[LISTA] le migliori giostre del luna park


Da quelle classiche a quelle più moderne, le attrazioni da luna park sono l'elemento immancabile di ogni sagra o festa paesana.
Nomadi come coloro che le montano e smontano in giro per il mondo, le giostre viaggiano dentro camion e container che spesso diventano basi per le medesime.
Attirano bambini, attirano ragazzi, sanno essere punto di incontro ma anche zone pericolose.
Questo è un viaggio tra i giochi più belli presenti nei luna park itineranti!

PER BAMBINI PICCOLI


MERRY-GO-ROUND, la giostra che gira. Scegli dove sedere (dai classici cavalli fino ad autovetture o forme che richiamano taroccamente noti personaggi di film e cartoons) e tra luci, suoni e piccoli movimenti, compi qualche giro a 360° gradi.

foto web


IL BRUCO, l'ottovolante per i bambini. Ovviamente evita i capovolgimenti, ma regala divertimento grazie a diverse altezze, una grande salita e una ripida discesa, e anche il tunnel buio (una grande mela) in cui i carrelli entrano veloci. Ogni tanto si legge in giro che qualche bambino resta decapitato per incidenti vari, proprio su questa attrazione.

PER RAGAZZINI E OLTRE

CALCINCULO, i sedili che girano. Vi sono due versioni di questa attrazione (una per bambini piccoli e una per gente più grande, anche adulta), come vi sono due modi di godersi il divertimento. Sì, perché il calcinculo può essere vissuto come semplice giro vorticoso, ma anche e soprattutto -e da qui il nome- come sfida tra i partecipanti: infatti, chi riesce a prendere il pennacchio che pende in alto (grazie alla spinta della giostra, alla spinta propria e a quella di un amico che ti guida) è possibile vincere giri gratuiti.

foto web

TIRO A SEGNO, un classicone vintage. Ve ne sono di diversi tipi, dalle palle da lanciare contro i barattoli fino alle pistole o fucili ad aria compressa. Un tempo vincevi direttamente quello che colpivi (solitamente confezioni di wafer scaduti, ammaccate dal colpo); oggi si spara alle lattine e poi si sceglie l'eventuale premio (un peluche per la vostra dolce metà, se siete romantici).
Io ho beccato uno stand che usa i personaggi di Romanzo Criminale.


LA PIOVRA, e non è una celebre serie tv.
È l'Octopus, a più braccia, con gli abitacoli (solitamente a forma di astronave da cartoon giapponese del dopoguerra) che si sollevano da terra e viaggiano in aria, girando oltre che alzandosi e abbassandosi.

foto web

RAGAZZI

SKATE DANCE, ma esiste anche con altri nomi.
Si tratta di una serie orizzontale di posti a sedere che, poco a poco, prendono velocità oscillando.

foto web

AUTOSCONTRO, immancabile nelle estati di ogni ragazzo.
Lividi alle gambe garantiti; colpi della strega in agguato se si veniva infrociati da qualche bastardo che giungeva a tradimento da dietro; una marea di risate e, solitamente, tanta musica dance/cafona.
Non di rado tale attrazione era l'anticamera di risse, perché era usata come innesco di piccoli regolamenti di conti tra giovanissimi (magari per questioni di cuore).

foto web

TAMARRATE

PUNCH-BALL, nota anche come Pungiball, The King o Superman. Non sapete che cos'è?
La frase "c'è tra di voi qualche superman?" dovrebbe farvi venire in mente l'attrazione più ignorante tra tutte. Una sorta di punching-ball a scatto che bisogna colpire con quanta più forza. La macchina poi calcola la potenza dei giocatori, data in realtà dall'impulso nel contatto con la palla.

foto web

TAGADÀ, altra zingarata coi fiocchi.
I più esperti vogliono stare in piedi e ballare su questa giostra circolare, che in sostanza sfrutta la forza centrifuga: tanti divanetti posti attorno, la piattaforma si inclina e sobbalza a ritmo di musica (ovviamente tamarra).

foto web

Solitamente sono i giostrai o i figli degli stessi che danno spettacolo alzanodosi e ballando al centro della pista.
Vi lascio una canzone che celebra il tagadà, con leggiadre liriche in dialetto terrone:


PER TUTTI

RUOTA PANORAMICA, da godersi in tranquillità. Con famiglia, con un amico ma soprattutto per qualche minuto romantico.
Il tuo carrello arriva in cima e ti mostra quanto è brutta la tua città, anche dall'alto. Se sei fortunato, comunque, a fine serata risolvi ugualmente.

