[DUCKTALES] intervista al disegnatore Gianfranco Florio


DuckTales sta per arrivare anche in Italia.
Sia a fumetti (da mercoledì su Topolino) sia con la nuova serie animata, remake-reboot del cult anni '80, che sarà in onda da domenica 26 su Disney Channel.
Ho fatto una bella chiacchierata con Gianfranco Florio, disegnatore delle scuderie Disney, che la Casa del Topo ha voluto proprio per i fumetti di DuckTales!
MIKI - Ciao Gianfranco, benvenuto sul Moz O'Clock! Iniziamo dalle presentazioni generali: chi sei? Di cosa ti occupi? Qual è stato il tuo percorso artistico?
GIANFRANCO - Ciao Miki, ciao a tutti. Dunque, sono nato a Bari trentacinque anni fa. Ho frequentato il liceo artistico di quella città, e poi una scuola di fumetto a Lecce, la Grafite (ex Lupiae Comics), un importante polo pugliese. Lì ho conosciuto un ragazzo che lavora in Disney e dopo il bienno in questa scuola sono andato da lui a fare un vero e proprio apprendistato.

MIKI - Come sei arrivato alla Disney? Di cosa ti sei occupato lì e di cosa ti occuperai?
GIANFRANCO - Nel 2004/05 ho presentato il mio portfolio all'Accademia Disney, la quale riceve degli "imput" dalla casa stessa: qualora occorressero artisti per determinate testate, l'Accademia forma e fornisce tali figure.
Io fui selezionato e preso, assieme ad altri, come disegnatore per Topolino, vista la necessità di aumento degli artisti per quel settimanale.
Finito il corso a Milano, ho lavorato su varie altre testate. Sono partito con Cip & Ciop Magazine, poi Cars Magazine, Toy Story e la rivista D-You. Ho realizzato anche le matite per le graphic novel di Cars 2, Planes e Planes 2. Inoltre, sempre per Disney, tengo dei laboratori didattici per le scuole.
L'ultima fatica che mi vede impegnato è l'adattamento a fumetti della nuova serie DuckTales.

MIKI - Siamo arrivati al punto: DuckTales. Serie a fumetti americana ma fatta disegnare in Italia. Cosa provi nel lavorare sull'atteso remake di un cult?
GIANFRANCO - Lo staff della serie a fumetti -ad esclusione degli sceneggiatori che sono americani e sono legati alla serie tv- è tutto italiano, dai disegnatori, agli inchiostratori fino ai coloristi.
Cosa provo nel lavorare per DuckTales? Enorme piacere, perché oltre a essere da sempre fan della serie storica (ho tutti i dvd!), per me è una sfida eccitante: cavolo, ho modo di confrontarmi con un brand a cui sono legatissimo!

MIKI - Come giudichi lo stile della nuova serie DuckTales, così diverso dal classico canone disneyano? Secondo te piacerà anche in Italia?
GIANFRANCO - Lo considero azzeccatissimo, soprattutto molto funzionale. Vero: a un primo sguardo può sembrare una roba molto moderna, che può strizzare l'occhio alle produzioni più attuali. In realtà, lavorandoci sopra e avendo avuto sottomano il materiale ufficiale, si percepisce che ha dentro di sé molta tradizione: tra i riferimenti infatti, ci sono le storie di Carl Barks e lo stile di Milt Kahl, uno dei 9 Old Men, i nove animatori più amati della Disney. Lo stile "squadrato" si rifà proprio a quello dei corti di Pico De Paperis; quindi è vero che c'è una rilettura moderna, ma anche gli appassionati del classico Disney potranno rimanere soddisfatti.


MIKI - Puoi dirci qualcosa in più sulle storie a fumetti? Si intersecano alla serie tv?
GIANFRANCO - La serie non parlerà delle puntate che stanno andando in onda in America (e dal 26 anche in Italia), ma avrà delle storie inedite e parallele. Gli appassionati vedranno in tv alcune avventure, e poi situazioni parallele (a volte similari) da poter leggere nei fumetti, sempre coi protagonisti della banda dei paperi.
Le avventure sono distinte, sono a sé, libere dalle storie raccontate negli episodi tv. Anche per creare nuovo appeal al di là della televisione.

