[FILM] L'innocenza del diavolo, ovvero le simpatiche avventure di Frodo e Kevin


È da sempre uno dei miei film preferiti, non perché sia chissà quale capolavoro.
Lo conobbi durante un'anticipazione televisiva: ovviamente si citava la presenza dell'ex bambino prodigio di Hollywood, ossia Macaulay Culkin, che aveva appena girato il sequel di Mamma, ho perso l'aereo.
E poi, da grande, ho scoperto che questo film fu scritto -e in seguito disconosciuto- uno dei miei scrittori preferiti: Ian McEwan

Insomma, tra impressioni di bambino e gusti da adulto, L'innocenza del diavolo (in originale The good son) me lo porto dentro.
Se non lo conoscete, ve ne parlo io.

Elijah Wood (Frodo ne Il Signore degli Anelli) deve andarsene per qualche giorno a casa degli zii, lontani circa trenta stati in quell'immensa America che da casa sua porta a Manchester-by-the-sea.
Avrà modo di conoscere l'irrefrenabile Henry (Macaulay Culkin), suo cugino e suo coetaneo, e scoprire una nuova gioiosa famiglia. I due ragazzini ne combineranno di tutti i colori, in una commedia frizzante sulla scia di quelle col personaggio di Kevin (Mamma, ho perso l'aereo) facendo dannare gli adulti tra risate e simpatia.

Frodo & Kevin: la nuova commedia per tutta la famiglia
E invece no.
L'innocenza del diavolo è un thriller. Dove peraltro Culkin riesce a dare una buona prova al di là dell'arcinoto Kevin.
Mark Evans, ossia Wood, ossia Frodo da piccolo, ha perso da poco la madre ed è costretto a sostare due settimane dagli zii, che a loro volta stanno elaborando un terribile lutto.
La nuova famiglia è la tipica famiglia anni '90 americana, ma ancora si respira una situazione di malessere per la tragedia mai del tutto superata.

Il terremoto Henry travolge il cugino Mark. I due ragazzi ne combineranno di tutti i colori (già l'ho detto), ma per davvero. Si inizia con classici, piccoli danni da dodicenni, finendo a cose più gravi. Dannatamente più gravi.
C'è qualcosa di malato che si innesca -o che si era già innescato- perché la morte non è un gioco e una volta guardata in faccia non si torna indietro.

Frodo medita su come difendere l'Anello mentre Kevin inizia qui il suo periodo di sfascio

Mark e Henry: due cugini come tanti.
La forza del film, per me, è proprio nel racconto sincero e veritiero dei comportamenti che i due hanno, sia l'uno con l'altro, sia con terze persone.
Prove di forza, risate, segreti, sigarette da fumare di nascosto, magazzini dove nascondere invenzioni e piccoli tesori. Ma anche frasi e comportamenti tipici di quell'età: gelosie, l'imporsi sui fratelli minori trattandoli male, giochi pericolosi e insinuazioni bambinesche.

Tutto regolare, sono cose che chiunque ha fatto, subìto e vissuto.
Solo che ne L'innocenza del diavolo, il diavolo ci mette lo zampino. Perché parte di questi avvenimenti e sentimenti è amplificata da una lente di negatività. Puro male, il male di adulti razionali, di menti superiori e pericolose. Che fanno paura.

trivia: i tre fratelli Evans sono stati interpretati da tre fratelli Culkin (Macaulay, Quinn, Rory)

Poco a poco dunque si discende in un incubo che nemmeno vuol essere un giallo, non vuole far indovinare i colpevoli ma vedere come le vittime arrivino a comprendere con chi hanno a che fare.
Un'ora e mezza è il tempo necessario a McEwan per raccontarci una trama asciutta ed efficace.
Un'ora e mezza è il tempo necessario a Joseph Ruben per mettere in scena la storia di questa famiglia che deve fare i conti con un ospite imprevisto: la malvagità.

Non è un tema semplice da affrontare, eppure nel 1993 lo si è fatto senza problemi e senza eccessi, dicendo il giusto senza strafare, ma soprattutto entro un minutaggio che permette lo sviluppo concreto e puntuale di ogni vicenda senza dover inutilmente strabordare.
Eh, non si fanno più film così.

49 commenti:

  1. Un cassetto della mia memoria dice che l'ho visto ma non me lo ricordo affatto, a parte che vedendo Culkin mi aspettavo una commedia che poi non fu...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavo per dire una cosa del genere. Un vago ricordo di averlo visto, ma molto vago. Scusate l'intrusione :D

      Elimina
    2. Credo capiti quando si inizia a vedere un film iniziato e magari non si risale al titolo...

      Elimina
    3. Ecco, probabile, visto che fino a 10 anni fa spesso era in tv, di notte, su Rete4.

      Moz-

      Elimina
  2. Sai che non ho mai visto questo film?

    Lo vado a recuperare.

    Ricordo da bambino il trailer: mi inquietava tantissimo. Non capivo come Culkin potesse passare da una commedia top come "Mamma ho perso l'aereo" a un film così inquietante.