foto web

PERCORRIBILI

LA CASA DEI FANTASMI, che stava tutta in un conteiner. Molto faceva la scenografia, vista da fuori, simile a quelle di Cinecittà. Ci si siede in due su un carrello, e parte il giro su doppio piano.
Funziona tutto a pistoni, le porte si spalancano e all'interno c'è quel tipico odore dolciastro.
Non fa paura per davvero. Prima dell'uscita, solitamente si passa sotto una piccola sgocciolata d'acqua. L'ho replicata in casa decine di volte.

foto web

AMERICAN SHOW, la mia attrazione preferita.
Il concetto è analogo alla Casa degli Orrori, ma si percorre a piedi e al posto degli elementi horror ci sono giochi divertenti: scale che si muovono, piattaforme rotanti, labirinto di specchi, scivoli, cuniculi bui illuminati solo da laser rossi e così via.
Anche questa giostra, come la precedente, era replicatissima a casa mia con quel che si aveva a disposizione.

103 commenti:

  1. Quando ero alla medie al luna park che viene ancora oggi dalle mie parti sotto le feste di Natale c'era il terrificante Enterprise, a quei tempi quando ci salivi sopra sbiancavi di paura ancora prima di partire! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo proprio non lo conosco!! E ho capito il motivo: è abbastanza recente!
      Ho visto un video, googlando il nome... mamma mia XD

      Moz-

      Elimina
    2. Abbastanza recente non ti saprei dire, io ti parlo dell'inverno 1988/1989 più o meno, a quei tempi era una giostra rivoluzionaria, una novità assoluta poi non so...

      Elimina
    3. Ah, allora mi son sbagliato di grosso! Cercando in rete mi era uscito Enterprise novità 2014! XD

      Moz-

      Elimina
  2. UAO!!
    tutte mitiche!!
    i calciinculo la mia preferita..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un bel giro sulle catene del calcinculo me lo faccio sempre volentieri, in effetti... qualche volta ho anche preso il pennacchio XD

      Moz-

      Elimina
  3. Io ormai non ci vado più sulle giostre perchè il mio "mal di spostamento generico -aria, acqua, terra-)" mi fa stare malissimo.. in qualunque caso non le ho mai amate più di tanto! Da piccola e da ragazzina su qualcuna ci andavo!
    L'unica che mi attrae ancora e la casa dei fantasmi perchè il carrello è lento e mi piace osservare l'ambientazione e gli effetti all'interno! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ultima volta che ci entrai era tipo il 2014... ora ho una voglia matta di andare lì e all'American Show...!
      Ovviamente gli effetti sono terribili XD

      Moz-

      Elimina
  4. A me piacevano abbastanza gli autoscontri ma qualche volta ho fatto un giro anche nella casa degli orrori: i serpenti di plastica che penzolavano dal soffitto nelle zone più buie erano meravigliosi... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Autoscontro top specie se vuoi stuzzicare qualcuno XD
      Ahaha, gli effettacci della casa dei fantasmi hanno fatto epoca... Io ricordo una donna nuda di spalle che si girava di scatto mostrando volto zombificato, marcio coi vermi... insomma, unire eros e thanatos in maniera semplicissima funziona sempre XD

      Moz-

      Elimina
  5. Ma sai che io non sono mai stato attratto dai luna park? Sarà che avevano le attrazioni che erano la versione scadente di quelle dei parchi divertimento (per i quali avevo una vera passione fino a pochi anni fa), sarà che si pagava per ognuna invece che solo l'ingresso (quindi eri limitato), sarà che era pieno di coatti/tamarri... non lo so.
    Più di una decina di anni fa ho provato la centrifuga (che qui manca) al Luneur, era tipo Tagadà ma stai in piedi dentro un cilindro nero, poco a poco si toglie il pavimento e resti appiccicato alla parete. Fatta solo una volta ma almeno mi sono divertito.
    2 anni fa invece ad Alghero ho fatto quella specie di autobus che gira in circolo, tipo ruota ma veloce, c'era anche a Mirabilandia (e poi le immancabili autoscontro, che qui chiamiamo macchine a scontro), simpatico anche quello ma preferisco cose più vertiginose come i vari rollercoaster.
    I calcinculo mi piacevano da piccolo, soprattutto perché ci era consentito dire la parola culo senza prendere uno schiaffo.
    La case di paura non mi piacciono perché qui c'erano i mostri che erano persone, non erano robotici... immagino gli schiaffi che si prendevano, a me se uno mi spunta all'improvviso mi viene automatico, più del saltare per lo spavento.
    Riguardo la musica, il termine "musica da giostre" non è nata per caso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il cilindro a centrifuga che citi è una giostra molto molto vintage... la si vede anche ne I quattrocento colpi! XD
      Io ovviamente ho frequentato più questi Luna Park (all'inizio, alla festa patronale, venivano addirittura sotto casa!) che i parchi di divertimento (Gargaland si iniziò a scoprire nella prima metà degli '80).
      La casa della paura attuale prevede, a quanto ho potuto capire, solo un intervento umano... finale, ma siccome sei sul seggiolino, bloccato, non puoi menargli XD

      Moz-

      Elimina
    2. E io che pensavo fosse una cosa piuttosto recente, l'avevo presa per una novità a metà anni 2000.
      C'è quella su carrello ma quella che dicevo io era a piedi... altra cosa che non mi piaceva, pago per entrare e tu mi fai anche camminare!

