[SIGLE TV] Una spada per Lady Oscar: la prima versione cantata da Enzo Draghi


Oggi torniamo ad occuparci di
sigle televisive, dopo il mistero del cantante di Lamù e quello della strana versione di Ryu attribuita ai Litfiba.
Ma stavolta nessun mistero, quanto più una curiosità.

Tutti conoscete la sigla Una spada per Lady Oscar, realizzata dalla Mediaset per la trasmissione del capolavoro animato dal periodo degli anni '80 in poi.
Questa sigla, utilizzata ancora oggi, è uno dei cavalli di battaglia di Cristina D'Avena e andò a sostituire la prima sigla italiana, cantata da I Cavalieri del Re.

Ma ne esiste un'altra versione che in pochi hanno sentito...

Innanzitutto c'è da dire che Una spada per Lady Oscar, pur spazzando via la cultissima e gorgheggiante storica sigla anni '80, restituisce all'opera un'aura di malinconica e drammatica serietà, che purtroppo non traspariva affatto nel testo interpretato da I Cavalieri del Re.

Per la trasmissione dal 1990, la Mediaset confezionò questa nuova sigla.
Che, per solo una trasmissione, fu interpretata da Vincenzo Draghi (firmatosi Gli amici di Oscar).
Già dalla replica successiva del 1991 -e fino a oggi- Draghi viene sostituito dalla D'Avena, forse perché si ritenne più appropriata una voce femminile.

Fattostà che la versione cantata da Enzo Draghi è comunque davvero bella.
Buon ascolto:


Se non ricordate il finale dell'opera, scoprite
Come finisce Lady Oscar

Se ami le sigle dei cartoons, leggi e ascolta anche
Le canzoni più belle di Cristina D'Avena
Le sigle più tamarre dei cartoons
Le sigle più belle di Marco Destro
Le sigle cartoon Mediaset meno conosciute

OGGI, 30 SETTEMBRE, VI ASPETTO IN DIRETTA INSTAGRAM DALLA MIA CAMERETTA!


58 commenti:

  1. conoscevo questa sigla..e la preferivo a quella cantata da Cristina..
    certo è che la versione di Draghi divenne introvabile..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché durata solo per una trasmissione, quindi è stato possibile ascoltarla solo poco più di un mese nel 1990 e poi sparì :)

      Moz-

      Elimina
  2. Ciao Moz,grazie a te la mia scarsa cultura in cartoon stà diventando inciclopedica.Lady Oscar era tra i "cartoni" preferiti di mia figlia,nata nell"81, essendo la canzone un tributo ad una femmina, trovo più appropriata la dedica,eseguita, di un maschio.
    Ciao,fulvio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Data la confusione di genere che ha Oscar, direi che è particolare anche questo alternarsi tra un cantante maschile e una femminile XD

      Moz-

      Elimina
  3. Ciao Moz,
    Non conoscevo questa sigla,ma devo dire che Lady Oscar non mi ha mai entusiasmata come anime. Dovrei provare a riguardarlo.
    Grazie per tutte le informazioni che dai :)

    Una buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego, e buona giornata anche a te!^^
      A me Lady Oscar piace tantissimo, ha una regia e musiche che ancora oggi i cartoon si sognano^^

      Moz-

      Elimina
  4. La ricordo bene...un crescendo di pathos...peccato che le sigle le tagliavano sempre a metà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Specie oggi, sempre più corte per far spazio agli spot :)

      Moz-

      Elimina
  5. Non conoscevo questa versione. Cartone e sigla indimenticabili.
    Buon sabato.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, un capolavoro dell'animazione.
      Grazie e buon sabato anche a te! :)

      Moz-

      Elimina
  6. Fa un po' Dario Baldan Bembo... 😃 ma ci poteva stare! Mai digerito il monopolio di Cristina D'Avena a Mediaset, come quello di Arianna per le sigle disneyane in Rai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando hanno provato a sostituire Cristina, però si è sentita la differenza e la sua mancanza... :)

      Moz-

      Elimina
  7. Parliamo comunque di un anime che nasce come Shojo mi pare, quindi trovo la canzone de I Cavalieri Del Re molto appropriata ed elegante della pur ascoltabile sigla di Cristina D'avena.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la canzone era elegante ma il testo e la musica non c'entravano niente, secondo me, con una storia così drammatica.
      "Tutti fanno festa quando passi tuuuu" (ma quando mai XD)
      Pure la musica secondo me era poco consona alla vicenda...
      Mentre la sigla mediasettiana sia nel testo che nella musica restituisce il giusto pathos all'opera.

      Una bella sigla de I Cavalieri del Re (consona davvero, ed elegante) è Caro Fratello (roba dei primissimi anni 2000)

      Moz-

      Elimina
    2. Dovremmo fare un dibattito sulle canzoni dei cavalieri del re :D

      Doverosa promessa: le sigle dei suddetti erano soprattutto su cartoni anni '70, quindi non ne conosco tantissime.