MIKI - Dobbiamo aspettarci sorprese, nei fumetti di DuckTales? Appariranno personaggi diversi da quelli che vedremo in tv?
GIANFRANCO - Sorprese? Sì, ma non riguardano i personaggi principali della storia, che resteranno sempre i medesimi. I personaggi "nuovi" saranno quelli secondari: se ad esempio nell'episodio vedremo un cattivo, nella storia a fumetti parallela ve ne sarà un altro.

MIKI - Siamo pronti a leggere DuckTales anche in Italia: ma oltre agli episodi su rivista, sono previste raccolte?
GIANFRANCO - Su Topolino di questa settimana ci sarà la prima storia a fumetti di DuckTales, che farà un po' anche da anteprima alla prima puntata che vedremo in televisione.
Non saprei dirti con esattezza, ma probabilmente ci saranno poi dei volumi con la raccolta di tutte le storie. Per i mega-appassionati che non possono attendere, la IDW pubblica ogni mese un volumetto con due storie inedite, ma in lingua inglese.

MIKI - Ti occupi anche di Paperinik: notizie dal suo mondo?
GIANFRANCO - Come ben saprai, ogni mese è in edicola una testata dedicata a Paperinik contenente una storia inedita e altre avventure selezionate tra quelle già edite. Per quel che mi riguarda posso dirti che tra un po' uscirà un numero di Paperinik con una storia disegnata da me, e sono già al lavoro su altre tavole per lo stesso personaggio, che però sono destinate al settimanale Topolino.
Non posso far altro che ringraziare Gianfranco per la sua enorme disponibilità; vi invito dunque a scoprire i fumetti della serie DuckTales a cui l'artista sta lavorando!
Sarà una settimana paperosa!

49 commenti:

  1. Che bella intervista e quante cose che ho imparato. Buona settimana.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho avuto modo di scoprire diverse cose, come la storia di Milt Calh! :)

      Moz-

      Elimina
  2. Sei tornato con una chicca, complimenti Miki :).

    Intervista interessante che mette in risalto ancora una volta quanto sia dura la gavetta anche per chi lavora nel settore 'comics' e nella fattispecie nel mondo Disney. Infatti mi dispiace sempre quando un giovane disegnatore (non è il caso di Florio, parlo in generale) fa l'esordio sul Topo e viene massacrato dai commentatori. Trent'anni fa non si giudicava con la logica de 'il nuovo è sempre incapace e brutto'.

    Venendo ai Ducktales, oggi ho letto un interessante articolo sul quotidiano "la stampa".

    Si parla della natura della serie, in cui i personaggi hanno una crescita psicologica perché "negli anni '80-'90 le serie ripetevano sempre lo stesso canovaccio negli episodi e i personaggi erano sempre gli stessi, mentre oggi - con i ragazzi che guardano anche 7-8 puntate di fila - c'è bisogno di offrire nuovi spunti ad ogni episodio".

    Curioso di vedere il primo fumetto Ducktales sulle pagine di Topolino. Negli anni '90 venivano pubblicate (rarissime) storie brevi tratte dalla serie Ducktales.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il Topolino degli anni '80-'90 ogni tanto ci regalava storie tratte dai Wuzzles o Winnie the Pooh (anzi, Winni Puh).
      Vero, la gavetta è tanta ma a me pare che Florio abbia un tratto disneyano doc, ottimo anche sulla nuova serie DuckTales^^

      Moz-

      Elimina
    2. Anche di Ducktales :).

      Penso 2-3 al massimo, esclusa la trasposizione del mitico "Zio Paperone alla ricerca della lampada perduta".

      In una di esse c'era anche ROBOPAP *_*

      Elimina
    3. Sì, DuckTales non l'ho detto perché lo avevi detto tu :)
      Ma la storia con Robopap non la ricordo... :o

      Moz-

      Elimina
    4. Sacrilegio! Robopap non si tocca! XD

      Elimina
    5. Non penso lo abbiano rovinato, all'epoca. Oggi è diventato messicano 😂

      Moz-

      Elimina
    6. Vero, non sai quanto mi gasai nel rivederlo pure in Darquindàc! :D