      Elimina
    3. Ahaha, io invece amo quelle dove si cammina... una volta a Edenlandia andai nella casa stregata/pirata ed era un po' a carrello un po' a piedi... bellissimo **

      Moz-

      Elimina
  6. Le mie preferite erano gli autoscontri e le case dei fantasmi.
    Serena giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono anche tra le mie preferite! :)
      Io l'autoscontro lo amo così tanto che non guido mai proprio perché farei incidenti a catena, ispirato da questa giostra *___*

      Moz-

      Elimina
  7. Risposte
    1. Ha un fascino vintagissimo, specie quello solo cavalli^^

      Moz-

      Elimina
  8. Per me il lunapark è papà che mi prendeva un peluche al lancio della palla sui barattoli.
    Quanto alle giostre, invece, la mia preferita è il Ranger.
    La conosci? Quella specie di pullman che fluttua in aria ondeggiando a mo di pendolo e finisce per compiere un giro a 360 gradi su se stessa.
    Beautiful!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simile a Skate Dance o al Vascello dei pirati, dunque... Penso sia quello, no? :)

      Moz-

      Elimina
    2. Nooo. Non c'entra nulla.
      Non posso metterti immagini. Vediamo se funziona questo link..
      https://goo.gl/images/VSw4Dq

      Elimina
    3. Una variante dello Skate, un po' più... brrrrrrividoso! Bellissimo :)

      Moz-

      Elimina
    4. Perdonami mio caro, ma io lo Skate me lo mettevo sotto all'ascella.
      Ti ricordo che vado matta per i film horror, e al lunapark frequentavo solo giostre veri hard.
      Non si direbbe a guardarmi, vero?
      Ahahah 😎😎😈😈

      Elimina
    5. Non è colpa mia se si chiama Skate XD
      Oggi, ho visto, lo han rinominato Sexy Dance... ahaha!

      Moz-

      Elimina
    6. Ah bene, io invece sono quello con i piedi per terra XD.

      Elimina
    7. Anche io amo assolutamente le attrazioni a terra, quelle dove sei tu a camminare... **

      Moz-

      Elimina
    8. Il Ranger è quella giostra che sale fino ad andare sottosopra.
      Da adolescente era una delle mie preferite.
      Anche se oggettivamente al momento della partenza, pativo sempre l'angoscia perché avevo paura che le bretelle non funzionassero a dovere.
      La paura era tutta lì per me. :-P

      Elimina
    9. Ma infatti il vero BRIVIDO è azzardare sulla sicurezza: lo zingaro avrà stretto bene i bulloni? XD

      Moz-

      Elimina
    10. Tu scherzi, ma in quel frangente avevo una paura foxxuta. :-P
      Un'altra che mi faceva patire era il Galeone.
      Io ero molto magro, quindi la barra che ti teneva dalla vita, sembrava lasciare troppo spazio.
      Per me non è mai stata paura della velocità o dell'altezza, ma della sicurezza.

      Elimina
    11. Ma non stavo scherzando infatti... Il brivido vero è sulla sicurezza, dal semplice Bruco (davvero ha segato in due qualche bambino!)fino alle attrazioni più pericolose! 😅😅😅

      Moz-

      Elimina
  9. Non sono mai stato un grande frequentatore dei "parchi della luna" :) , li trovo troppo caotici, e la maggior parte delle attrazioni non mi interessa minimamente, specie quelle dove si viene sballottati nelle tre dimensioni... e si paga pure!
    Dalle mie parti era celebre una giostra che qui non vedo elencata: la Nave Pirata, che iniziava a oscillare come un'altalena, per poi arrivare a fermarsi in verticale e infine a compiere alcuni giri completi...

