tardivo -o forse un ridoppiaggio? cmq le voci con cui gira oggi sono 20 anni successive- anni 80, quando la festa era stata già sdoganata!)

      Elimina
    3. Sì, ma pensa che spesso veniva tradotta come "carnevale"!
      Comunque, "vigilia d'ognissanti" è la traduzione letterale e sinceramente è quella che mi piace di più... :)
      Tu coi Simpson io decisamente coi Disney :)

      Moz-

      Elimina
    4. esatto, "carnevale" mi pare fu la traduzione di halloween nella prima apparizione fumettistica di Nocciola nella storia di Barks (ispirata al corto coevo "Trick or Treat").
      Però è proprio il termine "ognissanti" che da piccolo mi sorprendeva... sarà che da noi dicono tutti "i santi"?


      Cmq, siccome tutto il mondo è paese, una volta un cantante 'mmereggano fu invitato al nostro Sanremo e scrisse sul suo blog che "c'era una festa chiamata carnevale, che è tipo il nostro halloween solo fatto in primavera!" LOL
      (la cosa strana è che il carnevale è diffuso in USA, vedi New Orleans per esempio... boh!)

      Elimina
    5. Ognissanti è un po' più arcaico come termine, rispetto all'usato Tutti i santi.
      Io però preferisco il primo, mi sa più di tempi andati, di folklore e di mondo rurale che temporalmente è appena dietro questo angolo di 2000 :)

      Moz.

      Elimina
  9. Personalmente festeggerò la festa domani pomeriggio nel mio circolo con bimbi e adulti, facendo giochi vari e il ricavato andrà in beneficenza.
    I vari significati religiosi o meno mi interessano poco, se non il fine.
    Buon proseguimento di giornata.

    RispondiElimina
  10. Mai festeggiata sinceramente.
    Qui in frazione di bambini ce ne sono sempre stati pochissimi e quindi la tradizione non si è diffusa.
    Non conoscevo i significati, però. Grazie a te ora invece... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, allora son contento se il mio post ti ha fatto scoprire qualcosa di nuovo ;)

      Moz-

      Elimina
  11. interessante non sapevo di alcune feste... vado ad attrezzarmi di dolcetti :-)

    RispondiElimina
  12. Moz sinceramente ho letto il post sommariamente, un po' perché son cose che so già, un po' perché son un po' stanco di leggerle e rileggerle. Sicuramente può essere utile per chi non ne conosce le origini, ma sembra quasi che per Halloween si cerchi tutti i modi di giustificarne la celebrazione appunto raccontando come nasce; mentre per le altre festività si cerca di fare il contrario, ovvero di affossarle ancora di più solo perché meno fighe e meno "americaneggianti" di Halloween. Non mi garba (non la festa ma l'atteggiamento della ggggente), non so.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me l'importante è festeggiare, ora e sempre! :)
      Di solito a Halloween facevamo feste che con Halloween non c'entravano niente, per dire...
      In ogni caso, io odio l'ignoranza di chi magari proibisce ai figli di fare Halloween perché pagano, ma poi a Natale (da buon cristiano) aggiusta l'albero.
      Ecco il perché di questi post :)

      Moz-

      Elimina
  13. Moz-! Ti adoro quando infondi saggezze pagane!! Mi è piaciuto un sacco questo post e mi ha fatto ragionare molto con la testa. Tutto file e tutto finalmente ha un senso.

    baci e buona festa dell'autunno!!!
    Enza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contentissimo che tu abbia apprezzato, davvero!
      Grazie mille e buona festa anche a te :)

      Moz-

      Elimina
  14. Ciao Moz,non amo travestirmi,ma la festa dei morti ,pur consumistica come le feste della mamma,papà,zio,nonno ecc la trovo simpatica.Una specie di carnevale anticipato.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, dopotutto è solo questo, è solo un altro modo per passare una serata in compagnia.
      Non ci vedo nulla di male :)

      Moz-

      Elimina
  15. Da medievista, l'idea dietro Halloween mi ha sempre affascinato. Per i festeggiamenti, un po' meno. Boh, se ci fossero festeggiamenti più in linea con lo spirito della vera tradizione forse, forse, forse li seguirei :-).Mozziiiii! Mi sei mancato! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che il mio sogno sarebbe proprio quello di fare un Halloween davvero pagano, senza troppi orpelli moderni (pensa, ci sarà gente che si vestirà da cagate tipo Twilight XD)

      Moz-

      Elimina
    2. Aborri il paganesimo o Twilight?? XD

      Moz-

      Elimina
  16. tempo fa avevo scritto una cosa legata alla tradizione italiana di halloween, alle ossa dei morti e quant'altro... molto molto bello! Peccato che una festa nostra ormai sappiamo viverla soltanto alla manieradegli altri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta a bordo!^^
      Sì, è vero che oggi si fanno feste e festini, ma comunque per me è solo un modo in più per divertirsi. Qua, l'altra tradizione (San Martino, comunque giovane perché cattolica) non si è persa, e anche quella sera si mangia e si beve in allegria ^^