      Le mie preferite, oltre alla mitica Uomo Tigre, sono quelle di Yattaman e i Predatori del tempo: secondo me semplicemente perfette e ben si adattavano al tono scanzonato delle serie.

      Elimina
    3. Ma sai come funzionavano le cose all'epoca.
      I Cavalieri non avevano nessuna colpa. Gli veniva commissionata la sigla e spesso avevano solo informazioni parziali sulla serie.

      Elimina
    4. Pirk, purtroppo succedeva anche nei modernissimi 2000 a Mediaset: la sigla di Rossana racconta praticamente quello che succede nei primi 4 episodi XD

      Riccardo: sì, alcune sono davvero perfette, per non parlare diquelle dei Rocking Horse e via dicendo.
      Ma ne faremo un post apposito^^

      Moz-

      Elimina
  8. C'è qualcuno che non ha mai guardato Lady Oscar?

    Sì, io :D.

    Detto questo, la sigla di Cristina d'Avena mi piaceva: ancor di più cantata dal mitico Draghi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero non lo hai mai guardato?
      Giuro, è bellissimo^^

      Moz-

      Elimina
    2. Mi inserisco qui con il mio commento :)

      @ Riccardo: come è possibile che tu non abbia mai visto Lady Oscar??? Non si può!!!
      Io se la trasmettono la guardo anche oggi quando posso...giuro! :)
      Dai Riccardo, devi colmare questa lacuna!!

      @Miki: non conoscevo la versione di Draghi, ma preferisco quella della D'Avena...forse perché ci sono abituata!

      Elimina
    3. Sì, Maris, forse la versione di Cristina, al di là dell'abitudine, è anche più completa nel canto...^^

      Moz-

      Elimina
  9. Stupenda senza dubbio la versione dei Cavalieri del Re, che peraltro avevano scritto e cantato altre canzoni che componevano la soundtrack italiana dell'anime (io adoro "Alle porte della Rivoluzione", c'è su youtube se non la conosci), ma la versione di Draghi era unica!
    Poi Draghi... il mio Draghi di Yorodern Temple (I 5 samurai, in italiano), che emozione!
    Un abbraccio :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, Draghi grandissimo interprete! :)
      Ecco, Alle porte della rivoluzione era molto più consona alla vicenda per quanto non sia una vera "sigla".

      Moz-

      Elimina
  10. Credo di averla già sentita in ogni caso, ma preferisco quella di Cristina ;)
    Comunque il cambio di sigla (e voce) insospettisce, forse non avevano ancora capito se Lady Oscar fosse uomo o donna :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, beh non averlo capito dopo dieci anni di trasmissione era grave! Però questo cambio vocale è consono alla vicenda di Oscar XD

      Moz-

      Elimina
  11. Per me è La Sigla
    Però però, a risentirla oggi, non c'è affetto e nostalgia che tenga: è oggettivamente imbarazzante!

    Ma l'amore non conosce imbarazzo no?!? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, trovo sinceramente molto più imbarazzante quella de I Cavalieri del Re, che anche a cantarla sembra ridicola XD
      Questa conserva ancora tutto il pathos necessario...

      Moz-

      Elimina
    2. Concordo con l'inaffrontabilitá della sigla dei cavalieri del re
      (A parte il timbro...avrà avuto le anedoidi la sciura del re???).

      Diciamo così, che per me niente e nessuno saranno mai all'altezza di Lady Oscar???

      :-D

      Elimina
    3. Eheh, forse dai la sigla originale "Le rose appassiscono in bellezza", quella è bellissima per forza :)

      Moz-

      Elimina
    4. Quella è da commozione!
      Per la serie "siamo tutti cresciuti a pane ed alga nori" e cantiamo uh se cantiamo, uh se cantiamo, in giapponese.

      Elimina
    5. Quella è da commozione!
      Per la serie "siamo tutti cresciuti a pane ed alga nori" e cantiamo uh se cantiamo, uh se cantiamo, in giapponese.

      Elimina
    6. Ahaha sììì: barauà barauà, uzzucuscicu cirù (ciruzzo!)