    La ruota panoramica la considero più un'attrazione turistica che una giostra. Oltre a essere un elemento piuttosto ricorrente in certi bei film, da "Il terzo uomo" a "Prima dell'alba"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ma la ruota panoramica wonder wheel è tipica dei carnival, ossia i luna park itineranti. Poi ci sono quelle grandi, a cabinato anche, che sono attrazioni turistiche^^
      La nave pirata l'ho citata parlando dello Skate Dancer, più o meno il senso della giostra è quello: oscillare fino a compiere giri competi :)

      Moz-

      Elimina
    2. La descrizione mi ha fatto pensare a non so bene cosa! :D

      Elimina
    3. Ahaha ora son curioso^^

      Moz-

      Elimina
  10. Lo sai già chi sono12 lug 2018, 12:35:00

    Moz che nostalgiaaaa (ah bello anche il post del liquidator, anche se non sapevo cosa scriverti, mi è assalita una dose di divertimento)!!!!Adoravo le giostre da piccola, purtroppo ora per motivi di salute (capogiri e pressione bassa) preferisco evitarle :(
    a ogni modo, da piccola c'era quella giostra che gira in tondo che aveva tre elicotterini con i colori di Qui, Quo e Qua, e io volevo sempre andare in quella blu (dal colore di quo). Adoravo anche il brucomerda (lol scusa la battuta infantilissima xDDDD) e il calcinculo.
    Il tiro a segno è anche roba da sagra, infatti una volta un ragazzino fratello di un amico di mio fratello (ehi, se vuoi ci scrivo una soap opera sopra) voleva vincere dei fogli A4 per disegnare (ehehe anch'io avrei voluto lo stesso premio!)
    Gli autoscontri per bambini sono belli, quelli da grandi non li proverei visto che ci sono il peggio di entrambi i sessi (trote femmina e marpioni fastidiosi).
    Ruota Panoramica c'ero stata a Trieste e a Mirabilandia, nell'ultimo caso era al chiuso e quindi stavo morendo di claustrofobia. Grazie ai miei, abbiamo saggiamente evitato di andare sul London Eye, vista la coda di turisti.
    Casa dei fantasmi l'ho percorsa a piedi a Mirabilandia (dove c'erano anche delle bellissime rapide su tronchi in acqua e delle montagne russe, avevo 12 anni ed erano attrazioni il cui massimo della paura era una caduta rapida da un'altezza di X metri a molto più in basso) un po' mi ero cagata sotto, ma ora ci riderei probabilmente. Un tipo in classe con me ha detto che uno dei tizi là dentro si era lamentato dicendo: "ehi, mi hai rovinato lo scherzo!"
    Il resto mi tocca evitarlo per non stare male per giorni :(
    SOB

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, cioè, desiderare di vincere fogli a4 in un tiro a segno è... quantomeno assurdo XD
      Te li compri a prezzo inferiore rispetto al gioco, dove non si sa manco se vinci! XD
      Io sull'autoscontro ci vado proprio per stuzzicare troie e marpioni... e quanto mi diverto :D
      Per il resto, Mirabilandia è un parco fisso, non ha queste giostre qui itineranti... lì puoi permetterti costruzioni articolate e attrazioni molto più belle :)

      Moz-

      Elimina
    2. Lo sai già chi sono12 lug 2018, 14:20:00

      Eh lo so, però in quel momento la vena creativa mia e di quel ragazzino era alta ^_^ xD
      Muhahahaha non ti smentisci mai, vai e sistemali a quelle trote salmonate e a quei palloni gonfiati...di muscoli.
      Vero, vorrei tanto tornarci, è a 30 minuti da Forlì. Peccato non poter sfruttare a pieno le attrazioni per grandi, solo le montagne russe tranquille potrei fare (quelle senza giro della morte).
      Mi piacerebbe tanto andare in un acquapark e sui gonfiabili fighissimi dove scivoli su quei canotti (e anche sui gonfiabili per bambini xDDDDDD l'ho detto alle mie amiche di teatro quando eravamo al Parco Urbano di Forlì xDDDDD peccato che non ci si potesse accedere liberamente).

      Sei mai stato a Disneyland Paris a provare il cinema 4d? Nella mia città natale poi c'era il simulatore spaziale, una cabina piccola dove entravi, si muoveva e venivi sballottato/a nello spazio!
      Io da piccola ero stata anche a Gulliverlandia, a Lignano Sabbiadoro.
      E per finire, cerca la sigla di Leolandia, è malefica, non ti uscirà mai dalla testa XP
      Infine (giuro), dei fumetti di Prezzemolo e del suo gelato, che mi dici? Magari eri grande quando erano usciti, ma io ne ho uno nella casa al mare, se vuoi consultarlo.


      Elimina
    3. Dei parchi a tema parleremo in futuro, quelli fissi, intendo.
      Prezzemolo? Sì come gelato, no come fumetto (era una versione sfigata dei magazine tipo Topolino XD, ne ho avuto qualcuno tra le mani... forse uscito proprio in qualche miserabile busta sorpresa!)

