[affetti personali] Tutti gli incubi di Dylan Dog


Oggi l'Indagatore dell'Incubo compie trent'anni.
Questo è il mio "affetto personale" che mi lega a lui.
Se oggi leggo ancora Dyd, è per via del libro che vedete qui sopra.

Mia madre era abbonata all'Euroclub, quindi ogni tanto a casa arrivavano infornate di libri vari.
Tra questi, un giorno spunta fuori Tutti gli incubi di Dylan Dog.
Ci volle un attimo per farmi incuriosire da questo fumetto con scene horror-splatter, ci volle solo un altro attimo per farlo riporre lontano da me, in un armadio.

Erano i primissimi anni '90, Dylan Dog stava facendo parlare di sé e questo libro raccoglieva cinque delle sue prime cinquanta avventure.
L'alba dei morti viventi, primo mitico albo; Memorie dall'invisibile, la diciannovesima avventura (per me ancora oggi la storia più bella mai scritta); Jekyll!, uscita n.33; l'ironico e satanico Golconda! e infine il gioiello Inferni.

Inutile dirvi che, da bambino, mi divertivo solo a guardare le scene di violenza horror, come quelle perpetrate dall'uomo con la bombetta in Golconda! o quelle con protagonista l'assassino seriale di Memorie dall'invisibile.
La prima storia non me la sono mai cagata più di tanto, nonostante l'inizio folgorante con Sybil inseguita dal marito, casa oscura e forbicine annesse. Gli zombie mi han sempre fatto abbastanza schifo.

In sostanza, trovo davvero che questo libro contenga il meglio di Dylan Dog. Il meglio possibile, e non sono tra i nostalgici che "dopo il n. 100 è scaduto", assolutamente.

Piccola curiosità: questo libro, non so perché, è ancora sempre riposto in quell'armadio, dopo tanti anni... Forse è lì che devono stare le cose preziose.

Se vuoi leggere altri miei affetti personali, clicca su

Sega Game Gear
Il mio tesserino dell'autobus
Il mio fazzolettone scout
Le mie tazze da latte
Maxi Manuale delle Giovani Marmotte
Il Moschetto, giornale cittadino
Il mio Zippo Slim

33 commenti:

  1. Da accanita lettrice di Dylan Dog non posso non conoscere questa raccolta! Che purtroppo a differenza tua non posseggo, ma l'ho letta comunque decine di volte perché si trova nella biblioteca di paese!
    L'Alba dei morti viventi è invece la mia preferita di questa raccolta...de gustibus ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulia!
      Eheh, quindi sei una zombofila... a differenza mia :)
      Grande la tua biblioteca di paese... Dyd comanda!

      Moz-

      Elimina
  2. Sono un ex lettore di Dylan Dog, delle storie di questo libro conosco tutto tranne "Inferni" perché non l'ho mai letto.
    "Memorie dall'invisibile" è effettivamente un capolavoro, credo tra i miei 5 albi di Dylan Dog preferiti; molto bello anche "Jekyll!", uno dei primi albi della serie che ho letto (indimenticabile il riflesso nella lama in una sequenza!), e degno di nota anche "Golconda!", con Amber Cat che avrei messo come partner fissa di Dylan in un eventuale "nuova serie".
    Anche a me il n° 1 non ha mai convinto granché, come del resto tutto il filone di Xabaras, Morgana, ecc...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inferni è una storia seminale, perché poi in quel mondo Dyd ci tornerà diverse volte.
      Inoltre, non so se sono io ad avercelo visto, ma per me contiene una citazione dal film Mondo Cane n.2 di Jacopetti e Prosperi.
      Di Jekyll! mi piace l'inquadratura con visuale dagli occhi dell'uccello^^

      P.s. anche a me la storia di Dyd, Xabaras e Morgana ha sempre fatto cagare :p

      Moz-

      Elimina
    2. Sì, notevole anche la soggettiva del corvo! Sclavi e Roi proprio esaltati in quel periodo!
      Per quanto mi riguarda la "colpa" del non piacermi tutta la saga di Xabaras è insita anche nei disegni di Stano, che non mi ha mai entusiasmato, anche se come copertinista ha dato un po' di dinamismo alle copertine rispetto alle figure in posa di Villa, che invece su Tex si è migliorato molto!

      Elimina
    3. Vero, Villa è più classico e "texano" mentre Stano più dinamico, nelle cover.
      A me proprio non piace la storia di Dyd, Morgana e Xabaras...

      Moz-

      Elimina
    4. Non a caso Sclavi stesso era inizialmente restio a raccontarla esplicitamente, avrebbe preferito mantenersi sul vago, lasciando i lettori per sempre nel dubbio circa le sue origini... Purtroppo gli effetti di tale forzatura sono emersi attraverso un risultato che AMMP è al di sotto di molte altre storie.

      Elimina
    5. Purtroppo quando espliciti un sogno, perde quasi tutta la sua magia...