      Moz-

      Elimina
  12. Concordo la sigla "storica" è rimasta nel cuore a molti, ma faceva a pugni con la vicenda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo.
      Certo, la sigla più bella è Le rose appassiscono in bellezza, ossia l'originale **

      Moz-

      Elimina
  13. Mai sentita la versione di Draghi, davvero bella! In ogni caso questa è la sigla di Lady Oscar che più mi piace tra tutte, la cantavo a squarciagola da piccolina, che ricordi ^^ grazie per le tue "chicche" come sempre Moz :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te Lola, per me è un piacere rivivere queste emozioni con voi :D

      Moz-

      Elimina
  14. Ecco Lady Oscar lo guardavo e mi piaceva, questo lo ricordo. Ricordo pure che adoravo i capelli di Maria Antonietta. E poi dicono che gay non si nasce XD
    Comunque questa sigla mi piace più cantata dall'inossidabile Cristina D'Avena, soprattutto perché i cori della base sono fin troppo femminile (mi sembra proprio Cristina o sbaglio?) rispetto alla voce del Draghi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha! Perché, è da gay amare i boccoli a cannolo siciliano? XD
      I cori non so, prima si appoggiavano addirittura al coro dell'Antoniano e non so so qui erano già finiti al coro milanese...

      Moz-

      Elimina
  15. Conosco il brano credo, ma non la vedevo PS: scusa l'off topic ma in relazione al tema da te proposto sul mio blog (grazie anzi per la tua partecipazione) ti rimando volentieri a questo post:http://agoradelrockpoeta.blogspot.it/search?q=indovina+indovinello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la segnalazione, arrivo^^

      Moz-

      Elimina
  16. Non conoscevo questa versione... da te si impara sempre qualcosa! 😊
    Per me Lady Oscar è un capolavoro... tutto è fatto bene in quel cartone... le musiche, i disegni, i dialoghi, i riferimenti storici, le caratteristiche di ogni personaggio... senza contare che la storia è bella e affascinante!
    Oggi non li fanno più cartoni animati così! 😥
    Buona domenica! 😘😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo.
      Secondo me è un'opera che resta insuperata.
      Posso darti un consiglio? Prova a guardare sia Caro Fratello (sempre tratto da un fumetto dell'autrice di Oscar) sia La rivoluzione di Utena (un'opera sperimentale molto particolare, che ha più di un riferimento alla nostra spadaccina).
      Sono due serie composte da una quarantina di episodi.

      Grazie e buona domenica anche a te :)

      Moz-

      Elimina
  17. Grande Enzo! Non la conoscevo.
    Rimarrò però sempre affezionato a quella dei Cavalieri, per me l'originale. È quella che come per La Stella Della Senna (più famosa per l'errore del 4/14 luglio) mi mette un brivido ascoltandola, anche se la sento cantare da qualcuno a cappella. Però solitamente sono io quello che canta, lo strano che guardano male pensando "ma cresci!" 😝

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah!
      Ma fai anche i gorgheggi barocchi tipici del quartetto? XD

      Moz-

      Elimina
    2. Stanno passando ora il cartone su Italia 2 e mi è venuti in mente questo articolo (dopo che Forza Campioni mi ha portato su Gioco Magazzino)... ti volevo solo dire che qua c'è la sigla originale, tie', prrrrr!!! Ahahah si scherza, ti voglio bene anche se raramente non la pensiamo uguale!

      Elimina
    3. Di solito per l'attuale trasmissione di Lady Oscar fanno così: sigla antica come opening e sigla anni '90 come ending. Su immagini dell'originale patchwork d'apertura giapponese.
      Direi che è un ottimo compromesso^^

      Moz-

      Elimina
    4. Me ne sono accorto quando è finito.
      Sì, ottimo compromesso!

      Elimina
    5. Così accontentano tutti ma soprattutto, dopo il triste finale, non ci si sorbisce l'ending con quei gorgheggi fuoriluogo XD

      Moz-

      Elimina
  18. Miki adoro la versione che ho imparato a memoria e credo sia molto più adatta alla storia raccontata...basta semplicemente l'inizio per capire ciò..."Grande festa alla corte di Francia, c'è nel regno una bimba in più...".
    L'hai letta cantando, dimmi la verità...eheheeheheh...
    Abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah sì, ovviamente la leggo cantando, la conosco anche io a memoria! XD
      Vero, l'inizio parte bene (sebbene musicalmente sembra più adatta a una storia molto meno dura) ma poi il resto delle strofe pare raccontare una storiella per bambini, cosa che Oscar non è...

      Moz-

      Elimina
  19. Ma lo sai che mi piace più questa versione di Enzo Draghi. Mi stona solo il classico coro dei bambini (erano l'antoniano?).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se già utilizzavano il coro milanese o se ancora si affidavano a Bologna...

      Moz-

      Elimina
  20. Risposte
    1. Argh! Spero intendi l'originale giapponese XD

      Moz-

      Elimina
    2. Spetta .... perchè mi sono persa alcune versioni e ho dovuto andare a risentirmele... no, no, quella dei Cavalieri del Re ... che è una cosa da mettere i brividi da quanto è orrida, ma è quella che c'era quando io guardavo il cartone animato.

      Elimina
    3. Beh allora non so che dirti, perché le sigle sono queste tre... :O

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!