      Moz-

      Elimina
  17. Un post molto dettagliato!
    Sereno giorno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cav, spero di aver detto tutto ciò che c'era da dire :)

      Moz-

      Elimina
  18. Ecco, vedi? E io che credevo fosse stato Michael Jackson il fautore di tutto!
    Scherzi a parte, non avevo la più pallida idea che questa festività avesse una stori acosì radicata anche nella nostra italiana e cattolica! Conoscevo la storiella di Jack'o Latern, ma più di questo forse solo le reminiscenze dati dagli studi di letteratura al liceo! Nulla a che vedere con Thriller naturalmente, anche se io lo preferisco di gran lunga! ;)
    Per quanto riguarda l'ultimo tuo monito sull'importanza data alla Natura ed il ricordo dei defunti, t'è capitato per caso di vedere "The book of life"? Trovo che spieghi bene questo passaggio e la valenza fondamentale per i popoli (tutti) dei defunti ed il ricordo e l'elogio a questi ultimi dedicato!
    Come ogni festività pagana, si nota quanto l'uomo imiti se stesso. Sia nello spazio, che nel tempo, a questo punto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, l'uomo è naturalista... di natura: alle stronzate è stato condannato dalle religioni, anche quelle pagane che han dovuto antropomorfizzare tutto.
      Posso capirlo, comunque.

      The book of life non lo conosco, mi informo.
      Comunque la natura e la vita (e quindi anche la morte)... sono le uniche cose certe, gli unici veri dèi...^^

      Moz-

      Elimina
    2. E Micheal Jackson of course...
      ... non crederai mica che è passato a miglior vita? O forse sì? XD

      Elimina
    3. Non ci ho mai creduto... e non credo nemmeno che stia sul famoso isolotto con Hitler e tutti gli altri... XD

      Moz-

      Elimina
  19. Mi è sempre piaciuta la festa dei morti: da bambina era una festa andare il cimitero con i miei genitori, comprare i fiori, intrattenersi con gli amici e i conoscenti incontrati fra le lapidi... non c'era niente di macabro! Adesso Halloween mi piace per il suo retaggio 'americano': film horror, travestimenti e ovviamente la zucca! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ricordo i primissimi anni '90 quando tutto era ancora poco americanizzato ma si intravedeva qualcosa in quel senso...
      Era bello dalla Puglia andare a casa dei nonni in Abruzzo, farmi quel breve ponte e incappare in qualcosa di horror (o lo speciale halloween di Disney)

      Moz-

      Elimina
  20. Ciao Moz,DOMY
    Non festeggio Halloween ma i simboli e il significato originario della ricorrenza celtica e anglosassone mi piacciono. Ma non i festeggiamenti discotecari e i travestimenti macabri e di cattivo gusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Discotecari assolutamente no, nemmeno a me.
      Ci starebbe bene più un pub con musica, o anche qualcosa a tema. Ma il cattivo gusto da plebei no, sono d'accordissimo :)

      Moz-

      Elimina
  21. Noi qui siamo carichissimi per stasera, la festa è in maschera ma non si può comprare niente, si può solo trovare un travestimento casalingo. Quindi non potrò indossare la mia ormai famigerata parrucca rosa, che ha spopolato sul web, e ha aumentato visibilmente la mia autostima ^^ e mi vestirò da "SmartyPants", termine usato per sfottere i nerd sapientoni e sfigati, come me. In Italia non sono mai stata tale, ma vista la cultura del canadese medio, qui sono percepita come genio saccente.
    Il buon Neil invece si vestirà, come ogni anno, da "Pothead", con una pentola in testa, più semplice di così... (per chi non lo sapesse, pothead è chi fuma maria dal mattino alla sera...)
    Buon halloween a tutti! MikiMoz da cosa ti vesti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io oggi non mi travesto; fino allo scorso anno organizzavamo feste a tema: anni '50, '70, '80', '90, come puoi vedere qui http://mikimoz.blogspot.it/2015/01/viaggio-nel-tempo.html Quest'anno niente festa in grande, andremo a farci una pizza e poi dopocena chissà :)
      Belli i vostri travestimenti... beh, poi andrò a vedere le foto!!
      Buon divertimento!! :)

      Moz-

      Elimina
  22. io lo odio halloween e lo odio perché non si tratta del recupero di tradizioni nostre, ma di una tradizione che si è imposta e cancella la nostra. Se chiedi ai bambini per esempio pochissimi sanno che c'è un giorno dei santi, per loro è halloween... è la globalizzazione :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna in tante zone d'Italia la tradizione catto-pagana similare a Halloween è stata spostata in altre date, così si possono festeggiare entrambe le cose. Qui, ad esempio, è ancora molto sentita la festa di San Martino, che è tradizionale.
      Anche se -assurdo- a ben vendere è la copia cattolica e quindi finta della Vigilia d'Ognissanti, quindi l'originale... Halloween!^^