      Moz-

      Elimina
  3. Complimentoni al buon Gianfranco per averci dato abbastanza spunti su cui riflettere, oltreché modo di apprezzare il suo lavoro raccontandocene quel tanto che basta da instillare la voglia di andarlo a valutare dal vivo.
    Sono da sempre stata anche io un'amante della serie Duck Tales, come credo tutti i miei coetanei. Crescendo con i paperi non si può che affezionarcisi.
    Che dire, grazie al Moz che condivide queste belle interviste e in bocca al lupo per una fiorente carriera a Gianfranco! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, io non vedo l'ora che sia mercoledì per leggere la prima storia a fumetti (bella pensata quella di pubblicarla PRIMA del primo episodio tv, visto che è quasi un prequel)!
      Ma infatti... ne riparliamo mercoledì, no? XD

      Moz-

      Elimina
  4. Ciao Miki, bentornato! 😘
    Ultimamente mi sono presa una "pausa" da Topolino ma credo da mercoledì ricomincerò a comprarlo!
    Quando ero piccola aspettavo con ansia "Domenica Disney" per vedere DuckTales che è sempre stato uno dei miei cartoni animati preferiti!
    Non vedo l'ora di leggere e di vedere le nuove storie per apprezzare l'evoluzioni dei personaggi!
    Complimenti a Florio per essere stato scelto per questa "avventura" e complimenti a te per questa interessante intervista!
    Un abbraccio e buona settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Benedetta! :)
      Io per ora lo compro saltuariamente, ma sicuro dopodomani sarò in prima fila!
      Anche io voglio appassionarmi a questa nuova serie, che promette maggiore continuity e crescita dei protagonisti^^

      Moz-

      Elimina
    2. Ma questa velocità nelle risposte significa che sei tornato!? 😊

      Elimina
    3. Sììììì! Sperando vada tutto bene, sono tornato :)

      Moz-

      Elimina
  5. Complimenti, che colpo! Ottima intervista, bravo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, thanks!
      Gianfranco disponibilissimo, davvero! :)

      Moz-

      Elimina
  6. Lo sai già che non mi serve un nickname - ma sono vegananordcoreana inside20 nov 2017, 10:17:00

    Innanzitutto complimenti per l'intervista. Molto interessante il tutto, soprattutto la parte dei riferimenti stilistici. Tuttavia...dentro di me c'è una VEGANA NORDCOREANA che ha guardato alcuni episodi della serie e ne è rimasta a dir poco delusa...quello non è Ducktales, è una versione fighetta di Ducktales. A parte per lo stile grafico, non ho molta speranza per i fumetti a livello di storie, anche se questi di sicuro li leggerò (preferisco leggere che mangiarmi 20 minuti e a ogni nanosecondo controllare il timer -_- dalla noia).
    Cosa dire quindi? Sono sicura che Florio farà un ottimo lavoro, però questo nuovo Ducktales non fa per me...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anche a me ha stupito vedere citati i corti di Pico, comunque uno stile spigoloso che io adoro (davvero, sempre amato, anche quello italiano di Giovan Battista Carpi: amore totale).

      Sui fumetti, mercoledì dirò la mia, mentre la serie per ora l'ho lasciata, in attesa della versione italiana che voglio godermi. Ma non mi stava dispiacendo^^

      Moz-

      Elimina
    2. Lo sai già chi sono20 nov 2017, 12:55:00

      Io i corti vecchi di Pico (mi dimentico che lui e Paperoga paperyoga paperdroga se li siano inventati gli americaniBAU)non credo di averli mai visti, ma conosco quelli dei Mickey Mousework e della House of Mouse, uno spasso :D
      Io i fumetti pure li voglio leggere, ma chissà se i miei me lo comprano il topo in Italia...in Sfizzeranonovi non l'ho ancora beccato...
      Non mi stava dispiacendo...CONFESSA...la serie vecchia è molto meglio. Quella nuova ti piace, ma non cosi' tanto.
      >:D

      Elimina
    3. Non ho visto che due episodi, non posso dirlo.
      La serie vecchia la amo, ma questa ha tutte le carte in regola per piacermi almeno allo stesso modo! :)

      Basta chiamare i tuoi e dire: mi prendete Topolino mercoledì? XD

      Moz-

      Elimina
    4. Lo sai già chi sono20 nov 2017, 13:39:00

      Solo il pilot, ah, ok
      A me quella vecchia sembra un prodotto riconoscibile, quella nuova una scopiazzatura di cartoni fighetti si' ma molto piu' pungenti e riusciti
      LOL è che non glielo ricordo mai...me lo prendono a sorpresa ahahahahahahahahahahahahaha

      Elimina
    5. Non ho capito l'ultima frase! :o
      Cooomunque, per me sono riconoscibili entrambe :)