      Moz-

      Elimina
    4. Lo sai già chi sono12 lug 2018, 15:46:00

      Okkk!!!
      Ma è ancora in commercio il gelato Prezzemolo? è dal 2009 che non lo vedo (a parte che ora non potrei nemmeno mangiarlo T_T maledetto lattosio, e non credo che ai bambini possa piacere quello alla soia xD).
      Ahahahahah mi hai fatto ridere con quella cosa della versione sfigata, so che un fumetto l'aveva disegnato Tiberio Colantuoni (RIP), ma io non ci avevo mai fatto troppo caso. Avevo visto il cartone su youtube, quello della pizza con le fragole, ma era un po' una roba da poveri xD

      Elimina
    5. Sì, insomma, erano albi come quello di Topo Gigio: ottima palestra per disegnatori nostrani, ma davvero di una poraccitudine coi fiocchi XD
      Il gelato... si chiama semplicemente Stecco, mi pare :)

      Moz-

      Elimina
    6. Lo sai già chi sono12 lug 2018, 16:32:00

      Oddio, ho anche un numero di quello di Topo Gigio, dove un ragazzino di 11 (UNDICI!!!!!!) anni scriveva "Ciao Topo Gigio, io non ho amici, ho solo te come amico". Spero si trattasse di una presa in giro, sennò è una cosa parecchio triste!
      Perchééééééé? Perchéééé hanno reso anonimo Prezzemolo? T_T

      Elimina
    7. No, probabilmente prima di Prezzemolo il gelato stesso era Stecco, poi lo associarono al personaggio. Non so se sia così, ma in ogni caso si tratta di brand: oggi non ha senso che ci sia Prezzemolo lì, pagherebbero i diritti su una mascotte che non e in voga...

      Moz-

      Elimina
    8. Che non è in voga*
      Insomma, nessun bambino sa chi sia Prezzemolo e non costituisce il valore aggiunto che spinge all'acquisto.
      Triste la letterina... 😅

      Moz-

      Elimina
    9. Lo sai già chi sono12 lug 2018, 21:22:00

      Sì quella letterina era deprimente :( (sorry Moz sono supersensibile xDDD)
      Per quanto riguarda Prezzemolo, ho fatto qualche ricerchina e mi sa che esiste ancora, ma è molto più raro, io non l'ho beccato da nessuna parte e in nessun bar.
      Non sapevo la storia di Stecco, però interessante sapere come quel brand Sammontana si sia evoluto e poi (forse) involuto.

      P.S. altro off topic: quando penso al Molise penso a Muesli, l'amico pipistrello di Prezzemolo.
      P.S II: mai stata a Gardaland xD però da quelle parti sì (Sirmione spacca!!!)

      Elimina
    10. Non so, magari lo vendono nei supermercati, ma non saprei... Più che involuzione, si tratta di brand che cambiano: inutile per Sammontana pagare un plus per avere un personaggio che nessuno si caga più da tempo XD
      Io a Gardaland ci andai, e all'epoca manco c'era l'ombra di Prezzemolo^^

      Moz-

      Elimina
    11. Lo sai già chi sono13 lug 2018, 16:00:00

      In effetti!
      In che anno ci eri andato?

      Elimina
  11. Vegana nordcoreana12 lug 2018, 12:36:00

    Il calcinculo...sa di pollo.

    RispondiElimina
  12. Quand'ero piccolo di solito andavo sugli autoscontri (quelli per bambini, quando c'erano) e sui calcinculo (in cui vincevo fin troppe volte... ma gli altri partecipanti erano scarsi, non ero io bravo ahaha).
    Da più grandicello, quindi sui 15/16 anni, andavo sulla Skate Dance! Tra l'altro c'è anche a Gardaland, è lì che ho fatto il mio primo giro XD
    Oggi non vado più in nessuna giostra dei Lunapark itineranti, preferisco farmi una giornata a Gardaland XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma no, perché? Eri tu a essere bravo!!
      Io tengo sempre separate le due cose... se incontro un luna park qualcosa faccio, non che me li cerchi, ma girando per sagre e feste li vedi^^

      Moz-

      Elimina
  13. Bellissimo post Moz! Veniamo alle mie 'esperienze'.

    Nel mio paese, fino a qualche anno fa, c'era solo l'autoscontro, tra fine maggio e inizio giugno. Momento vissuto con terrore perché c'era la leggenda metropolitana che, con l'arrivo dei giostrai, aumentavano a dismisura i furti nelle case :D. Le macchinine dell'autoscontro non mi hanno MAI interessato, ma frequentavo il posto per fare due chiacchiere con gli amici.