      Moz-

      Elimina
  3. Ho anch'io quel volume, e ne ho anche un altro che credo sia viola.. forse è "tutti i mostri"..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, esiste anche Tutti i mostri di Dylan Dog :)

      Moz-

      Elimina
  4. Oscar Mondadori ha dedicato vari volumi a Dylan Dog, anche se la parola "Tutti..." è alquanto falsa, visto che di incubi, mostri, donne, ecc... lui ne ha incontrati ben più dei 5 o 6 presenti in ciascun volume.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh sì, titoli altisonanti per rendere cool il nome :)
      Intanto, Sclavi sta scrivendo delle storie di Dyd... novità del giorno.

      Moz-

      Elimina
    2. Il problema non è che Sclavi stia scrivendo Dylan Dog, ma che stiano continuando a farlo anche alte autori, Recchioni in primis!

      Elimina
    3. Ahaha, questa è cattiva :)

      Moz-

      Elimina
  5. Solo 30 anni?
    Ah già... ho fatto l'edicolante dal 1991 al 1995.
    Avevo un cliente che mi diceva sempre di tenergli Dylan e Mister No e Zagor; io ridendo gli dissi che mi sarei ricordata solo se me li lasciava leggere, mi rispose che se non gli sgualcivo troppo le pagine potevo farlo.
    Io scherzavo, ma ogni tanto qualche numero lo leggevo, sfogliandoli con molta delicatezza. (Me li faceva tenere perché passava in zona solo una volta a settimana e temeva di non trovarli, quindi avevo tempo... prima che passasse. :-D)
    Dylan non mi ha mai entusiasmato troppo, ma niente male.

    Mister No e Zagor? Altra storia. ^_^

    Ops.
    Chiedo venia, buon trentennale DD.



    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, eri edicolante! E in anni in cui uscivano fumetti e riviste fighissime!! :)

      Moz-

      Elimina
    2. In realtà era l'edicola di mio fratello, io appena ho trovato lavoro altrove mi ci sono fiondata.
      (marcava male e il negozio, alimentari con annessa edicola, avrebbe chiuso nel 1995 e io dal 1994 ero a impilare rocche di filato in un lanificio, che ha chiuso i battenti qualche anno fa... dopo quasi 17 anni mi sono trovata a spasso di nuovo. Ora faccio un altro mestiere ancora, magari prima o poi dico pure quale.
      Spero mi duri fino alla pensione, quei 25 annetti che ancora mi mancano. Anno più anno meno. ^_^)

      Elimina
    3. A chi lo dici, io in pensione non ci andrò mai :)
      Però in edicola mi piacerebbe lavorarci^^

      Moz-

      Elimina
  6. Sono cresciuto con lui, e dopo un po' che non lo leggevo, sono ritornato a rileggerlo con piacere (mi piace la nuova serie. Mi piace che anche un altro blogger della mia cerchia abbia ricordato il trentennale ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del nuovo corso mi incuriosisce la storia di base che spero sia ancora più centrale (parlo del nuovo nemico).
      Ma è vero che i primi albi erano proprio un'altra cosa, erano "pieni", densi, come se fosse servito un anno (o più) di lavoro per scriverlo.

      Moz-

      Elimina
    2. All'inizio c'è anche tutto l'entusiasmo dell'autore, che finalmente concretizza le idee accumulate nel tempo, e ottiene riscontri dal pubblico.
      Se vedi, Dylan Dog aveva dei periodi che infilava una storia buona/ottima dopo l'altra, per vari mesi di fila, con tanto di speciale nel mezzo!
      Ora invece è tutta una rincorsa al successivo albo a colori, per celebrare chissà che... Intanto un tipo come Killex oggi e una storia come Johnny Freak domani, da qualche anno i lettori se le sognano.

      Elimina
    3. E' vero, sarà per quello.
      Le prime cinquanta storie sono tutte dei capolavori, chi più chi meno ma tutte capolavori.

      Moz-

      Elimina
    4. Io le perle le ho trovate anche più in là: "Tre per zero", "Ghost Hotel", "Finché morte non vi separi", "Apocalisse"...

      Elimina
    5. Sì, sì, ovvio. A me, ai tempi, piacque un sacco La strada verso il nulla by Lucarelli! :)

      Moz-

      Elimina
  7. Sai che io non ho mai letto un Dylan Dog?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe piacerti, sai?

      Moz-

      Elimina
    2. Dovrei averli a portata di mano, allora sì. Ma sono un Bonelliano legato troppo a Tex

      Elimina
    3. Eheh, sei un tipo classico^^

      Moz-

      Elimina
  8. Non sono un'amante di Dylan Dog, ma il volumone mostrato lo leggerei volentieri (se ci fosse occasione)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuro lo hanno ristampato mille volte, ci scommetto :)

      Moz-

      Elimina
  9. Miki che culo! Un libro così importante arrivato per caso a casa tua. Bel post, ma bello soprattutto leggere lo scambio di commenti tra te e Gas.

    RispondiElimina