      Moz-

      Elimina
    6. Lo sai già chi sono20 nov 2017, 15:33:00

      Me lo regalano a sorpresa ogni tanto xD
      Ahah? Dici davvero? Guarda che diventerai anche tu veganordcoreanovizzero inside e cambierai idea.
      Giusto il tempo di qualche episodio ;P
      hihihihi

      Elimina
    7. Naaah, perché mi piace già molto! 💪

      Moz-

      Elimina
    8. Lo sai già chi sono20 nov 2017, 17:00:00

      Mai dire mai
      Alcune serie tv poi si sgonfiano dopo un po' ...altre addirttura subito ;)
      In ogni caso se facessi le recensioni episodio per episodio sarei felice di leggerle....

      Elimina
    9. Sicuramente, ma non ci parto prevenuto, anzi forse il contrario: sono carico di entusiasmo!
      Le recensioni le farò, però credo non episodio per episodio, ma più a gruppi, forse mensili... vediamo un po' :)

      Moz-

      Elimina
  7. Complimenti per lo scoop, Miki!
    Avevo pensato a qualcosa del genere anch'io, ma mi manca sempre volontà/tempo/agganci per porre domande xD

    Gli potevi estorcere qualcosa su Della, tanto ormai TUTTI sanno già!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, io ho avuto un aggancio inaspettato ma il tutto comunque è grazie a mr. Florio, disponibilissimo e alla mano! :)
      Su Della? Magari in una prossima intervista... tanto per DuckTales siamo SOLO ALL'INIZIO :D

      Moz-

      Elimina
  8. Non è il mio target, ma bello intervista mon ami. ;-)

    RispondiElimina
  9. Ho visto la prima puntata con i sottotitoli, ora non vedo l'ora di rivederla quella e tutte le altre in tv, perché è davvero eccezionale e mi piace tanto ;)
    Comunque interessante questa intervista, e bravissimo tu a farla, anche perché ho molta ammirazione per i disegnatori di Topolino :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, anche io voglio godermelo in televisione :)
      Grazie mille, Piter! :)

      Moz-

      Elimina
  10. Una bella intervista, in Italia ci sono ottimi fumettisti e disegnatori.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  11. Bellissima intervista! L'Accademia Disney continua a sfornare ottimi autori! :)

    RispondiElimina
  12. i paperi sono i miei personaggi preferiti dell'universo|disney :) anche se della serie|animata ho visto solo qualche episodio random. queste novità mi mettono curiosità, e mi è venuta anche voglia di rivedere "Zio Paperone alla ricerca della lampada perduta" XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh io ho il divvuddììììì (nonché la vhs).
      Ora aspetto davvero mercoledì per i fumetti e domenica per il primo episodio italiano^^

      Moz-

      Elimina
  13. Bella intervista, complimenti ad entrambi :D

    RispondiElimina
  14. Fantastica intervista!
    Mi dispiace per questa storia dei commentatori, che non è diversa da quella dei recensori di libri.
    Vien da chiedersi quanto il pubblico di oggi sappia apprezzare le opere e la fatica che un'artista/scrittore fa per realizzarle.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh lo so, certo è anche giusto criticare (e io capisco chi trova il design troppo moderno, o freddo, o strano -abituati al classico canone Disney) ma non bisogna mai offendere un lavoro che è costato fatica^^

      Moz-

      Elimina
  15. Nonostante per me il nuovo design di DuckTales sia pura merda, provo orgoglio nell'avere artisti italiani in questo progetto!

    Al di là delle opinioni personali, ti faccio i miei più sinceri complimenti per questa intervista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che devo dirti, grazie!
      Poi comunque questi nostri artisti non hanno colpe: sono obbligati a seguire questo standard -che a me piace, non vedi quanto somiglia a Sherby, il mio avatar? Ho precorso i tempi!- e quindi possiamo solo gioire di avere gente italiana chiamata dall'America^^

      Moz-

      Elimina
  16. Intervista interessantissima!
    Complimenti a Gianfranco Florio, tanti auguri per un carriera lunga :)

    RispondiElimina
  17. Complimenti! Un'intervista interessante per guardare ai fumetti "dal di dentro". E parecchia curiosità, anche se so che ci terrai aggiornati. Grazie Moz!
    In bocca al lupo a Gianfranco Florio per la sua "sfida".

    RispondiElimina

grazie per il tuo intervento!