    Parchi di divertimenti: da piccolo feci con l'asilo un paio di gite a Fiabilandia, il bruco mi divertì molto, così come il tunnel degli orrori o qualcosa del genere.

    Mirabilandia: ci andai con una gita ai tempi delle medie. Mi sono divertito su quella specie di trenino che passa nello scivolo d'acqua, ma per il resto...ahahah...ho evitato le montagne russe, ma altre attrazioni con un minimo di sensazione di vuoto mi facevano stare male, ahahha.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sui parchi a tema farò un post apposito! Io sono andato anche a Edenlandia, per dire... vi racconterò :)

      Vera la leggenda dei giostrai ladri, che forse tanto leggenda no è: in fondo sono un ceppo zingaro e si sa cosa combinano gli zingari (oh, mi sento legittimato a dirlo, con Salvini al governo: appena lo fanno fuori, cancello questo commento XD)

      Moz-

      Elimina
  14. A me piacevano l'autoscontro e quella cosa dove dovevi pescare le paperelle di plastica per vincere dei premi... io vinsi un pupazzo di un calciatore della Nazionale... vatti a ricordare chi fosse... Forse Franco Baresi
    Che tristezza vedere che oggi al posto di quel luna park c'è un condominio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Baresi *__* Quando il calcio era calcio, e non c'erano i calciatori bimbiminkia!
      Io ci ho guadagnato: sotto casa mettevano il luna park; era uno spiazzo enorme. Oggi c'è un parco :)

      Moz-

      Elimina
    2. Esatto! Il calcio vero, senza stipendi stellari come un certo Cr7

      Elimina
    3. Eh, a quello mi riferivo XD

      Moz-

      Elimina
  15. Che bellissimi divertimenti, questo post mi rimanda indietro nel tempo e mi commuove anche un po’.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere ti sia piaciuto :)

      Moz-

      Elimina
  16. Io andavo sull'autoscontro e da bambina sul bruco mela. 😊 Adoravo anche salire su uno scivolo altissimo e scendere a tutta velocità!😊 Invece non sono mai salita su una ruota panoramica, purtroppo non c'è nella mia città!:(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non arriva in occasione di qualche sagra o festa patronale?
      Solitamente le giostre le portano tutte in lotto XD
      Però, comunque, non ti perdi niente XD

      Moz-

      Elimina
  17. Da piccolo adoravo le case del terrore ed il bruco.
    Bisogna aggiungere che qui da me, ogni giostra ha la propria " fauna " di utenti.
    Per dire: il takadà appartiene un po' alla malavita, così come il Punch - Ball, il gioco dei dadi e delle tre carte ecc.ecc.
    C'è persino la giostra dei tamarri e dei fighetti ovvero il Music Express. :-P
    Bello questo post, mi riporta indietro nel tempo a quando attendevo settembre con ansia proprio perché arrivavano le giostre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, quelle che citi sono giostre da bulletti, rissaioli, gente poco raccomandabile e zingari/giostrai stessi... :)
      Ma infatti il luna park in sé è sempre stato pericoloso ricettacolo di gentaglia... però è bello per questo! :D

      Moz-

      Elimina
  18. Wow, che meraviglioso tuffo nel passato! Le ho sperimentate tutte salvo un paio che ai miei tempi non erano ancora in circolazione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, queste si concentrano sul periodo '80-'90, principalmente... 💪💪💪

      Moz-

      Elimina
  19. Appassionata come sono di parchi divertimenti non potevo perdermi questo post sulle attrazioni da luna Park. Devo dire che nel cuore ho la piovra...e sono letteralmente terrorizzata dalla ruota panoramica e dalla casa dei fantasmi che a me sì che fa paura per davvero ������

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh, io la amo, ma ammetto che un quel... qualcosa di strano lo provo sempre XD

      Moz-

      Elimina
  20. E le montagne russe? Le hai mica dimenticate?
    Comunque io ho sempre preferito le giostre che giravano vorticosamente. Più giravano meglio era, perché ero l'unico che ne usciva senza sporcarsi di vomito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, quelle sono più dei luna park semi fissi (quelli stagionali) o meglio, dei parchi di divertimento... :)
      Vomito e giostre mi riportano a Stand by me :)

      Moz-

      Elimina
  21. Anche a me piacciono le giostre che girano forte!
    Mamma mia che tuffo nel passato!
    Alle sagra però quando ci andavo con i miei non potevo salirci su quelle che giravano forte.
    Il massimo del brivido erano le catenelle o gli autoscontri.
    Da adolescente non frequentavo tanto i luna Park i paesani , compensavo con i grandi parchi divertimento tipo Gardaland.
    Montagne russe e Blu tornado in primis.
    Tornando alle sagre mi ricordo che c’era una giostra che andava veloce che non ho più rivisto nei luna Park recenti.
    La chiamavamo la ballerina, aveva la sagoma di una donna con nella gonna ad onde trovavano poste le carrozze dove si poteva salire.
    Girava vorticosamente su stessa!!!
    Strepitosa!
    Ho i complessi perché non sono mai salito nemmeno sul tagada’ ...però son sempre in tempo per recuperare ...;)
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, La Ballerina era una delle mie giostre preferite, ma che scomparve intorno ai secondi anni '90.