    Ora è tempo che chiuda il cerchio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, oggi non ti inquieterà più ma resta un bel filmettino per un'ottima serata :)
      Buona chiusura :)

      Moz-

      Elimina
  3. Non l’ho mai visto, peccato, da come ne parli mi sono persa un film interessante. Buon inizio di settimana, Miki.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Lo sai già chi sono15 gen 2018, 10:57:00

    sembra interessante, ma è troppo triste per i miei gusti...passo e chiudo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nah, perché triste? È un thriller :)

      Moz-

      Elimina
    2. Lo sai già chi sono15 gen 2018, 17:50:00

      mi fido, ma mi ha dato quest'impressione. posso comunque smentirla ;)

      Elimina
    3. Anche le scene tristi, iniziali, sono negli standard: tipiche per far partire una storia^^

      Moz-

      Elimina
  5. Non ricordo, ma credo anche di non aver mai visto..

    RispondiElimina
  6. Mi era piaciuto tantissimo. Penso che il film contemporaneo che possa andare in pari con questo è solo "E ora parliamo di Kevin" (anche il romanzo è bellissimo).
    Buon lunedì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, non lo conoscevo: grazie per la dritta :)

      Moz-

      Elimina
    2. Notare il nome "Kevin" identico al personaggio di "Mamma ho perso l'aereo"...
      Possibile strategia di marketing?

      Elimina
    3. Pure io ci ho pensato XD

      Moz-

      Elimina
  7. Ho vaghi ricordi, comunque ricordo un Macaulay Culkin che faceva davvero paura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lui è molto bravo e stronzetto. La versione stronzetta di Kevin :)

      Moz-

      Elimina
  8. Non l'ho nè mia visto, nè mai sentito nominare però sembra carino...

    RispondiElimina
  9. Credo di averlo visto, o forse mi confondo con un film di "Frodo" girato da piccolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho idea di quali altri film abbia fatto Wood da ragazzino... :o

      Moz-

      Elimina
    2. Genitori Cercasi e Amore Per Sempre con Mel Gibson post ibernato, secondo me li hai visti per forza.

      Elimina
    3. "Amore per sempre" l'ho visto, ma avevo rimosso il ruolo di Wood.

      Elimina
    4. Infatti, anche io avevo rimosso Wood! :o

      Moz-

      Elimina
  10. A parte che Ian McEwan è un autore di cui ho letto solo Il Giardino Di Cemento ( che ho adorato ) e che quindi conto di esplorare presto a fondo, devo dire che L'innocenza Del Diavolo è un film che a me è sempre piaciuto molto.
    Seguivo moltissimo all'epoca il cinema dei giovanissimi ( sono da sempre un fan dei film di formazione ) e quindi credo di aver visto tutti i film di Wood e Culkin quando erano infanti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Conobbi McEwan alla fine del liceo, paradossalmente con il suo romanzo "per bambini" L'inventore dei sogni.
      All'università ho recuperato Il giardino di cemento e Fra le lenzuola (e altri racconti), che amo.
      Poi seguirono Cani Neri e Bambini nel tempo... un grande.
      Anche io amo il cinema di formazione :)

      Moz-

      Elimina
  11. Ecco, finalmente, un film in cui potrei apprezzare "Frodo"!
    Da quello che hai scritto credo che potrebbe piacermi, e anche tanto... lo recupererò sicuramente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un film semplice, intenso.
      E cattivello, sebbene non di una cattiveria volta a shockare. Una cattiveria "semplice", tipicamente anni '90.

      Moz-

      Elimina
  12. 1) meriti un applauso per il sottotitolo!
    2) meriti un applauso perché è anche uno dei miei film preferiti, nonostante lo abbia visto solo due volte, la prima ai tempi in cui era uscito, lo aveva noleggiato mio cuGGino, e la seconda 5-6 fa quando sono riuscito a scaricarlo dopo anni in cui era introvabile (anche in TV è passato raramente e per farlo vedere a mia madre, che era rimasta affascinata dal trailer e dalla mia recensione da piccolo ragazzino cinefilo-secchione, ho dovuto aspettare circa 15 anni) ma lo ricordo quasi quanto un film che ho visto 200 volte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wè, alla grande! Mi fa piacere quando scopro che comunque titoli così sono dei guilty pleasures per diversi di noi... vedi che storie che ci son dietro?^^

      Moz-

      Elimina
  13. Non solo non l'ho mai visto, ma nemmeno lo conoscevo questo film.

    RispondiElimina
  14. Ho sempre sentito il titolo, ma non l'ho mai visto. Non sapevo nemmeno che ci stava Frodo e Kevin XD

    RispondiElimina
  15. Non ricordo di averlo visto e dalla recensione che ne fai sembra essere un buon film.chissa perché non lo danno in tv..sempre i soliti....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tv lo davano fino ai primi anni 2000, ovviamente in terza serata su Rete4.
      Forse l'argomento non è dei più semplici, nonostante sia trattato in modo non così disturbante...

      Moz-

      Elimina
  16. Mai visto... eppure la faccia di "Kevin" mi ispira, anche per il caschetto biondo che mi ricorda Shining. Gradirei vedere anche la versione che suggeriscono le tue didascalie, chissà Frodo e Kevin cosa avrebbero combinato al posto loro xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, ma guarda, per un po' in questo film ne combinano di tutti i colori, dallo spaccare i vetri sino a... no, non dico altro XD

      Moz-

      Elimina