      Moz-

      Elimina
  23. Non festeggio Halloween, ma solo perché lavoro (anche l'1/11). Quest'anno però non mi sono venuti a trovare i bambini del dolcetto o scherzetto. Peccato ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà, magari passeranno per San Martino **

      Moz-

      Elimina
  24. Complimenti per questo post, molto interessante. Se non lo conosci già ti consiglio di leggere "L'albero di Halloween" di Ray Bradbury: è un breve ma gradevole romanzo in cui i sette ragazzi protagonisti compiono un viaggio attraverso la storia e le radici della festa.
    http://www.librimondadori.it/libri/l-albero-di-halloween-ray-bradbury

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavolo, sembra interessante! Grazie per la segnalazione **
      E... contento che il post ti sia piaciuto :)

      Moz-

      Elimina
  25. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  26. Miki caro, c'è forse un pizzico di confusione tra ciò che hai scritto ed i vari commenti.
    Non so se è giusto ma credo che i primi a festeggiare in questo periodo siano stati i celti. In realtà tutto si concentra in Irlanda ed Inghilterra (popolo allora tipicamente germanico). Il 31 Ottobre, in pratica, si festeggiava la fine dell'estate ed il primo giorno dell'inverno; quello che tu hai definito correttamente e cioè lo Samhain.
    In seguito questa festa a causa della migrazione del popolo irlandese si diffuse anche negli Stati Uniti, per diventare col tempo ciò che ora erroneamente e diventata.
    La festa di Ognissanti esisteva già in Inghilterra ed il papa Gregorio IV lo istituì nello stesso giorno, per cui si sovrappose alle feste romane Pomona e Parentalia.
    Ma il problema nacque con il protestantesimo, che interruppe la festa tradizionale di Ognissanti (per cui non è propriamente colpa del cristianesimo). Essa quindi continuò comunque come festa laica trasformandosi in quella che oggi viene definita Hallowen.
    Scusami ma credo che sia meglio chiarire per non creare confusione, mi piace sempre leggerti e mi complimento con te per tutto ciò che hai scritto anche qui.
    Un forte abbraccio, ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio sono passati due anni d quando l'ho scritto, non ricordo bene soprattutto i commenti! XD
      Grazie per le precisazioni... protestanti! Io forse con il fatto del cattolicesimo mi riferivo alla questione della sostituzione delle feste pagane, difatti qui da noi festaggiamo San Martino (11 novembre) esattamente come si festeggia Halloween (zucche, gente travestita da diavolo, questua per le case...)^^

      Moz-

      Elimina
  27. Mi sa tanto Moz che ha ragione @Pia! La festa di Halloween è di origine celtica, ed è sicuramente più spirituale che carnevalesca. Poi ci ha pensato l'America a renderla commerciale, e in stile horror ci hanno pensato i satanisti!
    Comunque io adoro zucche e lanterne :)
    Buon Halloween 2017.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono andato a rileggere il mio stesso articolo dopo i vostri interventi, e... infatti dico io stesso le vostre stesse cose XD:
      "La festa romana dei morti, Parentalia, è indicata da alcuni studiosi come antica origine di Halloween.
      Altri la collegano invece alla celtica ricorrenza del Samhain, la fine dell'estate.
      Cerimonie religiose pagane, dunque, che celebravano la natura e i raccolti.
      L'immigrazione irlandese negli Stati Uniti ha poi esportato questa usanza nel continente dei cowboys.
      Il nome Halloween è una contrazione del termine scozzese All Hallows Eve (vigilia di Ognissanti)."

      Buon Halloween anche a te! :)

      Moz-

      Elimina
  28. Tesoro bello, dove lo mettiamo questo post??? 😊😊😊😊😊😆😆😆😆😆
    Un posto ben visibile perchè sono stanca di leggere che è festa satanica 😆
    Bacio fanciullo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assurdo quel che si dice su Halloween...
      Poveri bambini figli di integralisti cattolici... che non possono divertirsi con gli altri :o

      Moz-

      Elimina
  29. Tesoro bello, dove lo mettiamo questo post??? 😊😊😊😊😊😆😆😆😆😆
    Un posto ben visibile perchè sono stanca di leggere che è festa satanica 😆
    Bacio fanciullo!

    RispondiElimina
  30. Ritorno, dopo lunga latitanza, nei vari blog... non posso non commentare! ;)
    Poco distante da casa mia, a Corinaldo, si organizza da 20 anni a questa parte, una manifestazione che è tutta incentrata su Halloween... migliaia di persone! Ci sono stata negli anni scorsi, adesso un po' ha perso... preferisco un'altra manifestazione simile che si tiene in un paese più vicino al mio!
    comunque sia, io non vedo l'ora che sia questo periodo per mangiare... gli amaretti e le fave dei morti!! Sono fantastici!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti, ogni data -ogni scusa- per me è buona per festeggiare. Farei pure le feste giudee pur di far baldoria (senza che mi si tagli il pisello :p)
      Buon Halloweeeeeeen!^^

      Moz-

      Elimina