      Elimina
    2. La Ballerina, altra megacafonata da zinghi! **
      Sì, era una variazione sul tema del tagadà, in effetti oggi non si trova più e io come Pirk la vedevo appena dopo la metà anni '90.
      Miticaaaa :D

      Moz-

      Elimina
    3. Traduci: che vuol dire megacafonata da zinghi?
      Mi sfugge l’ultimo termine soprattutto:).
      Permettimi di contraddirti sulla ballerina come variazione del tagada’.
      Coesistevano assieme già ai miei tempi e poi una gira vorticosamente l’altra è una gara a stare in equilibrio;)

      Elimina
    4. Ahah sta per zingari, quindi giostrai 😂
      Si, so che coesistevano (se ne parla anche qialchq commento qui sotto), intendevo dire che il senso era quello... Vorticare, erano più o meno simili come cocettco 💪

      Moz-

      Elimina
    5. Zingari , giostrai, rom ...è tutto un calderone.
      Certo che


      Il Luna Park è sempre stato associato agli zingari.
      Io da piccolo non ci ho mai fatto caso.
      Crescendo invece cominci ad acculturarti e il luna Park perde quel non so che di magico è un po’ inquietante che ti affascinava da ragazzino.’
      Oggi pensare alla zingara classica che ti legge le carte fa un po’ ridere!
      Potresti farci un post sugli zingari... e la loro magia che è andata scemando con gli anni 😀
      Ciao

      Elimina
    6. Sarebbe un post salviniano XD
      Non so, io ho sempre saputo che era roba di giostrai/zingari, ci si andava anche appositamente a vedere lo zingo giovane che riusciva a stare in piedi sul tagadà XD

      Ricordo un'estate dove, in occasione della festa patronale, vennero sotto casa mia le giostre (ora la location è diversa) e un ragazzino di nome Filippo, figlio di giostrai, si unì per pochi giorni al nostro gruppo, giocando con noi :D

      Moz-

      Elimina
    7. Si sì ma gli zingari delle giostre son distanti anni luce dall’idea che comunemente abbiamo di rom.
      Parlandoci chiaro , non sono quelli di cui temiamo vengano a rubarci in casa o lasciarci strani segni sugli alberi o sui muri delle case.
      Almeno spero.
      Poi non so dalle tue parti ma dalle mie le giostraie e i giostrai giovani sembrano tutto tranne che il classico stereotipo di zingari.
      Le ragazze sembrano delle fotomodelle ( a modo loro) e lo stesso vale per i ragazzi tutti fighetti e palestrati.

      Elimina
    8. Ahaha qua è un mix: si teme che siano loro che vengano a rubare nelle case, sai?
      Anche perché campi rom veri e propri non ne abbiamo... :)

      Moz-

      Elimina
  22. Non sono mai stata una grande patita di giostre, sarà che nella mia città l'arrivo della fiera ha sempre coinciso con l'arrivo delle zanzare - che qui sono grosse come elicotteri - e per me che sono allergica non è mai stato il massimo :P
    Da piccola però mi piaceva il BrucoMela :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Argh, brutto che associ fiera/festa a qualcosa di così... appiccicoso XD
      Bruco Mela, top per i bambini^^

      Moz-

      Elimina
  23. So' che forse c'entrano poco, perché il post riguarda soprattutto le giostre vecchio stile, ma per un frequentatore saltuario di parchi divertimenti, la folgorazione di Cagliostro a Cinecittà World, rimane unica. Cagliostro è un roller coaster come tanti in realtà, ma con una particolarità che lo rende pazzescamente unico. Sono montagne russe completamente al buio. Il che lo rendono un'esperienza unica ed irripetibile, dove le emozioni ti inchiodano perché non capisci più letteralmente un caxxo: curve, discese, giravolte, accelerazioni, tutto senza vedere ma sentendo addosso velocità e brividi. Inimitabile. Altro che Tagadà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se potrebbe piacermi... perché preferisco usare tutti i sensi, anche la vista è bella sulle montagne russe, visto che si sale in alto... :)

      Moz-

      Elimina
    2. Ma dimmi tu... sulla Pontina ci passo spesso e guardandolo dall'esterno non avrei dato un soldo bucato a quel roller coaster!
      Ma forse non ti riferisci a quello che si vede da fuori, dato che quello è all'aperto...

      Elimina
    3. Ahaha beh sì, guardare in altezza tetti è inusuale, no?^^

      Moz-

      Elimina
  24. Andare sull'autoscontro a me piace ancora adesso da pazzi! Ma le montagne russe e tutti quei giochi da luna park un po' più tosti perché non li hai inseriti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché quelli sono più da parco divrtimenti, di quelli fissi e grandi (Mirabilandia ecc) o stagionali fissi (insomma, che non si montano e smontano ogni 5 giorni XD)

      Moz-

      Elimina
  25. Ciao Moz,
    più o meno queste attrazioni le conosco ... indubbiamente le catene (o calcinculo) sono quelle che girano di più perchè capitano anche nei paesi più isolati ... prima del 2007 credo di averle provate tutte ... insieme al Tagadà in quegli anni girava anche la ballerina, non dissimile, ma solo più particolare ... poi c'era e c'è la nave e un'altra di cui non ricordo il nome; l'unica alla quale personalmente non mi sono mai messa (anche perchè non era appartenente ad una zingarata ma a Mirabilandia) sono e torri gemelle ...
    Buona Giornata ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh poi sulle attrazioni dei parchi tematici ci torneremo! :)
      La ballerina è stata ricordata anche qualche commento fa: mitica. Come dici tu, era in sostanza una variazione del Tagadà, che però non è sopravvissuta allo stesso...XD

      Moz-

      Elimina
  26. autoscontri e ruota panoramica di Vienna, per la quale ho scritto anche un racconto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhh ma la ruota panoramica delle città è fissa, quelle sono proprio tutt'altra storia, come il London Eye ^^

      Moz-

      Elimina
  27. Io ai miei tempi dopo un gelato sono riuscito a vomitare col Bruco :D Comunque le mie preferite erano L'autoscontro e il Tagadà, vere e proprie tamarrate per divertirsi in compagnia! E quanti ematomi ci si ritrovava addosso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHAHA, davvero hai vomitato col Bruco?? XD
      Sì, comunque le giostre sono tamarre ma di gran compagnia... e viva i lividi :D

      Moz-

      Elimina
    2. Molti andavano sul Tagadà per lanciarsi addosso alle tipe con la scusa di fare i cavalieri per evitargli il volo.
      Per quel che mi riguarda era una giostra inavvicinabile per il marciume che c'era intorno.

      Elimina
    3. Ma infatti le giostre son proprio questo: corteggiare le tipe in modo cafonesco... :)
      Certo, ovviamente c'era marciume... ma era un po' come nelle sale giochi... :)

      Moz-

      Elimina
  28. Ehi, mi pare che tu non abbia citato il "toro meccanico" ... o l'hai omesso apposta - paura eh?! Insomma, chi non ha mai sognato di avere 10 secondi di gloria? Beh, io, al massimo, ma proprio a tirare tirare, 2 :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho omesso per un motivo: tratterò quel tipo di attrazioni "minori" in un post apposito :D

      Moz-

      Elimina
  29. Ogni anno capitava tre volte all'anno che ci fossero le giostre, anche adesso ci sono ancora, e io immancabili era l'autoscontro e tiro a segno, in cui vincevo non solo wafer ma bottigliette di liquore che vincevo spesso (in anni e anni forse una cinquantina in tutto), liquore che comunque non bevevo...
    Degli altri in fase di crescita sono passato almeno una volta da tutti, tranne per il tagadà, Piovra e Skate dance ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sìììì le bottigliette di liquore... mamma mia, oggi ovviamente bandite! :)
      Vorrei proprio sapere da chi si rifornivano gli zinghi-kun :)

      Moz-

      Elimina
  30. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  31. Ma solo a Venezia veniva la giostra percorribile chiamata "New York"? Era un baraccone esplorabile a piedi, decorato con luci al neon e qualsiasi possibile stereotipo americano (Marilyn Monroe, il cowboy delle Marlboro...); il "giocatore" era di fronte a porte rotonde in continua rotazione, botole, tubi oscillanti e fastidiosissimi getti d'aria compressa... quasi quasi prendo ispirazione da questo post e ne scrivo uno dedicato ad uno dei miei più grandi incubi infantili: la giostra "New York" :D
    P.S.: il "tuo" American Show aveva l'aria compressa al suo interno?? Mamma mia che angoscia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, era proprio quello...! Certo che aveva sbuffi di aria compressa... ahaha! Solo che da me si chiamava American Show **
      Aspetto post apposito, ti prego trova foto degli interni!!

      Moz-

      Elimina

grazie per il tuo intervento!